Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 La rivolta dei prof: i pochi a favore, i molti contrari

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
magma



Messaggi : 256
Data d'iscrizione : 03.06.15

MessaggioOggetto: La rivolta dei prof: i pochi a favore, i molti contrari   Mar Giu 23, 2015 5:48 pm

Un reportage di 17 minuti della "Repubblica" dà luce alla contestazione, anche in piena estate, contro il DdL 'La Buona Scuola'. I motivi dello sciopero generale e delle proteste dinanzi al Parlamento, raccontanti dai protagonisti. C'è anche una voce fuori dal coro: per la prima volta si cerca di valorizzare chi nella scuola investe la vita. E perché il dirigente non può avere il potere di individuare i docenti? Chiude il sottosegretario Faraone: se non passa il DdL, Governo in bilico


(BELLISSIMO VIDEO, DA VEDERE)
http://www.tecnicadellascuola.it/item/12511-la-rivolta-dei-prof-parlano-i-prof-italiani,-i-pochi-a-favore,-i-molti-contrari.html

Sta riscuotendo un successo oltre misura il video realizzato da Corrado Zunino, per Repubblica Tv, dal titolo significativo “La rivolta dei prof”.  
“Il disegno di legge “La buona scuola” – si legge nella presentazione - dopo 16 mesi di lavoro è arrivato in Senato, ed è vicino alla sua approvazione. Dallo scorso marzo, però, è cresciuta la protesta dei docenti italiani: sciopero generale, contestazioni al ministro e ai senatori, sit-in al Parlamento, blocco degli scrutini. In piena estate la rivolta non si ferma. Parlano i prof italiani, i pochi a favore, i molti contrari”.
Il video prende il via con le vivaci proteste al ministro Giannini, che risponde scuotendo la testa: “non c’è nessuna volontà al dialogo”.
La contestazione coinvolge anche Francesca Puglisi, responsabile Scuola del Pd, cui un contestatore chiede quali “competenze e curriculum” abbia Davide Faraone per fare il sottosegretario all’Istruzione: “cosa c’entra questa cosa”, replica piccata la democratica.
Un altro docente dice al ministro che “siamo 80mila in Italia che con il nuovo DdL rischiamo di rimanere fuori”: Giannini, però, nella confusione, non sembra voler rispondere. Si sente una voce che chiede: ministro, “se ne va?”.
Una docente romana della Magliana, Camilla, accompagna, per le vie del centro di Roma, il senatore Andrea Marcucci (Pd), presidente della commissione Istruzione del Senato: la docente, con determinazione, contesta tutto il DdL, perché “è ideologico, classista e aumenta le differenze sociali”. E calpesta “l’articolo 3 della Costituzione che assegna alla scuola un ruolo chiarissimo”. La docente poi chiede provocatoriamente: come ci imporrete questa riforma, “con la violenza?”. Replica del sen. Marcucci: “la violenza non fa parte della mia cultura”. La prof chiede quindi “lo stralcio delle assunzioni, perché le assunzioni sono una cosa e la riforma è un’altra”. E ancora: “ci siamo attivati per farvi perdere le elezioni regionali”. Ma Marcucci ribatte: "non mi risulta".
Per l’on. Silvia Chimienti (M5S) “la morte della scuola pubblica italiana è una lenta agonia che dura da 20 anni”: con la riforma ‘La Buona Scuola’ raggiunge il suo apice, attraverso “l’onnipotenza del dirigente scolastico” che si ricorda sono nel periodo fascista, perché sceglierà i docenti e diventerà “procacciatori d’affari”. In compenso, questo DdL ha compattato il mondo della scuola: in piazza "c’erano proprio tutti", dice la 'grillina' in Parlamento.
Nel video c’è anche una delle contestazioni alla Puglisi (Pd), accusata, durante un incontro pubblico a Bologna, di “raccontare grandi bugie”, di “urlare come un’aquila” di fronte alle protesta, di aver contraddetto, ora al Governo, tutto quello che ha rivendicato per anni all’ex ministro Maria Stella Gelmini.
Spazio anche all'on. Ferdinando Adornato (Ap Ncd-Udc), che nel corso di un intervento alla Camera si sofferma sull'importanza della riforma della scuola media unica del 1962.
È contraria alla riforma Manuela Parasi, docente dell’Istituto Garaventa-Gallo di Genova: “perderemo l’idea di una scuola pubblica, uguale in tutte le parti d’Italia, che non ha bisogno di piegarsi alle logiche di mercato per attuare i propri progetti. Rispetto al 5 per mille, preferisco gli autofinanziamenti, i soggetti del quartieri, i fondi dei genitori, che ci sono sempre stati: non voglio essere in una scuola dove c’è denaro a scapito di chi denaro non lo ha. Questa cosa mi spaventa tantissimo”.
C‘è però anche una docente, di ruolo da 11 anni, che dice di non essere contraria al DdL: “il 5 maggio? Non ho scioperato, perché non sono del tutto contraria a questa riforma, dalla quale vorrei salvare quanto di buono c’è. Per la prima volta si va a mettere mano alla valutazione: anche se sarebbe da approfondire e aggiustare, per la prima volta si cerca di valorizzare chi nella scuola investe la vita” e chi non lo fa. E ancora: “sono assolutamente contraria al bonus del preside che individua l’incentivo al 5 per cento, ma un modo ci deve essere” per individuare i meritevoli: “l’anzianità non può essere l’unico criterio e, perché no, perché il dirigente non può avere il potere di individuare i docenti che servono ad assolvere quel piano?”.
Tornare in alto Andare in basso
 
La rivolta dei prof: i pochi a favore, i molti contrari
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Passa il favore, un sogno per domani...
» ROMA - POLICLINICO umberto I -prof. aragona .
» dott. Filicori e prof. Antinori
» risposta prof alessandra graziottin sull'ovodonazione
» Krumpendorf (AUSTRIA) Prof. Szalay

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: