Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 7:59 pm

La riforma della buona scuola ha ricevuto il sostegno e l'apporto di questa associazione, finanziata dalle principali banche italiane e che si presenta come associazione di lobbing sulle politiche scolastiche; la treellle annovera al suo interno personaggi del calibro di Luigi Berlinguer, Tullio De Mauro, Angelo Panebianco, Domenico Fisichella ecc. Tra i vari documenti presenti sul sito http://www.treellle.org/ ce n'è uno specifico sulla buona scuola, che a novembre del 2014 mette in guardia  riguardo ai rischi che il progetto corre e che si devono assolutamente evitare.



"Il documento sulla “buona scuola” è molto ricco di stimoli e proposte su diversi argomenti. TreeLLLe lo apprezza nel complesso ed intende appoggiarlo in ogni sede pubblica. Ritiene però utile soffermarsi in questa sede su alcuni aspetti, quelli sui quali più si è esercitata in passato la sua ricerca e riflessione.

I tre grandi rischi da evitare nell’attuazione del progetto “La Buona Scuola”

1. Molto di quanto si dirà nel seguito parte dall’assunto che il disegno complessivo della “buona scuola” si realizzi per intero. Il rischio che tutti percepiscono è che – una volta realizzata la parte relativa alle assunzioni dei precari – comincino a montare le resistenze rispetto a tutto il resto. Anche per allontanare questa prospettiva, sembra quindi opportuno raccomandare il ricorso ad un’unica fonte legislativa per l’intero pacchetto e non solo per singole parti di esso (si veda di seguito la sezione III );

2. svuotare le GAE può essere un obiettivo politicamente accettabile, pur con alcune controindicazioni. Se però non si assumeranno misure idonee ad evitare che si riformino liste di aspiranti all’inclusione in ruolo, il problema si ripresenterà di qui a pochi anni – come è sempre accaduto in passato – vanificando lo sforzo che ci si accinge a compiere (si veda di seguito la sezione I);

3. il piano di assunzioni rischia di essere più costoso di quanto fin qui stimato e quindi di prosciugare tutte le risorse disponibili, sottraendole alle azioni di innovazione e “di qualità” previste. Tra queste TreeLLLe considera prioritarie:
(a) la valutazione dei singoli insegnanti: la scuola non migliora con “più” insegnanti (fra l’altro, in questo campo abbiamo già numeri superiori a quelli degli altri paesi UE). Piuttosto ha bisogno che il previsto nucleo di valutazione di ogni scuola valuti, selezioni e remuneri meglio almeno una parte di loro (quel 10--‐ 20% su cui di norma si regge una buona scuola), per assicurare le funzioni di leadership distribuita (preside + funzioni aggiuntive), di mentoring e formazione in servizio per i colleghi più giovani e meno esperti.
(b) Autovalutazione ma anche valutazione esterna delle scuole con un nuovo servizio di personale qualificato ad hoc (sul modello dell’Ofsted inglese). Tutto questo richiede risorse: se quelle disponibili vengono tutte utilizzate per i grandi numeri delle assunzioni, non ne resteranno per queste e altre innovazioni che fanno la differenza nella qualità del servizio. "

Consiglio a tutti di sfogliare il sito con grande attenzione.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 8:09 pm

Me la ricordo benissimo l'associazione Treelle... era l'associazione che sempre sosteneva la chiamata diretta ai tempi dell'Aprea, che rabbia, chissà come godono...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 8:10 pm

P.s. Io giurerei che in quel periodo (2008) anche Tremorti facesse l'occhiolino alla Treelle, non ho delle fonti a sostegno della mia affermazione purtroppo, ma ho la memoria lunga, che rabbia...
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 9:49 pm

ufo polemico ha scritto:


"Il documento sulla “buona scuola” è molto ricco di stimoli e proposte su diversi argomenti. TreeLLLe lo apprezza nel complesso ed intende appoggiarlo in ogni sede pubblica. Ritiene però utile soffermarsi in questa sede su alcuni aspetti, quelli sui quali più si è esercitata in passato la sua ricerca e riflessione.

Si tratta effettivamente di un documento che offre molti spunti di riflessione, alcuni dei quali certamente condivisibili;particolarmente interessante è inoltre l'esame comparato  delle situazione tedesca rispetto a quella italiana, per individuare le criticità del nostro sistema scolastico.

ufo polemico ha scritto:

I tre grandi rischi da evitare nell’attuazione del progetto “La Buona Scuola”

1. Molto di quanto si dirà nel seguito parte dall’assunto che il disegno complessivo della “buona scuola” si realizzi per intero. Il rischio che tutti percepiscono è che – una volta realizzata la parte relativa alle assunzioni dei precari – comincino a montare le resistenze rispetto a tutto il resto. Anche per allontanare questa prospettiva, sembra quindi opportuno raccomandare il ricorso ad un’unica fonte legislativa per l’intero pacchetto e non solo per singole parti di esso (si veda di seguito la sezione III );

L'auspicio ad una riforma complessiva del sistema scuola, sebbene le immissioni possano sembrare un cavallo di Troia rispetto a tutto il resto dei cambiamenti, in realtà offre sicuramente il vantaggio di un sistema organico di riferimento, che è fondamentale per potere evitare quella babele della legislazione scolastica spesso frammentaria e dispersiva, che offre il fianco ad altrettante interpretazioni creative,soprattutto in sede giurisdizionale,  che danno origine a soluzioni diverse rispetto a situazioni praticamente identiche, generando profonde ingiustizie.

ufo polemico ha scritto:

2. svuotare le GAE può essere un obiettivo politicamente accettabile, pur con alcune controindicazioni. Se però non si assumeranno misure idonee ad evitare che si riformino liste di aspiranti all’inclusione in ruolo, il problema si ripresenterà di qui a pochi anni – come è sempre accaduto in passato – vanificando lo sforzo che ci si accinge a compiere (si veda di seguito la sezione I);

Non ho alcuna difficoltà ad ammettere che lo svuotamento delle gae sia un obiettivo politico,certo rispetto alla riproposizione delle medesime liste di aspiranti,che questa riforma al momento non scongiura, questa previsione sembra essere addirittura profetica.
 
ufo polemico ha scritto:

3. il piano di assunzioni rischia di essere più costoso di quanto fin qui stimato e quindi di prosciugare tutte le risorse disponibili, sottraendole alle azioni di innovazione e “di qualità” previste. Tra queste TreeLLLe considera prioritarie:
(a) la valutazione dei singoli insegnanti: la scuola non migliora con “più” insegnanti (fra l’altro, in questo campo abbiamo già numeri superiori a quelli degli altri paesi UE). Piuttosto ha bisogno che il previsto nucleo di valutazione di ogni scuola valuti, selezioni e remuneri meglio almeno una parte di loro (quel 10--‐ 20% su cui di norma si regge una buona scuola), per assicurare le funzioni di leadership distribuita (preside + funzioni aggiuntive), di mentoring e formazione in servizio per i colleghi più giovani e meno esperti.
(b) Autovalutazione ma anche valutazione esterna delle scuole con un nuovo servizio di personale qualificato ad hoc (sul modello dell’Ofsted inglese). Tutto questo richiede risorse: se quelle disponibili vengono tutte utilizzate per i grandi numeri delle assunzioni, non ne resteranno per queste e altre innovazioni che fanno la differenza nella qualità del servizio. ".

Su questo punto sono invece solo parzialmente d'accordo, poiché sul piano qualitativo gli insegnanti italiani non hanno nulla da imparare da nessuno, per cui le nostre risorse umane sono professionalmente abbastanza qualificate,ed anche,tranne che in alcuni deprecabili casi, abbastanza motivate,  diversamente penso che invece sia assolutamente insufficiente il loro numero per incrementare l'offerta formativa.
Quanto ai modelli di valutazione od autovalutazione non vedo particolari problemi ad accettarli, sono i criteri quelli che andrebbero studiati con attenzione.


Ultima modifica di Francesca4 il Gio Mag 21, 2015 7:28 am, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 10:10 pm

Ancora più interessante è poi l'analisi dei sistemi comparati: tedesco e italiano al fine di mettere in evidenza le criticità del nostro.
A tale proposito riporto integralmente il contenuto dell'osservazione:

"Ovviamente sul ben noto successo della Germania giocano varie ragioni: il consenso su valori di fondo (etica del lavoro e spirito di cooperazione), l'investimento sulla cultura democratica tra i giovani, i principi della economia sociale di mercato condivisi fin dagli anni 60, una dialettica non antagonista tra lavoratori e imprenditori e soprattutto una invidiabile stabilità del sistema istituzionale e di conduzione politica: solo otto cancellieri in settant'anni! Dell'Italia di questi aspetti non si può dire altrettanto anche se ha altri meriti e rimane uno dei principali paesi avanzati.

Tra i fattori più importanti della salute di cui godono l'economia e la società tedesca rientra certamente il sistema educativo. Esistono sicuramente degli aspetti di criticità, evidenziati anche dall'Ocse, come la separazione precoce degli alunni tra diversi canali scolastici, ma la capacità del sistema educativo e della ricerca di interagire con il mondo del lavoro e delle imprese costituisce un punto di forza decisivo.


L'intento di TreeLLLe e della Fondazione Rocca è evidente: il confronto tra i due sistemi dovrebbe aiutarci a individuare alcune caratteristiche che sembrano meritevoli di essere attentamente considerate per trarre indicazioni utili per il nostro Paese. In proposito, con l'aiuto di studiosi e operatori attenti conoscitori del mondo tedesco e di quello italiano, si formulano alcune proposte concrete che si offrono al dibattito."
Tornare in alto Andare in basso
araxever



Messaggi : 441
Data d'iscrizione : 29.11.12

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 10:23 pm

Ecco il file: https://labuonascuola.gov.it/area/a/24495/ SCARICATELO e leggetelo prima che lo tolgano da internet. Mette i brividi! Leggete a pag 8......
Tornare in alto Andare in basso
frankenstin



Messaggi : 213
Data d'iscrizione : 13.09.13

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 10:32 pm

WOW! Che analisi profonda, davvero dei geni.

Dove è scritto che la Germania è da 30 anni che investe il doppio delle risorse annuali (in %PIL) sull'istruzione, rispetto all'Italia?

E dove è riportata la modalità di reclutamento? E gli stipendi dei prof. tedeschi?

Evito di commentare le cialtronerie evidenziate in neretto, sarebbe davvero tempo perso. Piuttosto, sospetto che le qualità tedesche siano determinate dall'inesistenza di gruppetti che si chiamano TreeLLLe.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 10:49 pm

frankenstin ha scritto:
WOW! Che analisi profonda, davvero dei geni.

Dove è scritto che la Germania è da 30 anni che investe il doppio delle risorse annuali (in %PIL) sull'istruzione, rispetto all'Italia?

E dove è riportata la modalità di reclutamento? E gli stipendi dei prof. tedeschi?

Evito di commentare le cialtronerie evidenziate in neretto, sarebbe davvero tempo perso. Piuttosto, sospetto che le qualità tedesche siano determinate dall'inesistenza di gruppetti che si chiamano TreeLLLe.

Bravo evita di commentare, se la denigrazione immotivata e gratuita dell'opinione altrui deve essere l'essenza stessa del confronto.
Astieniti dal farlo.
Su questo siamo completamente d'accordo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15785
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Mer Mag 20, 2015 11:52 pm

Francesca4 ha scritto:
frankenstin ha scritto:
WOW! Che analisi profonda, davvero dei geni.

Dove è scritto che la Germania è da 30 anni che investe il doppio delle risorse annuali (in %PIL) sull'istruzione, rispetto all'Italia?

E dove è riportata la modalità di reclutamento? E gli stipendi dei prof. tedeschi?

Evito di commentare le cialtronerie evidenziate in neretto, sarebbe davvero tempo perso. Piuttosto, sospetto che le qualità tedesche siano determinate dall'inesistenza di gruppetti che si chiamano TreeLLLe.

Bravo evita di commentare, se la denigrazione immotivata e gratuita dell'opinione altrui deve essere l'essenza stessa del confronto.
Astieniti dal farlo.
Su questo siamo completamente d'accordo.
Qualche motivo io sono riuscito a leggerlo; tu no ?

Quante "L" ci sono dentro "Francesca4" ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Gio Mag 21, 2015 6:38 am

L'associazione treelle non si è limitata a comparare vari sistemi educativi, in maniera peraltro molto discutibile (ma chi l'ha detto che i professori italiani lavorino 630 ore l'anno?); l'associazione treelle ha suggerito finalità politiche e la loro strategia di attuazione, senza essere un soggetto politico votato da qualcuno e svolgendo la propria attività di lobbing nell'ombra.
Perché i desiderata della associazione treelle sono stati seguiti minuziosamente dal governo, mentre le proteste e i suggerimenti dei professori sono rimasti del tutto inascoltati?
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Gio Mag 21, 2015 6:54 am

Per comparare due sistemi occorre conoscerli un minimo.
I colleghi tedeschi sono pagati il doppio e inseriti in un sistema diverso dal nostro, dove l'etica del lavoro e del rispetto delle regole ha ben altra diffusione. Mettete dei presidi tedeschi a dirigere le scuole italiane dopo la riforma e vedrete che, inevitabilmente, dopo un paio di anni inizieranno ad assumere i vizi italiani: clientelismo, pressapochismo, nominalismo ecc.
Nel sistema francese i docenti vengono valutati annualmente, anche dal preside, e poi ogni due anni possono avere degli avanzamenti di carriera se hanno superato le valutazioni sia a livello pedagogico che a livello amministrativo; ma il sistema francese è caratterizzato dalla presenza di un apparato burocratico statale molto forte, in grado di prevenire, scoraggiare o punire inefficienza e corruzione. E gli incentivi di carriera incentivano realmente il docente meritevole, che comunque già ad inizio carriera guadagna più del collega italiano dopo una decina di anni di insegnamento.
L'obiezione sulla percentuale di pil dedicata all'istruzione è illuminante. L'Italia spende nella scuola la metà della germania e meno della media europea; ciò nonostante ha tanti insegnanti perché li paga poco, e mantenendoli precari risparmia pure. Invece di capire che l'unico modo per risollevare le sorti dell'Italia come paese industriale è quello di investire maggiormente sulla scuola pubblica, ridurre il numero di alunni per classi, riattivare le attività laboratoriali, spendere soldi sull'edilizia scolastica e sulla formazione dei docenti, realizzare, pagandola, l'innovazione tecnologica, si continua a prevedere una percentuale di pil dedicata all'istruzione costante o in calo nei prossimi decenni. Invece di puntare forte sulle competenze da raggiungere da parte delle giovani generazioni, si preferisce predicare una forma di autonomia che le farà ulteriormente calare, identificando la scuola con l'azienda e la platea dei servizi educativi come utenza, da sedurre non con la bontà del servizio, ma con il suo basso costo in termini di impegno richiesto. Invece di puntare sull'educazione al metodo, al senso della responsabilità, invece di cercare di limitare le diseguaglianze sociale attraverso la formazione, si procede ad una ulteriore personalizzazione della didattica che produrrà un ulteriore calo delle competenze.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Gio Mag 21, 2015 7:37 am

http://www.fisicamente.net/SCUOLA/index-1895.htm



Tornare in alto Andare in basso
ghirettina



Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 21.03.15

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Gio Mag 21, 2015 7:43 am

In fondo, se pensate che volete affidare i vostri figli a gente pagata per tre anni con un contratto di apprendistato, evidentemente ritenete valgano meno, molto meno di quanto non sbandierate con tanto di lacrime e commozione d'obbligo.

Per comparare i vari sistemi d'istruzione

http://www.indire.it/lucabas/lkmw_file/eurydice/BOLLETTINO_sistemi_scolastici_UE_2012_finale_x_web.pdf
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Gio Mag 21, 2015 9:14 am

avidodinformazioni ha scritto:

Qualche motivo io sono riuscito a leggerlo; tu no ?


Quante "L" ci sono dentro "Francesca4" ?

Avido è sempre un piacere confrontarsi con te, perciò comincerò col ringraziarti per aver usato il termine dentro e non dietro, anche se so di offrirti un assist incredibile per le tue solite battute.
Se le parole hanno un senso, allora, suppongo che tu riconosca la possibilità che le idee che esprimo corrispondano a quello che è effettivamente il mio pensiero, che non nego sia strumentale rispetto alla mia posizione, come pure ebbe a dire un'altra persona che stimo tanto su questo forum.
Piuttosto mi domando se la tua strenue difesa del diritto di scelta dei SOS sia invece legata a qualche interesse familiare da difendere, o sia semplicemente la strada che hai scelto di percorrere perché ritieni di poter in questo modo scongiurare, almeno per ora, l'entrata dei gae senza servizio nella scuola.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Gio Mag 21, 2015 12:27 pm

ufo polemico ha scritto:
L'associazione treelle non si è limitata a comparare vari sistemi educativi, in maniera peraltro molto discutibile (ma chi l'ha detto che i professori italiani lavorino 630 ore l'anno?); l'associazione treelle ha suggerito finalità politiche e la loro strategia di attuazione, senza essere un soggetto politico votato da qualcuno e svolgendo la propria attività di lobbing nell'ombra.
Perché i desiderata della associazione treelle sono stati seguiti minuziosamente dal governo, mentre le proteste e i suggerimenti dei professori sono rimasti del tutto inascoltati?

Naturalmente rispondo anche a te Ufo, anzi scusami per il ritardo, ma gli spunti di discussione sono davvero tanti e meritavano un approfondimento, perciò li affronterò uno per volta.
Comincio dallo svuotamento delle gae.
Non ho mai ritenuto che chi vi fosse incluso abbia per questo la necessaria competenza e preparazione, anzi il contrario, per cui ho sempre sostenuto la necessità di inasprire l'anno di prova e trarne, all'esito, le conseguenze.
Quindi, lungi dall'investitura divina, i gae dovranno dimostrare sul campo di essere capaci, però una possibilità di dimostrarlo dovrà pure essergli data, anche perché in caso contrario il Miur dovrebbe prepararsi a rimpinguare molto bene il fondo dedicato ai risarcimenti, poiché uscirebbe certamente sconfitto dai procedimenti che circa 40.000 gae potrebbero esperire nei suoi confronti, dato che costoro, non avendo mai insegnato o avendo insegnato poco, non esiterebbero a far valere il loro legittimo diritto all'immissione in ruolo, che si aggiungerebbe, tra l'altro, al risarcimento quale ulteriore onere per lo Stato.
Ed ora tocco un argomento scottante: la questione della competenza che taluni, a torto, identificano con la quantità di servizio prestato.
La competenza è ben altro, e si misura non solo in termini di qualità del servizio prestato, ma anche in termini di attitudine all'insegnamento, e la prova ne sono tutti coloro che, in ogni settore lavorativo, pur svolgendo da 30 anni il proprio mestiere non lo fanno in termini proprio lusinghieri ( per usare un eufemismo) per la propria categoria o per l'amministrazione di appartenenza.
Se si accede all'impostazione contraria allora dovremmo ammettere che tutti i vincitori di  concorsi pubblici, non avendo mai lavorato nel settore,non avrebbero le qualità per poterlo svolgere.
Attenzione però,con questo non voglio dire che non debbano essere assunti i docenti delle GI, anzi il contrario, anche la loro assunzione, come quella dei gae deve essere il prezzo che lo Stato paga per aver generato legittimi diritti e legittime aspettative in capo a loro.
Si tratta, in entrambe i casi, di riconoscere e rimediare alle conseguenze di una politica scolastica fallimentare che è durata troppi anni.
Come puoi ben vedere, su questo punto, la mia visione delle cose si pone in termini di assoluto contrasto rispetto a quella del movimento treellle.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle   Gio Mag 21, 2015 12:47 pm

luce83 ha scritto:
http://www.fisicamente.net/SCUOLA/index-1895.htm




Ovviamente hanno preso solo la parte peggiore senza applicare

"... Una scuola più snella e meno burocratizzata è quanto chiede Treellle al governo. Dove le assunzioni dei docenti siano fatte direttamente dalle istituzioni scolastiche. Sarebbe auspicabile poi, secondo Treellle, istituire nuovi organi di governo della scuola autonoma: un consiglio di istituto come unico organo di indirizzo e controllo che delibera lo statuto della scuola, nomina il capo di istituto, approva il Pof, i bilanci, l'organico e le assunzioni). ..."

E' facile fare il manager quando i soldi, i rischi, non sono i propri.
Tornare in alto Andare in basso
 
Gli spin-doctor della "Buona Scuola": Associazione Treellle
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» La "buona scuola".....
» la fata della buonanotte
» Regole di convivenza
» Buona Scuola a rischio: legarla alla vita del governo o ritirarla?
» Sindacati impugnano la Buona Scuola

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: