Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Dom Lug 05, 2015 8:34 pm

Promemoria primo messaggio :

Se si attestasse nettamente la vittoria dei no alle politiche di austerity in Grecia, le conseguenze annunciate sono la sicura vittoria di Podemos in Spagna alle elezioni nazionali di novembre e la dimostrazione che è possibile far vincere la sovranità nazionale sulla tecnocrazia bancaria e finanziaria.
Sarebbe un colpo anche alle politiche renziane( montiane, lettiane e, in generale, massoniche) di appoggio alla Germania.
La Germania passerà guai e anche le altre nazioni che hanno azioni e obbligazioni greche.
Bisogna ricordare che a comprare le azioni e obbligazioni greche sono state le banche e loro devono pagare! Non possono scaricare le perdite sulle tasse della popolazione e tenersi, invece quando va bene, gli utili!
Le banche devono ritornare a fare il loro mestiere di prestare denaro alle aziende e ai cittadini per i mutui. La devono smettere di giocare in Borsa a speculare! Se vogliono il gioco d'azzardo che ci vadano con il sedere loro e degli azionisti che vogliono! Questo devono capire.

Attenzione anche al fatto che alla Cassa deposito e prestiti (i nostri risparmi alla Posta) il caro Renzi ha sostituito Franco Bassanini per posizionare un uomo noto della Goldman Sachs Claudio Costamagna. E questo, per dirla tutta, è l'ennesimo attentato alla democrazia iniziato da Napolitano imponendo Monti e continuato prima con Letta ed ora con Renzi.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/06/19/cassa-depositi-e-prestiti-renzi-cambia-il-timone-e-vara-la-nuova-rotta/1796592/

La riforma della scuola sconclusionata di Renzi rientra nel gioco delle massonerie europee e statunitensi.

La manifestazione dei docenti contro la non voluta e contestata riforma della "Buona sola" del 7 luglio in occasione del voto alla Camera dei deputati si colora di rosa per noi docenti.

La Sovranità nazionale non può essere soffocata dagli interessi delle caste finanziarie comprese quelle protette da Renzi.

Renzi rappresenta solo un manichino messo lì dalla Bildenberg facilmente rimovibile dalla sovranità nazionale italiana che non lo ha eletto e che oggi più che mai non lo vuole. E questo i deputati che andranno a votare lo dovranno capire una volta per tutte. Speriamo di ritornare presto alle elezioni per sbarazzarci di questa gente che tradisce il popolo italiano a favore degli stranieri tecnocrati.

Hanno fatto bene il M5s e Sel ad andare in Grecia per dimostrare la loro vicinanza al popolo greco e per dire NO alle tecnocrazie.

Giorno 7 luglio a Roma fuori dalla Camera dei Deputati sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Mer Lug 08, 2015 6:31 pm

lucetta10 ha scritto:
isula. ha scritto:
Ribadisco che la mia opinione sulla politica italiana è dura e che la volontà di Napolitano di imporre UN NUOVO ORDINE MONDIALE con Monti, Letta e Renzi e la complicità e acquiescenza di TUTTI i parlamentari tranne il M5s, è da folli e da tradimento dell'Italia.



dici quando hanno cacciato Berlusconi che ci stava facendo arrivare la troika in casa, con tutti gli italiani favorevoli (eccetto te e Brunetta naturalmente)?
Si... è stata una tragedia, ancora non ci dormo la notte!

Come ben saprai nel 2011 non c'erano parlamentari del M5S

Lucettaaaaaaa! :-)
Appena ho visto il tuo nick mi sono subito precipitata a leggere per vedere che apporto alla discussione davi.
Invece nulla! :-(

Vuoto cosmico e solo frecciatine senza nè capo nè coda...

Potresti dare di più...Dai! Sforzati!

Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Mer Lug 08, 2015 6:43 pm

vinz ha scritto:
dubitoergosum ha scritto:


Tuttavia non posso esimermi dal commentare con sarcasmo le dichiarazioni di chi si vanta di non votare, e al contempo esercita la professione di insegnante, dimenticando il minimo sindacale della nostra professione, ovvero le competenze chiave europee per l'apprendimento permanente (numero 6: competenze sociali e civiche). Come possiamo trasmettere queste competenze, quando ne siamo privi?

De me fabula narratur.

E dunque, a sentire queste scombinate ciarle da forum, chi – dopo varie esperienze di vita, di impegno e di militanza - da un po’ fatica a riconoscersi in un partito politico e non riesce a votare, non è degno di fare l’insegnante; chi invece fa propaganda per il movimento Cinque stelle quel diritto lo acquista pienamente insieme ad una ulteriore abilitazione in Specchiato Senso Civico. Si tratta di un posizione interessante sulla quale intendo meditare per tutta la notte, se le risate mi consentiranno un minimo di concentrazione.

Non mi interessa replicare alle molte commendabili cose che ho letto nei post precedenti, tranne che alle sorprendenti, esilaranti, citazioni sparpagliate nei post di Isula, cose marginali in apparenza ma per me fondamentali: Machiavelli non ha mai scritto la frase “Il fine giustifica i mezzi”, che non rappresenta in nessun modo il suo pensiero, anche se forse Wikipedia, non so, dice diversamente. E nemmeno quell’altra frase sul passato che si ripete se viene dimenticato è di Machiavelli. È di George Santayana (mai sfogliata La ragione nel senso comune?).  Del resto neanche quest'altra citazione rappresenta in alcun modo il pensiero del segretario fiorentino, che semmai era convinto dell’esatto opposto: il passato secondo lui andava ripetuto eccome, e credeva anzi che non ripeterlo significasse cacciarsi in un mare di guai. Naturalmente il passato al quale pensava era quello greco-romano.

Dedicatevi al Nuovo Ordine Mondiale, per favore, dove pressappochismo e You tube bastano per confezionare due berci paranoici, e non deturpatemi i classici. Sapete, sono un po’ più difficili delle opere di Casaleggio.

Naturalmente chi inanella una bestialità dopo l'altra, citando a vanvera e con la sintassi di un tapiro sbronzo,  suppongo che sia al di sopra dei “minimi sindacali” invocati da dubitoergosum, ed è degnissimo di insegnare, magari storia.
Mentre chi non ce la fa a votare…


Vins, cos'è? Colpito ed affondato da dubitoergosum?

L'unica cosa che sai fare è sempre, dall'alto del tuo scranno di persona che non va a votare,  di dettare sentenze a destra e manca e di dare (certo indirettamente) dell'ignorante a destra e manca?  Copia un po' di pragmatismo dagli americani e sìì meno parolaio e più pratico.

Veramente ti invito a cercare di non dedicarti più a modi e argomenti graditi a corruttopoli e mafiofoli (nel buttare a terra chi si oppone ai partiti attuali) e di essere un po' più utile agli appartenenti della razza umana a cui, insieme a noi, fai parte.
Attualmente sulla piazza vi è solo il M5s ad arginare lo schifo. Se poi tu puoi fare di meglio e di più di loro, allora scendi dal trono e con la tua grande intelligenza e sagacia GUIDACI! :-)

Il mio voto sarà tuo!


Ultima modifica di isula. il Mer Lug 08, 2015 6:48 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
vinz



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 21.08.10

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Mer Lug 08, 2015 6:45 pm

vabbè, vado a mangiarmi un ghiacciolo.
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Mer Lug 08, 2015 6:49 pm

vinz ha scritto:
vabbè, vado a mangiarmi un ghiacciolo.

Offrimelo! Mi piace al limone.
Tornare in alto Andare in basso
dubitoergosum



Messaggi : 1367
Data d'iscrizione : 04.09.10

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Mer Lug 08, 2015 7:26 pm

vinz sei libero di pensarla come vuoi,
personalmente sono fermamente convinta che il primo, più autorevole, più efficace e sincero insegnamento che siamo in grado di dare sia attraverso l'esempio. tutto qua.

Non andare a votare è un cattivo esempio, perché equivale, né più né meno, ad accondiscendere allo stato di fatto, a dar ragione al vincitore comunque e quantunque, a rinunciare all'unico, limitato ma democratico e determinante, modo che abbiamo di far sentire la nostra voce.

Quelle competenze chiave, che prima di rifletterci un po' su consideravo pura retorica, sono la sintesi di ciò che siamo e della strada che dovremmo prendere per essere persone migliori.
Io non ho la minima idea se sono o meno una buona insegnante, mi pongo sempre mille dubbi, e può pure darsi che scriva come un tapiro sbronzo.
Ma ho un'unica certezza: che il mio compito è dare gli strumenti ai miei studenti affinché diventino persone migliori e più consapevoli. Per esempio, non dicendo loro per chi votare, ma facendo loro capire quanto è importante farlo.



Tornare in alto Andare in basso
vinz



Messaggi : 198
Data d'iscrizione : 21.08.10

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Mer Lug 08, 2015 7:35 pm

dubitoergosum ha scritto:
vinz sei libero di pensarla come vuoi,
personalmente sono fermamente convinta che il primo, più autorevole, più efficace e sincero insegnamento che siamo in grado di dare sia attraverso l'esempio. tutto qua.

Non andare a votare è un cattivo esempio, perché equivale, né più né meno, ad accondiscendere allo stato di fatto, a dar ragione al vincitore comunque e quantunque, a rinunciare all'unico, limitato ma democratico e determinante, modo che abbiamo di far sentire la nostra voce.

Quelle competenze chiave, che prima di rifletterci un po' su consideravo pura retorica, sono la sintesi di ciò che siamo e della strada che dovremmo prendere per essere persone migliori.
Io non ho la minima idea se sono o meno una buona insegnante, mi pongo sempre mille dubbi, e può pure darsi che scriva come un tapiro sbronzo.
Ma ho un'unica certezza: che il mio compito è dare gli strumenti ai miei studenti affinché diventino persone migliori e più consapevoli. Per esempio, non dicendo loro per chi votare, ma facendo loro capire quanto è importante farlo.




Il tapiro sbronzo non era riferito a te.
:-)
Di
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Ven Lug 10, 2015 6:14 pm

lucetta10 ha scritto:
isula. ha scritto:
Ribadisco che la mia opinione sulla politica italiana è dura e che la volontà di Napolitano di imporre UN NUOVO ORDINE MONDIALE con Monti, Letta e Renzi e la complicità e acquiescenza di TUTTI i parlamentari tranne il M5s, è da folli e da tradimento dell'Italia.



dici quando hanno cacciato Berlusconi che ci stava facendo arrivare la troika in casa
incredibile che dopo quattro anni nei quali la storia ha dimostrato quale fosse la verità ci siano ancora persone che su di un forum parlino dicendo cose false e ragionado per sentito dire, allo stesso modo di come quattro anni fa la propaganda del pd e della sinistra faceva credere quello che ancora oggi coloro che non hanno voglia di vedere credono. A berlusconi fu offerta la troika che lui orgogliosamente rifiuto. L'offerta della troika aveva come scopo quello ovviamente di incastrare l'italia allo stesso modo di come hanno incastrato la grecia. Praticamente è la tattica che usano gli usurai: ti convincono ad accettare un prestito più alto di quello che tu chiedi per poi venirti a togliere pure le mutande. Berlusconi che non è certo un idiota (del quale non sono simpatizzante e non ho votato tranne all'ultime elezioni regionali) rifiutò la troika perchè l'italia aveva i conti in ordine e non aveva bisogno di nessun aiuto. Allora bisogna escogitare un altro modo per mandare via questo governo che non aveva alcuna intenzione di piegarsi alla volontà delle banche. Da quel momento i poi si è scatenato l'inferno sull'italia col lo spread alle stelle e tutto quello che sappiamo bene ha fatto napolitano per buttare giù un governo democraticamente eletto dal popolo (l'ultimo) e per sottoporci alla cura Monti, che grazie alle elezioni del 2013 il popolo italiano mandò a fare in c...
Purtroppo il disegno antidemocratico di schiavizzare l'italia non si è arenato con la fine di monti ma è stato ripreso grazie all'intervento di un abile teleimbonitore che con 80euro e l'appoggio finanziario delle banche italiane che finaziano le sue campagne elettorali e dei governi tedesco e francese (che non erano riusciti a mandare via lo zio silvio) ha fatto e sta continuando a fare il resto. Questa è storia! Comprovata e mai smentita da chi si è visto protagonista in negativo (probabilmente perchè non può smentire una cosa che 12 testimoni in vece possono confermare, mi rifersco alla questione di napolitano che ha tentato due volte di fare fuori lo zio silvio, prima con fini, tentativo fallito, poi con monti.  Tutto il resto sono fandonie. Ma vi siete chiesti perchè Letta è stato mandato via? Se qualcuno vuole ancora credere alle fandonie è libero di farlo, ma sarebbe opportuno che scrivesse in calce al suo post:" Io credo alle favole che la stampa la televisione e il pd mi hanno voluto far credere."

P.S. non ho mai votato berlusconi e non credo che lo voterei se ci fosserro le elezioni nell'immediato. Tutto quello che scrivo lo scrivo perchè la VERITA' deve essere sovrana se vogliamo riprenderci i nostri diritti e la nostra sovranità popolare. Io sono molto più contento di vedere lo zio silvio che vince le le elzioni in modo pulito e governa che di vedere la sinistra al governo senza vincere le elezioni e per mano di un pdr che fa cose contro il suo paese consegnando l'italia nelle mani delle banche tedesche. I giochi sporchi non devono essere ammessi né contro la proprioa parte politica né contro l'avversario. Tutto ciò perchè se oggi tocca all'avversario, stai sicuro che domani toccherà a te! Io rivoglio la sovranità popolare.
Articolo uno della costituzione "La sovranità appartiene al popolo"
Se non cerchiamo la verità l'articolo 1 della costituzione sarà sempre una barzelletta. Questo è il motivo per il quale metà degli italiani non va a votare. Non serve a nulla fare una cosa che non determinerà che mi governa, dato che un pdr ha il potere di andare contro la volontà popolare nominando un premier che non è mai stato eletto da nessuna elezione sen non quella per farec il sindaco di firenze ( e con tutto il rispetto a me di firenze non me ne frega una mazza)
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16473
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Ven Lug 10, 2015 8:05 pm

kappa27 ha scritto:
... dato che un pdr ha il potere di andare contro la volontà popolare nominando un premier che non è mai stato eletto da nessuna elezione ....

Dov'è scritto che il PdR deve seguire la volontà popolare? La volontà popolare si esprime eleggendo i membri delle due Camere....

Art. 92.

Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.


Art. 94.

Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere.
..........................


Finché la Costituzione resta in vigore, le Camere rappresentano la volontà popolare.
Tornare in alto Andare in basso
MLucia



Messaggi : 510
Data d'iscrizione : 01.04.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Ven Lug 10, 2015 8:28 pm





http://www.comune.bologna.it/iperbole/coscost/
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Ven Lug 10, 2015 10:24 pm

Kappa27, condivido per intero quanto hai scritto.
Tornare in alto Andare in basso
lucylucy



Messaggi : 980
Data d'iscrizione : 10.02.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Ven Lug 10, 2015 10:47 pm

Scusa, kappa27, mi spieghi in che articolo della Costituzione si legge che il governo deve essere "democraticamente eletto" dal popolo? Capisco lo squallore di questo governo e dealle sue trovate, ma non condivido il metodo: delegittimare l'avversario dicendo cose inesatte non porta a nulla di buono. E questo sì è un regalino che il ventennio dello "zio Silvio" (cito, perché parente mio non è:-)) ha lasciato ai mezzi di informazione e al dibattito politico in Italia.
Puoi dire che il governo Renzi non ti sta bene. Puoi affermare che ragioni di opportunità politica avrebbero voluto che il nuovo governo dopo Berlusconi fosse espressione di un nuovo Parlamento. Sono in parte anche d'accordo. Ma dire che Napolitano ha fatto una specie di colpo di Stato...non mi pare esatto né produttivo.
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Ven Lug 10, 2015 11:23 pm

lucylucy ha scritto:
Scusa, kappa27, mi spieghi in che articolo della Costituzione si legge che il governo deve essere "democraticamente eletto" dal popolo? Capisco lo squallore di questo governo e dealle sue trovate,  ma non condivido il metodo: delegittimare l'avversario dicendo cose inesatte non porta a nulla di buono. E questo sì è un regalino che il ventennio dello "zio Silvio" (cito, perché parente mio non è:-)) ha lasciato ai mezzi di informazione e al dibattito politico in Italia.
Puoi dire che il governo Renzi non ti sta bene. Puoi affermare che ragioni di opportunità politica avrebbero voluto che il nuovo governo dopo Berlusconi fosse espressione di un nuovo Parlamento. Sono in parte anche d'accordo. Ma dire che Napolitano ha fatto una specie di colpo di Stato...non mi pare esatto né produttivo.

Ah, no???
Leggi qui:
http://www.imolaoggi.it/2015/04/21/londra-conferma-colpo-di-stato-contro-il-cav-ordito-da-merkel-sarkozy-e-napolitano/

Londra conferma: Colpo di Stato contro il Cav ordito da Merkel, Sarkozy e Napolitano”

di Gianpaolo Rossi

Poi leggi qui
http://www.ilgiornale.it/news/interni/1010673.html

"Vi svelo il colpo di Stato permanente. Il regista? Napolitano"


Ed INFINE CHE SI LEGGA qui per capire come Renzi è arrivato al potere:
http://www.ilfattoquotidiano.it/2015/07/10/renzi-la-strategia-per-palazzo-chigi-spiegata-al-generale-adinolfi-letta-incapace-berlusconi-e-con-me/1861589/

Renzi: “Letta incapace, Berlusconi è con me”. La strategia per Palazzo Chigi spiegata al generale Adinolfi
Tornare in alto Andare in basso
lucylucy



Messaggi : 980
Data d'iscrizione : 10.02.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 7:04 am

Che Il Giornale e affini abbiano una...come dire...propensione a propagandare una certa versione della fine dell'ultimo governo Berlusconi mi pare abbastanza ovvio. In realtà spiluccando sui giornali e in rete trovi di tutto di più e non sempre di origine controllata. Intendo dire che la buonafede degli autori non è sempre garantita e che la loro levatura non risulta sempre incontestabile. Finiamo così per citare sedicenti ",filosofi" (ma come si fa ad acquisire il titolo di "filosofo"? Me lo sono sempre chiesta) come fossero Kant. In più esprimono legittime opinioni.
Preferirei quindi attenermi alla Costituzione, che considero più super partes della stampa. Un "colpo di stato" è una grave violazione della
Costituzione: vorrei sapere quale articolo ha violato Napolitano.
Quanto all'intercettazione di Renzi sorvolo sulle procure colabrodo, perché non interessa a nessuno, questo argomento: la privacy degli altri non ha valore, la nostra va difesa a spada tratta. Certo il Matteo (di cui, ribadisco, non approvo la linea politica e che mi è umanamente antipatico) non fa una bella figura, ma non mi pare che si configuri un attentato alla Costituzione. La citazione monca dell'art. 2 Cost. è un brutto segno...
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 1:20 pm

lucylucy ha scritto:
Scusa, kappa27, mi spieghi in che articolo della Costituzione si legge che il governo deve essere "democraticamente eletto" dal popolo?
articolo 1 "la sovranità appartiene al popolo"
Se vuoi giocare con le parole lo puoi fare da sola. I non parteciperò al tuo gioco.
lucylucy ha scritto:

Capisco lo squallore di questo governo e dealle sue trovate,  ma non condivido il metodo: delegittimare l'avversario dicendo cose inesatte non porta a nulla di buono.
Le cose inesatte o meglio false le hai detto tu non io e ho scritto tutto nel post precedente inziando con l'affermazione che è incredibile come le persone dopo che la verità è stata ampiamente dimostrata possano ancora credere alle favole. Non ho intenzione di ripetermi dato che noto che tu non hai voglia di conoscere la verità ( che ovviamente non è quella che dico io ma è quella che è già stata dimostrata dai fatti e dai documenti e che io ho soltanto riportato)
lucylucy ha scritto:

E questo sì è un regalino che il ventennio dello "zio Silvio" (cito, perché parente mio non è:-)) ha lasciato ai mezzi di informazione e al dibattito politico in Italia.
Questa è la più bella che hai scritto. Quindi i mezzi di informazione sarebbero controllati da berlusconi?? infatti la rai (specialmente rai tre con mannoni la nunziata e la berliguer) fa propaganda allo zio silvio così come ha fatto propaganda la repubblica (che trovavi in tutte le scuole d'italia) ed altre testate giornalistiche. Bene, prendo atto che berlusconi controlla l'informazione in italia. ripeto che se tu non vuoi vedere la realtà non sarò certo io a convincerti, ma non puoi certo pensare che io dopo le fandonie che scrivi non ti risponda. Io ti rispondo con fatti, tu mi parli di chiacchere.
lucylucy ha scritto:

Puoi dire che il governo Renzi non ti sta bene. Puoi affermare che ragioni di opportunità politica avrebbero voluto che il nuovo governo dopo Berlusconi fosse espressione di un nuovo Parlamento. Sono in parte anche d'accordo. Ma dire che Napolitano ha fatto una specie di colpo di Stato...non mi pare esatto né produttivo.
no non ha fatto un colpo di stato......ha semplicemente fatto in modo che un governo che si era insediato grazie alla maggioranza ottenuta in parlamento alle elezioni del 2008 e che era contrario alla troika e difendeva gli interessi dell'italia nei confronti dei tedeschi cadesse sotto i colpi dello spread, ed aveva già organizzato il governo che lo avrebbe dovuto sostituire. Se non sei informata e meglio che non si discuta su cose che non si conoscono. Napolitano è andato oltre il ruolo che gli compete ed ha abusato del potere che la costituzione gli conferisce. Dopo aver messo monti al governo ed averlo presentato come il salvatore della patria dal disastro berlusconi (disastro che ho già spiegato prima è stato dimostrato che non esisteva , mai c'è stato il pericolo che l'italia non potesse pagare gli stipendi, mai l'italia ha avuto i conti pubblici non in ordine, questa è storia) credeva che gli italiani lo rivotassero. Ma gli italiani che non sono tutti dei fessi non lo hanno rivotato anche se purtroppo per uno 0,32% ci siamo dovuti ritrovare il nostro ministro dell'istruzione in parlamento. Dato che letta era uno per così dire moscio e nel suo governo c'era anche lo zio silvio cosa ha fatto?? Ha fatto in modo che un certo antonio esposito (il nome è tutto un programma) condannasse lo zio silvio in modo tale da creare una spaccatura nel suo partito e farlo fuori dal governo. A questo punto serviva uno che continuasse l'opera di monti che letta non era in grado di fare. Allora napolitano ha ben pensato di sostituirlo con uno che potesse portare avanti il programma della troika, ossia renzi, che altro non sta facendo se non completare l'opera di monti. Non è un colpo di stato? bah...se lo dici tu.
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 1:23 pm

lucylucy ha scritto:
Che Il Giornale e affini abbiano una...come dire...propensione a propagandare una certa versione della fine dell'ultimo governo Berlusconi mi pare abbastanza ovvio. In realtà spiluccando sui giornali e in rete trovi di tutto di più e non sempre di origine controllata. Intendo dire che la buonafede degli autori non è sempre garantita e che la loro levatura non risulta sempre incontestabile. Finiamo così per citare sedicenti ",filosofi" (ma come si fa ad acquisire il titolo di "filosofo"? Me lo sono sempre chiesta) come fossero Kant.
Tu continui a parlare di chiacchere. Qui ci sono fatti incontestabili e che nessuno dei protagonisti in questione ha mai smentito perchè non è in grado di farlo. L'unico filosofo che vedo sei tu che non vuoi capire che si parla di fatti mentre tu esprimi le tue teorie filosofiche.
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 1:30 pm

fradacla ha scritto:
kappa27 ha scritto:
... dato che un pdr ha il potere di andare contro la volontà popolare nominando un premier che non è mai stato eletto da nessuna elezione ....

Dov'è scritto che il PdR deve seguire la volontà popolare? La volontà popolare si esprime eleggendo i membri delle due Camere....
bell'intervento....prendo atto che il pdr fa quello che gli pare.
fradacla ha scritto:


Art. 92.

Il Governo della Repubblica è composto del Presidente del Consiglio e dei ministri, che costituiscono insieme il Consiglio dei ministri.

Il Presidente della Repubblica nomina il Presidente del Consiglio dei ministri e, su proposta di questo, i ministri.


Art. 94.

Il Governo deve avere la fiducia delle due Camere.
..........................


Finché la Costituzione resta in vigore, le Camere rappresentano la volontà popolare.
la volontà popolare e la costituzione c'entrano come i cavoli a merenda, se non te ne sei accorto sarebbe ora che ne prendessi atto. questo è il motivo per il quale la costituzione va cambiata. L'unico articolo che non può essetre cambiato è il primo, ossia quello che ho citato io. Tu parli di volontà popolare?? Beccati questo

articolo 67 della costituzione

Ogni membro del Parlamento rappresenta la Nazione ed esercita le sue funzioni senza vincolo di mandato.

Lo sai che significa questo??
non so se alla fine del'articolo ci starebbe meglio una bella risata o una bella pernacchia.
Tornare in alto Andare in basso
lucylucy



Messaggi : 980
Data d'iscrizione : 10.02.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 2:46 pm

Scusa se con lo smartphone non riesco a evidenziare le citazioni e la mia risposta non apparirà puntuale.
Non sono un filosofo, , i filosofi al più li leggo e cerco di capirli. Quando parlavo di "regalo di zio Silvio" non mi riferivo a un ipotetico controllo sui mezzi di informazione, ma alla deriva verbale e dialettica in cui in molti lo hanno seguito. L'altro (cioè chi la pensa in modo diverso) è un comunista, un ignorante e un parolaio. Non importa se alcune accuse sono contraddittorie, l'importante è accusare. Perfino nei forum in molti assumono toni aspri, fuori luogo, a mio avviso, in una discussione serena.
Per quanto riguarda la Costituzione, il comma 2 dell'art. 1 non dice soltanto che "la sovranità appartiene al popolo", ma aggiunge che esso "la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione". Non trovo corretto dimenticare questa importante precisazione. Se poi non si considera adeguata la Costituzione è un altro discorso: si dirà allora che Napolitano ha fatto un colpo di stato avendo tradito la Costituzione che noi vorremmo. L'affermazione assume un tono più personale, forse anche un po' surreale, ma è sicuramente corretta.
Non dire che sono solo parole. Le parole sono pensiero, storia e memoria. Le parole sono importanti.
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 6:15 pm

lucylucy ha scritto:
Scusa se con lo smartphone non riesco a evidenziare le citazioni e la mia risposta non apparirà puntuale.
Non sono un filosofo, , i filosofi al più li leggo e cerco di capirli. Quando parlavo di "regalo di zio Silvio" non mi riferivo a un ipotetico controllo sui mezzi di informazione, ma alla deriva verbale e dialettica in cui in molti lo hanno seguito. L'altro (cioè chi la pensa in modo diverso) è un comunista, un ignorante e un parolaio. Non importa se alcune accuse sono contraddittorie, l'importante è accusare. Perfino nei forum in molti assumono toni aspri, fuori luogo, a mio avviso, in una discussione serena.
Per quanto riguarda la Costituzione, il comma 2 dell'art. 1 non dice soltanto che "la sovranità appartiene al popolo", ma aggiunge che esso "la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione". Non trovo corretto dimenticare questa importante precisazione. Se poi non si considera adeguata la Costituzione è un altro discorso: si dirà allora che Napolitano ha fatto un colpo di stato avendo tradito la Costituzione che noi vorremmo. L'affermazione assume un tono più personale, forse anche un po' surreale, ma è sicuramente corretta.
Non dire che sono solo parole. Le parole sono pensiero, storia e memoria. Le parole sono importanti.
ed infatti non ho dimenticato nulla ed ho già risposto a fracdala che la costituzione va cambiata perchè così come è adesso è una presa per i fondelli. La sovranità o appartiene al popolo o non appartiene. Non può appartenere al popolo solo quando deve andare a votare e poi chi entra in parlamento si fa i caxxi suoi. Basta saperlo che poi il popolo si regolerà di conseguenza. i limiti che la costituzione impone oggi al popolo non sono più accettabili.
Tornare in alto Andare in basso
fradacla
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 16473
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 6:22 pm

kappa27 ha scritto:

ed infatti non ho dimenticato nulla ed ho già risposto a fracdala che la costituzione va cambiata perchè così come è adesso è una presa per i fondelli.

Come dire:
- sono convinto che truffare gli sprovveduti sia lecito
- il Codice Penale considera la truffa un reato
- devono cambiare il Codice Penale
Logica inoppugnabile....
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 6:39 pm

fradacla ha scritto:
kappa27 ha scritto:

ed infatti non ho dimenticato nulla ed ho già risposto a fracdala che la costituzione va cambiata perchè così come è adesso è una presa per i fondelli.

Come dire:
- sono convinto che truffare gli sprovveduti sia lecito
- il Codice Penale considera la truffa un reato
- devono cambiare il Codice Penale
Logica inoppugnabile....
che truffare gli sprovveduti sia lecito lo stai dicendo tu, io non l'ho mai detto, il resto del tuo discorso  (che hai visto e fatto solo tu)non merita nessun commento. La logica che mi attribuisci è tua , non mia, come lo è tutto il tuo discorso.
P.S.
Ti invito alla riflessione prima di sparare risposte che non hanno alcun senso e soprattutto a mettere in bocca ad altri parole che altri non hanno mai detto. Già un'altra volta, mentre stavo discutendo con lalla, sei intervenuto nella discussione ed hai manifestato questa tua cattiva abitudine che ti fece dire una cosa che io non avevo mai detto ossia "non t'allarga" , volendo intendere che io volevo stabilire chi dovesse essere bannato in questo forum, quando proprio alcuni post prima avevo detto l'esatto contrario.
Tornare in alto Andare in basso
lucylucy



Messaggi : 980
Data d'iscrizione : 10.02.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 10:13 pm

Quello di fradacla era chiaramente un paradosso e induceva a riflettere su un problema davvero seri[o, lo stesso che ponevo io con altre parole: se qualche punto della Costituzione non ci piace (assenza di vincolo di mandato, rapporto di fiducia governo camere o altro) non possiamo accusare di illegalità chi si comporta secondo quei principi. Al massimo possiamo sollevare una questione politica, ma purtroppo parlare di politica non si usa più. Anche le eventuali modifiche della Costituzione d'altronde sono apportate dal Parlamento e procedono secondo i dettami della Costituzione stessa. Negli stati democratici funziona in genere così. Tutto ha avuto origine con un momento in cui il popolo si è fatto sovrano e ha esercitato la sovranità eleggendo la Costituente. Ora, io mi auguro che nessuno reputi che ci troviamo in un periodo altrettanto drammatico e che sia necessario un atto dello stesso tipo. La Costituzione sarà modificata se lo riterrà opportuno la maggioranza degli italiani, cioè dei rappresentanti democraticamente eletti dai cittadini. Non l'articolo 1, nemmeno nel suo secondo comma però. Che quello davvero sarebbe un colpo di stato (oltre che di spugna a secoli di storia).
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 10:32 pm

Il ragionamneto di fradacla (tutto suo ) non l'ho capito e sinceramente non mi interessa anche perchè attribuisce a me cose che non ho detto, quindi porterebbe di sicuro a conclusione non pertinenti. Nessuno ha mai detto che si debba cambiare l'articolo 1 (che non è possibile cambiare), quindi non fare la stessa cosa che ha fatto fradacla attribuendomi cose che non ho detto e mistificando la realtà. Quello che va cambiato sono i "limiti e le forme".
La questione è che il tuo concetto di colpo di stato è notevolmente diverso dal mio.
se come dici tu ad un arbitro il regolamneto permette di schierarsi da una parte per far perdere la partita all'altra parte è inevitabile che il regolamento vada cambiato. Si presume che l'arbitro non abusi di qualche "falla" di tale regolamento, ma se lo fa è palesemente in mala fede. L'arbitro ha fatto in modo che i giocatori di una squadra si mettessero a giocare contro la propria squadra. Ti ricordo che berlusconi è stato appena condannato perchè sembra che abbia fatto la stessa cosa con de gregorio. Poi questo arbitro fa quello che gli pare per i suoi interessi ossia nomina uno che continua l'opera di monti che lui stesso aveva messo a governare, infischiandosene della volontà popolare e facendo condannare beerlusconi per levarselo definitivamente di torno. Tutto lecito? per ora si....ma il tempo credo che non tradirà la verità.. Se un pdr tratta con capi di stato stranieri per rovesciare il governo del suo paese io lo chiamo colpo di stato, tu lo puoi chiamare come vuoi, ma le cose non cambiano. La sovranità popolare è sotto i tacchi. Se a te va bene permetti che a me e per fortuna a tanti altri non va bene.
Tornare in alto Andare in basso
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Sab Lug 11, 2015 11:15 pm

kappa27 ha scritto:

ed infatti non ho dimenticato nulla ed ho già risposto a fracdala che la costituzione va cambiata perchè così come è adesso è una presa per i fondelli. La sovranità o appartiene al popolo o non appartiene. Non può appartenere al popolo solo quando deve andare a votare e poi chi entra in parlamento si fa i caxxi suoi. Basta saperlo che poi il popolo si regolerà di conseguenza. i limiti che la costituzione impone oggi al popolo non sono più accettabili.

Discorso molto logico. Non ci piove.

kappa27 ha scritto:
fradacla ha scritto:
kappa27 ha scritto:

ed infatti non ho dimenticato nulla ed ho già risposto a fracdala che la costituzione va cambiata perchè così come è adesso è una presa per i fondelli.

Come dire:
- sono convinto che truffare gli sprovveduti sia lecito
- il Codice Penale considera la truffa un reato
- devono cambiare il Codice Penale
Logica inoppugnabile....
che truffare gli sprovveduti sia lecito lo stai dicendo tu, io non l'ho mai detto, il resto del tuo discorso (che hai visto e fatto solo tu)non merita nessun commento. La logica che mi attribuisci è tua , non mia, come lo è tutto il tuo discorso.
P.S.
Ti invito alla riflessione prima di sparare risposte che non hanno alcun senso e soprattutto a mettere in bocca ad altri parole che altri non hanno mai detto. Già un'altra volta, mentre stavo discutendo con lalla, sei intervenuto nella discussione ed hai manifestato questa tua cattiva abitudine che ti fece dire una cosa che io non avevo mai detto ossia "non t'allarga" , volendo intendere che io volevo stabilire chi dovesse essere bannato in questo forum, quando proprio alcuni post prima avevo detto l'esatto contrario.

Ho già notato in diversi utenti questo brutto vizio di voler voltare la frittata e attribuire cose non dette oppure di portare al paradosso oppure di approfittare di un errore per dare addosso. Tutto al fine di dare torto.
Non è un modo di discutere onesto, tuttaltro. E non porta da nessuna parte se non ad una strada verso l’inferno.

kappa27 ha scritto:
Se un pdr tratta con capi di stato stranieri per rovesciare il governo del suo paese io lo chiamo colpo di stato, tu lo puoi chiamare come vuoi, ma le cose non cambiano. La sovranità popolare è sotto i tacchi. Se a te va bene permetti che a me e per fortuna a tanti altri non va bene.

Inoppugnabile.

Tornare in alto Andare in basso
lucylucy



Messaggi : 980
Data d'iscrizione : 10.02.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Dom Lug 12, 2015 7:26 am

Se la maggioranza degli italiani riterrà opportuno un cambiamento della costituzione, esso avverrà in Parlamento secondo i dettami costituzionali.
Per tornare a Napolitano: non è che lui abbia costretto la squadra ad abbandonare il suo capitano. Non ne avrebbe avuto i mezzi. E non mi risulta che abbia profumatamente pagato parlamentari (il paragone col caso di Gregorio, a mio avviso, non tiene). Ha fatto quello che doveva: ha verificato che ci fosse un'altra maggioranza. La nomina di Monti senatore personalmente l'ho trovata inopportuna (non un colpo di stato. Solo inopportuna). Poi, però, nessuno è stato costretto a votare la fiducia.
Non ho invece capito la storia della condanna di Berlusconi: chi lo avrebbe fatto condannare, scusa, mi sono persa nella.difficoltosa lettura dello smartphone.
Tornare in alto Andare in basso
kappa27



Messaggi : 735
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Re: Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.   Dom Lug 12, 2015 1:50 pm

lucylucy ha scritto:
Se la maggioranza degli italiani riterrà opportuno un cambiamento della costituzione, esso avverrà in Parlamento secondo i dettami costituzionali.
Continui a filosofeggiare ed a questo punto mi viene il sospetto che non voglia capire. Attualmente la maggioranza degli italiani non va a votare perchè questo sistema gli impedisce di esercitare la sovranità che dovrebbe appartenere a loro.  Se davvero tu non capisci la sostanza del discorso mi arrendo, non so più come spiegartelo, credo che chi abbia letto i miei post abbia capito.
lucylucy ha scritto:

Per tornare a Napolitano: non è che lui abbia costretto la squadra ad abbandonare il suo capitano. Non ne avrebbe avuto i mezzi.
Dopo questa frase che hai scritto mi arrendo davvero e capisco che tu discuta su cose delle quali non sei informata. Senza offesa sembri quei troll del pd che si aggiravano su questo forum fino a qualche tempo fa e che di mestiere mistificavano la realtà. Prima ci informa poi si discute.
Tornare in alto Andare in basso
 
Dopo la vittoria del no del referendum greco, giorno 7 luglio a Roma, fuori dalla Camera dei Deputati, sarà un giorno di protesta memorabile anche per noi docenti.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Stick persona positivo dopo ovulazione accertata
» FIsh test dove?
» ciclo post transfer
» Ho fatto la mia prima IUI
» Dopo 1 aborto su grav. naturale

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: