Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
jeppo17



Messaggi : 408
Data d'iscrizione : 23.10.14

MessaggioOggetto: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Mer Apr 01, 2015 12:55 pm

Promemoria primo messaggio :

Chiedo se avete letto il ddl, soprattutto dove si parla di deleghe al governo. Questo ddl è una delega in bianco peggio ancora del jobs act. Se passa è la fine per tutti. Se leggete bene vi accorgergerete che le cose peggiori non sono quelle che sono scritte nel ddl, ma sono quelle che verranno dopo con i degreti legislativi che scaturiscono dalle deleghe che questo ddl convertito in legge conferirà a renzie. E' ormai evidente (tranne a qualcuno che davverro non vuol vedere) che si è legato le assunzioni dei precari alla trasformazione in legge di questo scempio. O si prende tutto il pacchetto o niente. Queste persone che governano sono veramente viscide ed infime. Fanno pressione su migliaia di disperati precari per far passare  questa porcata di legge che delega il governo a fare praticamente quello che vuole. Questo ddl se diventerà legge vi assicuro che è molto ma molto peggio del decreto legge proposto in precedenza.
Invito tutti ad una riflessione perchè a mio giudizio (e qualcuno in questo forum mi ha chiamato il "profeta" per tutte le volte che ci ho azzeccato) il peggio non è quello che c'è scritto nel ddl ma è quello che ancora NON  è scritto e che verrà fuori con in decreti delegati a cui facevo riferimento prima. Vi prego di leggere bene su "che cosa" e sul "come" con questo ddl il parlamento delega il governo.
Cari colleghi davvero io questa volta non vorrei per nulla al mondo essere profetico e spero con tutto il cuore di sbagliarmi ma ho la netta sensazione che dopo il pericolo scampato del decreto legge ne sia arrivato uno peggiore , e di molto!!!
Astenendoci da commenti dettati dall'emotività (per quanto sia possibile dopo la lettura di questo schifo) vi prego davvero di fare una riflessione sugli argomenti da me suggeriti.
Inoltre vi chiedo se avete proposte concrete di protesta o se avete notizie fresche da parte dei sindacati su cosa intendono fare. Spero che i sindacati stessi abbiano capito che si sta firmando una delega in bianco anche per quanto riguarda la contrattazione che potrebbe perfino sparire. D'altronde renzie in tv ha sempre detto che lui non vuole lasciare la scuola in mano ai sindacati. Adesso mi chiedo se noi, i sindacati e chiunque altro sia contrario a questa porcheria vogliamo lasciare la scuola in mano a renzie??
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
kappa27



Messaggi : 732
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Gio Apr 02, 2015 1:13 pm

scusate ma è possibile allegare un file ad un post?? volevo allegare un file a questo post per condividere con voi una riflessione sull'argomento del thread. ...come si fa ad allegare un file pdf?
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 732
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Mar Apr 07, 2015 6:33 pm

ok non so come allegare un file al post, non so neanche se sia possibile farlo. Allora copio e incollo qui.
Sto facendo il pas online di romatre e quello che incollo qui è un estratto della dispensa di due professoresse del pas che riguarda la storia degli insegnanti. Vi incollo la parte che riguarda la riforma Gentile. Leggendo mi è venuta la pelle d'oca. mi pare che si stia parlando del presente , altro che passato.

Gli insegnanti e il fascismo

«Secondo gli idealisti, la rigenerazione morale degli italiani, più che mai urgente dopo una
guerra nella quale sono affiorati egoismi particolaristici e tendenze dissolvitrici della
compagine statale, deve partire dalla scuola, strumento indispensabile nell'ambito di un
progetto che si pone come obiettivo la duratura trasformazione del quadro politico.
Per questo, gli insegnanti per primi devono rinnovarsi profondamente, aprendosi a una
cultura che superi il nozionismo e l'enciclopedismo della scuola tradizionale. La riforma della
scuola magistrale è uno dei più rilevanti problemi politici, poiché è nella scuola elementare
che «si gettano le basi della granitica unità nazionale e della grandezza della patria, o i germi
della discordia, del settarismo, della dissoluzione sociale» (Appello per un «Fascio di
Educazione Nazionale», 1920). Il rinnovamento del curriculum magistrale deve inserirsi
nell'ambito di una riforma globale della scuola secondaria che ripristini la serietà e la severità
degli studi, allontanandone gli incapaci, e valorizzi gli insegnamenti letterari e filosofici, che
più degli altri ne garantiscono il carattere formativo e disinteressato. Vera cultura, secondo
Gentile, in quanto educazione dello spirito, non può essere quella dello «scientismo
dommatico» della vecchia scuola normale né può avere finalità professionali.
Si critica così in modo radicale l'impostazione che gli studi magistrali sono venuti assumendo
nel corso dell'Ottocento, in seguito all'affermarsi del positivismo in seno alla cultura italiana
(cfr. De Fort, 1986, pp. 222 ss.). Si ispirano a tale orientamento la riforma della scuola
normale compiuta da De Sanctis nel 1880 e quella del 1896, che sottolineano l'importanza
delle «conoscenze del reale», date dalle discipline scientifiche, per superare il verbalismo e
l'astrattezza dominanti nella scuola, e mirano a fondare l'insegnamento sul metodo intuitivo-
sperimentale. L'attenzione alla metodologia didattica caratterizza anche la dottrina

---------

Si entra così nel vivo della sostanza autoritaria della riforma, pur velata dall'asserita
rivalutazione della libertà didattica (ma la contraddizione è solo apparente, perché per Gentile
la libertà non è individuale ma vive solo nello Stato inteso come sostanza etica). Con una
rispondenza non casuale al quadro politico entro cui si colloca, la riforma sancisce la
subordinazione gerarchica degli insegnanti, sopprimendo tutti gli elementi di democrazia
introdotti nella scuola dalla legislazione precedente. Vengono così eliminate le rappresentanze
di categoria negli organi dell'amministrazione scolastica — dai Consigli provinciali alla
Commissione dei ricorsi al Consiglio superiore — considerati strumento di indebite pressioni
corporative (contemporaneamente, Gentile si rifiuta di ricevere i rappresentanti delle
organizzazioni sindacali); lo stato giuridico, le cui disposizioni appaiono «eccessivamente
corrive», è smantellato, gli insegnanti sono sottoposti a un accentuato controllo, attraverso le
note informative e la qualifica, dispensate da un preside che diviene il rappresentante nella
scuola dell'assoluta autorità del ministro, dotato della facoltà di comminare punizioni
disciplinari (sul «preside-duce», cfr. Santoni Rugiu, 1981, pp. 283-287). La riforma viene
applicata inoltre in un clima intimidatorio, nel quale qualsiasi critica viene duramente
attaccata e le opposizioni sono minacciate di severe sanzioni. La dispensa dal servizio è
inoltre prevista per quanti si rivelino inadeguati ai nuovi orientamenti. Al bastone si
accompagna però la carota degli aumenti di stipendio, concessi, si fa notare, senza obbedire
ad alcuna pressione dal basso, ma solo alla considerazione dell'alta funzione sociale degli
insegnanti»

.
Secondo alcuni studiosi, l’organizzazione scolastica derivante dalla Riforma Gentile fu più
subita che accolta dagli insegnanti, i quali dovettero tuttavia contribuire, nolenti o volenti, a
realizzarne i principi di fondo.
«La restaurazione della disciplina, avviata dalla riforma Gentile, è indubbiamente funzionale
al fascismo. Lo sono meno i provvedimenti attraverso i quali il filosofo ha tentato di
riqualificare gli studi, di sfoltire drasticamente la popolazione scolastica e di introdurre
concorsi più rigorosi per gli insegnanti: il regime, autoritario ma demagogico, è fragile di
fronte alle proteste contro la selezione che salgono dai ceti piccolo-medio borghesi, principali
fruitori delle secondarie. Vengono così ben presto abbattuti molti dei limiti posti dalla riforma
all'aumento del numero delle scuole e dei loro studenti, mentre si ridimensiona l'originaria
selettività dei concorsi. Tuttavia il fascismo non è mosso solo da considerazioni di tipo
clientelare, bensì anche dalla consapevolezza dell'oggettiva impossibilità di rispondere a un
fenomeno presente in tutto il mondo occidentale — la spinta di massa all'istruzione —
unicamente con provvedimenti repressivi. Tale fenomeno sarà accentuato dalla depressione:
negli anni Trenta i livelli della scolarità secondaria salgono bruscamente. Della corsa verso
l'impiego pubblico è vittima soprattutto l'istituto magistrale, e con esso la riforma, che
inutilmente ha tentato di rialzarne il livello, aumentandone di un anno la durata e
introducendovi il latino e la pedagogia in chiave filosofica. Da più parti si denunciano
l'affollamento delle classi, l'inadeguatezza dei professori, spesso supplenti e incaricati:
riappaiono, macroscopici, i problemi a cui Gentile ha inteso porre rimedio (De Fort, 1986,
pp. 230 e ss.)»


Ultima modifica di kappa27 il Mar Apr 07, 2015 6:37 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
jeppo1



Messaggi : 164
Data d'iscrizione : 05.04.15

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Mar Apr 07, 2015 6:35 pm

se è così andiamo bene
Tornare in alto Andare in basso
Sasha73



Messaggi : 217
Data d'iscrizione : 27.04.11

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Mer Apr 08, 2015 9:37 am

jeppo17 ha scritto:
Chiedo se avete letto il ddl, soprattutto dove si parla di deleghe al governo. Questo ddl è una delega in bianco peggio ancora del jobs act. Se passa è la fine per tutti. Se leggete bene vi accorgergerete che le cose peggiori non sono quelle che sono scritte nel ddl, ma sono quelle che verranno dopo con i degreti legislativi che scaturiscono dalle deleghe che questo ddl convertito in legge conferirà a renzie. E' ormai evidente (tranne a qualcuno che davverro non vuol vedere) che si è legato le assunzioni dei precari alla trasformazione in legge di questo scempio. O si prende tutto il pacchetto o niente. Queste persone che governano sono veramente viscide ed infime. Fanno pressione su migliaia di disperati precari per far passare  questa porcata di legge che delega il governo a fare praticamente quello che vuole. Questo ddl se diventerà legge vi assicuro che è molto ma molto peggio del decreto legge proposto in precedenza.
Invito tutti ad una riflessione perchè a mio giudizio (e qualcuno in questo forum mi ha chiamato il "profeta" per tutte le volte che ci ho azzeccato) il peggio non è quello che c'è scritto nel ddl ma è quello che ancora NON  è scritto e che verrà fuori con in decreti delegati a cui facevo riferimento prima. Vi prego di leggere bene su "che cosa" e sul "come" con questo ddl il parlamento delega il governo.
Cari colleghi davvero io questa volta non vorrei per nulla al mondo essere profetico e spero con tutto il cuore di sbagliarmi ma ho la netta sensazione che dopo il pericolo scampato del decreto legge ne sia arrivato uno peggiore , e di molto!!!
Astenendoci da commenti dettati dall'emotività (per quanto sia possibile dopo la lettura di questo schifo) vi prego davvero di fare una riflessione sugli argomenti da me suggeriti.
Inoltre vi chiedo se avete proposte concrete di protesta o se avete notizie fresche da parte dei sindacati su cosa intendono fare. Spero che i sindacati stessi abbiano capito che si sta firmando una delega in bianco anche per quanto riguarda la contrattazione che potrebbe perfino sparire. D'altronde renzie in tv ha sempre detto che lui non vuole lasciare la scuola in mano ai sindacati. Adesso mi chiedo se noi, i sindacati e chiunque altro sia contrario a questa porcheria vogliamo lasciare la scuola in mano a renzie??
---------------------------------
La categoria è così, passiva e delega tutto al sindacato di turno. Chi si oppone è una minoranza. Non ci resta che sperare nei sindacati, i quali, sia pure a parole, sono concordi nell'opporsi a questa schifezza. Io penso che dopo l'approvazione della chiamata diretta, degli albi territoriali, ossia di tutto il negativo presente in questa schifezza di riforma, salterà fuori la storia dell'orario di lavoro dei docenti, perchè ho la netta impressione che dietro questa riforma ci sia lo zampino dei montiani, non a caso la Giannini proviene da quelle fila. Renzi, a parer mio è, come Berlusconi, un venditore, un piazzista, ma non ha conoscenze in merito, ma solamente la propensione a una visione autoritaria della scuola.
Per quanto mi riguarda, oltre ad oppormi a questa schifezza, sono pronto a iscrivermi al sindacato che più darà battaglia, e a impegnarmi a non votare mai più questo ridicolo partito chiamato PD. e ricordiamoci che la storia siamo noi.
Tornare in alto Andare in basso
catiusciagr



Messaggi : 1398
Data d'iscrizione : 21.10.12

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Mer Apr 08, 2015 10:52 am

qui sopra leggo:
"Renzi, a parer mio è,[b] come [/b]Berlusconi",

Magari fosse "come".....
credo sia PEGGIORE.
Tornare in alto Andare in basso
primula81



Messaggi : 296
Data d'iscrizione : 10.11.12

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Mer Apr 08, 2015 11:57 am

jeppo17 ha scritto:
Chiedo se avete letto il ddl, soprattutto dove si parla di deleghe al governo. Questo ddl è una delega in bianco peggio ancora del jobs act. Se passa è la fine per tutti. Se leggete bene vi accorgergerete che le cose peggiori non sono quelle che sono scritte nel ddl, ma sono quelle che verranno dopo con i degreti legislativi che scaturiscono dalle deleghe che questo ddl convertito in legge conferirà a renzie. E' ormai evidente (tranne a qualcuno che davverro non vuol vedere) che si è legato le assunzioni dei precari alla trasformazione in legge di questo scempio. O si prende tutto il pacchetto o niente. Queste persone che governano sono veramente viscide ed infime. Fanno pressione su migliaia di disperati precari per far passare  questa porcata di legge che delega il governo a fare praticamente quello che vuole. Questo ddl se diventerà legge vi assicuro che è molto ma molto peggio del decreto legge proposto in precedenza.
Invito tutti ad una riflessione perchè a mio giudizio (e qualcuno in questo forum mi ha chiamato il "profeta" per tutte le volte che ci ho azzeccato) il peggio non è quello che c'è scritto nel ddl ma è quello che ancora NON  è scritto e che verrà fuori con in decreti delegati a cui facevo riferimento prima. Vi prego di leggere bene su "che cosa" e sul "come" con questo ddl il parlamento delega il governo.
Cari colleghi davvero io questa volta non vorrei per nulla al mondo essere profetico e spero con tutto il cuore di sbagliarmi ma ho la netta sensazione che dopo il pericolo scampato del decreto legge ne sia arrivato uno peggiore , e di molto!!!
Astenendoci da commenti dettati dall'emotività (per quanto sia possibile dopo la lettura di questo schifo) vi prego davvero di fare una riflessione sugli argomenti da me suggeriti.
Inoltre vi chiedo se avete proposte concrete di protesta o se avete notizie fresche da parte dei sindacati su cosa intendono fare. Spero che i sindacati stessi abbiano capito che si sta firmando una delega in bianco anche per quanto riguarda la contrattazione che potrebbe perfino sparire. D'altronde renzie in tv ha sempre detto che lui non vuole lasciare la scuola in mano ai sindacati. Adesso mi chiedo se noi, i sindacati e chiunque altro sia contrario a questa porcheria vogliamo lasciare la scuola in mano a renzie??
Questa riforma è peggio del "FLAGELLO DI ATTILA" per tutte le componenti: 1)Per il personale di ruolo, perchè diventando soprannumerari e/o con la mobilità non si sa quale sarà poi il destino,2) l'art.7 comma3/d manderà in cattedra immessi in ruolo da GAE in esubero che saranno dirottati su classi di concorso di cui non hanno abilitazione e così, di conseguenza, verranno intasate anche le classi di concorso esaurite, pur in presenza di molti "Abilitati" per quelle discipline, abilitati di STATO che verranno cestinati. 3) Docenti abilitati non inseriti in GAE ma in II fascia perchè per lo scriteriato art.7 precedente annullerà le possibilità di ottenere supplenze, anche per i docenti di III fascia.
Tornare in alto Andare in basso
jeppo1



Messaggi : 164
Data d'iscrizione : 05.04.15

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Ven Apr 10, 2015 9:52 pm

vorrei sapere cosa dicono i sindacati. Secondo loro non è giunta l'ora di "morire per danzica"?? Non so voi ma io credo di si. Quando se non ora?
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?   Ven Apr 10, 2015 10:08 pm

Concordo con le analisi tristi e preoccupate di jeppo. Notavo proprio stasera che l'unico che ha preso sul serio Renzi sin dall'inizio, nella sua devastante portata è stato Crozza: tutti gli altri opinion maker che scrivono eleganti elzeviri su giornali paludati, i politici di destra o di sinistra hanno creduto o che fosse un pirla destinato a bruciarsi in un attimo, o un politico come tanti altri.

Riguardo all'inerzia di partiti (quei pochi che sono rimasti al di fuori del Partito Nazionale Unico) e dei sindacati la constato anche io e credo che non ci sia da sperare troppo nell'aiuto di questi soggetti.

Per quanto riguarda Facebook c'è la petizione che affronta solo UNO dei mille scandali del DDL, quello della chiamata diretta del preside, e che sta veleggiando, avendo ottenuto in pochissimi giorni più di 50000 firme. Non so se potrà essere risolutiva, ma firmarla e diffonderla non costa niente... siamo già al 7% dell'intero corpo docente.

https://www.change.org/p/presidente-della-repubblica-mattarella-appello-al-presidente-mattarella-sull-incostituzionalit%C3%A0-della-chiamata-diretta-dei-docenti-della-vera-scuola-pubblica
Tornare in alto Andare in basso
 
Questo DDL è una delega in bianco a renzie. Ma davvero lo vogliamo?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» qualcuna di voi ha questo tavolo?
» non so trovare un titolo a questo capitolo della mia vita
» DELEGA E PRESA SERVIZIO
» delega preventiva supplenza III fascia
» Per essere membri della chat (non considerare questo post si riferisce alla chat precedente)

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: