Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 11:35 am

Promemoria primo messaggio :

La mia porposta è la seguente:

1) Classi di 10 alunni come massimo.
2) Abolizione del sostegno e del potenziamento (i ragazzi certificati fanno parte della classe, quindi deve occuparsene il docente unico, eventualmente con soli 8 ragazzi in casi gravi).

3) Scansione oraria della giornata.

8:30 Entrata in classe.
1^ e 2^ ora (esclusivamente materie teoriche, come matematica, inglese, fisica, greco ecc...)
10:30 Intervallo di 30 minuti
3^ e 4^ ora (esclusivamente materie teoriche, come matematica, inglese, fisica, ecc...)
13:00 - 15:00 Pausa pranzo, scuola chiusa.
5^ ora e 6^ ora (educazione fisica, musica, arte, materie pratiche nei professionali, educazione filosofica e alla cittadinanza).
Ore 17:00 Fine delle attività didattiche.
Supporto alle attività didattiche: garanzia per chi ne fa richiesto di studio assistito nella meterie teoriche fino alle 19.
Ore 19: chiusura della scuola.

4) Scansione settimanale: la settimana inizia il lunedì e termina venerdì.

5) Aule: ogni docente ha la propria aula (aula di fisica, di filosofia... e le classi si muovono da un'ora all'altre). Nella mia scuola era così ed era molto meglio, perchè le singole aule si arricchivano di materiale didattico prodotto dagli stessi alunni o dal docente.

Credo che una scuola di questo genere aiuterebbe di molto la didattica e l'apprendimento.

Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 10:19 pm

precario.acciaio ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
Penso che l'ossessivo sia più un "recepito" da parte tua che parte del mio intervento; tra le materie è evidente che ve ne siano alcune che richiedono più impegno; tra fisica e storia c'è una significativa differenza e sono io il primo a dirlo, avendole viste entrambe per ore, ore e ore ed essendo anch'io insegnante (di storia).

Tra fisica e storia c'è una significativa differenza solo perché, tradizionalmente, per ragioni che personalmente non conosco, gli insegnanti di storia tendono a promuovere tutti, utilizzando un criterio di "asticella" eccezionalmente bassa (cioè, a dare la sufficienza a chiunque dimostri di essersi imparato a memoria un accrocco minimo di enunciati appiccicati con lo sputo e poi prontamente dimenticati subito dopo la verifica, senza nessuna riflessione sul loro significato effettivo), mentre quelli di fisica no. Se anche gli insegnanti di storia cominciassero a pretendere rilessioni, collegamenti e approfondimenti sul significato di ciò che si è imparato, la storia sarebbe considerata "difficile" tanto quanto la fisica.

L.

Sveglia Paniscus, lo fanno tutti,sia gli A51 che gli A37...

garantisco che anche i docenti della A052 fanno un culo come un paiolo su collegamenti con tutte le discipline scolastiche laddove possibile e anche nella A050 non ci facciamo non riconoscere....ma come detto in altri post non sono così stupido da non sapere che in tanti Istituti con la scusa delle poche ore di storia molti per il quieto vivere alla fine si accontentano se i loro alunni non confondono Alessandro Magno per Carlo Magno....
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 10:19 pm

Comunque non è il numero di alunni ad essere influente più di tanto, ma la qualità. Una classe di 10-12 alunni tutti demotivati, con problematiche familiari (e magari qualche ADHD) è molto peggio di una di 27 fatta di elementi buoni o discreti. Il numero vuol dire poco.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 10:22 pm

Nota:in Germania,con autostrade gratis,gasolio a un euro, voltura auto 40,euro,un docente percepisce circa 4000 euro al mese....
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6131
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 10:46 pm

Aresgr ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Se anche gli insegnanti di storia cominciassero a pretendere rilessioni, collegamenti e approfondimenti sul significato di ciò che si è imparato, la storia sarebbe considerata "difficile" tanto quanto la fisica.

Sveglia Paniscus, lo fanno tutti,sia gli A51 che gli A37...

garantisco che anche i docenti della A052 fanno un culo come un paiolo su collegamenti con tutte le discipline scolastiche laddove possibile e anche nella A050 non ci facciamo non riconoscere....ma come detto in altri post non sono così stupido da non sapere che in tanti Istituti con la scusa delle poche ore di storia molti per il quieto vivere alla fine si accontentano se i loro alunni non confondono Alessandro Magno per Carlo Magno....

Allora tu ammetti che sia abbastanza vero, che la storia sia considerata una materia "facile" proprio per quello?

Cioè, NON perché lo sia veramente per sua natura, ma sostanzialmente perché esiste una certa "tradizione", secondo cui quasi tutti gli insegnanti di storia (anche quelli più bravi e più attenti dal punto di vista della qualità della didattica), in sede di valutazione si accontentino con pochissimo, e smollino la sufficienza a tutti con la massima facilità... mentre la stessa tradizione non ha (ancora) preso piede tra quelli di matematica, di fisica, o magari di latino e greco, oppure di certe materie specialistiche tostissime negli istituti tecnici.

Cosa se ne deve dedurre?

L.

Tornare in alto Andare in basso
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 10:53 pm

precario.acciaio ha scritto:
zshiraz ha scritto:
Personalmente sarei favorevole ad un orario più lungo, che consenta la chiusura della scuola il sabato. Per la maggioranza degli studenti non sarebbe un trauma, visto che dalla scuola media sono abituati a rientri pomeridiani e il passaggio al liceo è percepito da molti come una sottrazione di tempo-scuola (il confronto con il liceo pre-Gelmini è impietoso). Certo non a fare attività opzionali: se si resta a scuola, le materie sono quelle del curricolo. Se la scuola è attrezzata, si possono offrire attività di altro tipo, che però devono essere ben distinte da quelle curricolari (il che significa anche che possano anche essere gestite da altri e che la scuola ci mette di suo i locali, come succede all'estero. Qui la vedo difficile per la riduzione del personale ATA, che, per inciso, in Germania - sul cui sistema mi sembra sia modellata la proposta - non esiste ).

L'ho sempre sentito dire ma mai capito: senza personale ATA una scuola come va avanti? Servizi esternalizzati? Comunque una spesa ci sarà ugualmente, le aule non si puliscono da sole...

Parlo di quella in cui ero io: tra i 500 e i 600 alunni. C'è un custode, il quale fa appunto il custode: abita al primo piano ed è sempre reperibile per consegne, aperture straordinarie per emergenze varie, piccolissima manutenzione. Il custode all'ora X apre il portone, ma non le aule. Le aule hanno la chiave, che hanno anche tutti i docenti. Detta chiave apre anche tutti i laboratori e i locali in cui c'è il materiale di consumo (es. il locale delle fotocopie). All'inizio dell'anno, infatti, stipuli un'assicurazione, nel caso disgraziato perdessi la chiave. Ciò significa che alla fine di ogni ora, con il cambio dell'insegnante, gli studenti escono dall'aula per i successivi cinque minuti, finché non arriva il docente successivo, che apre di nuovo (con l'insegnante in classe è molto difficile sporcare). Alla fine delle lezioni della mattina, prima di andarsene, gli alunni spazzano l'aula in modo che il servizio di pulizie (esterno) possa lavare per terra e pulire i banchi (e i corridoi) Se lasciano l'aula in condizioni indecenti, l'aula non viene pulita. Le classi puliscono a turno anche il cortile e gli spazi comuni. La gestione della scuola è del comune, che la affitta a chi vuole e ne fa richiesta, il che significa che, mentre alcuni spazi (la sala professori) sono fruibili fino a sera, le aule non lo sono (per esempio la sera c'erano i corsi della Volkshochschule e la palestra era spesso occupata).
Tornare in alto Andare in basso
Aresgr



Messaggi : 2235
Data d'iscrizione : 26.07.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 11:20 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Aresgr ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Se anche gli insegnanti di storia cominciassero a pretendere rilessioni, collegamenti e approfondimenti sul significato di ciò che si è imparato, la storia sarebbe considerata "difficile" tanto quanto la fisica.

Sveglia Paniscus, lo fanno tutti,sia gli A51 che gli A37...

garantisco che anche i docenti della A052 fanno un culo come un paiolo su collegamenti con tutte le discipline scolastiche laddove possibile e anche nella A050 non ci facciamo non riconoscere....ma come detto in altri post non sono così stupido da non sapere che in tanti Istituti con la scusa delle poche ore di storia molti per il quieto vivere alla fine si accontentano se i loro alunni non confondono Alessandro Magno per Carlo Magno....

Allora tu ammetti che sia abbastanza vero, che la storia sia considerata una materia "facile" proprio per quello?

Cioè, NON perché lo sia veramente per sua natura, ma sostanzialmente perché esiste una certa "tradizione", secondo cui quasi tutti gli insegnanti di storia (anche quelli più bravi e più attenti dal punto di vista della qualità della didattica), in sede di valutazione si accontentino con pochissimo, e smollino la sufficienza a tutti con la massima facilità... mentre la stessa tradizione non ha (ancora) preso piede tra quelli di matematica, di fisica, o magari di latino e greco, oppure di certe materie specialistiche tostissime negli istituti tecnici.

Cosa se ne deve dedurre?

L.


no no i coglioni che passano tutti ci sono anche tra gli insegnanti di greco e latino odi certe materie toste degli ITI (pensare che ai miei tempi era poi la scuola dei falliti...oggi il sancta sanctorum dell'intelligentia del domani)....è che le scuole sono aziende oggi dai licei classici ai professionali....ma di certo non ci sono materie facili...poi se vuoi davvero male ai ragazzi caproni passarli è il miglior modo per fare loro e alle loro famiglie credulone il miglior danno a medio-lungo termine!


Ultima modifica di Aresgr il Dom Ott 04, 2015 11:30 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Dom Ott 04, 2015 11:24 pm

E mi sono dimenticata di dire che gli studenti potevano entrare a scuola, rimanendo nei corridoi, a partire dalle 7 o forse anche da prima (ma non ne ho la certezza, dato che verso quell'ora spesso arrivavo anch'io, prima no), il che fa sicuramente piacere quando fuori piove o nevica o si sta a -10°. I miei alunni italiani, invece, aspettano sotto l'acqua di poter entrare al suono della prima campanella (motivazione: non c'è personale ATA sufficiente per la sorveglianza), così ci teniamo in classe, per il resto della mattina, metà dei pendolari fradici per aver passato mezz'ora in attesa davanti al cancello.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 5:38 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Aresgr ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Se anche gli insegnanti di storia cominciassero a pretendere rilessioni, collegamenti e approfondimenti sul significato di ciò che si è imparato, la storia sarebbe considerata "difficile" tanto quanto la fisica.

Sveglia Paniscus, lo fanno tutti,sia gli A51 che gli A37...

garantisco che anche i docenti della A052 fanno un culo come un paiolo su collegamenti con tutte le discipline scolastiche laddove possibile e anche nella A050 non ci facciamo non riconoscere....ma come detto in altri post non sono così stupido da non sapere che in tanti Istituti con la scusa delle poche ore di storia molti per il quieto vivere alla fine si accontentano se i loro alunni non confondono Alessandro Magno per Carlo Magno....

La storia, anche fatta utilizzando fonti, documenti, collegamenti aereospaziali, non è complessa, ad esempio, come la filosofia, che richiede comunque una dose di astrazione notevole.
Chiaramente stiamo a capirci: se la storia è intesa come storia della cultura allora le cose si fanno molto complesse, in quanto di fatto si richiede un taglio pluridisciplinare molto approfondito e la materia diventerebbe ostica e complessa, tuttavia se ci si attiene al programma ministeriale (che certo non esclude un approccio di questo genere ma non lo incoraggia nemmeno) la storia è eminentemente storia politico-militare, basandoci su dati di fatto e cioè sui testi attualmente in uso.
Ciò non toglie che qualunque insegnante fa riferimenti anche alla cultura di un determinato periodo, ma non certo approfondendo le diverse branche del sapere, operazione che richiederebbe molte più ore del previsto.

Alla condizione attuale quindi la Storia è più semplice della Filosofia e in quanto ai voti la tua non è una visione completa, ho conosciuto molti insegnanti selettivi e stretti nei voti.


Allora tu ammetti che sia abbastanza vero, che la storia sia considerata una materia "facile" proprio per quello?

Cioè, NON perché lo sia veramente per sua natura, ma sostanzialmente perché esiste una certa "tradizione", secondo cui quasi tutti gli insegnanti di storia (anche quelli più bravi e più attenti dal punto di vista della qualità della didattica), in sede di valutazione si accontentino con pochissimo, e smollino la sufficienza a tutti con la massima facilità... mentre la stessa tradizione non ha (ancora) preso piede tra quelli di matematica, di fisica, o magari di latino e greco, oppure di certe materie specialistiche tostissime negli istituti tecnici.

Cosa se ne deve dedurre?

L.

Tornare in alto Andare in basso
Tah-Dah!



Messaggi : 895
Data d'iscrizione : 02.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 6:40 pm

chiaramente avendo la possibilità di comporre classi di diciamo massimo 12 alunni, si eviterà di mettere tutti i casi problematici assieme no?
Tornare in alto Andare in basso
Tah-Dah!



Messaggi : 895
Data d'iscrizione : 02.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 6:45 pm

conoscendo il percorso scolastico e personale pregresso di ciascuno si cercherà di equilibrare il gruppo classe.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 8:32 pm

Aresgr ha scritto:


no no i coglioni che passano tutti ci sono anche tra gli insegnanti di greco e latino odi certe materie toste degli ITI (pensare che ai miei tempi era poi la scuola dei falliti...oggi il sancta sanctorum dell'intelligentia del domani)..

Non ho mai compreso come mai Ingegneria venga unanimamente considerata una facoltà piuttosto difficile (certo, va da caso a caso e l'ingegneria di oggi non è quella di 30 o 20 anni fa... ma il principio resta) mentre il suo equivalente nel contesto delle scuole superiori (ovvero l'ITIS, per l'appunto) sia la scuola dei falliti.

Delle due l'una: o si ammette che Ingegneria è, parimenti all'ITIS, la facoltà dei falliti che non se la sono sentita di tentare "filosofia" o "lettere classiche" o, evidentemente, c'è un errore di fondo nell'orientare la gente dopo la terza media.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 8:36 pm

Nella mia zona l'ITI viene considerata la scuola dove vanno i bravissimi, ha perfino soppiantato, nell'opinione comune dei docenti, il classico.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 8:38 pm

Tah-Dah! ha scritto:
chiaramente avendo la possibilità di comporre classi di diciamo massimo 12 alunni, si eviterà di mettere tutti i casi problematici assieme no?


invece adesso con 25 alunni, si mettono tutti insieme in una classe?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 9:11 pm

Lenar ha scritto:
Aresgr ha scritto:


no no i coglioni che passano tutti ci sono anche tra gli insegnanti di greco e latino odi certe materie toste degli ITI (pensare che ai miei tempi era poi la scuola dei falliti...oggi il sancta sanctorum dell'intelligentia del domani)..

Non ho mai compreso come mai Ingegneria venga unanimamente considerata una facoltà piuttosto difficile (certo, va da caso a caso e l'ingegneria di oggi non è quella di 30 o 20 anni fa... ma il principio resta) mentre il suo equivalente nel contesto delle scuole superiori (ovvero l'ITIS, per l'appunto) sia la scuola dei falliti.

Delle due l'una: o si ammette che Ingegneria è, parimenti all'ITIS, la facoltà dei falliti che non se la sono sentita di tentare "filosofia" o "lettere classiche" o, evidentemente, c'è un errore di fondo nell'orientare la gente dopo la terza media.
Delle due la due
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 9:35 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Lenar ha scritto:
Aresgr ha scritto:


no no i coglioni che passano tutti ci sono anche tra gli insegnanti di greco e latino odi certe materie toste degli ITI (pensare che ai miei tempi era poi la scuola dei falliti...oggi il sancta sanctorum dell'intelligentia del domani)..

Non ho mai compreso come mai Ingegneria venga unanimamente considerata una facoltà piuttosto difficile (certo, va da caso a caso e l'ingegneria di oggi non è quella di 30 o 20 anni fa... ma il principio resta) mentre il suo equivalente nel contesto delle scuole superiori (ovvero l'ITIS, per l'appunto) sia la scuola dei falliti.

Delle due l'una: o si ammette che Ingegneria è, parimenti all'ITIS, la facoltà dei falliti che non se la sono sentita di tentare "filosofia" o "lettere classiche" o, evidentemente, c'è un errore di fondo nell'orientare la gente dopo la terza media.
Delle due la due

Non vorrei rovinarvi la festa, però vorrei ricordare sommessamente che la maggioranza degli studenti che poi si laureano in ingegneria, e ne conosco parecchi, provengono dallo scientifico o, sorpresa delle sorprese, dal classico.
Per cui i vostri discorsi, classisti al contrario, che sponsorizzano l'ITIS, ribadendo l'inutilità dei licei, lasciano davvero il tempo che trovano, oltre all'amaro in bocca!
A quando il superamento di queste prese di posizione senza senso, se non addirittura controproducenti, che tendono a dividere le secondarie in squadre di calcio di serie A e di serie B, funzionali solamente al tifo da stadio, senza alcuna giustificazione razionale, dato che la scelta tra l'una o l'altra scuola è lasciata, e giustamente, alla libera valutazione dello studente, che va comunque rispettata?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 10:00 pm

Francesca4 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Lenar ha scritto:
Aresgr ha scritto:


no no i coglioni che passano tutti ci sono anche tra gli insegnanti di greco e latino odi certe materie toste degli ITI (pensare che ai miei tempi era poi la scuola dei falliti...oggi il sancta sanctorum dell'intelligentia del domani)..

Non ho mai compreso come mai Ingegneria venga unanimamente considerata una facoltà piuttosto difficile (certo, va da caso a caso e l'ingegneria di oggi non è quella di 30 o 20 anni fa... ma il principio resta) mentre il suo equivalente nel contesto delle scuole superiori (ovvero l'ITIS, per l'appunto) sia la scuola dei falliti.

Delle due l'una: o si ammette che Ingegneria è, parimenti all'ITIS, la facoltà dei falliti che non se la sono sentita di tentare "filosofia" o "lettere classiche" o, evidentemente, c'è un errore di fondo nell'orientare la gente dopo la terza media.
Delle due la due

Non vorrei rovinarvi la festa, però vorrei ricordare sommessamente che la maggioranza degli studenti che poi si laureano in ingegneria, e ne conosco parecchi, provengono dallo scientifico o, sorpresa delle sorprese, dal classico.
Per cui i vostri discorsi, classisti al contrario, che sponsorizzano l'ITIS, ribadendo l'inutilità dei licei, lasciano davvero il tempo che trovano, oltre all'amaro in bocca!
A quando il superamento di queste prese di posizione senza senso, se non addirittura controproducenti, che tendono a dividere le secondarie in squadre di calcio di serie A e di serie B, funzionali solamente al tifo da stadio,  senza alcuna giustificazione razionale, dato che la scelta tra l'una o l'altra scuola è lasciata, e giustamente, alla libera valutazione dello studente, che va comunque rispettata?


Che vuoi fare! L'Italia è il paese dei tanti campanili.
Ci piace dividerci tra indirizzi di secondaria, docenti di materie utili e materie inutili, materie che promuovono sempre e materie che bocciano sempre, materie pesanti fino all'accademia e leggere fino all'hobby.
Ma su tutte si staglia una sola granitica certezza: i ragazzi vengono orientati male! Pia illusione di chi, solo perché viene cronologicamente "dopo", crede che la selezione alla porta sani la "capa sciacqua"
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 10:02 pm

Francesca4 ha scritto:
Non vorrei rovinarvi la festa, però vorrei ricordare sommessamente che la maggioranza degli studenti che poi si laureano in ingegneria, e ne conosco parecchi, provengono dallo scientifico o, sorpresa delle sorprese, dal classico.
Per cui i vostri discorsi, classisti al contrario, che sponsorizzano l'ITIS, ribadendo l'inutilità dei licei, lasciano davvero il tempo che trovano, oltre all'amaro in bocca!
A quando il superamento di queste prese di posizione senza senso, se non addirittura controproducenti, che tendono a dividere le secondarie in squadre di calcio di serie A e di serie B, funzionali solamente al tifo da stadio,  senza alcuna giustificazione razionale, dato che la scelta tra l'una o l'altra scuola è lasciata, e giustamente, alla libera valutazione dello studente, che va comunque rispettata?
Non la fare così facile.

Nella mia prima laurea avevo rilevato che la maggioranza dei miei compagni proveniva per metà dal tecnico e per metà dallo scientifico; ben pochi dal classico, una da ragioneria.

Un mio amico delle medie, più bravo di me, aveva fatto lo scientifico e si era diplomato con 60/60 (io 56); ritrovato al Politecnico nei primi anni ha confermato la sua maggior bravura; in matematica ed altri esami minori prendeva sempre qualcosa più di me.
Al triennio con le materie specialistiche, elettronica & co., me lo sono fumato.

Certo un esempio specifico soltanto non prova niente, ma io tendo a non buttar via gli indizi.


Se lavorassi nella scuola sapresti che la selezione del percorso di studi che i ragazzi fanno in uscita dalle medie non è spontanea ma spintonea.
Sapresti che i caproni tendono a concentrarsi nei professionali, alberghieri e tecnici e che in questo c'è anche lo zampino dei loro professori delle medie.

Prendere un diploma al professionale non è più facile che prenderlo al classico perchè le materie sono più semplici; è più facile (e chi dice di no o mente o non sa di cosa parla) perchè cani e porci si concentrano lì e se non dovessi promuovere cani e porci non promuoveresti nessuno.

Ad essere proprio pignoli ed a dirla tutta, due o tre ragazzi per classe si salverebbero, ma promuovendo solo loro ci sarebbe solo una seconda da 10 (tutta la scuola) che per legge non si può formare; quindi ...........
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 10:30 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Francesca4 ha scritto:
Non vorrei rovinarvi la festa, però vorrei ricordare sommessamente che la maggioranza degli studenti che poi si laureano in ingegneria, e ne conosco parecchi, provengono dallo scientifico o, sorpresa delle sorprese, dal classico.
Per cui i vostri discorsi, classisti al contrario, che sponsorizzano l'ITIS, ribadendo l'inutilità dei licei, lasciano davvero il tempo che trovano, oltre all'amaro in bocca!
A quando il superamento di queste prese di posizione senza senso, se non addirittura controproducenti, che tendono a dividere le secondarie in squadre di calcio di serie A e di serie B, funzionali solamente al tifo da stadio,  senza alcuna giustificazione razionale, dato che la scelta tra l'una o l'altra scuola è lasciata, e giustamente, alla libera valutazione dello studente, che va comunque rispettata?
Non la fare così facile.

Nella mia prima laurea avevo rilevato che la maggioranza dei miei compagni proveniva per metà dal tecnico e per metà dallo scientifico; ben pochi dal classico, una da ragioneria.

Un mio amico delle medie, più bravo di me, aveva fatto lo scientifico e si era diplomato con 60/60 (io 56); ritrovato al Politecnico nei primi anni ha confermato la sua maggior bravura; in matematica ed altri esami minori prendeva sempre qualcosa più di me.
Al triennio con le materie specialistiche, elettronica & co., me lo sono fumato.

Certo un esempio specifico soltanto non prova niente, ma io tendo a non buttar via gli indizi.


Se lavorassi nella scuola sapresti che la selezione del percorso di studi che i ragazzi fanno in uscita dalle medie non è spontanea ma spintonea.
Sapresti che i caproni tendono a concentrarsi nei professionali, alberghieri e tecnici e che in questo c'è anche lo zampino dei loro professori delle medie.

Prendere un diploma al professionale non è più facile che prenderlo al classico perchè le materie sono più semplici; è più facile (e chi dice di no o mente o non sa di cosa parla) perchè cani e porci si concentrano lì e se non dovessi promuovere cani e porci non promuoveresti nessuno.

Ad essere proprio pignoli ed a dirla tutta, due o tre ragazzi per classe si salverebbero, ma promuovendo solo loro ci sarebbe solo una seconda da 10 (tutta la scuola) che per legge non si può formare; quindi ...........


Un solo esempio non è nemmeno un indizio. Se l'esempio è tratto dalla propria brillante ascesa al successo autoproclamata, assume un valore negativo.

Cara Francesca, se insegnassi sapresti che nell'ultimo periodo della terza media, si aggirano orrendi individui a sponsorizzare le loro scuole superiori: con la loro mortadella sotto il braccio, modello "accattatevillo", alcuni con disegnato sul volto il terrore di un possibile esubero per contrazione delle iscrizioni (non ne sono certa ma credo che sia verosimile che vengano mandati ad adescare i più "disperati").
Ce ne sono di molti tipi: quelli che propagandano la serietà della loro scuola, la tradizione, il prestigio; quelli che si concentrano sul bar interno e ne magnificano le pietanze (testimone, non esagero); quelli che insistono sugli sbocchi lavorativi.
Secondo te, che non insegni a scuola, come si orienta l'utenza con le informazioni a disposizione?
Se non riesci a intuirlo, prova a fare un giro tra i POF delle scuole superiori, e cerca di immedesimarti nella famiglia di un ragazzo medio alle soglie dell'esame: credi potresti lì trovare indicazioni su dove distribuire i tuoi cani e i tuoi porci? Dove credi si promettano maggiori interventi di recupero/supporto/cazzeggio? Dove leggerai in vetrina la brochure del progetto europeo per il tornio spaziale o il tirocinio sulle navi da crociera con il ragazzino in mezzo alle gnocche? Al liceo classico naturalmente! D'altra parte è notoria la predilezione del cane/porco per l'agone parmenideo.
Le scuole superiori fanno ormai da diversi anni campagna acquisti: ci sono quelle che promettono lo studio e quelle che promettono il successo immediato e il poco studio. I ragazzi si passano la parola, si orientano.
Più questo sistema garantirà iscrizioni ai tecnici e professionali, più tecnici e professionali manterranno la soglia dell'utenza bassa e cercheranno di costruire una offerta formativa rivolta a loro (condizionati e condizionanti), anche se a parole li disprezzeranno: si mostreranno schifati e inorriditi dai villici alle loro porte, ma visto che i villici sono più dei damerini sospireranno e imputeranno ai cattivoni delle medie la loro tragedia, ma non patiranno la fame, come dovrà fare un povero A052, all'"inutile" materia, negletto e parruccone, prossimo alla fine del panda, anche lui certo convinto che senza il peggioramento dell'utenza colpa degli insegnanti di scuola media (che in soli tre anni fanno più danno degli altri 7 di scuola dell'obbligo), sarebbe rimasto in gloria


Ultima modifica di lucetta10 il Lun Ott 05, 2015 10:39 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 10:35 pm

Francesca4 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Lenar ha scritto:
Aresgr ha scritto:


no no i coglioni che passano tutti ci sono anche tra gli insegnanti di greco e latino odi certe materie toste degli ITI (pensare che ai miei tempi era poi la scuola dei falliti...oggi il sancta sanctorum dell'intelligentia del domani)..

Non ho mai compreso come mai Ingegneria venga unanimamente considerata una facoltà piuttosto difficile (certo, va da caso a caso e l'ingegneria di oggi non è quella di 30 o 20 anni fa... ma il principio resta) mentre il suo equivalente nel contesto delle scuole superiori (ovvero l'ITIS, per l'appunto) sia la scuola dei falliti.

Delle due l'una: o si ammette che Ingegneria è, parimenti all'ITIS, la facoltà dei falliti che non se la sono sentita di tentare "filosofia" o "lettere classiche" o, evidentemente, c'è un errore di fondo nell'orientare la gente dopo la terza media.
Delle due la due

Non vorrei rovinarvi la festa, però vorrei ricordare sommessamente che la maggioranza degli studenti che poi si laureano in ingegneria, e ne conosco parecchi, provengono dallo scientifico o, sorpresa delle sorprese, dal classico.
Per cui i vostri discorsi, classisti al contrario, che sponsorizzano l'ITIS, ribadendo l'inutilità dei licei, lasciano davvero il tempo che trovano, oltre all'amaro in bocca!

Questo non dimostra proprio nulla se non il fatto che, alle medie, fanno l'orientamento con l'accetta: i migliori al liceo, i mediocri all'ITIS, gli scarponi al professionale, i disperati al CFP.

Vorrei vedere, nel contesto di una facoltà di ingegneria, che risultato otterrebbe una prima ginnasio che fosse, per esperimento, sottoposta al percorso di studi quinquennale di un ITIS... per me bagnerebbero il naso ai loro colleghi che blaterano di greco e latino. E ve lo dico da persona che ha frequentato il liceo, che si è diplomato al liceo col massimo dei voti e che, certamente, tornando indietro, non lo rifrequenterebbe.

Sottolineo, infine, che questo sub-thread è partito da un tizio che ha definito l'ITIS la "scuola dei falliti". La "scuola dei falliti" ha forgiato la classe di periti industriali su cui si è retto lo sviluppo del nostro disastrato paese.  Se ci fosse stato solo il liceo classico, non ci sarebbe stato il boom economico. Prima di parlare dell'ITIS sciacquatevi la bocca. Lo dico da ex liceale.
Tornare in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 11:24 pm

Ai miei tempi si andava all'itis o ragioneria o geometri perché il diploma, al contrario di quello liceale consentiva di lavorare dopo la maturità e quindi contribuire al reddito familiare con quattro cinque anni di anticipo, e non certo perché si fosse stupidi o falliti. Oggi è nell'ordine naturale delle cose mandare quelli bravi al liceo e gli altri in quelle scuole che, dopo la Gelmini, non danno neppure più le competenze sottintese alle loro intitolazioni. Detto questo anni addietro al politecnico di Milano si erano fatti studi che dimostravano come i provenienti dal classico, pur partendo svantaggiati sulle materie del primo anno, neanche di tutto il biennio propedeutico, si laureavano più velocemente degli altri e la maggioranza in corso e con voti più alti. Erano ancora gli anni del vecchio ordinamento con laurea quinquennale, quindi non so se è estrapolabile alla situazione attuale, però da' da pensare.
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Lun Ott 05, 2015 11:56 pm

Annaangelaelvira ha scritto:
Anni addietro al politecnico di Milano si erano fatti studi che dimostravano come i provenienti dal classico, pur partendo svantaggiati sulle materie del primo anno, neanche di tutto il biennio propedeutico, si laureavano più velocemente degli altri e la maggioranza in corso e con voti più alti.

il che, ripeto, non dimostra nulla se non il fatto che l'orientamento, alle medie, viene fatto con l'accetta: i migliori al liceo, i mediocri all'ITIS e via decrescendo.

Purtroppo non avremo mai la controprova, che potrebbe darsi solo se un consistente numero di "migliori" venisse, per una volta, indirizzato all'ITIS. Io, da liceale che sa cosa sia il liceo e da docente che sa cosa sia l'ITIS e che, ora, insegna allo scientifico, ribadisco che, IMHO, se ciò avvenisse, quella fortunata annata si troverebbe di molto avvantaggiata rispetto a tutti i loro colleghi latinisti.

Inutile che ce la cantiate e ce la suoniate. E' facile vincere con la formazione del Barcellona contro la formazione dell'Empoli... anche se, magari, l'Empoli, nel suo piccolo, e con le sue limitazioni ed i suoi difetti, esprime, in termini relativi, un gioco migliore.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15777
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Mar Ott 06, 2015 12:51 am

lucetta10 ha scritto:
come dovrà fare un povero A052, all'"inutile" materia, negletto e parruccone, prossimo alla fine del panda, anche lui certo convinto che senza il peggioramento dell'utenza colpa degli insegnanti di scuola media (che in soli tre anni fanno più danno degli altri 7 di scuola dell'obbligo), sarebbe rimasto in gloria
Povero ? Si povero pirla !
Colpa ? Merito direi !

Cani e porci non si diventa alle medie ma in famiglia; i docenti delle medie rendono un utile servizio alla società: segregano i cani e porci lontano dai bravi ragazzi, evitando che questi ultimi marciscano per eccessiva prossimità alle mele marce.

I professori di A052 patiranno una riduzione di iscrizioni non per dirottamento di "quelli bravi" per loro progressiva estinzione, ma prima della catastrofe finale si possono godere, grazie ai docenti delle medie, la lenta decadenza invece dello schianto.

Se cani e porci fossero lasciati sciolti si infilerebbero anche al classico e per i bravi ragazzi ci sarebbe solo più l'autoformazione domiciliare.

Non so se sono stato abbastanza caustico; io ce l'ho messa tutta, perdonatemi se la mia prestazione è stata carente..
Tornare in alto Andare in basso
Annaangelaelvira



Messaggi : 75
Data d'iscrizione : 03.09.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Mar Ott 06, 2015 1:26 am

Che cani e porci si diventi in famiglia e non a scuola credo che sia un dato di fatto come, permettetemi, l'obbligo scolastico a due anni di ii grado sia, per citare Fantozzi, UNA BOIATA PAZZESCA. Ma insomma che orientamento andrebbe fatto alle medie? Perché si dovrebbe orientare i "bravi" ai tecnici o ai professionali? In teoria queste scuole dovrebbero ancora fornire una preparazione per specifici lavori a 19 anni, ed i ragazzi che mostrano di sapersi dedicare allo studio molto probabilmente andranno all'università ed acquisiranno li le competenze professionalizzanti, senza bisogno di approfondirle nella scuola superiore.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1856
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Mar Ott 06, 2015 5:36 am

Francesca4 ha scritto:

Non vorrei rovinarvi la festa, però vorrei ricordare sommessamente che la maggioranza degli studenti che poi si laureano in ingegneria, e ne conosco parecchi, provengono dallo scientifico o, sorpresa delle sorprese, dal classico.
Per cui i vostri discorsi, classisti al contrario, che sponsorizzano l'ITIS, ribadendo l'inutilità dei licei, lasciano davvero il tempo che trovano, oltre all'amaro in bocca!
A quando il superamento di queste prese di posizione senza senso, se non addirittura controproducenti, che tendono a dividere le secondarie in squadre di calcio di serie A e di serie B, funzionali solamente al tifo da stadio,  senza alcuna giustificazione razionale, dato che la scelta tra l'una o l'altra scuola è lasciata, e giustamente, alla libera valutazione dello studente, che va comunque rispettata?

Io darei una lettura diversa. Nel corso degli anni il liceo classico ha più o meno mantenuto il proprio bacino di utenza, con tutti gli aggiustamenti dovuti ai tempi, ed è rimasto una scuola non solo selettiva, ma anche "elettiva", se così si può dire. Quello che è invece cambiato è il rapporto tra liceo scientifico (e derivati) e istituti tecnici.

C'è stato uno scadimento dell'offerta degli istituti tecnici, causato anche dai tagli perpetrati dalla Gelmini; poi ci sono stati una serie di fenomeni sociale di larga portata, come l'essere sempre troppo giovani per ambire a qualcosa, la progressiva demolizione del tessuto produttivo nazionale, la diffusione del precariato e dei lavori dequalificati, che hanno spinto molti ragazzi e famiglie a non ritenere più allettante la possibilità di lavorare a 19 anni fornita dagli istituti tecnici.

La conseguenza di tutto ciò è che i licei scientifici hanno assorbito quasi del tutto l'utenza che prima si indirizzava ai tecnici, a mio avviso con grande scadimento dei risultati didattici raggiunti, e gli istituti tecnici hanno via via raccolto ragazzi sempre meno brillanti e motivati allo studio.

Del resto noi delle medie lo sappiamo bene: al ragazzo brillante nelle materie scientifiche si consiglia a priori lo scientifico, con opzione per il classico (ma mai nella feccia del tecnico!), mentre il ragazzo con evidenti limiti cognitivi e negato per la matematica viene orientato, del tutto impropriamente, sull'istituto tecnico (dove peraltro i programmi nell'ambito matematico, scientifico e tecnologico sono ancora corposi).

Personalmente non sostengo la superiorità né del liceo né degli istituti tecnici. Noto però che le politiche scolastiche sconsiderate di cui ho parlato sopra stanno di fatto affossando sia i licei, rigogliosi di iscritti ma sempre meno efficaci nella didattica, sia gli istituti tecnici, che vengono considerati, sbagliando, delle scuole di serie B. A fare le spese di questa situazione sono però soprattutto gli istituti tecnici, che boccheggiano e si sostengono grazie al biennio obbligatorio; la conseguenza, sul medio-lungo periodo, sarà la perdita in Italia di una cultura tecnico-scientifica che, al di là di sterili contrapposizioni, è necessaria tanto quanto la cultura classica. Perché la cultura tecnico-scientifica dona uno sguardo sul mondo differente da quello proprio della cultura classica ed altrettanto utile.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Tah-Dah!



Messaggi : 895
Data d'iscrizione : 02.01.12

MessaggioOggetto: Re: Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.   Mar Ott 06, 2015 8:49 am

ciao lucetta 10 mi riferivo alla perplessità di scuola 70
Tornare in alto Andare in basso
 
Proposta per una nuova scuola superiore. Dì la tua.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 3 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Lezioni al pomeriggio
» Krokodil, la nuova droga che divora il corpo
» ...la mia nuova strada verso un sogno
» Papa: nuova generazione di cattolici in politica
» Religione nella scuola materna

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: