Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 9:23 am

In questi giorni si sente spesso affermare che il ddl sulla scuola attualmente all'esame del Parlamento introdurrebbe la "chiamata diretta" dei docenti da parte dei dirigenti scolastici [ds]. A me pare tuttavia una semplificazione grossolana e fuorviante.

Con "chiamata diretta" si intende solitamente la facoltà dei ds di assumere (e licenziare) personale docente nel proprio istituto, selezionandoli tra coloro che hanno i requisiti per svolgere la professione docente. È un sistema di reclutamento dei docenti adottato in molti paesi europei ed anche in Italia, limitatamente alle scuole paritarie. A differenza da quanto faceva una proposta elaborata qualche anno fa dall'on. Aprea, questo ddl tuttavia non prevede nulla di tutto ciò per le scuole pubbliche.

Il ddl (art. 7, cc. 2 e 3) riconosce semplicemente al ds la possibilità di proporre incarichi di docenza, triennali e rinnovabili - su cattedra, sostegno o potenziamento dell'offerta formativa - ai docenti già di ruolo o inseriti negli albi territoriali (provinciali o sub-provinciali). Costoro sono tutti già assunti a tempo indeterminato dal MIUR. Poiché il ds non assume i docenti e coloro che non ricevono la chiamata non restano disoccupati, non si può propriamente parlare di "chiamata diretta", ma al massimo di "proposta di incarico".

Il ds è libero di proporre un incarico a qualunque docente egli ritenga adeguato ad esso sulla base del curriculum dei docenti iscritti all'albo che possiedono i requisiti formali relativi a quell'incarico (se ve ne sono), alla sola condizione che l'incarico ed i criteri adottati dal ds per la scelta siano pubblici, così che l'intero processo di conferimento dell'incarico risulti trasparente. Il ds risponderà poi delle sue scelte in base ai risultati che riuscirà ad ottenere nel corso del suo mandato, secondo un sistema di valutazione già ben delineato (d.lgs. 165/2001, DPR 80/2013) ed in via di ultimazione (pertanto passibile di ulteriori miglioramenti, come previsto dal ddl). Il docente può accettare o rifiutare l'offerta senza timore di rimanere disoccupato. Di fatto, ogni docente potrebbe ricevere più offerte tra cui scegliere, ma se non ne ricevesse alcuna, verrebbe comunque assegnato ad un incarico in una sede all'interno dell'area territoriale del suo albo dall'USR. Ogni triennio verrebbe infatti garantita un'esatta corrispondenza tra numero di iscritti agli albi territoriali e incarichi disponibili, attraverso il bilancio tra domanda di personale docente da parte dei ds approvata dall'USR, pensionamenti e bando di nuovi posti in albo assegnati tramite concorso per abilitati all'insegnamento.

Al termine dei tre anni il ds può rinnovare la proposta di incarico al docente che lo detiene o meno (per esempio, perché l'incarico non ha più ragion d'essere o perché il ds ha individuato un docente più idoneo a quell'incarico) e il docente può accettare l'offerta o meno (per esempio, perché ha nel frattempo ricevuto un'altra offerta che preferisce). È bene osservare che il mancato rinnovo dell'offerta dello stesso incarico non comporta necessariamente il trasferimento del docente ad altra sede. Il ds potrebbe infatti proporre al medesimo docente un incarico diverso presso lo stesso istituto. Nel caso in cui invece non lo facesse, il docente potrebbe ricevere una proposta di incarico dal ds di un diverso istituto, oppure potrebbe essere assegnato dall'USR ad un incarico disponibile (presumibilmente, ma - di nuovo - non necessariamente) in altra sede, sempre e comunque all'interno della stessa area provinciale o sub-provinciale. In ogni caso il docente non sarebbe licenziato e il ds non avrebbe dunque alcun potere di licenziamento, né di trasferimento del docente ad altra sede, ma, al massimo, un potere di allontanamento del docente dalla sede in cui opera il ds stesso.

Si può essere favorevoli o contrari al progetto di riforma, ma questa è, a grandi linee, la proposta contenuta nel ddl - non la chiamata diretta.
Tornare in alto Andare in basso
FRANCI88



Messaggi : 1549
Data d'iscrizione : 14.03.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 9:24 am

Ma quanta insistenza!
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 9:27 am

MMM ha scritto:
In questi giorni si sente spesso affermare che il ddl sulla scuola attualmente all'esame del Parlamento introdurrebbe la "chiamata diretta" dei docenti da parte dei dirigenti scolastici [ds]. A me pare tuttavia una semplificazione grossolana e fuorviante.

Con "chiamata diretta" si intende solitamente la facoltà dei ds di assumere (e licenziare) personale docente nel proprio istituto, selezionandoli tra coloro che hanno i requisiti per svolgere la professione docente. È un sistema di reclutamento dei docenti adottato in molti paesi europei ed anche in Italia, limitatamente alle scuole paritarie. A differenza da quanto faceva una proposta elaborata qualche anno fa dall'on. Aprea, questo ddl tuttavia non prevede nulla di tutto ciò per le scuole pubbliche.

Il ddl (art.  7, cc. 2 e 3) riconosce semplicemente al ds la possibilità di proporre incarichi di docenza, triennali e rinnovabili - su cattedra, sostegno o potenziamento dell'offerta formativa - ai docenti già di ruolo o inseriti negli albi territoriali (provinciali o sub-provinciali). Costoro sono tutti già assunti a tempo indeterminato dal MIUR. Poiché il ds non assume i docenti e coloro che non ricevono la chiamata non restano disoccupati, non si può propriamente parlare di "chiamata diretta", ma al massimo di "proposta di incarico".

Il ds è libero di proporre un incarico a qualunque docente egli ritenga adeguato ad esso sulla base del curriculum dei docenti iscritti all'albo che possiedono i requisiti formali relativi a quell'incarico (se ve ne sono), alla sola condizione che l'incarico ed i criteri adottati dal ds per la scelta siano pubblici,  così che l'intero processo di conferimento dell'incarico risulti trasparente. Il ds risponderà poi delle sue scelte in base ai risultati che riuscirà ad ottenere nel corso del suo mandato, secondo un sistema di valutazione già ben delineato (d.lgs. 165/2001, DPR 80/2013) ed in via di ultimazione (pertanto passibile di ulteriori miglioramenti, come previsto dal ddl). Il docente può accettare o rifiutare l'offerta senza timore di rimanere disoccupato. Di fatto, ogni docente potrebbe ricevere più offerte tra cui scegliere, ma se non ne ricevesse alcuna, verrebbe comunque assegnato ad un incarico in una sede all'interno dell'area territoriale del suo albo dall'USR. Ogni triennio verrebbe infatti garantita un'esatta corrispondenza tra numero di iscritti agli albi territoriali e incarichi disponibili, attraverso il bilancio tra domanda di personale docente da parte dei ds approvata dall'USR, pensionamenti e bando di nuovi posti in albo assegnati tramite concorso per abilitati all'insegnamento.

Al termine dei tre anni il ds può rinnovare la proposta di incarico al docente che lo detiene o meno (per esempio, perché l'incarico non ha più ragion d'essere o perché il ds ha individuato un docente più idoneo a quell'incarico) e il docente può accettare l'offerta o meno (per esempio,  perché ha nel frattempo ricevuto un'altra offerta che preferisce). È bene osservare che il mancato rinnovo dell'offerta dello stesso incarico non comporta necessariamente il trasferimento del docente ad altra sede. Il ds potrebbe infatti proporre al medesimo docente un incarico diverso presso lo stesso istituto. Nel caso in cui invece non lo facesse, il docente potrebbe ricevere una proposta di incarico dal ds di un diverso istituto, oppure potrebbe essere assegnato dall'USR ad un incarico disponibile (presumibilmente, ma - di nuovo - non necessariamente) in altra sede, sempre e comunque all'interno della stessa area provinciale o sub-provinciale. In ogni caso il docente non sarebbe licenziato e il ds non avrebbe dunque alcun potere di licenziamento, né di trasferimento del docente ad altra sede, ma, al massimo, un potere di allontanamento del docente dalla sede in cui opera il ds stesso.

Si può essere favorevoli o contrari al progetto di riforma, ma questa è, a grandi linee, la proposta contenuta nel ddl - non la chiamata diretta.

il termine "chiamata diretta" non è mai stato utilizzato negli articoli di OrizzonteScuola in relazione al DDL
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 9:32 am

lallaorizzonte ha scritto:
il termine "chiamata diretta" non è mai stato utilizzato negli articoli di OrizzonteScuola in relazione al DDL

E a ragion veduta! Lo stesso non si può dire tuttavia dei partecipanti a questo forum o di vari gruppi contrari alla riforma.

In ogni caso, sarei grato a Lalla se volesse evidenziare errori o inesattezze nella mia lettura del Ddl, così come risulta da quanto scritto sopra.


Ultima modifica di MMM il Ven Apr 03, 2015 11:27 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Perplessa



Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 02.03.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 9:34 am

Visto che la Riforma e la chiamata diretta ti piacciono così tanto che sembra quasi che le abbia ideate tu, dato il caratterere quasi propagandistico dei tuoi post, bene, facciamo finta che, visto che siamo in democrazia (e che -per rispondere ad un tuo commento sull'altro topic, il presidente del consiglio è stato eletto, certo, e per ben due volte, come sindaco e presidente della provincia, dai fiorentini) ci venga data la possibilità di optare per i due sistemi, il vecchio e il nuovo. Io mi prenoto già per rimanere nel vecchio, con le attuali tutele, tu naturalmente sceglierai il secondo e ti farai scegliere dal DS e se alla fine dei tre anni le vostre strade si separeranno, sceglierai felice un'altra collocazione. Mi sembra perfetto, no?
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 9:35 am

FRANCI88 ha scritto:
Ma quanta insistenza!

Nemmeno paragonabile a quella con ci si parla del ddl come di un provvedimento che introdurrebbe la chiamata diretta.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 9:53 am

Perplessa ha scritto:
Visto che la Riforma e la chiamata diretta ti piacciono così tanto che sembra quasi che le abbia ideate tu, dato il caratterere quasi propagandistico dei tuoi post,  bene, facciamo finta che, visto che siamo in democrazia (e che -per rispondere ad un tuo commento sull'altro topic, il presidente del consiglio è stato eletto, certo, e per ben due volte, come sindaco e presidente della provincia, dai fiorentini) ci venga data la possibilità di optare per i due sistemi, il vecchio e il nuovo. Io mi prenoto già per rimanere nel vecchio, con le attuali tutele, tu naturalmente sceglierai il secondo e ti farai scegliere dal DS e se alla fine dei tre anni le vostre strade si separeranno, sceglierai felice un'altra collocazione. Mi sembra perfetto, no?

Una volta approvata la riforma potrai promuovere un referendum per la sua abrogazione. Poiché la riforma riguarda tutti i cittadini e non solo i docenti, questa è la strada da percorrere. (Credo tuttavia che ti sarà risparmiata la fatica dal fatto che questa riforma difficilmente verrà approvata così come è stata proposta). In ogni caso, il governo che la propone è un governo legittimo nonostante il Presidente del Consiglio non sia stato eletto, come non è stato eletto nessun altro Presidente del Consiglio dell'Italia repubblicana. Per quanto ti possa sembrare strano, l'Italia è una repubblica parlamentare e la Costituzione della Repubblica Italiana  non prevede l'elezione del Presidente del Consiglio, ma quella del Parlamento. A Costituzione vigente, l'elezione del Presidente del Consiglio - come si ama dire oggi - sarebbe incostituzionale (a differenza della chiamata diretta).
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Tuguri



Messaggi : 204
Data d'iscrizione : 27.03.15

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 10:10 am

MMM ha scritto:
In questi giorni si sente spesso affermare che il ddl sulla scuola attualmente all'esame del Parlamento introdurrebbe la "chiamata diretta" dei docenti da parte dei dirigenti scolastici [ds]. A me pare tuttavia una semplificazione grossolana e fuorviante.

Con "chiamata diretta" si intende solitamente la facoltà dei ds di assumere (e licenziare) personale docente nel proprio istituto, selezionandoli tra coloro che hanno i requisiti per svolgere la professione docente. È un sistema di reclutamento dei docenti adottato in molti paesi europei ed anche in Italia, limitatamente alle scuole paritarie. A differenza da quanto faceva una proposta elaborata qualche anno fa dall'on. Aprea, questo ddl tuttavia non prevede nulla di tutto ciò per le scuole pubbliche.

Il ddl (art.  7, cc. 2 e 3) riconosce semplicemente al ds la possibilità di proporre incarichi di docenza, triennali e rinnovabili - su cattedra, sostegno o potenziamento dell'offerta formativa - ai docenti già di ruolo o inseriti negli albi territoriali (provinciali o sub-provinciali). Costoro sono tutti già assunti a tempo indeterminato dal MIUR. Poiché il ds non assume i docenti e coloro che non ricevono la chiamata non restano disoccupati, non si può propriamente parlare di "chiamata diretta", ma al massimo di "proposta di incarico".

Il ds è libero di proporre un incarico a qualunque docente egli ritenga adeguato ad esso sulla base del curriculum dei docenti iscritti all'albo che possiedono i requisiti formali relativi a quell'incarico (se ve ne sono), alla sola condizione che l'incarico ed i criteri adottati dal ds per la scelta siano pubblici,  così che l'intero processo di conferimento dell'incarico risulti trasparente. Il ds risponderà poi delle sue scelte in base ai risultati che riuscirà ad ottenere nel corso del suo mandato, secondo un sistema di valutazione già ben delineato (d.lgs. 165/2001, DPR 80/2013) ed in via di ultimazione (pertanto passibile di ulteriori miglioramenti, come previsto dal ddl). Il docente può accettare o rifiutare l'offerta senza timore di rimanere disoccupato. Di fatto, ogni docente potrebbe ricevere più offerte tra cui scegliere, ma se non ne ricevesse alcuna, verrebbe comunque assegnato ad un incarico in una sede all'interno dell'area territoriale del suo albo dall'USR. Ogni triennio verrebbe infatti garantita un'esatta corrispondenza tra numero di iscritti agli albi territoriali e incarichi disponibili, attraverso il bilancio tra domanda di personale docente da parte dei ds approvata dall'USR, pensionamenti e bando di nuovi posti in albo assegnati tramite concorso per abilitati all'insegnamento.

Al termine dei tre anni il ds può rinnovare la proposta di incarico al docente che lo detiene o meno (per esempio, perché l'incarico non ha più ragion d'essere o perché il ds ha individuato un docente più idoneo a quell'incarico) e il docente può accettare l'offerta o meno (per esempio,  perché ha nel frattempo ricevuto un'altra offerta che preferisce). È bene osservare che il mancato rinnovo dell'offerta dello stesso incarico non comporta necessariamente il trasferimento del docente ad altra sede. Il ds potrebbe infatti proporre al medesimo docente un incarico diverso presso lo stesso istituto. Nel caso in cui invece non lo facesse, il docente potrebbe ricevere una proposta di incarico dal ds di un diverso istituto, oppure potrebbe essere assegnato dall'USR ad un incarico disponibile (presumibilmente, ma - di nuovo - non necessariamente) in altra sede, sempre e comunque all'interno della stessa area provinciale o sub-provinciale. In ogni caso il docente non sarebbe licenziato e il ds non avrebbe dunque alcun potere di licenziamento, né di trasferimento del docente ad altra sede, ma, al massimo, un potere di allontanamento del docente dalla sede in cui opera il ds stesso.

Si può essere favorevoli o contrari al progetto di riforma, ma questa è, a grandi linee, la proposta contenuta nel ddl - non la chiamata diretta.

Dov'è nel DPR 80/2013 il punto in cui si valuta la chiamata dagli albi?

Tornare in alto Andare in basso
minollo



Messaggi : 289
Data d'iscrizione : 18.08.12

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 10:17 am

MMM, a me sembra oltremodo complesso e caotico il nuovo modello di reclutamento.( se dovesse essere approvato, ma lo escludo). il ds che fa una proposta di incarico ad un docente, perchè ritiene le sue competenze, la sua formazione e bla bla bla, si ritroverà ,comunque, con docenti che accetteranno solo per convenienza, ossia vicinanza del posto di lavoro e altro, poichè il ds non avrà potere contrattuale, ossia non potrà proporre retribuzioni diverse tali da influire sulla scelta del docente. la gratificazione professionale è importante ma non è la priorità. per circa 1300 euro, io accetterò quello che conviene di più a me non al ds, a meno che non me ne proponga 2000. forse alllora ci potrei fare un pensierino.
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25623
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 10:20 am

minollo ha scritto:
MMM, a me sembra oltremodo complesso e caotico il nuovo modello di reclutamento.( se dovesse essere approvato, ma lo escludo). il ds che fa una proposta di incarico ad un docente, perchè ritiene le sue competenze, la sua formazione e bla bla bla, si ritroverà ,comunque, con docenti che accetteranno solo per convenienza, ossia vicinanza del posto di lavoro e altro, poichè il ds non avrà potere contrattuale, ossia non potrà proporre retribuzioni diverse tali da influire sulla scelta del docente. la gratificazione professionale è importante ma non è la priorità. per  circa 1300  euro, io accetterò quello che conviene di più a me non al ds, a meno che non me ne proponga 2000. forse alllora ci potrei fare un pensierino.


Infatti questa storia della scelta del DS "ingessata" da tutto il resto (no libertà di scelta del docente, nessuna contrattazione sullo stipendio, nessuna valutazione oggettiva delle performance degli studenti, ecc.) ha poco senso.
Se si vuole passare ad un sistema inglese lo si faccia per tutto, altrimenti si rimanga nella situazione dei punteggi-merito-scelta.
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 10:23 am

MMM ha scritto:

In ogni caso, sarei grato a Lella se volesse evidenziare errori o inesattezze nella mia lettura del Ddl, così come risulta da quanto scritto sopra.

propone una versione un po' semplicistica della riforma, non tenendo conto di alcune conseguenze pratiche che si verranno a determinare.

innanzitutto va chiarito che l''iscrizione negli albi - secondo quanto proposto dall'attuale testo del DDL - riguarderà i neoassunti 2015, e coloro che dal prossimo anno richiederanno mobilità.
tra questi ultimi bisogna far rientrare, volenti o nolenti, i sovrannumerari.

cosa ne sarà di questi ultimi? il docente che perde 7 ore nella propria scuola di titolarità, rientra in un albo per le rimanenti? con lo scacco di doverci rimanere 3 anni anche se il suo posto si riformasse?

come si conciliano le tutele garantite (pressuppongo che per imbarcarti in tale conversazione conosca perfettamente il CCNI sulla mobilità) per legge? Su questo il DDL non dice una parola, e a mio parere, è grave.
Tornare in alto Andare in basso
clacl



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 02.12.14

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 10:44 am

Nonostante la'' chiamarta diretta'' abbia dei fini condivisibili, non avrà l'effetto desiderato. Prevarrà l'interesse dei singoli a discapito del resto. Quanti saranno i ds che riusciranno a far valere l'interesse pubblico su quello dei singoli? Non credo convenga neanche ai ds questo sistema.
Tornare in alto Andare in basso
minollo



Messaggi : 289
Data d'iscrizione : 18.08.12

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 10:59 am

certo, i ds saranno ds senza portafoglio. forse i primi a dover osteggiare questa proposta dovrebbero essere prprio i ds, rischiano di dover entrare loro in classe se poi non avranno " selezionato" il DOCENTE che li soddisfa. pensate al ds di un paesino mal collegato, più che dei docenti residenti chi potrà accettare. e per le scuole disagiate con forte dispersione scolastica, zone " calde" a rischio,immagino che ci sarà la fila dei docenti con sfilze di titoli pronti per i colloqui. se non avrai possibilità di offerta, anche economica, la vedo dura. se le mie competenze altre, ossia oltre i canonici requisiti per quella cl di concorso, ti intressano, allora parliamone.altrimenti vado ad insegnare sotto casa, ne guadagno in tempo e salute.
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:09 am

non è certo il signor MMM a dover spiegare a noi docenti cosa sia la "chiamata diretta" proposta da questa governo ...

e non certo tale signore , che non credo affatto sia un docente, può stabilire il senso della definizione di "chiamata diretta"; infatti tale definizione è stata attribuita dall'intero paese e non da un singolo individuo....

tutto il Paese ITALIA per "chiamata diretta" intende un sistema in cui sia il preside a "chiamare" un docente a prescinde se si tratti di assunzione o incarico....

in altri termini la definizione "chiamata diretta" comprende sia la chiamata ai fini dell'assunzione che la chiamata ai fini dell'incarico;


e il mondo della scuola rifiuta entrambe queste due modalità .


il mondo della scuola ritiene che entrambe le modalità della "chiamata diretta" conferiscano un eccesso di potere e arbitrarietà ai presidi sminuendo il ruolo e la dignità degli insegnati;

il fronte del NO ALLA CHIAMATA DIRETTA si è esteso nel paese ben oltre l' ambito della scuola e ritiene che tale sistema produrrebbe; clientelismo, favoritismi,servilismo , insoddisfazione e frustrazione nei docenti e per questo un grave peggioramento del sistema scuola e della sua efficacia nel suo mandato formativo e sopratutto educativo.

il governo dovrebbe rappresentare i suoi elettori e le loro aspirazioni,

tutto questo accade mentre i sondaggi dicono che il PD è in fase calante,

una cosa è certa che con questa legge sulla scuola, definita un “mostro giuridico”, gli insegnanti sono alla ricerca di altre referenze politiche, perché il PD ha tradito il suo mandato politico facendo oltraggio su tutti gli insegnanti. ......

Tornare in alto Andare in basso
clacl



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 02.12.14

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:14 am

A volte mi chiedo, se il governo abbia valutato tutte le criticità della '' chiamata diretta'' e le conseguenze che un sistema di questo tipo mette in campo.
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25623
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:15 am

mirco81 ha scritto:
non è certo il signor MMM a dover spiegare  a noi docenti cosa sia la "chiamata diretta" proposta da questa governo ...

e non certo tale signore , che non credo affatto sia un docente, può stabilire il senso della definizione di "chiamata diretta"; infatti  tale definizione è stata attribuita dall'intero paese e non da un singolo individuo....

tutto il Paese ITALIA per "chiamata diretta" intende un sistema in cui sia il preside a "chiamare" un docente a prescinde se si tratti di assunzione o incarico....

in altri termini la definizione  "chiamata diretta" comprende sia la chiamata ai fini dell'assunzione che la chiamata ai fini dell'incarico;


e il mondo della scuola rifiuta entrambe queste due modalità .


il mondo della scuola ritiene che entrambe le modalità della "chiamata diretta"  conferiscano un eccesso di potere  e arbitrarietà ai presidi  sminuendo il ruolo e la dignità degli insegnati;

il fronte del NO ALLA CHIAMATA DIRETTA si è esteso nel paese ben oltre l' ambito della scuola e  ritiene che tale sistema produrrebbe; clientelismo, favoritismi,servilismo , insoddisfazione e frustrazione nei docenti e per questo un grave peggioramento del sistema scuola e della sua efficacia nel suo mandato formativo e sopratutto educativo.

il governo dovrebbe rappresentare i suoi elettori e le loro aspirazioni,

tutto questo accade mentre i sondaggi dicono che il PD è in fase calante,

una cosa è certa che con questa legge sulla scuola, definita un “mostro giuridico”, gli insegnanti sono alla ricerca di altre referenze politiche, perché il PD ha tradito il suo mandato politico facendo oltraggio su tutti gli insegnanti. ......




Ma su questo forum si potrebbero evitare propagande politiche che troverebbero posto in altri luoghi?
Chi è questo mirco81 per dire cosa vuole o non vuole "la scuola" o quale partito debba votare o non votare "la scuola".
Sinceramente è fastidioso leggere più volte al giorno, in più post, sempre le stesse frasi che nulla portano al tema del post stesso ma si riducono a mera propaganda.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:16 am

Paolo Tuguri ha scritto:


Dov'è nel DPR 80/2013 il punto in cui si valuta la chiamata dagli albi?


Non vedo la necessità di valutarla indipendentemente o separatamente rispetto alla valutazione complessiva dell'efficacia e dell'efficienza dell'operato del ds. Tuttavia, se si ritenesse opportuno farlo, si potrebbe sempre provvedere.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:23 am

lallaorizzonte ha scritto:
MMM ha scritto:

In ogni caso, sarei grato a Lalla se volesse evidenziare errori o inesattezze nella mia lettura del Ddl, così come risulta da quanto scritto sopra.

propone una versione un po' semplicistica della riforma, non tenendo conto di alcune conseguenze pratiche che si verranno a determinare.

innanzitutto va chiarito che l''iscrizione negli albi - secondo quanto proposto dall'attuale testo del DDL - riguarderà i neoassunti 2015, e coloro che dal prossimo anno richiederanno mobilità.
tra questi ultimi bisogna far rientrare, volenti o nolenti, i sovrannumerari.

cosa ne sarà di questi ultimi? il docente che perde 7 ore nella propria scuola di titolarità, rientra in un albo per le rimanenti? con lo scacco di doverci rimanere 3 anni anche se il suo posto si riformasse?

come si conciliano le tutele garantite (pressuppongo che per imbarcarti in tale conversazione  conosca perfettamente il CCNI sulla mobilità) per legge? Su questo il DDL non dice una parola, e a mio parere, è grave.  

Sono consapevole di queste criticità di applicazione del ddl, ma a me interessava innanzitutto farmi e dare un'immagine chiara e priva di errori o imprecisioni marchiane del sistema che prefigura.


Ultima modifica di MMM il Ven Apr 03, 2015 11:49 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lallaorizzonte
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 23152
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:27 am

clacl ha scritto:
A volte mi chiedo, se il governo abbia valutato tutte le criticità della '' chiamata diretta'' e le conseguenze che un sistema di questo tipo mette in campo.

su questo possiamo risponderti con sicurezza: no.
per farlo avrebbe avuto bisogno di ben altri tempi.
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:32 am

gugu ha scritto:
mirco81 ha scritto:
non è certo il signor MMM a dover spiegare  a noi docenti cosa sia la "chiamata diretta" proposta da questa governo ...

e non certo tale signore , che non credo affatto sia un docente, può stabilire il senso della definizione di "chiamata diretta"; infatti  tale definizione è stata attribuita dall'intero paese e non da un singolo individuo....

tutto il Paese ITALIA per "chiamata diretta" intende un sistema in cui sia il preside a "chiamare" un docente a prescinde se si tratti di assunzione o incarico....

in altri termini la definizione  "chiamata diretta" comprende sia la chiamata ai fini dell'assunzione che la chiamata ai fini dell'incarico;


e il mondo della scuola rifiuta entrambe queste due modalità .


il mondo della scuola ritiene che entrambe le modalità della "chiamata diretta"  conferiscano un eccesso di potere  e arbitrarietà ai presidi  sminuendo il ruolo e la dignità degli insegnati;

il fronte del NO ALLA CHIAMATA DIRETTA si è esteso nel paese ben oltre l' ambito della scuola e  ritiene che tale sistema produrrebbe; clientelismo, favoritismi,servilismo , insoddisfazione e frustrazione nei docenti e per questo un grave peggioramento del sistema scuola e della sua efficacia nel suo mandato formativo e sopratutto educativo.

il governo dovrebbe rappresentare i suoi elettori e le loro aspirazioni,

tutto questo accade mentre i sondaggi dicono che il PD è in fase calante,

una cosa è certa che con questa legge sulla scuola, definita un “mostro giuridico”, gli insegnanti sono alla ricerca di altre referenze politiche, perché il PD ha tradito il suo mandato politico facendo oltraggio su tutti gli insegnanti. ......




Ma su questo forum si potrebbero evitare propagande politiche che troverebbero posto in altri luoghi?
Chi è questo mirco81 per dire cosa vuole o non vuole "la scuola" o quale partito debba votare o non votare "la scuola".
Sinceramente è fastidioso leggere più volte al giorno, in più post, sempre le stesse frasi che nulla portano al tema del post stesso ma si riducono a mera propaganda.

gugu e tu dove vivi? sulla luna?

invece a me da fastidio leggere utenti come te che vogliono negare la realtà dei fatti per una propria convenienza personale (il posto fisso subito)...

io affermo che almeno il 95% dei docenti sia contro la chiamata diretta e lo reputi un meccanismo clientelare , come sta dimostrando di esserlo anche il PD...

e tu puoi dire il contrario?

intanto, se i sondaggi di orizzonte scuola non ti convincono, guardati la petizione su questo argomento:

https://www.change.org/p/presidente-della-repubblica-mattarella-appello-al-presidente-mattarella-sull-incostituzionalità-della-chiamata-diretta-dei-docenti-della-vera-scuola-pubblica

un fiume in piena! 10.000 voti in meno 3 giorni...

non ci sarebbe nemmeno bisogno di sondaggi e petizioni , basterebbe parlare con i colleghi per sapere cosa pensa la scuola reale di questo scempio....

ma tu preferisci non accettarlo perchè semplicemente ...."squallidamente" non ti conviene.


Ultima modifica di mirco81 il Ven Apr 03, 2015 11:34 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:33 am

minollo ha scritto:
MMM, a me sembra oltremodo complesso e caotico il nuovo modello di reclutamento.( se dovesse essere approvato, ma lo escludo). il ds che fa una proposta di incarico ad un docente, perchè ritiene le sue competenze, la sua formazione e bla bla bla, si ritroverà ,comunque, con docenti che accetteranno solo per convenienza, ossia vicinanza del posto di lavoro e altro, poichè il ds non avrà potere contrattuale, ossia non potrà proporre retribuzioni diverse tali da influire sulla scelta del docente. la gratificazione professionale è importante ma non è la priorità. per  circa 1300  euro, io accetterò quello che conviene di più a me non al ds, a meno che non me ne proponga 2000. forse alllora ci potrei fare un pensierino.

Se il docente accetta per convenienza la proposta del ds, allora la convenienza sarebbe reciproca. Dopodiché concordo sul fatto che la possibilità di contrattazione individuale sarebbe auspicabile. Benché il ddl non la preveda esplicitamente, tuttavia nemmeno la esclude e anzi forse la prefigura nella forma - del tutto anomala e modesta, siamo d'accordo - del premio al merito che può essere gestito dal ds.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:40 am

gugu ha scritto:
minollo ha scritto:
MMM, a me sembra oltremodo complesso e caotico il nuovo modello di reclutamento.( se dovesse essere approvato, ma lo escludo). il ds che fa una proposta di incarico ad un docente, perchè ritiene le sue competenze, la sua formazione e bla bla bla, si ritroverà ,comunque, con docenti che accetteranno solo per convenienza, ossia vicinanza del posto di lavoro e altro, poichè il ds non avrà potere contrattuale, ossia non potrà proporre retribuzioni diverse tali da influire sulla scelta del docente. la gratificazione professionale è importante ma non è la priorità. per  circa 1300  euro, io accetterò quello che conviene di più a me non al ds, a meno che non me ne proponga 2000. forse alllora ci potrei fare un pensierino.


Infatti questa storia della scelta del DS "ingessata" da tutto il resto (no libertà di scelta del docente, nessuna contrattazione sullo stipendio, nessuna valutazione oggettiva delle performance degli studenti, ecc.) ha poco senso.
Se si vuole passare ad un sistema inglese lo si faccia per tutto, altrimenti si rimanga nella situazione dei punteggi-merito-scelta.

Si torna alla vecchia contrapposizione tra massimalismo e riformismo. Che il sistema proposto sia migliorabile nessuno credo lo metta in dubbio. Il problema allora è se sia migliore del sistema attuale. Nella misura in cui introduce elementi di flessibilità e dinamismo che contribuiscono ad una maggiore autonomia degli istituti io credo che, tutto sommato, lo sia.
Tornare in alto Andare in basso
MLucia



Messaggi : 510
Data d'iscrizione : 01.04.14

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:48 am

Perplessa ha scritto:
Visto che la Riforma e la chiamata diretta ti piacciono così tanto che sembra quasi che le abbia ideate tu, dato il caratterere quasi propagandistico dei tuoi post,  bene, facciamo finta che, visto che siamo in democrazia (e che -per rispondere ad un tuo commento sull'altro topic, il presidente del consiglio è stato eletto, certo, e per ben due volte, come sindaco e presidente della provincia, dai fiorentini) ci venga data la possibilità di optare per i due sistemi, il vecchio e il nuovo. Io mi prenoto già per rimanere nel vecchio, con le attuali tutele, tu naturalmente sceglierai il secondo e ti farai scegliere dal DS e se alla fine dei tre anni le vostre strade si separeranno, sceglierai felice un'altra collocazione. Mi sembra perfetto, no?

sono perfettamente d'accordo con te Perplessa...anch'io sono perplessa, e molto
Tornare in alto Andare in basso
MLucia



Messaggi : 510
Data d'iscrizione : 01.04.14

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:50 am

mirco81 ha scritto:
non è certo il signor MMM a dover spiegare  a noi docenti cosa sia la "chiamata diretta" proposta da questa governo ...

e non certo tale signore , che non credo affatto sia un docente, può stabilire il senso della definizione di "chiamata diretta"; infatti  tale definizione è stata attribuita dall'intero paese e non da un singolo individuo....

tutto il Paese ITALIA per "chiamata diretta" intende un sistema in cui sia il preside a "chiamare" un docente a prescinde se si tratti di assunzione o incarico....

in altri termini la definizione  "chiamata diretta" comprende sia la chiamata ai fini dell'assunzione che la chiamata ai fini dell'incarico;


e il mondo della scuola rifiuta entrambe queste due modalità .


il mondo della scuola ritiene che entrambe le modalità della "chiamata diretta"  conferiscano un eccesso di potere  e arbitrarietà ai presidi  sminuendo il ruolo e la dignità degli insegnati;

il fronte del NO ALLA CHIAMATA DIRETTA si è esteso nel paese ben oltre l' ambito della scuola e  ritiene che tale sistema produrrebbe; clientelismo, favoritismi,servilismo , insoddisfazione e frustrazione nei docenti e per questo un grave peggioramento del sistema scuola e della sua efficacia nel suo mandato formativo e sopratutto educativo.

il governo dovrebbe rappresentare i suoi elettori e le loro aspirazioni,

tutto questo accade mentre i sondaggi dicono che il PD è in fase calante,

una cosa è certa che con questa legge sulla scuola, definita un “mostro giuridico”, gli insegnanti sono alla ricerca di altre referenze politiche, perché il PD ha tradito il suo mandato politico facendo oltraggio su tutti gli insegnanti. ......


sono d'accordo con Mirco
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"    Ven Apr 03, 2015 11:53 am

minollo ha scritto:
certo, i ds saranno ds senza portafoglio. forse i primi a dover osteggiare questa proposta dovrebbero essere prprio i ds, rischiano di dover entrare loro in classe se poi non  avranno " selezionato" il DOCENTE che li soddisfa. pensate  al ds di un paesino mal collegato, più che dei docenti residenti chi potrà accettare. e per le scuole disagiate con forte dispersione scolastica, zone " calde" a rischio,immagino che ci sarà la fila dei docenti con sfilze di titoli  pronti per i colloqui. se non avrai possibilità di offerta, anche economica, la vedo dura. se le mie competenze altre, ossia oltre i canonici requisiti per quella cl di concorso, ti intressano, allora parliamone.altrimenti vado ad insegnare sotto casa, ne guadagno in tempo e salute.

D'accordo, ma la situazione per le sedi "disagiate" non sarà - almeno per il momento - diversa da quella attuale.

Vedremo, nel corso delle audizioni, cosa avranno da dire i rappresentanti dei ds.
Tornare in alto Andare in basso
 
Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta "chiamata diretta"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» albo docenti e "chiamata diretta"
» La vita in diretta
» chi e' in attesa della chiamata come me??
» ... E venne chiamata due cuori - Marlo Morgan
» intervista per La vita in diretta

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: