Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Dom Giu 21, 2015 5:23 pm

Promemoria primo messaggio :

La sfida dell'antidispersione si sta ponendo da anni; la stessa Europa nel Trattato di Lisbona lo ha posto tra gli obiettivi fondamentali.
Per quanto mi concerne articolerei tale lotta alla dispersione nei seguenti modi:
1) Aumento del personale da impiegare nei corsi IEFP, corsi regionali triennali collegati con la scuola. Tali corsi sono già attivi, tuttavia soffrono di fatto di una forte mancanza di risorse e finiscono per diventare in alcuni casi estremi, dei ghetti. Occorrerebbe a mio avviso personale altamente qualificato, in particolare docenti con la specializzazione di sostegno, esperti di integrazione, posti come docenti curricolari nelle materie di area affine alla propria (si ricorda che i programmi sono estremamente semplificati nelle materie teoriche).
2) Introduzione obbligatoria di supporto allo studio pomeridiano per gli alunni stranieri e con alunni con insufficienze, estenendo il tempo pieno a tutti i livelli, fino all'assolvimento dell'obbligo scolastico a 16 anni; tale supporto non deve però essere un evento eccezionale relegato ai mesi di febbraio e luglio, ma deve essere costante, ogni giorno dell'anno scolastico.
3) Aumento delle ore di educazione fisica, collocandole in ogni giorno dell'anno al pomeriggio per permettere a tutti gli studenti di appassionarsi con la competizione e il gioco, alla scuola; un alunno può essere estremamente motivato dallo sport, essendo un linguaggio senza barriere, internazionale.
4) Introduzione di materie pomeridiane che possano motivare lo studente (oltre all'educazione fisica) come corsi (non necessariamente annuali) su giochi di ruolo, manga, cineforum ecc...
5) Introduzione del Counseling Scolastico, con personale formato per sostenere il ragazzo psicologicamente nelle sfide che la scuola pone.

Questo potrebbe essere un modo per collocare l'OFU qualora dovesse passare la riforma (cosa che non mi auguro e che sono certo che NON accadrà).
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 9:38 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ok, ma se la ragazzina, coerentemente con la sua grande passione di dedicarsi all'orto, dopo gli esami di terza media superati con tutti 10, si fosse impuntata a volersi iscrivere all'istituto agrario, la madre avvocato avrebbe rispettato questa sua scelta senza troppi patemi, o avrebbe fatto di tutto per spingerla a iscriversi al liceo, perché "per l'agrario sarebbe sprecata"?



Non credo che la scelta delle secondarie superiori debba essere fatta dai genitori, e lo dico per esperienza personale.
Non ho infatti nessuna difficoltà ad ammettere che, per me, la scelta del liceo classico sia stata fatta dai miei, con l'impegno, da parte loro, che se non fossi riuscita a superare la quarta ginnasio, o qualora lo avessi fatto a costo di troppi sacrifici, avrei potuto effettuare il passaggio ad altri indirizzi di studio.
Nessuno nella mia famiglia si era mai cimentato nell'impresa.
Sia chiaro, non è che non fossi attratta dal liceo, ma ritenevo di non essere all'altezza e di non essere capace di superare nemmeno il primo anno ... a quei tempi ero una ragazzina piuttosto insicura.
Naturalmente mi sbagliavo, e dopo aver conosciuto gli studi classici, oltre che i miei appassionati insegnanti, ed aver superato il primo anno, non ho mai più neanche pensato di voler tornare indietro.
Detto questo, però, non posso negare di aver fatto più sacrifici di tante mie coetanee che avevano scelto  altri percorsi formativi: ricordo perfettamente i fine settimana passati sui libri, e la costante mancanza di tempo da dedicare ai miei interessi, oltre che il patema d'animo di non voler dare una delusione ai miei.
Per me è stata davvero dura, e per questo, nonostante sia stata un esperienza formidabile per il mio percorso di vita, che mi ha permesso di diventare la persona che sono ora , piaccia o meno ( ora sono un po' più sicura) , non potrei mai costringere nessuno ad intraprendere un percorso di studi diverso da quello che desidera.

P.S. Quella ragazzina non solo ha scelto il suo percorso di studi, ma anche la scuola che vorrà frequentare e che si trova a circa 30 km da casa, nonostante ce ne siano altre molto più vicine.


Ultima modifica di Francesca4 il Lun Giu 22, 2015 9:41 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 9:39 pm

lucetta10 ha scritto:
La prossima volta faccio l'esempio con i commercialisti

Proprio non l'hai fatto apposta... ma che sbadata!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 9:42 pm

Francesca4 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
La prossima volta faccio l'esempio con i commercialisti

Proprio non l'hai fatto apposta... ma che sbadata!



Ho letto la storia della tua formazione con vivo interesse, come tutti suppongo, ma forse col tempo sei diventata un po' troppo sicura di te, magari anche leggermente egocentrica
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 9:45 pm

Francesca4 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
chicca70 ha scritto:
Il metodo migliore per contrastare la dispersione?  Riportare l'obbligo alla terza media. Così gli studenti che attualmente  si disperdono,  non perdono tempo a frequentare fisicamente (e non mentalmente) una scuola che a loro non interessa e possono andare direttamente a lavorare,  che è il loro vero obiettivo.


...ed è giusto che un quattordicenne persegua liberamente il proprio obiettivo di andare a zappare? Non sarebbe meglio sdoganare i pizzoni
per costringere tutti a studiare?
Chissà quanti figli di avvocato si sentiranno finalmente liberi di scegliere la vita agreste lasciando i bravi contadini sapienti a fare lezione in pace!

Suggerisco di correggere "Così gli studenti che attualmente  si disperdono,  non perdono tempo a frequentare fisicamente (e non mentalmente) e mi fanno fare lezione in pace"


https://www.youtube.com/watch?v=bfOE8O3PGzA

Ti informo che i figli degli avvocati non sono poi così diversi dagli altri!
Pensa, ne conosco una che pur amando dedicarsi all'orto, come la madre, quest'anno ha dovuto a malincuore rinunciarvi, perché, siccome è particolarmente cocciuta, si è messa in testa di essere ammessa agli esami di terza media con 10 in tutte le materie... e naturalmente ci è riuscita.


e perché, i figli di contadini no?
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 9:48 pm

lucetta10 ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
La prossima volta faccio l'esempio con i commercialisti

Proprio non l'hai fatto apposta... ma che sbadata!



Ho letto la storia della tua formazione con vivo interesse, come tutti suppongo , ma forse col tempo sei diventata un po' troppo sicura di te, magari anche leggermente egocentrica

Non sono io che mi pongo al centro dell'attenzione, sono semmai gli altri... che mi ci mettono, come tu stessa confermi.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 9:57 pm

lucetta10 ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
chicca70 ha scritto:
Il metodo migliore per contrastare la dispersione?  Riportare l'obbligo alla terza media. Così gli studenti che attualmente  si disperdono,  non perdono tempo a frequentare fisicamente (e non mentalmente) una scuola che a loro non interessa e possono andare direttamente a lavorare,  che è il loro vero obiettivo.


...ed è giusto che un quattordicenne persegua liberamente il proprio obiettivo di andare a zappare? Non sarebbe meglio sdoganare i pizzoni
per costringere tutti a studiare?
Chissà quanti figli di avvocato si sentiranno finalmente liberi di scegliere la vita agreste lasciando i bravi contadini sapienti a fare lezione in pace!

Suggerisco di correggere "Così gli studenti che attualmente  si disperdono,  non perdono tempo a frequentare fisicamente (e non mentalmente) e mi fanno fare lezione in pace"


https://www.youtube.com/watch?v=bfOE8O3PGzA

Ti informo che i figli degli avvocati non sono poi così diversi dagli altri!
Pensa, ne conosco una che pur amando dedicarsi all'orto, come la madre, quest'anno ha dovuto a malincuore rinunciarvi, perché, siccome è particolarmente cocciuta, si è messa in testa di essere ammessa agli esami di terza media con 10 in tutte le materie... e naturalmente ci è riuscita.


e perché, i figli di contadini no?

Non ho mai fatto distinzione di classi sociali, non solo perché la cosa mi faccia inorridire, ma anche perché non potrei assolutamente permettermelo.
Resta il fatto che non ho fatto io l'esempio dei figli degli avvocati, e non mi pare che sul forum ci sia uno stuolo di dichiarati avvocati che ti siano, tra l'altro, particolarmente antipatici.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 10:05 pm

Ma stai dicendo veramente? Finora credevo scherzassi.
Tanto per chiarire: gli antipatici ce li hanno i bambini di 10 anni, io ne ho svariati di più. Non mi ricordo questa grande frequentazione tra noi due. Se credi veramente che facendo l'esempio degli avvocati (che mi pare ovvio) avessi in mente te sei veramente al delirio. Stai rubando spazio alla discussione
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1602
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 10:37 pm

Lucetta10,  al liceo c' è l'utenza non dispersa? Ma lo sai quanti provano ad iscriversi al liceo tanto per provare?  Ragazzi usciti con 6 dalle medie,  ossia gravemente insufficienti. Lo sai che ci sono genitori che hanno una visione irrealistica delle capacità dei figli e che non demordono neppure di fronte ad una bocciatura? Il che non significa che obblighino i figli a studiare,  cercano invece di obbligare i docenti a promuovere. Nei licei non si boccia come un tempo ma la mia prima di quest'anno passerà in seconda diminuita di un terzo. Gli stranieri ci sono (uno o duo per classe), lo stesso i dsa. Che al liceo tutti vadano bene è un sogno tuo.
La mia soluzione non è la rassegnazione ma la presa d'atto della realtà. Non tutti possono studiare,  e la provenienza sociale ha un ruolo minimo rispetto alla volontà di farcela. Obbligare una persona a perdere tempo è assurdo.  Bisognerebbe semmai incentivare le scuole serali, per chi si accorge di aver sbagliato abbandonando la scuola.  Invece i corsi serali sono in diminuzione.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15758
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 10:39 pm

lucetta10 ha scritto:
Ma stai dicendo veramente? Finora credevo scherzassi.
Tanto per chiarire: gli antipatici ce li hanno i bambini di 10 anni, io ne ho svariati di più. Non mi ricordo questa grande frequentazione tra noi due. Se credi veramente che facendo l'esempio degli avvocati (che mi pare ovvio) avessi in mente te sei veramente al delirio. Stai rubando spazio alla discussione
Ti autorizzo formalmente a fare esempi sugli ingegneri.
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Lun Giu 22, 2015 10:58 pm

Egocentrico pure tu!
Tornare in alto Andare in basso
gaton



Messaggi : 147
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Beffa?   Mar Giu 23, 2015 10:49 am

Cosa pensate di quest'articolo? 

 unicobas-renzi-ipocrita-svelato-piano
Il primo commento dal fronte sindacale all'annuncio di Renzi sul rinvio delle assunzioni arriva da Stefano d'Errico, segretario nazionale Unicobas: "Tutto come previsto, saltano le assunzioni perché in realtà la Commissione Bilancio stava sollevando parecchi dubbi, troppi. Le risorse disponibili non sono assolutamente sufficienti per assumere 100mila e più precari.
A questo punto rimarranno solo le assunzioni necessarie a coprire i turn over legati ai pensionamenti. E così viene disvelata la verità: fino a questo momento Renzi ha preso in giro tutti, il mondo della scuola ma anche il suo stesso partito".
"Il progetto di Renzi - prosegue d'Errico - appare sempre più chiaro: realizzare la riforma senza neppure pagare il pegno delle assunzioni, perché non ci sono soldi o, per essere più precisi, non li si vuol trovare".
"Renzi - conclude il segretario Unicobas - parla di una Conferenza nazionale della scuola per il mese di luglio. Non si faccia illusioni: anche se le scuole sono chiuse noi saremo presenti. Il 14 luglio sarebbe proprio una bella data per la Conferenza sulla scuola: è bene che Renzi lo metta nel conto fin da subito".
Unicobas: "Renzi sappia che noi ci saremo anche a luglio" DA DOMANI AL NOSTRO PRESIDIO DI P.ZZA DELLE 5 LUNE (SENATO - ROMA, h. 14.00 - 19.00)

é veramente un Bluff?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 12:43 pm

penso che non c'entri nulla con la dispersione
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47757
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 12:45 pm

Hai sicuramente ragione.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 12:51 pm

Tornando al concetto di "dispersione": ma cosa si intende, esattamente, con questo termine?

Perché se si intende la fascia di ragazzi che abbandona la scuola prima di aver superato l'età dell'obbligo, tutte le propoeste elencate finora possono avere un qualche senso.

Ma siccome è largamente invalso l'uso (improprio, e in qualche caso anche volutamente disonesto) di chiamare "dispersione scolastica" QUALSIASI caso di persona che non completa il ciclo di scuola superiore e che non prende il diploma, anche nei casi in cui non solo è fuori dall'obbligo scolastico, ma è anche largamente maggiorenne, e ha tutti i diritti di scegliere se vuole continuare ad andare a scuola o no, io penso che una bella distinzione la si debba fare eccome.

Perché francamente, nel caso del pluriripetente che dopo aver cambiato tre o quattro scuole è ancora in terza a 20 anni compiuti, e che a un certo punto decide legittimamente di averne le scatole strapiene e di non volerne più sapere di andare a scuola, beh, l'unica risposta ragionevole è: "ma che si disperda pure, sono fatti suoi, e la società ha il dovere di rispettare la libera scelta di un adulto!"

L.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 1:00 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Tornando al concetto di "dispersione": ma cosa si intende, esattamente, con questo termine?

Perché se si intende la fascia di ragazzi che abbandona la scuola prima di aver superato l'età dell'obbligo, tutte le propoeste elencate finora possono avere un qualche senso.

Ma siccome è largamente invalso l'uso (improprio, e in qualche caso anche volutamente disonesto) di chiamare "dispersione scolastica" QUALSIASI caso di persona che non completa il ciclo di scuola superiore e che non prende il diploma, anche nei casi in cui non solo è fuori dall'obbligo scolastico, ma è anche largamente maggiorenne, e ha tutti i diritti di scegliere se vuole continuare ad andare a scuola o no, io penso che una bella distinzione la si debba fare eccome.

Perché francamente, nel caso del pluriripetente che dopo aver cambiato tre o quattro scuole è ancora in terza a 20 anni compiuti, e che a un certo punto decide legittimamente di averne le scatole strapiene e di non volerne più sapere di andare a scuola, beh, l'unica risposta ragionevole è: "ma che si disperda pure, sono fatti suoi, e la società ha il dovere di rispettare la libera scelta di un adulto!"

L.


assolutamente si.
Credo che tutti condivideremo che si debba parlare di dispersione al netto di questi (che non sono nemmeno troppi però).
Per loro ci sono i CPIA.
Diverso parlare della fascia 16-18
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 1:15 pm

Anche la fascia dai 16 ai 18 è fuori dall'obbligo scolastico. E comunque i centri di formazione professionale a indirizzo prevalentemente pratico (i CFP classici, non solo quelli dedicati esplicitamente alla riconversione professionale degli adulti) dovrebbero essere rivolti proprio a loro.

La maggioranza di quelli che abbandonano in quella fascia di età è composta proprio da ragazzi che fin dall'inizio aspiravano a seguire una strada di formazione professionale, ma che sono stati convinti (dalla famiglia, o da altre circostanze sociali varie) a iscriversi a un corso di studi per il quale non erano adatti e non provavano il minimo interesse.

Bocciati subito al primo anno, magari hanno provato a cambiare scuola senza essere convinti nemmeno della seconda scelta, e si sono trascinati per due o tre anni a pensare che "andare a scuola" significasse solo marcare la presenza senza fare assolutamente nient'altro. Arrivati a 16 o 17 anni essendo ancora in prima o in seconda, si sono sfracassati le teche, del fatto di essere circondati da compagni con due o tre anni di meno e da professori che ancora si ostinano a controllare il quaderno per verificare se abbiano fatto i compiti a casa giorno per giorno, e quindi mollano.

In casi del genere, io trovo giustissimo che questa categoria di ragazzi possa accedere tempestivamente alla formazione professionale... non vedo perché costringerli ad aspettare i 18 anni, con l'unica conseguenza di costringerli a stare parcheggiati ancora per un anno o due in classi che loro vivono come prigioni, o magari a casa (o per strada) a non fare assolutamente nulla.

L.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 2:20 pm

Mi pare che ci stiamo ripetendo, non credo che nessuno convincerà l'altro.
Riassumerei a questo punto la mia posizione.
Credo fermamente che l'elevazione della base culturale del paese sia una priorità, e che i ragazzi non abbiano la possibilità di sottrarsi a questo obbligo (che persegue un obiettivo collettivo, che li trascende, un po' come le vaccinazioni) e vadano quindi ricondotti, con le buone o con le cattive, alla necessità di conseguire seriamente un titolo che certifichi la base culturale necessaria, stabilita "per ora" nel biennio di scuola superiore. Tra le possibili "cattive", mi auguro che gli spazi per chi non possiede un titolo di studio "sufficiente" (penso ad esempio a chi ha raggiunto i 16 anni senza aver raggiunto nemmeno la terza media) si restringano sempre più. L'abbandono scolastico deve diventare ostativo al raggiungimento di ogni posizione lavorativa. Questo ci darebbe un'arma in più contro i nostri "fancazzisti".
Credo inoltre che si debba lavorare per scoraggiare la dispersione anche successivamente all'obbligo (perché la prospettiva futura dovrebbe essere quella di elevare ulteriormente l'obbligo, parallelamente allo sviluppo della società), che non si debba in nessun caso accedere precocemente (lo userei al posto di tempestivamente) alla formazione professionale, per la quale c'è tempo. Trovo assolutamente irricevibile l'idea che quelli che a scuola si annoiano vadano indirizzati verso l'avviamento professionale (che inevitabilmente avrebbe ripercussioni sociali: vi si indirizzerebbero i soliti noti dei soliti contesti come era in passato, non nascondiamocelo), mi spingo anzi fino a ritenere assolutamente irrazionale la canalizzazione precoce degli alunni nell'età dell'obbligo, cui si dovrebbe garantire lo stesso standard.
Mi si dice che questo pregiudicherebbe la qualità della scuola superiore, che diventerebbe in sostanza come la scuola media, fatta di classi troppo eterogenee in cui sarebbe troppo difficile fare lezione, anche con i pochi che hanno voglia. Forse, non lo nego. Non la ritengo però una ragione sufficiente per derogare alla necessità primaria, che è quella che ho detto all'inizio.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 2:49 pm

Il mio unico problema consiste nel fatto che le soluzioni prospettate "contro la dispersione scolastica" consistano inevitabilmente nell'abbassamento di livello della didattica e nella facilitazione illimitata delle richieste, e in qualche caso anche in ignobili farse per blandire, accattivare e coccolare l'utenza problematica, ...

...in maniera da "convincere" a rimanere a scuola per più tempo possibile chi comunque NON raggiunge nemmeno lontanamente gli obiettivi minimi attesi, DERESPONSABILIZZANDOLI sempre di più, e dare loro il diploma lo stesso, per poi far figurare sulla carta quanto siamo tutti contenti perché "il livello culturale della popolazione è aumentato".

E scusate se sarò cinica e impopolare, ma penso che tale strategia sia completamente fallimentare e si fondi su presupposti oggettivamente falsi.

Una strategia del genere, semplicemente, NON E' VERO che aumenta il livello culturale della popolazione. Facciamocene una ragione, e proponiamo altro.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 3:00 pm

Non vedo nessuna inevitabilita'.
Questa è l'impostazione della scuola a prescindere dall'elevamento dell'obbligo. Questa mentalità va sradicata per perseguire obiettivi più ambiziosi non per ridimensionarli.
L'obbligo si è elevato senza nessuna idea e senza nessuna modifica. E il risultato è sotto gli occhi di tutti
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 3:01 pm

lucetta10 ha scritto:
Tra le possibili "cattive", mi auguro che gli spazi per chi non possiede un titolo di studio "sufficiente" (penso ad esempio a chi ha raggiunto i 16 anni senza aver raggiunto nemmeno la terza media) si restringano sempre più. L'abbandono scolastico deve diventare ostativo al raggiungimento di ogni posizione lavorativa. Questo ci darebbe un'arma in più contro i nostri "fancazzisti".

Assolutamente no, avrebbe solo l'effetto esattamente contrario: ovvero, la responsabilità del fatto che i ragazzi raggiungano effettivamente quei titoli di studio o meno, ricadrebbe esclusivamente sulla scuola e sugli insegnanti, e mai e poi mai sui ragazzi stessi. Inevitabilmente, la scuola e gli insegnanti si sentirebbero moralmente obbligati a regalare promozioni e titoli di studio a tutti, anche a chi è lontanissimo dall'aver raggiunto gli obiettivi minimi, pur di non sentirsi in colpa per "avergli precluso qualche strada futura". Per i fancazzisti sarebbe un paradiso assoluto, ancora di più di quanto non lo sia già.

L.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 3:06 pm

E poi alla fine cosa abbiamo concluso, che più allarghiamo la platea e più abbassiamo il livello quindi meglio restringere la platea?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 3:09 pm

E facciamo in modo che i docenti non abbiano questa responsabilità in esclusiva! Facciamo sedute di terapia per gestire il senso di colpa.
Mi sembrano contestazioni che si possono sistemare con aggiustamenti mentre invece proponi di sacrificare tutto. Non capisco perché
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6114
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 3:16 pm

lucetta10 ha scritto:
Mi pare che ci stiamo ripetendo, non credo che nessuno convincerà l'altro.
Riassumerei a questo punto la mia posizione.
Credo fermamente che l'elevazione della base culturale del paese sia una priorità, e che i ragazzi non abbiano la possibilità di sottrarsi a questo obbligo (che persegue un obiettivo collettivo, che li trascende, un po' come le vaccinazioni)

Incidentalmente, negli ultimi anni, sull'onda di rivendicazioni pseudolibertarie, complottistiche e new age, l'obbligo delle vaccinazioni è stato praticamente abolito.

Non è che io sia favorevole a tale genialata, eh, intendiamoci... ma descrivo quello che è successo di fatto.

In molte regioni italiane l'obbligo vaccinale non esiste più, e i vaccini standard non sono più obbligatori, ma solamente "consigliati". E anche in tutte le altre in cui rimangono formalmente obbligatori, è comunque facilissimo sottrarsi all'obbligo senza rischiare niente.

I forum ad argomento di maternità sono strapieni di gente che si vanta di non aver vaccinato i figli perché "tanto la poliomielite non esiste più" (ma col cavolo), o perché "tanto il morbillo l'abbiamo avuto tutti, e che problema vuoi che ci sia a riempirsi di puntini rossi per qualche giorno" (ma con lo stracavolo), oppure perché "con tutte le cose brutte che si sentono dire in giro sui vaccini che fanno venire l'autismo, io non voglio rischiare". E tutta 'sta gente non rischia assolutamente NULLA per aver evaso l'obbligo, se non di essere richiamata due o tre volte dalla asl, e poi lasciata libera di fare come je pare...

L.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 3:25 pm

Anche lì potremmo risolvere restringono gli spazi, vietando l'accesso dei non vaccinati anche nei gabinetti pubblici
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.   Mar Giu 23, 2015 3:29 pm

Sì tratta di creare conflitto di interessi.
Se non hai un livello minimo di istruzione come lo richiede la società sei fuori dalla società e condannato alla fame. La guerra è guerra
Tornare in alto Andare in basso
 
Proposta di riforma antidispersione. Dite la vostra.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Bibbi ho bisogno di te, fatine dite la vostra!
» Come passate la vostra giornata?
» Piacere di fare la vostra conoscenza.
» quarta fascia gae e riforma
» Fai da te tra le ughie...che ne dite????

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: