Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Noi formiamo o educhiamo?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Noi formiamo o educhiamo?   Dom Giu 28, 2015 10:30 pm

Promemoria primo messaggio :

Cosa facciamo noi per "educare"? Quale spazio rimane all'educazione sottratto tutto il tempo delle lezioni e interrogazioni? Ogni volta che finisce l'anno ed escono dal mio campo visivo per l'ultima volta i miei ragazzi me lo chiedo con tristezza. .. avrei potuto fare di più per lui o per lei? Potrò ancora fare qualcosa in futuro? Ho le competenze educative per farlo?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 2:12 pm

Citazione :
Secondo voi come si dovrebbe affrontare in classe e, più in generale a scuola, l'ambito educazione?
Ne abbiamo idea?

ma cosa è l'ambito educazione?

Per una definizione che vada oltre la mia piccola esperienza e capacità, riporto da treccani


educazione Il processo attraverso il quale vengono trasmessi ai bambini, o comunque a persone in via di crescita o suscettibili di modifiche nei comportamenti intellettuali e pratici, gli abiti culturali di un gruppo più o meno ampio della società.


Come può non esservi coinvolta la scuola e il docente che la impersona?



Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 2:23 pm

lucetta10 ha scritto:

... e la quota sarebbe la stessa se il genitore non fossi tu? se tu fossi migliore o peggiore?
Ammettiamo anche che la ricaduta della scuola, al variare di quella della famiglia, possa superare il 10%, o essere pari a 0.
Che poi ci rimanga solo il buon esempio non direi: spessissimo i nostri programmi sono per fortuna infarciti di cose migliori di noi. La mia professoressa di filosofia era una persona orribile, Schopenhauer me lo ricordo con molto più piacere e ha avuto su di me un valore educativo maggiore. Merito a lei, persona orribile ma brava nella professione, di avermelo trasmesso

Oddio! E tu come sei? ;-)

A parte gli scherzi, è vero che abbiamo nei programmi contenuti meravigliosi, ma il problema tante volte è l'ambiente (e non finirò mai di ripeterlo) in cui si lavora.
Certo! Un docente, con sacrificio e cocciutaggine,  scontrandosi con determinati tipi di alunni alla fine può averla vinta.
Quello che hai detto mi ricorda tanto alcune scene di "Sister act II. Più svitata che mai" in cui la bravissima protagonista Deloris Van Cartier, alias Suor Claretta alias Whoopi Goldberg, supera diverse difficoltà,  come insegnante di musica, in una classe che non ne voleva sapere nulla di scuola e di musica. Il lieto fine è che, attraverso la musica e grazie alla testardaggine e passione della protagonista, si riescono a dare a ciascun ragazzo/a  un senso alla vita e l'autostima. Insieme a questo avviene anche il salvataggio della "Saint Francis High School" che rischiava di chiudere.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 3:43 pm

Citazione :
I ragazzi con maggiori necessità educative non vanno in scuole dove s'insegna Schopenhauer ma meccanica, elettronica, cucina e similari.

Al figlio di Totò Riina i docenti possono insegnare le stesse cose che hanno insegnato a mio figlio; certo nel suo caso rappresenterebbero il 100 % della sana educazione ricevuta, ma comunque sarebbe poca roba.

Pensa tu se i docenti di questo sfortunato figlio avessero gli stessi principi e vivessero secondo le stesse regole di tanto triste padre.

Almeno frequentando un ambiente dove gli adulti abbiano diversi abiti culturali, diciamo così, questo ragazzo ha la possibilità di conoscere altro.

Non importa andare a scomodare sister act, americanata emotivamente coinvolgente ma al di fuori del nostro mondo, per essere educatori.

Essere educatori significa avere almeno sufficienti abitudini di rispetto e di civiltà.
Significa ricordarsi che i ragazzi guardano e su quello che vedono costruiscono se stessi.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 4:54 pm

Ire ha scritto:
Essere educatori  significa avere almeno sufficienti abitudini di rispetto e di civiltà.
Significa ricordarsi che i ragazzi guardano e su quello che vedono costruiscono se stessi.
Quindi significa dare il buon esempio.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 9:17 pm

avidodinformazioni ha scritto:
I ragazzi con maggiori necessità educative non vanno in scuole dove s'insegna Schopenhauer ma meccanica, elettronica, cucina e similari.

Al figlio di Totò Riina i docenti possono insegnare le stesse cose che hanno insegnato a mio figlio; certo nel suo caso rappresenterebbero il 100 % della sana educazione ricevuta, ma comunque sarebbe poca roba.


Meccanica e elettronica non sono forse migliori di Totò Riina? Non esistono bravi insegnanti di elettronica?
Salvare da un contesto estremo un ragazzo solo attraverso la scuola va bene solo per certi filmacci. Sono situazioni da servizi sociali.

Mi piacerebbe avere la convinzione che il nostro buon esempio possa educare i nostri discepoli, ma credo invece che siano le nostre discipline quelle veramente educative. Lo ripeto: la cultura non è decorativa, ma fonte di educazione e incivilimento.
Il bravo insegnante è anche un bravo educatore, ma educa con strumenti diversi da un genitore o da un istruttore di tennis, quelli peculiari della sua professione.
Non tutti i bravi insegnanti sono brave persone, e per fortuna non devono dare il buon esempio e plasmare a loro immagine, ma "trasmettere" il buon esempio. Questo non significa certo che debbano essere dei criminali incalliti, aspetto che rientra però ancora nelle caratteristiche professionali
Tornare in alto Andare in basso
Online
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47789
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 9:22 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
I ragazzi con maggiori necessità educative non vanno in scuole dove s'insegna Schopenhauer ma meccanica, elettronica, cucina e similari.

Al figlio di Totò Riina i docenti possono insegnare le stesse cose che hanno insegnato a mio figlio; certo nel suo caso rappresenterebbero il 100 % della sana educazione ricevuta, ma comunque sarebbe poca roba.

Pensa tu se i docenti di questo sfortunato figlio avessero gli stessi principi e vivessero secondo le stesse regole di tanto triste padre.

Almeno frequentando un ambiente dove gli adulti abbiano diversi abiti culturali, diciamo così, questo ragazzo ha la possibilità di conoscere altro.

E' una delle ragioni principali per le quali sono contrario al fatto che esistano scuole che abbiano un'impronta culturale o religiosa ben precisa (non pluralista) e che i genitori possano sceglierle perché coerenti con la loro visione della vita e con l'educazione che vogliono dare al figlio. So che è un discorso che abbiamo già fatto e che non siamo d'accordo e non voglio certo dire che esistano scuole di mafiosi (almeno non dichiaratamente), ma la riflessione, secondo me, è pertinente.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 10:03 pm

isula. ha scritto:
E di già avido  ha detto tutto. Per cui per questione di esperienza e anche di concretezza a me  interessa, per l'educazione, insegnare le norme che gli alunni devono seguire a scuola e controllare che li rispettino (sempre a scuola).

E per provocazione dico che i corsi di educazione (alla legalità, alimentare, alla convivenza civile) piuttosto andrebbero rivolti ai genitori e organizzati da esperti e non da docenti di scuola qualunque.
Questo l'ho di già fatto presente a "degli esperti" che dovranno lavorare nella mia scuola l'anno prossimo.
Ho chiesto, gentilmente, di lasciare in pace gli insegnanti e le ore curriculari di mattina.
Per esempio è perfettamente inutile fare EDUCAZIONE alimentare a un ragazzo il cui padre obeso, con diabete e colesterolo alto lo nutre con cornetto la mattina, panino e porchetta a mezzogiorno, gli fa vedere la frutta come una porcheria orribile e lo disseta con coca cola e fanta e successivamente con pinte di birra.

Tale genitore dirà (per questo e altre cose), come sottolinea avido: "Chi cavolo vi autorizza a voler educare mio figlio ?"
Dimostrazione del fatto che è LUIre privo di quel qualcosa chiamata educazione e quindi bisognoso di... cinghiate! :-))

Però il punto è che di solito ci si riesce a ottenere ciò che tu segnali, e cioè far seguire le norme della scuola... tuttavia appunto noi non abbiamo fatto altro che stabilire un'associazione tra comportamento e punizione che non ha fatto crescere il ragazzo. Ti faccio un esempio concreto:per tre anni in un professionale sono stato visto come il mastino, colui che faceva interiorizzare le norme della scuola... io però ora dico: a cosa è servito questo compito di controllo se i ragazzi poi sono usciti da lì che si comportavano bene a scuola e malissimo fuori?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 10:04 pm

Rianca ha scritto:
Caro precario, noi siamo EDUCATORI per il solo fatto di insegnare: ma credi davvero che i nostri alunni imparino da noi solo la storia, la matematica ecc.? Essi invece respirano il nostro essere, la nostra autorevolezza, l'autenticità e l'onestà che dimostriamo con la nostra azione quotidiana. Stai tranquillo, tu educhi ogni giorno, ogni momento, ogni capitolo che spieghi della tua materia, parola di una VECCHIA maestra, che ancora insegna e perciò educa!

Questo intervento mi piace moltissimo!!!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 10:10 pm

avidodinformazioni ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
isula. ha scritto:
Che pensate dopo aver visto questo filmato?

Orrore!!!
Trovo il filmato umiliante per noi docenti e per la scuola

isula. ha scritto:
Il nostro collega dove sbaglia?

Sbaglia in tutto!! Possibile che non dimostri un minimo cenno di reazione??
Con il suo atteggiamento remissivo e intimorito dimostra che gli studenti possono fare quello che stanno facendo e anche di più. Gli altri studenti "spettatori" ricevono il messaggio che il loro prof non vale un cavolo di niente e sono loro a poter dettare le regole o dovranno adattarsi a quelle stabilite dai loro compagni.
QUESTA NON E' SCUOLA!!!
Questa non è scuola, è vero.

Quello che hai visto è un filmato singolo, non tutta la storia di quella classe e di quel docente.

Cosa sarà successo prima di arrivare lì ? Azzardo un'ipotesi ?

Quello potrebbe essere il professore exmigliore della scuola, quello che a differenza degli altri nei primi mesi dell'anno entrava in classe con la pretesa di fare lezione; magari cercava di insegnare l'italiano agli antropomorfi presenti in classe (che mi pare si esprimano in un idioma similare al napoletano).
Gli antropomorfi avranno iniziato a mandarlo a quel paese e lui avrà iniziato a mettere note disciplinari (come la legge impone), loro avranno perseverato e lui avrà chiamato a casa gli antropomorfi più grandi; loro (se gli hanno risposto) gli avranno risposto di non rompere i coglioni (non credo abbiano usato un linguaggio più forbito).
Dopo qualche mese di tira e molla il finto docente si sarà arreso all'evidenza: non basta avere due gambe due braccia e sembianze umane per essere considerati tali (vedi le scimmie) e non basta saper proferire parola (vedi i pappagalli). Si può fare lezione solo agli esseri umani; a tutti gli altri antropomorfi no; li si può ammaestrare, con i dovuti metodi: frusta, pungolo elettrico, sedia, deprivazione di cibo ed acqua ....... nei campi di concentramento tedeschi ce n'erano ADHD ?

Fuori luogo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 10:12 pm

isula. ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

... e la quota sarebbe la stessa se il genitore non fossi tu? se tu fossi migliore o peggiore?
Ammettiamo anche che la ricaduta della scuola, al variare di quella della famiglia, possa superare il 10%, o essere pari a 0.
Che poi ci rimanga solo il buon esempio non direi: spessissimo i nostri programmi sono per fortuna infarciti di cose migliori di noi. La mia professoressa di filosofia era una persona orribile, Schopenhauer me lo ricordo con molto più piacere e ha avuto su di me un valore educativo maggiore. Merito a lei, persona orribile ma brava nella professione, di avermelo trasmesso

Oddio! E tu come sei? ;-)

A parte gli scherzi, è vero che abbiamo nei programmi contenuti meravigliosi, ma il problema tante volte è l'ambiente (e non finirò mai di ripeterlo) in cui si lavora.
Certo! Un docente, con sacrificio e cocciutaggine,  scontrandosi con determinati tipi di alunni alla fine può averla vinta.
Quello che hai detto mi ricorda tanto alcune scene di "Sister act II. Più svitata che mai" in cui la bravissima protagonista Deloris Van Cartier, alias Suor Claretta alias Whoopi Goldberg, supera diverse difficoltà,  come insegnante di musica, in una classe che non ne voleva sapere nulla di scuola e di musica. Il lieto fine è che, attraverso la musica e grazie alla testardaggine e passione della protagonista, si riescono a dare a ciascun ragazzo/a  un senso alla vita e l'autostima. Insieme a questo avviene anche il salvataggio della "Saint Francis High School" che rischiava di chiudere.

Bello. Datato, mieloso,ma ugualmente bello da vedere.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 10:55 pm

lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
I ragazzi con maggiori necessità educative non vanno in scuole dove s'insegna Schopenhauer ma meccanica, elettronica, cucina e similari.

Al figlio di Totò Riina i docenti possono insegnare le stesse cose che hanno insegnato a mio figlio; certo nel suo caso rappresenterebbero il 100 % della sana educazione ricevuta, ma comunque sarebbe poca roba.


Meccanica e elettronica non sono forse migliori di Totò Riina? Non esistono bravi insegnanti di elettronica?
Meccanica ed elettronica non hanno aspetti educativi.

Se insegni l'elettronica al figlio di Totò Riina non lo salvi dall'affiliazione mafiosa, non lo convinci della validità della legalità; semmai gli consenti di costruire un telecomando per la strage di Capaci.

Meccanica ed elettronica sono educativamente neutre e sterili.

L'anno prossimo ti dirò se si possono inserire messaggi educativi nei logaritmi in base "e".
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 11:01 pm

quindi educativo è qualcosa che inizia con "devi voler bene alla mamma" "devi pagare le tasse" "devi attraversare sulle strisce" e finisce con "ci siamo capiti?"?
Credi che gli insegnanti di materie "educative" (immagino umanistiche no?) inserisca messaggi educativi nelle proprie lezioni e diventi per questo un educatore?
Se insegni storia al figlio di Totò Riina lo salvi? Non è possibile che trovi l'elettronica più interessante dell'affiliazione mafiosa (e della storia)?
Si educa anche al valore dello studio, dell'impegno, dell'onestà, e non vedo perché per questo serva una materia peculiare

Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mar Giu 30, 2015 11:24 pm

lucetta10 ha scritto:
quindi educativo è qualcosa che inizia con "devi voler bene alla mamma" "devi pagare le tasse" "devi attraversare sulle strisce" e finisce con "ci siamo capiti?"?
Credi che gli insegnanti di materie "educative" (immagino umanistiche no?) inserisca messaggi educativi nelle proprie lezioni e diventi per questo un educatore?
Se insegni storia al figlio di Totò Riina lo salvi? Non è possibile che trovi l'elettronica più interessante dell'affiliazione mafiosa (e della storia)?
Si educa anche al valore dello studio, dell'impegno, dell'onestà, e non vedo perché per questo serva una materia peculiare

L'elettronica non è in competizione con l'affiliazione, non sei costretto a scegliere; se ti appassioni all'elettronica e ti hanno educato all'affiliazione, cme ho detto, farai dei bei telecomandi per bombe.

I valori, che educano, li trovi nei testi scritti con le parole, non nei testi scritti con i numeri e le formule.

Studiando la storia si scoprirà che il Re Sole era l'uomo più potente del mondo del suo tempo e gli sono morti molti figli; aprendo la mente su questo argomento si capirà che i soldi ed il potere non danno (da soli) la felicità, che se quel coglione ed i suoi antenati avessero investito in istruzione, avrebbero avuto dei medici in grado di curare i loro figli.

Da Dante si può imparare che con il potere puoi incutere timore e non guadagnare rispetto.

Con la filosofia si può scoprire che c'è chi morirebbe per far esprimere le proprie idee agli altri, anche quando sono strampalate.

Con il latino ....... va beh, a qualcosa servirà !

Ma tu dimmi se devo essere proprio io a difendere l'importanza della cultura umanistica.

Con le scienze e la tecnologia ci costruisci il PIL, con le materie umanistiche te lo godi.
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 672
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mer Lug 01, 2015 8:46 am

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

Meccanica e elettronica non sono forse migliori di Totò Riina? Non esistono bravi insegnanti di elettronica?
Meccanica ed elettronica non hanno aspetti educativi.

Se insegni l'elettronica al figlio di Totò Riina non lo salvi dall'affiliazione mafiosa, non lo convinci della validità della legalità; semmai gli consenti di costruire un telecomando per la strage di Capaci.

Meccanica ed elettronica sono educativamente neutre e sterili.

L'anno prossimo ti dirò se si possono inserire messaggi educativi nei logaritmi in base "e".

Alle superiori, da una lista di libri da leggere scelsi "la chiave a stella" di Primo Levi. Non ricordo molto della trama, ma ricordo benissimo che si parlava di lavoro, di lavoro manuale, e della soddisfazione di fare bene il proprio lavoro, di costruire ponti, strade e case fatti bene, con perizia, con abilità.
A me era piaciuto. Se per "educazione" intendiamo "tirar fuori il massimo da noi stessi" ed anche "contribuire alla comunità", meccanica ed elettronica non sono educativamente sterili.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mer Lug 01, 2015 2:26 pm

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
quindi educativo è qualcosa che inizia con "devi voler bene alla mamma" "devi pagare le tasse" "devi attraversare sulle strisce" e finisce con "ci siamo capiti?"?
Credi che gli insegnanti di materie "educative" (immagino umanistiche no?) inserisca messaggi educativi nelle proprie lezioni e diventi per questo un educatore?
Se insegni storia al figlio di Totò Riina lo salvi? Non è possibile che trovi l'elettronica più interessante dell'affiliazione mafiosa (e della storia)?
Si educa anche al valore dello studio, dell'impegno, dell'onestà, e non vedo perché per questo serva una materia peculiare

L'elettronica non è in competizione con l'affiliazione, non sei costretto a scegliere; se ti appassioni all'elettronica e ti hanno educato all'affiliazione, cme ho detto, farai dei bei telecomandi per bombe.

I valori, che educano, li trovi nei testi scritti con le parole, non nei testi scritti con i numeri e le formule.

Studiando la storia si scoprirà che il Re Sole era l'uomo più potente del mondo del suo tempo e gli sono morti molti figli; aprendo la mente su questo argomento si capirà che i soldi ed il potere non danno (da soli) la felicità, che se quel coglione ed i suoi antenati avessero investito in istruzione, avrebbero avuto dei medici in grado di curare i loro figli.

Da Dante si può imparare che con il potere puoi incutere timore e non guadagnare rispetto.

Con la filosofia si può scoprire che c'è chi morirebbe per far esprimere le proprie idee agli altri, anche quando sono strampalate.

Con il latino ....... va beh, a qualcosa servirà !

Ma tu dimmi se devo essere proprio io a difendere l'importanza della cultura umanistica.

Con le scienze e la tecnologia ci costruisci il PIL, con le materie umanistiche te lo godi.



Non mi risulta che l'essere un raffinato bibliofilo abbia reso Dell'Utri così selettivo sulle proprie frequentazioni!

Meglio che l'Italia cominci a trovare il modo di far crescere il PIL con la cultura umanistica, visto che è l'unica merce di cui dispone in eccesso
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mer Lug 01, 2015 2:29 pm

geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

Meccanica e elettronica non sono forse migliori di Totò Riina? Non esistono bravi insegnanti di elettronica?
Meccanica ed elettronica non hanno aspetti educativi.

Se insegni l'elettronica al figlio di Totò Riina non lo salvi dall'affiliazione mafiosa, non lo convinci della validità della legalità; semmai gli consenti di costruire un telecomando per la strage di Capaci.

Meccanica ed elettronica sono educativamente neutre e sterili.

L'anno prossimo ti dirò se si possono inserire messaggi educativi nei logaritmi in base "e".

Alle superiori, da una lista di libri da leggere scelsi "la chiave a stella" di Primo Levi. Non ricordo molto della trama, ma ricordo benissimo che si parlava di lavoro, di lavoro manuale, e della soddisfazione di fare bene il proprio lavoro, di costruire ponti, strade e case fatti bene, con perizia, con abilità.
A me era piaciuto. Se per "educazione" intendiamo "tirar fuori il massimo da noi stessi" ed anche "contribuire alla comunità", meccanica ed elettronica non sono educativamente sterili.



ma chi Primo Levi il CHIMICO? E perché non Gadda l'INGEGNERE? Noooooo... chissà cosa ne pensavano del PIL e delle discipline buone e cattive
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mer Lug 01, 2015 6:07 pm

lucetta10 ha scritto:
Meglio che l'Italia cominci a trovare il modo di far crescere il PIL con la cultura umanistica, visto che è l'unica merce di cui dispone in eccesso
Ok, rassegniamoci alla fame allora.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Mer Lug 01, 2015 10:16 pm

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Meglio che l'Italia cominci a trovare il modo di far crescere il PIL con la cultura umanistica, visto che è l'unica merce di cui dispone in eccesso
Ok, rassegniamoci alla fame allora.


Perché invece buttando soldi a pioggia sull'impresa abbiamo fatto fortuna? Parli come se gli anni '70 e '80 non fossero esistiti e suggerissi un "New Deal"
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Gio Lug 02, 2015 1:50 am

Negli anni 70 eravamo la vera sesta potenza economica del mondo, poi è arrivato Craxi e siamo diventati la finta quinta potenza, poi con Berlusconi siamo diventati il primo paese in via di sottosviluppo.

Se pensi che tecnica e scienza siano un problema e non una risorsa temo che non ci siano grossi margini di discussione.

Se un giorno dovrai farti una risonanza magnetica chiedi al medico se l'ha inventata Montale.

Poi vai in Ruanda, chiedi se conoscono la risonanza magnetica, chiedi se conoscono Montale e chiedigli se preferiscono l'una o una raccolta di poesie dell'altro.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Gio Lug 02, 2015 9:07 am

mi sono astenuta dal commentare i vostri ultimi interventi perchè sono troppo "elevati" per me.
Ma ora non posso continuare a tacere devo dirvi che dal basso della mia capacità di lettura e di interpretazione sembra proprio che stiate confondendo "educazione" con "formazione"

O forse sono io che ho interpretato male la domanda iniziale
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Gio Lug 02, 2015 10:49 am

Ire ha scritto:
mi sono astenuta dal commentare i vostri ultimi interventi perchè sono troppo "elevati" per me.
Ma ora non posso continuare a tacere devo dirvi che dal basso della mia capacità di lettura e di interpretazione sembra proprio che stiate confondendo "educazione" con "formazione"

O forse sono io che ho interpretato male la domanda iniziale
Colpa dei didattofuffologi di scienza dell'informazione, che ricamano sui termini in quanto non hanno alcuna sostanza nelle loro discipline.

Io da bambino vivevo in un mondo semplice ed è a quello che faccio sempre riferimento.

Formazione: sinonimo di istruzione, processo nel quale al ragazzo vengono trasferite delle informazioni eventualmente anche delle pratiche operative (abilità, competenze diremmo oggi)

Educazione: processo nel quale si convince il ragazzo a comportarsi in un certo modo, perchè è il modo corretto, il modo conveniente per tutti.


Quando fai un corso sull'alimentazione e spieghi che è meglio mangiare un frutto a merenda piuttosto che una girella, hai fatto Formazione, ora lo sanno, se li interroghi ti sanno rispondere; se poi nell'intervallo vanno a prendersi una girella significa che non hanno accettato (non recepito) il messaggio, che hanno altre priorità rispetto alla salute di lungo periodo, quali il godimento immediato, e che non hanno ottenuto nulla dal punto di vista educativo.

Molta gente evade le tasse, e lo fa nascondendosi; se beccata nega l'evidenza e se necessario assume eccellenti avvocati.
Costoro sanno che stanno facendo qualcosa che non va, altrimenti non si nasconderebbero, ma non gliene frega nulla, perchè antepongono il loro arricchimento ad una sana redistribuzione del reddito.

Sono molto ben istruiti e molto male educati.

Viviamo in un mondo semplice, sono i fuffodidattici che lo complicano.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Gio Lug 02, 2015 11:32 am

grazie
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
geo&geo



Messaggi : 672
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Gio Lug 02, 2015 3:03 pm

Citazione :

Formazione: sinonimo di istruzione, processo nel quale al ragazzo vengono trasferite delle informazioni eventualmente anche delle pratiche operative (abilità, competenze diremmo oggi)

Educazione: processo nel quale si convince il ragazzo a comportarsi in un certo modo, perchè è il modo corretto, il modo conveniente per tutti.


insomma si potrebbe sostituire la scuola con wikipedia e un pratico cofanetto con tutti i dvd di SOS TATA
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Gio Lug 02, 2015 4:06 pm

geo&geo ha scritto:
Citazione :

Formazione: sinonimo di istruzione, processo nel quale al ragazzo vengono trasferite delle informazioni eventualmente anche delle pratiche operative (abilità, competenze diremmo oggi)

Educazione: processo nel quale si convince il ragazzo a comportarsi in un certo modo, perchè è il modo corretto, il modo conveniente per tutti.


insomma si potrebbe sostituire la scuola con wikipedia e un pratico cofanetto con tutti i dvd  di SOS TATA
Si certo, se si sostituissero i ragazzi che abbiamo con adulti responsabili e volenterosi che si alzano al mattino per tempo, in orario si piazzano davanti al loro pc , spengono il cellulare e si concentrano sullo studio di wikipedia per 6 ore, che facciano gli esercizi e che non li sbaglino perchè nessuno glieli corregge.

Dimenticavo, no BES, no DSA, no H; wikipedia non personalizza i contenuti.

Tu ragazzi così quanti ne conosci ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15806
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Noi formiamo o educhiamo?   Gio Lug 02, 2015 4:08 pm

geo&geo ha scritto:
Citazione :

Formazione: sinonimo di istruzione, processo nel quale al ragazzo vengono trasferite delle informazioni eventualmente anche delle pratiche operative (abilità, competenze diremmo oggi)

Educazione: processo nel quale si convince il ragazzo a comportarsi in un certo modo, perchè è il modo corretto, il modo conveniente per tutti.


insomma si potrebbe sostituire la scuola con wikipedia e un pratico cofanetto con tutti i dvd  di SOS TATA
Sii costruttiva, dai le tue definizioni.
Tornare in alto Andare in basso
 
Noi formiamo o educhiamo?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: