Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 ancora sui viaggi d(')istruzione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
clamar79



Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 03.09.11

MessaggioOggetto: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 1:48 pm

Non voglio aprire alcuna diatriba tra viaggi sì/viaggi no.
Ho letto questo topic di giovanna onnis (preziosa lei e prezioso il suo contributo:La CM 291/92 richiedeva tassativamente la partecipazione di almeno i 2/3 della classe per poter effettuare il viaggio d'istruzione, ma i DPR dell’8/03/1999 n. 275 e del 6/11/2000 n. 347 hanno dato completa autonomia alle istituzioni scolastiche anche in materia di uscite/visite guidate e viaggi di istruzione, in Italia e all'estero. Spetta quindi agli Organi Collegiali fissare i criteri generali organizzativi di tutte le tipologie di uscita e ancora meglio approvare uno specifico Regolamento.
Tutto questo è chiarito in dettaglio nella guida di Paolo Pizzo)

Ecco la domanda, a cui non ho trovato risposta nel forum: in occasione dei viaggi di istruzione di più giorni, ma anche delle uscite didattiche di un giorno in nome dell'autonomia totale che hanno gli istituti in materia di gestione e organizzazione si può pensare, all'interno di un regolamento ad hoc, di sospendere le attività didattiche e quindi gli alunni che non partecipano al viaggio/uscita farli stare a casa? Attenzione: non la possibilità, ma l'obbligo che non mi sembra tanto peregrino: in quei giorni l'attività didattica si sposta a Canicattì (mi riferisco certamente ad un viaggio ben preparato, con costi contenuti per avere la massima adesione possibile, quando non gratuite per i ragazzi, etc), chi non va sta a casa SENZA POI GIUSTIFICARE, ovviamente.
La UIL in un suo comunicato nega questa ipotesi (intravedendo l'interruzione di pubblico servizio e diritti all'educazione dei non partecipanti al viaggio, visita...). A livello ministeriale ci sono normative esplicite?
E' come se la scuola in quei giorni si sdoppiasse e offrisse 2 attività didattiche: il viaggio a Canicattì e la normale lezione in classe (per pochi quando non pochissimi o zero alunni!). Grazie
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7534
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:04 pm

Ma io direi: manonesisteproprio.
Sfido qualsiasi ds a fare una folle scelta simile.
Penso che come genitore gli farei causa anche solo per il gusto di rompergli i maroni.
Se voglio partecipo alla gita...
Se non voglio rimango (a casa con assenza giustificata dal genitore, se minore...o rimango a scuola in altra classe, fosse anche solo a vegetare per una settimana)
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:08 pm

Non so di normative esplicite, ma la didattica differenziata, personalizzata, non è tabù; i corsi di recupero ed i progetti per le eccellenze sono le cose alle quali siamo abituati, l'alternativa alla religione, la permanenza a casa o l'ora di religione sono già attività molto differenziate, quindi tenderei a dire che l'impianto normativo che consente queste differenze può benissimo consentire lo stare a casa 3 giorni a chi non volesse andare a Canicattì.
Tornare in alto Andare in basso
clamar79



Messaggi : 466
Data d'iscrizione : 03.09.11

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:14 pm

bene: 2 risposte diametralmente opposte....grazie! :-)
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:18 pm

clamar79 ha scritto:
bene: 2 risposte diametralmente opposte....grazie! :-)
adesso capisci perchè noi insegnanti non sappiamo lavorare in gruppo ?

La collegialità a scuola non ha mai funzionato e mai funzionerà.


Ultima modifica di avidodinformazioni il Ven Ott 23, 2015 2:19 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7534
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:18 pm

Da me, scuole medie varie... durante la settimana di scuolanatura, organizzata dal comune, prezzo politico minimo, partecipano tutte le classi seconde...
Gli alunni che scelgono di non partecipare vengono a scuola, ospitati in altre classi (retrocessi in prima o momentaneamente promossi in terza perché appunto, spesso sono in uscita le classi seconde), oppure si fanno settimana di vacanza che giustificano poi i genitori.
Stessa prassi nei viaggi brevi di uno o più giorni organizzati dalle singole classi.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:19 pm

Direi proprio di no. Chi non parte deve fare attività didattica, così come la stanno facendo, con altri contenuti, quelli che sono partiti.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:21 pm

tellina ha scritto:
Da me, scuole medie varie... durante la settimana di scuolanatura, organizzata dal comune, prezzo politico minimo, partecipano tutte le classi seconde...
Gli alunni che scelgono di non partecipare vengono a scuola, ospitati in altre classi (retrocessi in prima o momentaneamente promossi in terza perché appunto, spesso sono in uscita le classi seconde), oppure si fanno settimana di vacanza che giustificano poi i genitori.
Stessa prassi nei viaggi brevi di uno o più giorni organizzati dalle singole classi.
Sì, questa è la prassi; la domanda però è: volendo discostarsi dalla prassi si contravviene a qualche norma ? La mia risposta è : "credo di no".


Ultima modifica di avidodinformazioni il Ven Ott 23, 2015 2:21 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:21 pm

Neanche a me l'idea sembra tanto peregrina. E' quello che accade normalmente per le visite di un giorno, o per attività anche solo antimeridiane che si svolgono fuori dalla scuola: chi non partecipa sta a casa, la lezione è altrove, gli orari dei docenti per quel giorno sono rimodulati in funzione del fatto che la classe è fuori per un'attività didattica, e questo senza bisogno di alcuna norma esplicita perché di fatto è così. Date le condizioni che tu auspichi (programmazione puntuale del consiglio di classe, i propri docenti come accompagnatori, partecipazione resa possibile a tutti con contributi economici) io pure, secondo la logica, direi che chi non partecipa sta a casa. Se la classe non c'è e l'attività didattica si svolge altrove, la scuola non è tenuta a fare da baby-sitter a nessuno.
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7534
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:21 pm

Ma non scherziamo...la collegialità è ben altro.
Qui, soprattutto in caso di minori, entra anche in gioco il dovere/diritto allo studio e la non obbligatorietà, di legge, per qualsivoglia uscita didattica.

Zhs...dimmi se ti è mai capitata una scuola pubblica con gestione simile!?!?!
Altro che denuncia...
La scuola è obbligata anche ad offrire l'alternativa al viaggio e all'uscita.
Anche solo facendo babysitteraggio!
Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:26 pm

OK tellina...mi dici in che modo la scuola garantisce il diritto allo studio durante quelle puttanate di autogestione/occupazione?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:27 pm

tellina ha scritto:
Ma non scherziamo...la collegialità è ben altro.
Qui, soprattutto in caso di minori, entra anche in gioco il dovere/diritto allo studio e la non obbligatorietà, di legge, per qualsivoglia uscita didattica.
No intendevo dire che, ad esempio, nel consiglio di classe dovremmo strutturare una didattica coordinata, interdisciplinare, con obiettivi trasversali, ed ovviamente inclusiva, differenziate, personalizzata ecc ecc.
Poi alla fine ognuno di noi si piazza alla lavagna ed insegna le solite equazioni di secondo grado nel modo che ritiene più opportuno.

Noi non siamo conviventi, noi siamo coinquilini.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:28 pm

Felipeto ha scritto:
OK tellina...mi dici in che modo la scuola garantisce il diritto allo studio durante quelle puttanate di autogestione/occupazione?
Il docente in sala professori può studiare quello che vuole.
Non è lui che studia a scuola ?
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:29 pm

Può spendersi in santa pace i suoi ,500euro per formarsi...
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7534
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:31 pm

Io vivo in un monolocale...sciò..che non c'è spazio.
Ma l'autogestione è legale? Forse per studenti maggiorenni...che, se non erro, tecnicamente quindi potrebbero anche essere arrestati per interruzione di pubblico servizio...(ipotizzo...non ne so nulla...).
Tornare in alto Andare in basso
Online
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:32 pm

tellina ha scritto:
Ma non scherziamo...la collegialità è ben altro.
Qui, soprattutto in caso di minori, entra anche in gioco il dovere/diritto allo studio e la non obbligatorietà, di legge, per qualsivoglia uscita didattica.

Zhs...dimmi se ti è mai capitata una scuola pubblica con gestione simile!?!?!
Altro che denuncia...
La scuola è obbligata anche ad offrire l'alternativa al viaggio e all'uscita.
Anche solo facendo babysitteraggio!

E' quello che si fa normalmente, infatti, anche se è una contraddizione: l'uscita è attività didattica, dovrebbe essere oggetto di successiva verifica, ha una ricaduta didattica. Se è così, l'alunno deve partecipare. Il che, secondo me, restituirebbe anche dignità all'attività in sé, e per quanto mi riguarda io farei uscire gli studenti solo se partecipano tutti. Esiste una norma precisa che impone l'alternativa?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6159
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 2:37 pm

Ma scusate un attimo, eh... se si deve garantire l'attività sostitutiva a chi non va in gita, vuol dire ammettere tranquillamente che la gita non è un'attività didattica, ma è solo una vacanza.

Se si continua a sostenere che la gita è un'attività didattica, programmata dal consiglio di classe e rivolta alla classe, vuol dire che quella è la normale attività didattica della classe prevista per quel giorno, solo che si svolge altrove.

Esattamente come una lezione di fisica qualche volta si svolge in aula e qualche volta in laboratorio, e  eon mi risulta che esista il diritto all'attività alternativa garantita a chi non vuole andare in laboratorio perché non gli va o perché la famiglia è contraria.

Chi non può o non vuole andare in gita, ossia non può o non vuole partecipare all'attività didattica prevista per la classe per quel giorno, che si prenda la sua normalissima responsabilità personale e stia a casa, tanto non sarà certo quel singolo giorno (o quei tre o quattro giorni) di assenza in più a rovinargli la validità dell'anno scolastico, a meno che di assenze non ne abbia già fatte troppe per motivi molto più futili.

A meno che il problema non sia un altro, e cioè che la famiglia rivendica il diritto a piazzare il figlio da qualche parte e farlo sorvegliare a qualcuno per più ore al giorno possibili, che è cosa ben diversa dalla rivendicazione del "diritto allo studio".

E se si sta parlando di un sedicenne che non partecipa alla gita di classe perché non gli interessa o perché i genitori non ce lo mandano... non mi si venga a raccontare che abbia una voglia sviscerata di passarsi le mattinate ugualmente a scuola, parcheggiato in altre classi o sorvegliato malinconicamente insieme ad altri tre o quattro da un supplente occasionale, e che non preferisca starsene a casa a dormire.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 3:09 pm

La legge però non dice questo: va comunque preservato, sia pur spesso solo a livello formale, il diritto allo studio del fanciullo. Non è neanche troppo difficile rendere questo diritto non solo formale smistando i ragazzi rimasti a scuola nelle classi dei propri professori che non hanno partecipato alla gita, o viaggio d'istruzione che dir si voglia, in modo da sfruttare i giorni a disposizione per migliorare le proprie conoscenze e abilità.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6159
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 3:37 pm

Boh, io ho lavorato sia in scuole dove l'interpretazione era questa (per cui chi non partecipava alla gita poteva venire a scuola e svolgere altre attività) sia in scuole dove l'interpretazione era quella più stretta (ossia, l'attività didattica della tua classe oggi è quella della gita, quindi se non ci vai te ne stai a casa) e nessuno si lamentava... per cui penso che nessuna delle due sia obbligatoria per legge, e che ogni scuola possa decidere realmente come le pare.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
tellina



Messaggi : 7534
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 4:22 pm

No ma paniscus...spiega: il piccino non andava in gita e non veniva a scuola...e si presentava a scuola dopo sette giorni cosí? Senza giustificazione?
Mai mai mai capitato.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6159
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 5:28 pm

A parte che il "piccino" era un ragazzo delle superiori, ma no, perché senza giustificazione? Portava regolarmente la giustificazione, come per qualsiasi assenza per ragioni personali di qualsiasi tipo. Anzi, di solito portava la comunicazione in anticipo, perché ovviamente si doveva sapere chi aveva intenzione di aderire alla gita e chi no...
Tornare in alto Andare in basso
Online
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 6:14 pm

ushikawa ha scritto:
La legge però non dice questo: va comunque preservato, sia pur spesso solo a livello formale, il diritto allo studio del fanciullo. Non è neanche troppo difficile rendere questo diritto non solo formale smistando i ragazzi rimasti a scuola nelle classi dei propri professori che non hanno partecipato alla gita, o viaggio d'istruzione che dir si voglia, in modo da sfruttare i giorni a disposizione per migliorare le proprie conoscenze e abilità.

Mah. Mi pare difficile sostenere che il diritto allo studio è salvaguardato se mandi il ragazzino a fare lezione in un'altra classe, con il suo docente che deve fare lezione a studenti che (quelli sì) hanno tutto il diritto di non perdere nemmeno cinque minuti dell'ora. Magari, come nel mio caso, uno è di prima e gli altri sono di quinta: che senso ha?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 6:39 pm

zshiraz ha scritto:
ushikawa ha scritto:
La legge però non dice questo: va comunque preservato, sia pur spesso solo a livello formale, il diritto allo studio del fanciullo. Non è neanche troppo difficile rendere questo diritto non solo formale smistando i ragazzi rimasti a scuola nelle classi dei propri professori che non hanno partecipato alla gita, o viaggio d'istruzione che dir si voglia, in modo da sfruttare i giorni a disposizione per migliorare le proprie conoscenze e abilità.

Mah. Mi pare difficile sostenere che il diritto allo studio è salvaguardato se mandi il ragazzino a fare lezione in un'altra classe, con il suo docente che deve fare lezione a studenti che (quelli sì) hanno tutto il diritto di non perdere nemmeno cinque minuti dell'ora. Magari, come nel mio caso, uno è di prima e gli altri sono di quinta: che senso ha?
Ma come non lo sai ? Basta respirare l'aria di scuola e ti istruisci ! Se poi il docente fa lezioni personalizzate ai suoi 30 alunni di quarta, di cui un disabile 3 DSA e 5 BES e 2 eccellenze, aggiungendo una personalizzazione anche per l'alunno di quinta ecco che il gioco è fatto; che ce vò ?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 6:43 pm

Se li mandano a me gli alunni che non sono andati in gita qualcosa da fare glielo trovo.
Tornare in alto Andare in basso
zshiraz



Messaggi : 129
Data d'iscrizione : 10.11.14

MessaggioOggetto: Re: ancora sui viaggi d(')istruzione   Ven Ott 23, 2015 7:07 pm

ushikawa ha scritto:
Se li mandano a me gli alunni che non sono andati in gita qualcosa da fare glielo trovo.

Qualcosa da fare lo trovano tutti: i compiti, un approfondimento, una presentazione, quello che vuoi. La questione è che stai improvvisando e sostituendo l'attività didattica programmatica (la visita di istruzione) con qualcosa che non c'entra e che non è previsto debba essere fatto.
Tornare in alto Andare in basso
 
ancora sui viaggi d(')istruzione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» DA OGGI E' ATTIVA LA CONVENZIONE CON TUI VIAGGI
» RIATTIVAZIONE CASELLA POSTA @ISTRUZIONE.IT
» Chi difende l'intoccabile casta dei farmacisti?
» mano finta con cartina
» pregnyl 5000 ui

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: