Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Ci sarà un riconoscimento economico per il nostro "sacrificio"?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
A0quarantasette



Messaggi : 2948
Data d'iscrizione : 29.08.12

MessaggioOggetto: Ci sarà un riconoscimento economico per il nostro "sacrificio"?   Mer Feb 18, 2015 11:03 am

Promemoria primo messaggio :

Ho letto che la riforma prevede l'estensione a dieci anni del vincolo di permanenza nel sostegno. Mi chiedo a questo punto se è possibile cambiare le regole così dopo che tanti insegnanti hanno accettato una nomina tanto particolare su una tipologia di posto pochissimo ambita in previsione di un futuro passaggio sulla materia che adesso viene negato. Si dice anche che verrà introdotto il "merito".
Questo significa che agli insegnanti specializzati verrà riconosciuto uno stipendio più alto, come avviene in tutte le professioni, oppure resteremo cornuti e mazziati?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
malibustacy



Messaggi : 2414
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Ci sarà un riconoscimento economico per il nostro "sacrificio"?   Ven Feb 20, 2015 9:58 am

roberto.grieco ha scritto:
Mi metto nei panni dei genitori di bimbi disabili, essendo anche io papà, che leggono questo, non è una bella cosa, davvero.

mi hai tolto le parole dalla bocca. che belle cose che si leggono in questo post...........
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5353
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Ci sarà un riconoscimento economico per il nostro "sacrificio"?   Ven Feb 20, 2015 10:09 am

A0quarantasette ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
E' notorio che chi si dedica all'insegnamento lo fa con l'occhio rivolto allo stipendio!
?? Puoi chiarire

è anche noto che le università italiane sono piene di studenti che non vedono l'ora di conseguire la laurea in filosofia, giurisprudenza, scienze naturali, etc per poter accedere all'insegnamento di sostegno




E chi li obbliga? Se hanno necessità di lavorare e farebbero ogni cosa avrebbero dovuto laurearsi diversamente oppure andare a bottega dopo il diploma. Il sostegno è troppo cruciale per fare da ufficio di collocamento, chi si specializza dovrebbe saperlo e credo che il larga parte lo sappia.
Credo che tu stia generalizzando un tuo malessere. Vedo in giro tanti colleghi che dopo il conservatorio sono ora sul sostegno da 20 anni, si aggiornano e fanno bene, come ne vedo tanti, precari decennali, che non accettano incarichi sul sostegno perchè non si sentono in grado
Tornare in alto Andare in basso
Onofrio Del Grillo



Messaggi : 689
Data d'iscrizione : 25.04.14

MessaggioOggetto: Re: Ci sarà un riconoscimento economico per il nostro "sacrificio"?   Ven Feb 20, 2015 10:24 am

lucetta10 ha scritto:
E chi li obbliga? Se hanno necessità di lavorare e farebbero ogni cosa avrebbero dovuto laurearsi diversamente oppure andare a bottega dopo il diploma. Il sostegno è troppo cruciale per fare da ufficio di collocamento, chi si specializza dovrebbe saperlo e credo che il larga parte lo sappia.
Credo che tu stia generalizzando un tuo malessere. Vedo in giro tanti colleghi che dopo il conservatorio sono ora sul sostegno da 20 anni, si aggiornano e fanno bene, come ne vedo tanti, precari decennali, che non accettano incarichi sul sostegno perchè non si sentono in grado

Hai perfettamente ragione. Riguardo i precari che rifiutano non sentendosi in grado, però, la questione è più delicata: rifiutano perché sono in condizione di scegliere oppure rifiutano e restano disoccupati? Nel secondo caso hanno tutta la mia stima, sono persone oneste prima con se stesse e poi con i potenziali alunni disabili che riceverebbero da loro un insegnamento scadente. Si dimentica troppo spesso che l'importante è il bene dell'alunno.
Ce ne fossero di persone così, mentre invece chi si tura il naso lavora e chi vorrebbe farlo perché ne ha l'attitudine resta a casa... chissà, magari d'ora in poi ci penseranno un po' meglio prima di ripiegare.
Ma continuo a non capire la contraddizione di questa riforma: da una parte separare le carriere chiedendo alte specializzazioni e dall'altra formare a pioggia un po' tutti (si veda il caso dei corsi di riconversione, senza selezione, degli esuberi).
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17789
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Ci sarà un riconoscimento economico per il nostro "sacrificio"?   Ven Feb 20, 2015 7:02 pm

lucetta10 ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
E' notorio che chi si dedica all'insegnamento lo fa con l'occhio rivolto allo stipendio!
?? Puoi chiarire


Ero ovviamente ironica... direi sarcastica.
Mi si obiettava che ci sarebbero insegnanti pronti a scegliere il sostegno per un eventuale incentivo economico (e sappiamo quanto lauti siano gli incentivi nella scuola! Anche questo è ironico)
Ok Lucetta, grazie del chiarimento :-)
Tornare in alto Andare in basso
 
Ci sarà un riconoscimento economico per il nostro "sacrificio"?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Oggi è il nostro sesto anniversario di matrimonio
» [ORDINI CAVALLIERESCHI] Trattati di riconoscimento degl' Ordini Cavallereschi
» Dedicato a tutte voi ... non smettiamo mai di credere nel nostro sogno
» Trattato di Riconoscimento del Regno delle Due Sicilie
» Caratteristiche aspiratore buono?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: