Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Programmazione di corso vs libertà di insegnamento

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
haran banjo



Messaggi : 502
Data d'iscrizione : 07.05.12

MessaggioOggetto: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Sab Lug 25, 2015 6:58 pm

Promemoria primo messaggio :

Insegno in un I.T.I.S. con due corsi dello stesso indirizzo. Ogni anno il Consiglio di Dipartimento stabilisce gli argomenti da trattare per tutte le discipline nelle terze, quarte, quinte e la relativa scansione temporale. In tal modo, tra i tanti vantaggi, se si lavora con coscienza, i corsi di recupero che raccolgono i somari dei corsi A e B insieme possono trattare i medesimi argomenti, sia a Febbraio che a Luglio.
Il problema nasce dal fatto che un collega sedicente esperto continua a riproporre per una disciplina il programma di 20 anni fa ignorando la programmazione di corso; dice sempre: <<Sì, sì, va bene!>>. Poi puntualmente disattende gli accordi e fa ciò che gli pare, creando problemi gravi in sede di corsi di recupero, dato che io insegno la stessa disciplina nel corso B e lui nel corso A.
Senza entrare nel merito del collega, sarebbe lecito disattendere la programmazione in nome della libertà di insegnamento o quest'ultima riguarda la sola metodologia didattica?
Vorrei evitare di portare la questione dal Dirigente, anche se poi finirà così.
Grazie in anticipo a chi mi illuminerà.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
haran banjo



Messaggi : 502
Data d'iscrizione : 07.05.12

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Dom Lug 26, 2015 6:45 pm

Perdonami, ma preferisco non entrare nel dettaglio per non essere riconoscibile. Ti basti pensare però che i contenuti che propone sono scomparsi dai libri più di 10 anni fa.
Usando una similitudine, è come se uno utilizzasse un linguaggio di programmazione con il Fortran 77 (in disuso da molti anni) anziché il Linguaggio C per programmare.
Spero di essere stato chiaro.
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Dom Lug 26, 2015 7:02 pm

Quindi si tratta di argomenti obsoleti che non rientrano nelle Linee guida?
Se è così sarebbe interessante leggere la programmazione del collega, cosa che dovrebbe, a questo punto, fare il DS senza che tu debba andare da lui a segnalarlo
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 997
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Lun Lug 27, 2015 10:48 am

Quando ho letto lo primo messaggio di haran banjo la prima cosa che ho pensato è stata: questo è della A034, la classe di concorso con la maggior velocità di obsolescenza.
Tornare in alto Andare in basso
haran banjo



Messaggi : 502
Data d'iscrizione : 07.05.12

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Lun Lug 27, 2015 1:12 pm

Il DS non si accorgerebbe della mancata aderenza della programmazione alle linee guida, perché è necessario essere dentro la disciplina ed avere conoscenze tecniche.
@@melia: :-)
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 672
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Lun Lug 27, 2015 1:18 pm

giovanna onnis ha scritto:
Potresti farmi capire con un esempio in che modo il collega "devia" radicalmente rispetto ai contenuti stabiliti in sede di Dipartimento e opera non in sintonia con le Linee guida?
Questo chiarimento è essenziale, altrimenti non è possibile capire bene il problema.

Scusa giovanna onnis, mi inserisco qui per farti una domanda, dal momento che mi sembra di aver letto che hai esperienza di insegnamento anche alla scuola media.
Sulle indicazioni nazionali si trova, come obiettivo di apprendimento per scienze:
"Conoscere le basi biologiche della trasmissione dei caratteri ereditari acquisendo le prime elementari nozioni di genetica."
e questo è tutto quello che si dice sulla genetica. Mendel, i piselli, caratteri dominanti e recessivi e poco più se si parla di "elementari nozioni".
Può una collega decidere di affrontare l'argomento partendo dal DNA, dalla sua struttura, dai nucleotidi, dalle basi azotate, dalle proteine, dall'RNA per arrivare alla codifica delle proteine, geni, genoma ecc? Il tutto solo accennato, ovviamente, perché "è difficile ma almeno così ne sentono parlare"?
Il problema, qui, non sono i corsi di recupero. Il "problema" sono i genitori che chiedono "ma perché lei non fa il DNA?, l'altra terza è più avanti" :-))
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8322
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Lun Lug 27, 2015 2:02 pm

Citazione :
Il problema, qui, non sono i corsi di recupero. Il "problema" sono i genitori che chiedono "ma perché lei non fa il DNA?, l'altra terza è più avanti" :-))

Non mi sembra un gran problema!

la risposta è semplice: "pensi che il collega dell'altra terza mi ha confidato che i genitori gli hanno chiesto il perchè lui non facesse come me!"
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Lun Lug 27, 2015 2:21 pm

Perché coinvolgere il DS in questioni didattiche? Spesso il DS non ha competenze nell ambito disciplinare...la questione va risolta a livello di dipartimento. Il preside ha voluto farsi chiamare dirigente? Bene faccia il dirigente non lo specialista. Il DS va interpellato per gravi inadempienze(prof che non fa nulla,che non sorveglia le classi ecc)non per scelte didattiche
Tornare in alto Andare in basso
giovanna onnis



Messaggi : 17792
Data d'iscrizione : 15.04.12

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Lun Lug 27, 2015 4:36 pm

geo&geo ha scritto:
giovanna onnis ha scritto:
Potresti farmi capire con un esempio in che modo il collega "devia" radicalmente rispetto ai contenuti stabiliti in sede di Dipartimento e opera non in sintonia con le Linee guida?
Questo chiarimento è essenziale, altrimenti non è possibile capire bene il problema.

Scusa giovanna onnis, mi inserisco qui per farti una domanda, dal momento che mi sembra di aver letto che hai esperienza di insegnamento anche alla scuola media.
Sulle indicazioni nazionali si trova, come obiettivo di apprendimento per scienze:
"Conoscere le basi biologiche della trasmissione dei caratteri ereditari acquisendo le prime elementari nozioni di genetica."
e questo è tutto quello che si dice sulla genetica. Mendel, i piselli, caratteri dominanti e recessivi e poco più se si parla di "elementari nozioni".
Può una collega decidere di affrontare l'argomento partendo dal DNA, dalla sua struttura, dai nucleotidi, dalle basi azotate,  dalle proteine, dall'RNA per arrivare alla codifica delle proteine, geni, genoma ecc? Il tutto solo accennato, ovviamente, perché "è difficile ma almeno così ne sentono parlare"?
Il problema, qui, non sono i corsi di recupero. Il "problema" sono i genitori che chiedono "ma perché lei non fa il DNA?, l'altra terza è più avanti" :-))  

Certo che può, ma ciò che dicono i genitori facendo il confronto con l'altra terza non ci deve condizionare, anzi i genitori non si devono proprio permettere di sindacare sulla nostra programmaziione.
Il tuo esempio chiarisce bene ciò che intendo dire quando parlo di macroargomenti, in questo caso la Genetica, e i contenuti specifici che ogni docente decide di portare avanti all'interno dello stesso macroargomento.
Nel tuo esempio ci saranno studenti (di una terza) che avranno informazioni molto generiche sul DNA e sull'ereditarietà dei caratteri distinguendo i caratteri recessivi da quelli dominanti, mentre ci saranno altri studenti (di un'altra terza con diverso docente) che sapranno spiegare anche la duplicazione del DNA, il ruolo dell'RNA messaggero ecc. ecc.

Questa differenza non può significare non aderenza a quanto previsto in sede di Dipartimento dal momento che in questa sede si deve programmare per macroargomenti aderenti alle Linee guida, ma lasciando autonomia al singolo docente nella programnmazione dei contenuti specifici all'interno del macroargomento programnmato collegialmente
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 672
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Programmazione di corso vs libertà di insegnamento   Mar Lug 28, 2015 10:43 am

@giovanna onnis
Grazie per i chiarimenti, ora capisco meglio anche il ruolo del Dipartimento.
Tornare in alto Andare in basso
 
Programmazione di corso vs libertà di insegnamento
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» CORSO GRATUITO...o quasi
» Corso base-nuove forme-micropittura..ecc
» Corso a Napoli
» Corso preparto
» corso gratuito fare sapere crystal nails

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: