Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
AutoreMessaggio
Isadora



Messaggi : 140
Data d'iscrizione : 13.10.09

MessaggioOggetto: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Gio Set 10, 2015 3:01 pm

Promemoria primo messaggio :

Ciao. Ieri durante una riunione a scuola é intervenuto un docente (RSU) che ci ha fortemente raccomandato senza ulteriori spiegazioni di non votare per l'elezione del comitato valutazione docenti al prossimo collegio, in modo da destinare quei soldi a progetti utili per la scuola. Tutti hanno annuito. Non ho detto niente, come ogni anno sono l'ultima arrivata. Mi chiedevo: visto che la riforma é legge, può il collegio deliberare di non accettarne un aspetto? In base a che cosa in una scuola ci sarebbe il comitato e in un'altra no?!
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Gio Set 10, 2015 10:30 pm

Lenar ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:


Forse bisognava pensarci un anno fa, invece di stappare le bottiglie di spumante ai primi annunci di riformiamo la scuola eliminando la supplentite.

Perdonami Giancarlo ma non penso che il mondo della scuola si sia svegliato solo ora o, addirittura, abbia stappato lo spumante per via della riforma. A Maggio c'è stato uno sciopero partecipatissimo... il primo da decenni a dire il vero. Il mondo della scuola si è fatto sentire a mio avviso.

Però la riforma è passata comunque. E, purtroppo, a mio avviso, è passata anche perché agli italiani non interessa granché della scuola ed interessa ancor meno dei docenti. Anzi, i docenti, nell'immaginario collettivo, vengono presentati come ignoranti, sfaticati, "comunisti", raccomandati, privilegiati etc etc... Fare una riforma "contro" i docenti, in questo paese, paga. Se domani si svegliasse un politico e chiedesse la fustigazione pubblica dei professori, ci sarebbe una discreta parte dell'elettorato che sarebbe d'accordo...

Perdonato. È difficile obiettare alle considerazioni che hai fatto. Del resto il mio era un rilievo sul piano del principio.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Gio Set 10, 2015 10:32 pm

Isadora ha scritto:
Mi sto convincendo che sarà fondamentale durante il collegio far emergere le conseguenze di un rifiuto da parte dei docenti ad eleggere il comitato. Ho l'impressione che a scuola ci sia stata troppa leggerezza nel pensare di poter dire no e basta. Indipendentemente da chi è stato favorevole o sfavorevole a questa riforma, ormai è legge e secondo me sarebbe il caso di mettersi giù a cercare di individuare dei criteri oggettivi e validi di valutazione o pensare se per es. si può premiare una squadra (il consiglio di classe?) invece che i singoli docenti.

Secondo me, bisogna mettere nero su bianco che non è possibile valutare la didattica di un docente, nè tanto meno "premiarla", se non si entra in classe a osservare il suo lavoro. Il resto, e lo ripeto fino alla nausea, sono cose che già si pagavano, solo che sono state retrocesse da diritto a merito. Andiamo al sodo: paghiamo con il "merito" chi si accolla lavoro extra per le "manutenzioni" ordinarie.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15773
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Ven Set 11, 2015 1:33 am

enricat ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Perchè invece di boicottare la premialità non ci si sforza di realizzarla in maniera corretta ?

perchè è la stessa idea di premialità a essere sbagliata
Opinione rispettabile, ma pur sempre opinione.

Te lo dice uno che pur impegnandosi a fare il proprio dovere, sa che c'è chi va oltre e che quindi è insegnante migliore ....... e meriterebbe più del sottoscritto.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Isadora



Messaggi : 140
Data d'iscrizione : 13.10.09

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Ven Set 11, 2015 5:14 pm

Al collegio i docenti di ruolo sono tutti caduti dalle nuvole, terrorizzati. Risultato: hanno deciso di rimandare l'elezione del comitato di valutazione al prossimo collegio per dare tempo a tutti di informarsi. Non credevo possibile che non fossero al corrente dei cambiamenti in atto, anzi già legge.
L'unica cosa che ha tranquillizzato gli animi dopo una rapida occhiata al testo, è che è stato rilevato che bisogna fare domanda per essere sottoposti a valutazione, quindi non è obbligatorio. Ronf.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Ven Set 11, 2015 5:55 pm

Isadora ha scritto:
Al collegio i docenti di ruolo sono tutti caduti dalle nuvole, terrorizzati. Risultato: hanno deciso di rimandare l'elezione del comitato di valutazione al prossimo collegio per dare tempo a tutti di informarsi. Non credevo possibile che non fossero al corrente dei cambiamenti in atto, anzi già legge.
L'unica cosa che ha tranquillizzato gli animi dopo una rapida occhiata al testo, è che è stato rilevato che bisogna fare domanda per essere sottoposti a valutazione, quindi non è obbligatorio. Ronf.

Svegli i tuoi colleghi, non c'è che dire. Dove hanno svernato l'anno scorso?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15773
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Ven Set 11, 2015 9:54 pm

mac67 ha scritto:
Isadora ha scritto:
Al collegio i docenti di ruolo sono tutti caduti dalle nuvole, terrorizzati. Risultato: hanno deciso di rimandare l'elezione del comitato di valutazione al prossimo collegio per dare tempo a tutti di informarsi. Non credevo possibile che non fossero al corrente dei cambiamenti in atto, anzi già legge.
L'unica cosa che ha tranquillizzato gli animi dopo una rapida occhiata al testo, è che è stato rilevato che bisogna fare domanda per essere sottoposti a valutazione, quindi non è obbligatorio. Ronf.

Svegli i tuoi colleghi, non c'è che dire. Dove hanno svernato l'anno scorso?
Bastard mode on

Erano impegnatissimi nella didattica; non per niente i nostri ragazzi brillano nelle classifiche internazionali.

Bastard mode off

Tornare in alto Andare in basso
Online
enricat



Messaggi : 1753
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Ven Set 11, 2015 10:41 pm

avidodinformazioni ha scritto:
enricat ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Perchè invece di boicottare la premialità non ci si sforza di realizzarla in maniera corretta ?

perchè è la stessa idea di premialità a essere sbagliata
Opinione rispettabile, ma pur sempre opinione.

Te lo dice uno che pur impegnandosi a fare il proprio dovere, sa che c'è chi va oltre e che quindi è insegnante migliore ....... e meriterebbe più del sottoscritto.
Quindi si istituisce un comitato in cui colleghi giudicano colleghi, non si sa sulla base di cosa, e da quel giudizio facciamo pure dipendere il reddito di tali colleghi. A me sembra un abominio ( per la cronaca, questa legge mi ha fatto schifo dalla sua prima formulazione, anche se mi avessero dato il ruolo sotto casa mi avrebbe fatto schifo e l'avrei combattuta ugualmente)
Tornare in alto Andare in basso
enricat



Messaggi : 1753
Data d'iscrizione : 27.11.10

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Ven Set 11, 2015 10:43 pm

l'ho già detto ma lo ripeto, è il concetto di meritocrazia a essere marcio, non a caso è nato con una accezione negativa, ma adesso tutti invocano il merito! La meritocrazia è competizione e diseguaglianza.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15773
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Ven Set 11, 2015 11:57 pm

enricat ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
enricat ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Perchè invece di boicottare la premialità non ci si sforza di realizzarla in maniera corretta ?

perchè è la stessa idea di premialità a essere sbagliata
Opinione rispettabile, ma pur sempre opinione.

Te lo dice uno che pur impegnandosi a fare il proprio dovere, sa che c'è chi va oltre e che quindi è insegnante migliore ....... e meriterebbe più del sottoscritto.
Quindi si istituisce un comitato in cui colleghi giudicano colleghi, non si sa sulla base di cosa, e da quel giudizio facciamo pure dipendere il reddito di tali colleghi. A me sembra un abominio ( per la cronaca, questa legge mi ha fatto schifo dalla sua prima formulazione, anche se mi avessero dato il ruolo sotto casa mi avrebbe fatto schifo e l'avrei combattuta ugualmente)
Fino ad ieri non c'erano aumenti per nessuno.
Oggi ci sono aumenti per qualcuno.

Anche se si dessero gli aumenti ai più stronzi di tutti i docenti, comunque sarebbe meglio oggi che ieri.

Se poi si riuscisse a non darli ai più stronzi ma ai migliori, qualunque cosa questo voglia dire, sarebbe ancora meglio.

Ecco perchè dovremmo impegnarci a distribuire i soldi bene (non necessariamente in maniera perfetta) piuttosto che a rifiutarci di distribuirli.

Si chiama "pragmatismo".
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15773
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 12:02 am

enricat ha scritto:
l'ho già detto ma lo ripeto, è il concetto di meritocrazia a essere marcio, non a caso è nato con una accezione negativa, ma adesso tutti invocano il merito! La meritocrazia è competizione e diseguaglianza.
Gli uomini sono diversi, la meritocrazia ne tiene conto.

La competizione stimola a dare il meglio di se stessi.

Mi incuriosisce quello che hai scritto sulle origini della parola "meritocrazia"; veramente il significato originale indicava qualcosa di sbagliato ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15773
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 12:05 am

Si, hai ragione

https://it.wikipedia.org/wiki/Meritocrazia
Tornare in alto Andare in basso
Online
chicca70



Messaggi : 1602
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 9:59 am

avidodinformazioni ha scritto:
enricat ha scritto:
l'ho già detto ma lo ripeto, è il concetto di meritocrazia a essere marcio, non a caso è nato con una accezione negativa, ma adesso tutti invocano il merito! La meritocrazia è competizione e diseguaglianza.
Gli uomini sono diversi, la meritocrazia ne tiene conto.

La competizione stimola a dare il meglio di se stessi.

Mi incuriosisce quello che hai scritto sulle origini della parola "meritocrazia"; veramente il significato originale indicava qualcosa di sbagliato ?
È vero,  la competizione spinge a dare il meglio di sé. Per valutare il merito,  però,  occorre che il punto di partenza sia pari e non lo è. Ci sono alcune discipline nelle quali è più facile apparire meritevoli ed altre in cui è più difficile. Anche all'interno dello stesso dipartimento disciplinare c'è chi ha una cattedra che richiede meno lavoro ed una cattedra che ne richiede di più. A me quest'anno è stata assegnata una cattedra da 12 ore che non richiede praticamente nessun lavoro di preparazione delle lezioni e ciò mi lascerà più spazio per svolgere meglio il coordinamento,  per partecipare ad un paio di commissioni etc. Se quelle 12 ore fossero state costituite da italiano in 3 classi del triennio, l'impegno di preparare bene le lezioni non avrebbe lasciato spazio per altro. Sarei stata meno meritevole?
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 10:26 am

avidodinformazioni ha scritto:

Fino ad ieri non c'erano aumenti per nessuno.
Oggi ci sono aumenti per qualcuno.

Anche se si dessero gli aumenti ai più stronzi di tutti i docenti, comunque sarebbe meglio oggi che ieri.


Io su questo me la sentirei di dissentire: se dai più soldi ad uno stronzo fai passare l'idea che essere stronzi sia bene.

Quanto al discorso meritocrazia nella scuola il problema, IMHO, nasce dal fatto che non si sa come misurarla.
In mancanza di criteri e procedure oggettive ogni valutazione finisce con l'essere pesantemente soggettiva.

Ad esempio se fossi tu a dover misurare il merito immagino che nessun docente dell'area pedagogica/artistica/letteraria spunterebbe la sufficienza :))
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15773
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 11:17 am

chicca70 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
enricat ha scritto:
l'ho già detto ma lo ripeto, è il concetto di meritocrazia a essere marcio, non a caso è nato con una accezione negativa, ma adesso tutti invocano il merito! La meritocrazia è competizione e diseguaglianza.
Gli uomini sono diversi, la meritocrazia ne tiene conto.

La competizione stimola a dare il meglio di se stessi.

Mi incuriosisce quello che hai scritto sulle origini della parola "meritocrazia"; veramente il significato originale indicava qualcosa di sbagliato ?
È vero,  la competizione spinge a dare il meglio di sé. Per valutare il merito,  però,  occorre che il punto di partenza sia pari e non lo è. Ci sono alcune discipline nelle quali è più facile apparire meritevoli ed altre in cui è più difficile. Anche all'interno dello stesso dipartimento disciplinare c'è chi ha una cattedra che richiede meno lavoro ed una cattedra che ne richiede di più. A me quest'anno è stata assegnata una cattedra da 12 ore che non richiede praticamente nessun lavoro di preparazione delle lezioni e ciò mi lascerà più spazio per svolgere meglio il coordinamento,  per partecipare ad un paio di commissioni etc. Se quelle 12 ore fossero state costituite da italiano in 3 classi del triennio, l'impegno di preparare bene le lezioni non avrebbe lasciato spazio per altro. Sarei stata meno meritevole?
Questo significa che individuare buoni criteri per individuare il merito è molto complesso, non che il merito non esista.

La nuova legge

1) riconosce che il merito esite
2) riconosce che va premiato
3) stanzia i finanziamenti per premiarlo
4) assegna ai docenti (ed al DS) il compito di farlo nel modo che ritengono il migliore.

Io penso che in questo sia una buona legge; penso che rispondere "tieniti i tuoi soldi, non sappiamo cosa farcene" non sia la cosa migliore da fare.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15773
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 11:26 am

Lenar ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:

Fino ad ieri non c'erano aumenti per nessuno.
Oggi ci sono aumenti per qualcuno.

Anche se si dessero gli aumenti ai più stronzi di tutti i docenti, comunque sarebbe meglio oggi che ieri.


Io su questo me la sentirei di dissentire: se dai più soldi ad uno stronzo fai passare l'idea che essere stronzi sia bene.

Quanto al discorso meritocrazia nella scuola il problema, IMHO, nasce dal fatto che non si sa come misurarla.
In mancanza di criteri e procedure oggettive ogni valutazione finisce con l'essere pesantemente soggettiva.

Ad esempio se fossi tu a dover misurare il merito immagino che nessun docente dell'area pedagogica/artistica/letteraria spunterebbe la sufficienza :))
sul "pedagogica" ci hai azzeccato, sulle altre no.

Quanto alla parte in grassetto: OK, impegnamoci a non darlo ai più stronzi.

Il meglio è nemico del bene.

Pretendere di fare le cose perfettamente o rinunciare a farle non è la strategia migliore.

Se i soldi li assegno al numero 2 od al numero 3 anzichè al numero 1 pazienza, meglio che non assegnarli a nessuno.

Noi assegniamo voti tutti i giorni ai nostri alunni ma non siamo mai sicuri di averlo fatto in maniera perfetta, potremmo aver fatto le uniche domande a cui sapevano rispondere ed hanno risposto o potremmo aver fatto le uniche a cui non sapevano rispondere e non hanno risposto.

Quindi non mettiamo più voti ?
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 12:04 pm

avidodinformazioni ha scritto:

La nuova legge

1) riconosce che il merito esite
2) riconosce che va premiato
3) stanzia i finanziamenti per premiarlo
4) assegna ai docenti (ed al DS) il compito di farlo nel modo che ritengono il migliore.

Io penso che in questo sia una buona legge; penso che rispondere "tieniti i tuoi soldi, non sappiamo cosa farcene" non sia la cosa migliore da fare.

Dissento.

Sotto la voce "merito" oggi vanno i seguenti compiti: responsabile di plesso, funzioni strumentali, coordinatori, responsabili di laboratorio, segretari, componenti di commissioni varie (se ne dimentico qualcuno, aggiungete pure).

La legge chiama "merito" molto di ciò che fino a ieri era "diritto": il diritto di venire ricompensato per un lavoro straordinario svolto. Mi pare un sostanziale passo indietro. Vedrai che fra 5 anni i fondi del merito spariranno per effetto dell'ennesima crisi del turbo-capitalismo finanziario.

Valutare il merito didattico (Tizio è più bravo di Caio) è difficile; per chi, come i componenti del comitato e il dirigente, non va in aula a osservare i docenti, impossibile.
Tornare in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 12:50 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:

La nuova legge

1) riconosce che il merito esite
2) riconosce che va premiato
3) stanzia i finanziamenti per premiarlo
4) assegna ai docenti (ed al DS) il compito di farlo nel modo che ritengono il migliore.

Io penso che in questo sia una buona legge; penso che rispondere "tieniti i tuoi soldi, non sappiamo cosa farcene" non sia la cosa migliore da fare.

Dissento.

Sotto la voce "merito" oggi vanno i seguenti compiti: responsabile di plesso, funzioni strumentali, coordinatori, responsabili di laboratorio, segretari, componenti di commissioni varie (se ne dimentico qualcuno, aggiungete pure).

La legge chiama "merito" molto di ciò che fino a ieri era "diritto": il diritto di venire ricompensato per un lavoro straordinario svolto. Mi pare un sostanziale passo indietro. Vedrai che fra 5 anni i fondi del merito spariranno per effetto dell'ennesima crisi del turbo-capitalismo finanziario.

Valutare il merito didattico (Tizio è più bravo di Caio) è difficile; per chi, come i componenti del comitato e il dirigente, non va in aula a osservare i docenti, impossibile.


Non è affatto vero che non si può valutare la didattica.
Esistono valutazioni degli alunni\classi in entrata e valutazioni degli alunni\classi in uscita, è quindi possibilissimo capire dove ci sono stati o meno progressi, raggiungimento o anche superamento degli obiettivi minimi, ecc.
L’importante è misurare il delta, non i valori assoluti che dipendono, ovviamente, dai punti di partenza che sappiamo diversissimi.
Questa è la valutazione che si può e si deve fare.
Se i ragazzi arrivano all’università e non sanno scrivere in italiano e non azzeccano un congiuntivo, non sanno la matematica di base e, soprattutto, non sanno rispondere a due domandine di logica o di comprensione verbale, non arrivano al livello A2 di lingua inglese mi spiace, ma i loro docenti non possono essere valutati positivamente, il contrario se diplomano gente ALMENO sufficiente.
In quest’ultimo caso il merito gli va riconosciuto, in particolare a coloro che partivano da classi particolarmente carenti o problematiche.
Tornare in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 12:51 pm

scusate il grassetto, non era intenzionale
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 12:54 pm

avidodinformazioni ha scritto:
enricat ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
enricat ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Perchè invece di boicottare la premialità non ci si sforza di realizzarla in maniera corretta ?

perchè è la stessa idea di premialità a essere sbagliata
Opinione rispettabile, ma pur sempre opinione.

Te lo dice uno che pur impegnandosi a fare il proprio dovere, sa che c'è chi va oltre e che quindi è insegnante migliore ....... e meriterebbe più del sottoscritto.
Quindi si istituisce un comitato in cui colleghi giudicano colleghi, non si sa sulla base di cosa, e da quel giudizio facciamo pure dipendere il reddito di tali colleghi. A me sembra un abominio ( per la cronaca, questa legge mi ha fatto schifo dalla sua prima formulazione, anche se mi avessero dato il ruolo sotto casa mi avrebbe fatto schifo e l'avrei combattuta ugualmente)
Fino ad ieri non c'erano aumenti per nessuno.
Oggi ci sono aumenti per qualcuno.

Anche se si dessero gli aumenti ai più stronzi di tutti i docenti, comunque sarebbe meglio oggi che ieri.

Se poi si riuscisse a non darli ai più stronzi ma ai migliori, qualunque cosa questo voglia dire, sarebbe ancora meglio.

Ecco perchè dovremmo impegnarci a distribuire i soldi bene (non necessariamente in maniera perfetta) piuttosto che a rifiutarci di distribuirli.

Si chiama "pragmatismo".

E' vero.
Sinceramente però questo è l'unico aspetto di una legge che a me sembra una buona legge (in ogni caso una legge che investe sulla scuola e sugli insegnanti, dopo almeno 15 anni di tagli), che invece mi lascia perplessa.
Un po' forse perché vengo da un tempo in cui "meritocrazia" era una brutta parola, ma questo è un mio limite che cerco di superare, perché premiare il merito non può essere in sé sbagliato. Soprattutto però perché mi sembra che creare un gruppo di super insegnanti, pagati un po' di più degli altri, potrebbe avere un effetto negativo in un ambiente in cui la competizione serve poco e la collaborazione invece serve molto. Potrebbe essere un elemento che disincentiva, invece che incentivare l'impegno.
Bisogna quindi trovare un modo molto efficace e convincente per distribuire "bene" questi soldi.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 1:00 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:

La nuova legge

1) riconosce che il merito esite
2) riconosce che va premiato
3) stanzia i finanziamenti per premiarlo
4) assegna ai docenti (ed al DS) il compito di farlo nel modo che ritengono il migliore.

Io penso che in questo sia una buona legge; penso che rispondere "tieniti i tuoi soldi, non sappiamo cosa farcene" non sia la cosa migliore da fare.

Dissento.

Sotto la voce "merito" oggi vanno i seguenti compiti: responsabile di plesso, funzioni strumentali, coordinatori, responsabili di laboratorio, segretari, componenti di commissioni varie (se ne dimentico qualcuno, aggiungete pure).

La legge chiama "merito" molto di ciò che fino a ieri era "diritto": il diritto di venire ricompensato per un lavoro straordinario svolto.

Be', non è così. I criteri per individuare il merito li deve stabilire il comitato di valutazione.
Se anche i comitato di valutazione stabilisse di premiare la disponibilità a svolgere i compiti che hai elencato sopra (ma è solo un'ipotesi), questo libererebbe risorse del fondo di istituto, che è stato fra l'altro potenziato. Che ci siano più soldi mi pare un dato di fatto.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 1:01 pm

Annaangelaelvira ha scritto:

Non è affatto vero che non si può valutare la didattica.

Non ho scritto che non si può: è difficile, e il comitato di valutazione e il DS non hanno gli strumenti per farlo.

Annaangelaelvira ha scritto:

Non è affatto vero che non si può valutare la didattica.
Esistono valutazioni degli alunni\classi in entrata e valutazioni degli alunni\classi in uscita, è quindi possibilissimo capire dove ci sono stati o meno progressi, raggiungimento o anche superamento degli obiettivi minimi, ecc.
L’importante è misurare il delta, non i valori assoluti che dipendono, ovviamente, dai punti di partenza che sappiamo diversissimi.
Questa è la valutazione che si può e si deve fare.
Se i ragazzi arrivano all’università e non sanno scrivere in italiano e non azzeccano un congiuntivo, non sanno la matematica di base e, soprattutto, non sanno rispondere a due domandine di logica o di comprensione verbale, non arrivano al livello A2 di lingua inglese mi spiace, ma i loro docenti non possono essere valutati positivamente, il contrario se diplomano gente ALMENO sufficiente.
In quest’ultimo caso il merito gli va riconosciuto, in particolare a coloro che partivano da classi particolarmente carenti o problematiche.

Mi chiedo se tu insegni e dove, perché descrivi cose che sarebbero sensate in un mondo ideale, che però non corrisponde a quello in cui lavoro io (e molti altri colleghi, a quel che leggo).

In primo luogo, respingo nettamente che l'apprendimento dei miei studenti è il metro della mia bravura come docente. Lo dico con cognizione di causa: nel corso degli anni sono cambiati molti docenti della mia sezione, e in meglio, e gli effetti si ripercuotono anche sui risultati che gli alunni hanno nelle mie materie. Eppure sono sempre io.

Anni fa guardavo i tabelloni di giugno di una classe mia e quella pari grado di una mia collega, per la quale ogni anno ci sono lamentele di massa da parte dei genitori (consigli straordinari, richieste di cambiamenti di classe, interventi di potenziamento affidati ad altri docenti): a giudicare dai risultati, lei è molto più brava di me.
Tornare in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 1:02 pm

Permettetemi un piccolo OT, ma quello che è VERAMENTE SBAGLIATO, IMHO, è che il preside possa decidere chi chiamare, esasperando la situazione di scuole blasonate co' li meio docenti e più belli e più grandi che pria e scuole sfigate co li meno meio: queto sì che va combattuto
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 1:04 pm

francescaverdi ha scritto:


Be', non è così. I criteri per individuare il merito li deve stabilire il comitato di valutazione.
Se anche i comitato di valutazione stabilisse di premiare la disponibilità a svolgere i compiti che hai elencato sopra (ma è solo un'ipotesi)...

Non è un'ipotesi, è nero su bianco nella 107.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 1:06 pm

Puoi considerare quello, ma non solo. Altrimenti spiegami a cosa servirebbe il comitato di valutazione (che, come dice la legge, non è quello che valuta, ma quello che stabilisce i criteri)
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?   Sab Set 12, 2015 1:10 pm

Annaangelaelvira ha scritto:
Permettetemi un piccolo OT, ma quello che è VERAMENTE SBAGLIATO, IMHO, è che il preside possa decidere chi chiamare, esasperando la situazione di scuole blasonate co' li meio docenti e più belli e più grandi che pria e scuole sfigate co li meno meio: queto sì che va combattuto

Decidetevi: è possibile o non è possibile valutare quali sono li meio docenti?

Secondo me, dipende: bisogna vedere meio per cosa. L'insegnante di italiano e latino che ha sempre insegnato al classico blasonato e nel suo ambiente è considerato il top sarebbe probabilmente un pesce fuor d'acqua in un professionale.
Quindi, a mio parere, che il preside possa valutare le domande che arrivano alla sua scuola e decidere quali insegnanti servono per il POF è una buona cosa.
Tornare in alto Andare in basso
 
Si può scegliere di non eleggere il comitato di valutazione?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 6Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente
 Argomenti simili
-
» Genitori e studenti nel Comitato di valutazione !
» comitato di valutazione
» Liberi di non scegliere SIAE
» passeggino stokke
» Ma che taglia mettere appena nati?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: