Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Ven Ott 02, 2015 2:22 am

Promemoria primo messaggio :

Sono in classe facendo lezione di spagnolo quando entra il collega di musica e mi dice "scusa volevo solo accordare le chitarre" e va nell'angolo a prenderle, poi esce portandosi dietro uno studente senza dire nulla e lo tiene fuori per una ventina di minuti. Ora , voglio dire, ma che diamine fai? Dopo la lezione sono stato molto chiaro e diretto: "per favore, se ti serve uno studente per fare qualcosa durante la mia ora dimmelo prima, perchè altrimenti non so se lui è uscito di sua iniziativa o meno. Inoltre stavamo facendo il ripasso per la prima verifica dell'anno e lui ha perso quasi metà degli esercizi...se poi fa male la verifica lunedì e i suoi genitori si lamentano li manderò da te!".
Lui è rimasto allibito e si è scusato!
Magari ho esagerato ma io non mi permetto di prelevare studenti nelle classi durante le altre ore e pretendo che gli altri non lo facciano durante le mie! Che ne pensate?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Rossana63



Messaggi : 270
Data d'iscrizione : 06.07.11

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 3:29 pm

raganella ha scritto:
Rossana63 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Grazie a Dio Beethoven ha sviluppato autonomamente il suo gusto.


E questa "perla di saggezza" da dove arriva?
Roba da matti.

Gli alieni gli hanno impiantato un generatore di idee e quando queste si formulano lui non può fare altro che esternarle.

Ora capisco...
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7548
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 4:00 pm

Il problema dell'impianto alieno però... È la zona del corpo prescelta.
Ehm...eheheh
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15861
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 4:59 pm

lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
raganella ha scritto:
E pensi che lo abbia sviluppato dal nulla o a partire da un'educazione in cui i minuetti fungevano da pane quotidiano?
Non tirare in ballo Beethoven come paragone però, é come pretendere che lo studente delle medie nell'ora di matematica sia assimilabile a Pierre de Fermat.
Si è parlato espressamente di educazione al gusto; Beethoven ha conosciuto la musica precedente a lui; che l'abbia apprezzata è quanto, non è legato all'educazione ricevuta ma alla sua mente.

I miei hanno provato ad educarmi a gustare i peperoni ma hanno fallito miseramente.

Istruire alla musica mi piace, a livello facoltativo.



Ma veramente pensi che conoscere una scala musicale, saper leggere le note (almeno di massima) o orecchiare quattro compositori imprescindibili non sia cultura di base? In Europa? In Italia?
La cultura giovanile è quasi soltanto musicale!
Posso dire che sta scuola dell'utile che va di moda ultimamente mi ha rotto le palle, oltre a essere straordinariamente inutile? Utile a chi? A fare cosa? Di gran lunga meglio quella dell'empatia, e non aggiungo altro!
Certo che lo puoi dire.

Un ottantenne va dal dottore e gli dice: "dottore i miei amici mi dicono che riescono a farne ancora tre al giorno ed hanno tutti più o meno la mia età; io riesco appena a farne una al mese; dottore, cosa posso fare ?"

"Semplice, lo dica anche lei".
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15861
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 5:04 pm

tellina ha scritto:
Il problema dell'impianto alieno però... È la zona del corpo prescelta.
Ehm...eheheh
Intendi dire in prossimità dell'ugola anzichè del cervello ?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15861
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 5:14 pm

Rossana63 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Grazie a Dio Beethoven ha sviluppato autonomamente il suo gusto.


E questa "perla di saggezza" da dove arriva?
Roba da matti.
La perla di saggezza deriva dal considerare il gusto per la musica come qualsiasi altro gusto, in particolare a considerarlo come il gusto per la poesia o la letteratura.

C'è un esperimento scientifico che va avanti da decenni ormai e che sta fornendo dati incontrovertibili: educare per anni i ragazzi italiani al gusto per la letteratura, smarronandoli per 4 ore a settimana per 13 anni della loro vita, non modifica il loro gusto per la letteratura.
Quelli che sono sensibili alla letteratura leggono molto anche senza aver subito quelle pressioni (mio zio Demetrio, agricoltore, quinta elementare, leggeva come se al mondo non esistesse altro); quelli che non sono sensibili rimpiangono che i libri siano scritti su carta troppo dura e che non possano riciclare quelli che hanno dovuto comprare per la scuola.

Come vedi la saggezza si presenta davanti agli occhi di ognuno di noi, basta non avere le cuffiette alle orecchie e non farsi distrarre dalla musica, chiunque la può far propria.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15861
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 5:17 pm

lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
raganella ha scritto:
E pensi che lo abbia sviluppato dal nulla o a partire da un'educazione in cui i minuetti fungevano da pane quotidiano?
Non tirare in ballo Beethoven come paragone però, é come pretendere che lo studente delle medie nell'ora di matematica sia assimilabile a Pierre de Fermat.
Si è parlato espressamente di educazione al gusto; Beethoven ha conosciuto la musica precedente a lui; che l'abbia apprezzata è quanto, non è legato all'educazione ricevuta ma alla sua mente.

I miei hanno provato ad educarmi a gustare i peperoni ma hanno fallito miseramente.

Istruire alla musica mi piace, a livello facoltativo.



Ma veramente pensi che conoscere una scala musicale, saper leggere le note (almeno di massima) o orecchiare quattro compositori imprescindibili non sia cultura di base? In Europa? In Italia?
La cultura giovanile è quasi soltanto musicale!
Posso dire che sta scuola dell'utile che va di moda ultimamente mi ha rotto le palle, oltre a essere straordinariamente inutile? Utile a chi? A fare cosa? Di gran lunga meglio quella dell'empatia, e non aggiungo altro!
Allora siamo d'accordo: di musica ne sanno già troppo, ora basta, si passi ad altro; suggerisco fisica ma sono aperto anche ad altre possibilità.
Tornare in alto Andare in basso
Rossana63



Messaggi : 270
Data d'iscrizione : 06.07.11

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 5:28 pm

Caro avido, stai girando intorno ad un argomento che non conosci.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 7:33 pm

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
raganella ha scritto:
E pensi che lo abbia sviluppato dal nulla o a partire da un'educazione in cui i minuetti fungevano da pane quotidiano?
Non tirare in ballo Beethoven come paragone però, é come pretendere che lo studente delle medie nell'ora di matematica sia assimilabile a Pierre de Fermat.
Si è parlato espressamente di educazione al gusto; Beethoven ha conosciuto la musica precedente a lui; che l'abbia apprezzata è quanto, non è legato all'educazione ricevuta ma alla sua mente.

I miei hanno provato ad educarmi a gustare i peperoni ma hanno fallito miseramente.

Istruire alla musica mi piace, a livello facoltativo.



Ma veramente pensi che conoscere una scala musicale, saper leggere le note (almeno di massima) o orecchiare quattro compositori imprescindibili non sia cultura di base? In Europa? In Italia?
La cultura giovanile è quasi soltanto musicale!
Posso dire che sta scuola dell'utile che va di moda ultimamente mi ha rotto le palle, oltre a essere straordinariamente inutile? Utile a chi? A fare cosa? Di gran lunga meglio quella dell'empatia, e non aggiungo altro!
Allora siamo d'accordo: di musica ne sanno già troppo, ora basta, si passi ad altro; suggerisco fisica ma sono aperto anche ad altre possibilità.


Una lezione di metodo al prof.
Se propongo di potenziare qualcosa A DETRIMENTO di qualcos'altro si presume che io possa dire dell'una cosa quanto dell'altra. Non mi pare il caso in questione. Non dovrebbe essere ammesso, sul piano logico, il consiglio in favore di una disciplina che si conosce a discapito di una di cui si dicono da ore banalità e sonore sciocchezze.
La scuola dovrebbe poter far affidamento almeno sul principio di autorità: sulla banale garanzia che chi dice una cosa quella cosa la conosce, se non la conosce, si astiene
Tornare in alto Andare in basso
Marechiaro



Messaggi : 660
Data d'iscrizione : 22.09.15

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 8:03 pm

samuelescuola ha scritto:
Sono in classe facendo lezione di spagnolo quando entra il collega di musica e mi dice "scusa volevo solo accordare le chitarre" e va nell'angolo a prenderle, poi esce portandosi dietro uno studente senza dire nulla e lo tiene fuori per una ventina di minuti. Ora , voglio dire, ma che diamine fai? Dopo la lezione sono stato molto chiaro e diretto: "per favore, se ti serve uno studente per fare qualcosa durante la mia ora dimmelo prima, perchè altrimenti non so se lui è uscito di sua iniziativa o meno. Inoltre stavamo facendo il ripasso per la prima verifica dell'anno e lui ha perso quasi metà degli esercizi...se poi fa male la verifica lunedì e i suoi genitori si lamentano li manderò da te!".
Lui è rimasto allibito e si è scusato!
Magari ho esagerato ma io non mi permetto di prelevare studenti nelle classi durante le altre ore e pretendo che gli altri non lo facciano durante le mie! Che ne pensate?

Spesso ho potuto constatare che i colleghi di musica sono un po' svaniti, in senso buono intendo. Ovvero non agiscono in malafede.
Tu ti sei comportato egregiamente, nulla da eccepire né da aggiungere :-)
Tornare in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 8:32 pm

Splendida materia, la fisica, dopo la chimica cui ho dedicato la mia vita professionale ma, tornando al tema del topic io credo che il potenziamento può funzionare solo se scardina l'attuale modo di concepire la scuola. Ho citato altrove il sistema anglosassone con poche materie obbligatorie e TUTTE LE ALTRE offerte a scelta, mediante un orientamento rigoroso dei singoli studenti, ciascuno col suo piano di studi certificato.  Io non sono sicura che sia una buona idea, però vale la pena di parlarne. questa nostra mania di scimmiottare gli altri la trovo deleteria: i nostri laureati sono apprezzatissimi all'estero perché hanno una preparazione teorica  superiore agli altri, ma noi vogliamo comprimere lo studio teorico in favore dei tirocini nell'impresa, che invece, IMHO, dovrebbe piantarla di volere i neolaureati già imparati e ricominciare ad addestrarseli come faceva una volta, dato che il loro bagaglio culturale permette loro di apprendere rapidamente. Idem per i diplomati tecnici che, poveretti, non hanno neppure più il diritto di chiamarsi periti, o ragionieri, e gli albi professionali non li vogliono manco più.
Però una scuola nella quale, se voglio, posso studiare di tutto di più di sicuro è proprio affascinante. E tra l'altro, fortunatamente nonostante i vostri sacrosanti sfoghi, gli studenti non sono proprio tutti baluba: qualcuno che ha voglia di studiare qualcosa ancora c'è.
Tornare in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Sab Ott 03, 2015 8:37 pm

Oops, ho mischiato il tema di questo topic con l'altro, ma comunque dal rispetto reciproco si era già OT. A meno che il problema del rispetto reciproco non sia relativo al valore che ciascuno assegna alle varie materie.
Tornare in alto Andare in basso
stefy1879



Messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.05.11

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Dom Ott 04, 2015 9:37 pm

Portare gli studenti fuori dalle aule ed assegnarli ad altri docenti è una pratica che talvolta e purtroppo viene utilizzata alla scuola dell infanzia e primaria a scopo " punitivo /rieducativo." Quando Pierino si comporta male viene prima minacciato " se lo fai ancora vai dai bimbi del nido, ti rimetto in prima , dai 3 anni ....ecc." e a volte fisicamente trasportato nelle suddette aule con ovviamente altri docenti e compagni. Questi docenti non capiscono che cosi facendo si prestano a rischiare gravi conseguenze anche disciplinari. Infatti se Pierino si fa malauguratamente male non nella sua classe ma in quella x dove è stato messo x punizione , cosa raccontiamo poi a ds e genitori ? Prestiamo il fianco ad un eventuale contenzioso. Ma certi docenti non lo capiscono....anni fa un bambino un po irrequieto di unaterza cui prestavo servizio fu piazzato a fare l intervallo in prima...bhe ruppe un vetro ...per fortuna senza infortuni ai compagni e a se stesso....Io non mi sento rispettata dalle mie colleghe, quando ora all infanzia, mi appioppano questi bambini x punizione...ma ho intenzione di chiarire gia da questa settimana...!
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8348
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Lun Ott 05, 2015 9:42 am

Citazione :
Oops, ho mischiato il tema di questo topic con l'altro, ma comunque dal rispetto reciproco si era già OT. A meno che il problema del rispetto reciproco non sia relativo al valore che ciascuno assegna alle varie materie

Assolutamente sì.

Lo vedi con estrema chiarezza leggendo i post dei docenti di sostegno.
La maggior parte di loro lamenta mancanza di rispetto da parte dei colleghi curricolari: essendo troppo estesa la lamentela non possiamo pensare che tutti quelli che si lamentano siano persone non rispettabili ma dobbiamo cominciare a chiederci se la mancanza di rispetto con cui vengono approcciati non derivi dalla posizione che ricoprono sul lavoro.

Il thread che parla del ragazzino che dice alla sua insegnante di non parcheggiare la macchina lì perché quelli sono posti per gli insegnanti delle materie importanti ne è una tristissima conferma.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15861
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Lun Ott 05, 2015 10:09 am

Ire ha scritto:
Il thread che parla del ragazzino che dice alla sua insegnante di non parcheggiare la macchina lì perché quelli sono posti per gli insegnanti delle materie importanti ne è una tristissima conferma.
E' successo davvero ?

Mi hai fatto ricordare un episodio del quale mi sono vergognato.

Mio figlio andava alle medie, e non in terza, io lavoravo nel privato e c'era una giornata di ricevimento parenti.
Io lavoravo e mia moglie aveva il suo orario tirato, poteva presenziare ma per poco tempo; si decise in famiglia che sarebbe andata e che non avrebbe parlato con tutti (tanto lui andava bene) ma solo con "le materie importanti".

La professoressa di disegno qualche giorno dopo chiese a mio figlio il perchè mia moglie non avesse parlato anche con lei e lui, stellina ingenua, glielo disse senza giri di parole.

Non era intenzione nostra nè di mio figlio essere offensivi, avevamo messo in pratica il pensiero di ogni famiglia, italiano, inglese, matematica, più importanti di arte, ginnastica ed educazione tecnica, solo che il pupo lo aveva spiattellato senza peli sulla lingua.

Figuraccia !
Tornare in alto Andare in basso
angie



Messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 01.10.09

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Lun Ott 05, 2015 10:28 am

Il rispetto? In una delle mie scuole (due) sembra un optional...Qualche giorno fa sono andata dal vicario a  chiedere informazioni, non l'avessi mai fatto, si è  messo ad urlare come se stesse al mercato, sottolineando che non aveva voglia di vedere nessuno, poi ho risolto da me.Sono nuovo di questa scuola e se il "buongiorno" si deve giudicare dal mattino, ci sara' di che discutere!La cortesia e le buone maniere si pretendono dai ragazzi, ma forse si dovrebbero estendere anche agli adulti!
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7548
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Lun Ott 05, 2015 10:49 am

avidodinformazioni ha scritto:
Ire ha scritto:
Il thread che parla del ragazzino che dice alla sua insegnante di non parcheggiare la macchina lì perché quelli sono posti per gli insegnanti delle materie importanti ne è una tristissima conferma.
E' successo davvero ?

Mi hai fatto ricordare un episodio del quale mi sono vergognato.

Mio figlio andava alle medie, e non in terza, io lavoravo nel privato e c'era una giornata di ricevimento parenti.
Io lavoravo e mia moglie aveva il suo orario tirato, poteva presenziare ma per poco tempo; si decise in famiglia che sarebbe andata e che non avrebbe parlato con tutti (tanto lui andava bene) ma solo con "le materie importanti".

La professoressa di disegno qualche giorno dopo chiese a mio figlio il perchè mia moglie non avesse parlato anche con lei e lui, stellina ingenua, glielo disse senza giri di parole.

Non era intenzione nostra nè di mio figlio essere offensivi, avevamo messo in pratica il pensiero di ogni famiglia, italiano, inglese, matematica, più importanti di arte, ginnastica ed educazione tecnica, solo che il pupo lo aveva spiattellato senza peli sulla lingua.

Figuraccia !
Poi gli insegnanti che non vi hanno conosciuto dal vivo...magari vi han conosiuto leggendovi qui.
...e han capito tante cose...
(Noi ormai sappiamo bene come la pensi, ovvio che tuo figlio riceva da te queste idee così limitanti...peccato. Per il figliolo, ovvio).
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8348
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Lun Ott 05, 2015 10:56 am

!
Angie ha scritto:
La cortesia e le buone maniere si pretendono dai ragazzi, ma forse si dovrebbero estendere anche agli adulti!

Permetti una piccola modifica, Angie?

"il rispetto e le buone maniere si pretendano dagli adulti e forse si potranno estendere ai ragazzi"

Come l'hai detta tu, purtroppo, non ha alcuna possibilità di funzionare (e si vede ovunque, sempre, sempre più spesso)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:11 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Scusate se sarò un po' cattivo, ma insegnanti di musica come questi qui... non è che hanno sbagliato mestiere? Potevano fare gli animatori nei villaggi vacanze e sulle navi crociera, come Berlusconi... chissà avrebbero forse fatto miglior carriera...
Ahahahah grande paolo, sono d'accordo!
Tornare in alto Andare in basso
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:12 pm

ushikawa ha scritto:
hai fatto bene
Grazie
Tornare in alto Andare in basso
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:15 pm

stefy1879 ha scritto:
Portare gli studenti fuori dalle aule ed assegnarli ad altri docenti è una pratica che talvolta e purtroppo viene utilizzata alla scuola dell infanzia e primaria a scopo " punitivo /rieducativo." Quando Pierino si comporta male viene prima minacciato " se lo fai ancora  vai dai bimbi del nido, ti rimetto in prima , dai 3 anni ....ecc." e a volte fisicamente trasportato nelle suddette aule con ovviamente altri docenti e compagni.  Questi docenti non capiscono che cosi facendo si prestano a rischiare gravi conseguenze anche disciplinari. Infatti se Pierino si fa malauguratamente male non nella sua classe ma in quella x dove è stato messo x punizione , cosa raccontiamo poi a ds e genitori ? Prestiamo il fianco ad un eventuale contenzioso. Ma certi docenti non lo capiscono....anni fa un bambino un po irrequieto di unaterza cui prestavo servizio fu piazzato a fare l intervallo in prima...bhe  ruppe un vetro ...per fortuna senza infortuni ai compagni e a se stesso....Io non mi sento rispettata dalle mie colleghe,  quando ora all
infanzia,  mi appioppano questi bambini x punizione...ma ho intenzione di chiarire gia da questa settimana...!
Così rischi tu! Sono situazioni assurde
Tornare in alto Andare in basso
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:16 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?

Alcuni perchè  sono stnzi: non rispettano il collega, non rispettano i ragazzi, non rispettano il prossimo in generale e pensano di essere il centro del mondo.

Altri (come credo in questo caso) perchè sono distratti da mille cose, stnzi uguale perchè ci sono punti fermi da rispettare sempre, e fanno quello che devono fare quando ne hanno la possibilità senza pensare alle conseguenze.

La differenza tra le due stnzaggini?  i primi se glielo fai notare ti mandano a quel paese
i secondi si scusano e forse la prossima volta staranno attenti

Coraggio samuele, sei stato bravissimo.  
Grazie!
Tornare in alto Andare in basso
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:17 pm

tellina ha scritto:
Quando si parla di rispetto però... Si aggiunge sempre anche la postilla "il rispetto va meritato".
Non concordo sempre sul dovere del merito...la buona educazione pretenderebbe di offrirlo sempre, comunque, a prescindere.
Diciamo pure che con la tua, spero pacata seppur ferma, opposizione verbale...fatta, spero anche qui non davanti agli alunni ma, da come dici...giustamente a fine lezione...
Diciamo pure che ti sei meritato il rispetto sul campo (di battaglia!)
grazie, ora mi monto la testa
Tornare in alto Andare in basso
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:20 pm

Felipeto ha scritto:
Lo scorso anno un collega si è beccato lettera di ammonimento dal preside per aver prelevato un alunno in ora non sua..gli alunni sono affidati a te che ne hai responsabilità..affidare un alunno ad un docente non nella sua ora va concordato prima,segnato sul registro previa autorizzazione dirigente o suo delegato.
Un ds giusto, finalmente
Tornare in alto Andare in basso
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:21 pm

lucetta10 ha scritto:
Mi è successa la stessa cosa ieri. Lezione con la mia classe, ottava ora (non proprio la più fruttuosa). Lavoravamo in biblioteca. Entra anche da me il collega di musica (nuovo, mai visto prima ma evidentemente molto piacione) e chiede di prendere la tastiera. "Ma certo". Ma visto che è sceso, "possiamo rimanere qui?". Chi siete? Tutta la classe con cartelle pronte per l'uscita al seguito.
Non credo ci si entri tutti, i ragazzi stanno lavorando. Si si, ci stiamo, non ci date fastidio (...). Attacca con una lezione di "falò anni '80" o non saprei come definirla. Lui suonava canzoncine festose, i ragazzi cantavano, prenotavano, chiedevano. Praticamente un piano bar. I miei ragazzi, allibiti come me, come si può immaginare, non riescono a non canticchiare qualche motivetto.
E cosa fa il "collega" quando se ne accorge? "Dai tu, con i capelli lunghi, vieni a cantare! Mi sale il sangue al cervello e fulmino la ragazzina che oppone un rifiuto civettuolo.
A un certo punto parte dal "palco" anche un "dai professoressa, aiutaci!". Non lo guardo nemmeno in faccia e gli faccio cenno di no (avrei voluto alzare il dito medio ma ho oscillato l'indice).
Questione di rispetto? Francamente il nuovo collega è un imbecille, dubito che avesse intenzione di mancare di rispetto a qualcuno.
Mi riservo ovviamente di pizzicarlo nei prossimi giorni, quando riesco a capire chi cavolo è! Lì per lì mi è sembrato meglio non fare piazzata davanti ai ragazzi (che non vedevano l'ora di assistere a una baruffa tra prof)
Sì quello è proprio un imbecille
Tornare in alto Andare in basso
samuelescuola



Messaggi : 505
Data d'iscrizione : 06.09.12

MessaggioOggetto: Re: Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?   Gio Ott 22, 2015 1:22 pm

Felipeto ha scritto:
Ma in che scuole andate....
Io secondaria di primo grado
Tornare in alto Andare in basso
 
Ma perchè certi colleghi non rispettano gli altri?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» fare del bene e amare gli altri
» io però, mo c'ho paura perchè gli embrioni icsi non sono buoni come quelli
» Perchè i capi
» Topo perchè hai deciso di adottare?
» perchè io no di nicoletta sipos

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: