Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Master in diritto del lavoro (ed altri diritti) anzichè italianistica

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Master in diritto del lavoro (ed altri diritti) anzichè italianistica   Gio Ott 22, 2015 8:45 pm

http://www.orizzontescuola.it/news/bonus-500-euro-rifiutarli-si-pu-rispendendoli-al-mittente-lettera

"Ieri, 22 ottobre 2015, sentendomi “violata” nella mia dignità e nella privacy del mio conto corrente bancario, mi sono recata nella mia filiale di banca e ho chiesto semplicemente al Direttore se era ammissibile che qualcuno versasse soldi ul mio conto corrente a mia insaputa e senza mia autorizzazione."

"Chissà, magari ha più forza un gesto nuovo come questo che farsi trattenere 5 giorni di sciopero dalla busta paga."

Se invece di buttare soldi in master di italianistica ed altre amenità si studiasse un po' più il diritto, si scoprirebbe che "violazione della privacy" non è qualsiasi interessamento o collegamento alla nostra vita, ma una selezione molto stringente di queste cose.
Si potrebbe scoprire che lo Stato ha avuto il mandato a versare le quote monetarie di nostra pertinenza sul conto corrente che abbiamo comunicato e che tra queste, la legge 107 prevede un accredito di 500 €.
Si potrebbe scoprire che la pubblicazione di una legge in G.U. è adeguata informazione e che quindi vaporizza il concetto di "a mia insaputa".

La cosa però più grave è ritenere che lo sciopero abbia come finalità quella di farsi decurtare le giornate di stipendio; proprio il fatto che esistano persone che la pensano così è alla base di ragionamenti del tipo "però così creiamo un danno ai nostri studenti".

SVEGLIA ! LO SCIOPERO SERVE PER CREARE DANNI !

Io ti creo un danno così tu accetti quello che ti chiedo, questa è la filosofia dello sciopero.

Quello che ha fatto la nobilissima docente è l'anti sciopero non una forma alternativa di sciopero; ha fatto un piacere allo Stato che vuole combattere, senza arrecargli danno alcuno e  ....... a sua insaputa; perchè non creda la furbona che lo Stato o Faraone o Giannini o Renzi sapranno mai cos'ha fatto.

Per fortuna non lo sapranno mai, altrimenti sai che risate si farebbero.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Master in diritto del lavoro (ed altri diritti) anzichè italianistica   Gio Ott 22, 2015 9:11 pm

avidodinformazioni ha scritto:
http://www.orizzontescuola.it/news/bonus-500-euro-rifiutarli-si-pu-rispendendoli-al-mittente-lettera

"Ieri, 22 ottobre 2015, sentendomi “violata” nella mia dignità e nella privacy del mio conto corrente bancario, mi sono recata nella mia filiale di banca e ho chiesto semplicemente al Direttore se era ammissibile che qualcuno versasse soldi ul mio conto corrente a mia insaputa e senza mia autorizzazione."

"Chissà, magari ha più forza un gesto nuovo come questo che farsi trattenere 5 giorni di sciopero dalla busta paga."

Se invece di buttare soldi in master di italianistica ed altre amenità si studiasse un po' più il diritto, si scoprirebbe che "violazione della privacy" non è qualsiasi interessamento o collegamento alla nostra vita, ma una selezione molto stringente di queste cose.
Si potrebbe scoprire che lo Stato ha avuto il mandato a versare le quote monetarie di nostra pertinenza sul conto corrente che abbiamo comunicato e che tra queste, la legge 107 prevede un accredito di 500 €.
Si potrebbe scoprire che la pubblicazione di una legge in G.U. è adeguata informazione e che quindi vaporizza il concetto di "a mia insaputa".

La cosa però più grave è ritenere che lo sciopero abbia come finalità quella di farsi decurtare le giornate di stipendio; proprio il fatto che esistano persone che la pensano così è alla base di ragionamenti del tipo "però così creiamo un danno ai nostri studenti".

SVEGLIA ! LO SCIOPERO SERVE PER CREARE DANNI !

Io ti creo un danno così tu accetti quello che ti chiedo, questa è la filosofia dello sciopero.

Quello che ha fatto la nobilissima docente è l'anti sciopero non una forma alternativa di sciopero; ha fatto un piacere allo Stato che vuole combattere, senza arrecargli danno alcuno e  ....... a sua insaputa; perchè non creda la furbona che lo Stato o Faraone o Giannini o Renzi sapranno mai cos'ha fatto.

Per fortuna non lo sapranno mai, altrimenti sai che risate si farebbero.

Avido, pur condividendo tutta la parte iniziale del tuo intervento, non posso però unirmi a te nel cinismo che hai mostrato nell'ultima fase che hai postato, perché esiste anche una libertà intrinseca di manifestare il proprio dissenso,e questo indipendentemente dagli effetti giuridici od economici che sia in grado di produrre nella sfera personale o professionale di coloro verso i quali intendiamo indirizzare la nostra protesta, che potrebbero anche essere uguali a zero, perchè non è questo che conta.
Si tratta di scegliere liberamente di adeguare il nostro stile di vita a scelte che attengono ai nostri valori personali,che sono irrinunciabili ed insopprimibili, per cui ci si muove su un piano etico e non giuridico-economico, ed anche quelle scelte, seppure non condivisibili, vanno rispettate, anzi devono essere rispettate, da chiunque, persino da te e da tutti coloro che la pensino diversamente dalla nobile docente, me compresa.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Master in diritto del lavoro (ed altri diritti) anzichè italianistica   Gio Ott 22, 2015 9:24 pm

Non metto in dubbio il suo diritto a protestare ed a farlo in quella forma.

Non penso che esista un dovere da parte mia a rispettare una cosa che giudico stupida; anzi penso che il fatto che lei abbia pubblicizzato la sua azione sia un'autorizzazione a tutti di esprimerci su un giudizio, ed il mio non è lusinghiero.

Einstein diceva che quel che non è misurabile non esiste (in relazione all'esistenza dell'etere); misurabile significava rilevabile e nel nostro caso riconoscibile.

Renzi & co. non rileveranno quella restituzione e quindi quella restituzione (per loro) non esiste.
Tornare in alto Andare in basso
 
Master in diritto del lavoro (ed altri diritti) anzichè italianistica
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» antropocentrismo, diritti animali e atei
» malattia post transfer..cosa avete detto a lavoro?
» natalia ryjkova master
» cerco lavoro come onicotecnoca a Napoli
» Dove acquistare un tavolo da lavoro?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: