Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Collega inetto: cosa fare?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
AutoreMessaggio
mystika



Messaggi : 2539
Data d'iscrizione : 13.10.09
Località : Milano

MessaggioOggetto: Collega inetto: cosa fare?   Mar Mag 12, 2015 5:08 pm

Promemoria primo messaggio :

Cari colleghi,
vi chiedo consiglio su una situazione sgradevole e delicata.
Sono docente di sostegno in compresenza con un collega curricolare che non prova neanche a fare lezione. Entra in classe, si siede, e per tutta l'ora si fa i fatti suoi con l'ipad. Gli alunni nella migliore delle ipotesi studiano altre materie, altrimenti bivaccano giocando al cellulare, etc. Quando ci sono anch'io, insisto perché facciano qualcosa e non escano dall'aula, ma a volte mi rispondono candidamente: "se non importa niente a lui, lei non si sbatta troppo".
Durante le verifiche, è il caos e i voti sono tutti positivi, quindi i genitori non si lamentano.
Il suo tutor (è in anno di prova) alza le mani perché dice che tanto l'anno di prova è una farsa e lui non può farci niente, ma io ho paura che torni nella nostra scuola il prossimo anno (i posti ci sono e, se la chiede, è facile che la ottenga).
Secondo voi devo/posso fare qualcosa? Umanamente il collega mi è anche simpatico, ma deontologicamente mi dico che non posso far finta di nulla, per il bene degli alunni e della scuola.
Consigli? Vi è mai capitata una situazione del genere?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Gio Mag 14, 2015 8:18 am

Mi rendo conto che le notizie sul vostro lavoro non vi rallegrano di sicuro, però, permettimi, pulsar, farsi gli affari propri in una situazione del genere, lasciare che ci sia chi va a scuola, come docente, senza nemmeno aver capito cosa ci va a fare, fa solo il gioco di chi la scuola la vede male, e, a queste condizioni, non a torto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
tellina



Messaggi : 7494
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Gio Mag 14, 2015 10:03 am

Pulsar...se l'inetto fosse un volontario a stipendio zero potrei e non è comunque detto, concordare con te.
Ma personaggi simili rovinano gli alunni, rovinano la scuola e rovinano la nostra stessa immagine e figura di docenti/lavoratori seri.
E in più... Rubano uno stipendio che anche io gli sto pagando con le mie tasse.
...nessuna pietà.
Tornare in alto Andare in basso
Online
pulsar



Messaggi : 221
Data d'iscrizione : 21.07.12

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Gio Mag 14, 2015 5:19 pm

Da parte delle istituzioni ,Tellina,non da parte del collega.Ci sono mangiapane a tradimento illegali e legalizzati da chi comanda.Bah!
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17789
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Gio Mag 14, 2015 5:51 pm

pulsar ha scritto:
Da parte delle istituzioni ,Tellina,non da parte del collega.Ci sono mangiapane a tradimento illegali e legalizzati da chi comanda.Bah!
Questo è vero e ce ne sono tanti, ma ciò non può essere utilizzato per giustificare un collega "lavativo" o per fare finta che non esista il problema
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Gio Mag 14, 2015 6:26 pm

Mi sembra di capire, pulsar, che tu ne abbia le scatole piene di tutto. E quando non se ne può più non se ne può più di niente
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
pulsar



Messaggi : 221
Data d'iscrizione : 21.07.12

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Gio Mag 14, 2015 8:33 pm

Hai ragione,Ire.Sono proprio stanca,mentalmente e fisicamente.Non è colpa mia:sarei andata via nel 2012,ma sono stata bloccata dalla riforma.Amo il mio lavoro e cerco di farlo al meglio.Amo i bambini che sono l'unica ragione per cui mi alzo al mattino e parto.Dal mio alunno speciale oggi ho ricevuto un bellissimo regalo (ovviamente scolastico,comportamentale)e mi è venuto da piangere.A fatica mi sono controllata.In tre anni quanti miglioramenti ha fatto!!Questo è quel che mi piace della scuola,non l'ignoranza,l'ipocrisia, le bugie,le prese in giro,l'autocelebrazione dei colleghi and company.Mi lascio incantare dai fatti,non dalle parole,Ire.
Scusami,Mystika,per essere andata oltre il tuo problema.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Gio Mag 14, 2015 8:42 pm


Capisco.

Vorrei dire altro ma sembrerebbe retorica.

Mi sono venuti i brividi sentendo del regalo che hai ricevuto. Sono contenta per quel tuo alunno.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Ven Mag 15, 2015 8:57 pm

Ho fatto l'insegnante di sostegno per sei anni e poi finalmente sono diventato curricolare... l'insegnante di sostegno non è il giudice o il formatore del collega di classe, ma deve limitarsi a cercare di lavorare con lui/lei... non spetta a te a mio avviso dare giudizi, in particolare se la materia non è tua... Mi scuso per la franchezza, ma non sopporto l'ipocrisia nel mondo del lavoro... se andrai a fare questa delazione lo metterai nei guai nell'anno più delicato della sua carriera.
Tornare in alto Andare in basso
ghirettina



Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 21.03.15

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Ven Mag 15, 2015 9:15 pm

Premessa: in 15 anni io mai ho visto un docente comportarsi nel modo descritto.

Detto ciò penso che se una persona, in anno di prova e con un collega in aula, si comporta in tal modo è evidente e palese che se lo possa permettere, ovvero sia così ammanigliato da ritenersi assolutamente fuori da ogni problematica presente e futura.

My two cents
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Ven Mag 15, 2015 10:01 pm

.
Citazione :
se andrai a fare questa delazione lo metterai nei guai nell'anno più delicato della sua carriera.


l'anno nel quale dovrebbe dare il massimo di se stesso per dimostrare di essere in grado di svolgere quel lavoro


Delazione?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
chicca70



Messaggi : 1603
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Ven Mag 15, 2015 10:45 pm

Ire ha scritto:
.
Citazione :
se andrai a fare questa delazione lo metterai nei guai nell'anno più delicato della sua carriera.


l'anno nel quale dovrebbe dare il massimo di se stesso per dimostrare di essere in grado di svolgere quel lavoro


Delazione?    
Certo,  è una delazione e forse anche diffamazione.  Il fatto che io pensi che un collega non lavora quanto dovrebbe (secondo me che, tra l'altro insegno un'altra materia) non mi autorizza a denunciarlo al dirigente.  Qui si sta parlando di una insegnante che crede di essere impeccabile e di poter tranciare giudizi sui colleghi senza sapere che,  prima o poi,  potrebbe essere lei quella considerata nullafacente. Io ho una collega,  malata di cancro,  che in classe fa pochissimo perché ha la testa alle terapie.  Cosa faccio, la denuncio?
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 7:03 am

A me però in questo racconto tante cose convincono poco.

Intanto la situazione descritta: tutti sono stati in una classe durante i propri anni di scuola, per cui anche il neoassunto incriminato saprà che il docente in classe va a lavorare, a spiegare, a verificare; non può credere che ci si possa stare per fare gli affari propri, leggere il giornale o giochicchiare sul tablet.

Può darsi anche che ciò che Mystika rileva come disinteresse sia in realtà soprattutto inesperienza o il sentimento di estraneità di chi è finito a scuola per caso: è anche comprensibile che, nell'anno di prova, senza una adeguata formazione (neanche quella ridicola fornita dall'INDIRE), possano verificarsi problemi nella gestione della classe e che non si conoscano attività, strategie, conseutudini da mettere in atto.

Oppure potrebbe darsi che il neoassunto abbia le spalle talmente coperte da sentirsi tranquillo nel mettere in atto atteggiamenti come quelli descritti.

Ma ammettiamo pure che il collega sia davvero così inadeguato come racconta mystika: perché lo viene a raccontare in un forum pubblico, se non per sfogo, invece di affrontare in qualche modo, qualsiasi modo, la situazione reale?

Ne hai parlato prima con il diretto interessato, magari anche per la via mediata della battutina, della frecciata, del consiglio disinteressato?

Hai provato a fare il "giro largo" parlandone con i colleghi, anche solo per un chiarimento o per uno sfogo? Gli insegnanti sanno vita, morte e miracoli di coloro con cui condividono le classi; sanno chi lavora e chi no, chi è efficace in classe e chi no, conoscono e giudicano persino la vita privata dei docenti. Hanno a disposizione tante spie: gli studenti, i bidelli, i genitori, i colleghi stessi in vena di confidenze. Possibile che nessuno ne sappia niente? Possibile che persino il tutor faccia spallucce? C'è qualcosa che, evidentemente, non quadra.

Non è invece che sei tu a sentirti a disagio durante le "lezioni" del neoassunto? A non riuscire a instaurare un dialogo costruttivo con lui? Ad avere problemi a parlare anche con il resto del consiglio di classe? Non è che questa sbandierata simpatia umana celi sentimenti meno raccontabili? Non è che hai calcato un po' la mano nella descrizione della situazione, nel proporti come paladina della giustizia a fronte di un collega incompetente?

Prendi i miei dubbi per quello che sono, cioè dubbi e non capi di accusa. Per quello che vale il mio consiglio, la prima mossa da fare per far evolvere la situazione o semplicemente per chiarirsi le idee è parlare, parlare con tutti seguendo un ordine gerarchico inverso, iniziando dal diretto interessato, per poi passare ai colleghi del consiglio di classe, al tutor e, se eventualmente non avrai ottenuto chiarimenti, al dirigente.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 2:04 pm

Io ho una collega, malata di cancro, che in classe fa pochissimo perché ha la testa alle terapie. Cosa faccio, la denuncio?


Credo che mystica abbia già spiegato le sue motivazioni e non ritengo corretto fare le pulci su quello che ha detto.

In quanto a ciò che ho riportato, mi dispiace per la tua collega, per l'amor del cielo, massima partecipazione alla sua disaventura ma... la scuola non è un ente assistenziale

Se una persona sta male, e ne ha di che, bisogna offrirle supporto, sostegno e luogo di lavoro idoneo. Una classe non lo è.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ghirettina



Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 21.03.15

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 2:08 pm

Ire ha scritto:
Io ho una collega,  malata di cancro,  che in classe fa pochissimo perché ha la testa alle terapie.  Cosa faccio, la denuncio?


Credo che mystica abbia già spiegato le sue motivazioni e non ritengo corretto fare le pulci su quello che ha  detto.

In quanto a ciò che ho riportato, mi dispiace per la tua collega, per l'amor del cielo, massima partecipazione alla sua disaventura ma... la scuola non è un ente assistenziale

Se una persona sta male, e ne ha di che, bisogna offrirle supporto, sostegno e luogo di lavoro idoneo. Una classe non lo è.


Ire

sarebbe bellissimo ciò che dici, la verità amara è che chi lavora con esseri umani si trova nel corso della lunga carriera, ormai siamo sui 40 anni, ad attraversare periodi diversi, alcuni neri, altri neri neri. Il lavoro non è un ente assistenziale vero, ma neppure gli esseri umani che vi operano sono robot.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 2:19 pm

Mi dispiace, ma non va.

Una persona sta male un mese, (avrebbe diritto ad una assistenza mirata) e può anche andare a scuola a far poco e nulla poi si riprende e torna a fare il proprio lavoro che non è, in questo caso, mettere timbri su un documento ma formare ragazzi.

Ci sono (ci dovrebbero essere) tutte le garanzie per chi è malato, se non ci sono non può essere penalizzato chi non ne ha colpa ma chi è malato, purtroppo, si tiene e si gestisce ciò che gli è purtroppo capitato.
Poi va a sedersi sulla scrivania del Capo dello Stato e dice "io sono qui, ho lavorato una vita e ora sono malato, trovami una collocazione che mi dia ancora dignità, trova il modo affinchè io possa vivere e curarmi" personalmente sono disposta ad andare a sedere anche io per lui su quella scrivania e a non togliermi di lì fino a quando non sia trovata una soluzione

ma i ragazzi hanno il diritto di avere docenti in grado di fare il loro lavoro.


Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ghirettina



Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 21.03.15

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 2:32 pm

Ire

cosa vuoi che ti dica che i docenti sono esseri perfetti e intangibili dalle umane preoccupazioni? Quando tua madre muore, magari assistita da te per mesi mentre agonizzava? Quando tuo marito un giorno esce e non lo rivedrai più vivo? Quando speri di vedere un positivo in un test e quello non arriva mai? Chiudiamo le scuole e apriamo grandi parcheggi con lezioni teleguidate. Anche saper affrontare i normali e fisiologici andamenti della vita è formazione, pure per gli alunni. Meglio che incontrare docenti alessitimici.

Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 2:47 pm

Non è così.

Abbiamo un servizio sanitario nazionale che deve gestire le malattie
e abbiamo una scuola che deve gestire l'istruzione, la formazione e la cultura

Abbiamo gente che si ammala, purtroppo, che deve rivolgersi per l'assistenza a chi è destinato a farlo.

Alla volemose bene non si porta avanti una nazione. Anche se ci si deve volere bene e darsi da fare affinchè i diritti di tutti vengano rispettati.

Mettere in una classe un docente malato non è rispettare i diritti del docente e non è rispettare i diritti degli studenti. Un docente malato ha bisogno di attenzione, riposo quando gli serve, possibilità di sentirsi utile quando può e non è compatibile con una titolarità in una classe.

Gli studenti hanno diritto all'istruzione.

Se poi pensiamo a non segnalare un docente che non fa lezione perchè non ha capito che è quello che deve fare.. allora possiamo anche finrla di parlare di società civile.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Scuola70



Messaggi : 574
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 2:58 pm

Per Ire: Per una volta sono d'accordo con te, l'istruzione e la formazione sono una cosa importantissima e se un docente non è in grado di garantirle fa solo danni e basta, significa togliere il diritto alla serenità al docente e all'istruzione ai ragazzi, con il buonismo assistenziale non si arriva a nulla, si fanno solo danni.
Tornare in alto Andare in basso
ghirettina



Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 21.03.15

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 3:06 pm

Ire

hai ragione, contenta? Adesso ritorna sulla terra che in questo pianeta se stai male sono più o meno fatti tuoi. E non è escludendo la vita, che non è solo produttività ed efficienza che faremo un servizio migliore ai giovani. Ripeto, altrimenti classi e sintetizzatori vocali e così stiamo perfettamente sempre dentro lo "standard".

Un docente che non fa nulla perchè svogliato, così come descritto è altro. Nei miei anni di servizio, non molti ma neppure pochi, io non ne ho incontrati mai. Ho visto colleghi che mi piacevano più e meno, gente più o meno collaborativa, ma che "casseggiolassero" in classe mai.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1603
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 3:43 pm

Ire, tu non lavori, vero? Quando si ha un problema serio,  per quanto tu ti possa impegnare, si rende poco. Chi non lo capisce ha come massimo impegno lavorativo il rifare i letti. 
In ogni caso,  questi docenti che non fanno niente appartengono ad una mitologia da uomo della strada, non alla realtà.  Puoi lavorare poco (di solito nelle attività extra aula), puoi lavorare male ma è impossibile non lavorare.
Tornare in alto Andare in basso
caminante



Messaggi : 2017
Data d'iscrizione : 20.08.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 4:22 pm

Ire ha scritto:
Andare insieme era una delle opzioni che pensavo di suggerirti anche io.

Capisco che sia difficile ma come dico sempre ai bimbi quando parliamo di bullismo:

segnalare cosa succede non è "fare la spia"
è solo il passo giusto da fare per risolvere una situazione.

Ti sei interrogata, sai quello che vedi, sei consapevole del fatto che un docente di quel tipo non può che danneggiare i ragazzi.. hai il diritto di assumerti la responsabilità di segnalarlo.

Parlo di diritto, non di dovere,  perchè tu, come cittadino, hai il diritto a che la scuola sia un servizio che funziona.

Come parlarne al preside?  Con la stessa delicatezza e manifestando gli stessi timori che hai manifestato qui.

Ciao, condivido quanto scritto da Ire.
Tornare in alto Andare in basso
caminante



Messaggi : 2017
Data d'iscrizione : 20.08.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Sab Mag 16, 2015 4:52 pm

TittiTitti76 ha scritto:
Cosa siamo diventati...
ma affrontare l'argomento apertamente no?
" caro collega, ma un po' di lezione la facciamo?"

qualcosa dovrà rispondere! senza andare in tribunale, in appello e in cassazione...

A me quando una cosa va storta lo dico chiaro, sulle prime mi schifano, ma alla fine mi apprezzano tutti.

Concordo, Titti. Ed è la cosa più difficile da fare, dialogare nel conflitto.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8318
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Dom Mag 17, 2015 10:12 am

Sono la prima sostenitrice della opportunità di cercare di risolvere i problemi senza alimentare conflitti o promouovere cause. Ma sono anche dell'idea che, in questo caso stiate suggerendo di

prendere per mano un docente arrivato all'anno di prova per ricordargli che quello è l'anno di prova per verificare la sua idoneità all'insegnamento.

state suggerendo di non segnalare che questo docente non rispetta gli accordi contrattuali per un servizio pubblico la cui mancata erogazione danneggia tutti perchè altrimenti lui ne verrebbe danneggiato


Lasciamo perdere per un attimo ciò che giustamente diceva tellina (sull'essere pagati con i soldi dei contribuenti per un servizio che non si fornisce) e prendiamo in considerazione il punto di vista personale che avete voluto evidenziare: non bisogna segnalare il suo comportamento perchè perderebbe il lavoro

Vi lamentate sempre che i vostri alunni non hanno la possibilità di crescere perchè i genitori sono sempre pronti a difenderli..... dov'è la vostra coerenza?

Se qualcuno non fa ciò che deve fare ne deve subire le conseguenze, affinchè quella situazione non si verifichi più nell'interesse degli aventi diritto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
gugu



Messaggi : 25591
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Dom Mag 17, 2015 10:43 am

chicca70 ha scritto:
Ire, tu non lavori, vero? Quando si ha un problema serio,  per quanto tu ti possa impegnare, si rende poco. Chi non lo capisce ha come massimo impegno lavorativo il rifare i letti. 
In ogni caso,  questi docenti che non fanno niente appartengono ad una mitologia da uomo della strada, non alla realtà.  Puoi lavorare poco (di solito nelle attività extra aula), puoi lavorare male ma è impossibile non lavorare.


Cioè posso stare tutta l'ora in classe col telefono dicendo ai ragazzi di fare quello che vogliono?
E' inteso comunque come "lavorare"?
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1603
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Collega inetto: cosa fare?   Dom Mag 17, 2015 11:09 am

gugu ha scritto:
chicca70 ha scritto:
Ire, tu non lavori, vero? Quando si ha un problema serio,  per quanto tu ti possa impegnare, si rende poco. Chi non lo capisce ha come massimo impegno lavorativo il rifare i letti. 
In ogni caso,  questi docenti che non fanno niente appartengono ad una mitologia da uomo della strada, non alla realtà.  Puoi lavorare poco (di solito nelle attività extra aula), puoi lavorare male ma è impossibile non lavorare.


Cioè posso stare tutta l'ora in classe col telefono dicendo ai ragazzi di fare quello che vogliono?
E' inteso comunque come "lavorare"?
Quello non sarebbe lavorare.  Io però non credo minimamente all'esistenza di docenti che passano l'ora a non far niente. Può succedere saltuariamente se i ragazzi stanno facendo un'esercitazione ma è materialmente impossibile che accada in modo regolare. Credo molto di più all'esistenza di docenti che non preparano le lezioni,  che riportano le verifiche dopo mesi, che fanno il minor numero possibile di verifiche per non doverle poi correggere,  che mostrano decine di film e documentari per passare il tempo.  Questi esistono davvero,  e sono molto numerosi.
Tornare in alto Andare in basso
 
Collega inetto: cosa fare?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 7Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente
 Argomenti simili
-
» Collega inetto: cosa fare?
» cosa fare e non fare durante il pt?
» dopo due ovodonazioni fallite cosa fare..
» ISTEROSCOPIA diagnostica, cosa devo fare?
» Cosa non fare dopo transfer

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: