Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Vorrei capire meglio la riforma

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
magodiafano



Messaggi : 187
Data d'iscrizione : 04.08.11

MessaggioOggetto: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 1:46 am

Salve,

in maniera molto sintetica, potrei capire come funzioneranno le assunzioni da GAE? Perché si parla di rischio di dover cambiare provincia? Ma soprattutto, era davvero possibile trovare una soluzione differente oppure il MIUR è stato obbligato a fare tale scelta? E qualora vi fosse stata, che scelta avreste fatto voi?

Lo so che vi sono tanti topic a riguardo, ma ammetto che per via delle lamentele la cosa mi è stata molto poco chiara.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 3:00 pm

Ci sono quattro fasi: la 0 e la A che sono nella provincia di inserimento, la B (posti vacanti rimasti tali per esaurimento delle graduatorie nelle prime due fasi, quindi necessariamente in una provincia diversa), la C (posti di potenziamento; fase nazionale con possibilità di essere assunti in qualsiasi provincia, compresa quella di inserimento).
Il governo e il parlamento sono stati spinti a questa scelta, a mio parere, dalla sentenza europea che obbliga a coprire i posti vacanti prima di pensare a coprire quelli in organico di fatto o di potenziamento e dal fatto che per molte classi di concorso i posti vacanti sono in certe province (diciamo genericamente al nord, anche se bisognerebbe entrare nel dettaglio per fare un discorso più preciso) e gli insegnanti inseriti in graduatorie di altre province.
Possibili alternative:
1) assumere prima sui posti di potenziamento della propria provincia (questo sarebbe stato il desiderio di quasi tutti i precari, ma non avrebbe risolto il problema della sentenza europea, perché sarebbero rimasti posti vacanti in alcune province e quindi sarebbero continuati i ricorsi);
2) assumere anche da II o addirittura III fascia Gi per coprire i posti vacanti, cosa che il governo non ha voluto fare e che non sarebbe stata probabilmente accettata nemmeno dai precari delle Gae che non fossero stati assunti nelle province di inserimento e che si sarebbero sentiti scavalcati.
La riforma nasce quindi da due fatti avvenuti in passato e di cui l'attuale governo non è direttamente responsabile: la chiusura delle Gae ai nuovi abilitati e la direttiva e successiva sententa europea sull'abuso dei contratti a tempo determinato. A questo aggiungiamo il pregiudizio ideologico secondo il quale le assunzioni devono essere solo da concorso e le graduatorie sono state un'esperienza del passato da non riproporre, pregiudizio (comune a tutti i governi dall'ultimo Prodi a Renzi) che ha portato a chiudere le Gae e a respingere qualsiasi richiesta di una loro riapertura.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 3:09 pm

Chiaro, sintetico e obiettivo.
A parte il "pregiudizio ideologico" che nella pubblica amministrazione si debba entrare per concorso ... può piacere o meno, ma è scritto nella Costituzione.

Tornare in alto Andare in basso
Ciccio.8



Messaggi : 2393
Data d'iscrizione : 24.02.15

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 3:23 pm

Un grandissimo grazie a Dec, come sempre!

Io sbagliando avrei risposto che questa riforma si può definire, ancora più sinteticamente, una lotteria su 100 ruote, invece...
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 4:12 pm

francescaverdi ha scritto:
Chiaro, sintetico e obiettivo.
A parte il  "pregiudizio ideologico" che nella pubblica amministrazione si debba entrare per concorso ... può piacere o meno, ma è scritto nella Costituzione.


Già, come il "senza oneri per lo stato" a proposito delle scuole paritarie o il famoso art. 11 (chiedo scusa per la divagazione extrascolastica). Quando si vuole, la Costituzione si interpreta; quando non si vuole, la si segue alla lettera.
La norma costituzionale ha evidentemente una sua logica nel voler evitare favoritismi (ed evito di parlare dei concorsi riservati in altri settori della Pubblica Amministrazione, che mi sembrano un altro modo per aggirarla, magari per delle ragioni anche valide), ma non ha mai funzionato nel mondo della scuola. Sono pronto a scommettere che, massimo dieci anni, il sistema dei concorsi si rivelerà fallimentare ed inapplicabile e si tornerà ad un sistema di assunzioni per graduatorie.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 8:01 pm

Dec ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Chiaro, sintetico e obiettivo.
A parte il  "pregiudizio ideologico" che nella pubblica amministrazione si debba entrare per concorso ... può piacere o meno, ma è scritto nella Costituzione.


Già, come il "senza oneri per lo stato" a proposito delle scuole paritarie o il famoso art. 11 (chiedo scusa per la divagazione extrascolastica). Quando si vuole, la Costituzione si interpreta; quando non si vuole, la si segue alla lettera.
La norma costituzionale ha evidentemente una sua logica nel voler evitare favoritismi (ed evito di parlare dei concorsi riservati in altri settori della Pubblica Amministrazione, che mi sembrano un altro modo per aggirarla, magari per delle ragioni anche valide), ma non ha mai funzionato nel mondo della scuola. Sono pronto a scommettere che, massimo dieci anni, il sistema dei concorsi si rivelerà fallimentare ed inapplicabile e si tornerà ad un sistema di assunzioni per graduatorie.

Condivido assolutamente. Sia il doppio canale che la GP sono state almeno in parte l'esigenza di adattare un sistema rigido come quello concorsuale all'imprevedibilità del sistema scuola, che ha appunto bisogno di supplenti anche per periodi brevi... la graduatoria è sempre (o quasi, l'eccezione è l'inserimento ssis) una scoria del sistema concorsuale.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 10:25 pm

A me sembra che un sistema peggiore di questo che abbiamo adesso (che avevamo fino a ieri), con le graduatorie infinite che restano in vigore anche 25 anni, sia difficile da immaginare.
Bandire regolarmente dei concorsi e lasciare la graduatoria in vigore solo per 2 o 3 anni non mi pare impossibile e sicuramente è un sistema di reclutamento un po' più efficace, con tutte le imperfezioni delle cose umane.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 10:34 pm

Spiegalo a quelli che saranno depennati quando una nuova Gm sostituirà la loro. Infatti anche questa volta hanno finito per dare agli idonei la priorità per assumerli tutti.
E le supplenze e gli incarichi annuali che continueranno ad esserci come li gestiresti? Chiamata diretta del Ds?
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 10:46 pm

Glielo spiego tranquillamente: non solo accade così di norma nelle altre amministrazioni, ma ci sono state epoche in cui questo accadeva anche nella scuola e a tutti sembrava normale. C'è stato un concorso nel 1983 e poi un altro nel 1985; chi aveva superato quello del 1983 ha avuto qualche punto in più per l'idoneità e niente altro. Avere l'idoneità a un concorso non significa averlo vinto, ma solo aver superato le prove. Ma ti pare logico che quest'anno si assuma gente che ha superato con il punteggio minimo il concorso del 1990? E ci si lamenti pure se quella graduatoria poi viene soppressa?
Le supplenze e gli incarichi annuali potrebbero essere gestiti come adesso, senza però considerare il punteggio delle supplenze l'anticamera dell'assunzione: non sarebbe uno scandalo, se le persone avessero occasione di fare i concorsi con regolarità.
Chi non vince il concorso (una volta, due volte ...) magari si cerca un altro lavoro e non rimane nel limbo del precariato fino alle soglie della pensione.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Lun Ago 10, 2015 11:02 pm

Non è logico che la Gm del 1990 sia rimasta in vita 25 anni, ma non è nemmeno logico che, quando è stato bandito il concorso, non si sapesse quanto sarebbe durata e la decisione sia affidata alle decisioni estemporanee del governo di turno; è inevitabile che chi vi è inserito abbia delle aspettative e si senta beffato.
Se le regole fossero chiare fin dall'inizio, il modello che proponi potrebbe essere accettabile, fermo restando tutte le mie perplessità su come è stato gestito il concorso del 2012 (di quelli precedenti non ho memoria).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Mar Ago 11, 2015 1:09 am

Chi ha "vinto" il concorso del 90, se non ha mai applicato le cose che sapeva, oggi le sa ancora ?

Vi giuro che da bambino sapevo fare l'analisi grammaticale e l'analisi logica; oggi non saprei distinguere l'una dall'altra nè saprei dire esattamente cosa sia un avverbio.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Mar Ago 11, 2015 2:50 am

francescaverdi ha scritto:
Chi non vince il concorso (una volta, due volte ...) magari si cerca un altro lavoro e non rimane nel limbo del precariato fino alle soglie della pensione.

Aggiungo che, a parità di bravura, se dovessi scegliere tra un docente con molti anni di precariato e uno che fino al giorno prima faceva un altro lavoro, non avrei dubbi sul fatto di scegliere il primo. L'esperienza nella scuola non dovrebbe essere il criterio unico, ma non è nemmeno da demonizzare, come si fa ultimamente. Naturalmente ci dovrebbe essere una selezione seria in ingresso e gli ignoranti e gli incapaci non dovrebbero proprio mettere piede a scuola neanche come precari. Invece con un sistema in cui il reclutamento sia solo attraverso i concorsi si rischia di spingere i migliori, che magari hanno altre opportunità, a fare un altro lavoro in attesa del superamento del concorso, e di tenersi i mediocri a scuola a fare le supplenze.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Mar Ago 11, 2015 8:49 am

francescaverdi ha scritto:
Glielo spiego tranquillamente: non solo accade così di norma nelle altre amministrazioni, ma ci sono state epoche in cui questo accadeva anche nella scuola e a tutti sembrava normale. C'è stato un concorso nel 1983 e poi un altro nel 1985; chi aveva superato quello del 1983 ha avuto qualche punto in più per l'idoneità e niente altro.  Avere l'idoneità a un concorso non significa averlo vinto, ma solo aver superato le prove. Ma ti pare logico che quest'anno si assuma gente che ha superato con il punteggio minimo il concorso del 1990? E ci si lamenti pure se quella graduatoria poi viene soppressa?
Le supplenze e gli incarichi annuali potrebbero essere gestiti come adesso, senza però considerare il punteggio delle supplenze l'anticamera dell'assunzione: non sarebbe uno scandalo, se le persone avessero occasione di fare i concorsi con regolarità.
Chi non vince il concorso (una volta, due volte ...) magari si cerca un altro lavoro e non rimane nel limbo del precariato fino alle soglie della pensione.

Non era così semplice, c'era il Doppio Canale, cioè una graduatoria in cui si entrava con un'abilitazione concorsuale (o corso abilitante equiparato per materie pratiche) e 2 anni di servizio nella scuola pubblica. Il Doppio Canale si è poi evoluto nella Prima e Seconda Fascia Permanente.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Mar Ago 11, 2015 10:04 am

Dec ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Chi non vince il concorso (una volta, due volte ...) magari si cerca un altro lavoro e non rimane nel limbo del precariato fino alle soglie della pensione.

Aggiungo che, a parità di bravura, se dovessi scegliere tra un docente con molti anni di precariato e uno che fino al giorno prima faceva un altro lavoro, non avrei dubbi sul fatto di scegliere il primo. L'esperienza nella scuola non dovrebbe essere il criterio unico, ma non è nemmeno da demonizzare, come si fa ultimamente. Naturalmente ci dovrebbe essere una selezione seria in ingresso e gli ignoranti e gli incapaci non dovrebbero proprio mettere piede a scuola neanche come precari. Invece con un sistema in cui il reclutamento sia solo attraverso i concorsi si rischia di spingere i migliori, che magari hanno altre opportunità, a fare un altro lavoro in attesa del superamento del concorso, e di tenersi i mediocri a scuola a fare le supplenze.

A parità di bravura, anch'io. Spesso però capita che quelli che vincono il concorso (anche se prima facevano un altro lavoro) siano più "bravi", cioè più flessibili, capaci di imparare, mentalmente aperti, anche se meno esperti di questione scolastiche. E' una generalizzazione, spero che nessuno si offenda ... però, se ci pensi, ha una logica. Se uno è più capace, come hai detto anche tu stesso, difficilmente si mette in coda a collezionare supplenze per fare punteggio ... è più facile che trovi altro da fare, poi tenti il concorso e lo vinca. Io preferirei assumere questa tipologia di insegnanti e lasciare ai "mediocri" (per usare la tua definizione) le supplenze.
Tornare in alto Andare in basso
Dec
Moderatore
Moderatore


Messaggi : 47788
Data d'iscrizione : 23.08.10

MessaggioOggetto: Re: Vorrei capire meglio la riforma   Mer Ago 12, 2015 2:58 am

Dipende molto anche dalla classe di concorso. Il discorso che fai tu forse può funzionare per le discipline scientifiche o tecniche per le quali esperienze lavorative esterne alla scuola possono essere arricchenti. Io sono laureato in lettere e, se in questi anni di precariato non avessi fatto supplenze, non so quale altro tipo di lavoro avrei potuto trovare, ma a mio parere non sarebbe stato un lavoro in grado di aprirmi la mente e di rendermi un insegnante migliore.
Tornare in alto Andare in basso
 
Vorrei capire meglio la riforma
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Buonasera Dottore, vorrei capire..
» Vorrei capire...
» Non ci spero ma voglio capire
» un mondo senza religioni
» vorrei preparare io i biscotti senza uovo e glutine per la bambina..

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: