Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 sfogo dopo esami terza media

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
AutoreMessaggio
cinzia68



Messaggi : 126
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: sfogo dopo esami terza media   Mar Giu 30, 2015 10:32 pm

Promemoria primo messaggio :

Cari, carissimi amici...sono reduce da un incontro-scontro con una madre infuriata. Purtroppo (ma per fortuna per me, per molti motivi) insegno nello stesso paese in cui vivo e mi capita spesso di incontrare i genitori dei miei alunni delle medie con i quali, a volte, ho rapporti di "clientelismo", nel senso che hanno delle botteghe presso cui mi servo. In un'occasione come questa, questo pomeriggio incontro una madre infuriata per come sono andati gli esami del figlio e del nipote in terza media. Entrambi i ragazzi sono stati licenziati con 8 come voto e lei non contesta questo ma il voto degli altri ragazzi, soprattutto di una che, a detta sua, non ha mai fatto un c...tutto l'a.s.e che è uscita con il medesimo voto. Io lì a spiegare che tutto è rapportato alla media matematica e che forse la ragazza in questione ha avuto 7.5 che poi passa a 8 e che i ragazzi hanno avuto 8 pieno. Uno shampoo fuori dal normale che, tra l'altro, mai mi sarei aspettata da una signora così fine e sempre riservata (al che mi chiedo se ci sia dell'altro covato per tre anni e mai rivelato!). Insomma ha sparato a zero contro di noi, incapaci di capire i ragazzi che davvero si impegnano. Io quest'anno non avevo neanche gli scritti, quindi potevo pure fregarmene, ma conosco la serietà dei colleghi e queste considerazioni mi hanno ferito profondamente. Ma perchè i genitori sono INCAPACI di fare il loro mestiere?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Dom Lug 12, 2015 10:03 pm

giobbe ha scritto:
Bella questa: griglie personalizzate.
Scuola con 500 alunni, 500 griglie. Praticamente tutto fumo e poco arrosto!



Come saprai, la normativa, da Moratti in poi, spinge in questa direzione.
Meno banale, ma questa direzione. Non sto difendendo il modello, lo sto ricordando, come ribadisco che si era partiti da un altro tema: quello della capacità degli alunni di autovalutarsi
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Dom Lug 12, 2015 10:28 pm

geo&geo ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:

In Italia le griglie non vengono saldate, vengono impastate, si prendono i tarallucci, li si frantuma, li si mescola col vino e si manda tutti a farsi friggere.

Bella, posso metterla nella tesina finale? Citandoti, ovviamente ;-)
Prego, fai pure.
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3586
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Lun Lug 13, 2015 11:29 am

lucetta10 ha scritto:
giobbe ha scritto:
Bella questa: griglie personalizzate.
Scuola con 500 alunni, 500 griglie. Praticamente tutto fumo e poco arrosto!



Come saprai, la normativa, da Moratti in poi, spinge in questa direzione.
Meno banale, ma questa direzione. Non sto difendendo il modello, lo sto ricordando, come ribadisco che si era partiti da un altro tema: quello della capacità degli alunni di autovalutarsi
La normativa, nel suo insieme, propone cose che nemmeno il Padreterno è in grado di fare!!!! Almeno su questo ci sei arrivata?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Lun Lug 13, 2015 5:17 pm

giobbe ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
giobbe ha scritto:
Bella questa: griglie personalizzate.
Scuola con 500 alunni, 500 griglie. Praticamente tutto fumo e poco arrosto!



Come saprai, la normativa, da Moratti in poi, spinge in questa direzione.
Meno banale, ma questa direzione. Non sto difendendo il modello, lo sto ricordando, come ribadisco che si era partiti da un altro tema: quello della capacità degli alunni di autovalutarsi
La normativa, nel suo insieme, propone cose che nemmeno il Padreterno è in grado di fare!!!! Almeno su questo ci sei arrivata?


e quindi?
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3586
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Lun Lug 13, 2015 6:59 pm

Nel rapporto Ocse sono elencate una per una le motivazioni per promuovere tutti.
Primo: se bocci uno studente, dice l'Ocse, mortifichi lui e  la classe intera, a lui togli la voglia di studiare e levarsi di dosso l'etichetta di asino, alla classe quella di fare uno scatto in avanti. Secondo: se bocci favorisci l’emarginazione e la disuguaglianza sociale, al diavolo i diritti, la democrazia e la legge uguale per tutti, l'universo mondo scoprirà che uno è più bravo e più sveglio di un altro, punto.
Terzo: se bocci uno studente ritardi il suo inserimento nel mondo del lavoro, dunque gravi sulla scuola per 10, 15mila dollari in più a ragazzo.
Premesso che l'Ocse è la stessa organizzazione che ogni sei mesi ci racconta che la nostra scuola è un po' più ignorante delle altre. Che siamo al penultimo posto per numero di laureati  (appena 11 su cento di età compresa tra i 25 e i 64 anni) e solo la Turchia riesce a fare peggio di noi. Che  8200 ore di istruzione imposte a ragazzini dai  7 ai 14 anni sono troppe rispetto a risultati a dir poco scadenti. Premessa dunque questa abilità straordinaria nel dire una cosa ("fate meglio") e contraddirsi un minuto dopo ("bocciate di meno che il 18 per cento è troppo") vale  davvero la pena santificare la promozione di ufficio?  Io credo di no.
Bocciare è un dovere e diritto dei professori. Come è un dovere diritto degli studenti studiare ed essere valutati. Un preside di Perugia qualche tempo fa chiese di reintrodurre il sei politico a scuola perché i risultati di fine anno erano talmente disastrosi che si sarebbe arrivati a percentuali di bocciature tra il 70 e il 90 per cento. Non ha pensato quel preside che forse l'orripilante performance degli studenti poteva essere dovuta alla scarsa qualità dei professori. Come non pensano  i genitori che a ogni benedetto scrutinio vanno in processione dai prof a insultarli, denunciarli e talvolta picchiarli per i brutti voti, che i loro figli qualche responsabilità ce l'hanno. Miope l'uno e miopi gli altri. In nome di un unico imperativo: livellare livellare livellare. Anche al ribasso, purché lo studente non si senta scalfito nello spirito (e nelle vacanze) e possa continuare a vivacchiare nella sua ignoranza o più banalmente nel suo furbo fancazzismo.
E il Pd che si è letto il rapporto Ocse ha subito concionato con Antonio Rusconi che è colpa della Gelmini se la scuola «boccia di più» perché è la prova che "ha tolto tutti gli aiuti e i sostegni ai ragazzi in difficoltà". "Noi non inseguiamo la bocciatura fine a se stessa" - ha giustamente replicato il ministro - "noi vogliamo portare i ragazzi a meritare la promozione". Concetto elementare Watson. Ma che importa? Il buonismo prima di tutto. Il buonismo seduto in cattedra che  non serve a niente se non a garantire ai prof l’illusione di essere bravi docenti e ai ragazzi di poter tirare a campare. Leggi che l'Austria abolirà le bocciature l'anno prossimo mentre in Francia se ne sta discutendo. E Bolzano sta addirittura pensando di eliminare i 3 in pagella. "Ma un conto è l'Europa e un conto è la scuola italiana", sentenzia il professor Fabrizio Foschi dei Diesse (Didattica e innovazione scolastica), "i paesi in cui si boccia di meno sono quelli in cui gli insegnanti sono autonomi, sono liberi professionisti assunti dalle scuole, pagati meglio di noi e motivati a ottenere il massimo dagli studenti". Ma da noi, con un corpo docente che nonostante tutti gli sforzi del ministro è ancora sottopagato, sottomotivato e forse sottopreparato che cosa ti aspetti? "Bocciare è un fallimento dei docenti prima di tutto che non hanno saputo fare il loro mestiere fino in fondo". E allora forse vale la pena che ne prendano atto. Gli insegnanti hanno paura che  la bocciatura sia lì, nero su bianco, a dirgli che hanno sbagliato e potevano fare di più. Allora tutti promossi, e con voti gonfiati per non sentire le lamentele dei genitori. Quanto ai ragazzi, gli studenti,  chi lo dice che non vogliano essere giudicati per quello che valgono?  E preferiscano una promozione incolore (il famoso calcio nel sedere di fine anno) a una promozione sudata e meritata? Un ragazzo deve essere guardato negli occhi. Ascoltato e valutato per quello che è riuscito a fare. Certo, resteranno tutte le attenuanti del caso, mica siamo alla selezione preventiva. E diremo sempre "non poteva studiare... non è portato... è intelligente ma non si applica". Ma  alla resa dei conti il giudizio dovrà essere definitivo, non obliquo e neppure edulcorato. E dovrà pesare sulle sue spalle. Le mezze verità riescono a far peggio delle bugie.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Lun Lug 13, 2015 9:51 pm

giobbe ha scritto:
.....è intelligente ma non si applica......
Perchè non si applica ? La risposta che mi do sempre è "perchè è un coglione".

Esistono coglioni intelligenti ?
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47878
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Lun Lug 13, 2015 9:54 pm

Si accontenta del 6 o anche del 5,5, se è convinto di farcela lo stesso con qualche aiuto. Qualcuno ogni tanto sbaglia i calcoli, ma sono quelli meno intelligenti:-)
Tornare in alto Andare in basso
giobbe



Messaggi : 3586
Data d'iscrizione : 25.08.11

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Lun Lug 13, 2015 11:23 pm

Dec ha scritto:
Si accontenta del 6 o anche del 5,5, se è convinto di farcela lo stesso con qualche aiuto. Qualcuno ogni tanto sbaglia i calcoli, ma sono quelli meno intelligenti:-)
Non c'è problema. Hanno capito che pure i 4 passano a 6.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1665
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Mar Lug 14, 2015 3:29 pm

avidodinformazioni ha scritto:
giobbe ha scritto:
.....è intelligente ma non si applica......
Perchè non si applica ? La risposta che mi do sempre è "perchè è un coglione".

Esistono coglioni intelligenti ?
Concordo totalmente. Chi è intelligente è curioso verso il mondo ed è motivato allo studio in modo intrinseco. Se proprio una materia non gli interessa,  chi è intelligente capisce che gli conviene comunque applicarsi (motivazione estrinseca).
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Mar Lug 14, 2015 3:47 pm

chicca70 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
giobbe ha scritto:
.....è intelligente ma non si applica......
Perchè non si applica ? La risposta che mi do sempre è "perchè è un coglione".

Esistono coglioni intelligenti ?
Concordo totalmente. Chi è intelligente è curioso verso il mondo ed è motivato allo studio in modo intrinseco. Se proprio una materia non gli interessa,  chi è intelligente capisce che gli conviene comunque applicarsi (motivazione estrinseca).



E sarebbe vero anche il contrario?
Tutti quelli che si applicano sono intelligenti? Vista la fame di impegno che vediamo, siamo spesso spinti a dire di sì, ma si confonde il classico "secchione" con l'intelligente. Il "curioso verso il mondo" non è necessariamente, intrinsecamente "onnivoro", e l'intelligente non è necessariamente votato (ahinoi) al bene
Tornare in alto Andare in basso
Gariel



Messaggi : 971
Data d'iscrizione : 02.08.12

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Mar Lug 14, 2015 4:05 pm

Chi si applica è intelligente se e solo se l'applicazione è motu proprio.
Diversamente se è costrizione e accettazione passiva...no...ovviamente.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15853
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: sfogo dopo esami terza media   Mar Lug 14, 2015 6:54 pm

lucetta10 ha scritto:
chicca70 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
giobbe ha scritto:
.....è intelligente ma non si applica......
Perchè non si applica ? La risposta che mi do sempre è "perchè è un coglione".

Esistono coglioni intelligenti ?
Concordo totalmente. Chi è intelligente è curioso verso il mondo ed è motivato allo studio in modo intrinseco. Se proprio una materia non gli interessa,  chi è intelligente capisce che gli conviene comunque applicarsi (motivazione estrinseca).



E sarebbe vero anche il contrario?
Tutti quelli che si applicano sono intelligenti? Vista la fame di impegno che vediamo, siamo spesso spinti a dire di sì, ma si confonde il classico "secchione" con l'intelligente. Il "curioso verso il mondo" non è necessariamente, intrinsecamente "onnivoro", e l'intelligente non è necessariamente votato (ahinoi) al bene
Certo che il contrario non vale; se sei abile nella logica saprai che il ribaltamento di "chi non si impegna è stupido" non è "chi si impegna non è stupido" ma "chi si impegna potrebbe non essere stupido"

l'affermazione equivalente non è "chi è stupido non si impegna" ma "chi non è stupido si impegna"
Tornare in alto Andare in basso
 
sfogo dopo esami terza media
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4
 Argomenti simili
-
» Esami di terza media e obbligo di assistenza alle prove scritte (alunno h non ammesso)
» consumismo natalizio
» Disponibilità dopo trasferimenti - Scuola Media - TORINO
» Esame terza media per alunni DSA
» PERDITE DOPO ECOGRAFIA

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: