Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 11 ... 21  Seguente
AutoreMessaggio
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Sab Apr 04, 2015 10:15 am

Promemoria primo messaggio :

Riprendo il confronto avviato in "Le pere e le mele" ( http://www.orizzontescuolaforum.net/t103116-le-pere-e-le-mele ) e proseguito in "Alcune osservazioni sul ddl e la cosiddetta 'chiamata diretta"' ( http://www.orizzontescuolaforum.net/t103212-alcune-osservazioni-sul-ddl-e-la-cosiddetta-chiamata-diretta ).

Entrambe le vivaci discussioni sono state chiuse d'imperio dagli amministratori/moderatori, apparentemente per l'insolenza di alcuni partecipanti. In tal modo, a costoro si concede di fatto la possibilità di interrompere un dialogo in corso, privando gli interlocutori seri e responsabili del diritto di replica ed i lettori interessati della possibilità di vedere un dibattito esaurirsi naturalmente. Non posso fare a meno di notare la discrezionalità con cui le discussioni vengono chiuse d'imperio in seguito a comportamenti insolenti e che, in entrambi i casi, il diritto di replica è stato negato alla stessa parte.

Paolo Tuguri ha scritto:

MMM ha scritto:

Paolo Tuguri ha scritto:

Dov'è nel DPR 80/2013 il punto in cui si valuta la chiamata dagli albi?
MMM ha scritto:

Non vedo la necessità di valutarla indipendentemente o separatamente rispetto alla valutazione complessiva dell'efficacia e dell'efficienza dell'operato del ds. Tuttavia, se si ritenesse opportuno farlo, si potrebbe sempre provvedere.

Quindi ritieni che la chiamata dagli albi non vada ad incidere sull'efficacia e l'efficienza dell'operato del DS?

Non capisco quel "quindi" - nulla di ciò che ho affermato autorizza la tua conclusione. Credo che la chiamata diretta possa incidere sull'efficacia e l'efficienza dell'operato di un ds - è uno strumento in più a sua disposizione. Più significativamente, lo credono i rappresentanti stessi dei ds che ne hanno messo in luce la centralità. Se sapranno farne buon uso si vedrà dai risultati complessivi. Ripeto: non c'è nessuna necessità di valutare l'uso che viene fatto di questo strumento separatamente da tutti gli altri nel conseguimento dei risultati attesi.

Quindi ritieni che possa incidere ma non debba essere valutata separatamente?

Non al di là della correttezza formale così come è stabilita dal ddl (come avevo già precisato). E' chiaro che un un ds che offrisse ad un docente di italiano l'incarico per un insegnamento di fisica non sarebbe accettabile. Tuttavia nel momento in cui il ds offrisse l'insegnamento di fisica ad un docente di fisica, motivando la sua scelta esplicitamente e pubblicamente sulla base dei criteri utlizzati per la scelta e del curriculum del docente a cui è stata fatta l'offerta - così come prescritto dal ddl - l'intero processo di assegnazione dell'incarico diventerebbe trasparente e pubblicamente controllabile e le incongruenze macroscopiche diventerebbero immediatamente evidenti. (Si tenga presente che anche i curricula dei docenti sarebbero pubblici).


Paolo Tuguri ha scritto:
Dunque i risultati di un dirigente scolastico non dipendono dal corpo docente?

Tu lo credi? Come chiarito nella mia precedente risposta, io no e nemmeno i ds, i quali per l'appunto chiedono di poter scegliere all'interno del corpo docente prima di poter essere ritenuti pienamente responsabili dei risultati conseguiti. Se si chiede ai ds di ottenere certi risultati grazie a risorse umane (i docenti) che vengono loro assegnate d'ufficio, è chiaro che anche l'ufficio che le assegna avrà un qualche responabilità nell'esito - tanto maggiore quanto maggiore è il ruolo svolto da quelle risorse. Vice versa, i ds avranno una responsabilità piena nel momento in cui potranno avere possibilità e strumenti di scelta in questo ambito.


Paolo Tuguri ha scritto:
NB Hai usato tu il termine chiamata diretta del cui uso accusi un po' tutti (un po' a sproposito).

Non ne faccio una questione nominalistica ma sostanziale: una volta chiariti i termini del discorso e se la cosa non genera fraintendimenti, è meglio adattarsi alle espressioni usate dall'interlocutore per rendere il dialogo più comprensibile. In effetti - a proposito dello sproposito - tu stesso nella tua domanda hai usato l'espressione "chiamata dagli albi", la quale, senza ulteriori precisazioni, equivale a "chiamata diretta". Ma, appunto, le precisazioni sono già state fatte e sappiamo che, in riferimento al ddl, si dovrebbe più propriamente parlare di "proposta d'incarico ai docenti inscritti negli albi" e non di "chiamata diretta" o "dagli albi". (Il problema, altrimenti detto, sta nel termine "chiamata" che evoca la possibilità di assunzione da parte del ds, la quale è invece esclusa dal ddl).


Ultima modifica di MMM il Dom Apr 05, 2015 8:50 am, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 12:02 pm

gian ha scritto:
giobbe ha scritto:

[...]
Dubito che lei abbia mai messo piede in una scuola se non da studente o per "sponsorizzare" questa "Buona S(sc)ola".
[...]
Egregio MMM, lei non ha aggiunto un solo argomento sostanziale alla sua plètora sulla CHIAMATA DIRETTA dei docenti. Ma ha evidenziato per l'ennesima volta che lei è semplicemente un portatore d'acqua ad una causa che ha per i docenti SOLO aspetti negativi. A meno che questo docente non faccia parte della cricca.

Ricordo che nei confronti dei portatori d'acqua della comunicazione in rete esiste da ben 25 anni uno strumento chiamato plonk: https://it.wikipedia.org/wiki/Plonk

È vero che sui forum gli utenti non possono "killare" le utenze indesiderate come su usenet o su IRC, ma si può sempre ricorrere al plonk virtuale.
Don't feed the pusher

ciao Gian ti auguro Buona Pasqua , a te e a tutti gli utenti onesti del forum e sopratutto ai docenti svegli che hanno fiutato il pericolo proveniente da questa maledetta riforma...

invece a questo MMM , non ho mai creduto, ora sono contento nel constatare che molti altri forumisti sono arrivati alla mia stessa conclusione...

questo utente non è un docente ma un uomo di propaganda filogovernativa...

la sua strenua o ottusa difesa di questo irricevibile DDL sopratutto nella parte che riguarda la chiamata diretta diventa via via più sospetta e si scontra con la quasi totalità del mondo della scuola!


non ritengo certo che non si possano avere idee differenti..... ma stranamente moltissimi in questo forum hanno avuto la medesima impressione su questo utente  e non su altri che pure appoggiano il DDL... sarà solo coincidenza?

per quanto mi riguarda questo utente mi ha sempre insospettito... e la vocina che mi dice di diffidare di lui diventa sempre più forte  ....

è la stessa  "vocina" che molti altri hanno avvertito


in definitiva gian il tuo consiglio sul plonk di un utente come questo mi sembra buono....

tu hai già avuto , come altri, la pazienza di ribattere alle sue vuote ma ben farcite argomentazioni...

io non l' ho mai avuta.... ma tutti stiamo pervenendo alla stessa conclusione.


Ultima modifica di mirco81 il Dom Apr 05, 2015 1:05 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Perplessa



Messaggi : 1268
Data d'iscrizione : 02.03.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 12:19 pm

Mirco, se anche fosse, cosa cambia? E' un meccanismo collaudato anche in altri forum e social media, ma non è che così facendo si spostino di un millimetro le convinzioni di chi conosce certe realtà. La quasi totalità dei frequentatori del forum è un docente o aspirante tale, l'impiegato, l'operaio o il libero professionista non utilizzano il foum di OS per crearsi un'opinione sulla riforma. Per cui, lascialo esprimere e fare tutta la propaganda che vuole, non è che a suon di peana per riforma e qualità dei DS possa portare a casa chissà quali risultati.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 4:49 pm

giobbe ha scritto:
Egregio MMM, io ho vissuto e vivo in questa realtà tutti i giorni perché, nonostante sia un docente già in pensione da qualche anno, vivo in una casa dove ci sono ancora due insegnanti in servizio. Dubito che lei abbia mai messo piede in una scuola se non da studente o per "sponsorizzare" questa "Buona S(sc)ola". Lei chiama generalizzazioni di tipo razzista quello che è sotto gli occhi di tutti e di cui le cronache sono strapiene. La mia non è un'immagine distorta del DDL, semmai sono i suoi "chiarimenti" che si basano su un idilliaco rapporto DS-docente-alunni, frutto più della sua fantasia che della realtà dei fatti, che solo un fervente fautore del DDL può azzardare.
Tra l'altro lei è in contraddizione con se stesso quando afferma che non ci saranno scuola di serie A e B giacché, come dice, "Il problema non può essere posto in questi termini perché tutti i docenti a cui i ds possono offrire un incarico sono abilitati alla professione docente e vincitori di concorso. Quando si parla di docenti "migliori" non lo si fa in termini assoluti, ma solo relativamente ad un determinato, specifico incarico (oltre che al giudizio di un certo ds)." Quindi, assunto che TUTTI i docenti sono preparati, i DS potranno cucire un vestito di richieste addosso al docente da nominare. Come vede le possibilità da parte del DS di nominare chi gli piace è provata da questa sua "esigenza". Fatta la legge, trovato l'inganno.

I ds non nominano nessuno - si limitano ad avanzare un'offerta di incarico, che il docente a cui viene fatta è libero di accettare o meno, senza timore di essere licenziato. Se il ds e il docente "si piacciono" - ovvero se il ds fa un'offerta che il docente di sente di accettare - e il ds ottiene i risultati attesi con soddisfazione di tutti, dove sta il problema?


giobbe ha scritto:

E, ancora, dice: "Il curriculum, che contiene tutti gli elementi considerati dalle graduatorie e potenzialmente molti di più, non può essere meno indicativo del punteggio in graduatoria. Inoltre il ds potrebbe raccogliere elementi ulteriori attraverso dei colloqui. " Proprio come succede oggi nella scuola privata paritaria.

Esattamente, ma con la differenza che il ds non assume o licenzia ma offre ed eventualmente non rinnova l'offerta di un incarico triennale e con la garanzia che nessun docente in albo può rimanere senza incarico. Cosa c'è di male?


giobbe ha scritto:

"Il ds è pienamente responsabile delle proprie scelte e ne risponde personalmente con i risultati che riesce ad ottenere." I risultati sono facile da conseguire, basta accontentare le famiglie e gli alunni, e il gioco è fatto.

Non proprio. Gli obiettivi minimi che il ds deve conseguire sono negoziati con le autorità centrali (USR e MIUR) che stabiliscono uno standard nazionale del servizio educativo.


Giobbe ha scritto:

MMM. "Sono i ds stessi a chiedere di poter avere voce in capitolo sull'assegnazione del personale docente e - a parer mio - con ottime ragioni. Inoltre, la rigidità dell'attuale sistema mal si adatta all'allargamento dell'offerta formativa che il nuovo sistema intende promuovere."
E' una cosa che i DS chiedono da anni. Solo qualche anno fa 101 DS del Veneto (tanto per non essere razzista....) hanno stilato un documento per ottenere la possibilità di chiamare direttamente i docenti (eufemisticamente chiamata "offerta di incarico"). Questo DDL li accontenta. Relativamente all'ampliamento dell'offerta formativa il suo giudizio è più da "padrone delle ferriere", che non da fautore di una scuola libera, laica e democratica. Da quando chi decide da solo decide meglio di un Collegio dei docenti?

La richiesta di poter aver voce in capitolo sull'assegnazione dei docenti è stata avanzata da associazioni nazionali dei ds. Il CD risponde solo collegialmente delle proprie decisioni, mentre il ds risponde personalmente dei propri risultati. Di qui la necessità di dare al ds la possibilità di intervento sull'assegnazione dei docenti che dirige.


giobbe ha scritto:

Egregio MMM, lei non ha aggiunto un solo argomento sostanziale alla sua plètora sulla CHIAMATA DIRETTA dei docenti. Ma ha evidenziato per l'ennesima volta che lei è semplicemente un portatore d'acqua ad una causa che ha per i docenti SOLO aspetti negativi. A meno che questo docente non faccia parte della cricca.

È ormai assodato - e sancito dagli stessi moderatori di questo forum - che è improprio riferirsi al sistema di reclutamento promosso da questo ddl con l'espressione "chiamata diretta". Peraltro non c'è bisogno che io aggiunga alcun argomento a favore di questo sistema o della chiamata diretta, che vedono tra i loro sostenitori ben altre autorità nel campo educativo ed organizzativo. Ho già precisato quali sono secondo me le opportunità che questo ddl offre sia agli studenti sia ai docenti. Ci tengo però a ribadire che una riforma della scuola ha altre priorità che accontentare i docenti, a maggior ragione se in pensione.


Ultima modifica di MMM il Dom Apr 05, 2015 5:45 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 5:03 pm

Perplessa ha scritto:
Chiunque abbia un minimo di esperienza in ambito universitario (e MMM ce l'ha, visto che ha un dottorato) sa perfettamente che i bandi si costruiscono intorno al curriculum del docente desiderato e non il contrario, sia per i posti a contratto che per i ruoli. Se voglio affidare a Tizio l'insegnamento X, inserirò tra i requisiti per la partecipazione al bando un qualche elemento che combaci con il suo profilo o che lo renda più competitivo rispetto a quello di altri eventuali candidati. Potrà essere un determinato tipo di pubblicazioni, la conoscenza di una lingua straniera specifica (o, per insegnamenti di lingue, di un ambito linguistico-culturale di tipo coloniale o settoriale, se non addirittura specificatamente per niente attinente a quello del bando...) o di un certo tipo di strumento scientifico, un'esperienza in un preciso ambito non collegato a quello dell'insegnamento o del posto offerto... Fatta la legge, trovato l'inganno...
Un'esempio (inventato, ma ricalcante cose che ho visto fare): bando per l'affidamento di un corso di letteratura inglese dell'epoca vittoriana. Voglio reclutare Pippo. Pippo ha una tesi di dottorato sulla letteratura post-coloniale neo-zelandese. Come faccio? Inserisco nel bando, come requisito o come elemento valutabile, la presenza di pubblicazioni sulla letteratura post-coloniale di quel paese (tanto, volendo, c'è la Mansfield a fare da trait d'union...) e il gioco è fatto.
Pensate che un preside non sia capace di fare altrettanto?

Sono consapevole del potenziale problema, ma la trasparenza e pubblicità della procedura assicura che sia possibile vigilare su eventuali forzature che non portino ai risultati attesi (mi pare molto più difficile ritagliare un incarico scolastici sulle competenze di un docente di quanto non sia ritagliare un assegno di ricerca o un posto da ricercatore su un candidato, se non altro per livello generale di specializzazione richiesto). A differenza di quanto accade per l'università, non solo c'è un maggior interesse da parte dei cittadini alla gestione delle scuole (se non altro perché pressoché tutti i loro figli di minore età le frequentano), ma sopratutto il ds - a differenza di un professore universitario - deve rispondere nel breve periodo dei propri risultati e dunque delle proprie scelte. D'altra parte, se i risultati sono soddisfacenti e sia il ds sia i docenti incaricati sono soddisfatti della loro posizione, non vedo dove stia il problema se il ds offre l'incarico a coloro con cui ritiene fondatamente o ragionevolmente di poter instaurare un rapporto di lavoro migliore rispetto ad altri.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3575
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 5:33 pm

MMM ha scritto:
È ormai assodato - e sancito dagli stessi moderatori di questo forum - che è improprio riferirsi al sistema di reclutamento promosso da questo ddl con l'espressione "chiamata diretta". Peraltro non c'è bisogno che io aggiunga alcun argomento a favore di questo sistema o della chiamata diretta, che vedono tra i loro sostenitori ben altre autorità nel campo educativo ed organizzativo. Ho già precisato quali sono secondo me le opportunità che questo ddl offre sia agli studenti sia ai docenti. Ci tengo però a ribadire che una riforma della scuola ha altre priorità che accontentare i docenti, a maggior ragione se in pensione.
Noto che sta incominciando a perdere le staffe...In genere succede a chi si trova a stretto di argomentazioni.
Sono consapevole che ci sono ben altre "autorità" a favore di questo progetto. Quello che le sfugge è che ci sono ben altre "autorità" che la pensano in termini diametralmente opposti. E chi le dice che io non possa essere un'autorità per meriti "sul campo". In un paese dove l'avvocato diventa ministro dell'Agricoltura e il dentidsta ministro dell'istruzione, credo che un docente, seppure pensionato, ha tutti i requisiti per poter dire la sua. O per caso io, per il semplice fatto di essere in pensione, sono diventato rimbambito e non capisco nulla più delle problemastiche scolastiche tanto da non capire nemmeno cosa sottintende la "Buon a S(cu)ola" progettata dal chi la la scuola la conosce per sentito dire, tramite la bocca della moglie? Tra l'altro questa "Buona S(cu)ola" non voleva sentire tutti, ma proprio tutti? Guarda caso, gli unici a non essere stati ascoltati sono stati proprio i docenti. Ad essi ora si aggiunge anche qualche docente pensionato che non ha altro a cui pensare...Lasciamo lavorare il manovratore.
La Buona Scuola non deve accontentare solo i docenti, deve accontentare anche loro.
Nei ministeri già ci sono tutte le risorse umane possibili ed immaginabili eppure ci si rivolge agli esperti esterni. I risultati sono sotto gli occhi di tutti...Chiamata a progetto!!!
La scuola era l'unico baluardo di democrazia ancora rimasto. Proprio i docenti, per loro natura, sono abituati a lavorare per progetto, sono flessibili e adattabil proprio alle esigenze dell'autonomia. Basta saperli dirigere giacché il problema non sono gli insegnanti ma i DS.
Professori anche non abilitati ma in possesso del titolo di studio, che possono essere occupati su materie affini, sempre su decisione del DS.
Insomma i docenti entreranno in un limbo come condannati in attesa di giudizio, dove il giudice non sarà Dio (come lei ci vorrebbe far credere) ma un umano DS carico di tutti i pregi e di tutti i difetti che la condizione umana comporta.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 5:43 pm

Una volta chiarito che l'offerta di incarico poco o nulla ha a che fare con la chiamata diretta e che non c'è alcun rischio di licenziamento, né di asservimento del docente (se non forse in seguito a scambio che il docente stesso reputa conveniente, come quando accettasse un incarico innanzitutto per la comodità della sede), vi sarei grato se mi poteste riassumere quali sono gli svantaggi per il docente che avrebbe il sistema promosso dal ddl.

Vedo bene il rischio che il mancato rinnovo dell'incarico dopo tre anni potrebbe portare ad un cambio di sede e ad un interruzione della continuità didattica nei cicli lunghi. Ma, come già chiarito, si tratta di una possibilità teorica la cui probabilità in generale è prevedibilmente bassa e che può essere vista anche come un'opportunità per il docente (non fossilizzarsi su un solo incarico, crescere professionalmente, svincolarsi da una gestione che non si condivide). Sulla continuità didattica ci sarebbe poi molto da discutere: sia in generale, sia in particolare in relazione al fatto che nemmeno il sistema attuale la garantisce.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 6:22 pm

giobbe ha scritto:
MMM ha scritto:
È ormai assodato - e sancito dagli stessi moderatori di questo forum - che è improprio riferirsi al sistema di reclutamento promosso da questo ddl con l'espressione "chiamata diretta". Peraltro non c'è bisogno che io aggiunga alcun argomento a favore di questo sistema o della chiamata diretta, che vedono tra i loro sostenitori ben altre autorità nel campo educativo ed organizzativo. Ho già precisato quali sono secondo me le opportunità che questo ddl offre sia agli studenti sia ai docenti. Ci tengo però a ribadire che una riforma della scuola ha altre priorità che accontentare i docenti, a maggior ragione se in pensione.
Noto che sta incominciando a perdere le staffe...In genere succede a chi si trova a stretto di argomentazioni.
Sono consapevole che ci sono ben altre "autorità" a favore di questo progetto. Quello che le sfugge è che ci sono ben altre "autorità" che la pensano in termini diametralmente opposti. E chi le dice che io non possa essere un'autorità per meriti "sul campo". In un paese dove l'avvocato diventa ministro dell'Agricoltura e il dentidsta ministro dell'istruzione,  credo che un docente, seppure pensionato, ha tutti i requisiti per poter dire la sua. O per caso io, per il semplice fatto di essere in pensione, sono diventato rimbambito e non capisco nulla più delle problemastiche scolastiche tanto da non capire nemmeno cosa sottintende la "Buon a S(cu)ola" progettata dal chi la la scuola la conosce per sentito dire, tramite la bocca della moglie?

Non ho messo in dubbio la sua autorità, ma ho semplicemente rilevato che non c'è bisogno che sia io - che non ho alcuna autorità - a difendere questo sistema di reclutamento. Ho invece insinuato che chi guarda il mondo dalla retrospettiva del pensionato è prevedibilmente meno portato a vedere le opportunità rispetto ai quelli che reputa difetti con riferimento alla propria precedente condizione. Non si può negare ci sia anche una componente di forte scontro generazionale in questo momento storico, ma su questo preferirei glissare.


giobbe ha scritto:

Tra l'altro questa "Buona S(cu)ola" non voleva sentire tutti, ma proprio tutti? Guarda caso, gli unici a non essere stati ascoltati sono stati proprio i docenti. Ad essi ora si aggiunge anche qualche docente pensionato che non ha altro a cui pensare...Lasciamo lavorare il manovratore.

Mi sbaglio o in Parlamento sono in corso le audizioni sul ddl? Non mi pare che i docenti siano sottorappresentati.


giobbe ha scritto:

La Buona Scuola non deve accontentare solo i docenti, deve accontentare anche loro.
Nei ministeri già ci sono tutte le risorse umane possibili ed immaginabili eppure ci si rivolge agli esperti esterni. I risultati sono sotto gli occhi di tutti...Chiamata a progetto!!!
La scuola era l'unico baluardo di democrazia ancora rimasto.

La scuola "baluardo di democrazia"? Qui siamo davvero ben oltre l'iperbole! Una scuola efficiente è un servizio essenziale di un sistema democratico. Che la scuola italiana abbia qualcosa da mettere a punto quanto a efficienza credo sia fuori di dubbio. Se questo ddl verrà approvato dal Parlamento, questa sarà la soluzione che verrà democraticamente scelta tra le tante possibili.


giobbe ha scritto:
Proprio i docenti, per loro natura, sono abituati a lavorare per progetto, sono flessibili e adattabil proprio alle esigenze dell'autonomia. Basta saperli dirigere giacché il problema non sono gli insegnanti ma i DS.
Professori  anche non abilitati ma in possesso del titolo di studio, che possono essere occupati su materie affini, sempre su decisione del DS.
Insomma i docenti entreranno in un limbo come condannati in attesa di giudizio, dove il giudice non sarà Dio (come lei ci vorrebbe far credere) ma un umano DS carico di tutti i pregi e di tutti i difetti che la condizione umana comporta.

Come qualcuno prima di me ha già notato, mi pare che per entrare in questo limbo in attesa di condanna ci sarà comunque una lunga fila di aspiranti. Non dev'essere poi un brutto posto, tutto sommato. Poi se lei ha qualche suggerimento per formare un ds superumano, credo che al MIUR le saranno grati.


Ultima modifica di MMM il Dom Apr 05, 2015 8:40 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 7:33 pm

l' utente MMM è forse affetto da autismo? e non riesce ad andare oltre le sue barriere mentali o è forse troppo innamorato della sua idea...

chiunque provi a fargli notate le mille falle e aberrazioni della chiamata diretta si scontra contro un muro .... MMM non vuole o non può vedere null'altro che la sua bella visione incantata e surreale di un sistema che solo in un mondo utopico e perfetto potrebbe funzionare... lo stesso mondo dove sarebbe anche possibile realizzare addirittura l' anarchia....

invece non siamo in un mondo perfetto... anzi
siamo in Italia!

i presidi che "chiamano direttamente" i docenti per offrirgli un ' incarico scatenerebbero una situazione con miriadi di effetti collaterali che rovinerebbero la scuola pubblica e la vita di tutti docenti italiani e di conseguenza dei loro alunni e studenti....

ma è inutile far notale a MMM quello che tutto il mondo della scuola ha notato.... inutile denunciare e spiegare l' assurdità e la vulnerabilità di tale sistema....

MMM, non conosce o finge di non conoscere la scuola e le devianze della nostra società dalle quale i nostri amministratori dovrebbero tenerci al riparo...

MMM vive un suo fantastico sogno.... un sogno che per tutti NOI diventerebbe invece un terribile INCUBO ....

interessante è la domanda circa il perchè questo fantomatico MMM sia tanto innamorato di questa aberrante idea.... un amore cosi grande che a volte mi viene da pensare che sia egli stesso uno di quei " geni " a cuoi il PD si è rivolto per partorire questo aborto di riforma...

in tal caso sarebbe bello pensare a un suo licenziamento in tronco!
Tornare in alto Andare in basso
Danessia



Messaggi : 193
Data d'iscrizione : 03.09.10

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 7:40 pm

[quote="mirco81"]l' utente MMM è forse affetto da autismo?  e non riesce ad andare oltre le sue barriere mentali o è forse troppo innamorato della sua idea...

chiunque provi a fargli notate le mille falle e aberrazioni della chiamata diretta si scontra contro un muro .... MMM non vuole o non può vedere null'altro che la sua bella visione incantata e surreale di un sistema che solo in un mondo utopico e perfetto potrebbe funzionare... lo stesso mondo dove sarebbe anche possibile realizzare addirittura l' anarchia....

invece non siamo in un mondo perfetto... anzi
siamo in Italia!

i presidi che "chiamano direttamente" i docenti per offrirgli un ' incarico scatenerebbero una situazione con miriadi di effetti collaterali che rovinerebbero la scuola pubblica e la vita di tutti docenti italiani e di conseguenza dei loro alunni e studenti....

ma è inutile far notale a MMM quello che tutto il mondo della scuola ha  notato.... inutile denunciare e spiegare l' assurdità e la vulnerabilità di tale sistema....

MMM,  non conosce o finge di non conoscere la scuola e le devianze della nostra società dalle quale i nostri amministratori dovrebbero tenerci al riparo...

MMM vive un suo fantastico sogno.... un sogno che per tutti NOI diventerebbe invece un terribile INCUBO ....

interessante è la domanda circa il perchè questo fantomatico MMM sia tanto innamorato di questa aberrante idea.... un amore cosi grande che a volte mi viene da pensare che sia egli stesso uno di quei " geni " a cuoi il PD si è rivolto per partorire questo aborto di riforma...


in tal caso sarebbe bello pensare a un suo licenziamento in tronco![/quote]


Questa te la potevi risparmiare! Non riesci a trovare un esempio più calzante?
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 7:54 pm

wikipedia : L'autismo, chiamato originariamente Sindrome di Kanner, è considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo neuro-psichiatrico che interessa la funzione cerebrale; la persona affetta da tale patologia esibisce un comportamento tipico caratterizzato da una marcata diminuzione dell'integrazione socio-relazionale e della comunicazione con gli altri ed un parallelo ritiro interiore.

a me sembra molto calzante...
Tornare in alto Andare in basso
corepreciatu



Messaggi : 179
Data d'iscrizione : 29.12.12

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 7:59 pm

mirco81 ha scritto:
wikipedia : L'autismo, chiamato originariamente Sindrome di Kanner, è considerato dalla comunità scientifica internazionale un disturbo neuro-psichiatrico che interessa la funzione cerebrale; la persona affetta da tale patologia esibisce un comportamento tipico caratterizzato da una marcata diminuzione dell'integrazione socio-relazionale e della comunicazione con gli altri ed un parallelo ritiro interiore.

a me sembra molto calzante...


e quindi, proprio in base a quanto hai postato poco fa, ritieni l'utente in questione (che non so neppure chi sia) una persona con disturbi neurospsichiatrici.

Tornare in alto Andare in basso
minollo



Messaggi : 289
Data d'iscrizione : 18.08.12

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:14 pm

MMM semplicemente non conosce la nostra scuola. ci propone un modello irricevibile per la nostra realtà scolastica che ha bisogno di altro.prima di tutto di risorse, strumenti, edifici sicuri e accoglienti,
materiale e tanto altro.
MMM non conosce i nostri ds, forse ci sarebbe bisogno di formare prima una classe di ds con altre competenze.
MMM, iniziamo dal basso non dall'alto, iniziamo a dare dignità anche economica ai docenti, invece di sottoporli ad ulteriori pressioni. la scuola la facciamo noi.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3575
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:15 pm

MMM ha scritto:
Non ho messo in dubbio la sua autorità, ma ho semplicemente rilevato che non c'è bisogno che sia io - che non ho alcuna autorità - a difendere questo sistema di reclutamento. Ho invece insinuato che chi guarda il mondo dalla retrospettiva del pensionato è prevedibilmente meno portato a vedere le opportunità rispetto ai quelli che reputa difetti con riferimento alla propria precedente condizione. Non si può negare ci sia anche una componente di forte scontro generazionale in questo momento storico, ma su questo preferirei glissare.
Per cortesia, quando interviene, cerchi di essere almeno più coerente. Lei, nonostante si dichiari non autorevole a riguardo, difende questo DDL a spada tratta e a tutto campo tanto da ripetere sempre la stessa solfa. Lo fa perché è un suo hobby, lo fa per spirito di polemica, lo fa perché ci crede o lo fa perché si sono serviti pure di lei per scriverlo? Insomma lei E' o CI FA? Pur di raggiungere il suo obiettivo non si rende più conto che molto spesso cade in contraddizione. Adesso, a corto di motivazioni a supporto, parla di scontro generazionale. Ora mi taccia di non vedere le opportunità di questa riforma. Quali opportunità? Per chi? Per i genitori e per gli alunni non cambia assolutamente nulla, per i docenti cambia in peggio e per i DS in meglio. Quello che accadrà è proprio quello che ho esemplificato qualche post precedente, come in un racconto, per quanto riguarda il trasferimento di un docente. Diciamo che io ho imparato a vedere oltre il proprio naso.
MMM ha scritto:
Mi sbaglio o in Parlamento sono in corso le audizioni sul ddl? Non mi pare che i docenti siano sottorappresentati.
Che devo fare un atto di fede? Le pochissime trasmissioni televisive, tra l'altro di brevissima durata, hanno visto solo gli spot pubblicitari del Premier e di qualche DS festante; di una precaria sfigata, che pur di essere immessa in ruolo accettava anche le Forche Caudine e un Dirigente di una scuola paritaria confessionale. Ormai so come si vendono i prodotti, e la "Buona S(cu)ola" è un prodotto da vendere a milioni di italiani sprovveduti.
MMM ha scritto:
La scuola "baluardo di democrazia"? Qui siamo davvero ben oltre l'iperbole! Una scuola efficiente è un servizio essenziale di un sistema democratico. Che la scuola italiana abbia qualcosa da mettere a punto quanto a efficienza credo sia fuori di dubbio. Se questo ddl verrà approvato dal Parlamento, questa sarà la soluzione che verrà democraticamente scelta tra le tante possibili.
Democraticamente scelta da chi? Da chi se la suona e se la canta? Renzi fa la legge, il PD approva, e NCD e FI l'appoggiano (a spese della VERA buona scuola...) e stappano la bottiglia di spumante perché finalmente hanno raggiunto il loro scopo: la privatizzazione della scuola in toto.
MMM ha scritto:
Come qualcuno prima di me ha già notato, mi pare che per entrare in questo limbo in attesa di condanna ci sarà comunque una lunga fila di aspiranti. Non dev'essere poi un brutto posto, tutto sommato. Poi se lei ha qualche suggerimento per formare un ds superumano, credo che al MIUR le saranno grati.
Anche gli extracomunitari che lavorano nell'agro Nocerino-Sarnese o nel Salento a 2 euro per un'ora di lavoro sanno che se lasciano il posto ci sono altri più morti di fame di loro che sono pronti a sostituirli. Non a caso questo DDL, per far passare sotto tono tutte le sue nefandezze, ha sbandierato ai quattro venti ed in modo assillante l'immissione in ruolo di 148.000 precari: i nuovi extracomunitari della scuola.

Glielo dice uno che ama e auspica la meritocrazia, però sa che la meritocrazia non è di questo paese. Pensavo che gli esempi sulla nomina dei ministri o degli esperti esterni fosse stata per lei significativa. Ma si sa: mai ci fu più sordo di quello che non volle sentire. Per inteso: la meritocrazia prescinde dalla chiamata diretta, che è tutt'altra cosa.


Ultima modifica di giobbe il Dom Apr 05, 2015 9:10 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:21 pm

Scusate,  ma non sono stato io a proporre questo ddl,  ma il MIUR della Repubblica Italiana! Io sto innanzitutto cercando di comprenderne le ragioni e la logica che lo sottende contro chi, per opporvisi, lo distorce. O volete forse sostenere che il MIUR, i ds, gli "esperti esterni", e chi altri lo sostiene non conosce la scuola italiana e solo i docenti contrari la conoscono?
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3575
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:25 pm

MMM ha scritto:
minollo ha scritto:
MMM semplicemente non conosce la nostra scuola. ci propone un modello irricevibile per la nostra realtà scolastica che ha bisogno di altro.prima di tutto di risorse, strumenti, edifici sicuri e accoglienti,
materiale e tanto altro.
MMM non conosce i nostri ds, forse ci sarebbe bisogno di formare prima una classe di ds con altre competenze.
MMM, iniziamo dal basso non dall'alto, iniziamo a dare dignità anche economica ai docenti, invece di sottoporli ad ulteriori pressioni. la scuola la facciamo noi.

Scusa,  ma non sono stato io a proporre questo ddl,  ma il MIUR della Repubblica Italiana! Io sto innanzitutto cercando di comprenderne le ragioni ella logica contro chi, per opporvisi, lo distorce.
Io interpetro e capisco quello che leggo e dove, alla fine, può portare un'affermazione. Lei, evidentemente, ha la facoltà di leggere anche quello che non è scritto. Lo confesso, non ho questa sua facoltà.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:34 pm

giobbe ha scritto:
MMM ha scritto:
minollo ha scritto:
MMM semplicemente non conosce la nostra scuola. ci propone un modello irricevibile per la nostra realtà scolastica che ha bisogno di altro.prima di tutto di risorse, strumenti, edifici sicuri e accoglienti,
materiale e tanto altro.
MMM non conosce i nostri ds, forse ci sarebbe bisogno di formare prima una classe di ds con altre competenze.
MMM, iniziamo dal basso non dall'alto, iniziamo a dare dignità anche economica ai docenti, invece di sottoporli ad ulteriori pressioni. la scuola la facciamo noi.

Scusa,  ma non sono stato io a proporre questo ddl,  ma il MIUR della Repubblica Italiana! Io sto innanzitutto cercando di comprenderne le ragioni la logica contro chi, per opporvisi, lo distorce.
Io interpetro e capisco quello che leggo e dove, alla fine, può portare un'affermazione. Lei, evidentemente, ha la facoltà di leggere anche quello che non è scritto. Lo confesso, non ho questa sua facoltà.

Sarebbe interessante capire dove ha letto in questo ddl - giusto per fare un paio di esempi - che un ds può "nominare" o "licenziare" un docente. Si risparmi fatica di cercare - glielo dico io: da nessuna parte, perché il ddl non dice nulla di tutto ciò. Se l'è inventato lei.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:38 pm

Giobbe, nel profondo sud di Sardilandia siamo usi dire: "lassa perdi".

L'unico modo per interrompere questo martellante mantra propagandistico è quello di non dargli eco. Se si evita di rispondere, questi thread propagandistici sono destinati a scorrere velocemente in fondo, finendo nel meritato oblìo.

Ribadisco: don't feed the pusher.
Tornare in alto Andare in basso
rossella73



Messaggi : 219
Data d'iscrizione : 15.07.13

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:43 pm

Da noi: lass sta'! Alleluia, alleluia! :-)
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:47 pm

MMM ha scritto:
Scusate,  ma non sono stato io a proporre questo ddl,  ma il MIUR della Repubblica Italiana! Io sto innanzitutto cercando di comprenderne le ragioni e la logica che lo sottende contro chi, per opporvisi, lo distorce. O volete forse sostenere che il MIUR,  i ds, gli "esperti esterni",  e chi altri lo sostiene non conosce la scuola italiana e solo i docenti contrari la conoscono?

tu, come gli uomini del Miur o gli "esperti esterni"(molto probabile tu faccia parte di una di queste categorie), non sono mai stati in un' aula di scuola , non conoscono le dinamiche relazionali con la dirigenza, con i colleghi, genitori e alunni..

non conoscono la vera sostanza  e le vere problematiche di questo mondo così complesso ,  nevralgico e fondamentale per la società,

voi conoscete la scuola quanto la "cucina" del ristorante dove siete stati a ingozzarvi...


il governo per fare una riforma degna della scuola , invece di calare formule preconfezionate dall'alto, dovrebbe ascoltare chi la scuola la fa davvero, cioè i docenti!!

forse gli "esperti esterni" hanno letto manuali di economia e lavorato in contesti aziendali ben diversi dalla scuola e ora vorrebbero applicare queste ricette in un contesto completamente differente come quello della scuola...

siamo sicuri sappiano di cosa si parla quando si dice "specificità" dell'insegnamento?

l' equivoco di fondo è a mio avviso questo: la comparazione della scuola ad un' azienda.

questo equivoco produrrà effetti deleteri nel sistema scuola e nella nostra intera società....

e i maledetti "esperti esterni" sono i tristi e cinici esecutori di quest'opera di demolizione della scuola pubblica.


Ultima modifica di mirco81 il Dom Apr 05, 2015 8:56 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
michetta



Messaggi : 3889
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 8:53 pm

MMM ha scritto:
Scusate,  ma non sono stato io a proporre questo ddl,  ma il MIUR della Repubblica Italiana! Io sto innanzitutto cercando di comprenderne le ragioni e la logica che lo sottende contro chi, per opporvisi, lo distorce. O volete forse sostenere che il MIUR,  i ds, gli "esperti esterni",  e chi altri lo sostiene non conosce la scuola italiana e solo i docenti contrari la conoscono?

Beh, il Miur non ha dimostrato di avere una buona conoscenza della scuola; se lo avesse dimostrato lo vedremmo quotidianamente e non lo vediamo. Tu lo vedi?
i docenti (sia i contrari che i favorevoli a questo DDL) la conoscono certamente di più di un esperto esterno
Come fai ad affermare il contrario?
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 9:07 pm

gian ha scritto:
Giobbe, nel profondo sud di Sardilandia siamo usi dire: "lassa perdi".

L'unico modo per interrompere questo martellante mantra propagandistico è quello di non dargli eco. Se si evita di rispondere, questi thread propagandistici sono destinati a scorrere velocemente in fondo, finendo nel meritato oblìo.

Ribadisco: don't feed the pusher.

Buona Pasqua...anche se in ritardo, Gian!
Ormai dovresti aver capito, conoscendomi almeno un pochino, che il mio intervento non è limitato solo agli auguri, ma anche a ricordarti che, chi la pensa diversamente da te, tra l'altro sempre motivandolo puntualmente, non merita di essere ignorato né da te né dagli altri, come spesso inviti a fare.
Perciò, se non convieni sulle sue conclusioni, la via è una sola, argomenta sui contenuti specifici e sostieni la difesa della tua diversa posizione.
Solo così vale la pena di continuare a rimanere su questo forum e crescere confrontandoci!
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 9:13 pm

dedicato ai Renziani sostenitori della riforma...


Il metodo renziano  di fare propaganda sulla Buona Scuola, predicando bene e razzolando male, rappresenta l’apogeo dell’elogio figurato dell’ipocrisia. Renzi che, nel discorso alle Camere fatto per ottenere la fiducia per governare l’Italia, aveva messo al centro della sua agenda politica la scuola pubblica e gli insegnanti, sembra essersi dimenticato dei suoi buoni propositi da predicatore. Infatti nelle vesti di predicatore diceva: ''gli insegnanti oggi sono degli eroi: con stipendi quasi ridicoli - e potremmo anche togliere il quasi - sono chiamati alle funzioni di educazione della persona''. Inoltre lo showman di Palazzo Chigi, abile e fine comunicatore, diceva: “ il tema dell'edilizia scolastica è parziale, perché la questione educativa è centrale. Ma io non sono credibile se pongo quella questione senza aver risistemato le scuole”. Dopo più di un anno, che il Governo Renzi è in carica,  scopriamo che l’emergenza edilizia scolastica è ancora irrisolta, se non addirittura peggiorata, basta vedere il bollettino quotidiano dei soffitti crollati delle scuole pubbliche. Si potrebbe dire che Renzi predica bene ma razzola male o forse non sa proprio di cosa parla. Infatti il Premier fiorentino parla degli insegnanti come se fossero degli eroi, ignorando, per aver poco studiato, che gli “eroi” del mito greco, sono degli eterni infelici, sottomessi completamente al volere degli dei, che li guidano, li fanno agire e decidono della loro vita e della loro morte. Infatti il predicatore Renzi, deve avere fatto un lapsus freudiano, chiamando gli insegnanti “eroi con stipendi ridicoli”. Basta leggere l’art.7 del ddl scuola per capire che alla buona predica fatta sugli insegnanti, corrisponde il razzolare malefico delle leggi proposte. Infatti in questa legge, il cattivo razzolatore, ma pur sempre buon predicatore, vorrebbe sottomettere l’eroe-insegnante, al volere del DS, in modo tale che il dirigente scolastico  possa decidere sulla vita o sulla morte professionale dell’eroe-insegnante. Dobbiamo ammettere che nessun predicatore prima di Renzi aveva osato tanto, e che forse siamo difronte al peggior Governo della Repubblica per quanto riguarda  i provvedimenti sulla scuola e i diritti sul lavoro. Ma purtroppo per il predicatore, non tutte le ciambelle riescono con il buco, e sono in molti ad essersi accorti della forte discrasia tra il predicare bene e il razzolare male. Infatti il dissenso sulla riforma della scuola è alto e cresce ogni giorno sempre di più. I predicatori sono fatti così, prima di ammaliano con le prediche e poi ti colpiscono con i comportamenti, ma se  scoperti rischiano di non poter più predicare.


Ultima modifica di mirco81 il Dom Apr 05, 2015 9:17 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
minollo



Messaggi : 289
Data d'iscrizione : 18.08.12

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 9:15 pm

ho creduto per un po' ad un interessante confronto con MMM, ma continua con il suo panegirico e non ammette repliche. anche se non fa parte del miur, chi accetta questo ddl ne condivide le scelte e tutte le nefandezze che ci sono state propinate in questi anni.il caos l'hanno creato loro che della buona scuola non gliene può fregare di meno. gli obiettivi sono altri.
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 9:25 pm

Benedetto Vertecchi, decano dei pedagogisti italiani, taglia corto: «In realtà non capisco come la si possa chiamare riforma. Tuttalpiù “de-forma”, come direbbe Tullio De Mauro». Che però per parte sua alza le mani: «Per spiegare quello che non va in questo progetto ci vorrebbero pagine e pagine», spiega il linguista, ministro della Pubblica Istruzione nel 2000 per il governo Amato, che ai problemi della scuola ha dedicato diversi libri e molti interventi su quotidiani e settimanali......
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds   Dom Apr 05, 2015 9:27 pm

Francesca4 ha scritto:
gian ha scritto:
Giobbe, nel profondo sud di Sardilandia siamo usi dire: "lassa perdi".

L'unico modo per interrompere questo martellante mantra propagandistico è quello di non dargli eco. Se si evita di rispondere, questi thread propagandistici sono destinati a scorrere velocemente in fondo, finendo nel meritato oblìo.

Ribadisco: don't feed the pusher.

Buona Pasqua...anche se in ritardo, Gian!
Ormai dovresti aver capito, conoscendomi almeno un pochino, che il mio intervento non è limitato solo agli auguri, ma anche a ricordarti che, chi la pensa diversamente da te, tra l'altro sempre motivandolo puntualmente, non merita di essere ignorato né da te né dagli altri, come spesso inviti a fare.
Perciò, se non convieni sulle sue conclusioni, la via è una sola, argomenta sui contenuti specifici e sostieni la difesa della tua diversa posizione.
Solo così vale la pena di continuare a rimanere su questo forum e crescere confrontandoci!

Ma per favore... non ti ci mettere anche tu con le arrampicate sui vetri.
Il confronto con un bot sarebbe molto più costruttivo di questo "dialogo".

Che confronto ci potrà mai essere con un write-only?
Tornare in alto Andare in basso
 
Sulla proposta di incarico e la valutazione dei ds
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 21Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 11 ... 21  Seguente
 Argomenti simili
-
» Novità sulla Proposta di Legge settore estetica
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» Giudizio sulla scuola...
» Considerazioni sulla Bibbia

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: