Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 6:29 pm

Oggi due articoli schierati nel giornale fondato da Scalfari:
- il commento di Alessandro De Nicola pro riforma e contro il presunto conservatorismo degli insegnanti;
- la risposta di Michele Serra, sempre più filogovernativo, a un insegnante che accusa i colleghi di conservatorismo, e al quale l'opinionista dà sostanzialmente ragione.
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 1860
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 6:47 pm

Si è bilanciato il panorama dei grandi quotidiani: mentre il Corriere con la nomina di Fontana è decisamente passato all'opposizione di Renzi, Repubblica si schiera apertamente con Renzi.

Questa è, comunque, una buona notizia: è risaputo che l'appoggio di "Repubblica" porta s...a, e quindi possiamo sperare che Renzie inciampi... :-)
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 6:56 pm

A me invece sembra un fuoco concentrico sugli insegnanti: non c'è quotidiano, a parte quel paio apertamente antigovernativi, che non ospiti l'autorevole opinione di qualche illustre carneade secondo il quale gli insegnanti sono conservatori, la scuola deve cambiare e, in definitiva, che sostiene che Renzi ha ragione.
Tornare in alto Andare in basso
udl



Messaggi : 1860
Data d'iscrizione : 04.04.12

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 7:18 pm

Purtroppo noi insegnanti siamo, nell'immaginario collettivo, dei privilegiati.
Di questo me ne sono reso conto da tempo; è inutile farsi illusioni, un ddl che va a colpire quelli che secondo l'opinione comune sono dei "privilegi" trova un consenso generale e trasversale
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 7:20 pm

IL PD si è rivelato una delusione totale, io non li ho votati..mi auguro di essere seguito anche da altri.
Renzi=Berlusconi.
Lasciamo perdere la triste questione degli ata che vengono ignorati (mi chiedo come si possa continuare sulla strada dell'autonomia e del preside manager svilendo chi poi deve fare tutte le pratiche afferenti alla scuola dell'autonomia..dalle pensioni, ai tfr, ai progetti, alle nomine, ai decreti, organici.. mi chiedo anche chi dovrà fare 130k ricostruzioni di carriera con il personale ridotto all'osso delle segreterie se davvero dovesse andare in porto la megainfornata dalle gae del piano renziano), la situazione è grave anche per i docenti.
E cmq siamo sempre alle solite: senza soldi non si arriva a nulla..perchè il punto nodale è uno: la scuola pubblica italiana è gravemente definanziata e nonostante la propaganda del neo-governo la situazione rimane immutata, visto che non si va minimamente a recuperare il gap di 8 mld di euro di tagli del triennio Gelmini/Tremonti.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 7:28 pm

ufo polemico ha scritto:
Oggi due articoli schierati nel giornale fondato da Scalfari:
- il commento di Alessandro De Nicola pro riforma e contro il presunto conservatorismo degli insegnanti;
- la risposta di Michele Serra, sempre più filogovernativo, a un insegnante che accusa i colleghi di conservatorismo, e al quale l'opinionista dà sostanzialmente ragione.

Crisi di astinenza da post?

Cosa scriverti, è quello che vado ripetendo da mesi su questo forum.
In particolare il primo articolo fa finalmente giustizia e chiarezza sul fatto che sia il finanziamento alle paritarie, che la possibilità di convogliare verso le stesse una parte dell'offerta formativa attraverso gli incentivi fiscali, costituisca per lo stato un notevole risparmio.
Si tratta di risorse che verranno convogliate sulla scuola pubblica e non posso che esserne lieta!
Tornare in alto Andare in basso
sparviero.



Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 27.04.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 7:34 pm

ufo polemico ha scritto:
A me invece sembra un fuoco concentrico sugli insegnanti: non c'è quotidiano, a parte quel paio apertamente antigovernativi, che non ospiti l'autorevole opinione di qualche illustre carneade secondo il quale gli insegnanti sono conservatori, la scuola deve cambiare e, in definitiva, che sostiene che Renzi ha ragione.
che intervento ridicolo!
Tornare in alto Andare in basso
lurk



Messaggi : 818
Data d'iscrizione : 14.04.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 8:02 pm

Provo a fare una simulazione.

Reddito imponibile IRPEF: 24 mila euro lordi. IRPEF lorda dell'ordine di 5800 euro.
È evidente che con un netto mensile di 1400-1500 euro una famiglia non si può certo permettere di pagare una retta di 5 mila euro per l'iscrizione ad una paritaria. Il figlio sarà perciò iscritto in una scuola pubblica pagando sì e no, al massimo, 100 euro di tasse scolastiche. Si potrà fruire di una detrazione IRPEF di 100 euro. Alla scuola pubblica si può devolvere il 5 per mille dell'IRPEF, ovvero la stratosferica somma di 29 euro.
Quei 29 euro saranno entrate mancate per lo Stato, che potrà tuttavia compensare a costo zero con uno storno: minore trasferimento verso quella scuola di 29 euro di fondi.

Reddito imponibile IRPEF: 240 mila euro lordi. IRPEF lorda dell'ordine di 96 mila euro. È evidente che con un reddito mensile netto dell'ordine di 12 mila euro, una famiglia può permettersi di pagare una retta di 5000 euro per iscrivere il figlio alla paritaria. Si potrà fruire di una detrazione IRPEF di 400 euro, ovvero 300 euro in più rispetto a chi stringe la cinghia per arrivare a fine mese. Quei 300 euro non cambiano certo la vita, ma si possono ad esempio impiegare per comprare il superzainetto griffato al pargolo per non farlo sfigurare nella nuova scuola. Ma la cosa più interessante è quel 5 per 1000: si potrà devolvere alla scuola paritaria la bellezza di 480 euro, ovvero 16 volte la somma devoluta alla scuola pubblica degli sfigati. Naturalmente anche questi 480 euro si traducono in minori entrate per il bilancio generale dello Stato

In sintesi: lo Stato trasferisce 480 euro ad una scuola paritaria e 29 euro ad una scuola pubblica.

Questi sono numeri di fatto, il resto solo canzonette.
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 8:21 pm

sparviero. ha scritto:
ufo polemico ha scritto:
A me invece sembra un fuoco concentrico sugli insegnanti: non c'è quotidiano, a parte quel paio apertamente antigovernativi, che non ospiti l'autorevole opinione di qualche illustre carneade secondo il quale gli insegnanti sono conservatori, la scuola deve cambiare e, in definitiva, che sostiene che Renzi ha ragione.
che intervento ridicolo!

specchio riflesso!
Tornare in alto Andare in basso
MLucia



Messaggi : 510
Data d'iscrizione : 01.04.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 8:25 pm

IO HO DISDETTO L'ABBONAMENTO ALLA REPUBBLICA - E HO TELEFONATO PER SPIEGARGLI IL PERCHè - QUANDO HO SCOPERTO CHE CORRADO AUGIAS, CHE TUONAVA DALLA SUA RUBRICA QUOTIDIANA CONTRO BERLUSCONI, PUBBLICA PER MONDADORI
Tornare in alto Andare in basso
MLucia



Messaggi : 510
Data d'iscrizione : 01.04.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 8:26 pm

vi scrivo il numero del centralino di Repubblica per un phone bombing di protesta ?
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 10:06 pm

Non farò una simulazione, parlerò di dati oggettivi, senza però tacere dal valore del pluralismo dell'offerta formativa, principio essenziale ed irrinunciabile di un paese democratico.
Ma veniamo ai dati.
Lo Stato per assorbire l'offerta formativa delle paritarie dovrebbe spendere 6 miliardi di euro l'anno.
Il finanziamento alle paritarie ammonta a 700 milioni di euro su base annua.
Se a questo importo aggiungiamo i 400 milioni quale costo delle detrazioni fiscali annuali per lo Stato, arriviamo ad un totale di un miliardo e 100 milioni di euro, che a me sembrano sempre meno di sei miliardi di euro.
Inoltre, se a questo aggiungiamo che le detrazioni fiscali riguarderanno solo gli asili e le primarie che nel pubblico sono notoriamente insufficienti ad assorbire la domanda di formazione, questa proposta di riforma non mi sembra affatto scandalosa, anzi il contrario.
In ogni caso, comprendo perfettamente che chi si è iscritto al forum dopo di me, non conosca i numerosi post che ho dedicato a sviscerare quest'argomento, ma neanche pretendo che lo faccia.
Anzi mi scuso fin d'ora di non aver risposto quotando il suo post, ma, al momento, il mio amor proprio mi impedisce proprio di farlo.
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 10:21 pm

Francesca4 ha scritto:

In particolare il primo articolo fa finalmente giustizia e chiarezza sul fatto che sia il finanziamento alle paritarie, che la possibilità di convogliare verso le stesse una parte dell'offerta formativa attraverso gli incentivi fiscali, costituisca per lo stato un notevole risparmio.
Si tratta di risorse  che verranno convogliate sulla scuola pubblica e non posso che esserne lieta!

Cioè fammi capire: se lo Stato dà soldi alle paritarie risparmierebbe e addirittura con i soldi risparmiati potrebbe finanziare la scuola pubblica? Ho capito bene?
Come ragionamento mi sembra un po' contorto, ma probabilmente è la mia capacità di comprensione ad essere limitata.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 10:34 pm

Francesca4, mi stupisco di te! ti definisci fine giurista e non rammenti un piccolo comma della nostra Grande Costituzione!

art.33 Cost.

Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato.

Tornare in alto Andare in basso
lurk



Messaggi : 818
Data d'iscrizione : 14.04.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 10:39 pm

Francesca4 ha scritto:
In ogni caso, comprendo perfettamente che chi si è iscritto al forum dopo di me, non conosca i numerosi post che ho dedicato a sviscerare quest'argomento, ma neanche pretendo che lo faccia.
Ecco, fai bene a non pretenderlo.

Citazione :
Anzi mi scuso fin d'ora di non aver risposto quotando il suo post, ma, al momento, il mio amor proprio mi impedisce proprio di farlo.
Sei scusata per non aver quotato il mio post.

Sei scusata anche per aver svicolato senza entrare nel merito dei rilievi che ho fatto. Perché ora come ora non mi hai spiegato come fa 29 ad essere maggiore di 480. Eppure dovresti essere un'esperta di economia.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 10:47 pm

ufo polemico ha scritto:
Francesca4 ha scritto:

In particolare il primo articolo fa finalmente giustizia e chiarezza sul fatto che sia il finanziamento alle paritarie, che la possibilità di convogliare verso le stesse una parte dell'offerta formativa attraverso gli incentivi fiscali, costituisca per lo stato un notevole risparmio.
Si tratta di risorse  che verranno convogliate sulla scuola pubblica e non posso che esserne lieta!

Cioè fammi capire: se lo Stato dà soldi alle paritarie risparmierebbe e addirittura con i soldi risparmiati potrebbe finanziare la scuola pubblica? Ho capito bene?
Come ragionamento mi sembra un po' contorto, ma probabilmente è la mia capacità di comprensione ad essere limitata.

Non condivido l'ultima osservazione, poiché in caso contrario, ti assicuro, non perderei tempo a risponderti. Sono abbastanza sicura, invece, di averti ben misurato.
Allora ragioniamo per paradosso.
Se lo Stato non potesse sostenere le paritarie, la maggior parte di esse sarebbe destinata al fallimento, date le ingenti spese necessarie al loro funzionamento.
La relativa domanda di formazione dovrebbe essere soddisfatta dallo Stato attraverso la costruzione e la manutenzione di altri edifici, l'assunzione di altri docenti e del personale di segreteria, il pagamento delle spese di pulizia oltre ad altre varie.
Si tratterebbe di una spesa insostenibile da parte dello Stato, ed è per questo che conviene anche economicamente sostenere le paritarie, anche se secondo me l'argomento principe rimane quello del pluralismo dell'offerta formativa che uno Stato, che si ritenga democratico, deve impegnarsi a realizzare.
In effetti si tratta di uno dei rarissimi casi in cui la minore spesa dello Stato realizza anche un principio costituzionale.

Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 10:51 pm

Alessandro Nicola è un noto economista iperliberista, quindi non mi meraviglio che sia favorevole alla distruzione della scuola pubblica.
Tornare in alto Andare in basso
lurk



Messaggi : 818
Data d'iscrizione : 14.04.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 10:53 pm

Francesca4 ha scritto:
Non condivido l'ultima osservazione, poiché in caso contrario, ti assicuro, non perderei tempo a risponderti. Sono abbastanza sicura, invece, di averti ben misurato.

(bla bla bla)

In effetti si tratta di uno dei rarissimi casi in cui la minore spesa dello Stato realizza anche un principio costituzionale.


Io sto ancora cercando di capire come fa 29 ad essere maggiore di 480. Se te lo canto in cinese intonando la Marsigliese posso sperare in una risposta pertinente? O sono troppo impertinente?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 11:05 pm

Francesca4 ha scritto:

In particolare il primo articolo fa finalmente giustizia e chiarezza sul fatto che sia il finanziamento alle paritarie, che la possibilità di convogliare verso le stesse una parte dell'offerta formativa attraverso gli incentivi fiscali, costituisca per lo stato un notevole risparmio.
Si tratta di risorse  che verranno convogliate sulla scuola pubblica e non posso che esserne lieta!

Cioè, dare soldi alle scuole private porterebbe un aumento delle risorse destinate alla scuola pubblica.

Prego tutti gli astanti di ammirare questo strepitoso ragionamento.

Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 11:08 pm

non conosco bene i numeri ma credo che gli iscritti nelle private in Italia non costituiscano nemmeno il 2% della popolazione  studentesca. se cosi' e' non penso che 1 alunno su 50 non possa essere assorbito dalle  scuole pubbliche a costo quasi 0. quindi la violazione dell'art. 33 e' palese. cosi' come e' palese che la scelta dei docenti da parte del ds sia incostituzionale sotto molteplici punti di vista: liberta' di insegnamento, trasparenza e buon andamento della PA- art 97. Cost. I pubblici uffici sono organizzati secondo disposizioni di legge [95 c.3], in modo che siano assicurati il buon andamento e l'imparzialità dell'amministrazione.
e ancora.... art. 98.
I pubblici impiegati sono al servizio esclusivo della Nazione.
non siamo a servizio di nessuno se non della Nazione e lo Stato deve prevedere un sistema oggettivo che garantisca al PU-docente di agire nell'interesse di questa, anche scontrandosi con Genitori o Dirigenti (non a caso un Pu ha il dovere di rifiutarsi di eseguire un ordine qulora lo ritenga illegittimo).

rimango sempre piu' basita dal fatto che proprio una giurista, come dice di essere Francesca4 pare non conoscere l'abc del nostro sistema giuridico. qualcuno di voi conosce un altro ente statale dove e' il diretto superiore che sceglie il proprio organico?

ebbene, semplicemente non esiste, se non in alcune cariche di nomina politica. ma noi stiamo parlando di scuola Pubblica!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 11:13 pm

Francesca4 ha scritto:

Se lo Stato non potesse sostenere le paritarie, la maggior parte di esse sarebbe destinata al fallimento, date le ingenti spese necessarie al loro funzionamento.
La relativa domanda di formazione dovrebbe essere soddisfatta dallo Stato attraverso la costruzione e la manutenzione di altri edifici, l'assunzione di altri docenti e del personale di segreteria, il pagamento delle spese di pulizia oltre ad altre varie.
Si tratterebbe di una spesa insostenibile da parte dello Stato, ed è per questo che conviene anche economicamente sostenere le paritarie,

Non arrivi a fare due più due e a renderti conto che se NON le sostenesse proprio, e le lasciasse fallire liberamente, lo stato risparmierebbe ancora di più?

Francesca, fattene una ragione: ma chi se ne frega se le scuole private falliscono??????

Vuol dire che i loro gestori non sono stati abbastanza capaci di mettere su un'impresa funzionante, e allora saranno cavoli loro o no?

Se fallisce una panetteria, un ristorante o una boutique, lo stato si sente in dovere di finanziarla con soldi pubblici per scongiurare il fallimento a tutti i costi? Non mi risulta.

E tantomeno mi risulta che qualcuno si sogni di dire che se lo stato finanzia la panetteria per impedirle di fallire, in tal modo risparmia soldi che può dedicare ai servizi pubblici. Lo capisce chiunque, che è una balla grossolana.

Solo tu pensi che siamo tutti così deficienti da non capirlo.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 11:28 pm

A fare questo ragionamento non sono l'unica, sono infatti in grande ed autorevole compagnia, certo è che, se si continua a non argomentare nel merito, temo non si vada molto lontano.
Per quanto riguarda invece chi voglia confrontarsi con i dati volevo aggiungere che non si può costringere il prossimo a replicare sui propri argomenti, se poi non si sia disposti a confrontarsi anche sui dati che anche gli altri portano a sostegno delle proprie tesi.
Perciò risponderò, ma mi aspetto uguale lealtà.
A me sembra che  quei conti partano da presupposti sbagliati, infatti:
1) Il costo della retta della paritaria non è detto che sia di 5000 euro annui.
So di far andare su tutte le furie eventuali miei interlocutori, ma devo fare riferimento per forza di cose alla mia esperienza familiare, e pertanto posso assicurare che la paritaria per i mio  figlio è costata circa 2500 euro l'anno.
2) Non è obbligatorio devolvere il 5 per mille alla paritaria nella quale è iscritto il proprio figlio, si può benissimo optare di devolvere ad altri.
A me questi due argomenti sembrano già più che sufficienti a smontare adeguatamente la tesi proposta.
Tornare in alto Andare in basso
carla75



Messaggi : 4283
Data d'iscrizione : 26.10.10

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Ven Mag 08, 2015 11:52 pm

quella che non entra nel merito della discussione giuridica ed economica sei tu.
per me sei liberissima di mandare tuo figlio a studiare dove vuoi, anche in una scuola coranica. pero', se permetti, a spese mio proprio no. io pago le mie tasse per i servizi pubblici, non per quelli privati. anche perché , come ti ho fatto notare (ma tu ovviamente non rispondi, forse perche' la costituzione non la conosci proprio), e' incostituzionale. E in un sistema democratico la Costituzione non e' un manualetto di istruzioni. se poi non hai nulla da argomentare puoi sempre postare un articolo scritto da altri, come fai di solito.
Tornare in alto Andare in basso
lurk



Messaggi : 818
Data d'iscrizione : 14.04.15

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Sab Mag 09, 2015 5:52 am

Sarà interessante leggere i suoi piagnistei su questa riforma quando, per ragioni di risparmio dello Stato, sarà tagliata fuori dal piano straordinario di assunzioni.
Sarà molto interessante. E personalmente mi auguro che succeda perché sono persone come queste che contribuiscono allo sfascio della Scuola pubblica ed è auspicabile che non ci mettano mai piede.
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi   Sab Mag 09, 2015 7:02 am

Sono molto contento che, dopo avercela menata con la storia dell'assunzione e di quanto sia bello il DDL, Francesca4 riveli cio che è: una sostenitrice della lobby delle scuole paritarie.

Dalla lettura di quanto scrive Francesca4 si evidenzia una presa di posizione tipica dei liberalisti in salsa matriciana: viva il mercato, ma con i soldi dello Stato.

Se le imprese private di questo come di altri settori non riescono a stare sul mercato autonomamente, malgrado una legislazione e forme di contratto con i lavoratori molto più favorevoli rispetto al settore pubblico, perché mai lo Stato dovrebbe mettere i propri soldi per permetterne la sopravvivenza? Perché il povero Cristo che apre una piccola impresa di costruzioni può fallire e quello che apre una scuola convenzionata no? Non è che niente niente c'entra il credo religioso?

Ovviamente non si parla dei servizi in convenzione, come gli asili nido e le scuole dell'infanzia, per i quali le criticità di ordine logico ed etico sono altre.

Ti consiglio però di non perdere tempo e farne perdere ai tuoi lettori scrivendo frasi senza capo nè coda tipo:
"Non condivido l'ultima osservazione, poiché in caso contrario, ti assicuro, non perderei tempo a risponderti. Sono abbastanza sicura, invece, di averti ben misurato."
"A fare questo ragionamento non sono l'unica, sono infatti in grande ed autorevole compagnia, certo è che, se si continua a non argomentare nel merito, temo non si vada molto lontano."

Tornare in alto Andare in basso
 
La Repubblica si è schierata: pro DDL pro Renzi
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» la repubblica delle banane
» Arrivo Ambasciatore della Repubblica di Genova
» Quegli 80 euro di Renzi
» Leggi Serenissima Repubblica di Venezia
» Regolamenti della Repubblica Fiorentina

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: