Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 La retorica delle competenze

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 7:49 pm

Francamente sono stanca di tutte queste insulsaggini pedagogistiche, sublimi sciocchezze come direbbe Engels, ecco gli "ottimi" risultati finlandesi guardati con un minimo di raziocinio:
http://gisrael.blogspot.it/2011/05/il-bluff-della-matematica-finlandese.html
Il che è ampliamente confermato dagli ultimi dati dell'ocse pisa:
http://www.oecd.org/pisa/pisaproducts/pisainfocus/pisa-in-focus-n47-(eng)-final.pdf
Finlandia e Svezia in 10 anni hanno avuto un drastico calo dei risultati e devo dire che non mi sorprende per nulla. Al bando i pedagogisti!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 8:48 pm

Non prendertela, l'ignoranza altrui a volte può essere utile:

https://www.youtube.com/watch?v=mdUIUBZepH4

se ti piace solo la matematica vai direttamente a 2 minuti e 30 secondi
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 9:38 pm

https://www.youtube.com/watch?v=Tr1qee-bTZI
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:05 pm

Chocolate ha scritto:
https://www.youtube.com/watch?v=Tr1qee-bTZI

Grazie per il contributo, inquietante comunque, si vedeva che voleva buttarli scenicamente nel cestino quegli ammassi di carta igienica, e avrebbe fatto benissimo!


Ultima modifica di Dulcamara il Lun Mar 23, 2015 10:19 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:12 pm

La semantica non mi appassiona.

A me la didattica per competenze sembra la scoperta dell'acqua calda. Per dirla con la frase di non ricordo chi "non importa quello che sa, ma quel che sa fare con quel che sa". A me pare persino banale, ma sarà colpa della mia formazione scientifica.

Poi c'è chi fraintende e interpreta in questo modo: "le conoscenze non sono necessarie, se si è competenti". Come se si potesse essere competenti senza sapere nulla.

Che in Finlandia studino poca matematica lo sapevo da 15 anni, me l'ha detto un fisico finlandese, per cui la fonte è affidabile. Loro hanno buoni risultati con i test OCSE PISA perché sono più vicini al loro modo di fare scuola. I nostri vanno male non tanto perché non sono capaci, ma perché non sono autonomi. In questo la scuola italiana deve ancora migliorare tanto. Quest'anno in prima, spiegando gli errori nelle misurazioni, una alunna durante la lezione mi ha chiesto "ma perché ci fa tutte queste domande?". Ecco, se la didattica italiana fosse meno trasmissiva e più investigativa, non sarebbe male.
Tornare in alto Andare in basso
felipezz



Messaggi : 242
Data d'iscrizione : 27.01.15

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:16 pm

Per la didattica investigativa occorre la curiosità, praticamente scomparsa tra gli alunni
Tornare in alto Andare in basso
Tah-Dah!



Messaggi : 899
Data d'iscrizione : 02.01.12

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:19 pm

ma basta generalizzare per favore!
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:23 pm

mac67 ha scritto:
La semantica non mi appassiona.

A me la didattica per competenze sembra la scoperta dell'acqua calda. Per dirla con la frase di non ricordo chi "non importa quello che sa, ma quel che sa fare con quel che sa". A me pare persino banale, ma sarà colpa della mia formazione scientifica.

Poi c'è chi fraintende e interpreta in questo modo: "le conoscenze non sono necessarie, se si è competenti". Come se si potesse essere competenti senza sapere nulla.

Che in Finlandia studino poca matematica lo sapevo da 15 anni, me l'ha detto un fisico finlandese, per cui la fonte è affidabile. Loro hanno buoni risultati con i test OCSE PISA perché sono più vicini al loro modo di fare scuola. I nostri vanno male non tanto perché non sono capaci, ma perché non sono autonomi. In questo la scuola italiana deve ancora migliorare tanto. Quest'anno in prima, spiegando gli errori nelle misurazioni, una alunna durante la lezione mi ha chiesto "ma perché ci fa tutte queste domande?". Ecco, se la didattica italiana fosse meno trasmissiva e più investigativa, non sarebbe male.

Non voglio fare paragoni nazionali, bensì fra modelli didattici di riferimento, comunque come citavo stanno andando male pure nelle ocse pisa che sarebbero emanazione del loro modello...
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:24 pm

Tah-Dah! ha scritto:
ma basta generalizzare per favore!

Chi generalizzerebbe cosa?
Tornare in alto Andare in basso
Tah-Dah!



Messaggi : 899
Data d'iscrizione : 02.01.12

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:26 pm

no. non tu, il tuo post fa riflettere invece
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:28 pm

felipezz ha scritto:
Per la didattica investigativa occorre la curiosità, praticamente scomparsa tra gli alunni

e come la mettiamo allora con la classe capovolta dove, a quanto ho capito, la maggior parte del lavoro deve essere fatto a casa e poi discusso in classe?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 10:59 pm

Per un mondo capovolto dove si vuole che gli alunni diano i voti ai docenti, la didattica capovolta è .... la morte sua ..... in senso letterale.
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 11:05 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Per un mondo capovolto dove si vuole che gli alunni diano i voti ai docenti, la didattica capovolta è  .... la morte sua ..... in senso letterale.

vabbè oggi mi ha fatto piacere che un'alunno che ho avuto in seconda due anni fa mi ha salutato e baciato con affetto sincero :-)
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4608
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Lun Mar 23, 2015 11:31 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Per un mondo capovolto dove si vuole che gli alunni diano i voti ai docenti, la didattica capovolta è  .... la morte sua ..... in senso letterale.
Eh sì, come il cacio sui maccheroni!
;-)
Tornare in alto Andare in basso
Online
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 6:56 am

Della Scandinavia la prima cosa che mi viene in mente sono le donne...

... nel senso dei diritti che le donne hanno conquistato! Lavoro, servizi, aiuti alla maternità, parità di genere...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6163
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 7:24 am

Laura70 ha scritto:
felipezz ha scritto:
Per la didattica investigativa occorre la curiosità, praticamente scomparsa tra gli alunni

e come la mettiamo allora con la classe capovolta dove, a quanto ho capito, la maggior parte del lavoro deve essere fatto a casa e poi discusso in classe?

Infatti io penso che la classe capovolta sia una buffonata, e non l'ho mai nascosto : - )

O meglio, può funzionare solo su una platea di adulti che frequentano per scelta un corso molto mirato e specifico che a loro interessa molto; non certo in una scuola generalista in cui la maggioranza degli alunni ci va solo perché costretta, non attribuisce alcuna importanza vera ai contenuti da imparare, e ha come unico obiettivo quello di sfangarsela studiando il meno possibile.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 2:15 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Laura70 ha scritto:
felipezz ha scritto:
Per la didattica investigativa occorre la curiosità, praticamente scomparsa tra gli alunni

e come la mettiamo allora con la classe capovolta dove, a quanto ho capito, la maggior parte del lavoro deve essere fatto a casa e poi discusso in classe?

Infatti io penso che la classe capovolta sia una buffonata, e non l'ho mai nascosto  : - )

O meglio, può funzionare solo su una platea di adulti che frequentano per scelta un corso molto mirato e specifico che a loro interessa molto; non certo in una scuola generalista in cui la maggioranza degli alunni ci va solo perché costretta,

pensa alla scuola dell'obbligo!
per lo meno alle superiori si spera che la maggior parte abbia scelto con consapevolezza ed interesse l'indirizzo di studio
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 2:17 pm

Oggi una mia alunna ha orgogliosamente dichiarato che lei è coerente, non ha mai studiato in vita sua.
Se fosse stata mia figlia l'avrei capovolta con tutto il banco; non lo è e quindi mi sono limitato a pensare una cosa che in un forum non si può dire (ed io sono uno che non si fa molti scrupoli).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 2:18 pm

Prima superiore; consapevolezza ed interesse.
Tornare in alto Andare in basso
Laura70



Messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 2:19 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Prima superiore; consapevolezza ed interesse.

;-)
lo so che pretendo troppo!
Tornare in alto Andare in basso
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 4:04 pm

La cosa dell'insegnamento capovolto non mi spiace troppo invece, sono curiosa di vedere cosa produrrebbero se lasciati a sé stessi. Certo va impostata maledettamente bene! Con tutta probabilità il capovolgimento starà nel fatto che non studiano prima piuttosto che non studiare dopo ^_^


Ultima modifica di Dulcamara il Mar Mar 24, 2015 9:15 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 7:54 pm

Dulcamara ha scritto:
La cosa dell'insegnamento capovolto non mi spiace troppo invece, sono curiosa di vedere cosa produrrebbero se lasciati a sé stessi. Cero va impostata maledettamente bene! Con tutta probabilità il capovolgimento starà nel fatto che non studiano prima piuttosto che non studiare dopo ^_^
Si ma non è senza conseguenze.

Nel modo tradizionale i ragazzi iniziano da normali ignoranti, si sa che lo sono e si imposta una lezione consapevole dei loro limiti; imparano qualcosa e poi a casa dovrebbero consolidare con i compiti, non lo fanno e rimangono dei mezzi ignoranti.

Con la lezione capovolta i ragazzi iniziano da normali ignoranti, si sa che lo sono e si imposta una ricerca consapevole dei loro limiti; non la eseguono e rimangono ignoranti; poi a scuola dove dovrebbero consolidare con lavori di gruppo, non lo possono fare e rimangono degli ignoranti interi.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6163
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 8:25 pm

La lezione capovolta può andare bene per persone che hanno GIA' maturato un ritmo di apprendimento progressivo e graduale, da costruire giorno per giorno, indipendentemente dalla scadenza contingente obbligatoria. Siccome la maggior parte dei ragazzi, anche quelli che studiano di più, tende a studiare solo in funzione della verifica, e a rinviare il grosso del lavoro all'ultimissimo momento, spesso senza rendersi ben conto di QUANTA mole di lavoro da fare si sia accumulata nel frattempo (e poi convincendosi di essere stati sottoposti a richieste esagerate)... la dinamica peggiorerebbe ulteriormente se si trattasse di studiare dei materiali che non solo non sono oggetto di verifica immediata il giorno dopo, ma che addirittura "non sono ancora nemmeno stati spiegati".

A parte quella fisiologica percentuale di studenti che sceglierebbe consapevolmente di non aprirli nemmeno, ma la maggioranza si trincererebbe dietro l'argomento del "ci ho provato, ma non li ho capiti", e chiederebbe di rispiegarli da capo. Per cui, la presunta lezione successiva da dedicare al lavoro partecipativo e agli approfondimenti di gruppo su argomenti che gli studenti conoscono già, si ridurrebbe nuovamente a una pura e semplice spiegazione frontale di argomenti che gli studenti non conoscono, del tutto simile a quelle tradizionali... con l'unica differenza che si è rinviato il lavoro di una lezione o due, e si sono dilatati i tempi rispetto alle previsioni.

Se con OGNI argomento si fa così, si finisce col realizzare la metà della programmazione prevista (mentre quei pochi che hanno davvero provato a fare da soli con buoni risultati, si annoiano a morte).

Boh
L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Dulcamara



Messaggi : 1765
Data d'iscrizione : 20.03.12

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mar Mar 24, 2015 9:28 pm

Capisco e condivido molte delle perplessità, ma la modalità capovolta anche nel caso di esiti non buoni, avrebbe il pregio di indurre gli studenti a chiederti qualcosa che non siano le prime ingenuità che gli vengono in mente e non tu a pretendere da loro. Nel migliore dei mondi possibili potrebbe rendere loro più accettabili le tue pretese... Siamo all'ipotetica di grado pedagogico.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: La retorica delle competenze   Mer Mar 25, 2015 4:10 pm

Vi ho già raccontato degli esiti misti del mio tentativo di flipped classroom, nella variante peer instruction. Penso che sia una modalità da non scartare a priori, che la si possa usare nella scuola superiore, ma non in modo continuativo, nè per tutte le discipline insieme. Però pensare a svolgere un certo numero di lezioni all'anno in quel modo (10? 20?) penso sia utile.
Tornare in alto Andare in basso
 
La retorica delle competenze
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» La retorica delle competenze
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Genesi delle leggi e influenze culturali
» la repubblica delle banane
» ciao stesteeeee!!!!!passa delle belle vacanze!!!!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: