Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistratiRegistrati  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
» precedenza a parità di punteggio nelle Graduatorie ISTITUTO 2017-20
Oggi alle 3:30 am Da Dec

» MAD docente di ruolo
Oggi alle 3:24 am Da Dec

» Messa a disposizione MAD
Oggi alle 3:22 am Da Dec

» Dubbio punteggio su cdc diverse
Oggi alle 3:18 am Da Dec

» Info cattedre disponibili per A028 VARESE
Oggi alle 3:16 am Da Dec

» IN GRADUATORIA SE LA CDC NON C'E'?
Oggi alle 3:08 am Da Dec

» GRADUATORIA AD ESAURIMENTO FROSINONE
Oggi alle 3:06 am Da Dec

» MAD, GI e sostegno
Oggi alle 3:01 am Da Dec

» MAD compilazione e invio
Oggi alle 2:58 am Da Dec

Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9
AutoreMessaggio
Admin
Admin


Messaggi : 171
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioTitolo: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Lun Ago 31, 2015 8:15 am

Promemoria primo messaggio :

La questione è riaperta da Giuseppe Bagni e Rosalba Conserva nel libro “Insegnare a chi non vuole imparare”, un epistolario che parla di scuola vissuta, di amore per lo studio, di gusto per la ricerca inesausta tra i banchi.

In viaggio che dura un intero anno scolastico raccontato da due punti di vista equilibrati e complementari che discorrono soprattutto delle responsabilità dell’adulto maestro e punto di riferimento dei giovani, sempre nella prospettiva del ‘non uno di meno’, perché “è nell’interesse economico del Paese portare gli studenti, tutti gli studenti, a un livello adeguato di competenze, non solo un problema di giustizia, di etica e di democrazia”, ci ha detto Bagni al telefono.

Ma l’etica e la politica in questo mestiere s’intrecciano in maniera inestricabile, riaccendendo antiche questioni: “L’insegnante è una persona di stampo speciale. Per lui etica e politica sono la stessa cosa, un presupposto caduto il quale la cultura rimane ‘una questione privata’. Questo rimanda alla vecchia idea che fare il maestro è una vocazione: una cosa che negli anni Settanta abbiamo drasticamente rifiutato. Chi in quegli anni avesse detto in una assemblea sindacale che ‘l’insegnamento è una missione’ sarebbe stato messo a tacere per sempre” scrive Conserva al suo collega nella lettera del 14 febbraio. “Il libro è costruito sulle nostre testimonianze – continua Bagni – per un anno intero l’obiettivo è stato riflettere sul nostro lavoro, in una ricerca altamente professionale, e quello che abbiamo sentito è stato il carico di una responsabilità più che quello di una missione”.

Un libro che procede in maniera problematica, proponendo spunti di riflessione anche inediti: “Non dimentichiamo, inoltre, che noi insegnanti siamo gli unici adulti che i ragazzi possono osservare mentre lavorano – in questo superiamo i loro genitori – e un eccesso di omogeneità potrebbe avere un effetto omologante pericoloso quanto l’incoerenza sull’estremo opposto. La libertà d’insegnamento è un valore anche per chi apprende, non solo per chi insegna” scrive Bagni nella lettera del 22 gennaio, e nello spiegarci meglio questo suo pensiero aggiunge che “è proprio così, magari a distanza di venti o trent’anni una persona può dimenticare del tutto i contenuti delle lezioni che gli sono state fatte a scuola, mentre ricorda benissimo il modo in cui l’insegnante lavorava in classe. I ragazzi studiano gli insegnanti molto più delle materie che insegnano, è per questo che la passione conta così tanto, crea empatia e aiuta a trasmettere e a far maturare le competenze sociali e civiche cuore della nostra democrazia. Perciò libertà di insegnamento non significa sentirsi liberi di fare ciò che si vuole in classe, ma lavorare perché gli alunni abbiano garantita la loro libertà di apprendimento attraverso modelli molteplici, non anarchici rispetto al dirigente, ma scelti dagli insegnanti ben consci della responsabilità che ricade su di loro”.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.orizzontescuolaforum.net

AutoreMessaggio
balanzoneXXI



Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mar Lug 18, 2017 12:46 am

Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?

Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19378
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mar Lug 18, 2017 10:12 am

balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?
Cosa non si arriverebbe a dire nella speranza di vedere aumentate le proprie probabilità di assunzione !
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5405
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mar Lug 18, 2017 11:10 am

giobbe ha scritto:

Sono d'accordo con paniscus_2.0 sul fatto che la prevalenza delle donne nella scuola è dovuta al fatto che gli uomini sono poco propensi ad insegnare.

Se così fosse anche le università sarebbero piene di professoresse anziché professori. Invece all'università i numeri si invertono.

Si tratta di soldi. E, a ruota, di prestigio.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19378
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mar Lug 18, 2017 11:40 am

mac67 ha scritto:
giobbe ha scritto:

Sono d'accordo con paniscus_2.0 sul fatto che la prevalenza delle donne nella scuola è dovuta al fatto che gli uomini sono poco propensi ad insegnare.

Se così fosse anche le università sarebbero piene di professoresse anziché professori. Invece all'università i numeri si invertono.

Si tratta di soldi. E, a ruota, di prestigio.
Gli uomini sono poco propensi ad insegnare ai bambini.

Un conto è occuparsi di uno, due, tre figli, un conto è occuparsi di 10 neonati, 20 pupetti, 30 diavoli scatenati delle elementari.

Più quelli che hai davanti sembrano adulti e più i maschi hanno voglia di interagirci; all'università hai a che fare con uomini e con donne.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 5405
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mar Lug 18, 2017 11:55 am

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
giobbe ha scritto:

Sono d'accordo con paniscus_2.0 sul fatto che la prevalenza delle donne nella scuola è dovuta al fatto che gli uomini sono poco propensi ad insegnare.

Se così fosse anche le università sarebbero piene di professoresse anziché professori. Invece all'università i numeri si invertono.

Si tratta di soldi. E, a ruota, di prestigio.
Gli uomini sono poco propensi ad insegnare ai bambini.

Un conto è occuparsi di uno, due, tre figli, un conto è occuparsi di 10 neonati, 20 pupetti, 30 diavoli scatenati delle elementari.

Più quelli che hai davanti sembrano adulti e più i maschi hanno voglia di interagirci; all'università hai a che fare con uomini e con donne.

I liceali non sono molto diversi dagli universitari, soprattutto nelle classi terminali. Aumenta lo stipendio del docente di scuola a 2000-2500 euro netti al mese e vedrai che aumentano gli uomini.
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mar Lug 18, 2017 12:23 pm

avidodinformazioni ha scritto:
balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?
Cosa non si arriverebbe a dire nella speranza di vedere aumentate le proprie probabilità di assunzione !

L' interventizio afferma di essere in procinto di passare di ruolo.

A me questo intervento ricorda le argomentazioni di chi non vuole che alle coppie omosessuali sia data la possibilità di adottare bambini .

Essi affermano che ogni fanciullo deve avere una mamma e un papà,  altrimenti si confonde, poverino, soprattutto quando comincia ad andare a scuola .Ritengo che i camerati e i pizzoccheri del forum condividano questa posizione; io invece la ritengo una sciocchezza ,come anche 'sta trovata delle quote azzurre.


Ultima modifica di balanzoneXXI il Mar Lug 18, 2017 4:45 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mar Lug 18, 2017 12:27 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
giobbe ha scritto:

Sono d'accordo con paniscus_2.0 sul fatto che la prevalenza delle donne nella scuola è dovuta al fatto che gli uomini sono poco propensi ad insegnare.

Se così fosse anche le università sarebbero piene di professoresse anziché professori. Invece all'università i numeri si invertono.

Si tratta di soldi. E, a ruota, di prestigio.
Gli uomini sono poco propensi ad insegnare ai bambini.

Un conto è occuparsi di uno, due, tre figli, un conto è occuparsi di 10 neonati, 20 pupetti, 30 diavoli scatenati delle elementari.

Più quelli che hai davanti sembrano adulti e più i maschi hanno voglia di interagirci; all'università hai a che fare con uomini e con donne.

I liceali non sono molto diversi dagli universitari, soprattutto nelle classi terminali. Aumenta lo stipendio del docente di scuola a 2000-2500 euro netti al mese e vedrai che aumentano gli uomini.

Lo penso anch'io.I maschietti arriverebbero con la stessa velocità con la quale un gatto si presenta appena sente agitare la scatola dei croccantini.
Tornare in alto Andare in basso
Interventizio



Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 08.07.15

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Gio Lug 20, 2017 4:44 pm

chicca70 ha scritto:
Poi esistono anche gli insegnanti capaci di affascinare e di coinvolgere, quelli dotati di un'impronta sicura ed equilibrata, esistono quelli che possono rappresentare un modello. Sono pochissimi. Nella mia attuale scuola uno solo.

Le tue sono generalizzazioni, aggravate dal fatto che tu non puoi aver incontrato tanti professori, dal momento che la media per le medie e il II grado è di 15%. Nella tua attuale scuola c'è UN solo uomo degno di nota, dici tu. Non mi sembra poco, a meno che la tua sia l'unica scuola che ha un numero decente di profe maschi.
Infine, se ti devo fare l'elenco delle professoresse mediocri e infami che ho avuto io nella mia vita, facciamo notte. Anche molto recentemente.
Tornare in alto Andare in basso
Interventizio



Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 08.07.15

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Gio Lug 20, 2017 4:49 pm

balanzoneXXI ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?
Cosa non si arriverebbe a dire nella speranza di vedere aumentate le proprie probabilità di assunzione !

L' interventizio afferma di essere in procinto di passare di ruolo.

A me questo intervento ricorda le argomentazioni di chi non vuole che alle coppie omosessuali sia data la possibilità di adottare bambini .

Essi affermano che ogni fanciullo deve avere una mamma e un papà,  altrimenti si confonde, poverino, soprattutto quando comincia ad andare a scuola .Ritengo che i camerati e i pizzoccheri del forum condividano questa posizione; io invece la ritengo una sciocchezza ,come anche 'sta trovata delle quote azzurre.

1) Già il fatto che tu dica "afferma" dà indicazione di che bel personaggino tu sia. Non so tu, ma io non sono tipo da millantare risultati che non ho ottenuto.
2) Tu devi essere un "femministo". Ne ho sentito parlare: sono soprattutto in America, e si sa che noi dagli americani prendiamo sempre il meglio.
Non mi azzardo minimamente a iniziare discussioni pedagogiche con uno che non capisce nemmeno la differenza tra maschio e femmina, come se fossimo tutte lumache ermafrodite. Meglio stendere un sudario pietoso e passare ad altro.


Ultima modifica di Interventizio il Gio Lug 20, 2017 5:51 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
talaricop01



Messaggi : 493
Data d'iscrizione : 26.05.15

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Gio Lug 20, 2017 4:52 pm

se l'insegnamento è una missione ...come mai ci sono stati tanti privatisti che negli anni hanno conseguito il diploma magistrale? gente che aveva studiato da geometri o ragionieri ora fa l'insegnante. Ricordo che ai tempi le sezioni dei privatisti superavano quelle degli interni ......mahhh
Tornare in alto Andare in basso
Interventizio



Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 08.07.15

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Gio Lug 20, 2017 4:54 pm

balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?


Ma, non lo so. Perché domani sorgerà il sole? Perché il nero non è bianco? Perché c'è gente che sembra nata ieri apposta per far perdere tempo agli altri con domande sciocche, solo per apparire progressive e "de sinistra"?
Tornare in alto Andare in basso
Interventizio



Messaggi : 150
Data d'iscrizione : 08.07.15

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Gio Lug 20, 2017 5:04 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Interventizio ha scritto:

1) Suvvia, sai benissimo che questo tipo di generalizzazioni non hanno mai senso. Di solito, il genitore tende a viziare il figlio del sesso opposto al suo.
2)  Il rinforzo positivo è la strada da seguire, lo dicono tutti gli studi. Il rinforzo negativo è controproducente: la paura crea ribellione e ansia, non impegno.
Il discorso è semmai che il rinforzo deve venire dalla persona giusta: nel caso dello studio, dall'insegnante. L'insegnante con la sua profesiosnalità è anche quello che sa dosare i rinforzi: se tu dici "bravo" ogni volta che uno fa una cosa, allora inflazioni il rinforzo e non serve a niente.
E secondo te, in una scuola dominata dalla presenza femminile, soprattutto con tutto il pseudo-femminismo che c'è intorno, si tenderà a "rinforzare" più gli studenti maschi o quelli femmina? Ti pare tanto strano che uno, ricordando le insegnanti svogliate e poco motivanti che ha avuto, poi decida di non diventarlo a sua volta da adulto?
La verità è che per un maschio ci vorrebbe un modello maschile nelle scuole, e quindi chi di competenza deve darsi una mossa per incentivarne l'accesso.
3) Dunque, tu dici che i maschi studiano poco --> ergo poi falliscono nei concorsi. Ma se falliscono nei concorsi poi ci sono pochi insegnanti maschi, e quindi poche figure nella scuola per i maschi con cui immedesimarsi --> fallimento scolastico. E' nato prima l'uovo o la gallina?
1) Sì, ma le mamme sono più efficaci perchè passano con i figli più tempo dei papà
2) Tutti gli "studi" ? Esistono studi ? Sai cosa sono gli studi ?
Gli studi si basano su fatti, applicano il metodo scientifico. Tu ti riferisci alle "riflessioni" dei didattofuffologi, che si basano sui preconcetti e sul politicamente corretto.

Se una maestra è svogliata e poco motivante lo è con tutti gli alunni, femmine comprese. Alle maestre tutto puoi dire tranne che discriminino i maschi

Se alle elementari entra un maschio non ne beneficia tutta la scuola ma solo la sua classe; se quello che dici fosse vero in quella classe sarebbero penalizzate le bambine, quindi non avremmo risolto nulla.

3) Non me ne frega nulla se è nato prima l'uovo o la gallina; se un maschio ha sempre galleggiato, se ha scelto una laurea facile, se ha preso un voto scarso, se ha deciso di ripiegare sulla docenza perchè altrove non se l'è cagato nessuno, perchè mai dovrebbe passare davanti ad una (ex)ragazza studiosa ? Dobbiamo viziarlo anche al concorso ?

1) Tu vivi nell''800, ragazza mia.
2) La parola "studi" la puoi andare a cercare sul vocabolario, se hai tempo. Con "studi" io mi riferisco specialmente al comportamentismo, cioè proprio la branca della psicologia/pedagogia che più applica il metodo scientifico. Autorini come Watson e Skinner, che forse a te non dicono nulla. Ti è andata male.
3) Le tue tirate da femminista anni '70 meglio che le lasci dove più gli si addice: nelle latrine della storia.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19378
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Gio Lug 20, 2017 6:54 pm

Interventizio ha scritto:

1) Tu vivi nell''800, ragazza mia.
2) La parola "studi" la puoi andare a cercare sul vocabolario, se hai tempo. Con "studi" io mi riferisco specialmente al comportamentismo, cioè proprio la branca della psicologia/pedagogia che più applica il metodo scientifico. Autorini come Watson e Skinner, che forse a te non dicono nulla. Ti è andata male.
3) Le tue tirate da femminista anni '70 meglio che le lasci dove più gli si addice: nelle latrine della storia.
O ho una clitoride sproporzionata o sono un maschio normale; a giudicare dalle tette direi la seconda.
Anche nel 2000 le mamme passano più tempo con i figli di quanto non facciano i papà.

Il comportamentismo sarà la più scientifica delle branche fuffologiche, ma sempre fuffologica rimane.

Fare vincere un concorso a chi prende più punti se è femmina è un comportamento femminista ? Se è maschio è maschilista ?

Tu che possiedi un vocabolario, meritocratico cosa significa ?
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Ven Lug 21, 2017 12:18 am

Interventizio ha scritto:
balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?


Ma, non lo so. Perché domani sorgerà il sole? Perché il nero non è bianco? Perché c'è gente che sembra nata ieri apposta per far perdere tempo agli altri con domande sciocche, solo per apparire progressive e "de sinistra"?

In parole povere la tua risposta si potrebbe tradurre con la seguente frase: "perché
e' cosi'".

Mi congratulo per la tua abilità argomentativa.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19378
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Ven Lug 21, 2017 1:40 am

balanzoneXXI ha scritto:
Interventizio ha scritto:
balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?


Ma, non lo so. Perché domani sorgerà il sole? Perché il nero non è bianco? Perché c'è gente che sembra nata ieri apposta per far perdere tempo agli altri con domande sciocche, solo per apparire progressive e "de sinistra"?

In parole povere la tua risposta   si potrebbe tradurre  con la seguente frase: "perché
e' cosi'".

Mi congratulo per la tua abilità argomentativa.
Santo cielo è maschio ! Non pretenderai che si debba guadagnare il tuo rispetto ? Quello è roba da donne !

Hai stima di 100 donne ? Allora devi averne anche di 10 uomini; pure fossero 10 teste di cazzo ma la quota va rispettata !
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mer Lug 26, 2017 6:49 am

balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?

La prevalenza numerica delle donne nella scuola potrebbe avere conseguenze disastrose sulla psicologia del bambino maschio? Non credo (io ho avuto solo maestre donne alle elementari e ciò non ha avuto conseguenze disastrose sulla mia persona).
La prevalenza numerica delle donne nella scuola potrebbe avere conseguenze disastrose sulla psicologia dell'adolescente maschio? Penso sia vero se le donne in questione sono avvenenti e provocanti, Alvaro Vitali docet in tal senso. Ricordo in una classe quinta di un liceo che un ragazzo, sentito che c'era una prof esterna e severa agli esami di stato, chiese: "Ma è bona? Così almeno esce un ...".
Purtroppo è la verità; e ci sono pure casi di love story tra prof avvenenti e alunni; ricordo una volta di aver visto una giovane docente far guidare la propria automobile a uno studente di liceo, non ricordo se neopatentato o ancora patentando. E' ben noto che la maggior parte degli adolescenti maschi soffre della sindrome del pensiero "fisso" per la "fessa",  per cui per evitare che gli studenti invece di studiare perdino tempo a pensare a determinate parti anatomiche dei prof, sarebbe opportuno far insegnare i docenti in classi di soli maschi e lesbiche, le docenti in classi di sole femmine e gay.
In alternativa c'è comunque la didattica digitale: quando si insegna a distanza non importa sapere ad esempio se il professor avidodinformazioni ha o meno una grossa clitoride, viene messa al centro la disciplina, e i ragazzi difficilmente si faranno venire fantasie erotiche (se Alvaro Vitali avesse fatto un' audiolezione online, non si sarebbe eccitato alla vista della maestra (anzi, non l'avrebbe proprio vista!), come invece si vede chiaramente nei vari film della serie Pierino, chi li ha visti dovrebbe saperlo).
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mer Lug 26, 2017 6:51 am

balanzoneXXI ha scritto:
A me questo intervento ricorda le argomentazioni di chi non vuole che alle coppie omosessuali sia data la possibilità di adottare bambini .

Essi affermano che ogni fanciullo deve avere una mamma e un papà,  altrimenti si confonde, poverino, soprattutto quando comincia ad andare a scuola .Ritengo che i camerati e i pizzoccheri del forum condividano questa posizione; io invece la ritengo una sciocchezza ,come anche 'sta trovata delle quote azzurre.

I pizzoccheri del forum farebbero bene a condividere tale posizione se credono nelle Sacre Scritture:

"Non avrai con un uomo relazioni carnali come si hanno con una donna: è cosa abominevole." (Levitico 18,22)

"Non avete letto che il Creatore, da principio, li creò maschio e femmina"(Matteo 19,4)

"Egualmente anche gli uomini, lasciando il rapporto naturale con la donna, si sono accesi di passione gli uni per gli altri, commettendo atti ignominiosi uomini con uomini, ricevendo così in se stessi la punizione che s'addiceva al loro traviamento." (Lettera ai Romani 1,27)

E farebbero bene a votare il Popolo della Famiglia, se sarà presente alle prossime elezioni (dove lo trovano un partito sul cui simbolo è scritto "No gender nelle scuole"? Adinolfi è un grande, ha superato Giuliano Ferrara, unico politico di livello nazionale ad aver meritato il mio voto nel 2008!):
Consiglio a tutti la visione del video se volete farvi una risata e anche una cultura su quello che è stato definito il Quarto Polo d'Italia, dopo Renzi, Grillo e Berlusconi. In particolare, dal minuto 10:58 si parla del "No gender nelle scuole"; spero che alcuni utenti del forum, sentendo quello che dice Adinolfi, si rendano conto che quella del gender non è una fantasia complottistica, ma pura realtà. Mario Adinolfi meriterebbe di diventare presidente del consiglio nel 2018!
Votate il PdF! W il PdF!
Tornare in alto Andare in basso
Ciccio.8

avatar

Messaggi : 2559
Data d'iscrizione : 24.02.15

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Mer Lug 26, 2017 9:18 am

Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Ven Lug 28, 2017 2:04 pm

Ospite ha scritto:
balanzoneXXI ha scritto:
Perchè la prevalenza numerica delle donne nella scuola dovrebbe avere conseguenze disastrose  o squilibranti sulla psicologia del bambino maschio?

La prevalenza numerica delle donne nella scuola potrebbe avere conseguenze disastrose sulla psicologia del bambino maschio? Non credo (io ho avuto solo maestre donne alle elementari e ciò non ha avuto conseguenze disastrose sulla mia persona).
La prevalenza numerica delle donne nella scuola potrebbe avere conseguenze disastrose sulla psicologia dell'adolescente maschio? Penso sia vero se le donne in questione sono avvenenti e provocanti, Alvaro Vitali docet in tal senso. Ricordo in una classe quinta di un liceo che un ragazzo, sentito che c'era una prof esterna e severa agli esami di stato, chiese: "Ma è bona? Così almeno esce un ...".
Purtroppo è la verità; e ci sono pure casi di love story tra prof avvenenti e alunni; ricordo una volta di aver visto una giovane docente far guidare la propria automobile a uno studente di liceo, non ricordo se neopatentato o ancora patentando. E' ben noto che la maggior parte degli adolescenti maschi soffre della sindrome del pensiero "fisso" per la "fessa",  per cui per evitare che gli studenti invece di studiare perdino tempo a pensare a determinate parti anatomiche dei prof, sarebbe opportuno far insegnare i docenti in classi di soli maschi e lesbiche, le docenti in classi di sole femmine e gay.
In alternativa c'è comunque la didattica digitale: quando si insegna a distanza non importa sapere ad esempio se il professor avidodinformazioni ha o meno una grossa clitoride, viene messa al centro la disciplina, e i ragazzi difficilmente si faranno venire fantasie erotiche (se Alvaro Vitali avesse fatto un' audiolezione online, non si sarebbe eccitato alla vista della maestra (anzi, non l'avrebbe proprio vista!), come invece si vede chiaramente nei vari film della serie Pierino, chi li ha visti dovrebbe saperlo).

Perdinci, tu devi essere un esperto del trash nostrano,questa vergogna imperitura per l'Italia,un tempo terra di poeti,navigatori,inventori,
oggi tristo albergo di pizzoccheri ,celoduristi, spernacchiatori ; per giunta un albergo fracico e pericolante.Cosa direbbe il tuo parroco di questa tua non proprio commendevole competenza?
Comunque fai confusione con i termini: non ci sono le femmine e le lesbiche, ma femmine che hanno diversi orientamenti sessuali.Stesso discorso per i maschi.
Ad ogni modo la tua interessante proposta difficilmente potrà' essere attuata.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 19378
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Ven Lug 28, 2017 2:48 pm

Ma tu quello che scrive lo leggi tutto ? Ma leggi anche tutta la guida telefonica ?

Per me ospite è come Playboy: mi limito a guardare le figure.
Tornare in alto Andare in basso
balanzoneXXI



Messaggi : 1255
Data d'iscrizione : 21.09.13

MessaggioTitolo: Re: L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione   Ven Lug 28, 2017 3:37 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Ma tu quello che scrive lo leggi tutto ? Ma leggi anche tutta la guida telefonica ?

Per me ospite è come Playboy: mi limito a guardare le figure.


Invece e' divertente e non e' detto che il suo umorismo sia involontario.
Tornare in alto Andare in basso
 
L’insegnamento è una missione? Esprimi la tua opinione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 9 di 9Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9
 Argomenti simili
-
» dubbio sull' insegnamento di certe materie a scuola
» La Religiosità del Movimento 5 Stelle
» Fiabe, racconti & Insegnamenti
» PERICOLOSITA’ PSICHICA DELL’INSEGNAMENTO CRISTIANO
» religione all'asilo

Permessi di questa sezione del forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Di' la tua-
Andare verso: