Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 LAVORARE IN COMPRESENZA

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
blu2015



Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 01.08.15

MessaggioOggetto: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 7:56 pm

la compresenza implica anche coadiuvare l'altro insegnante nell'attività didattica?
Qualcuno mi saprebbe indicare in cosa consiste la compresenza?

grazie
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 8:01 pm

Ho visto una delle ultime compresenze pre gelmini, in un istituto servizi sociali; le due docenti di metodologia facevano a turno lezione, stavano entrambe in cattedra e valutavano assieme. L'ho sempre trovato uno spreco colossale di denaro, per fortuna le tolsero tutte.
Oppure mi sbaglio ed esistono ancora? Se hai fatto la domanda significa che ne stai per farne esperienza.
P.s. Anche il sostegno a tutti gli effetti è una compresenza.
Tornare in alto Andare in basso
blu2015



Messaggi : 42
Data d'iscrizione : 01.08.15

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 8:12 pm

Si, esiste ancora.
Io, però, parlavo di compresenza fra insegnanti senza sostegno.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 8:28 pm

Fare compresenza non è facile, ma si può fare e anche bene. Bisogna entrarci con la testa. Io ho lavorato moltissimo in compresenza dal 1992 al 2011 al professionale per l'agricoltura. Con alcuni colleghi lavoravo bene con altri meno bene. Ma se ci sono i presupposti si vedono i risultati.

Dopo il 2011 ho avuto qualche altra esperienza al liceo tecnologico, in due casi non ha funzionato (in pratica mi prendevo tutto lo spazio) in un altro ha funzionato benissimo nell'ora di laboratorio.
Altre esperienze di compresenza informale le ho avute con colleghe di sostegno della mia stessa classe di concorso che in classe mi hanno dato un grandissimo aiuto.
La migliore in assoluto è stata però l'anno scorso: avevo programmato una lezione CLIL sui vulcani e l'ho proposta alla collega d'inglese per farla in una classe in cui non dovevamo farla (una seconda). Ha preso visione del programma, mi ha dato dei suggerimenti per migliorarlo, dopo di che l'abbiamo fatta. Lei gestiva la parte linguistica, io facevo da assistente per quanto concerne i contenuti. Intesa perfetta, ma è una collega molto particolare, lei la compresenza ce l'ha nel DNA. È capitato spesso che durante ore buche partecipasse alle lezioni della collega di italiano, con cui era molto affiatata. Mi manca :'(
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 8:35 pm

blu2015 ha scritto:
Si, esiste ancora.
Io, però, parlavo di compresenza fra insegnanti senza sostegno.

Il problema del sostegno è che la maggior parte degli insegnanti curricolari mette più o meno esplicitamente dei paletti ai loro colleghi, confinandoli nel ruolo di sostegno all'alunno a loro affidato. Per tre anni ho avuto tre colleghe di sostegno dell'A060. Più che altro c'era da parte loro una certa remora a "invadere" il mio spazio, ma quando l'hanno fatto l'ho sempre gradito. Non ci vuole molto, basta un po' di propensione a lavorare in tandem e non a compartimenti stagni.
È una questione di mentalità.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 8:41 pm

Io ho lavorato in compresenza von la collega di economia aziendale all IPC..io applicato su PC,excel e applicativo per contabilità in partita doppia, quelli che lei spiegava..è stato un anno molto positivo e produttivo..
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7540
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 8:42 pm

Mi son capitate compresenze solo per progetti (andate benissimo, io curavo la parte grafica e le colleghe controllavano i contenuti -lettere, scienze, spagnolo, inglese).
E compresenze d'emergenza... In classi talmente problematiche da non poterci star da sole (o meglio...io ci stavo anche da sola perché la mia materia era più "digeribile" ma tutto il cdc, a rotazione e scalando dal monte ore dovuto, faceva compresenza con qualche ora lettere e tutte le ore di matematica...
La compresenza di sopravvivenza...comunque vada se puoi raccontarla...significa che è stata un successo.
Nel mio caso non ero quindi mai di materia...assistevo alla lezione, partecipavo quando potevo, calmavo gli animi, sollecitavo l'attenzione, aiutavo ove possibile e quando necessario...ma ero compresenza d'assistenza, non comprimaria.
Tornare in alto Andare in basso
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Ven Ott 02, 2015 9:18 pm

Tutto dipende dalle caratteristiche personali dei docenti coinvolti, se trovano una sintonia si lavora benissimo in compresenza e diventa davvero fruttuosa; se purtroppo per qualche motivo non ci si digerisce tanto, inutile fare piani di lavoro, sarà sempre una lezione monca.
Io ho lavorato in compresenza con insegnante di materia per la prima volta l'anno scorso e con una delle colleghe mi sono trovata benissimo, con altre ho convissuto in rapporti di vicinanza e senza pestarci i piedi, ma quelle erano sempre ore "a metà", non davvero di collaborazione.
Con gli insegnanti di sostegno avuti in classe mi sono trovata sempre benissimo, si è sempre creata una bella collaborazione...quest'anno invece per la prima volta sto sperimentando una incompatibilità totale con la docente che ho in classe, alla quale io non piaccio come insegnante e non se ne può fare niente, è talmente evidente che abbiamo persino problemi di comunicazione ordinaria... per cui, il successo della compresenza forse è una questione di fortuna.
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 999
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Sab Ott 03, 2015 8:18 am

Ho fatto alcune ore di compresenza con Topografia, allora insegnavo Matematica, in terza geometri una quindicina di anni fa, per gli argomenti comuni di trigonometria, io trattavo la teoria e il collega esercizi e applicazione pratica. È andata così bene che, quando la compresenza è stata tolta, per 10 anni abbiamo continuato a fare lo stesso lavoro integrando ciascuno il lavoro dell'altro e costruendo un paio di compiti in comune valutati in entrambe le discipline. Per me è stata molto utile perché mi ha permesso di capire meglio gli argomenti da approfondire e la loro applicazione.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Sab Ott 03, 2015 3:45 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
blu2015 ha scritto:
Si, esiste ancora.
Io, però, parlavo di compresenza fra insegnanti senza sostegno.

Il problema del sostegno è che la maggior parte degli insegnanti curricolari mette più o meno esplicitamente dei paletti ai loro colleghi, confinandoli nel ruolo di sostegno all'alunno a loro affidato. Per tre anni ho avuto tre colleghe di sostegno dell'A060. Più che altro c'era da parte loro una certa remora a "invadere" il mio spazio, ma quando l'hanno fatto l'ho sempre gradito. Non ci vuole molto, basta un po' di propensione a lavorare in tandem e non a compartimenti stagni.
È una questione di mentalità.

Sei uno dei pochi che comprende le dinamiche del sostegno; è proprio così... tuttavia è anche vero che lavorare in tandem è davvero molto difficile, specialmente quando le competenze dei due docenti fanno parte di due ambiti totalmente differenti.
Se faccio riferimento ai miei anni sul sostegno devo dire che la situazione migliore è stata la seguente:1^ alberghiero, ore di matematica, avevo due o.m. e li aiutavo uscendo in piccolo gruppo (occasionalmente) con quelli insufficienti della stessa materia.
La docente sapeva benissimo che non ero molto competente nella sua materia, ma mi forniva materiale fatto benissimo con esercizi svolti in ogni passaggio, che io mi studiavo prima con cura e così' il mio ruolo aveva un senso per tutti.
Alla fine dell'anno due del gruppo degli insufficienti arrivarono alla sufficienza e furono per me fonte di grande orgoglio (in realtà non furono le mie capacità matematiche ad aiutarli, ma il maggiore impegno e la consapevolezza che non erano lasciati soli).
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 999
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Sab Ott 03, 2015 5:24 pm

precario.acciaio ha scritto:
in realtà non furono le mie capacità matematiche ad aiutarli...
Bensì le tue capacità didattiche.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: LAVORARE IN COMPRESENZA   Sab Ott 03, 2015 6:02 pm

precario.acciaio ha scritto:

Se faccio riferimento ai miei anni sul sostegno devo dire che la situazione migliore è stata la seguente:1^ alberghiero, ore di matematica, avevo due o.m. e li aiutavo uscendo in piccolo gruppo (occasionalmente) con quelli insufficienti della stessa materia.
La docente sapeva benissimo che non ero molto competente nella sua materia, ma mi forniva materiale fatto benissimo con esercizi svolti in ogni passaggio, che io mi studiavo prima con cura e così' il mio ruolo aveva un senso per tutti.
Alla fine dell'anno due del gruppo degli insufficienti arrivarono alla sufficienza e furono per me fonte di grande orgoglio (in realtà non furono le mie capacità matematiche ad aiutarli, ma il maggiore impegno e la consapevolezza che non erano lasciati soli).
Questo è un esempio di valorizzazione della compresenza. E puoi ben vedere che c'era una condivisione d'intenti fra te e la tua collega. Condizione necessaria per far funzionare una compresenza.
Tornare in alto Andare in basso
 
LAVORARE IN COMPRESENZA
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Requisiti per lavorare presso un centro estetico
» ATTENZIONE!!! LAVORARE COME ONICOTECNICA IN LOMBARDIA.
» Lavorare in un centro estetico, nail center o parrucchieria?
» ATA III Fascia - punteggio minimo per lavorare
» Ciondolo in acrilico ultima creazione

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: