Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Minorenni nel comitato di valutazione?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
AutoreMessaggio
gugu



Messaggi : 25632
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Minorenni nel comitato di valutazione?   Sab Mag 09, 2015 5:31 pm

Promemoria primo messaggio :

L'attuale formulazione del comitato di valutazione prevede che lo stesso sia formato da:

il Ds
2 docenti
2 genitori se nel primo ciclo
1 genitore e 1 studenti nella secondaria


Ora, posto che anche la sola presenza di un genitore può essere in evidente conflitto di interesse (il figlio ha voti bassi, è stato bocciato, ecc.) non riesco, a livello legale, a capire come un dodicenne possa decidere se far passare o meno l'anno di prova al proprio insegnante.

Il comma va evidentemente cambiato; il contenzioso successivo sarebbe devastante e potrebbe aprire anche riflessi di responsabilità penale (chi non potrebbe dire che il minore non venga spinto a votare in un modo piuttosto che in un altro, visto che a quella età si è ancora fortemente influenzabili? Quale genitore farebbe partecipare il proprio figlio minore ad un comitato dai compiti così delicati?).
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
aku



Messaggi : 449
Data d'iscrizione : 27.06.13
Località : veneto

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:31 am

Molte cose sono da chiarire rispetto al ruolo e alle modalità di lavoro del comitato. Non c'è scritto nulla in merito nel ddl che io sappia e ho anche fatto una domanda proprio in proposito a quali saranno i casi in cui questo comitato sarà chiamato ad esprimersi in un altro thread che al momento, per quanto ne so, non ha avuto risposta. Chiedevo infatti se tale comitato sarà la vecchia commissione di valutazione riaggiornata con questa stortura, e quindi valuterà l'anno di prova dei neo immessi, o se sarà legato al piano triennale e usato perciò per valutare i docenti ogni tot anni. Non c'è scritto così, no c'è scritto nemmeno il contrario.

Ma mettiamola così, scegliamo di ragionare sul meno peggio: il comitato esprime il parere sui nuovi immessi in ruolo dopo l'anno di prova. Bene, esprime un parere per fare cosa? Per decidere se tenere o meno l'insegnante e confermare il ruolo. E decide in base a cosa? Credo possa decidere solo in base a cosa pensa del docente dopo l'anno di prova.

Non capisco cosa non capisci. Il comitato valuta il docente e nel comitato ci saranno persone che non hanno alcun titolo nè competenza per farlo. A me sembra chiaro. E assurdo.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:32 am

luce83 ha scritto:
Ammesso e non concesso, la legge non dice questo o non lo dice così chiaramente come tu lo dai scontato e lascia ai soprusi e agli abusi libero sfogo,

"Il personale docente ed educativo in periodo di formazione e di prova è sottoposto a valutazione da parte del dirigente scolastico, sentito il Comitato di valutazione di cui all'articolo 11 del Testo Unico, di cui al decreto legislativo n. 297 del 1994, come modificato dalla presente legge, sulla base di un'istruttoria di un docente al quale sono affidate dal dirigente scolastico le funzioni di tutor." (Art. 9, c. 3 del ddl)

"La nomina in ruolo è disposta dal dirigente dell'amministrazione scolastica territorialmente competente." (Art. 401, c. 6 del D.Lgs. n.297/1994)

"Compiuto l'anno di formazione il personale docente consegue la conferma in ruolo con decreto del provveditore agli studi tenuto conto del parere del comitato per la valutazione del servizio. Il provvedimento è definitivo." (Art. 440, c. 6 del D.Lgs. n.297/1994)


luce83 ha scritto:
ma non ci sto in ogni caso, i docenti non possono e non devono essere valutati dalla loro utenza o dal DS o dai colleghi, il ministero formasse ispettori nel modo opportuno e l'inviasse in giro per le scuole, preparandoli e selezionandoli adeguatamente. Ho lavorato all'estero e mi è capitata una ispezione ministeriale, è stato piuttosto stressante ma ho ricevuto un report completo delle 5 ore di osservazione ricevute, con commenti e consigli. Questa sarebbe l'unica forma di valutazione che mai accetterei. Alunni e famiglie si preoccupassero di studiare e di far studiare i loro pargoli cosa che la maggior parte non fa.
Mettessero i rilevatori presenze e la facessero finita con la puntualità, per me sarebbe indifferente.

Non sono certo contrario a questa forma di valutazione. Ma cosa c'entra con il comitato di valutazione di cui si sta parlando che ha competenze ben più circoscritte e non decide alcunché?
Tornare in alto Andare in basso
Babbeus



Messaggi : 1683
Data d'iscrizione : 17.03.15

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:42 am

luce83 ha scritto:

Quando ho studiato al liceo, e non è un era passata, i docenti interrogavano a loro piacere, quando volevano, compiti scritti a sorpresa e nessuno si straniva, di 31 che eravamo al terzo anno ci diplomammo in una ventina ed era giusto così. Oggi i DS vogliono promossi anche i più scellerati e svogliati solo per avere utenza, guai ad essere severi o meglio solamente essere GIUSTI. Il diploma che ho preso 20 anni or sono aveva un valore di cultura quello che rilasciamo oggi molto meno, quello post riforma probabilmente ancor minore o nullo, ma tanto l'importante è fare vedere i numeri, far riempire la bocca ai politicucci con la diminuzione della dispersione scolastica. Ma si va, più diplomi per tutti, più 100 per tutti! W l'apparenza!

La cosa più esilarante è che secondo la teoria del tuo simpatico interlocutore (vedi thread "i mille pregi della riforma") se succede tutto questo o se succederà di più domani sotto il ricatto del trasferimento (che può essere anche fuori dalla provincia stando al ddl nella forma attuale) è sempre e solo colpa del docente che non ottempera ai suoi "doveri professionali" ribellandosi alle richieste del DS e non assumendosi il rischio di farsi trasferire lontano dalla famiglia.

Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:44 am

aku ha scritto:
Molte cose sono da chiarire rispetto al ruolo e alle modalità di lavoro del comitato. Non c'è scritto nulla in merito nel ddl che io sappia e ho anche fatto una domanda proprio in proposito a quali saranno i casi in cui questo comitato sarà chiamato ad esprimersi in un altro thread che al momento, per quanto ne so, non ha avuto risposta.  Chiedevo infatti se tale comitato sarà la vecchia commissione di valutazione riaggiornata con questa stortura, e quindi valuterà l'anno di prova dei neo immessi, o se sarà legato al piano triennale e usato perciò per valutare i docenti ogni tot anni. Non c'è scritto così, no c'è scritto nemmeno il contrario.

Ma mettiamola così, scegliamo di ragionare sul meno peggio: il comitato esprime il parere sui nuovi immessi in ruolo dopo l'anno di prova. Bene, esprime un parere per fare cosa? Per decidere se tenere o meno l'insegnante e confermare il ruolo. E decide in base a cosa? Credo possa decidere solo in base a cosa pensa del docente dopo l'anno di prova.

Non capisco cosa non capisci. Il comitato valuta il docente e nel comitato ci saranno persone che non hanno alcun titolo nè competenza per farlo. A me sembra chiaro. E assurdo.

No è il ds a valutare il docente, sentito il parere del comitato e l'autorità scolastica territorialmente competente a decidere la conferma in ruolo. Quindi:

- Il comitato esprime un parere, non valuta e non decide
- Il ds valuta, sentito il parere del comitato (che presiede) e non decide
- L'autorità scolastica territorialmente competente decide

Non ti pare ci siano filtri sufficienti per dare un giusto peso al parere di genitori e studenti?
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:47 am

Babbeus ha scritto:
luce83 ha scritto:

Quando ho studiato al liceo, e non è un era passata, i docenti interrogavano a loro piacere, quando volevano, compiti scritti a sorpresa e nessuno si straniva, di 31 che eravamo al terzo anno ci diplomammo in una ventina ed era giusto così. Oggi i DS vogliono promossi anche i più scellerati e svogliati solo per avere utenza, guai ad essere severi o meglio solamente essere GIUSTI. Il diploma che ho preso 20 anni or sono aveva un valore di cultura quello che rilasciamo oggi molto meno, quello post riforma probabilmente ancor minore o nullo, ma tanto l'importante è fare vedere i numeri, far riempire la bocca ai politicucci con la diminuzione della dispersione scolastica. Ma si va, più diplomi per tutti, più 100 per tutti! W l'apparenza!

La cosa più esilarante è che secondo la teoria del tuo simpatico interlocutore (vedi thread "i mille pregi della riforma") se succede tutto questo o se succederà di più domani sotto il ricatto del trasferimento (che può essere anche fuori dalla provincia stando al ddl nella forma attuale) è sempre e solo colpa del docente che non ottempera ai suoi "doveri professionali" ribellandosi alle richieste del DS e non assumendosi il rischio di farsi trasferire lontano dalla famiglia.

Confermo, puntualizzando che l'ambito territoriale entro cui potrebbe esserci il rischio di un cambio della sede alla fine del terzo anno di incarico (nessuno può disporre trasferimenti) è sub-provinciale.


Ultima modifica di MMM il Mar Mag 12, 2015 12:06 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:48 am

sentito il comitato, il DS? sentito di che?!! queste cose da kolchoz sono anacronistiche ridicole, schifose! sono solo una umiliazione alla mia preparazione e nostra professione, la comunità che mette bocca sulle sensazioni, le impressioni il grande fratello e lo spetteguless questo avremo nelle scuole!

Mi sono espressa più volte sulla mia contrarietà assoluta ed i motivi per i quali il DS e qualunque comitato interno non sono in grado, non sono formati per, non hanno la cultura per, e non è opportuno che valutino un docente. Sarebbe molto più giusto un sistema ove il DS se ha dubbi chiamasse un ispettore ministeriale giustificando la richiesta specifica di verifica puntuale invece che di una causale a campione.

Per questioni più tecniche, come le presenze ci sono strumenti tecnologici adeguati a svolgere la funzione e non lasciare la cosa ad un arbitrario chi che sia, nuovamente anche qui alla sensazione. Aaa dimenticavo c'è un problema con i rilevatori presenze, poi dopo si scoprirebbe quante ore in più permangono i docenti negli istituti e li si dovrebbe retribuire... e non va bene questo vero?!
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:50 am

luce83 ha scritto:
Per questioni più tecniche, come le presenze ci sono strumenti tecnologici adeguati a svolgere la funzione e non lasciare la cosa ad un arbitrario chi che sia, nuovamente anche qui alla sensazione. Aaa dimenticavo c'è un problema con i rilevatori presenze, poi dopo si scoprirebbe quante ore in più permangono i docenti negli istituti e li si dovrebbe retribuire... e non va bene questo vero?!

Guarda, io pensavo più che altro ai ritardi nelle consegne come mero esempio di rispetto dello Statuto delle Studentesse e degli Studenti (D.P.R. 294/98), per cui credo che gli studenti stessi abbiano titolo ad esprimere un parere, o no?


Ultima modifica di MMM il Mar Mag 12, 2015 12:00 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 11:59 am

Anche qui no non è questo il modo. Esiste un sistema informativo che può essere utilizzato e modificato per far si che queste cose vengano rilevate senza necessità di chiedere alcuna opinione che può essere sempre e comunque faziosa non veritiera. Metti un bel programma con un gantt delle scadenze ove i docenti caricano i dati gli elaborati le votazioni. Statistiche alla mano in assenza di giustificazioni altrettanto palesi (es malattia) il DS potrà fare le dovute considerazioni tecniche senza chiedere ed umiliare, porre sotto ricatto, un professore con la sua utenza.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:00 pm

Peraltro, come sai bene, il CCNLcs non prevede per i docenti una retribuizione a ore, per cui ha poco senso parlare di "ore in più". Se la tua è una proposta di revisione, mi trovi pienamente d'accordo. Non so se lo sarebbero la maggioranza dei docenti ed i sindacati che li rappresentano.


Ultima modifica di MMM il Mar Mag 12, 2015 12:03 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:03 pm

luce83 ha scritto:
Anche qui no non è questo il modo. Esiste un sistema informativo che può essere utilizzato e modificato per far si che queste cose vengano rilevate senza necessità di chiedere alcuna opinione che può essere sempre e comunque faziosa non veritiera. Metti un bel programma con un gantt delle scadenze ove i docenti caricano i dati gli elaborati le votazioni. Statistiche alla mano in assenza di giustificazioni altrettanto palesi (es malattia) il DS potrà fare le dovute considerazioni tecniche senza chiedere ed umiliare, porre sotto ricatto, un professore con la sua utenza.

D'accordo, ma era - come ho scritto - un "mero esempio"... Quale sarebbe poi l'umiliazione o il ricatto di lasciare gli studenti esprimere ufficialmente il loro parere sul docente? Lo si fa in molti paesi avanzati e non è difficile dare il giusto peso a questi giudizi. Di che si ha paura?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:13 pm

si ma poi per questo motivo veniamo da molti ignoranti classificati come casta "a ma fossi io a dover lavorare solo 18 ORE!!!" gli ignoranti, il popolino, questo pensa, magari hanno la seconda elementare ma credono che la nostra professione sia qualche cose di facile da poter ottenere e svolgere, magari a scuola avevano un treno di quattro!! Preparare le lezioni, preparare le verifiche, correggerle, aggiornarsi, consiglio di qua , consiglio di la, scrutini, esami di Stato, gite, tutte cose sciocche e che prendono 10 minuti scarsi secondo la massa del popolino! e non ci sto e rispondo per le rime a chi afferma che lavoro poco per quello che mi pagano. Per la nostra professioni il livello minimo di accesso è la laurea magistrale ed in molti casi anche l'abilitazione professionale. 1300€ netti al mese per le ore frontali e quanto fatto extra aula sono veramente al limite della decenza anche per un posto statale!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:21 pm

MMM ha scritto:
luce83 ha scritto:
Anche qui no non è questo il modo. Esiste un sistema informativo che può essere utilizzato e modificato per far si che queste cose vengano rilevate senza necessità di chiedere alcuna opinione che può essere sempre e comunque faziosa non veritiera. Metti un bel programma con un gantt delle scadenze ove i docenti caricano i dati gli elaborati le votazioni. Statistiche alla mano in assenza di giustificazioni altrettanto palesi (es malattia) il DS potrà fare le dovute considerazioni tecniche senza chiedere ed umiliare, porre sotto ricatto, un professore con la sua utenza.

D'accordo, ma era - come ho scritto - un "mero esempio"... Quale sarebbe poi l'umiliazione o il ricatto di lasciare gli studenti esprimere ufficialmente il loro parere sul docente? Lo si fa in molti paesi avanzati e non è difficile dare il giusto peso a questi giudizi. Di che si ha paura?

L ho già spiegato sopra, leggi dei docenti orsetto. Molti Paesi hanno fatto l'esperimento decenni or sono e sono anglosassoni i primi ad averlo realizzato. Cosa è accaduto è storia ed il risultato non è migliorativo ma solo degradante, professori più attenti a restare simpatici che a quello che insegnano. Sono una professionista per quanto lo Stato voglia trasformarmi in una manovale non accetto di divenire asservita con il ricatto dello spostamento ad un DS impreparato ed al suo comitato di lacchè . Ma se tanto vogliono, tanto avranno più cento per tutti e W l'italia!
Tornare in alto Andare in basso
lox975



Messaggi : 50
Data d'iscrizione : 21.09.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:25 pm

è come se l'imputato potesse decidere se il giudice ha emesso su di lui la giusta sentenza e di conseguenza stabilire se debba essere licenziato o meno: siamo alla follia
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:30 pm

lox975 ha scritto:
è come se l'imputato potesse decidere se il giudice ha emesso su di lui la giusta sentenza e di conseguenza stabilire se debba essere licenziato o meno: siamo alla follia

Questi paragoni privi di senso non aiutano nessuno e servono solo a far cagnara.
Tornare in alto Andare in basso
lox975



Messaggi : 50
Data d'iscrizione : 21.09.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:35 pm

MMM ha scritto:
lox975 ha scritto:
è come se l'imputato potesse decidere se il giudice ha emesso su di lui la giusta sentenza e di conseguenza stabilire se debba essere licenziato o meno: siamo alla follia

Questi paragoni privi di senso non aiutano nessuno e servono solo per far cagnara.

aiuta invece sapere che il giudizio di uno studente quattordicenne, che non può votare e che non è legalmente perseguibile, possa decidere sulla vita professionale di un adulto: ripeto, siamo alla follia
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:36 pm

luce83 ha scritto:
MMM ha scritto:
D'accordo, ma era - come ho scritto - un "mero esempio"... Quale sarebbe poi l'umiliazione o il ricatto di lasciare gli studenti esprimere ufficialmente il loro parere sul docente? Lo si fa in molti paesi avanzati e non è difficile dare il giusto peso a questi giudizi. Di che si ha paura?

L ho già spiegato sopra, leggi dei docenti orsetto. Molti Paesi hanno fatto l'esperimento decenni or sono e sono anglosassoni i primi ad averlo realizzato. Cosa è accaduto è storia ed il risultato non è migliorativo ma solo degradante, professori più attenti a restare simpatici che a quello che insegnano.

Non mi risulta che sia stata abolita la valutazione degli studenti. E' stato forse ridimensionato il peso che gli è stato inizialmente dato.


luce83 ha scritto:
Sono una professionista per quanto lo Stato voglia  trasformarmi in una manovale non accetto di divenire asservita con il ricatto dello spostamento ad un DS impreparato ed al suo comitato di lacchè . Ma se tanto vogliono, tanto avranno più cento per tutti  e W l'italia!

Se i "cento" non saranno in grado di certificare capacità reali non varranno niente. Per questo esistono le valutazioni indipendenti, pubbliche (come l'INVALSI) o private (come Eduscopio). Non sarà più questione di voti ma di quali istituzioni ti hanno formato. Speriamo nell'abolizione del valore legale dei titoli di studio.
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:38 pm

lox975 ha scritto:
aiuta invece sapere che il giudizio di uno studente quattordicenne, che non può votare e che non è legalmente perseguibile, possa decidere sulla vita professionale di un adulto: ripeto, siamo alla follia

Evidentemente non conosci - o fai finta di non conoscere - come funziona il comitato di valutazione, nonostante sia stato ricordato per esteso in questo thread.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:38 pm

MMM ha scritto:
lox975 ha scritto:
è come se l'imputato potesse decidere se il giudice ha emesso su di lui la giusta sentenza e di conseguenza stabilire se debba essere licenziato o meno: siamo alla follia

Questi paragoni privi di senso non aiutano nessuno e servono solo a far cagnara.

trovo invece per quanto estremizzato l'esempio sia calzate.
Un pubblico ufficiale non può essere sottoposto alla valutazione della sua utenza, senza se e senza ma, altrimenti non può svolgere il suo lavoro liberamente!
Un magistrato le cui sorti lavorativi e/o professionali dipendessero dalla valutazione del suo operato da parte dei suoi giudicati potrebbe essere imparziale? non credo proprio!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 12:44 pm

MMM ha scritto:
luce83 ha scritto:
MMM ha scritto:
D'accordo, ma era - come ho scritto - un "mero esempio"... Quale sarebbe poi l'umiliazione o il ricatto di lasciare gli studenti esprimere ufficialmente il loro parere sul docente? Lo si fa in molti paesi avanzati e non è difficile dare il giusto peso a questi giudizi. Di che si ha paura?

L ho già spiegato sopra, leggi dei docenti orsetto. Molti Paesi hanno fatto l'esperimento decenni or sono e sono anglosassoni i primi ad averlo realizzato. Cosa è accaduto è storia ed il risultato non è migliorativo ma solo degradante, professori più attenti a restare simpatici che a quello che insegnano.

Non mi risulta che sia stata abolita la valutazione degli studenti. E' stato forse ridimensionato il peso che gli è stato inizialmente dato.


luce83 ha scritto:
Sono una professionista per quanto lo Stato voglia  trasformarmi in una manovale non accetto di divenire asservita con il ricatto dello spostamento ad un DS impreparato ed al suo comitato di lacchè . Ma se tanto vogliono, tanto avranno più cento per tutti  e W l'italia!

Se i "cento" non saranno in grado di certificare capacità reali non varranno niente. Per questo esistono le valutazioni indipendenti, pubbliche (come l'INVALSI) o private (come Eduscopio). Non sarà più questione di voti ma di quali istituzioni ti hanno formato. Speriamo nell'abolizione del valore legale dei titoli di studio.

Abolita o no, non sono esempi da portare a dimostrazione delle tue idee, perché sono esampi che dimostrano il contrario e quanto è stato fallimentare applicare certe cose.

Sull'abolizione del valore legale lo pensi te, io non lo voglio, creare un mondo dove le scuole "buone" per le persone "buone" formano e le altre sono parcheggi per i poveretti non è proprio la mia concezione del mondo.

Ma certo che sei forte, da una parte vuoi applicare metodi e concetti comunisti da URSS , il COMITATO di valutazione del popolo!!! E per delle altre sei un balilla esemplare del ventennio, il DS che ci piglia a calci, ci trasferisce e ci sceglie. Un bel MIX degno di questo governo non eletto, proprio in linea con il DS renziano pensiero, ma non è che lavori per loro, mi sorge il dubbio sai?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6161
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 1:01 pm

MMM ha scritto:
Speriamo nell'abolizione del valore legale dei titoli di studio.

E perché, cosa cambierebbe (in meglio)?

Non sarai mica una di quelle macchiette esilaranti che pensano davvero che "se il pezzo di carta non contasse più niente", questo invoglierebbe a impegnarsi di più quelli a cui non importa nulla di impegnarsi nemmeno adesso, che il pezzo di carta conta ancora qualcosa???

Spettacolare proprio.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Babbeus



Messaggi : 1683
Data d'iscrizione : 17.03.15

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 1:02 pm

MMM ha scritto:
Babbeus ha scritto:
luce83 ha scritto:

Quando ho studiato al liceo, e non è un era passata, i docenti interrogavano a loro piacere, quando volevano, compiti scritti a sorpresa e nessuno si straniva, di 31 che eravamo al terzo anno ci diplomammo in una ventina ed era giusto così. Oggi i DS vogliono promossi anche i più scellerati e svogliati solo per avere utenza, guai ad essere severi o meglio solamente essere GIUSTI. Il diploma che ho preso 20 anni or sono aveva un valore di cultura quello che rilasciamo oggi molto meno, quello post riforma probabilmente ancor minore o nullo, ma tanto l'importante è fare vedere i numeri, far riempire la bocca ai politicucci con la diminuzione della dispersione scolastica. Ma si va, più diplomi per tutti, più 100 per tutti! W l'apparenza!

La cosa più esilarante è che secondo la teoria del tuo simpatico interlocutore (vedi thread "i mille pregi della riforma") se succede tutto questo o se succederà di più domani sotto il ricatto del trasferimento (che può essere anche fuori dalla provincia stando al ddl nella forma attuale) è sempre e solo colpa del docente che non ottempera ai suoi "doveri professionali" ribellandosi alle richieste del DS e non assumendosi il rischio di farsi trasferire lontano dalla famiglia.

Confermo, puntualizzando che l'ambito territoriale entro cui potrebbe esserci il rischio di un cambio della sede alla fine del terzo anno di incarico (nessuno può disporre trasferimenti) è sub-provinciale.

Non in base all'attuale forma del ddl:
http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/retromarcia-sui-nuovi-albi-dei-prof-saranno-piu-ampi-delle-province.flc
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 1:04 pm

luce83 ha scritto:
Abolita o no, non sono esempi da portare a dimostrazione delle tue idee, perché sono esampi che dimostrano il contrario e quanto è stato fallimentare applicare certe cose.

Vorresti essere più precis*?


luce83 ha scritto:
Sull'abolizione del valore legale lo pensi te, io non lo voglio, creare un mondo dove le scuole "buone" per le persone "buone" formano e le altre sono parcheggi per i poveretti non è proprio la mia concezione del mondo.

Ma certo che sei forte, da una parte vuoi applicare metodi e concetti comunisti da URSS , il COMITATO di valutazione del popolo!!! E per delle altre sei un balilla esemplare del ventennio, il DS che ci piglia a calci, ci trasferisce e ci sceglie. Un bel MIX degno di questo governo non eletto, proprio in linea con il DS renziano pensiero, ma non è che lavori per loro, mi sorge il dubbio sai?

Si tratta di caratteristiche dei sistemi di istruzione propri di specchiate democrazie. Peraltro, nella variante italiana di democrazia parlamentare rappresentativa, i governi non si eleggono e quindi, a Costituzione vigente, non ci sono mai stati né ci saranno governi eletti. Ho già precisato che non faccio parte in alcun modo, né come membro interno né come consulente esterno, dell'apparato partitico o governativo o della burocrazia ministeriale.


Ultima modifica di MMM il Mar Mag 12, 2015 1:16 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
MMM



Messaggi : 591
Data d'iscrizione : 03.02.11

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 1:12 pm

Babbeus ha scritto:
MMM ha scritto:
Confermo, puntualizzando che l'ambito territoriale entro cui potrebbe esserci il rischio di un cambio della sede alla fine del terzo anno di incarico (nessuno può disporre trasferimenti) è sub-provinciale.

Non in base all'attuale forma del ddl:
http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/retromarcia-sui-nuovi-albi-dei-prof-saranno-piu-ampi-delle-province.flc

Lo leggi quello che posti? Ma a scanso di equivoci ed interpretazioni giornalistiche fantasiose e sensazionalistiche, basta guardarsi il ddl:

"I ruoli del personale docente sono regionali, articolati in ambiti territoriali, suddivisi in sezioni separate per gradi di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto. Entro il 31 marzo 2016 gli uffici scolastici regionali, su indicazione del Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca, sentite le Regioni e gli Enti Locali, definiscono l'ampiezza degli ambiti territoriali, di norma inferiori alla provincia, considerando: a) la popolazione scolastica; b) la prossimità delle istituzioni scolastiche; c) le caratteristiche del territorio, tenendo anche conto delle specificità delle aree interne, montane e delle piccole isole, della presenza di scuole in carcere, nonché di ulteriori situazioni o esperienze territoriali già in essere." (Art. 6, c. 3)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 1:32 pm

MMM ha scritto:
luce83 ha scritto:
Abolita o no, non sono esempi da portare a dimostrazione delle tue idee, perché sono esampi che dimostrano il contrario e quanto è stato fallimentare applicare certe cose.

Vorresti essere più precis*?


luce83 ha scritto:
Sull'abolizione del valore legale lo pensi te, io non lo voglio, creare un mondo dove le scuole "buone" per le persone "buone" formano e le altre sono parcheggi per i poveretti non è proprio la mia concezione del mondo.

Ma certo che sei forte, da una parte vuoi applicare metodi e concetti comunisti da URSS , il COMITATO di valutazione del popolo!!! E per delle altre sei un balilla esemplare del ventennio, il DS che ci piglia a calci, ci trasferisce e ci sceglie. Un bel MIX degno di questo governo non eletto, proprio in linea con il DS renziano pensiero, ma non è che lavori per loro, mi sorge il dubbio sai?

Si tratta di caratteristiche dei sistemi di istruzione propri di specchiate democrazie. Peraltro, nella variante italiana di democrazia parlamentare rappresentativa, i governi non si eleggono e quindi, a Costituzione vigente, non ci sono mai stati né ci saranno governi eletti. Ho già precisato che non faccio parte in alcun modo, né come membro interno né come consulente esterno, dell'apparato partitico o governativo o della burocrazia ministeriale.

non c'è bisogno di alcuna precisione ti ho scritto sopra i motivi del fallimento della valutazione dei docenti e dei loro corsi fatta nel modo proposto dal governo attuale. Tu porti esempi a favore delle tue tesi senza però dire o avere conoscenza che tali esempi si son dimostrati fallimentari e già da molti anni. Scuole di serie A per i figli di papà che debbono continuare gli studi e scuole di serie B per chi senza soldini deve trovarsi un lavoretto e tanti docenti orsetto...

Per il resto il fatto che qualche altro Stato applichi questo sistema non porta nessun valore aggiunto ne che sia una specchiata democrazia o una dittatura, ci sono state e ci sono dittature o comunque paesi non liberi che hanno sistemi d'istruzione di tutto rispetto, non c'è diretta rispondenza tra qualità dell'insegnamento e forma di stato e di governo. Democrazia è un termine sul quale potremmo parlar giorni e giorni e comunque noi non siamo in democrazia ma in post-democrazia che è ben altro.
Tornare in alto Andare in basso
Babbeus



Messaggi : 1683
Data d'iscrizione : 17.03.15

MessaggioOggetto: Re: Minorenni nel comitato di valutazione?   Mar Mag 12, 2015 1:39 pm

MMM ha scritto:
Babbeus ha scritto:
MMM ha scritto:
Confermo, puntualizzando che l'ambito territoriale entro cui potrebbe esserci il rischio di un cambio della sede alla fine del terzo anno di incarico (nessuno può disporre trasferimenti) è sub-provinciale.

Non in base all'attuale forma del ddl:
http://www.flcgil.it/rassegna-stampa/nazionale/retromarcia-sui-nuovi-albi-dei-prof-saranno-piu-ampi-delle-province.flc

Lo leggi quello che posti?

Fa parte delle richieste dell'ufficio marketing PD essere gratuitamente aggressivi verso chi ti contraddice?

Citazione :

Ma a scanso di equivoci ed interpretazioni giornalistiche fantasiose e sensazionalistiche, basta guardarsi il ddl:

"I ruoli del personale docente sono regionali, articolati in ambiti territoriali, suddivisi in sezioni separate per gradi di istruzione, classi di concorso e tipologie di posto. Entro il 31 marzo 2016 gli uffici scolastici regionali, su indicazione del Ministero dell’istruzione dell’università e della ricerca, sentite le Regioni e gli Enti Locali, definiscono l'ampiezza degli ambiti territoriali, di norma inferiori alla provincia, considerando: a) la popolazione scolastica; b) la prossimità delle istituzioni scolastiche; c) le caratteristiche del territorio, tenendo anche conto delle specificità delle aree interne, montane e delle piccole isole, della presenza di scuole in carcere, nonché di ulteriori situazioni o esperienze territoriali già in essere." (Art. 6, c. 3)

L'espressione "di norma" a casa mia significa che esiste una parte non trascurabile di casi in cui la cosa non si verificherà.

Tornare in alto Andare in basso
 
Minorenni nel comitato di valutazione?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 8Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente
 Argomenti simili
-
» Genitori e studenti nel Comitato di valutazione !
» comitato di valutazione
» Valutazione e selezione degli ovociti per la fecondazione in vitro
» Valutazione spermiogramma di mio marito
» La valutazione della riserva ovarica

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: