Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Riforma Renzi della scuola incostituzionale?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 8 ... 14  Seguente
AutoreMessaggio
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Ven Lug 03, 2015 11:34 am

Promemoria primo messaggio :

Salve, rilanciando l'iniziativa letta su altri topics in merito alla riforma della scuola, propongo di raccogliere qui interventi ed idee che possano raggiungere lo scopo di chiedere l'intervento della Corte Costituzionale, che negli ultimi tempi ha dato prova di saggezza dichiarando incostituzionali sia il blocco delle pensioni che, ultimamente, la riduzione delle ore di alcune materie voluta da "beata ignoranza". Si accettano contributi ed adesioni. Cordialmente.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Ven Lug 03, 2015 6:51 pm

Kkimba ha scritto:
Mi permetto di aggiungere questo link, con una bella sfilza di articoli della Costituzione violati:

http://www.orizzontescuola.it/news/manifesto-della-scuola-pubblica-sottoscrizione-eccellenze-intellettuali-e-consegna-al-president
Perché tutti possano comprendere, incollo qui un pezzo significativo tratto dal link:
"La raccolta di sottoscrizioni è stata presentata, nei giorni scorsi, al Presidente Grasso e ai senatori in consesso e, quindi, al Presidente della Repubblica Mattarella, È, quello inviato soprattutto a quest’ultimo, un appello accorato, accompagnato dalla segnalazione di alcuni dei punti più critici e fortemente preoccupanti del Ddl “La buona scuola”: dalle norme relative alla chiamata diretta dei docenti da Albi Territoriali da parte del Dirigente Scolastico e del suo Comitato di valutazione, norme che violano il principio costituzionale di trasparenza, oggettività, buon andamento e imparzialità dell’Amministrazione che dovrebbe guidare l’assunzione nell’ambito del pubblico impiego (art. 33 e 97 della Costituzione), al rischio della salvaguardia del diritto alla maternità e all’assistenza dei figli e dei disabili (legge 104), alla violazione del principio della libertà di insegnamento propria della scuola di Stato (art. 33), che innesca conflitti di interesse, data la nuova composizione (docenti, genitori e alunni) del Comitato di valutazione. Tale sistema vuole, infatti, che i docenti vengano valutati, in una perversa inversione di ruoli, nel medesimo momento, da chi essi stessi valutano, contro ogni principio pedagogico di qualità. Si aprirà la strada in tal modo al clientelismo e agli abusi d’ufficio che un simile potere (eccezionale nella pubblica Amministrazione) rende possibili: molti saranno i docenti “puniti” (non confermati) per aver osato esprimere valutazioni didattiche autonome o confliggenti rispetto al giudizio del Dirigente Scolastico, altri docenti cercheranno, per essere riconfermati, di adeguarsi in toto alle direttive del D.S. oppure, viceversa, altri saranno ‘allontanati’ per aver esercitato, con fermezza e libertà intellettuale, la propria azione educativa rispetto alla tendenza di abbassare l’istruzione ai capricci delle famiglie."
Meditate gente, meditate e dite anche agli altri "la cattiva novella"!
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Ven Lug 03, 2015 7:02 pm

Ancora una chicca: la riporto tale quale attraverso il link, ma il titolo è davvero inquietante e se fosse vero sarebbe l'ennesima conferma dell'antico adagio "la gatta frettolosa fece i figli ciechi" (nell'articolo si parla infatti di differenze tra testo approvato al Senato (maxiemendamento) e testo in via di approvazione alla Camera: atto gravissimo che obbligherebbe a ripresentare il tutto al Senato!)
http://www.tecnicadellascuola.it/item/12737-il-ddl-2994-b-ha-gia-modificato-il-maxiemendamento.html
Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Ven Lug 03, 2015 7:36 pm

Non sono esperto, ma ho trovato questa differenza tra il testo in discussione alla Camera (DDL 2994B) di seguito riportato:
"5. Al fine di dare piena attuazione al processo di realizzazione dell’autonomia e di riorganizzazione dell’intero sistema di istruzione, è istituito per l’intera istitu- zione scolastica, o istituto comprensivo, e per tutti gli indirizzi degli istituti secon- dari di secondo grado afferenti alla me- desima istituzione scolastica l’organico dell’autonomia, funzionale alle esigenze didattiche, organizzative e progettuali delle istituzioni scolastiche come emergenti dal piano triennale dell’offerta formativa pre- disposto ai sensi del comma 14. I docenti dell’organico dell’autonomia concorrono alla realizzazione del piano triennale del- l’offerta formativa con attività di insegnamento, di potenziamento, di sostegno, di organizzazione, di progettazione e di coordinamento.
(Vedi anche comma 78)."

e quello del Maxiemendamento del 25 giugno u.s.:
"5. Al fine di dare piena attuazione al processo di realizzazione dell’autonomia e di riorganizzazione dell’intero sistema di istruzione, è istituito per l’intera istituzione scolastica, o istituto comprensivo, e per tutti gli indirizzi degli istituti secondari di secondo grado afferenti alla medesima istituzione scolastica l’organico dell’autonomia, funzionale alle esigenze didattiche, organizzative e concorrono alla realizzazione del piano triennale dell’offerta formativa con attività di insegnamento, di potenziamento, di sostegno, di organizzazione, di progettazione e di coordinamento."
NEL MAXIEMENDAMENTO MANCA DUNQUE IL RIFERIMENTO AL COMMA 78 INTRODOTTO NEL DDL 2994B!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Ven Lug 03, 2015 8:18 pm

Ma quando l'avrebebro modificato se hanno respinto tutti gli emendamenti e l'hanno blindato? Cioè se lo sono fatti da soli???!!!!?? Ma è fascismo!!!
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 347
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 10:11 am

Kkimba ha scritto:
Ma quando l'avrebebro modificato se hanno respinto tutti gli emendamenti e l'hanno blindato? Cioè se lo sono fatti da soli???!!!!?? Ma è fascismo!!!

Sarebbe bello che la si smettesse di usare i termini a vanvera. Il Fascismo fu un movimento - irripetibile, perché legato a condizioni storiche, geopolitiche e sociali molto specifiche - a carattere rivoluzionario e nazionale. Tutto il contrario di questo governo, composto da vigliacchi al servizio di poteri sovranazionali.

In ogni caso, questo thread non ha molto senso. Se la Costituzione avesse ancora un valore - ma non lo ha più da decenni, se mai lo ha avuto, ed è inutile starci a frignare sopra - allora lo stesso Parlamento sarebbe incostituzionale, insieme a tutti i provvedimenti da esso varati. Ricorderete che la Suprema Corte ha sancito l'incostituzionalità del "Porcellum", cioè della stessa legge elettorale con cui il Parlamento è stato eletto.

"L’art. 136 Cost., come è noto, dispone che la norma dichiarata incostituzionale cessi di avere efficacia dal giorno successivo a quello di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della sentenza della Corte Costituzionale. Quindi è molto chiaro che cessando di avere efficacia la norma che ha eletto i Parlamentari, questi, non possano più sedere in maniera legittima in Parlamento. Questo l’effetto principale. Ma si deve valutare con serietà l’invalidità di tutti gli atti collegati. In prima analisi risulta evidente che l’elezione del Capo dello Stato sia anche essa non valida, perché fatta da un Parlamento non legittimo. E da qui una marea di atti a rischio invalidità."

Se la Costituzione contasse ancora qualcosa, dunque, non avremmo di che preoccuparci. Purtroppo lo scopo precipuo della carta costituzionale varata nel dopoguerra non era certo quello di tutelare i comuni cittadini dagli abusi del potere, bensì di fornire ai gruppi politici nazionali un quadro di regolamentazione cui poter fare riferimento nel corso della loro lotta per il potere. Ma ahimé, i gruppi politici a carattere nazionale non esistono più: quelli che vediamo da 20 anni al governo sono agenti delle oligarchie internazionali, il cui scopo è esclusivamente quello di portare avanti le riforme cui sono legati gli interessi dei loro referenti; e la lotta per il potere è ridotta a guerra di bande per il controllo di ciò che resta delle risorse, lotta nella quale è imprescindibile e determinante la manifestazione di obbedienza assoluta alle suddette oligarchie.
In questo contesto la Costituzione è uno strumento obsoleto, inutile e perfino inapplicabile, essendo del tutto mutate le condizioni storiche e geopolitiche che avevano portato alla sua nascita. Sarebbe il caso di farsene una ragione. Se invece si vuole continuare a fingere che il potere internazionale possa essere tenuto a bada con belle frasette scritte su carta 70 anni fa… beh, allora alla Costituzione io preferisco la Settimana Enigmistica, che contiene giochini meno deficienti.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 11:01 am

Cloretta ha scritto:
Kkimba ha scritto:
Ma quando l'avrebebro modificato se hanno respinto tutti gli emendamenti e l'hanno blindato? Cioè se lo sono fatti da soli???!!!!?? Ma è fascismo!!!

Sarebbe bello che la si smettesse di usare i termini a vanvera. Il Fascismo fu un movimento - irripetibile, perché legato a condizioni storiche, geopolitiche e sociali molto specifiche - a carattere rivoluzionario e nazionale. Tutto il contrario di questo governo, composto da vigliacchi al servizio di poteri sovranazionali.

In ogni caso, questo thread non ha molto senso. Se la Costituzione avesse ancora un valore - ma non lo ha più da decenni, se mai lo ha avuto, ed è inutile starci a frignare sopra - allora lo stesso Parlamento sarebbe incostituzionale, insieme a tutti i provvedimenti da esso varati. Ricorderete che la Suprema Corte ha sancito l'incostituzionalità del "Porcellum", cioè della stessa legge elettorale con cui il Parlamento è stato eletto.

"L’art. 136 Cost., come è noto, dispone che la norma dichiarata incostituzionale cessi di avere efficacia dal giorno successivo a quello di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale della sentenza della Corte Costituzionale. Quindi è molto chiaro che cessando di avere efficacia la norma che ha eletto i Parlamentari, questi, non possano più sedere in maniera legittima in Parlamento. Questo l’effetto principale. Ma si deve valutare con serietà l’invalidità di tutti gli atti collegati. In prima analisi risulta evidente che l’elezione del Capo dello Stato sia anche essa non valida, perché fatta da un Parlamento non legittimo. E da qui una marea di atti a rischio invalidità."

Se la Costituzione contasse ancora qualcosa, dunque, non avremmo di che preoccuparci. Purtroppo lo scopo precipuo della carta costituzionale varata nel dopoguerra non era certo quello di tutelare i comuni cittadini dagli abusi del potere, bensì di fornire ai gruppi politici nazionali un quadro di regolamentazione cui poter fare riferimento nel corso della loro lotta per il potere. Ma ahimé, i gruppi politici a carattere nazionale non esistono più: quelli che vediamo da 20 anni al governo sono agenti delle oligarchie internazionali, il cui scopo è esclusivamente quello di portare avanti le riforme cui sono legati gli interessi dei loro referenti; e la lotta per il potere è ridotta a guerra di bande per il controllo di ciò che resta delle risorse, lotta nella quale è imprescindibile e determinante la manifestazione di obbedienza assoluta alle suddette oligarchie.
In questo contesto la Costituzione è uno strumento obsoleto, inutile e perfino inapplicabile, essendo del tutto mutate le condizioni storiche e geopolitiche che avevano portato alla sua nascita. Sarebbe il caso di farsene una ragione. Se invece si vuole continuare a fingere che il potere internazionale possa essere tenuto a bada con belle frasette scritte su carta 70 anni fa… beh, allora alla Costituzione io preferisco la Settimana Enigmistica, che contiene giochini meno deficienti.
Eppure è stata la base che ha consentito alla Corte Costituzionale di dichiarare illegittimo il blocco dell'aumento delle pensioni, il blocco degli stipendi e la soppressione delle ore attuato da "beata ignoranza" con la sua riforma o mi sbaglio? Senza la Carta Costituzionale la Corte non avrebbe potuto fare ciò che ha fatto IMHO.
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 347
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 11:53 am

Procopio, ti rispondi da solo. Gli aumenti delle pensioni sono ancora bloccati, come pure gli stipendi; le ore soppresse non sono ancora tornate all'ovile (forse potranno tornarci con una "riforma" che moltiplicherà i motivi di incostituzionalità). Ripeto, se vogliamo fare giochetti puramente etico-teorici la Costituzione è indicatissima, ma io continuo a preferire i cruciverba.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 12:05 pm

Cloretta ha scritto:
Procopio, ti rispondi da solo. Gli aumenti delle pensioni sono ancora bloccati, come pure gli stipendi; le ore soppresse non sono ancora tornate all'ovile (forse potranno tornarci con una "riforma" che moltiplicherà i motivi di incostituzionalità). Ripeto, se vogliamo fare giochetti puramente etico-teorici la Costituzione è indicatissima, ma io continuo a preferire i cruciverba.
Sono scelte personali che non spostano di una virgola quanto da me asserito: la Corte senza la Costituzione non avrebbe potuto muovere un dito IMHO.
Del resto siamo ancora in un paese in cui c'è (penso ancora per poco) la libertà di opinione ed è in virtù di quella che la petizione:
https://www.change.org/p/al-presidente-del-consiglio-matteo-renzi-ritiro-del-ddl-la-buona-scuola
ha ad oggi raggiunto la considerevole cifra di 81423 sostenitori. Meditate gente, meditate
P.S.: se non erro dal primo agosto 2015 qualcosa per i pensionati cambierà, ma senza la pronuncia della Corte non sarebbe accaduto nulla ed i nostri politici avrebbero tranquillamente continuato a sottacere ed ignorare il problema, o no?
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 347
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 1:05 pm

Procopio ha scritto:
la Corte senza la Costituzione non avrebbe potuto muovere un dito IMHO.

Certo, ma ora che ha mosso le dita tutto è rimasto esattamente come prima. Questo perché la Suprema Corte, come la carta costituzionale, pur non essendo stata abolita, riveste ormai un ruolo puramente formale. Se poi uno si diverte a vederla muovere le dita, allora buon pro gli faccia. E' un hobby come un altro.

Procopio ha scritto:
Del resto siamo ancora in un paese in cui c'è (penso ancora per poco) la libertà di opinione ed è in virtù di quella che la petizione:
https://www.change.org/p/al-presidente-del-consiglio-matteo-renzi-ritiro-del-ddl-la-buona-scuola
ha ad oggi raggiunto la considerevole cifra di 81423 sostenitori. Meditate gente, meditate

L'ultima frase che hai riportato era uno slogan per la pubblicità di una birra, molto in voga negli anni '80. Se si bevesse meno birra e si guardasse meno pubblicità, si capirebbe probabilmente che una petizione, fosse pure sottoscritta da un milione di miliardi di firme, ha tanta possibilità di fermare una legge quanto una scarica di insulti di fermare un bombardamento di F18. Perché tanto amore per i caroselli e tanto odio verso la nuda realtà?

Procopio ha scritto:
P.S.: se non erro dal primo agosto 2015 qualcosa per i pensionati cambierà, ma senza la pronuncia della Corte non sarebbe accaduto nulla ed i nostri politici avrebbero tranquillamente continuato a sottacere ed ignorare il problema, o no?

Gli aumenti promessi saranno il solito gioco delle tre carte. Se verranno davvero erogati (inevitabilmente tagliando su altri fronti), il riferimento reale saranno le compatibilità di bilancio (a loro volta definite in ambienti sovranazionali), non certo le norme costituzionali.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 1:42 pm


https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10205780823353939&set=pcb.810605869053076&type=1&theater


Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 1:55 pm

Stellastellina1975 ha scritto:

https://www.facebook.com/photo.php?fbid=10205780823353939&set=pcb.810605869053076&type=1&theater


C.v.d., si direbbe il linguaggio matematico, allora forza e raccogliamo le idee.
P.S.: il modo di parlare di "Cloretta" mi ricorda tanto quello di un certo "Guru", ne sai qualcosa?
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47867
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 2:30 pm

Ma dai. A parte che non si somigliano neanche un po', Cloretta ha già chiarito in un altro topic la sua identità, che peraltro era abbastanza evidente. Cerchiamo di andare oltre questi discorsi.
Tornare in alto Andare in basso
Ciccio.8



Messaggi : 2396
Data d'iscrizione : 24.02.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 2:37 pm

Dal sito di OrizzonteScuola altre notizie di mobilitazione:

http://www.orizzontescuola.it/news/pantaleo-flcgil-dal-1-settembre-mobilitazione-riforma-non-ha-consenso
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 2:48 pm

Per chi fa lezione di storia: quella del fascismo fu una deriva autoritaria legata a una profonda crisi economica oltre che del sistema partitico, sociale, sindacale. Condizioni tutte assolutamente ripetibili e purtroppo attualissime, a meno che qualcuno non viva nel paese delle meraviglie. Poi ogni autoritarismo si declina a seconda delle epoche: pensare che il fascismo (nel senso di deriva autoritaria) non sia ripetibile perché è stato un fenomeno nazionale, mentre oggi siamo in prospettiva globale (a livello politico e finanziario), mi sembra strumentale e riduttivo. Quanto al carattere rivoluzionario, non dimentichiamo la palingenesi annunciata da questo governo, che voleva riformare, modernizzare, rottamare. E non dimentichiamo che il fascismo è nato dal socialismo, come questa dittatura, sempre meno dolce per l'arroganza con cui sta umiliando il Paese e il Parlamento, è venuta alla luce da un partito che di sinistra si proclama.
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 347
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 3:37 pm

Kkimba ha scritto:
Per chi fa lezione di storia: quella del fascismo fu una deriva autoritaria legata a una profonda crisi economica oltre che del sistema partitico, sociale, sindacale. Condizioni tutte assolutamente ripetibili e purtroppo attualissime

Ma per carità di Dio...
Il Fascismo fu reso possibile dal fatto che si era appena usciti da una guerra mondiale; c'erano reduci che in battaglia avevano imparato ad usare le armi e le tecniche di combattimento militare ed erano pronti a mobilitarsi per usarle contro i governi; c'erano legioni di contadini e di ex militari mutilati e inabili al lavoro che con la guerra avevano perso tutto e ai quali la "crisi" odierna sarebbe parsa il paese di bengodi; c'era una rivoluzione in Russia che minacciava di dilagare in Europa e a cui bisognava contrapporre nuove forme politiche; soprattutto c'era una ex potenza egemone (l'Inghilterra) che era entrata in pieno declino, il che apriva la strada all'ascesa di nuove potenze regionali.
Non diciamo eresie, non c'è nulla di minimamente paragonabile tra la situazione attuale e quella del 1919.
Io penso che il principale motivo per cui alla deriva italiana non si riesce a contrapporre alcun argine politico è che gli italiani - vuoi per incredibile pigrizia mentale, vuoi per stupidità congenita - continuano a ragionare con categorie preistoriche, come se vivessimo ancora nella prima metà del secolo scorso. Si rievocano (ad minchiam) il fascismo e il nazismo; ci si attacca a carte costituzionali che sono ormai poco più che fonti storiche; si citano frasi fatte, tratte da antichi caroselli pubblicitari, come se si trattasse di perle di saggezza, perché elaborare pensieri propri è troppo faticoso; si propongono ai problemi politici soluzioni fumettistiche (il voto, le manifestazioni di piazza, le petizioni, le occupazioni, ecc.), riferite ad un'epoca lontana in cui TUTTO (il mondo, la società, l'habitat culturale, l'economia, la situazione internazionale, il concetto stesso di politica) era profondamente diverso.
Questo fenomeno, per me, può avere solo tre spiegazioni:

1) TV e giornali hanno ridotto il QI medio della popolazione a un centesimo circa di quello esistente un secolo fa e il fenomeno ha colpito soprattutto la categoria degli insegnanti (ho lavorato a lungo nelle fabbriche e i miei colleghi operai erano sì più analfabeti, ma anche infinitamente più perspicaci di un insegnante medio in materia di dinamiche geopolitiche);

2) Siamo ancora abbastanza ricchi e prosperi da poterci permettere di ragionare sui provvedimenti politici che ci colpiscono utilizzando categorie puerili, presentando analisi stereotipate e preconfezionate, citando slogan e frasi fatte come se fossero ragionamenti;

3) Entrambi le ipotesi di cui ai punti 1 e 2.


Ultima modifica di Cloretta il Sab Lug 04, 2015 3:45 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 3:44 pm


http://www.orizzontescuola.it/news/riforma-scuola-docenti-italiani-continuano-protestare


Tornare in alto Andare in basso
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 3:47 pm

Cloretta ha scritto:
Kkimba ha scritto:
Per chi fa lezione di storia: quella del fascismo fu una deriva autoritaria legata a una profonda crisi economica oltre che del sistema partitico, sociale, sindacale. Condizioni tutte assolutamente ripetibili e purtroppo attualissime

Ma per carità di Dio...
Il Fascismo fu reso possibile dal fatto che si era appena usciti da una guerra mondiale; c'erano reduci che in battaglia avevano imparato ad usare le armi e le tecniche di combattimento militare ed erano pronti a mobilitarsi per usarle contro i governi; c'erano legioni di contadini e di ex militari mutilati e inabili al lavoro che con la guerra avevano perso tutto e ai quali la "crisi" odierna sarebbe parsa il paese di bengodi; c'era una rivoluzione in Russia che minacciava di dilagare in Europa e a cui bisognava contrapporre nuove forme politiche; soprattutto c'era una ex potenza egemone (l'Inghilterra) che era entrata in pieno declino, il che apriva la strada all'ascesa di nuove potenze regionali.
Non diciamo eresie, non c'è nulla di minimamente paragonabile tra la situazione attuale e quella del 1919.
Io penso che il principale motivo per cui alla deriva italiana non si riesce a contrapporre alcun argine politico è che gli italiani - vuoi per incredibile pigrizia mentale, vuoi per stupidità congenita - continuano a ragionare con categorie preistoriche, come se vivessimo ancora nella prima metà del secolo scorso. Si rievocano (ad minchiam) il fascismo e il nazismo; ci si attacca a carte costituzionali che sono ormai poco più che fonti storiche; si citano frasi fatte, tratte da antichi caroselli pubblicitari, come se si trattasse di perle di saggezza, perché elaborare pensieri propri è troppo faticoso; si propongono ai problemi politici soluzioni fumettistiche (il voto, le manifestazioni di piazza, le petizioni, le occupazioni, ecc.),

Allora per favore illuminaci e dicci cosa dobbiamo fare, visto che sei la persona più intelligente qui dentro.

Tornare in alto Andare in basso
raganella



Messaggi : 2039
Data d'iscrizione : 24.08.11

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 3:50 pm

Cloretta ha scritto:
Kkimba ha scritto:
Per chi fa lezione di storia: quella del fascismo fu una deriva autoritaria legata a una profonda crisi economica oltre che del sistema partitico, sociale, sindacale. Condizioni tutte assolutamente ripetibili e purtroppo attualissime

Ma per carità di Dio...
Il Fascismo fu reso possibile dal fatto che si era appena usciti da una guerra mondiale; c'erano reduci che in battaglia avevano imparato ad usare le armi e le tecniche di combattimento militare ed erano pronti a mobilitarsi per usarle contro i governi; c'erano legioni di contadini e di ex militari mutilati e inabili al lavoro che con la guerra avevano perso tutto e ai quali la "crisi" odierna sarebbe parsa il paese di bengodi; c'era una rivoluzione in Russia che minacciava di dilagare in Europa e a cui bisognava contrapporre nuove forme politiche; soprattutto c'era una ex potenza egemone (l'Inghilterra) che era entrata in pieno declino, il che apriva la strada all'ascesa di nuove potenze regionali.
Non diciamo eresie, non c'è nulla di minimamente paragonabile tra la situazione attuale e quella del 1919.
Io penso che il principale motivo per cui alla deriva italiana non si riesce a contrapporre alcun argine politico è che gli italiani - vuoi per incredibile pigrizia mentale, vuoi per stupidità congenita - continuano a ragionare con categorie preistoriche, come se vivessimo ancora nella prima metà del secolo scorso. Si rievocano (ad minchiam) il fascismo e il nazismo; ci si attacca a carte costituzionali che sono ormai poco più che fonti storiche; si citano frasi fatte, tratte da antichi caroselli pubblicitari, come se si trattasse di perle di saggezza, perché elaborare pensieri propri è troppo faticoso; si propongono ai problemi politici soluzioni fumettistiche (il voto, le manifestazioni di piazza, le petizioni, le occupazioni, ecc.), riferite ad un'epoca lontana in cui TUTTO (il mondo, la società, l'habitat culturale, l'economia, la situazione internazionale, il concetto stesso di politica) era profondamente diverso.
Questo fenomeno, per me, può avere solo tre spiegazioni:

1) TV e giornali hanno ridotto il QI medio della popolazione a un centesimo circa di quello esistente un secolo fa e il fenomeno ha colpito soprattutto la categoria degli insegnanti (ho lavorato a lungo nelle fabbriche e i miei colleghi operai erano sì più analfabeti, ma anche infinitamente più perspicaci di un insegnante medio in materia di dinamiche geopolitiche);

2) Siamo ancora abbastanza ricchi e prosperi da poterci permettere di ragionare sui provvedimenti politici che ci colpiscono utilizzando categorie puerili, presentando analisi stereotipate e preconfezionate, citando slogan e frasi fatte come se fossero ragionamenti;

3) Entrambi le ipotesi di cui ai punti 1 e 2.


Meno male che ci sei tu a spiegarci il passato, indicarci il presente e predirci il futuro
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 4:01 pm

Se per Cloretta la crisi economica a cui ho fatto riferimento non è la prima guerra mondiale, è affar suo. La volontà di cancellare la storia del Novecento e l'incapacità (magari consapevolmente attuata) di guardare alla prospettiva di lungo periodo la dicono lunga. Definire la carta costituzionale una "fonte storica" è indicativo del livello del personaggio: evidentemente non conosce la storia, né il valore delle fonti, né l'italiano lingua se usa un'espressione così alta per definire con disprezzo il fondamento della nostra Repubblica (che, se Cloretta non lo sa, è nata dalle ceneri del fascismo).
Trovo inoltre poco corretto (e gradirei che i moderatori intervenissero) interagire offendendo gratuitamente l'interlocutore anche con un gergo non proprio da docente (ammesso che lo sia) ms nemmeno consono a una persona che dovrebbe avere un certo spessore x interessarsi di scuola.
Ragazzi, costui/costei è venuto/a appositamente a disturbare e a sviare l'argomento del topic, che evidentemente ai filo governativi come lui/lei dà fastidio. Quindi non cadiamo nel suo gioco e non rispondiamo più. Continuiamo con la nostra linea.
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 347
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 4:20 pm

Vi ringrazio della fiducia (in effetti è vero: sono la ragazza più intelligente qui dentro), ma purtroppo non posso né illuminarvi, né risolvervi i problemi con la bacchetta magica. Quello che posso dirvi è che quando si ha un problema, ove s'intenda davvero risolverlo, si inizia ad analizzarlo a partire dai rapporti di causa/effetto e d'interrelazione che esso instaura con il nostro concreto habitat quotidiano. NON con un habitat immaginario.
Da che mondo è mondo, i gruppi sociali elaborano le proprie forme di protesta e di lotta riferendosi alla situazione sociale, politica, economica, ecc. propria della loro contemporaneità. Noi siamo la prima generazione nella storia umana a pretendere di lottare contro il potere del 2015 con i metodi elaborati più di cent'anni prima. Sono la sola a trovare questo fenomeno grottesco e ridicolo?
Riuscire ad analizzare e comprendere la situazione geopolitica attuale (possibilmente elaborando un modello teorico/strutturale delle sue dinamiche) sarebbe la base per elaborare nuove forme di lotta efficaci. Certo, è un'attività che richiederebbe fatica e intelletto. Ricantare a squarciagola, fino a consunzione dell'ugola, le canzoncine del biennio rosso è molto più semplice.
E' inutile argomentare che certi strumenti stramarci (la Costituzione, lo sciopero, il referendum e via delirando) sono gli unici che possediamo. Se anche fosse vero (e non lo è), non sarebbe comunque un buon motivo per andare contro i Panzer armati di fionde e cerbottane.
Meglio starsene a casa, a quel punto, che perdere tempo, denaro e pelle senza ottenere risultati. Del resto, a casa si pensa meglio; ed è proprio di un pensiero teorico rigoroso e fondante che le azioni di certi masanielli improvvisati avrebbero bisogno, per non concludersi nel consueto, tonante e prevedibile scoreggione nell'acqua.


Ultima modifica di Cloretta il Sab Lug 04, 2015 5:00 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
Cloretta



Messaggi : 347
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 4:31 pm

Kkimba ha scritto:
La volontà di cancellare la storia del Novecento

Veramente vorrei solo che tu la studiassi, prima di citarla - come dicevo - ad minchiam.
Del resto non so se sia peggio la sua cancellazione o la sua falsificazione e banalizzazione perenne.
Infine il mio argomento è perfettamente in topic: state parlando d'incostituzionalità del DDL e io sto sostenendo che solo un manipolo di perdenti per nascita può sperare di ottenere qualcosa muovendosi in questa direzione. Ciò fermo restando che il tempo è vostro e avete il diritto di sprecarlo come più vi aggrada. Il diritto di sprecare tempo in tentativi di contrattacco verso il potere politico perfettamente inutili e controproducenti è l'unico diritto garantito ai cittadini nelle moderne democrazie, nonché, in assoluto, il più sacro.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Stellastellina1975



Messaggi : 1659
Data d'iscrizione : 12.10.12

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 4:35 pm


http://www.unpage.it/nocensura/il-metodo-piu-efficace-per-prendere-il-controllo-dei-popoli-e-domina-118635091520926_799860063398422



Tornare in alto Andare in basso
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 4:40 pm

Cloretta ha scritto:
nonché, in assoluto, il più sacro.
L'unica affermazione che mi sento di condividere.
Del resto siamo in buona compagnia visto che altrove si legge:
"IL Presidente Ferdinando Imposimato, una minuscola Costituzione sempre nel taschino interno della giacca, poco fa ha consegnato alla Boldrini una petizione firmata dai docenti.

Con questa petizione si chiede di rispettare la sentenza europea sul precariato e di NON mettere la fiducia sul ddl scuola in quanto contenente ampie deleghe al governo, come prevede l'art. 76 della Costituzione.

La Costituzione sarà il nostro faro nella dura battaglia che ci attende."
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 347
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 4:45 pm

Procopio ha scritto:

La Costituzione sarà il nostro faro nella dura battaglia che ci attende."

Conoscendo il tipo (era compagno di liceo di mio padre) io vi consiglio di portarvi dietro anche un bel po' di fiammiferi. Poi fate come volete, neh...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Procopio



Messaggi : 922
Data d'iscrizione : 28.12.13

MessaggioOggetto: Re: Riforma Renzi della scuola incostituzionale?   Sab Lug 04, 2015 4:46 pm

Stellastellina1975 ha scritto:

http://www.unpage.it/nocensura/il-metodo-piu-efficace-per-prendere-il-controllo-dei-popoli-e-domina-118635091520926_799860063398422



Visto l'autore del testo non posso che condividere la paura prospettata ed andare indietro nel tempo al periodo in cui governavano il signor B. ed i suo sodale, il cui cognome inizia anch'esso con B.
Ogni giorno ed ogni legge erodeva un pezzo di libertà, salvo poi vedere la Corte intervenire per correggere le storture: ma che fatica per farlo e che spregiudicatezza nell'approvare tutto ciò che veniva in mente a colpi di "fiducia", proprio come sta accadendo ora e questo non mi piace affatto.
Tornare in alto Andare in basso
 
Riforma Renzi della scuola incostituzionale?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 14Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 8 ... 14  Seguente
 Argomenti simili
-
» Contratti sul sito della scuola
» richiesta 3 giorni di vacanza a discrezione della scuola
» colloqui individuali con i genitori
» nomina coatta alla gestione del sitoweb della scuola
» LA BCE ORDINA LA PRIVATIZZAZIONE DELLA SCUOLA

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: