Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 sciopero della fame contro la riforma

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
magma



Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 03.06.15

MessaggioOggetto: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 8th 2015, 18:06

Bologna, sciopero della fame contro la "Buona scuola"

Insegnanti, studenti e cittadini protestano contro la riforma del Governo: "Altre 100 città si uniscano a noi"





BOLOGNA - Dopo la fiaccolata di venerdì, i cortei, le assemblee e la contestazione al ministro dell'Istruzione Stefania Giannini (cacciata a maggio scorso dal frastuono delle pentole dalla festa dell'Unità), prosegue a Bologna la protesta contro la riforma della scuola proposta dal Governo. Oltre al previsto blocco degli scrutini, in concomitanza con l'avvio della discussione del Ddl in Senato è partito uno sciopero della fame a staffetta che che si protrarrà per almeno una settimana, fino al voto a Palazzo Madama. La manifestazione si svolge in via Castagnoli, pieno centro della città, sotto gli uffici dell'Ufficio scolastico regionale, 24 ore su 24, per chiedere il ritiro del Ddl scuola.

"La scuola pubblica ha fame di uguaglianza - scrivono gli organizzatori dello sciopero a staffetta - di risorse, di diritti, di ascolto". È inaccettabile, proseguono i manifestanti, "che si voglia rifondare, fino a trasformare in una specie di negozio-farsa, la scuola che anche noi abbiamo frequentato e che ci ha resi cittadini e cittadine consapevoli dei nostri diritti, dei nostri doveri, delle nostre capacità".
Insegnanti e studenti contro la "Buona scuola"

"Restando così la riforma proposta da Renzi è facile prevedere cosa accadrà da qui a pochi anni: prolifereranno le scuole private per chi potrà permettersele, fioriranno le scuole pubbliche di lusso nei quartieri bene delle città e si moltiplicheranno le scuole pubbliche senza risorse e senza speranza nei quartieri popolari e nelle periferie povere" aggiungono docenti, sindacati e studenti, uniti nella lotta contro l'ipotesi che si creino "scuole di serie A e scuole di serie B, scuole per la classe dirigente e scuole per le classi meno abbienti".

E dunque, rivendicano, "per noi sarà sciopero della fame a staffetta. Chiunque abbia a cuore le sorti della nostra scuola è invitato a partecipare, a mettere a disposizione un poco del suo tempo, a collaborare nel diffondere buona informazione insieme ai sani princìpi che la nostra Carta ci ha consegnato. Auspichiamo che altre città, altri comitati, altre associazioni, altri sindacati, altri coordinamenti possano o vogliano, là dove possibile, dare vita ad una iniziativa simile: che 100 città digiunino contro l'indigesta riforma Renzi".
Tornare in alto Andare in basso
araxever



Messaggi : 441
Data d'iscrizione : 29.11.12

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 8th 2015, 18:15

Sai quanto gliene frega.... intorno al 5 maggio ce ne fu già uno di digiungo.... il nulla!
Tornare in alto Andare in basso
magma



Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 03.06.15

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 9th 2015, 15:02

TUTTI I MEZZI SONO BUONI PER TENERE ALTA LA TENSIONE E L' ATTENZIONE SU QUANTO STA ACCADENDO OGGI INTORNO ALLA SCUOLA !

Sciopero della fame «a staffetta»contro la riforma della scuola

Blocco degli scrutini e sciopero della fame. E a chiedere cambiamenti arriva anche l’appello dei docenti universitari

di Antonella De Gregorio

Fiaccolate, cortei, presidii, assemblee e campagne sui social. E poi il blocco degli scrutini e, a Bologna, anche uno sciopero della fame «a staffetta», che si protrarrà per almeno una settimana, mentre al Senato è iniziata la discussione sul ddl Scuola. Fuochi di guerra, che chiudono un anno scolastico caratterizzato da un confronto - a tratti scontro - molto vivace sul format della scuola del futuro. Ma se sullo sciopero degli scrutini il corpo docente è diviso tra favorevoli e contrari, nessuno mette più in dubbio la necessità di un ulteriore esame del testo della riforma. Dopo il «mea culpa» del premier a Genova, con l’ammissione di errori nel varo della riforma e la disponibilità «a dialogare» con la minoranza interna su ddl scuola ed altri provvedimenti, l’obiettivo resta l’approdo del provvedimento in aula al Senato, a partire dall’inizio della prossima settimana. Il disegno di legge, già licenziato dalla Camera, si trova ora in commissione Istruzione, dove i numeri non sono ampi per il governo: 14 a 12 per la maggioranza, ma fra i 14 ci sono anche rappresentanti della minoranza interna al Pd il cui voto a favore non è scontato.

La discussione del ddl

Lunedì, la commissione Istruzione pubblica ha affrontato la discussione generale sul disegno di legge. Martedì inizierà l’illustrazione degli emendamenti (circa 2200), per la votazione dei quali è atteso il parere della commissione Bilancio. «Molti emendamenti sono uguali quindi verranno discussi una volta sola», ha chiarito Franco Conte, componente della commissione in quota Area Popolare. La riunione di lunedì ha messo in evidenza alcuni punti critici e, in particolare, la stabilizzazione del personale Pas e Tfa. «I sindacati chiedono di considerare l’assunzione anche di questi precari che in tutto ammonterebbero a circa 180mila persone: è duro che, oltre alle 100mila assunzioni previste dal disegno di legge, se ne possano garantire così tante altre», ha precisato il senatore Conte al termine della commissione.

Le modifiche

Le modifiche in vista dovrebbero riguardare innanzitutto i presidi: l’idea sarebbe quella di limitare gli anni di permanenza in un istituto, senza modificare però i poteri che vengono loro attribuiti. Potrebbe essere rivista anche la forma di valutazione dei dirigenti e rivalutato il meccanismo che premia gli insegnanti. Annunci di modifiche e smentite che sembrano allontanare la possibilità di una rapida approvazione del documento. Il premier stesso ha messo in conto la possibilità di prolungare di una settimana di lavoro in VII Commissione «ma non di più - ha detto - altrimenti le assunzioni salterebbero al 2016».

Il blocco

Ma intanto, fuori dalle aule parlamentari, la protesta continua e sta generando il caos, con presidi che hanno ipotizzato di far lavorare gli insegnanti sabato 13 e domenica 14 e i sindacati, per recuperare e i sindacati (Marcello Pacifico, presidente dell’Anief) che tuonano: «È un atto illegittimo».

L’appello del mondo accademico

Intanto, a commentare la riforma e a chiedere cambiamenti si leva anche la voce del mondo accademico: docenti costituzionalisti, pedagogisti, storici dell’arte e del diritto del lavoro hanno sottoscritto un appello per la scuola, «il cui fondamento costituzionale rischia di crollare con l’approvazione del ddl di iniziativa governativa». «La scuola, su cui il Governo si appresta ad intervenire, ha un sicuro fondamento costituzionale (art. 33 e 34 Cost.). Piero Calamandrei l’ha definita non un semplice segmento dell’apparato dello Stato quanto piuttosto un vero e proprio “organo costituzionale”. Per queste ragioni sollecitiamo un approccio meditato nella direzione indicata dai principi costituzionali, ignorati e traditi per più aspetti nella normativa in discussione in Parlamento», recita il testo dell’appello, in cui i docenti invitano il Parlamento a «un approccio meditato sulla scuola», nella direzione indicata dai principi costituzionali, ignorati e traditi per più aspetti nel testo in discussione. A diffondere l’appello è la Cgil, che invita i docenti universitari a condividerne i principi «a difesa dell’istruzione pubblica» e che denuncia il testo come «lontano dalla possibilità di creare una scuola democratica e aperta a tutti, lontano dal superare il precariato e dagli investimenti che si rendono necessari per realizzare una vera e compiuta autonomia scolastica puntando, come punta il Governo, sulla centralità della figura del dirigente scolastico e non sulla collegialità e il protagonismo docente».
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 9th 2015, 17:01

Io al massimo posso fare qualcosa che somigli al Ramadan: di giorno astinenza, di notte .......
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 9th 2015, 18:33

avidodinformazioni ha scritto:
Io al massimo posso fare qualcosa che somigli al Ramadan: di giorno astinenza, di notte .......

Avido non sottovalutare le tue capacità, puoi sempre recuperare in caso di possibile, anche se nel tuo caso ritengo ineluttabile, interruzione del digiuno.
Informati meglio!
Tornare in alto Andare in basso
magma



Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 03.06.15

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 07:59

non preoccupatevi c'è chi lotta per voi...
Tornare in alto Andare in basso
meri



Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 26.11.10

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 15:04

magma ha scritto:
non preoccupatevi c'è chi lotta per voi...
sai magma, anche io sono basita da questa paura di fare lo sciopero della fame, che, da quanto so, a parte qualcuno molto bravo, viene fatto a staffetta, un giorno per uno. Se lo facessimo tutti, secondo me farebbe impatto più di uno slittamento di pochi giorni dello scrutinio, e a COSTO ZERO (come sono felici di guadagnare sui nostri scioperi quelle iene ridens votate da nessuno).
Io l'ho fatto, e sono pronta a rifarlo se ci coordiniamo
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 15:08

se pure contraria alla riforma, mi esimerei da forme macchiettistiche di protesta per gli insegnanti: noblesse oblige!
Non vorrei si finisse a farsi ridere dietro come con i "mutandari" che occuparono i tetti contro Gelmini! Non si può paragonare il blocco degli scrutini a uno sciopero della fame senza nemmeno la fame, a quanto apprendo!
Tornare in alto Andare in basso
meri



Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 26.11.10

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 15:15

Piano con gli insulti
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 15:22

Non volevo insultare ma dire la mia. Trovo che lo sciopero della fame non sia una modalità adeguata perché macchiettistica e che sia assolutamente non paragonabile al blocco degli scrutini. Non ci trovo niente dinoffensivo
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25630
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 15:35

meri ha scritto:
magma ha scritto:
non preoccupatevi c'è chi lotta per voi...
sai magma, anche io sono basita da questa paura di fare lo sciopero della fame, che, da quanto so, a parte qualcuno molto bravo, viene fatto a staffetta, un giorno per uno. Se lo facessimo tutti, secondo me farebbe impatto più di uno slittamento di pochi giorni dello scrutinio, e a COSTO ZERO (come sono felici di guadagnare sui nostri scioperi quelle iene ridens votate da nessuno).
Io l'ho fatto, e sono pronta a rifarlo se ci coordiniamo


A parte che disapprovo totalmente una tale forma di protesta per rispetto verso chi il cibo non ce l'ha davvero...mi vuoi spiegare cosa è lo sciopero della fame di un giorno a staffetta: oggi mangio pesante, domani non mangio sciopero e mi disintossico e venerdì riprendo col fritto?
Tornare in alto Andare in basso
meri



Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 26.11.10

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 15:41

E' un segnale, così come lo è lo slittamento di pochi giorni dello scrutinio, che non serve a un beato niente se non a dare un segnale.
Io comunque so di molti docenti che l'hanno fatto e lo stanno facendo per più giorni, chi non se la sente fa un giorno solo per appoggiare oppure nemmeno quello ma solidarizza e basta anziché criticare.
Personalmente sono andata avanti due gg, ma sono pronta a ripetere se trovo compagnia, da soli è davvero dura
Tornare in alto Andare in basso
meri



Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 26.11.10

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 15:43

Comunque la maggior parte delle persone non è capace di stare senza mangiare (patologie a parte) nemmeno un giorno, altro che delicatezza rispetto a chi non ha cibo...magari....
Tornare in alto Andare in basso
magma



Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 03.06.15

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 16:01

io sono per tutte le forme di lotta possibili.... oltre allo sciopero degli scrutini e allo sciopero della fame sarei anche per iniziare subito le occupazioni delle scuole.

ho massimo rispetto per i colleghi che s' impegnano in qualsiasi forma di lotta compresa lo sciopero della fame e ho un rispetto invece inversamente proporzionale per chi in maniera snob è capace solo di criticare e addirittura offendere gli altri che lottano per tutti.

meri mi congratulo con te... ce ne fossero di più di persone come te!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 17:43

meri ha scritto:
magma ha scritto:
non preoccupatevi c'è chi lotta per voi...
sai magma, anche io sono basita da questa paura di fare lo sciopero della fame, che, da quanto so, a parte qualcuno molto bravo, viene fatto a staffetta, un giorno per uno. Se lo facessimo tutti, secondo me farebbe impatto più di uno slittamento di pochi giorni dello scrutinio, e a COSTO ZERO (come sono felici di guadagnare sui nostri scioperi quelle iene ridens votate da nessuno).
Io l'ho fatto, e sono pronta a rifarlo se ci coordiniamo
Un giorno per uno ? Si chiama dieta ! A noi docenti che tendiamo all'incicciottimento non può che fare bene ! Ci alterniamo ogni 10 minuti ?
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 10th 2015, 18:15

L'unico dialogo da tenere con il governo attuale è sommergerli di ricorsi, punendoli senza pietà in cabina elettorale.
Hanno preso una bella sportellata con la sentenza della corte di giustizia ue, se ne prenderanno probabilmente un' altra per il blocco sine die dei contratti a Giugno..
Ieri preparato tramite sindacato altro bel ricorso per il pettine in seconda fascia con l'aiuto del sindacato, visto che Renzi vorrebbe penalizzare chi come mio fratello ha una laurea in scienze della formazione e abilitazione per il sostegno in primaria, a favore di altri.
Vedranno i sorci verdi..e quando il prezzo inizierà ad essere insostenibile a quel punto recederanno..l'arroganza di questo governo è intollerabile...e gli arroganti traffichini devono pagare..pagare tutto.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 11th 2015, 10:07

meri ha scritto:
magma ha scritto:
non preoccupatevi c'è chi lotta per voi...
sai magma, anche io sono basita da questa paura di fare lo sciopero della fame, che, da quanto so, a parte qualcuno molto bravo, viene fatto a staffetta, un giorno per uno. Se lo facessimo tutti, secondo me farebbe impatto più di uno slittamento di pochi giorni dello scrutinio, e a COSTO ZERO (come sono felici di guadagnare sui nostri scioperi quelle iene ridens votate da nessuno).
Io l'ho fatto, e sono pronta a rifarlo se ci coordiniamo



effettivamente ammetto un po' di "paura"...
Non ti ha attraversato la mente nemmeno un minuto il fatto che forse questa tua insistenza sulla necessità di protestare "a costo zero" ovvero senza che ti tolgano il vil denaro, potrebbe ridimensionare la tua immagine eroica? Pensa che io invece considero più convincente farlo essendo disposti a rimetterci di tasca propria: l'ho fatto e sono pronta a rifarlo, ho lottato per quelli che pur di non farsi togliere 50 euro,  non mangiano
Tornare in alto Andare in basso
meri



Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 26.11.10

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 11th 2015, 13:23

magma ha scritto:
io sono per tutte le forme di lotta possibili.... oltre allo sciopero degli scrutini e allo sciopero della fame sarei anche per iniziare subito le occupazioni delle scuole.

ho massimo rispetto per i colleghi che s' impegnano in qualsiasi forma di lotta compresa lo sciopero della fame e ho un rispetto invece inversamente proporzionale per chi in maniera snob è capace solo di criticare e addirittura offendere gli altri che lottano per tutti.

meri mi congratulo con te... ce ne fossero di più di persone come te!
Grazie magma
Tornare in alto Andare in basso
meri



Messaggi : 196
Data d'iscrizione : 26.11.10

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 11th 2015, 13:24

avidodinformazioni ha scritto:
meri ha scritto:
magma ha scritto:
non preoccupatevi c'è chi lotta per voi...
sai magma, anche io sono basita da questa paura di fare lo sciopero della fame, che, da quanto so, a parte qualcuno molto bravo, viene fatto a staffetta, un giorno per uno. Se lo facessimo tutti, secondo me farebbe impatto più di uno slittamento di pochi giorni dello scrutinio, e a COSTO ZERO (come sono felici di guadagnare sui nostri scioperi quelle iene ridens votate da nessuno).
Io l'ho fatto, e sono pronta a rifarlo se ci coordiniamo
Un giorno per uno ? Si chiama dieta ! A noi docenti che tendiamo all'incicciottimento non può che fare bene ! Ci alterniamo ogni 10 minuti ?
Per me è una forma di lotta seria, MOLTO seria.
Tornare in alto Andare in basso
clamar79



Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 03.09.11

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 11th 2015, 15:27

è serissima, eccome...d'altronde l'unica veramente nonviolenta, ma bisognerebbe non utilizzarla come forma di ricatto (metto a rischio la MIA vita se non ritiri il ddl...è un ricatto), perchè lo sciopero della fame inteso nel suo senso più stretto, come satyagraha, cerca di mettere in contraddizione lo stato con le sue stesse leggi. L'immenso Marco Pannella lo utilizza (con i compagni radicali) per far rispettare allo stato LE SUE STESSE LEGGI (STATO CANAGLIA): esempio...per 1 piantina di marjuana il poveraccio di turno (magari coltivata in casa per scopi terapeutici e sfuggire al pusher di turno e non alimentare la criminalità oppure risparmiare centinaia di euro per farla venire legalmente dall'estero) si fa la galera, mentre chi PUBBLICAMENTE AUTODENUNCIANDOSI ne coltiva 57 (on. Rita Bernardini, segretaria dei radicali italiani) non viene neanche sfiorata dalla legge: continuamente IMPLORA le forze dell'ordina di arrestarla e invece fanno solo "una segnalazione". E qui che entra in gioco lo sciopero della fame per "obbligare" lo stato a fare lo stato e metterlo in contraddizione con le norme giuridiche che esso stesso si dà (vedi anche terribile situazione crceraria che non solo viola l'art.27 della costituzione ma anche i più elementari diritti umani). Per questo si fa lo sciopero della fame (mettendo a repentaglio la proprio vita e non quella degli altri con manifestazioni che spesso sfociano in violenza pura!), utilizzando come arma di lotta non le molotov ma il proprio corpo! Questa è nonviolenza, è disobbedienza civile...ecco al posto di alcune amenità come il blocco degli scrutini io ho adottato un'altra strategia: scrutinio...odg...coordinatore...ho espletato TUTTO in maniera bizantina...ho contestato tutti i voti esigendo la votazione del cdc, ho fatto interventi fiume tutti da verbalizzare...insomma lo scrutinio è durato più di due ore, anzichè 45 minuti. Certo mi sono attirato l'odio dei colleghi, ma non ho fatto un torto a nessuno: ho rispettato tutti e tutto...in nome del diritto e delle normative (talvolta assurde) scolastiche che regolano un cdc di scrutinio.
Tornare in alto Andare in basso
magma



Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 03.06.15

MessaggioOggetto: Re: sciopero della fame contro la riforma   Giugno 13th 2015, 08:49

In sciopero della fame a Bologna da 7 giorni contro il DDL. Solidarietà dalla FIOM



Insegnanti, genitori, studenti e studentesse in sciopero della fame a Bologna - Alle ore 10,00 di oggi, sabato 13 giugno, gli insegnanti, i genitori, gli studenti e le studentesse che da 7 giorni sono in sciopero della fame, nell’estremo tentativo di far giungere a Roma l’eco della loro protesta nei confronti di un progetto di riforma della scuola pubblica giudicato inaccettabile e anticostituzionale, riceveranno la visita di Maurizio Landini, segretario generale della Fiom-Cgil e promotore della Coalizione sociale.

Ringraziamo fin d’ora il segretario della Fiom per l’ attenzione e la sensibilità più volte dimostrate nei confronti di una scuola pubblica che ha garantito a intere generazioni pari opportunità di accesso a un’istruzione di qualità, gratuita, laica e inclusiva.

Un scuola oggi a rischio di estinzione. In nome di una presunta e inesistente efficacia ed efficienza amministrativa infatti, si rinuncia al principio chiave di ogni democrazia che si rispetti: il principio di uguaglianza. Il Ddl-scuola in discussione al Senato con i suoi presidi-boss tuttofare, con i finanziamenti pubblici ulteriormente ridotti per finanziare scuole private che altro non sono che diplomifici a pagamento, con i suoi albi regionali da cui pescare insegnanti per fare “la propria squadra”, con la libertà di insegnamento e di espressione messe a repentaglio dal rischio di essere ogni tre anni spostati ad altre sedi, con i suoi non-criteri di valutazione, con l’arrivo dei finanziamenti privati a sostegno di singole scuole messe in competizione l’una con l’altra, non farà che estendere le disuguaglianze e ridurre le capacità di quell’ascensore sociale che aveva permesso a tanti ragazzi e ragazze di costruirsi un futuro al di là delle condizioni sociali ed economiche di provenienza.

In sostanza si veleggia irresponsabilmente verso un sistema scolastico di tipo americano.

Restando così la riforma proposta da Renzi è facile prevedere cosa accadrà da qui a pochi anni. Prolifereranno le scuole private per chi potrà permettersele, fioriranno le scuole pubbliche di lusso nei quartieri bene delle città e si moltiplicheranno le scuole pubbliche senza risorse e senza speranza nei quartieri popolari e nelle periferie povere. Scuole di serie A e scuole di serie B, scuole per la classe dirigente e scuole per le classi meno abbienti. Un salto indietro di decenni. Di nuovo accadrà che i figli dei dottori faranno i dottori mentre i figli degli operai faranno gli operai.

Al segretario della Fiom Maurizio Landini chiederemo allora aiuto e collaborazione, chiederemo di gridare insieme a noi “FERMATEVI” prima che sia troppo tardi, chiederemo che sia stralciato il comparto delle assunzioni con un apposito decreto legge e che tutto il resto torni ad essere materia di discussione, riflessione e confronto con il mondo della scuola.

Nel caso fosse la fretta decisionista, tipica di questo governo piè veloce, a dirigere le danze per l’approvazione del Ddl in tempi brevi, si sappia che un’alternativa c’è, già pronta per essere discussa e approvata: la legge d’iniziativa popolare “per una buona scuola per la Repubblica”, pensata e scritta in 29 articoli da tutte le componenti del mondo della scuola, già depositata in Parlamento e sottoscritta da 100.000 firme certificate.
Tornare in alto Andare in basso
 
sciopero della fame contro la riforma
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» mauro biglino e il "dio alieno" della bibbia
» Storia criminale della chiesa e arresto del progresso scientifico.
» Vaticano: "Positivo l'uso degli Ogm per combattere la fame nel mondo
» Corriere della Sera del 6/10/2010 - COLPO ALLA LEGGE 40
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: