Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Disorientamento giovanile disarmante

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Disorientamento giovanile disarmante   Sab Lug 04, 2015 9:16 pm

Promemoria primo messaggio :

Abbiamo terminato oggi con l'esame. Con soddisfazione mia, tre ragazzi che avevano un ottimo curriculum hanno avuto punteggi alti e nettamente emergenti rispetto alla media della classe. Ma alla tradizionale domanda di rito ("Cosa vuoi fare da grande?"), due di loro hanno risposto in modo disarmante.
Conoscevo già la risposta perché il loro disorientamento era già emerso durante l'anno, al punto che uno di loro non ha neppure voluto partecipare alla giornata dell'orientamento organizzata dall'Università. In pratica non sanno cosa fare, ma soprattutto sono così disorientati che non vorrebbero neppure proseguire negli studi.

Fin qui potrebbe sembrare ordinaria amministrazione, in fondo capita che un ragazzo si senta arrivato quando arriva al diploma e non voglia proseguire. Peccato che la scuola è un liceo delle scienze applicate, che fino allo scorso anno questi ragazzi erano intenzionati a proseguire gli studi (uno di loro aveva già esplorato, in quarta, i test di ammissione), che, per metodo impegno determinazione e capacità, sono in grado di proseguire all'università con profitto, che hanno il pieno sostegno delle rispettive famiglie, che, sia pure per caratteristiche differenti, sono due gioiellini di studenti, tra i migliori che io abbia mai avuto.

Perché questo atteggiamento rinunciatario? Perché questa demotivazione disarmante?
Ne abbiamo parlato tra i colleghi in commissione. Uno di loro ha detto che è un fenomeno che sta iniziando a farsi strada fra diversi giovani che vedono come esempi negativi i loro fratelli più grandi, neolaureati, che tornano a casa con un titolo ma senza prospettive. Non so quanto sia fondata questa affermazione, ma è verosimile. Già nella quinta dello scorso anno avevo sentito dai genitori di un altro studente, anche se ad un livello inferiore rispetto ai due di quest'anno, aveva manifestato la stessa demotivazione in maniera più esplicita: "che proseguo a fare? non ne vale la pena".

Insomma, ho paura che stiamo passando dalla fase della fuga dei cervelli a quella della resa dei cervelli. E credo che i modelli di riferimento che l'Italia propone, nella sfera sociale, politica ed economica, facciano di tutto per intensificare questo fenomeno. In fondo, quali prospettive riusciamo a dare a questi ragazzi oltre alla mera retorica?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Dom Lug 05, 2015 6:58 pm

Scusate la mia tastiera...
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Dom Lug 05, 2015 7:00 pm

Pur essendo ingegnere sono appassionatissimo di storia contemporanea,anni di piombo, storia della mafia in Italia,cronaca nera,passando ore e ore su YouTube e Rai storia.. Ma ammetto che nessuno mi pagherebbe mai per queste conoscenze...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Dom Lug 05, 2015 8:01 pm

Felipeto ha scritto:
Io.lo ripeto perché ho frequentato il politecnico di Torino e conosco neolaureati presso il medesimo...a fronte di anni durissimi,io dodici anni fa e loro oggi e le statistiche confermano sui grandi numeri,abbiamo trovato lavoro..non a tremila euro al mese come in germania a in ambito tecnologico..nessuno o una minima parte fa il cameriere o le stagioni..con questi non sminuiso certi lavori ma è ora di scegliere facoltà utili nel i mondo del lavori,anche all estero, e non piacevoli acculturamenti culturali senza sbocco.
Ehm... non pensi che forse la realtà del Piemonte possa essere un pochino diversa da quella della Sardegna del sudovest?
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Dom Lug 05, 2015 8:23 pm

giovanna onnis ha scritto:

precario_acciaio ha scritto:
1) Il terrorismo mediatico sulla crisi e la disoccupazione ha colto nel segno e questi ragazzi sono demotivati e hanno paura del futuro.
Non si tratta di “terrorismo mediatico” , ma di pura realtà!!
I nostri ragazzi non sono sordi e neanche ciechi, hanno modo di vedere e capire la società che li circonda e i dati relativi alla disoccupazione intellettuale non sono numeri estratti per il superenalotto, ma sono purtroppo dati reali.
Il mercato del lavoro giovanile italiano soffre, paragonata agli altri paesi europei, di un tasso di disoccupazione intellettuale decisamente preoccupante. Infatti, mentre la maggioranza dei paesi europei registra i tassi di disoccupazione più alti fra le persone con i più bassi livelli d’istruzione, l'Italia, in controtendenza, mostra tassi di disoccupazione dei laureati più alti rispetto a quelli a quelli dei diplomati e persino di coloro che hanno conseguito solo la licenza media.

Quoto Giovanna e corroboro il suo ragionamento con un dato di esperienza personale assolutamente NON scientifico: dalle mie parti (nord profondissimo) i laureati (anche in discipline scientifiche o in ingegneria) sono a spasso o, nella migliore delle ipotesi, con la valigia in mano pronti ad emigrare in Germania, UK, Francia, Irlanda o altro. Invece un diplomato dell'IPSIA che sappia fare il suo lavoro (tornitore, lattoniere, carpenteria metallica etc etc...) trova fior fiore di offerte di impiego ancora PRIMA che finisca l'esame di stato. E questo a prescindere dalla "cultura" o dalla "finezza" (spesso quasi del tutto inesistente se misurata in termini di numero di bestemmie/ora profferite o della percentuale di impiego del dialetto piuttosto che dell'italiano come idioma usato nella comunicazione) del ragazzo.

I ragazzi non sono ciechi ne stupidi. Studiare comporta sbattimento. Lo sbattimento è giustificato se posso aspettarmi un ritorno. Se non ho un ritorno perché devo sbattermi?


Ultima modifica di Lenar il Dom Lug 05, 2015 10:56 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Dom Lug 05, 2015 9:29 pm

Io sono fortunato perchè mi iscrissi a Filosofia convinto che poi lavorare sarebbe stata durissima, e ciò mi ha permesso dopo alla laurea di fare una disoccupazione più breve di tanti altri... paradossalmente a volte chi segue lauree assurde ha una mentalità maggiormente pronta all'imprevisto...
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 12:37 am

Lenar anche i diplomati all alberghieri trovano più lavoro che i ragionieri e quindi? Valigia pronta per l estero? BEN VENGA vanno a vivere in paesi più civili dove su guadagna di più e c e meritocrazia..quale sarebbe il problema di scappare da un paese tra i più corrotti al mondo?e ritorno a fare esempi concreti..in GERMANIA cercano molti medici e ingegneri italiani..saluti e baci all Italia
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 5:47 am

Felipeto ha scritto:
Lenar anche i diplomati all alberghieri trovano più lavoro che i ragionieri e quindi? Valigia pronta per l estero? BEN VENGA vanno a vivere in paesi più civili dove su guadagna di più e c e meritocrazia..quale sarebbe il problema di scappare da un paese tra i più corrotti al mondo?e ritorno a fare esempi concreti..in GERMANIA cercano molti medici e ingegneri italiani..saluti e baci all Italia

E noi statali rottami che restiamo qui dobbiamo pagare le pensioni a tutti, in una nazione che diventerà terra di nessuno, senza progettazione e senza idee, con un concetto di "pubblico" inesistente, e con un'economia asfittita, preda di qualunque società criminale ben organizzata?
Teniamo dentro i nostri giovani, facendo capire loro che ciclicamente la vita è dura ma che una nazione può risollevarsi e sostenendoli nelle loro scelte, anche le più folli, purchè restino qui in Italia a sviluppare le loro capacità... noi docenti potremo fare la differenza...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6140
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 7:09 am

Giancarlo Dessì ha scritto:
Felipeto ha scritto:
Io.lo ripeto perché ho frequentato il politecnico di Torino e conosco neolaureati presso il medesimo...a fronte di anni durissimi,io dodici anni fa e loro oggi e le statistiche confermano sui grandi numeri,abbiamo trovato lavoro..non a tremila euro al mese come in germania a in ambito tecnologico..nessuno o una minima parte fa il cameriere o le stagioni..con questi non sminuiso certi lavori ma è ora di scegliere facoltà utili nel i mondo del lavori,anche all estero, e non piacevoli acculturamenti culturali senza sbocco.
Ehm... non pensi che forse la realtà del Piemonte possa essere un pochino diversa da quella della Sardegna del sudovest?

E comunque: quei laureati che hanno trovato lavoro subito, fanno realmente gli ingegneri, o sono finiti a fare dei lavori diversi, magari sempre nell'ambito della tecnologia, na NON FANNO gli ingegneri? Perché io ne conosco, di ingegneri giovani, che lavorano, sì, nel senso che non sono disoccupati, però sono assunti (e sottopagati) per fare lavori di livello molto più basso, che potrebbe fare anche un perito tecnico, o un laureato in un'altra disciplina che non c'entra niente...
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 9:04 am

paniscus_2.0 ha scritto:

E comunque: quei laureati che hanno trovato lavoro subito, fanno realmente gli ingegneri, o sono finiti a fare dei lavori diversi, magari sempre nell'ambito della tecnologia, na NON FANNO gli ingegneri? Perché io ne conosco, di ingegneri giovani, che lavorano, sì, nel senso che non sono disoccupati, però sono assunti (e sottopagati) per fare lavori di livello molto più basso, che potrebbe fare anche un perito tecnico, o un laureato in un'altra disciplina che non c'entra niente...

Quoto Paniscus. Il tessuto produttivo di molte realtà del nord di mia conoscenza è fatto di PMI a bassa o bassissima tecnologia. Di conseguenza la propensione all'innovazione di processo e di prodotto risulta indebolita da vari fattori intrinseci alla dimensione media delle aziende: management famigliare poco dinamico, scarsità di capitali, difficoltà ad adattarsi all'evoluzione del mercato globale etc etc... A questo si aggiunga la tendenza a selezionare il personale "per conoscenza diretta", per "parentela", perché magari, nel paesino di 1000 abitanti, c'è il figlio di Tizio che "si dice" (al bar) che sia "bravo" etc etc... Ecco perché non c'è bisogno di ingegneri ma di semplici periti che mandino avanti la baracca nel modo più indolore possibile. Si badi bene però che sul medio/lungo termine questa situazione non può che portare ad un progressivo declino del manifatturiero italico.

Per i nostri studenti cmq, quanto sopra significa che un investimento in formazione avrà, progressivamente, ritorni sempre meno certi e sempre meno sostanziali nel contesto nazionale.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 9:10 am

Felipeto ha scritto:
Lenar anche i diplomati all alberghieri trovano più lavoro che i ragionieri e quindi?

Quindi è meglio fare l'alberghiero che frequentare l'ITC o il liceo.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 9:38 am

Lenar ha scritto:
Felipeto ha scritto:
Lenar anche i diplomati all alberghieri trovano più lavoro che i ragionieri e quindi?

Quindi è meglio fare l'alberghiero che frequentare l'ITC o il liceo.

Dico spesso, un po' scherzando, un po' no, che se rinasco studio per diventare cuoco.

Ai miei studenti che mi chiedono consigli sulla scelta universitaria, dico sempre che la prima domanda alla quale devono dare risposta è la seguente:

"C'è un lavoro che voglio fare, non importa in quale parte del mondo, oppure è prioritario, per varie ragioni (insicurezza, affetti, ecc.) rimanere nella mia città?"

Dalla risposta a questa domanda dipende, molto più che da altre cose, la scelta da fare. Conosco diversi ingegneri elettronici, laureati negli anni '80, che qui (prov. di Palermo) non hanno trovato nulla (ma va?!?) per anni. Per certi lavori, devi avere la valigia pronta (e la testa pronta), altrimenti meglio uno studio più in linea con la realtà lavorativa del proprio luogo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 5:22 pm

Gian,
oggi ti ho pensato perchè proprio stamane una mia esaminanda molto brava nelle materie umanistiche alla mia domanda sulle sue future scelte ha risposto che non aveva un'idea precisa ma che si era comunque iscritta a due facoltà paramediche (a numero chiuso).
Mi è venuta una grande tristezza, evidentemente nessuno dei suoi insegnanti o genitori ha trovato la voglia e il tempo di ascoltarla e consigliarla (tra l'altro lei ha 5 in matematica quindi è improbabilissimo che sia in grado di superare il test di accesso che ha scelto).
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 6:14 pm

precario_acciaio ha scritto:
Gian,
oggi ti ho pensato perchè proprio stamane una mia esaminanda molto brava nelle materie umanistiche alla mia domanda sulle sue future scelte  ha risposto che non aveva un'idea precisa ma che si era comunque iscritta a due facoltà paramediche (a numero chiuso).
Mi è venuta una grande tristezza, evidentemente nessuno dei suoi insegnanti o genitori ha trovato la voglia e il tempo di ascoltarla e consigliarla (tra l'altro lei ha 5 in matematica quindi è improbabilissimo che sia in grado di superare il test di accesso che ha scelto).
In ogni modo, orientare i ragazzi in uscita al giorno d'oggi non è facile e in molti casi è una bella responsabilità, perché anche un semplice suggerimento può avere ripercussioni non trascurabili sul loro futuro.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15797
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 6:33 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
precario_acciaio ha scritto:
Gian,
oggi ti ho pensato perchè proprio stamane una mia esaminanda molto brava nelle materie umanistiche alla mia domanda sulle sue future scelte  ha risposto che non aveva un'idea precisa ma che si era comunque iscritta a due facoltà paramediche (a numero chiuso).
Mi è venuta una grande tristezza, evidentemente nessuno dei suoi insegnanti o genitori ha trovato la voglia e il tempo di ascoltarla e consigliarla (tra l'altro lei ha 5 in matematica quindi è improbabilissimo che sia in grado di superare il test di accesso che ha scelto).
In ogni modo, orientare i ragazzi in uscita al giorno d'oggi non è facile e in molti casi è una bella responsabilità, perché anche un semplice suggerimento può avere ripercussioni non trascurabili sul loro futuro.
Io questa cosa dell'orientamento non l'ho mai capita.
Se uno ha fatto l'ITIS per l'elettronica in cosa dovrebbe essere orientato ? O l'ha imparata (l'elettronica) e allora dovrebbe (auto)orientarsi verso ingegneria elettronica oppure oltre a non sapere l'elettronica non saprà neanche l'economia (ad esempio) e non potrà andarci, nè la filosofia ecc.

Idem per geometri o agrari o ITES o psicofuffopedagogici.

Un discorso diverso potrebbe essere fatto per i liceali, ma se ad un liceale devo essere io a chiedere cosa vorrebbe fare allora è meglio che vada a zappare.

Delle due l'una:

o io a 12 anni ero normale che mi sono studiato un libercolo ed ho scelto consapevolmente l'ITIS che poi mi ha aperto la strada ad ingegneria,

o io ero un superdotato (intellettualmente), ed allora cazzo, eleggetemi presidente della repubblica.

Secondo me ero normalmente bravo ed il mio livello intellettuale di 13enne oggi dovrebbe essere raggiungibile anche da un 18enne scarsetto no ?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 7:11 pm

avidodinformazioni ha scritto:


Un discorso diverso potrebbe essere fatto per i liceali, ma se ad un liceale devo essere io a chiedere cosa vorrebbe fare allora è meglio che vada a zappare.

Delle due l'una:

o io a 12 anni ero normale che mi sono studiato un libercolo ed ho scelto consapevolmente l'ITIS che poi mi ha aperto la strada ad ingegneria,

o io ero un superdotato (intellettualmente), ed allora cazzo, eleggetemi presidente della repubblica.

Secondo me ero normalmente bravo ed il mio livello intellettuale di 13enne oggi dovrebbe essere raggiungibile anche da un 18enne scarsetto no ?

Nel giro di una generazione è cambiato tutto e nel giro di 10-15 anni cambierà ancora moltissimo. I ragazzi oggi si trovano in una situazione più complessa di quella che avevamo di fronte noi alla loro età.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 8:20 pm

mac67 ha scritto:
Nel giro di una generazione è cambiato tutto e nel giro di 10-15 anni cambierà ancora moltissimo. I ragazzi oggi si trovano in una situazione più complessa di quella che avevamo di fronte noi alla loro età.

sicuramente tenuti troppo nella bambagia e, di conseguenza, deresponsabilizzati
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 8:33 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
precario_acciaio ha scritto:
Gian,
oggi ti ho pensato perchè proprio stamane una mia esaminanda molto brava nelle materie umanistiche alla mia domanda sulle sue future scelte  ha risposto che non aveva un'idea precisa ma che si era comunque iscritta a due facoltà paramediche (a numero chiuso).
Mi è venuta una grande tristezza, evidentemente nessuno dei suoi insegnanti o genitori ha trovato la voglia e il tempo di ascoltarla e consigliarla (tra l'altro lei ha 5 in matematica quindi è improbabilissimo che sia in grado di superare il test di accesso che ha scelto).
In ogni modo, orientare i ragazzi in uscita al giorno d'oggi non è facile e in molti casi è una bella responsabilità, perché anche un semplice suggerimento può avere ripercussioni non trascurabili sul loro futuro.
Io questa cosa dell'orientamento non l'ho mai capita.
Se uno ha fatto l'ITIS per l'elettronica in cosa dovrebbe essere orientato ? O l'ha imparata (l'elettronica) e allora dovrebbe (auto)orientarsi verso ingegneria elettronica oppure oltre a non sapere l'elettronica non saprà neanche l'economia (ad esempio) e non potrà andarci, nè la filosofia ecc.

Idem per geometri o agrari o ITES o psicofuffopedagogici.

Un discorso diverso potrebbe essere fatto per i liceali, ma se ad un liceale devo essere io a chiedere cosa vorrebbe fare allora è meglio che vada a zappare.

Delle due l'una:

o io a 12 anni ero normale che mi sono studiato un libercolo ed ho scelto consapevolmente l'ITIS che poi mi ha aperto la strada ad ingegneria,

o io ero un superdotato (intellettualmente), ed allora cazzo, eleggetemi presidente della repubblica.

Secondo me ero normalmente bravo ed il mio livello intellettuale di 13enne oggi dovrebbe essere raggiungibile anche da un 18enne scarsetto no ?

La scuola che tu chiami psicofuffopedagogica è quella che ho frequentato io, evita quindi tali imbarazzanti affermazioni...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15797
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 8:43 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:


Un discorso diverso potrebbe essere fatto per i liceali, ma se ad un liceale devo essere io a chiedere cosa vorrebbe fare allora è meglio che vada a zappare.

Delle due l'una:

o io a 12 anni ero normale che mi sono studiato un libercolo ed ho scelto consapevolmente l'ITIS che poi mi ha aperto la strada ad ingegneria,

o io ero un superdotato (intellettualmente), ed allora cazzo, eleggetemi presidente della repubblica.

Secondo me ero normalmente bravo ed il mio livello intellettuale di 13enne oggi dovrebbe essere raggiungibile anche da un 18enne scarsetto no ?

Nel giro di una generazione è cambiato tutto e nel giro di 10-15 anni cambierà ancora moltissimo. I ragazzi oggi si trovano in una situazione più complessa di quella che avevamo di fronte noi alla loro età.
Gli indirizzi di studio sono più o meno gli stessi, le opportunità lavorative no, questo al massimo può significare che noi dovremmo suggerirgli di proseguire o meno gli studi.

Voglio vedere un docente che dice ad un suo studente apertamente "vai a zappare !"
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4694
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 8:55 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Nel giro di una generazione è cambiato tutto e nel giro di 10-15 anni cambierà ancora moltissimo. I ragazzi oggi si trovano in una situazione più complessa di quella che avevamo di fronte noi alla loro età.

sicuramente tenuti troppo nella bambagia e, di conseguenza, deresponsabilizzati

Anche. Ma non solo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15797
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 9:15 pm

precario_acciaio ha scritto:
La scuola che tu chiami psicofuffopedagogica è quella che ho frequentato io, evita quindi tali imbarazzanti affermazioni...
Differisce da un liceo classico (non il mio indirizzo preferito, ma questo non significa nulla) per l'assenza del greco e per la presenza di sociologia, psicologia, pedagogia; tre discipline che non hanno basi solide e che in alcuni casi, si prefiggono l'obiettivo di spiegare il mondo se non addirittura di cambiarlo.

Mi perdonerai se ti confermo che a mio parere quelle tre discipline (caratterizzanti) le considero tutta fuffa ?

Se poi vuoi farti due risate (il sito tutto è tranne che serio).

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Liceo_sociopsicopedagogico
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 9:25 pm

avidodinformazioni ha scritto:
precario_acciaio ha scritto:
La scuola che tu chiami psicofuffopedagogica è quella che ho frequentato io, evita quindi tali imbarazzanti affermazioni...
Differisce da un liceo classico (non il mio indirizzo preferito, ma questo non significa nulla) per l'assenza del greco e per la presenza di sociologia, psicologia, pedagogia; tre discipline che non hanno basi solide e che in alcuni casi, si prefiggono l'obiettivo di spiegare il mondo se non addirittura di cambiarlo.

Mi perdonerai se ti confermo che a mio parere quelle tre discipline (caratterizzanti) le considero tutta fuffa ?

Se poi vuoi farti due risate (il sito tutto è tranne che serio).

http://nonciclopedia.wikia.com/wiki/Liceo_sociopsicopedagogico

Liquidi Freud, Weber, Neill in questo modo? O_O
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 10:12 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Io questa cosa dell'orientamento non l'ho mai capita.
Se uno ha fatto l'ITIS per l'elettronica in cosa dovrebbe essere orientato ? O l'ha imparata (l'elettronica) e allora dovrebbe (auto)orientarsi verso ingegneria elettronica

Io consiglio ai migliori periti elettronici di fare ingegneria meccanica. Le ragioni sono (a)maggior spendibilità del titolo di ing. meccanico rispetto all'elettronico e (b)complementarietà, a mio avviso, del titolo di perito elettronico con quello di ing. meccanico, alla luce della sempre maggiore importanza dell'elettronica stessa nel settore meccanico (automazione, macchine utensili, etc etc...).
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 11:19 pm

Io invece alle mie ragazze suggerisco di seguire unicamente la ropria passione.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6140
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 11:45 pm

E comunque, nella mia esperienza, assicuro che avere le idee chiare già a 13 anni su che tipo di indirizzo professionale si vorrà perseguire per tutta la vita adulta, è una cosa del tutto anomala.

E' perfettamente normale che la maggior parte dei ragazzi cambi idea (anche più volte) in corso d'opera, senza che questo implichi necesariamente che siano fessi o superficiali.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17789
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Disorientamento giovanile disarmante   Lun Lug 06, 2015 11:54 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Nel giro di una generazione è cambiato tutto e nel giro di 10-15 anni cambierà ancora moltissimo. I ragazzi oggi si trovano in una situazione più complessa di quella che avevamo di fronte noi alla loro età.

sicuramente tenuti troppo nella bambagia e, di conseguenza, deresponsabilizzati
Non solo per questo motivo e non sempre per questo motivo Giancarlo. Come dice giustamente Mac, "la situazione è più complessa di quella che avevamo di fronte noi alla loro età" e questo disorientamento colpisce, in maniera più o meno accentuata, tutti i giovani, anche quelli che non sono tenuti nella bambagia.
Tornare in alto Andare in basso
 
Disorientamento giovanile disarmante
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: