Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 5, 6, 7 ... 10, 11, 12  Seguente
AutoreMessaggio
isula.



Messaggi : 795
Data d'iscrizione : 05.10.14

MessaggioOggetto: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Mer Set 02, 2015 2:58 pm

Promemoria primo messaggio :

Un tema molto caldo in questo primo periodo della scuola.

Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15867
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 9:09 am

paniscus_2.0 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Gli uomini esistono da 130000 anni, hanno colonizzato l'intero mondo nei primi 120000 e sono partiti dall'Africa; gli africani hanno avuto 120000 anni d vantaggio rispetto agli americani e 50000 rispetto agli europei .... sprecandolo.

Avido, c'hai presente la storia (ipersemplificata, ma comunque sostanzialmente vera) degli Homo sapiens che hanno soppiantato i Neandertal per manifesta superiorità adattativa?

Bene, faccio presente che gli Homo sapiens, ai quali noi attualmente ci pregiamo di appartenere, erano degli immigrati di seconda o terza ondata appena arrivati dall'Africa, mentre i neandertaliani erano quelli che stavano già in Europa da decine di migliaia di anni prima di loro, roba che in confronto la distanza temporale tra il medioevo e l'illuminismo (o fra il medioevo e noi) fa ridere i polli.

L.
In quel caso non si parlava di cultura superiore ma di razza superiore.

Prendiamo il peggio che l'umanità possa offrire, l'affiliato ISIS, ne prendiamo due esemplari, uno maschio ed uno femmina, lasciamo che il maschio monti la femmina (stiamo parlando di animali no ?) e quando nasce il bambino glielo togliamo e lo diamo in adozione a degli svedesi; qualche anno dopo avremo un civilissimo svedese con la carnagione un po' più scura.

Facciamo lo stesso con una coppia di sapiens e gli diamo il figlio ai neandertal e per buona misura facciamo lo stesso con i neandertal dando il figlio ai sapiens; otterremo due spiantati che non riusciranno mai ad integrarsi pienamente nei rispettivi gruppi.

C'è differenza tra gruppo culturale, gruppo etnico e razza.

PS quest'ultima affermazione mi ha dato da penssare, effettivamente è probabile che sapiens e neandertal si potessero accoppiare e questo ne fa una specie unica, l'enorme differenza ne fa invece razze diverse.
Tale differenza è infinitamente più grande di quella che c'è tra lapponi ed aborigeni, quindi si, abbraccio pienamente quanto hai detto sull'inesistenza di differenti razze in ambito umano.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 9:11 am

Citazione :
Esatto..il 90% dei profughi sono giovani uomini,di corporatura massiccia e muscolosa...NULLA a che vedere ad esempio con i veri profughi..ricordiamo ad esempio mogli e figli delle vittime di Srebrenica che fuggivano nei boschi, oppure i curdi o altre tristi situazioni ,come i siriani,in cui intere famiglie scappavano con scarpe bucate e vestiti logori da guerre e persecuzioni...questi sono fotomodelli con iPhone e cuffie ospiti di alberghi ,nulla a che vedere con i veri profughi

State facendo discorsi troppo da professori per poter essere con voi (discorsi che, ne siete consapevoli, non portano avanti un centimetro nell'individuazione della giusta direzione da percorrere in questa emergenza umanitaria, ma nemmeno i discorsi dei politici lo fanno, per cui ognuno interviene come sa)

Dicevo, me ne sono tenuta fuori perchè non so tutte le cose che sapete voi, io sono molto ruspante, molto pratica. E i discorsi tipo quello di Filipeto mi fanno arrabbiare. Sono i discorsi che vanno per la maggiore su fb in questi giorni. Postano foto di ragazzoni grandi e grossi in contrapposizione a foto di poveri bambini scheletrici e con il pancione. E poi dicono ai primi di vergognarsi.

Non viene in mente a nessuno che magari quei bambini non hanno nemmeno la forza di fare dieci km, figuriamoci se possono solo pensare di affrontare l'inferno del viaggio. Magari i genitori di quei bambini sono nelle stesse condizioni, o magari sono proprio i genitori di quei bambini, o i vicini di casa o i vicini di villaggio o... che vengono qui per cercare un futuro da riportare poi ai pancioni gonfi di malattia?

Io non lo so se sia così, ma vorrei proprio che prima di dire banalità basate su una foto in fb, ci si pensasse un po'.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6205
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 10:27 am

avidodinformazioni ha scritto:
PS quest'ultima affermazione mi ha dato da penssare, effettivamente è probabile che sapiens e neandertal si potessero accoppiare e questo ne fa una specie unica, l'enorme differenza ne fa invece razze diverse.

No, per quanto ne so erano abbastanza lontani geneticamente da essere considerati due specie diverse. Ovviamente nessuno può sapere con certezza se ci siano state davvero delle unioni miste o no, ma in ogni caso l'interfertilità sarebbe stata minima.

(non è che ci sia sempre un confine nettissimo tra gruppi distinti "che possono fare figli insieme", e allora si chiamano razze, e gruppi "che non li possono fare", e allora si chiamano specie... anche quello si sviluppa per gradi, nel corso di un lunghissimo e progressivo allontanamento e isolamento dei due gruppi, in cui l'efficienza riproduttiva degli incroci misti diventa sempre più scarsa, fino a scomparire del tutto, ma non crolla a zero da un momento all'altro)

In qualche caso il fenomeno è ancora più interessante, perché non si tratta di un'unica separazione tra due ceppi che poi si evolvono ognuno per conto proprio, ma si sono mantenute anche tutte le varietà intermedie (si chiamano specie ad anello)

Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 1:31 pm

Ire,siccome i bambini sono rimasti la...è priorità dell europea
Aiutare queste persone nei luoghi d origine e non accogliere milioni di simil balotelli muscolosi..io sono io ragiono per ciò che vedo nei pressi dei centri e non per ciò che leggo in face. Tornando ai piloti,confermò che anche negli stati uniti il numero di piloti di colore è mto vasdi
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 1:32 pm

...mto basso, come è basso il numero di centometristi bianchi alle olimpiadi
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6205
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 1:38 pm

Felipeto, potresti spiegare quale sarebbe il problema nel fatto che (alcuni di loro) siano muscolosi? Mi viene il dubbio che ci sia sotto un imbarazzante sottinteso di invidia latente, o magari anche di attrazione inconfessata...
Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 1:51 pm

Se sono muscolosi si nutrono,se hanno il cellulare non muoiono di fame..ergo NON ARRIVANO DA ZONE DI GUERRA.hai mai visto il fisico dei profughi bosniaci durante le guerre in ex Jugoslavia,hai mai visto i profughi curdi? La massa muscolare è indice di buona nutrizione.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 2:02 pm

Non è che quelli non muscolosi muoiono nel tragitto, filipeto?

Non sono bestie queste persone, hanno bisogno di comunicare tra loro, di vivere nel mondo e i 100 euro per un cellulare non li porterebbero avanti più di tanto se destinati a nutrirsi. Un mese in più? due mesi in più? E nemmeno i 10 euro mensili di ricarica se risparmiati garantirebbero loro condizioni di vita accettabili tanto da indurli a non intraprendere il viaggio.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6205
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 2:11 pm

Durante le guerre in ex Jugoslavia i cellulari nemmeno esistevano, o se esistevano erano un lusso per pochissimi.

I profughi curdi li ho visti appena un mese fa, in un paese ATTUALE della ex-jugoslavia, ammassati a campeggiare nei giardini pubblici dopo essersi fatti mezzi Balcani a piedi, e in attesa di muoversi di nuovo per riuscire a entrare in Ungheria, e poi in Austria o in Germania.

Erano tutti cittadini siriani, quasi tutti della città di Aleppo, e per la maggior parte erano di aspetto assolutamente "borghese", con cui si poteva chiacchierare abbastanza agevolmente perché parlavano due o tre lingue, gente che al proprio paese aveva studiato, aveva avuto da mangiare, aveva fatto lavori da società moderna e aveva abitato in case normalissime come le nostre. Molti di loro si erano portati dietro borse da viaggio come le nostre (magari non tanta roba, ma ben organizzata) ed erano partiti portandosi dietro tutti i risparmi che avevano. Ovviamente usavano il telefonino, che è l'unico mezzo che hanno per mantenersi in contatto con i loro parenti che stanno già in Germania o in altri paesi del nord Europa da anni, e che li hanno aiutati a organizzare la fuga.

Vuol dire che anche quelli che scappano adesso dalla Siria "non sono profughi", solo perché non dimostrano di essere abbastanza straccioni, zozzi e sfiniti dalla fame?

L.


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Lun Set 07, 2015 2:25 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucylucy



Messaggi : 980
Data d'iscrizione : 10.02.14

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 2:15 pm

E se fuggissero mentre hanno ancora la forza, per evitare di diventare come i profughi crudi? Ragionamento troppo complesso per gente geneticamente incapace di pilotare un aereo!
PS E io che a ogni decollo sudo freddo, che geni avrò mai? Forse pigmei...
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 2:30 pm

Confondi la paura di volare con la capacità di apprendere un attività estremamente complessa come pilotarli.io sono ingegnere aeronautico ma in decollo non sono mai tranquillo..vedo che non ci capiamo..quindi siccome solo i più forti arrivano in Italia,mentre i più deboli muoiono per strada,ben venga accogliere questi in hotel e degli altri chi se ne frega..consultate una cartina attendibile sulle x
Zone dell Africa ATTUALMENTE IN CONFLITTO e VI accorgerete che molti di questi omoni NON arrivano da zone di guerra...cmq io chiudo i miei interventi in questi post..io mi aspetto chi controbatte punto per pubto non chi mette nel pentolone i geni dei pigmei,i testi di filosofi, le infantile e inflazionare parole razzista ecc e chi più ne ha più ne metta.un saluto.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 3:12 pm

..
Citazione :
.mto basso, come è basso il numero di centometristi bianchi alle olimpiadi
Non ho capito il fatto dei piloti.

Sarebbe che le scimmie sono tanto stupide da non poter raggiungere un tal livello di addestramento e competenza?

(so che ho capito male - devo per forza aver capito male)

Non ho capito nemmeno il fatto dei pochi centrometristi bianchi.

Mah!
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 4:19 pm

Sarebbe NULLA..questo è un dato. I motivi non li so.punto..opinioni non ne esprimo non sono in grado. Sul fatto che i centometristi bianchi perdano sempr alle olimpiadi è perché i bianchi hanno meno muscolatura di potenza rispetto ai neri
Tornare in alto Andare in basso
lucylucy



Messaggi : 980
Data d'iscrizione : 10.02.14

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 4:35 pm

Felipeto, non vorrei dire...ma scherzavo! Anche se immagino che a uno che ha una fifa blu a ogni decollo non venga in mente di testare le proprie potenzialità nella guida di un aereo. Per soprammercato anche con l'auto non sono un asso...che si vuol fare? Geni aborigeni o è solo il cromosoma X?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5373
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 4:49 pm

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Possibile che in tante pagine non si sia trovato un collega di storia o filosofia che sollevasse la questione che questa roba della superiorità della cultura illuministica (addirittura su quella medievale!!!!!!) è una stronzata pazzesca da chi non ha mai fatto i compiti!
Potrei per favore capire quali sarebbero esattamente testi, persone e idee che avallerebbero tale boiata? Quali aspetti della cultura illuminista ci renderebbero faro dell'umanità e quali di quella "medievale" (576-1492!!!!) sarebbe andata a detrimento del genio italico? Immagino che chi si vanti di appartenere a una cultura "superiore" ne sappia dottamente tracciare le generalità
Scusa non ho capito, vuoi che ti risponda un collega di storia e filosofia o vuoi che lo faccia io ?

"addirittura su quella medievale!!!!!!" cosa significa ? Che il medioevo è stato la culla della civiltà secondo te ?

Se lo pensi davvero allora hai fatto i compiti ...... copiandoli dal compagno di banco e non capendo quello che scrivevi.



non mi pare questo il momento di farti una lezione di storia, ma mi pare evidente che ne avresti bisogno, altrimenti sapresti cosa mi suscita sconcerto. Devi aver fatto una pessima seconda media. Sai o no essere più circostanziato sull'Illuminismo?
Sai vero chi ha coniato i termini "Illuminismo" e "Medioevo", a cosa corrispondano le due categorie, quale sia, in termini generalissimi, il dibattito storiografico in merito?    
Mi fa poi ridere che chi tuona contro l'Europa e inneggia allo stato nazionale si vanti alla bisogna di essere erede di Diderot e Montesquieu (da come parli mi pare non ti sia sfuggita la lettura delle Lettere persiane)... o ti senti più rousseauiano?
Non capirò mai cosa spinga chi sa poco (o nulla) di un argomento ad arrogarsene addirittura il vanto!

Mi scuso del refuso: ovviamente 476


Ultima modifica di lucetta10 il Lun Set 07, 2015 4:57 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Online
lucetta10



Messaggi : 5373
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 4:51 pm

Ire ha scritto:
..
Citazione :
.mto basso, come è basso il numero di centometristi bianchi alle olimpiadi
Non ho capito il fatto dei piloti.

Sarebbe che le scimmie sono tanto stupide da non poter raggiungere un tal livello di addestramento e competenza?

(so che ho capito male - devo per forza aver capito male)

Non ho capito nemmeno il fatto dei pochi centrometristi bianchi.

Mah!



io ho capito che per le donne varrebbero gli stessi argomenti: ci hai fatto caso? Se sostituisci "africani" con "femmine" il discorso fila lo stesso!
Comunque stiamo liete mia cara: quando la nostra piramide d'età si capovolgerà definitivamente e arriveranno queste civiltà giovani e emergenti, piene di ambizioni, finalmente potremo dire addio al genietto italico che rivendica ancora vanti per culture europee di 300 anni fa mentre si svacca nell'ignoranza più nera!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 5:06 pm

Citazione :
Confondi la paura di volare con la capacità di apprendere un attività estremamente complessa come pilotarli.io sono ingegnere aeronautico ma in decollo non sono mai tranquillo


Ah, quindi tu sei africano?

Se non lo sei, dove sta la differenza tra il tuo non essere tranquillo in decollo e il non essere tranquillo in decollo di un africano o afroamericano o ..?

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 5:11 pm

Citazione :
Comunque stiamo liete mia cara: quando la nostra piramide d'età si capovolgerà definitivamente e arriveranno queste civiltà giovani e emergenti, piene di ambizioni, finalmente potremo dire addio al genietto italico che rivendica ancora vanti per culture europee di 300 anni fa mentre si svacca nell'ignoranza più nera!

di questo sono certa
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15867
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 5:31 pm

Felipeto ha scritto:
Confondi la paura di volare con la capacità di apprendere un attività estremamente complessa come pilotarli.io sono ingegnere aeronautico ma in decollo non sono mai tranquillo..vedo che non ci capiamo..quindi siccome solo i più forti arrivano in Italia,mentre i più deboli muoiono per strada,ben venga accogliere questi in hotel e degli altri chi se ne frega..consultate una cartina attendibile sulle x
Zone dell Africa ATTUALMENTE IN CONFLITTO e VI accorgerete che molti di questi omoni NON arrivano da zone di guerra...cmq io chiudo i miei interventi in questi post..io mi aspetto chi controbatte punto per pubto non chi mette nel pentolone i geni dei pigmei,i testi di filosofi, le infantile e inflazionare parole razzista ecc e chi più ne ha più ne metta.un saluto.
Felipeto finiscila. I neri possono pilotare anche il Millenium Falcon se glielo insegni.

In Italia per diventare piloti bisogna avere soldi a strafottere, generalmente i neri non li hanno.

In America i piloti militari saranno sicuramente ultraselezionati quindi devono avere cultura elevata(leggi soldi a strafottere) e fedina penale immacolata, che se nasci ad Harlem difficilmente avrai.

Non è questione di intelligenza diversa.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15867
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 5:35 pm

Ire ha scritto:
..
Citazione :
.mto basso, come è basso il numero di centometristi bianchi alle olimpiadi
Non ho capito il fatto dei piloti.

Sarebbe che le scimmie sono tanto stupide da non poter raggiungere un tal livello di addestramento e competenza?

(so che ho capito male - devo per forza aver capito male)

Non ho capito nemmeno il fatto dei pochi centrometristi bianchi.

Mah!
Questo ha senso, alcune etnie nere sono davvero favorite nel fisico; il maratoneta etiope è un classico.

Per gli anelli un europeo più compatto credo sia più indicato.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8349
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 5:53 pm

Citazione :
Questo ha senso, alcune etnie nere sono davvero favorite nel fisico; il maratoneta etiope è un classico.

Per gli anelli un europeo più compatto credo sia più indicato
.

un po' è vero la natura ha selezionato per quelle terre fisici in grado di sopportare o muoversi bene in quelle particolari condizioni ambientali,così come ha fatto sì che gli eschimesi siano piccini e con una circolazione adatta a vivere in climi glaciali così come chi vive all'equatore ha la pelle più scura per proteggerla dai raggi più dannosi.

Un po' è che la corsa è uno sport meno costoso di altri e forse più alla portata di chi non ha tante risorse.

Mi sta bene il discorso che particolari conformazioni fisiche siano più o meno adatte a certe prestazioni, quello che non capisco è cosa c'entri.

Che importanza ha?

Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 6:01 pm

Io non ho parlato di intelligenza, non ho tirato conclusioni, ho trascritto due dati,non opinioni:le infrastrutture realizzate dagli europei durante il periodo coloniale sono stare in prevalenza abbandonate dopo la fine del colonialismo e..due,ho esposto la differenza numerica tra piloti e atleti,comparando uomini di colore e bianchi.non so perché nessun ghanese non pilota un a380 ,se lo sapessi lo direi..d altro canto molti neri sono medici... Punto
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 6:09 pm

Avido in Italia i piloti non sono tutti miliardari che di sono pagati i corsi da soli.
Un conoscente,figlio di contadini,quelli di una volta non gli allevatori milionari di oggi, è diventato pilota di una nota compagnia vincendo il concorso in accademia e successivamente convertendo il brevetto a pilota di linea...tutta intelligenza, nessuna costosissima scuola di volo
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15867
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 6:24 pm

lucetta10 ha scritto:
Possibile che in tante pagine non si sia trovato un collega di storia o filosofia che sollevasse la questione che questa roba della superiorità della cultura illuministica (addirittura su quella medievale!!!!!!) è una stronzata pazzesca da chi non ha mai fatto i compiti!


lucetta10 ha scritto:

non mi pare questo il momento di farti una lezione di storia, ma mi pare evidente che ne avresti bisogno, altrimenti sapresti cosa mi suscita sconcerto. Devi aver fatto una pessima seconda media. Sai o no essere più circostanziato sull'Illuminismo?
Sai vero chi ha coniato i termini "Illuminismo" e "Medioevo", a cosa corrispondano le due categorie, quale sia, in termini generalissimi, il dibattito storiografico in merito?    
Mi fa poi ridere che chi tuona contro l'Europa e inneggia allo stato nazionale si vanti alla bisogna di essere erede di Diderot e Montesquieu (da come parli mi pare non ti sia sfuggita la lettura delle Lettere persiane)... o ti senti più rousseauiano?
Non capirò mai cosa spinga chi sa poco (o nulla) di un argomento ad arrogarsene addirittura il vanto!

Mi scuso del refuso: ovviamente 476
Dunque siamo passati dal "storici e filosofi diteglielo voi ....." a "non vale la pena che ti dica ...."

Francamente non so se io abbia fatto una buona seconda media, forse l'ho fatta persin prima che ci fosse l'illuminismo, chi se lo ricorda più; però so cos'è il medioevo e cosa l'illuminismo.

Il medioevo è quel periodo storico che va dalla caduta dell'impero romano alla scoperta dell'America in cui le persone più colte erano degli stupidissimi frati, capaci di fare le fotocopie senza la fotocopiatrice (Emanuensi).
A quel tempo non riuscivano a fare di meglio che leggere un libro, e credere a tutte le cazzate che c'erano scritte sopra, un po' il tuo approccio

lucetta10 ha scritto:
Potrei per favore capire quali sarebbero esattamente testi ...

L'illuminismo è nato nel 700 ....... e secondo me non è ancora morto.
E' caratterizzato dall'interrogarsi sul perchè delle cose, mette in dubbio la verità rivelata quando collide con le osservazioni, getta alle ortiche la superiorità del diritto di nascita in favore della superiorità dell'intelletto curioso ed operoso.

Se vogliamo individuare un preilluminista che illuminista non è stato per ragioni anagrafiche, possiamo indicare Newton, che in gioventù fu docente a Cambridge dove si insegnava cultura aristotelica ma lui con Aristotele ci si pulì giustamente il culo, tipico atteggiamento illuminista.

Chi ha coniato i termini medioevo ed illuminismo ? Ma cosa vuoi che me ne freghi ! Tu non sai chi ha coniato il termine sedia, ma non mi stai leggendo da in piedi vero ?

Poche balle, lo sviluppo scientifico che ci dà da mangiare fino all'obesità, lo sviluppo tecnologico che ci fornisce i mezzi per recuperare gli immigrati in mare, la democrazia che ci fa discutere se dobbiamo accoglierli o no, sono tutte conseguenze del cambio di rotta che l'Europa ha avuto a seguire del rinascimento.

Non che la sterzata sia stata immediata, il colonialismo è precedente, contemporaneo ed anche successivo all'illuminismo, ma ogni pianta ha i suoi tempi per crescere no ? L'illuminismo è stato il seme, la terra promessa europea (vista con gli occhi di migrante) è stato il frutto.
Basterebbe che piantassero lì il seme e non avrebbero bisogno di migrare (fra 100 anni).

Verrà il giorno in cui la piramide d'età si ribalterà; sarà un bel giorno ? Considerando che ignoranti e poveri fanno un sacco di figli secondo me no; quel giorno potrebbero infibulare tua nipote anche se non ne ha voglia; in alcune parti dell'Africa pur non essendo inferiori culturalmente lo fanno.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?   Lun Set 07, 2015 6:56 pm

Aggiungo che negli ultimi 30_40anni da parte dell Italia occidente l Africa ha ricevuto MILIARDI DI DOLLARI di aiuti, tutti infertili dati che non hanno modificato granché lo stato economico e industriale dell Africa..tutti finiti in mani sbagliate a finanziare guerre tribali e dittatori senza scrupoli..infine,nel medioevo sicuramente la popolazione arretrata era l Europa dati che già all iniziò del secondo millennio gli arabi scrivevano trattati di ottica.di geometria mentre noi eravamo ancora in mano a flagellanti, fra Dolcino,e ci curavano con i salassi e la cacca di mucca...
Tornare in alto Andare in basso
 
Immigrazione, accoglienza, respingimenti. Come ti approcci a queste problematiche ? Come ne parleresti in classe ?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 12Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3 ... 5, 6, 7 ... 10, 11, 12  Seguente
 Argomenti simili
-
» Heinrich Himmler
» Accoglienza
» Educazione e cortesia queste sconosciute
» avete mai usato queste cartine?
» Quelle carte malefiche di Yu-Gi-Oh - Cigognini

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: