Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Noi formiamo o educhiamo?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Noi formiamo o educhiamo?   Dom Giu 28, 2015 10:30 pm

Cosa facciamo noi per "educare"? Quale spazio rimane all'educazione sottratto tutto il tempo delle lezioni e interrogazioni? Ogni volta che finisce l'anno ed escono dal mio campo visivo per l'ultima volta i miei ragazzi me lo chiedo con tristezza. .. avrei potuto fare di più per lui o per lei? Potrò ancora fare qualcosa in futuro? Ho le competenze educative per farlo?
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Dom Giu 28, 2015 11:40 pm

Precario, mi fai tenerezza con le tue domande legittime certamente. Purtroppo dal MIUR noi docenti non veniamo adeguatamente nè formati nè aggiornati sulle tecniche di comunicazione. Lo Stato non ritiene necessario spendere questi soldi.
Noi attualmente non formiamo nè educhiamo. O perlomeno per come si dovrebbe fare. Andiamo avanti per tentativi ed errori.
La normalità, anzi, è quella che diseduchiamo e sformiamo o permettiamo ad altri (docenti, alunni e personale ATA) dell'ambiente scuola di farlo oppure siamo completamenti impotenti nell'azione di educare al bene qualsiasi alunno.
L'educazione non è una fatto singolo fra il docente e gli alunni come si vuol fare intendere inseguendo ancora la pedagogia gentiliana, ma è un fatto d'ambiente. Se vuoi educare realmente devi predisporre cavillosamente ogni cosa della tua scuola: dal comportamento del collaboratore scolastico, all'alunno, alla classe fino al collega e al Ds e al DSGA.
Questo, per esempio, lo sapeva bene un don Bosco, grande pedagogista, che nel suo collegio di ragazzi (non accettava ragazze) non ammetteva nessun ragazzo con vizio (di fumare, di rubare, onanismo, etc.) per non turbare e far precipitare gli altri e formava i suoi collaboratori in modo che li controllassero e tenessero impegnati "in letizia" e non li lasciassero mai soli.
Il collegio di don Bosco era un mondo al di fuori del mondo.
Quindi non sei TU personalmente e da solo responsabile dell'educazione dei tuoi alunni. Spesso capita che il pochino che costruisci in un alunno venga distrutto dal compagno di scuola o dal familiare o dal collaboratore scolastico, o dai tuoi colleghi.

Poi ti faccio notare che le ore per insegnare sono poche. A ridurle ancora vi sono tutti quei progettini curriculari "improvvisi" direi di EDUCAZIONE con esperti esterni come quello alimentare, legalità e compagnia bella (qualcuno è convinto ancora che la scuola può sostituire la famiglia e gli amici).
A me viene difficile programmare interrogazioni e lezioni durante l'anno. Ma quest'anno ho detto in Collegio dei docenti "basta" e ho visto che si è arrivati ad una buona e collettiva regolata trasferendo il tutto ad ore extracurriculari e con gli esperti che si assumevano tutte le responsabilità anche di vigilanza e con, ogni tanto, la presenza di un tutor.

A riguardo l'educazione che cosa dire? Che vi è necessità di ore dedicate? La vecchia educazione civica o la pseudo educazione alla convivenza civile che non si sa più bene se è  trasversale (e che vuol dire? ) o più competenza del docente di Italiano?

E a proposito di educazione come non far notare la disomogeneità di comportamento fra l'insegnante che fa rispettare le regole, e che è un buon esempio lui stesso, e quello che si fa arrivare la maleducazione degli alunni fin sopra i capelli e addirittura permette loro di usare in classe smartphone e carte da gioco?


Se volessimo formare (istruzione) dovremmo metterci veramente d'accordo (ed eseguire a puntino invece di fare i "furbi") sui programmi e i metodi da perseguire collegialmente in senso orizzontale (classi dello stesso anno) e in verticale (cosa fare al primo, poi al secondo, poi al terzo anno...etc).
Se volessimo educare realmente dovremmo fare per prima cosa rispettare il Regolamento d'istituto e le leggi italiane e poi insegnare la Costituzione italiana, il galateo, l'educazione stradale e un po' di codice civile.

Per ultimo, precario, tu sei un INSEGNANTE per il tuo alunno e non un papà. Non fare confusione!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 12:56 am

Quel che vorrei dire me lo contestereste di sicuro, quindi non lo dirò chiaro e diretto; dirò la stessa cosa in un modo che nessuno di voi mi contesterà perchè tutti voi sapete che non avete l'autorità per farlo.

Non da docente, ma da genitore: "chi cavolo vi autorizza a voler educare mio figlio ? Ma come vi permettete ? Ma chi vi credete di essere ? Abbassate la cresta ! Mio figlio è mio e nessuno osi educarlo diversamente da come lo voglio educare ed educo io".

Ora sapete quali siano i miei pensieri da insegnante.
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 1:17 am

E di già avido  ha detto tutto. Per cui per questione di esperienza e anche di concretezza a me  interessa, per l'educazione, insegnare le norme che gli alunni devono seguire a scuola e controllare che li rispettino (sempre a scuola).

E per provocazione dico che i corsi di educazione (alla legalità, alimentare, alla convivenza civile) piuttosto andrebbero rivolti ai genitori e organizzati da esperti e non da docenti di scuola qualunque.
Questo l'ho di già fatto presente a "degli esperti" che dovranno lavorare nella mia scuola l'anno prossimo.
Ho chiesto, gentilmente, di lasciare in pace gli insegnanti e le ore curriculari di mattina.
Per esempio è perfettamente inutile fare EDUCAZIONE alimentare a un ragazzo il cui padre obeso, con diabete e colesterolo alto lo nutre con cornetto la mattina, panino e porchetta a mezzogiorno, gli fa vedere la frutta come una porcheria orribile e lo disseta con coca cola e fanta e successivamente con pinte di birra.

Tale genitore dirà (per questo e altre cose), come sottolinea avido: "Chi cavolo vi autorizza a voler educare mio figlio ?"
Dimostrazione del fatto che è LUIre privo di quel qualcosa chiamata educazione e quindi bisognoso di... cinghiate! :-))
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1624
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 8:01 am

Io credo che educare (o diseducare) sia inevitabile. Non occorrono momenti ad hoc, né serve fare discorsi. È il comportamento del docente, il suo livello di rispetto delle regole,  il suo modo di rapportarsi con gli alunni, il suo impegno. Tutto questo educa senza che ce ne sia piena consapevolezza perché l'educazione si basa sull'esempio.  Che poi l'esempio del genitore sia solitamente più incisivo di quello del docente è altrettanto vero ma è normale che sia così.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 8:07 am

Cos'è l'educazione? parole o fatti?

Quando si sta a contatto con chi ancora non ha formato il proprio sè si educa, invevitabilmente
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Rianca



Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 28.06.15

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 8:49 am

Caro precario, noi siamo EDUCATORI per il solo fatto di insegnare: ma credi davvero che i nostri alunni imparino da noi solo la storia, la matematica ecc.? Essi invece respirano il nostro essere, la nostra autorevolezza, l'autenticità e l'onestà che dimostriamo con la nostra azione quotidiana. Stai tranquillo, tu educhi ogni giorno, ogni momento, ogni capitolo che spieghi della tua materia, parola di una VECCHIA maestra, che ancora insegna e perciò educa!
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 8:57 am

avidodinformazioni ha scritto:
Quel che vorrei dire me lo contestereste di sicuro, quindi non lo dirò chiaro e diretto; dirò la stessa cosa in un modo che nessuno di voi mi contesterà perchè tutti voi sapete che non avete l'autorità per farlo.

Non da docente, ma da genitore: "chi cavolo vi autorizza a voler educare mio figlio ? Ma come vi permettete ? Ma chi vi credete di essere ? Abbassate la cresta ! Mio figlio è mio e nessuno osi educarlo diversamente da come lo voglio educare ed educo io".

Ora sapete quali siano i miei pensieri da insegnante.


Nei limiti, perché siamo pur sempre un ente educativo, e lo stato si riserva, tramite la scuola, una quota di educazione del cittadino, che, se vuole vivere in società deve uniformarsi a alcune indicazioni.

Siamo invasi da indicazioni che ci spingono all'integrazione dei saperi, dei metodi, delle discipline e pensiamo ancora che i nostri contenuti disciplinari non veicolino nessun valore educativo?
A me non succede mai quello di cui parla precario, perché a fine anno, guardandomi indietro, ho la solida convinzione che sia valsa più una lezione su Dante che un'ora di predica sull'educazione o non capisco quale intervento educativo. Le interrogazioni, le verifiche sono altamente formative della personalità!
Questo è il contributo della scuola: facciamo uscire dalla caverna platonica i bruti, ergo li educhiamo.
La cultura ha un valore EDUCATIVO, non possiamo noi stessi considerarla decorativa!
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 9:25 am

Era il mio primo anno di supplenza (fine anni '90), e sentivo spesso dire a una collega "io ancora non ho capito se siamo insegnanti o educatori". Non ero sicuro di capire che cosa intendesse dire.

Noi siamo insegnanti: insegnando, educhiamo. L'educazione che impartiamo è un effetto collaterale del nostro insegnamento.
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 9:27 am

A proposito di educazione ...

Che pensate dopo aver visto questo filmato?

Qui quando sarà possibile fare anche formazione e veicolare attraverso i contenuti dei valori? Parlare di Dante, di Prima o Seconda guerra mondiale o altro?
Il nostro collega dove sbaglia?
Che tipo di educazione stanno ricevendo non solo gli alunni che sbagliano, ma anche quelli SPETTATORI? Che resterà loro nel futuro dell'esperienza scolastica che stanno vivendo?
Come vi immaginate che ragionino colleghi, preside, genitori e perfino il personale ATA di questa scuola?
Ecco perchè parlo di predisporre l'ambiente e che l'educazione non è solo un affare personale in stile gentiliano fra docente e alunni.

Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 11:08 am

isula. ha scritto:
Che pensate dopo aver visto questo filmato?

Orrore!!!
Trovo il filmato umiliante per noi docenti e per la scuola

isula. ha scritto:
Il nostro collega dove sbaglia?

Sbaglia in tutto!! Possibile che non dimostri un minimo cenno di reazione??
Con il suo atteggiamento remissivo e intimorito dimostra che gli studenti possono fare quello che stanno facendo e anche di più. Gli altri studenti "spettatori" ricevono il messaggio che il loro prof non vale un cavolo di niente e sono loro a poter dettare le regole o dovranno adattarsi a quelle stabilite dai loro compagni.
QUESTA NON E' SCUOLA!!!
Tornare in alto Andare in basso
roberto.grieco



Messaggi : 615
Data d'iscrizione : 07.05.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 11:14 am

Viene lo sconforto, perché son queste le cose che rovinano una categoria, intera. Non è un caso che la stragrande maggioranza degli italiani era favorevole alla chiamata diretta del DS e ci considera scansafatiche e fannulloni.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 11:54 am

Citazione :
Per esempio è perfettamente inutile fare EDUCAZIONE alimentare a un ragazzo il cui padre obeso, con diabete e colesterolo alto lo nutre con cornetto la mattina, panino e porchetta a mezzogiorno, gli fa vedere la frutta come una porcheria orribile e lo disseta con coca cola e fanta e successivamente con pinte di birra.


quindi tu ritieni che un ragazzo non abbia nemmeno un minimo di discernimento autonomo e non sia in grado di rendersi conto, a seguito di una corretta informazione, formazione, educazione alimentare conosciuta a scuola, di farsi carico della sua propria salute, di acquisire conoscenze che non aveva e di trasmetterle ai figli o di comunicarle in famiglia?

Se si parte dal presupposto di avere a che fare con i caproni incapaci di capire o se si pensa che valga la pena di insegnare solo a chi sa già... tanto vale chiudere il MIUR e tutti gli istituti ad esso facenti capo.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8323
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 12:06 pm

sfaccendando per casa ripenso a quello che leggo e insisto:

dire che non vale la pena di fare educazione alimentare dove a casa si mangia male
è l'equivalente di dire che non vale la pena di insegnare l'italiano dove a casa si parla solo dialetto.

Davvero, e non è polemica: a cosa serve, secondo te, isula, la scuola?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Scuola70



Messaggi : 575
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 1:33 pm

Comunque perché tutti vi state levando a condannare senza ombra di dubbio il docente del filmato? Se non reagisce evidentemente è perché è così sfiduciato da pensare che sia tutto inutile e dietro la sua maschera di imperturbabilità si nasconde lo sconforto, la convinzione che tutto sia vano, inutile, sprecato. Si condanna come sempre l'atteggiamento di quell'istante, ma non si sa bene che cosa abbia portato a quella situazione, evidentemente con quei ragazzi le sospensioni, le note, e quant'altro non servono, quindi che cosa dovrebbe fare? Mandarli dal DS per poi sentirsi dire che è lui il problema?
Tornare in alto Andare in basso
ghirettina



Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 21.03.15

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 1:50 pm

Ma si è colpa del docente invece quelle povere creature innocenti piccine immature bisognose di comprensione ed accoglienza hanno tutte ragione.

Tristezza
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 2:28 pm

chicca70 ha scritto:
Io credo che educare (o diseducare) sia inevitabile. Non occorrono momenti ad hoc, né serve fare discorsi. È il comportamento del docente, il suo livello di rispetto delle regole,  il suo modo di rapportarsi con gli alunni, il suo impegno. Tutto questo educa senza che ce ne sia piena consapevolezza perché l'educazione si basa sull'esempio.  Che poi l'esempio del genitore sia solitamente più incisivo di quello del docente è altrettanto vero ma è normale che sia così.
Questo è giusto è va sotto il nome di "deontologia professionale"

Il docente deve essere persona seria, degna del compito che gli viene assegnato.

Il barista non si deve grattare il culo (davanti ai clienti) ed il docente non deve vantarsi di evadere le tasse sulle lezioni private (davanti ai ragazzi).
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 2:33 pm

Scuola70 ha scritto:
Comunque perché tutti vi state levando a condannare senza ombra di dubbio il docente del filmato? Se non reagisce evidentemente è perché è così sfiduciato da pensare che sia tutto inutile e dietro la sua maschera di imperturbabilità si nasconde lo sconforto, la convinzione che tutto sia vano, inutile, sprecato. Si condanna come sempre l'atteggiamento di quell'istante, ma non si sa bene che cosa abbia portato a quella situazione, evidentemente con quei ragazzi le sospensioni, le note, e quant'altro non servono, quindi che cosa dovrebbe fare? Mandarli dal DS per poi sentirsi dire che è lui il problema?

Brava. La tua riflessione è anche la mia. Qui la bonifica di quello che chiamo AMBIENTE è prioritaria su tutto.
Chi (uno o tanti) si ribella certamente migliorerà l'ambiente, ma sarà trattato da Cristo crocefisso.

La buona scuola parla di assunzioni, ma non bonifica niente e non mette sulla tavola nulla di didattica, aggiornamento e di comunicazione.

Penso che l'unica bonifica attuale sia stata proprio la reintroduzione del 5 in condotta, e la relativa bocciatura di quei ragazzi che si comportano male, da parte della (per altre cose) contestata Ministra Gelmini.


Ultima modifica di isula. il Lun Giu 29, 2015 2:36 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 2:35 pm

Quando è stato tolto il 5 in condotta? Perché non sono stata avvertita?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 2:45 pm

Chiedo ai moderatori e agli altri utenti di vigilare su utenti che cambiano i propri interventi dopo le risposte, come è successo poco sopra.

L'ora di modifica non rende completamente conto della scorrettezza di taluni e induce molti, come è spesso successo su questo forum, a quotare all'infinito, pratica evidentemente necessaria in alcuni casi e con determinati utenti.

Ovvio che l'utente sopra avesse scritto, prima di modificarlo, che auspicava la reintroduzione del 5 in condotta
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 2:47 pm

giovanna onnis ha scritto:
isula. ha scritto:
Che pensate dopo aver visto questo filmato?

Orrore!!!
Trovo il filmato umiliante per noi docenti e per la scuola

isula. ha scritto:
Il nostro collega dove sbaglia?

Sbaglia in tutto!! Possibile che non dimostri un minimo cenno di reazione??
Con il suo atteggiamento remissivo e intimorito dimostra che gli studenti possono fare quello che stanno facendo e anche di più. Gli altri studenti "spettatori" ricevono il messaggio che il loro prof non vale un cavolo di niente e sono loro a poter dettare le regole o dovranno adattarsi a quelle stabilite dai loro compagni.
QUESTA NON E' SCUOLA!!!
Questa non è scuola, è vero.

Quello che hai visto è un filmato singolo, non tutta la storia di quella classe e di quel docente.

Cosa sarà successo prima di arrivare lì ? Azzardo un'ipotesi ?

Quello potrebbe essere il professore exmigliore della scuola, quello che a differenza degli altri nei primi mesi dell'anno entrava in classe con la pretesa di fare lezione; magari cercava di insegnare l'italiano agli antropomorfi presenti in classe (che mi pare si esprimano in un idioma similare al napoletano).
Gli antropomorfi avranno iniziato a mandarlo a quel paese e lui avrà iniziato a mettere note disciplinari (come la legge impone), loro avranno perseverato e lui avrà chiamato a casa gli antropomorfi più grandi; loro (se gli hanno risposto) gli avranno risposto di non rompere i coglioni (non credo abbiano usato un linguaggio più forbito).
Dopo qualche mese di tira e molla il finto docente si sarà arreso all'evidenza: non basta avere due gambe due braccia e sembianze umane per essere considerati tali (vedi le scimmie) e non basta saper proferire parola (vedi i pappagalli). Si può fare lezione solo agli esseri umani; a tutti gli altri antropomorfi no; li si può ammaestrare, con i dovuti metodi: frusta, pungolo elettrico, sedia, deprivazione di cibo ed acqua ....... nei campi di concentramento tedeschi ce n'erano ADHD ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Lun Giu 29, 2015 2:50 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
Per esempio è perfettamente inutile fare EDUCAZIONE alimentare a un ragazzo il cui padre obeso, con diabete e colesterolo alto lo nutre con cornetto la mattina, panino e porchetta a mezzogiorno, gli fa vedere la frutta come una porcheria orribile e lo disseta con coca cola e fanta e successivamente con pinte di birra.


quindi tu ritieni che un ragazzo non abbia nemmeno un minimo di discernimento autonomo e non sia in grado di rendersi conto, a seguito di una corretta informazione, formazione, educazione alimentare conosciuta a scuola, di farsi carico della sua propria salute, di acquisire conoscenze che non aveva e di trasmetterle ai figli o di comunicarle in famiglia?

Se si parte dal presupposto di avere a che fare con i caproni  incapaci di capire o se si pensa che valga la pena di insegnare solo a chi sa già... tanto vale chiudere il MIUR e tutti gli istituti ad esso facenti capo.
Il principale strumento educativo che abbiamo è il buon esempio.

Noi possiamo dare il buon esempio per 6 ore al giorno 200 giorni all'anno, tutto il resto del tempo saranno esposti all'esempio dei genitori; qualunque cosa questo significhi.

Mio figlio è un bravo ragazzo; il 10 % del merito ce l'hanno i suoi ottimi docenti.
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 10:58 am

Secondo voi come si dovrebbe affrontare in classe e, più in generale a scuola, l'ambito educazione?
Ne abbiamo idea?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 1:52 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Ire ha scritto:
Citazione :
Per esempio è perfettamente inutile fare EDUCAZIONE alimentare a un ragazzo il cui padre obeso, con diabete e colesterolo alto lo nutre con cornetto la mattina, panino e porchetta a mezzogiorno, gli fa vedere la frutta come una porcheria orribile e lo disseta con coca cola e fanta e successivamente con pinte di birra.


quindi tu ritieni che un ragazzo non abbia nemmeno un minimo di discernimento autonomo e non sia in grado di rendersi conto, a seguito di una corretta informazione, formazione, educazione alimentare conosciuta a scuola, di farsi carico della sua propria salute, di acquisire conoscenze che non aveva e di trasmetterle ai figli o di comunicarle in famiglia?

Se si parte dal presupposto di avere a che fare con i caproni  incapaci di capire o se si pensa che valga la pena di insegnare solo a chi sa già... tanto vale chiudere il MIUR e tutti gli istituti ad esso facenti capo.
Il principale strumento educativo che abbiamo è il buon esempio.

Noi possiamo dare il buon esempio per 6 ore al giorno 200 giorni all'anno, tutto il resto del tempo saranno esposti all'esempio dei genitori; qualunque cosa questo significhi.

Mio figlio è un bravo ragazzo; il 10 % del merito ce l'hanno i suoi ottimi docenti.


... e la quota sarebbe la stessa se il genitore non fossi tu? se tu fossi migliore o peggiore?
Ammettiamo anche che la ricaduta della scuola, al variare di quella della famiglia, possa superare il 10%, o essere pari a 0.
Che poi ci rimanga solo il buon esempio non direi: spessissimo i nostri programmi sono per fortuna infarciti di cose migliori di noi. La mia professoressa di filosofia era una persona orribile, Schopenhauer me lo ricordo con molto più piacere e ha avuto su di me un valore educativo maggiore. Merito a lei, persona orribile ma brava nella professione, di avermelo trasmesso
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15814
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 2:09 pm

I ragazzi con maggiori necessità educative non vanno in scuole dove s'insegna Schopenhauer ma meccanica, elettronica, cucina e similari.

Al figlio di Totò Riina i docenti possono insegnare le stesse cose che hanno insegnato a mio figlio; certo nel suo caso rappresenterebbero il 100 % della sana educazione ricevuta, ma comunque sarebbe poca roba.
Tornare in alto Andare in basso
 
Noi formiamo o educhiamo?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: