Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Mer Ott 21, 2015 4:52 pm

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/news/insegnante-scrive-renzi-bonus-500-euro-regalo-simbolico-ma-immenso-gratificarci

"500 euro sul mio conto corrente, provenienti dal Ministero della Pubblica Istruzione. E come me ad ogni INSEGNANTE di ruolo di questo paese, dall'infanzia al liceo. Compresi quelli che berciavano alla distruzione della scuola pubblica e alla deportazione dei neo-assunti, e che ora tacciono, col malloppo in tasca"
"Un regalo neanche tanto simbolico ma immenso"

Solo una persona piccola piccola può considerare 500 € un maloppo; meno male che il tizio fa l'insegnante e non il ladro perchè come il ladro farebbe ridere i rubagalline.
Solo una persona piccola piccola può considerare risarcitorio per la deportazione una cifra irrisoria come 500 €
Solo una persona piccola piccola può confondere il silenzio dovuto all'impossibilità di ribellarsi con una tacita approvazione.
Solo una persona molto confusa o molto ignorante o forse solo molto stupida può confondere un regalo con un finanziamento con vincolo di spesa.

A contraltare di questo cumulo di boiate eccone un altro, meno intriso di falsità ed affermazioni tendenziose, meno intriso ma non privo, e quindi per me non meno fastidioso:

http://www.orizzontescuola.it/news/gianluca-vacca-m5ssui-500-euro-caro-matteo-anche-me-giunta-lettera-del-prof-pinco-pallino

"E' la prima volta che un governo cerca in maniera così sfacciata di 'comprarsi' noi docenti, con quella che sembra tanto una mancia scriteriata! "

"Comprare" è un'attività contrattuale che necessita quindi di patti chiari, dell'individuazione delle prestazioni e dei corrispettivi; se il corrispettivo è chiaro (500 €) la prestazione non lo è per nulla, non c'è mai stata alcuna trattativa nè alcuna richiesta, nè esplicita nè tacita, quindi "comprare" è un termine assolutamente fuori luogo.

Perchè non limitarsi a vedere quei 500 € per quello che probabilmente sono ?
Perchè non considerarli un semplice "lavarsi la coscienza" difronte all'impossibilità di provvedere alla necessità di aggiornamento degli insegnanti, con corsi strutturati e programmati (e remunerati); perchè non vederlo come un ripiego da parte del governo, una sorta di "vorrei fare di più, ma non ho le capacità organizzative e finanziarie, accontentati di questo e cerca di farne buon uso".

Un simile approccio non richiederebbe nessun grazie da parte nostra, anzi, devono essere loro a ringraziarci perchè cercheremo di dare il meglio di noi stessi anche in questo frangente.

Non si sarebbe potuto prendere quei soldi in silenzio ed andarli a spendere in assoluta tranquillità ?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 6:55 pm

haranbanjo ha scritto:
ci credo, ho avuto tanti esempi di insegnanti innamorati del proprio lavoro, e non è su questo che stavo dibattendo....era semplicemente una sfida tra luoghi comuni..il dipendente pubblico nullafacente e l'insegnante con tanto tempo libero...

Già, peccato che in questa discussione non c'è stato alcun contraddittorio tra due fronti di luogo comuen contrapposto, ma ENTRAMBI i luoghi comuni di cui sopra, li hai riproposti solo tu.

L'innamoramento per il proprio lavoro non c'entra assolutamente niente, c'entra la PROFESSIONALITA', che è ben diversa dall'innamoramento.

L.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 7:09 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Lei sta parlando di altro..... quando sono a casa mia sono libero di guardare e scrivere ciò che voglio....e, pure l'estate quando sono in ferie..visto che io le ferie le devo prendere....certo, faccio solo 36 ore settimanali..ed ho qualche pomeriggio libero, ma sono comunque di più di quelle che fa lei durante la settimana...

Ok, trollometro a fondo scala.

Io non rispondo più, avanti il prossimo.

L.

Ma, seriamente, pensate di fare una bella figura a rispondere così? Qualsiasi intervento minimamente dissonante rispetto alle opinioni del gruppetto di frequentatori abituali per voi individua "un troll". Sembra di essere all'asilo, a volte.
C'è gente che la pensa in maniera diversa, al mondo, fatevene una ragione.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 7:14 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 7:27 pm

francescaverdi ha scritto:
Ma, seriamente, pensate di fare una bella figura a rispondere così?  

A me interessa "fare bella figura" con le persone che stimo, e che considero ragionevoli e in buona fede.

Non mi interessa per nulla sbracciarmi a recitare un personaggio diverso dalla mia attitudine reale, per "fare bella figura" con i provocatori, i guastatori o i denigratori del mio lavoro, né tantomeno per accattivarmi la loro simpatia.

Pierino, Paoletta o Pinuccio arrivano qui apposta per sostenere che gli insegnanti sono dei privilegiati, che lavorano troppe poche ore alla settimana, che hanno troppe vacanze, e che sono abbarbicati a modelli arcaici e che non si vogliono adeguare alla società che cambia, e che sono così ingrati da non apprezzare i generosissimi regali che questa riforma ha fatto a tutti loro?

Bene, io penso che Pierino, Paoletta o Pinuccio dicano scemenze o che provochino di proposito, quindi li mando cortesemente a stendere, e non me ne può fregare di meno di provare a "farci la bella figura" con loro.

L.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 7:57 pm

francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)
Catene ? No
Luoghi freddi ? Si
Inospitali ? No
Sopravvivere a stento ? No
Vivere con accortezza ? Si
Paga da fame ? No
Paga inadeguata al titolo richiesto ed alle fatiche per giungere al ruolo ? Si

Hai però trascurato la questione più importante: lontano dal coniuge e dai figli ? Si; scusa se è poco.

Se la scelta fosse stata volontaria e consapevole, senza pressioni mediatiche e psicologiche, con regole certe e trasparenti e se non fossero state dette falsità da parte del governo e dei sindacati (si, anche loro), allora non ci sarebbe da recriminare nulla, ma non è stato così.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 8:01 pm

francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)

PROT

scusa, mi è sfuggito :-)
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Tuguri



Messaggi : 204
Data d'iscrizione : 27.03.15

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 8:08 pm

haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in politiche del lavoro e sono precario da 15 anni e dopo innumuerevoli concorsi superati nel settore pubblico (anche io ho laurea, master, specializzazioni e 10 pagine di curriculum)...anche quest'anno non abbiamo avuto nè il riconoscimento del salario accessorio nè le indennità di sportello perchè il nostro ente, per i tagli del governo, ha sforato il patto di stabilità interno....abbiamo uno stipendio inferiore ad un insegnante di scuola primaria...abbiamo da quattro anni il blocco delle assunzioni e ogni anno è una lotta incredibile ottenere una proroga del contratto sperando che le assunzioni si sblocchino...fuori dal pubblico impiego poi la situazione è pure più drammatica

Tutte le volte che entro qui, con tutto il rispetto, e leggo alcune affermazioni mi si stringe il cuore....agli insegnanti è stato concesso e finanziato un mega piano di assunzioni (con tanto di scorrimento di tutte le graduatorie concorsuali) a tempo indeterminato - 500 euro  per l'aggiornamento (non tassati peraltro).

Credo che sia giusto che gli insegnati possano/debbano aggiornarsi e spero di avere, specie dopo questa riforma che aumenta il numero degli insegnanti, scuole che siano un punto di riferimento per l'educazione dei figli e per il sostegno delle famiglie (una scuola aperta tutto il giorno aiuta i figli a starsene in luoghi che dovrebbero essere sicuri - aiuta i genitori che lavorano a non ridurre l'orario di lavoro o a lasciare la propria occupazione). Spero che mia moglie riesca finalmente ad avere un lavoro a tempo indeterminato....ma in molti qui avrebbero ben più di 500 buone ragioni per stare zitti...un simile trattamento in Italia, specie in questi anni, non l'ha ricevuto nessun dipendente pubblico...precario o di ruolo.... poi ognuno guarda in casa sua, ma ci sono giardini molto meno verdi rispetto al proprio..

Gentile haranbanjo, cerchiamo di evitare la logica del "tanto c'è chi sta peggio".
Non ho sempre fatto il docente e non morirò docendo.
Ho lavorato nel privato per anni, per alcuni mesi senza stipendio e mi ritengo senza dubbio un privilegiato.
Ma in quanto docente pretendo rispetto.
Pretendo rispetto prima di tutto per quei ragazzi con, contro e per cui, lotto ogni maledetta mattina.
L'inganno di questa riforma è tutto per loro.
Una riforma che chiama assunzioni dovute stabilizzazioni di precari che da anni mandano avanti la Scuola Pubblica.
Che assume le persone giuste nel posto sbagliato per insegnare (forse) non si sa cosa.
Che costringe a far domanda persone che temono di non poter lavorare.
Che costringerà o permetterà ad alcuni docenti di insegnare discipline che non conoscono.
Che costringerà a trasferirsi famiglie, come la tua, persone che ogni anno riuscivano a lavorare nella provincia di appartenenza.
Che forse metterà a repentaglio l'efficacia di una delle migliori leggi d'Italia (quella sul sostegno agli studenti con deficit)
E che soprattutto commette il più atroce degli errori: finalmente spende i nostri soldi per la scuola e li spende male, dopo anni di crimini contro la Pubblica Istruzione.
Sono contento che la Buona Scuola si foriera di buone nuove per te e la tua famiglia a cui faccio i migliori auguri.
Ma se guardo al complessivo impianto della riforma cedo al rimpianto per l'enorme occasione persa e per l'ennesimo decadimento di una Scuola che annaspa e lotta per sopravvivere malgrado premier, ministri, funzionari, dirigenti e docenti.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 8:38 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Ma, seriamente, pensate di fare una bella figura a rispondere così?  

A me interessa "fare bella figura" con le persone che stimo, e che considero ragionevoli e in buona fede.

Magari ne passa qualcuna e si mette le mani nei capelli a leggere certe argomentazioni ... non so se vi interessa, ma questo forum è aperto a chiunque, in lettura.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 8:41 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)

PROT

scusa, mi è sfuggito :-)

Umorismo inglese?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 8:45 pm

francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)

PROT

scusa, mi è sfuggito :-)

Umorismo inglese?

No, cerco solo di adeguarmi al tuo protocollo di comunicazione
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 8:52 pm

haranbanjo ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Bene, tu non vorresti che io fossi un'educatrice dei tuoi figli? Bene, nemmeno io vorrei mai rivolgerni a un sedicente "esperto di politiche del lavoro" che sostiene che la riforma di Renzi sia stata un lautissimo e generosissimo regalo a una massa di insensibili che non sanno apprezzarlo.

Ne' considero un interlocutore credibile uno che arriva su un forum di scuola e che si permette che di rivogare per l'ennesima volta l'annosa manfrina demagogica secondo cui "gli insegnanti hanno troppe ferie" e "lavorano poche ore", mica come il povero lavoratore vero vessato e schiavizzato che fatica sul serio.

L.
mah....infatti io non ho scritto nè affermato nulla di ciò che ha riportato sopra...le ho solo risposto su ciò che faccio nel mio tempo libero...e, secondo il mio parere, per un dipendente pubblico sono troppo poche anche le mie di ore. Di certo non è colpa degli insegnanti o dei dipendenti pubblci se gli orari sono questi. Magari al prossimo rinnovo del CCNL si potrebbe chiedere un aumento delle retribuzioni a fronte di un aumento del numero di ore lavorate o del riconoscimento delle ore extra lavorative che nella scuola riguardano colloqui, consigli di classe, progetti specifici ecc..ecc..

nè sostengo che sia un'ottima riforma, anzi, se le interessa ritengo che la modalità organizzativa per il reclutamento sia stata spesso indecifrabile e sballata ( e su questo forum l'ho ribadito più volte.)...anzi se fosse stata semplice mi sarei risparmiato tanti pomeriggi liberi e soprattutto tante arrabbiature

Il fatto che per questa riforma si spendano un sacco di soldi pubblici è, indipendentemente da come la pensi lei o io su renzi, una verità così come ne vengano dati molti anche per l'aggiornamento. Questo non significa voler bene o meno a Renzi (io non posso volergliene visto che i tagli al personale nel mio settore sono stati cospicui, visto che le province sono state dissanguate e abolite), ma i soldi sono di tutti, non sono solo della scuola...a me come marito certo interessa che mia moglie sia assunta, ma come cittadino interessa che ci siano scuole che funzionino...ed il mio ragionamento porta solo ad una considerazione che riguarda il numero degli insegnanti che saranno tanti di più ed avranno risorse per aggiornarsi....poi sul resto delle questioni non entro (preside manager ecc ecc..) su quelle potete arrabbiarvi quanto e come vi pare così come sulla questione degli algoritmi....ma sul fatto che i soldi li abbiano messi non si può dire nulla, perchè, al contrario di tanti altri settori, i soldi per assumere gli insegnanti ne hanno messi tantissimi...ed è questo il solo ragionamento che intendevo fare...

Che il governo abbia stanziato molti soldi per la scuola è un dato di fatto, tuttavia (specialmente i 500 euro) sono stati soldi bruciati, che potevano essere impiegati comprando le LIM o semplicemente ristrutturando le scuole...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:00 pm

francescaverdi ha scritto:
Magari ne passa qualcuna e si mette le mani nei capelli a leggere certe argomentazioni ... non so se vi interessa, ma questo forum è aperto a chiunque, in lettura.

MA NO!!!!!!

E' aperto in lettura?

Che stranooooo... incredibile!

Pensavi davvero che non lo sapessi?

Il mio primo messaggio su un forum in rete, quando ancora non si chiamavano nemmeno forum ma "newsgroup", risale a più di 20 anni fa (non sono sicura se fosse il 1993 o il 1994 ma posso controllare), e di sicuro sto parlando di tempi in cui i nickname nemmeno esistevano, e tutti firmavano col proprio vero nome e cognome, dando per scontato che TUTTI potessero leggerli.

Quindi, figuriamoci se mi preoccupo del fatto che questo forum sia aperto in lettura: sono 20 anni che sono abituata alla normalità assoluta di questa situazione.

Certo che le cose personali eccezionalmente riservate, non le scrivo.

(ma non è che "le scrivo solo nei gruppi chiusi" o "le scrivo solo con un nick irriconoscibile", semplicemente non le scrivo proprio, da nessuna parte)

Ma tutto il resto che ritengo di poter esprimere in pubblico mettendoci la faccia, sono abituata da 20 anni a dare per scontato che sia aperto in lettura o che possa diventarlo.

Quindi perché mai dovrei rimanere impressionata dal tuo avvertimento apocalittico?

L.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:08 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)

PROT

scusa, mi è sfuggito :-)

Umorismo inglese?

No, cerco solo di adeguarmi al tuo protocollo di comunicazione

Ritenta, perché per ora non ti è riuscito.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:10 pm

paniscus_2.0 ha scritto:

Quindi perché mai dovrei rimanere impressionata dal tuo avvertimento apocalittico?

L.

Apocalittico? La mia era una semplice considerazione. A te non interessa, a qualcun altro magari sì.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:14 pm

Ah, quindi tu pensi che il resto degli utenti di questo forum NON LO SAPPIANO, che è aperto in lettura, e che glielo devi spiegare tu?
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:15 pm



avidodinformazioni ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)
Catene ? No
Luoghi freddi ? Si
Inospitali ? No
Sopravvivere a stento ? No
Vivere con accortezza ? Si
Paga da fame ? No
Paga inadeguata al titolo richiesto ed alle fatiche per giungere al ruolo ? Si

Hai però trascurato la questione più importante: lontano dal coniuge e dai figli ? Si; scusa se è poco.

Se la scelta fosse stata volontaria e consapevole, senza pressioni mediatiche e psicologiche, con regole certe e trasparenti e se non fossero state dette falsità da parte del governo e dei sindacati (si, anche loro), allora non ci sarebbe da recriminare nulla, ma non è stato così.

Certamente per qualcuno è stata una scelta non facile, ma è stata volontaria e (credo) consapevole: penso che ognuno abbia considerato la propria situazione (non era la stessa cosa essere al sud in una cdc infelice o al nord in una cdc in cui si entrerà comunque di ruolo in tempi brevi) e le proprie priorità. La sostanza è che c'è stato un piano di assunzioni da 100.000 posti, 55.000 dei quali "in più". Assumere tutti sotto casa era impossibile; forse si poteva fare qualcosa di meglio, in fatto di regole e trasparenza, ma portare avanti un ddl nelle condizioni di polverone mediatico e opposizione sindacale (in gran parte corporativa e poco onesta)  che si erano create era molto difficile. Io credo che alla fine i "deportati" se la caveranno come  tutti quelli che si spostano ogni giorno per lavoro.
Tornare in alto Andare in basso
francescaverdi



Messaggi : 596
Data d'iscrizione : 01.12.11

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:17 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Ah, quindi tu pensi che il resto degli utenti di questo forum NON LO SAPPIANO, che è aperto in lettura, e che glielo devi spiegare tu?

Non volevo spiegarlo, volevo ricordarlo ...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:31 pm

francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
francescaverdi ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
haranbanjo ha scritto:
Bah...io sono qui da marito di insegnante...mi sono iscritto per seguire per lei (abbiamo avuto da poco un bimbo) tutta la fase relativa alla buona scuola.

Sono un esperto in ...

Una curiosità: perché non ti sei ritagliato anche tu un posto nella ricca mangiatoia della Scuola?

La gente è strana ... pensa che decine di migliaia di persone hanno fatto domanda per farsi deportare in catene in luoghi freddi e inospitali, dove sopravviveranno a stento, con una paga da fame e un mucchietto di banconote del Monopoli, utilizzabili solo per comperare libri (che di certo bruceranno per riscaldarsi durante il gelido inverno ...)

PROT

scusa, mi è sfuggito :-)

Umorismo inglese?

No, cerco solo di adeguarmi al tuo protocollo di comunicazione

Ritenta, perché per ora non ti è riuscito.

Mi hai stancato, perciò non ritento un bel niente.
Tornare in alto Andare in basso
ines80



Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 26.10.15

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:32 pm

Buonasera. Non sono riuscita a leggere tutto e neanche ne ho voglia, perdonatemi. Io penso che questi 500 € forse non serviranno a molto, ma sono qualcosa. Ora ce li hanno dati? Bene. Cerchiamo di farli fruttare! Non sputiamo su tutto. Bisogna anche cogliere il lato buono delle cose. E' un contentino? E allora accontentiamoci e continuiamo a lottare per avere quello che conta davvero. Infondo, chi aveva mai dato 500€ a ciascun docente per formarsi? Certo, se ci avessero dato 40€ al mese in più sullo stipendio, sarebbe stato comunque poco, ma avremmo potuto spenderlo come ci pare. E' questo che a me rode! Il non poterli spendere come ritengo opportuno. Mi spiego: oltre ad essere insegnante di scuola primaria, sono psicologa. Mi sono trovata nella necessità di comprare un nb (da usare per entrambi i lavori) e non potevo aspettare se e quando Mr. Renzi e compagnia bella mi avrebbero dati questi benedetti soldini. L'ho comprato e l'ho fatturato come spesa professionale per lo studio. A questo punto non posso scaricarlo sui 500€! Anche perché se avessi saputo che il bonus era retroattivo, non avrei agito in questo modo. Adesso, è vero che posso farmi un bel corso, ma è anche vero che la mia dirigente me ne propinerà almeno 2 aggratisss. E allora perché farne un altro a pagamento? Al momento non ne sento l'esigenza. Mi piacerebbe, invece, farne uno di psicologia. Sulla nota inviata alle scuole su come spendere i 500€ è scritto che l'ente formatore deve essere accreditato dal MIUR. Ebbene, l'ente presso il quale vorrei fare il corso è accreditato dal MIUR. Posso farlo? Io lo faccio lo stesso, perché mi interessa molto e il costo è accessibile, però se lo posso mettere nei 500€ perché non metterlo? In caso contrario lo fatturerei come spesa professionale come ho fatto per il nb. Però vorrei sapere se posso farlo con i 500€. Grazie.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:40 pm

ines80 ha scritto:
Bisogna anche cogliere il lato buono delle cose. E' un contentino? E allora accontentiamoci

E questa è una professionista dell'insegnamento?

Ah, ma forse NO, lo dice nei commenti successivi: è una che cerca di tenersi a galla nella libera professione, e che IN PIU' fa anche qualcosina a scuola come secondo lavoro per arrotondare. E che anzi, ha dichiarato esplicitamente di aver intenzione di usare i fantomatici 500 euro per pagarsi corsi di aggiornamento privati che le servono NON per la scuola, ma per il suo altro lavoro.

E ancora stiamo a discutere con questa gente?

Citazione :
Infondo, chi aveva mai dato 500€ a ciascun docente per formarsi?

Capisco che la nostra interlocutrice (se la cifra 80 che compare nel nick è il suo anno di nascita) abbia fatto in tempo a diplomarsi e laurearsi nella scuola del "successo formativo garantito a tutti" e della "valutazione delle competenze piuttosto che delle conoscenze", tanto da arrivare a fare l'insegnante pur scrivendo INFONDO tutto attaccato...

...però io garantisco che una quindicina di anni fa, quando avevo appena iniziato a insegnare, è esistito per un anno o due un esplicito rimborso per "spese di autoaggiornamento" che a suo tempo mi permise di pagarmi integralmente l'abbonamento a una delle riviste scientifiche internazionali più note e più quotate del pianeta, dalla quale attingere a piene mani per potenziamento e rafforzamento nelle mie materie di insegnamento.

Non ricordo nemmeno chi fosse il ministro all'epoca, forse De Mauro, ma non sono sicurissima.

Quindi, che sia una novità inventata per la prima volta dal genio innovativo di Renzi, proprio non mi risulta.

L.


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Lun Ott 26, 2015 9:52 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:46 pm

francescaverdi ha scritto:



Certamente per qualcuno è stata una scelta non facile, ma è stata volontaria e (credo) consapevole: penso che ognuno abbia considerato la propria situazione (non era la stessa cosa essere al sud in una cdc infelice o al nord in una cdc in cui si entrerà comunque di ruolo in tempi brevi) e le proprie priorità. La sostanza è che c'è stato un piano di assunzioni da 100.000 posti, 55.000 dei quali "in più". Assumere tutti sotto casa era impossibile; forse si poteva fare qualcosa di meglio, in fatto di regole e trasparenza, ma portare avanti un ddl nelle condizioni di polverone mediatico e opposizione sindacale (in gran parte corporativa e poco onesta)  che si erano create era molto difficile. Io credo che alla fine i "deportati" se la caveranno come  tutti quelli che si spostano ogni giorno per lavoro.

Anch'io mi auguro che tutti abbiano ben ponderato le loro scelte, anche se sinceramente più si avvicina il giorno x, più i dubbi mi assalgono.
Eh sì, anch' io sono umana, ed inoltre sono sempre stata convinta , e non da oggi, che il mio posto, se mai ci fosse, sarà in un'altra regione; anch'io ho una famiglia da lasciare e spero vivamente che continui a condividere fino in fondo la mia scelta, perché sono pienamente consapevole che non esista la soluzione perfetta e che nella vita bisogna fare sacrifici per poter raggiungere gli obiettivi agognati, e credo che anche questo possa essere per i miei figli un messaggio educativo da recepire.
Ma bando alla tristezza, mi ha incuriosito la tua ultima frase nella quale sembri prefigurare lo scenario di docenti pendolari che quotidianamente dovrebbero spostarsi per raggiungere la sede di lavoro.
Pensi sia davvero possibile per gran parte di loro sperare di poter viaggiare muovendosi da casa propria ogni giorno?
Perché sai, questo potrebbe voler dire che ci sarebbe la speranza di ricongiungersi ogni sera con le rispettive famiglie, cosa non da poco!
Potresti, per cortesia, ulteriormente corroborare questa prospettiva, o magari segnalarmi che mi sto sbagliando a fare questa congettura.
Vorrei mi rispondessi perché mi fido delle tue intuizioni;-)
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:49 pm

ines80 ha scritto:
Buonasera. Non sono riuscita a leggere tutto e neanche ne ho voglia, perdonatemi. Io penso che questi 500 € forse non serviranno a molto, ma sono qualcosa. Ora ce li hanno dati? Bene. Cerchiamo di farli fruttare! Non sputiamo su tutto.
Credo che siano in pochi a sputare. Io per primo, pur essendo critico sul contesto generale in cui si integra il "bonus", lo impiegherò al momento opportuno.

Citazione :
Mi spiego: oltre ad essere insegnante di scuola primaria, sono psicologa. Mi sono trovata nella necessità di comprare un nb (da usare per entrambi i lavori) e non potevo aspettare se e quando Mr. Renzi e compagnia bella mi avrebbero dati questi benedetti soldini. L'ho comprato e l'ho fatturato come spesa professionale per lo studio. A questo punto non posso scaricarlo sui 500€! Anche perché se avessi saputo che il bonus era retroattivo, non avrei agito in questo modo. Adesso, è vero che posso farmi un bel corso, ma è anche vero che la mia dirigente me ne propinerà almeno 2 aggratisss. E allora perché farne un altro a pagamento? Al momento non ne sento l'esigenza. Mi piacerebbe, invece, farne uno di psicologia. Sulla nota inviata alle scuole su come spendere i 500€ è scritto che l'ente formatore deve essere accreditato dal MIUR. Ebbene, l'ente presso il quale vorrei fare il corso è accreditato dal MIUR. Posso farlo? Io lo faccio lo stesso, perché mi interessa molto e il costo è accessibile, però se lo posso mettere nei 500€ perché non metterlo? In caso contrario lo fatturerei come spesa professionale come ho fatto per il nb. Però vorrei sapere se posso farlo con i 500€. Grazie.

Un "corso di psicologia" può avere tante finalità, non necessariamente didattiche. Ma la psicologia, di per sé non è svincolata dalla didattica, i due ambiti si incrociano e si compenetrano spesso, anche nella quotidianità. Del resto ricordo che una parte rilevante del corso di formazione in presenza che feci nell'anno di prova era tenuto da uno psicologo sul tema della comunicazione. E circa 20 anni fa partecipai ad uno dei migliori progetti contro la dispersione che ho mai visto facendo parte di un gruppo di lavoro coordinato e formato da uno psicologo e insegnante. Quell'anno, nelle classi coinvolte nel progetto (prime e seconde), la percentuale di drop out si era ridotta allo 0%! E si trattava di un istituto professionale.
Insomma, se l'ente formatore è accreditato dal MIUR e se l'oggetto del corso ha attinenza con la didattica e con la funzione del docente, credo che l'utilizzo del bonus per questa formazione sia decisamente pertinente.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 9:58 pm

Francesca4 ha scritto:
francescaverdi ha scritto:



Certamente per qualcuno è stata una scelta non facile, ma è stata volontaria e (credo) consapevole: penso che ognuno abbia considerato la propria situazione (non era la stessa cosa essere al sud in una cdc infelice o al nord in una cdc in cui si entrerà comunque di ruolo in tempi brevi) e le proprie priorità. La sostanza è che c'è stato un piano di assunzioni da 100.000 posti, 55.000 dei quali "in più". Assumere tutti sotto casa era impossibile; forse si poteva fare qualcosa di meglio, in fatto di regole e trasparenza, ma portare avanti un ddl nelle condizioni di polverone mediatico e opposizione sindacale (in gran parte corporativa e poco onesta)  che si erano create era molto difficile. Io credo che alla fine i "deportati" se la caveranno come  tutti quelli che si spostano ogni giorno per lavoro.

Anch'io mi auguro che tutti abbiano ben ponderato le loro scelte, anche se sinceramente più si avvicina il giorno x, più i dubbi mi assalgono.
Eh sì, anch' io sono umana, ed inoltre sono sempre stata convinta , e non da oggi, che il mio posto, se mai ci fosse, sarà in un'altra regione; anch'io ho una famiglia da lasciare e spero vivamente che continui a condividere fino in fondo la mia scelta, perché sono pienamente consapevole che non esista la soluzione perfetta e che nella vita bisogna fare sacrifici per poter raggiungere gli obiettivi agognati, e credo che anche questo possa essere per i miei figli un messaggio educativo da recepire.
Ma bando alla tristezza, mi ha incuriosito la tua ultima frase nella quale sembri prefigurare lo scenario di docenti pendolari che quotidianamente dovrebbero spostarsi per raggiungere la sede di lavoro.
Pensi sia davvero possibile per gran parte di loro sperare di poter viaggiare  muovendosi da casa propria ogni giorno?
Perché sai, questo potrebbe voler dire che  ci sarebbe la speranza di ricongiungersi ogni sera con le  rispettive famiglie, cosa non da poco!
Potresti, per cortesia, ulteriormente corroborare questa prospettiva, o magari segnalarmi che mi sto sbagliando a fare questa congettura.
Vorrei mi rispondessi perché mi fido delle tue intuizioni;-)
A questa domanda si può rispondere quasi facilmente: torneranno a casa coloro che magari non lavoreranno in provincia ma almeno in regione si.
Prendi il numero di precari campani che dalla tua cdc hanno fatto domanda, togli i posti che la Campania rende disponibili sulla tua cdc, hai ottenuto il numero di deportati di lungo corso ovvero di quelli che vivranno una fastidiosissima separazione familiare.

Disponendo di dati sociologici si potrebbe anche stimare il numero di mariti e mogli cornute oltre che di figli sbandati a vario titolo, ma sono dati che non sarei in grado di reperire ....... non per questo pari a zero.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 10:01 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Disponendo di dati sociologici si potrebbe anche stimare il numero di mariti e mogli cornute oltre che di figli sbandati a vario titolo, ma sono dati che non sarei in grado di reperire ....... non per questo pari a zero.

Scusa Avido, ma hai dimenticato di scriverlo in bastard mode!
Tornare in alto Andare in basso
ines80



Messaggi : 7
Data d'iscrizione : 26.10.15

MessaggioOggetto: Re: Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)   Lun Ott 26, 2015 10:09 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
ines80 ha scritto:
Bisogna anche cogliere il lato buono delle cose. E' un contentino? E allora accontentiamoci

E questa è una professionista dell'insegnamento?

Ah, ma forse NO, lo dice nei commenti successivi: è una che cerca di tenersi a galla nella libera professione, e che IN PIU' fa anche qualcosina a scuola come secondo lavoro per arrotondare. E che anzi, ha dichiarato esplicitamente di aver intenzione di usare i fantomatici 500 euro per pagarsi corsi di aggiornamento privati che le servono NON per la scuola, ma per il suo altro lavoro.

E ancora stiamo a discutere con questa gente?

Citazione :
Infondo, chi aveva mai dato 500€ a ciascun docente per formarsi?

Capisco che la nostra interlocutrice (se la cifra 80 che compare nel nick è il suo anno di nascita) abbia fatto in tempo a diplomarsi e laurearsi nella scuola del "successo formativo garantito a tutti" e della "valutazione delle competenze piuttosto che delle conoscenze", tanto da arrivare a fare l'insegnante pur scrivendo INFONDO tutto attaccato...

...però io garantisco che una quindicina di anni fa, quando avevo appena iniziato a insegnare, è esistito per un anno o due un esplicito rimborso per "spese di autoaggiornamento" che a suo tempo mi permise di pagarmi integralmente l'abbonamento a una delle riviste scientifiche internazionali più note e più quotate del pianeta, dalla quale attingere a piene mani per potenziamento e rafforzamento nelle mie materie di insegnamento.

Non ricordo nemmeno chi fosse il ministro all'epoca, forse De Mauro, ma non sono sicurissima.

Quindi, che sia una novità inventata per la prima volta dal genio innovativo di Renzi, proprio non mi risulta.

L.


Punto primo: io ho fatto delle osservazioni e delle domande e non ho ricevuto risposta, se non offensiva.
Punto secondo: se questo è il livello dei docenti italiani, non possiamo aspettarci altro che andare peggio.
Punto terzo: in uno testo così lungo, un errore può capitare. Se è l'unico che hai trovato nel mio post e te ne lamenti, ti invito a rileggere nel forum i vari commenti e metterti a far caso bene bene a quanto leggi. Troverai un mare di asineria!!!
Io sono stata educata e rispettosa. Non mi sono schierata, né ho detto nulla che fosse offensivo o giudicante! E, onestamente, mi pento di aver scritto! Mi sono illusa che, pur essendo i toni dei vari commenti abbastanza pesanti, al commento di una persona nuova che si inseriva con educazione e tono rispettoso, si rispondesse in maniera altrettanto educata e rispettosa. Pazienza... Ho sbagliato. Ma non solo a scrivere... Ho sbagliato proprio mestiere a mescolarmi con gente così! Per fortuna, e davvero per fortuna, il livello delle mie colleghe è tutt'altro!
Tornare in alto Andare in basso
 
Parlerò di 500 buone ragioni per stare zitti (ops)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 5 di 10Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente
 Argomenti simili
-
» c'ho la sciatica,la gamba mi fa male...non posso stare a letto..
» Buone notizie.
» Quando iniziano a stare seduti
» Buone vacanze a tutti, io parto...
» marche buone di gel Nail mail, nailspro.. o cosa??

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: