Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 e ora il gioco si fa duro....

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 8:37 am

FI e minoranza del Pd contro il DDL di Renzi....

http://www.orizzontescuola.it/news/riforma-al-senato-berlusconi-dar-dura-battaglia-limpegno-scritto
Tornare in alto Andare in basso
Enoc



Messaggi : 344
Data d'iscrizione : 31.01.12

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 9:40 am

Non credo ad una parola detta da quell'uomo. Quello che dichiara è strumentale alle elezioni politiche, non ha nessun interesse a tutelare gli insegnanti e i cittadini in subordine.
In particolare il centrodestra ha nel suo dna un rivoltante odio ideologico nei confronti di qualsiasi cosa sia "pubblico" e "statale" e non dimentichiamoci la riforma Gelmini che ha bloccato il turnover e tagliato dieci miliadi di euro alla scuola pubblica.
Al senato mentre il capo strilla per raccattare elettori gruppi di votanti pdl faranno passare la riforma se la minoranza pd non vota, come hanno fatto per ogni provvedimento di questo governo quando non aveva i numeri.
Tornare in alto Andare in basso
Insieme si può



Messaggi : 183
Data d'iscrizione : 17.05.15

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 9:43 am

Sono d'accordo con Enoc, adesso l'unica arma vincente è nelle mani dei nostri carissimi Senatori, se sono veramente contro questa riforma, votano contro e non la fanno passare.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 9:48 am

l'unica arma è negli elettori di Campania e Liguria.

bisogna andare a votare e votare contro il pd, che è il nostro avversario ATTUALE!

bisogna convincere amici e parenti di andare a votare e votare contro il pd.

se sappiamo che essi sono di destra, gli diciamo di votare per caldoro e toti

altrimenti che votino 5 stelle o sel
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 9:57 am

Ma si dai!
Tanto sono tutte e due regioni già a dissesto idrogeologico. Consegnamole ai palazzinari! E dopo mi raccomando rivendichiamolo con orgoglio
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 10:00 am

lucetta10 ha scritto:
Ma si dai!
Tanto sono tutte e due regioni già a dissesto idrogeologico. Consegnamole ai palazzinari! E dopo mi raccomando rivendichiamolo con orgoglio

evidentemente non riesco a spiegarmi, o i miei interlocutori si rifiutano di capire e fanno come i soldati giapponesi che nella giungla combattevano una guerra finita 20 anni prima
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 10:01 am

secondo me ormai il pd = fi

ma contro il ddl scuola deve perdere il pd
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 10:04 am

Sei chiarissimo invece. Mi perdonerai se dissento
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 5:16 pm

e se inevce Berlusconi si fosse messo in testa di far cadere il governo o almeno indebolirlo di molto ??
Tornare in alto Andare in basso
mimì68



Messaggi : 99
Data d'iscrizione : 20.11.10

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 5:31 pm

Mirco, per favore...se il pdl non prende voti, col cavolo che fa cadere il governo... se, invece, li prende col cavolo che fa cadere il governo molto meglio un rinnovato patto del Nazzareno con più vantaggi di prima e meno responsabilità
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 6:16 pm

beh non è detto le lotte di potere si fanno anche cercando di danneggiare gli avversari (Berlusconi ne sa qualcosa).... e far arenare il DDL potrebbe essere un duro colpo politico per Renzi.

Tornare in alto Andare in basso
Babbeus



Messaggi : 1683
Data d'iscrizione : 17.03.15

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 6:23 pm

mirco81 ha scritto:
FI e minoranza del Pd contro il DDL di Renzi....

http://www.orizzontescuola.it/news/riforma-al-senato-berlusconi-dar-dura-battaglia-limpegno-scritto


Tornare in alto Andare in basso
mofus



Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 09.11.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 6:51 pm

... una riforma del lavoro e della società altro che della scuola, pietoso sposare solo la propria mira personale all'intera società...
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 8:19 pm

http://www.lospiffero.com/buco-della-serratura/scuola-daremoa-renziuna-lezione-21999.html

Scuola, “daremo a Renzi una lezione”

Pubblicato Lunedì 25 Maggio 2015, ore 8,00

La minoranza Pd affila le armi in vista della discussione in Senato della riforma.
Asse con i sindacati: "Non faccia la Thatcher de noantri", tuona Fornaro che respinge i sospetti di strumentalità: "Le nostre critiche sono nel merito, il testo va modificato"

Dopo il muro contro muro tra governo e sindacati sulla riforma della scuola neppure scalfito con l’apertura della sala verde di Palazzo Chigi, lo scorso 12 maggio, per il primo incontro concertativo dell’era Renzi, oggi si replica: per mezzogiorno è  fissato l’inizio della riunione al ministero: da una parte la titolare del dicastero Stefania Giannini e dall’altra le rappresentanze dei lavoratori. Le premesse, soprattutto dopo il voto alla Camera, per passare dal nulla di fatto in sala verde al solito disco rosso (e un po’ rotto) dei sindacati paiono esservi tutte. Il premier, considerato che i lavoratori della scuola sono un bacino storico di voti per la sinistra, ha mostrato qualche segnale di apertura al dialogo e a possibili modifiche del testo, ma il suo rapporto con i sindacati – che qui si palesa più chiaramente che in altre vicende – non sarà certo facilitato da quell’auspicio di avere un giorno in Italia “un sindacato unico” che Matteo Renzi  ha fatto l’altra sera da Mentana. Benzina sul fuoco. “Una concezione che esiste solo nei sistemi totalitari” la reazione di Susanna Camusso. E non ha taciuto sul punto, pur usando toni meno forti, neppure la minoranza bersaniana:  “La tradizione sindacale del nostro Paese  esclude che si possa costruire un sindacato unico” ha detto il presidente della commissione Lavoro di Montecitorio e per anni a capo della Fiom piemontese, Cesare Damiano.

Che Area Riformista sia la componente dem più vicina o meno lontana dal sindacato e che giochi questa partita anche e soprattutto sulla scuola appare evidente. Certo non vanno dimenticati i fischi e le proteste che i parlamentari della sinistra interna hanno rimediato dagli insegnanti che manifestavano la loro contrarietà alla riforma e sono rimasti sordi ai distinguo, compresi quelli di Gianni Cuperlo e Roberto Speranza, poi tramutati nell’astensione dal voto alla Camera e in quel documento-testamento indirizzato ai colleghi di Palazzo Madama dove ci si appresta a scrivere il successivo capitolo della riforma. Dando atto che “nella proposta del governo ci sono aspetti positivi: stabilizzare oltre 100mila docenti, aumentare le risorse per la didattica e l’edilizia, procedere all’organico funzionale degli istituti e  alcuni miglioramenti sono stati ottenuti durante il lavoro in commissione a partire dal ruolo del preside che risulta almeno attutito – scrivono i deputati della sinistra dem -. Con la stessa chiarezza è giusto indicare i punti critici che non hanno trovato soluzione. La permanenza della chiamata diretta da parte del preside in una logica monocratica, la discriminazione che colpisce gli insegnanti abilitati di seconda fascia e tutti gli altri precari. Parliamo di docenti che hanno alle spalle anni di servizio, che hanno affrontato costi e sacrifici per conseguire l’abilitazione e che non hanno potuto fruire di alcuna finestra concorsuale. Dalla stabilizzazione restano esclusi anche 23mila insegnanti della materna. Inoltre, pure senza negare la libertà educativa delle famiglie, occorre che non vengano sottratte risorse alla centralità della scuola statale”.

Punti, questi, in discussione nell’incontro di oggi al ministero, ma – soprattutto – paletti che la minoranza interna al Pd annuncia di voler mettere nel passaggio al Senato, rimarcando di fatto, quella necessità di un dialogo con le parti sindacali che, nonostante gli incontri promossi dal premier, i bersaniani continuano a giudicare insufficiente. Se lo stesso ex segretario  ha spiegato che “con qualche ritocco al Senato, felicissimi di votare la riforma”, la questione del rapporti con il sindacato resta più complessa:  “È inconcepibile che un premier, segretario di un partito membro del Partito socialista europeo non ascolti i sindacati” dice il senatore Federico Fornaro che della sinistra è un esponente in ascesa e, in Piemonte il riferimento ormai riconosciuto. A Renzi manda a dire che “qui non siamo in Inghilterra e lui non è la Thatcher con i minatori”. Il parlamentare alessandrino ribadisce: “La questione sulla scuola, per la minoranza del Pd, non è politica, tantomeno strumentale, ma di merito. Come si fa a non ascoltare ragioni quando ha scioperato l’ottanta per cento dei lavoratori e tra questi c’era gente che non aveva mai scioperato. Una ragione ci sarà. E una ragione per non interrompere un dialogo con le parte sociali c’è”.

Dai precari di serie A a quelli di serie B fino ai poteri del preside, passando per il nodo centrale del coinvolgimento di quei soggetti che la riforma dovranno metterla in pratica, i nodi da sciogliere per poi essere “felicissimi di votare” ai bersaniani non mancano. Così come respingono al mittente i sospetti di voler emendare al Senato il testo per poi imporre un ritorno alla Camera rallentando la marcia e, magari, impedire così a Renzi di intestarsi il raggiungimento dell’obiettivo in tempi brevi e con largo anticipo sull’inizio dell’anno scolastico. “Ma no. I tempi ci sono e bastano. Anche con le indispensabili modifiche, il testo può passare alla Camera entro il 15 giugno” assicura Fornaro. Il quale resta fermo sulla critica al premier e, soprattutto, segretario del partito per il rapporto con le parti sociali. “Mi sono trovato a vedere un tavolo con tutti i sindacati, dalla Cgil allo Snals uniti contro il governo sulla questione della scuola. Una cosa mai vista prima. Renzi ci è riuscito”.


Ultima modifica di mirco81 il Lun Mag 25, 2015 8:28 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 8:22 pm

Regionali, Renzi mette mani avanti: “4-3 per il Pd? Vittoria”. Prima parlava di 6-1


http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/05/24/regionali-renzi-mette-mani-avanti-4-3-per-il-pd-vittoria-prima-parlava-di-6-1/1713315/
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 8:24 pm

Berlusconi ascolta i professori sul Ddl scuola

http://www.tecnicadellascuola.it/item/11782-berlusconi-ascolta-i-proff-sul-ddl-scuola.html?fb_ref=Default

In un periodo dove il mancato ascolto sembra fare da padrone, Silvio Berlusconi si smarca firmando un documento dove si impegna a ricevere una delegazione di insegnanti contrari al Ddl 2994 su "La Buona Scuola renziana"
Questo è quanto si evince da un comunicato di un gruppo di insegnanti "No DdL" che riferisce di un incontro tra Silvio Berlusconi e Stefano Caldoro (candidato alla Presidenza della Regione Campania), insieme a 5 docenti.
Nel documento si parla di organizzare un incontro tra gli insegnanti firmatari del documento e il gruppo al Senato di Forza Italia al fine di poter effettuare una forte azione di contrasto all’attuale Ddl 2994.
Di conseguenza la battaglia al Senato rischia di diventare incandescente per la maggioranza di Governo, la quale tira dritto per la sua strada ipotizzando la fiducia sul provvedimento.
Dopo il voto del 31 maggio, molto probabilmente si chiariranno a livello politico molte cose, prime fra tutte i rapporti di forza legati al consenso elettorale. Non rimane che aspettare, ma intanto Berlusconi sul Ddl 2994 sembra intenzionato a dare battaglia in senato fino all’ultimo voto.
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 9:20 pm

Liguria, ultima spiaggia: qui Matteo Renzi si gioca buona parte del suo futuro

Un vecchio blocco di potere entrato in crisi. Un candidato civatiano a sinistra 
che rischia di togliere voti decisivi. La destra unita. La forza dei 5Stelle. Per il premier è l’Ohio, dove si vince o si perde, modello Italicum

http://espresso.repubblica.it/attualita/2015/05/21/news/liguria-ultima-spiaggia-matteo-renzi-si-gioca-il-futuro-1.213636?ref=fbpe
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Lun Mag 25, 2015 9:24 pm

forza colleghi, facciamo perdere il pd in liguria e campania
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Mar Mag 26, 2015 6:35 pm

Enoc ha scritto:
Non credo ad una parola detta da quell'uomo. Quello che dichiara è strumentale alle elezioni politiche, non ha nessun interesse a tutelare gli insegnanti e i cittadini in subordine.
In particolare il centrodestra ha nel suo dna un rivoltante odio ideologico nei confronti di qualsiasi cosa sia "pubblico" e "statale" e non dimentichiamoci la riforma Gelmini che ha bloccato il turnover e tagliato dieci miliadi di euro alla scuola pubblica.
Al senato mentre il capo strilla per raccattare elettori gruppi di votanti pdl faranno passare la riforma se la minoranza pd non vota, come hanno fatto per ogni provvedimento di questo governo quando non aveva i numeri.
e a chi credi?? a renzi?? hai la sfera di cristallo che vede nel futuro per sapere che gruppi di votanti pdl faranno passare la riforma se la minoranza pd non vota?? e basta adesso. Qui si rasenta il ridicolo. Adesso c'è pure chi ha la sfera di cristallo e vuole dire agli altri cosa faranno i senatori di questo o di quel gruppo in parlamento.
Hai una strategia migliore?? Ti ascoltiamo. fai un profondo respiro, poi concentrati e prova a pensare chi è il tuo nemico OGGI?? se continuerai a rispondere dicendo chi era il tuo nemico ieri o chi sarà il tuo nemico domani rischierai di perdere la battaglia che stai combattendo oggi. Basta con il voto ideologico. Il pd ci ha fatto credere per anni che il nostro nemico fosse il centrodestra. E adesso cosa ne abbiamo ricavato?? Non sappiamo neanche fare un' analisi critica nel discerne una cosa così elementare quale chi sia OGGI il nostro nemico!!! sembriamo quei soldati del film The manchurian candidate  al quale hanno fatto il lavaggio del cervello.
Ma siamo docenti o siamo androidi programmati per assevire un partito politico?? Siamo sicuri di poter infondere lo spirito critico nei nostri alunni ( dovrebbe essere uno dei nostri principali obiettivi nell'insegnamento) se ragioniamo come gente a cui hanno impiantato un microchip?? L'ideologia che trabocca dalle tue parole è la stessa che farà vincere il pd e presto ci ritroveremo tutti in un albo da dove il preside, a sua volta comandato da un politico che a sua volta abbedira ai vertici del pd chiamerà e favorirà solo quelli che si schiereranno palesemente a favore del pd!!  E così l'opera di invasione e  controllo della scuola sarà completata!
Abbi dubbi e lascia da parte l'ideologia che ti fa dire di non credere ad una parola di quello che il topo dice. credi che noi altri ci crediamo??? A noi interessa battere renzi e se il topo può farlo va votato senza se e senza ma, se lo può fare grillo idem. Purtroppo grillo non può, quindi non abbiamo scelta.
Tornare in alto Andare in basso
mofus



Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 09.11.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Mar Mag 26, 2015 8:56 pm


secondo me l'analisi di enoc è giusta, la mancanza di un'ideologia in politica poi è come la mancanza di pensieri nella vita e anche la scuola e chi la conduce in classe dovrebbe partire da idee che poi si traducono in sapere e comportamenti fra altre persone (e qui si torna alla politica e alla morale se vogliamo)...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Mar Mag 26, 2015 10:32 pm

sono d'accordo al 100% con KAPPA27.

ma lo vogliamo far funzionare il cervello?
Tornare in alto Andare in basso
ufo polemico



Messaggi : 840
Data d'iscrizione : 01.10.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Mer Mag 27, 2015 6:15 am

La constatazione che l'attuale centro destra sia inaffidabile e mosso da interessi non condivisibili, e la convinzione che il suo voto in senato contro il DDL scuola sia del tutto strumentale non impediscono, vista la controparte, di preferire che il PD perda in alcune regioni in bilico.

Uno scenario ipotetico che dovesse vedere una vittoria schiacciante del PD in tutte le regioni sarebbe quanto di peggio possa avvenire sia per la nostra categoria, sia, più in generale, per le sorti della democrazia italiana.
Tornare in alto Andare in basso
mofus



Messaggi : 161
Data d'iscrizione : 09.11.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Mer Mag 27, 2015 7:17 am

..scusate forse non ci capiamo ma credo che il piddì nella vita l'abbiate votato solo voi. quindi?
Tornare in alto Andare in basso
roberto.grieco



Messaggi : 615
Data d'iscrizione : 07.05.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Mer Mag 27, 2015 7:30 am

Dobbiamo fare pressione sui senatori dissidenti PD, al senato i numeri sono risicati e anche 10 voti in meno per il PD vogliono dire affossamento del ddl
Tornare in alto Andare in basso
mirco81



Messaggi : 1215
Data d'iscrizione : 29.09.14

MessaggioOggetto: Re: e ora il gioco si fa duro....   Mer Mag 27, 2015 8:41 am

se voteranno contro il DDL le opposizioni + la minoranza del pd allora la scuola e il nostro futuro sono ancora salvabili....

ma questi "oppositori" al DDL dovranno votare conto e non solo astenersi, cosa che dovremmo fare anche noi nelle nostre cabine elettorali alle regionali.


Ultima modifica di mirco81 il Mer Mag 27, 2015 2:08 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
 
e ora il gioco si fa duro....
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Ti stupro per gioco... gioco stuprando...
» fenomeno sociale gioco d'azzardo
» Materiale piu duro del diamante
» Gioco Forma la frase
» Thrive - Gioco sull'evoluzione

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: