Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 famiglie dell est Europa

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
stefy1879



Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.05.11

MessaggioOggetto: famiglie dell est Europa   Mar Ago 04, 2015 11:11 pm

Salve,  premetto che con questo post non voglio assolutamente fomentare discorsi a sfondo razziale e classificatori verso alcune etnie ma volevo condividere con voi alcune impressioni . Spesso ma non sempre,  quindi non faccio di tutta l erba un fascio,  ho notato atteggiamenti misti di supponenza, prepotenza, diffidenza da parte di suddette famiglie,  è capitato anche a voi ?In particolare  da parte delle mamme o è solo una mia impressione ? Consapevole del "gioco degli  specchi" sto bene attenta a non rispondere a mia volta con un atteggiamento simile,  ma non funziona , spesso queste famiglie rimangono nelle loro  posizioni di diffidenza,  nonostante coi bambini vada tutto bene.
Tornare in alto Andare in basso
russele



Messaggi : 495
Data d'iscrizione : 06.03.12

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Mar Ago 04, 2015 11:23 pm

Non tutti sono così, per fortuna, ma mi capita spesso. Odio soprattutto il fare "mo te frego", che si manifesta con scuse assurde e giustificazioni da delirio..
Mi sono data dapprima una giustificazione pensando che funziona così da loro, ma poi ho visto che molti si comportano così perché stato e comune gli danno tutto e pertanto si sentono in dovere di avere i libri gratuitamente, di non pagare la mensa e, ovviamente, di essere promossi.
Ripeto, per fortuna moltissime famiglie sono davvero eccezionali ma nel numero ci sono sempre molte pecore nere.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15867
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Mer Ago 05, 2015 12:07 am

Gli europei peggiori sono quelli ad est del Portogallo (compreso); quante mazzate gli darei !
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Mer Ago 05, 2015 7:57 am

avidodinformazioni ha scritto:
Gli europei peggiori sono quelli ad est del Portogallo (compreso); quante mazzate gli darei !

E dai Avido (prendo atto che preferisci essere chiamato così), non farti sopraffare dalla rabbia, sii più tollerante.
O.T. Ultimamente i tuoi interventi sono assai diminuiti, pensavo ti avesse sequestrato una terrestre, naturalmente, anche se paradossalmente, ritengo legittimamente, per costringerti ad andare al mare.
Volevo esprimerti la mia solidarietà, condivido con te la stessa sorte.
Invece invidio Giancarlo che se ne va scorrazzando per la Sardegna a godere di quei meravigliosi panorami.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Mer Ago 05, 2015 8:53 am

Molto spesso dai paesi dell'est vengono persone che qui da noi svolgono mansioni umili, quelle che i nostri connazionali ricoprono proprio se non hanno alcun titolo di studio. Capita che invece loro siano laureati, che al loro paese svolgessero (senza essere pagati) lavori di prestigio. Capita anche che la loro laurea e il loro titolo di studio siano più "meritati" di quanto lo siano i nostri.

Immagino che avendo a che fare con loro al di fuori del loro lavoro (dove devono stare zitti e muti e subire) si abbia l'impressione che siano supponenti o che vogliano saperne più di noi. Magari è anche così! Non che sia un atteggiamento simpatico da parte loro, ma immagino non sia simpatico nemmeno aver studiato anni e anni, essere magari ingegneri, medici, professori ed essere trattati come servi.

Non dico sia il tuo caso, Stefy, per amor del cielo, ma noi italiani, tutti, o almeno la maggior parte, quando sentiamo aria di straniero abbiamo sempre un po' l'impressione di aver a che fare con dei tonti.

Per aver conosciuto diverse famiglie di questo tipo, per quanto mi ha raccontato qualche vostro collega, ti posso dire che l'impressione è che tra un po' ci mangeranno sulla testa a tutti, perchè sono motivati ad imparare e a faticare e generalmente, pur con una lingua diversa, questi provenienti dall'est sono tra i migliori in ogni classe.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Mer Ago 05, 2015 10:25 am

Ire ha scritto:
Molto spesso dai paesi dell'est vengono persone che qui da noi svolgono mansioni umili, quelle che i nostri connazionali ricoprono proprio se non hanno alcun titolo di studio.  Capita che invece loro siano laureati, che al loro paese svolgessero (senza essere pagati) lavori di prestigio.  Capita anche che la loro laurea e il loro titolo di studio siano più "meritati" di quanto lo siano i nostri.

Immagino che avendo a che fare con loro al di fuori del loro lavoro (dove devono stare zitti e muti e subire) si abbia l'impressione che siano supponenti o che vogliano saperne più di noi.  Magari è anche così! Non che sia un atteggiamento simpatico da parte loro, ma immagino non sia simpatico nemmeno aver studiato anni e anni, essere magari ingegneri, medici, professori ed essere trattati come servi.

Non dico sia il tuo caso, Stefy, per amor del cielo, ma noi italiani, tutti, o almeno la maggior parte, quando sentiamo aria di straniero abbiamo sempre un po' l'impressione di aver a che fare con dei tonti.

Per aver conosciuto diverse famiglie di questo tipo, per quanto mi ha raccontato qualche vostro collega, ti posso dire che l'impressione è che tra un po' ci mangeranno sulla testa a tutti, perchè sono motivati ad imparare e a faticare e generalmente, pur con una lingua diversa, questi provenienti dall'est sono tra i migliori  in ogni classe.


Dipende dove si insegna, io dopo 4 anni di professionali di provincia non ho la stessa idea, assolutamente...
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Mer Ago 05, 2015 11:09 am

Nessun professionale nella mia personale "casistica" in effetti.

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
stefy1879



Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.05.11

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Mer Ago 05, 2015 1:54 pm

Per spiegarmi meglio,  ho notato in particolare una certa durezza e rigidità di queste mamme anche verso i loro stessi figli, oltre che la scuola. Non che questo sia un male di questi tempi,  anzi....le mamme arabe invece le ho trovate piu comprensive ad esempio...avete avuto anche voi tali sensazioni o sono solo frutto di stereotipi x cui si finisce x vedere quello che vogliamo vedere. ?.
Tornare in alto Andare in basso
bucaneve



Messaggi : 64
Data d'iscrizione : 17.03.13

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Gio Ago 06, 2015 3:32 pm

A volte dicono di essere laureati, ma ti accorgi che non possono esserlo... e giocano sul fatto che non si possono fare ricerche approfondite. Hanno un modo di fare a volte aggressivo, pur senza essercene una ragione. Dipende dal fatto che spesso sono molto arretrati e non conoscono l'umiltà.
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1670
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Gio Ago 06, 2015 3:41 pm

bucaneve ha scritto:
A volte dicono di essere laureati, ma ti accorgi che non possono esserlo... e giocano sul fatto che non si possono fare ricerche approfondite. Hanno un modo di fare a volte aggressivo, pur senza essercene una ragione. Dipende dal fatto che spesso sono molto arretrati e non conoscono l'umiltà.
Verissimo.  Inoltre non seguono i figli come dovrebbero. Nella mia prima di quest'anno, nessuna ragazzina dell'est è stata promossa,  tutte e tre bocciate. Una gran voglia di studiare non ce l'hanno proprio.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Gio Ago 06, 2015 4:03 pm

Citazione :
A volte dicono di essere laureati, ma ti accorgi che non possono esserl

se per "non possono esserlo" intendi che hanno una età che non consente (e lo dico perchè in qualche caso io sono stata curiosa e ho voluto andare a fondo) il loro sistema scolastico, almeno, nei due paesi sui quali ho fatto qualche ricerca, è diverso dal nostro e la laurea ci sta tutta.

Poi, certo, siamo sette miliardi al mondo, ognuno con una sua propria vita, quindi ci sta tutto e il contrario di tutto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
@melia



Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Gio Ago 06, 2015 8:56 pm

Ho un'amica dell'est laureata in economia: con 8 anni di scuola primaria, 4 di liceo generalista e 2 di economia. In pratica una ragioniera, e lo ha detto lei stessa, perché prima di avere alcune complicanze di salute si era informata su come legalizzare il suo titolo di studio in Italia, e l'unica cosa immediata era prendere il diploma di ragioniera.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Ven Ago 07, 2015 8:36 am

E' vero, il loro titolo di studio qui non è riconosciuto. Ma nel loro paese è assolutamente valido e con quello possono esercitare.

Gli incarichi che prevedono laurea in economia da noi danno accesso ai nostri laureati
gli incarichi che prevedono laurea in economia da loro danno accesso ai loro laurerati
I compiti e le responsabilità (e pure le competenze) sono analoghi. Noi cominciamo dalle elementari,
ricominciamo alle medie e iniziamo di nuovo alle superiori. Loro vanno avanti e per questo hanno meno anni di scuola.

Anche io ho amici, sai ; - ) moldavi, medici, sono venuti qui e sono andati a fare gli OS in una casa per anziani. Appena hanno avuto due soldini si sono licenziati entrambi e sono stati ammessi al quarto anno della facoltà di medicina. In un anno e mezzo si sono laureati in italia ed ora lavorano entrambi, a progetto, in ospedale come medici. (si sono fatti un "fegato" così, non hanno lasciato scappare nessuna opportunità, sono stati disponibili a qualsiasi spezzone di lavoro anche se prevedeva un'ora alle due di notte e una a mezzogiorno, hanno tenuto gli occhi e le orecchie aperte e hanno surclassato tanti colleghi italiani ancora sul divano di casa - i loro figli, diciottenni, arrivati in italia a sette anni in italia, nel giro di tre mesi parlavano perfettamente italiano, nel giro di un anno erano i migliori della classe, senza ombra di dubbio alcuno, quando i genitori si sono licenziati e hanno cominciato ad affrontare gli esami universitari, insieme a loro hanno preso lezioni di inglese e il prossimo anno entrambi si diplomeranno al classico ad indirizzo inglese.

IMHO se fossero arroganti, ed un po' lo possono sembrare, non lo sarebbero senza motivo rispetto ad alcuni di noi che li trattano da servi.

Ricordo sempre con estremo divertimento (e pure un po' di vergogna per le figure che noi italiani spesso facciamo) che nella cerchia dei conoscenti c'era un cafone massimo con due soldi e una piccola impresa edile. All'incontro con queste persone moldave di cui non sapeva assolutamente nulla prese da parte l'uomo e gli disse:
se vuoi venire domani mi serve un uomo per scaricare un camion, quattro euro l'ora e se sei bravo qualche volta un lavoretto ci salta fuori!

Così: questo superitaliano aveva trovato il poveraccio cui gettare l'osso e era anche orgoglioso della sua generosità!



Sette miliardi, e esperienze tutte diverse

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
roxcano



Messaggi : 761
Data d'iscrizione : 02.09.12

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Ven Ago 07, 2015 11:53 am

la mia esperienza è varia: generalmente, alle medie i ragazzini dell'est che ho avuto io rispetto agli alunni italiani avevano tutt'altra impostazione e tutt'altro atteggiamento: rigore, serietà, seguire le indicazioni dell'insegnante, umiltà nell'accettare l'insuccesso, caparbietà nel migliorare , educati, rispettosi. Insomma, un esempio per "i nostri" (anche se è bruttissimo definirli "nostri", ma fatemela passare).
"Avventura" opposta trovandomi ad insegnare la corso serale di un istituto professionale per il commercio. Non so neanche da dove iniziare tante sono e sarebbero le cose da raccontare. Provo a riassumere:
1. da loro è tutto perfetto, tutto funziona, tutto diverso. Sono laureate e svolgevano diverse professioni: ingegnere, avvocato, insegnante. Non per mettere in dubbio, ma se sei ingegnere credo che un'equazione di primo grado la sai fare. Il collega di matematica era tra l'avvilito e l'incacchiato. Sostenevano "da noi fare equazioni modo diverso". Ok, fammi vedere come, e non erano in grado di svolgere. Avvocati che non erano in grado di aprire il codice (secondo la collega di diritto) ed io, ho visto gente che sosteneva di essere laureata in francese che neanche sapeva contare in lingua....:
2. sempre perchè da loro è tutto perfetto e tutto funziona si sentivano autorizzate a criticare tutto e tutti: dirigenza, segreteria, insegnanti, metodi;
3. contestavano qualsiasi cosa: compiti in classe in date non gradite, carico di studio, tipologia di testi da studiare;
4. rompevano l'anima con il problema della lingua italiana. Si, tesoro, abbiamo capito ma ti stai venendo a prendere un titolo italiano , sosterrai un esame di stato, cosa pretendi che si soprassieda sulla forma quando scrivi un tema?
5. pretese assurde, tipo che loro dovevano partire e quindi la simulazione della terza prova si doveva fare quando c'erano loro. Oppure se mancavano ad una lezione il docente, secondo loro, doveva ripetere tutto. Peccato che lo stesso metro non venisse applicato quando il docente riprendeva degli argomenti o a beneficio di altri studenti o per esigenze didattiche: apriti cielo "stiamo perdendo tempo";
6.una di loro, mantenuta da un anziano avvocato , pretendeva che si spostasse la data del suo orale in quanto aveva già preso il biglietto per Bali
7. pretesa di monopolizzare l'attenzione del docente piombando in sala professori con richieste assurde
8. faccine, moine tutto per raggirarti (come con quei deficienti di uomini che lasciavano le mogli per mantenere loro)
9. chiedevano rigore e serietà ai docenti ma non si facevano alcuno scrupolo a tentare di copiare durante ogni verifica scritta. Alla faccia della serietà. Non so se in russia o in polonia si sarebbero permesse. Invece da noi, pur criticando il nostro sistema, si sono adattate alla perfezione a quegli aspetti che potessero permettere loro di portare a casa la sufficienza copiando
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Ven Ago 07, 2015 11:57 am

Ire ha scritto:
E' vero, il loro titolo di studio qui non è riconosciuto.  Ma nel loro paese è assolutamente valido e con quello possono esercitare.

La mia voleva solo essere una risposta a che riteneva che fosse impossibile che certe persone fossero laureate e volevo solo mettere in chiaro che alcune, e dico alcune, lauree sono l'equivalente di un nostro diploma.
Se non avesse avuto prima problemi di salute e poi di guerra, la mia amica Galyna, che è ucraina, sicuramente si sarebbe diplomata, non dico laureata perché alla nostra età la mente è meno elastica ad imparare cose nuove, ma diplomata di sicuro.

Per il resto non sono intervenuta, perché ho conosciuto molte persone extra comunitarie e ho visto che la cosa principale è la varietà. Ho una ragazzina dell'Est che non è neanche capace di dire la verità, ma ne ho anche un paio di italiane che sono uguali. E una rumena che negli occhi puoi leggere quello che ti vuole dire. O il ragazzo filippino che, dopo che lo abbiamo bocciato e riorientato su una nuova scuola, viene a ringraziare perché ha trovato la sua strada. O la ragazza ucraina che fa una quantità enorme di assenze "per il permesso di soggiorno" sempre e solo nei giorni dei compiti.

Tutto il mondo è paese.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15867
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Ven Ago 07, 2015 12:41 pm

La mia esperienza è che la caprosità e l'arroganza di studenti e famiglie non conosca nazionalità; voi la ritrovate più frequente o più accentuata nei provenienti dall'est Europa ?
Può darsi, non dico di no, la mia riflessione è che chi emigra non sta bene a casa sua; può essere che manchino le opportunità al suo paese o semplicemente che al suo paese sia una testa di cazzo indigena e che emigrando diventi una testa di cazzo migrante; ovviamente le due popolazioni coesisteranno, se l'incidenza dei peggiori sulla popolazione migrante sia maggiore dell'incidenza dei peggiori sulla popolazione d'origine non lo so.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Ven Ago 07, 2015 12:44 pm

Citazione :
Tutto il mondo è paese.

Decisamente.

Nel bene e nel male.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
bucaneve



Messaggi : 64
Data d'iscrizione : 17.03.13

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Ven Ago 07, 2015 10:09 pm

IRE ha detto:"se per "non possono esserlo" intendi che hanno una età che non consente (e lo dico perchè in qualche caso io sono stata curiosa e ho voluto andare a fondo) il loro sistema scolastico, almeno, nei due paesi sui quali ho fatto qualche ricerca, è diverso dal nostro e la laurea ci sta tutta."
No, no, non intendevo questo non possono esserlo semplicemente perchè se uno dice che è laureato in matematica e poi non sa nemmeno risolvere dei semplici problemi... mi pare ovvio che vengano dei dubbi. Molta della loro arroganza dipende anche dal credere, in certe culture, che la donna sia un essere inferiore. Basta vedere come trattano le loro donne e una donna insegnante dà proprio fastidio, specie se si esprime.
Tornare in alto Andare in basso
baustelle



Messaggi : 361
Data d'iscrizione : 24.08.10

MessaggioOggetto: Re: famiglie dell est Europa   Sab Ago 08, 2015 7:10 pm

Ho avuto qualche alunno dell'est, mi ricordo bene di alcuni ragazzi rumeni, tutti estremamente educati,qualcuno molto bravo, altri meno o per niente, ma soprattutto ciò che ricordo è che i genitori ai colloqui si interessavano principalmente del comportamento. Ricordo molto bene una mamma a cui avevo iniziato a elencare i voti della figlia che mi ha interrotto e mi ha detto che lei voleva sapere se la figlia si comportava bene o male.
Tornare in alto Andare in basso
 
famiglie dell est Europa
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» La secolarizzazione dell'Europa è un'eccezione?
» la web community dei professionisti dell'estetica
» La legge dell'attrazione...
» monnalisa e il magico mondo dell'andrologia....
» I passi dell'amore

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: