Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Alunni che non seguono il programma

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Violaxxx



Messaggi : 664
Data d'iscrizione : 08.09.11

MessaggioOggetto: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 3:53 am

Ho in classe alcuni bambini che le mie colleghe hanno voluto inserire tra i Bes. Non abbiamo nessuna certificazione o valutazione medica, abbiamo "solo" constatato che non riescono più a seguire il programma che segue il resto della classe, sono per così dire "rimasti indietro" (e non sono neanche in grado di dire se mai recupereranno, perché appunto non so se hanno un disturbo d'apprendimento dovuto ad un ritardo mentale o altro..). Il mio problema è questo: come posso gestirli, somministrando loro attività personalizzate (per non dire differenziate), se nel frattempo devo spiegare al resto della classe nuovi argomenti? Si trattasse solo di somministrare schede ad hoc...il problema è che poi i lavori vanno spiegati, ma soprattutto, quando devo spiegare a questi bes l'argomento successivo, quando trovo il tempo? Non posso tenere la classe ferma delle mezz'ore per concentrarmi solo su uno o due di loro...
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 6:01 am

Questo post mi sembra il riassunto perfetto dell'atteggiamento della scuola italiana contemporanea nei confronti delle difficoltà scolastiche.
Rimani indietro? Allora hai sicuramente qualche problema; te lo certifico, ti differenzio e semplifico il programma, anche se non c'è il tempo materiale perché ti possa seguire individualmente (a meno di fare classi monoalunno). Morale della favola: eri indietro prima, rimarrai indietro anche dopo e per sempre.
Questa è l'inclusione.
Tornare in alto Andare in basso
lilly1



Messaggi : 54
Data d'iscrizione : 20.12.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 8:26 am

mi ponevo anch'io la stessa domanda proprio l'altro giorno in quanto in classe ho un alunno che è stato inserito tra i DSA (a parte che non abbiamo avuto nessuna indicazione o suggerimento dall'ausl su cosa o come fare, ma io e la mia collega ci siamo dovute arrangiare); e se ne avessi di più di DSA e/o BES come alcuni colleghi, come faccio? una programmazione per la maggioranza della classe più 3/4/5 diverse per questi più i relativi compiti differenziati? è un lavoro enorme
Tornare in alto Andare in basso
chicca70



Messaggi : 1651
Data d'iscrizione : 26.12.14
Località : Mutina

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 8:56 am

Il mio punto di vista è diverso. Rimani indietro e non sei diversamente abile o dsa? Usufruisci delle stesse modalità di recupero di cui usufruisce la classe. Continui a rimanere indietro? Ti prendi la tua bella insufficienza lieve, grave o gravissima a seconda di quanto riesci a produrre. Non tutti sono adatti allo studio.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 9:17 am

lilly1 ha scritto:
mi ponevo anch'io la stessa domanda proprio l'altro giorno in quanto in classe ho un alunno che è stato inserito tra i DSA (a parte che non abbiamo avuto nessuna indicazione o suggerimento dall'ausl su cosa o come fare, ma io e la mia collega ci siamo dovute arrangiare); e se ne avessi di più di DSA e/o BES come alcuni colleghi, come faccio? una programmazione per la maggioranza della classe più 3/4/5 diverse per questi più i relativi compiti differenziati? è un lavoro enorme

In alcune classi la percentuale di Bes/dsa raggiunge e supera il 20%, per cui è impensabile seguire una programmazione differenziata per ciascuno di essi, cosa che peraltro non è neanche prevista a livello normativo. Quello che di deve e si può fare è redigere accuratamente un PdP in cui vengano indicati gli strumenti dispensativi (il meno possibile) e soprattutto compensativi atti a mettere in grado gli alunni con disturbi o bisogni di raggiungere gli stessi obiettivi didattici degli altri.
In tal senso non esiste alcun obbligo di differenziare i compiti, i libri o di semplificare il programma, opzione quest'ultima cui ricorrere solo in casi estremi.
Le misure dispensative e compensative dovrebbero essere a mio avviso sempre minime, come l'utilizzo di calcolatrice, computer, tabelle, mappe concettuali, libri facilitati, formulari e così via, o l'aumento dei tempi e/o la riduzione del numero di quesiti nelle prove scritte.
Purtroppo, invece, sia i genitori che molti insegnanti interpretano la certificazione come un presunto diritto alla facilitazione intesa come riduzione del programma, aumento dei voti e assegnazione di sufficienze a prescindere. In tal modo si lede il diritto allo studio dell'alunno, inteso anche come raggiungimento degli stessi obiettivi didattici del resto della classe.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 11:03 am

Ma avete contattato la famiglia per capire la situazione?
Avete provato almeno a suggerire un percorso diagnostico per dsa?

Per trovare la soluzione bisogna capire il problema e decidere che "rimangono indietro" è solo vedere il sintomo



lasciando per un attimo da parte la tua domanda sul come potresti fare a personalizzare la didattica per loro dovendo seguire anche gli altri

te ne faccio una io:

Che personalizzazione pensi di fare per loro se non sapete cosa abbiano e perchè rimangano indietro?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 11:08 am

Il mio alunno più bravo (inserito in una classe di rendimento medio basso) mi ha detto tranquillamente che lui a casa non apre mai libro, perchè gli insegnanti vanno lentissimi; di questo è ben contento, ma mi ha detto che in classe si annoia tantissimo.
Al di là del caso specifico non faccio fatica a crederlo, anche nei professionali dove sono stato i due o tre bravissimi languivano nella totale mancanza di stimoli a causa della didattica bes-dsa-h e dopo 2 anni diventavano studenti medi e tendenzialmente svogliati.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 11:31 am

questo succede quando la personalizzazione si concede perchè alcuni rimangono indietro e non si sa il motivo e quando non riuscendo o non sapendo come personalizzare si abbassano gli obbiettivi per tutti e tanti saluti al resto.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 12:38 pm

Violaxxx ha scritto:
Ho in classe alcuni bambini che le mie colleghe hanno voluto inserire tra i Bes. Non abbiamo nessuna certificazione o valutazione medica, abbiamo "solo" constatato che non riescono più a seguire il programma che segue il resto della classe, sono per così dire "rimasti indietro" (e non sono neanche in grado di dire se mai recupereranno, perché appunto non so se hanno un disturbo d'apprendimento dovuto ad un ritardo mentale o altro..). Il mio problema è questo: come posso gestirli, somministrando loro attività personalizzate (per non dire differenziate), se nel frattempo devo spiegare al resto della classe nuovi argomenti? Si trattasse solo di somministrare schede ad hoc...il problema è che poi i lavori vanno spiegati, ma soprattutto, quando devo spiegare a questi bes l'argomento successivo, quando trovo il tempo? Non posso tenere la classe ferma delle mezz'ore per concentrarmi solo su uno o due di loro...
Questo post fa venire l'angoscia e conferma quanto scritto in altro thread sul buco nero che è alle elementari e non alle medie; procediamo per gradi:

1) "Ho in classe alcuni bambini che ...... sono per così dire rimasti indietro"
Mi sembra una cosa normalissima; siamo mica tutti uguali !

2) "le mie colleghe hanno voluto inserire tra i Bes"
BES significa Bisogni Educativi Speciali, è un acronimo le cui iniziali hanno pari dignità; decidi se le vuoi scrivere tutte maiuscole o tutte minuscole; non ho scritto questo per fare il maestrino dalla penna rossa, ma per evidenziare che tu usi "BES" come un'etichetta e dimenticandoti del vero significato; non si è bes, si ha un bes.
Il passo successivo è rispondere alla domanda: "di quale bes parliamo ?".
Non sono infiniti, non si possono inventare, tra questi non c'è "non ci arriva" e non c'è "è rimasto indietro".
Sono stranieri con difficoltà linguistiche ? Sono con intelligenza (misurata) sensibilmente inferiore alla media ? Sono poveri ? Hanno padre alcolizzato e mamma troia ? Li hanno stuprati ?
Si parte da quelle domande.

3) "disturbo d'apprendimento dovuto a ritardo mentale"
Ci sono (sono stati inventati) 1000 disturbi d'apprendimento, l'unico che non c'è è quello da ritardo mentale; se c'è un serio ritardo mentale si entra nelle tutele della 104 (in soldoni, sei handicappato, H, col sostegno), se il ritardo mentale c'è ma non è serio ti si può considerare BES (borderline); comunque non DSA.

4) "somministrando loro attività personalizzate"
Dovrebbe essere l'ultima spiaggia, prima di ogni cosa dovresti utilizzare con loro delle metodologie personalizzate (stessi argomenti degli altri quindi).
Non è una cosa che devi inventarti tu, dovete deciderla insieme e scriverla sul PDP. Sapete cos'è un PDP vero ?

5) "quando devo spiegare a questi bes l'argomento successivo"
Quando lo spieghi agli altri ! Ragiona, se vanno a velocità diverse arriverai in quinta che loro faranno la terza; quando faranno la quarta e la quinta ?

6) "Non posso tenere la classe ferma delle mezz'ore per concentrarmi solo su uno o due di loro"
Hai ragione, non puoi; devi.
Devi stabilire un tempo congruo che non è quello del più veloce; stabilito il tempo congruo chi non impara si boccia, ed avrà così il doppio del tempo degli altri per imparare le stesse cose.
Solitamente le soluzioni più semplici sono le migliori.

Ti preoccupa bocciarli ? Tanto li bocceremo noi alle superiori ! Quelli che andranno al professionale saranno bocciati dalla vita !
E' proprio bocciandoli in giovane età che gli si dà la possibilità ricuperare.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 1:21 pm

Concordo sull'angoscia, non sono contraria alla bocciatura ma prima di quella la situazione di questi bambini va valutata diversamente da quello che ci è stato raccontato.

Tra l'altro come possono essere "alcuni bambini"?

Se ce ne fosse uno non avremmo dubbi
se ce ne fossero due non avremmo dubbi
se ce ne sono di più di bambini che genericamente "rimangono indietro" qualche dubbio viene.

E' brutto da dire, ma visto che non lo dite voi che siete insegnanti e che ci sta che non lo diciate, lo dico io che faccio parte dei genitori pretenziosi e stnzi:
bambini generici che rimangono indietro fa pensare a che ci sia qualcosa che non va nell'insegnamento.

Sicuramente c'è qualcosa che non va nella comprensione delllo spirito delle normative a tutela dei ragazzi con bisogni speciali (che siano BES DSA o 104).

Naturalmente se quello che ci è stato raccontato è tutto quello che si sa.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 1:52 pm

brava ire! Vedo che il dialogo inizia a dare dei frutti da tutti e due i lati
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 1:58 pm

ushikawa, non posso produrti certificati perchè sono fuori età, ma ti assicuro che moltissime volte ho bisogno del disegnino.
Questa volta è una di quelle.

Che significa quello che mi hai detto?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 3:22 pm

avidodinformazioni ha scritto:


...
Il passo successivo è rispondere alla domanda: "di quale bes parliamo ?".
Non sono infiniti, non si possono inventare, tra questi non c'è "non ci arriva" e non c'è "è rimasto indietro".
Sono stranieri con difficoltà linguistiche ? Sono con intelligenza (misurata) sensibilmente inferiore alla media ? Sono poveri ? Hanno padre alcolizzato e mamma troia ? Li hanno stuprati ?
Si parte da quelle domande..

prendo questa parte dell'intervento per fugare un equivoco che già in qualche altro post avevo notato: quelli indicati in modo semplificato qui non sono gli unici indicatori per lo svantaggio socio-culturale; a me ha "chiarito" le idee la scheda che era presente qualche settimana fa proprio sul sito di orizzonte scuola

http://bes-dsa.it/2015/01/27/quando-si-puo-parlare-di-svantaggio-socio-culturale-esempio-di-scheda-indicativa/
https://drive.google.com/file/d/0B2k1hbyP83USWHBLdlFmVkRFSXc/view?pli=1

Per il resto concordo ampiamente con quanto detto da avidodinformazioni: il programma si fa fare comunque, nel pdp infatti si inseriscono le misure adatte per farlo svolgere anche a chi viene identificato come bes; gli obiettivi da raggiungere devono rimanere gli stessi (altrimenti è ovvia la bocciatura) ma nel pdp sono previste delle misure che ne facilitino il raggiungimento  (nell'elenco di tutte le misure dispensative e gli strumenti compensativi c'è anche l'uso di testi semplificati, di schemi, la dispensa dall'imparare a memoria verbi e tabelline ecc).
Come si fa quando se ne ha più di uno in classe? La realtà per ora - per quanto mi riguarda - è che non si riesce davvero a fare una didattica così personalizzata, servirebbe il piccolo gruppo, dei tempi supplementari per spiegazioni e attività solo per chi ha necessità ecc Quindi alla fine per quanto io mi sforzi in tutti i modi non riesco davvero a garantire il raggiungimento degli obiettivi per chi ha un bisogno educativo speciale. Quello che ottengo è soltanto vedere un cambiamento nell'impegno o negli atteggiamenti (meno rinunce, più voglia di tentare) perchè il ragazzo magari vede che c'è qualcosa di progettato appositamente per lui e da ciò ne è stimolato in qualche modo. Ma niente miracoli, no.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1896
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 3:37 pm

giggi ha scritto:
...Quello che ottengo è soltanto vedere un cambiamento nell'impegno o negli atteggiamenti (meno rinunce, più voglia di tentare) perchè il ragazzo magari vede che c'è qualcosa di progettato appositamente per lui e da ciò ne è stimolato in qualche modo. Ma niente miracoli, no.

Strano, io ho notato, all'opposto, uno straordinario effetto demotivante sugli alunni delle certificazioni.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1789
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 3:59 pm

E' colpa di tutti gli altri che sono troppo avanti.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 4:32 pm

giggi ha scritto:
prendo questa parte dell'intervento per fugare un equivoco che già in qualche altro post avevo notato: quelli indicati in modo semplificato qui non sono gli unici indicatori per lo svantaggio socio-culturale; a me ha "chiarito" le idee la scheda che era presente qualche settimana fa proprio sul sito di orizzonte scuola

http://bes-dsa.it/2015/01/27/quando-si-puo-parlare-di-svantaggio-socio-culturale-esempio-di-scheda-indicativa/
https://drive.google.com/file/d/0B2k1hbyP83USWHBLdlFmVkRFSXc/view?pli=1
Non tutto quello che viene scritto è necessariamente corretto, ed OS non fa eccezione.

Apatia, Aggressività, Attenzione labile, Difficoltà di concentrazione, Difficoltà di lettura (non DSA), Scarsa coordinazione, Introversione, Iperattività, Lentezza nell'apprendimento, Scarso relazionamento.

Sono svantaggi sociali o svantaggi culturali ? Sono difetti caratteriali o limitatezze intellettive (stupidità si diceva una volta); nulla hanno a che vedere con i BES.
Che differenza c'è tra Attenzione labile e Difficoltà di concentrazione ?

Mutismo, Scarso possesso delle abilità strumentali

Queste sono situazioni di Handicap: legge 104

Disturbi non verbali

Che cavolo sono i disturbi non verbali ?

Scarsa capacità comunicativa

Con me devono comunicare solo in due modi: o scrivendo o parlando
Se non sanno scrivere devono impararlo, se non sanno parlare sono muti (vedi sopra)

Svogliatezza

Cioè ? Fammi capire se lui non ha voglia io devo sbattermi al posto suo ? Ma se ne andasse a fanculo !
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8333
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 5:01 pm

Svogliatezza?

ma cosa altro è il disturbo di apprendimento di un ragazzo con bes secondo l'originale indicazione?

Certo che è svogliatezza!

Ma svogliatezza data dal fatto che papi tutte le sere mi chiede se ho venduto i pomodori che lui mi ha consegnato e quanti soldi ho guadagnato e se un pomodoro mi è rimasto papi mi mena o mi insulta pesantemente
Mi sa che di studiare io non ho proprio voglia e magari ho pure mal di testa e avrei voglia di scappare via

svogliatezza data dal fatto che i miei amici un po' più grandi non vanno a scuola e mi prendono in giro e tutto sommato a nessuno dei miei frega nulla se io vado a scuola o no, purchè me ne stia fuori tutto il giorno e non rompa le scatole a nessuno. Magari non ho troppa voglia di studiare perchè mi sembra che non ci sia ragione, perchè faccio un po' fatica a farlo da solo e chi se ne frega allora.

Come sempre ho esagerato ma lo spirito secondo me è questo e a parte i poveri ragazzi borderline messi nel limbo del bes perchè non sono nè carne nè pesce....... tutti gli altri (legittimamente bes) sono bes per svogliatezza.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 6:04 pm

Ire ha scritto:
Svogliatezza?

ma cosa altro è il disturbo di apprendimento di un ragazzo con bes secondo l'originale indicazione?

Certo che è svogliatezza!

Ma svogliatezza data dal fatto che papi tutte le sere mi chiede se ho venduto i pomodori che lui mi ha consegnato e quanti soldi ho guadagnato e se un pomodoro mi è rimasto papi mi mena o mi insulta pesantemente
Mi sa che di studiare io non ho proprio voglia e magari ho pure mal di testa e avrei voglia di scappare via

svogliatezza data dal fatto che i miei amici un po' più grandi non vanno a scuola e mi prendono in giro e tutto sommato a nessuno dei miei frega nulla se io vado a scuola o no, purchè me ne stia fuori tutto il giorno e non rompa le scatole a nessuno. Magari non ho troppa voglia di studiare perchè mi sembra che non ci sia ragione, perchè faccio un po' fatica a farlo da solo e chi se ne frega allora.  

Come sempre ho esagerato ma lo spirito secondo me è questo e a parte i poveri ragazzi borderline messi nel limbo del bes perchè non sono nè carne nè pesce....... tutti gli altri (legittimamente bes) sono bes per svogliatezza.
Esatto, quindi prima rilevo che non ha voglia, poi gli chiedo perchè, poi lui mi risponde "ho la mamma puttana e me ne vergogno, questo mi fa passare la voglia" a quel punto faccio un PDP dove scrivo "ha la mamma puttana e se ne vergogna", glielo faccio firmare alla mamma (lo richiede la legge no ?) e solo a quel punto è diventato un BES.

Se invece la risposta è "pressò, la sua materia mi fa schifo, preferisco i Pokemon" il PDP se lo scorda.

La svogliatezza in sè non è motivo di BES, uno svantaggio socioculturale che la causa sì.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 7:00 pm

avidodinformazioni ha scritto:
 


Esatto, quindi prima rilevo che non ha voglia, poi gli chiedo perchè, poi lui mi risponde "ho la mamma puttana e me ne vergogno, questo mi fa passare la voglia" a quel punto faccio un PDP dove scrivo "ha la mamma puttana e se ne vergogna", glielo faccio firmare alla mamma (lo richiede la legge no ?) e solo a quel punto è diventato un BES.

Sono convinta del fatto che tu abbia descritto una situazione a dir poco surreale, e perciò se dovessi provare il desiderio irrefrenabile di abbandonare questa dimensione onirica, per calare quest'esperienza nel mondo reale, ti inviterei a desistere, e a considerare la possibilità che potresti rispondere di diffamazione, ed il reato sarebbe provato al 100% attraverso l'esibizione del documento (prova scritta) che avresti chiesto alla signora di firmare.


Ultima modifica di Francesca4 il Lun Nov 02, 2015 7:55 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6181
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 7:50 pm

Ire ha scritto:
Svogliatezza?

ma cosa altro è il disturbo di apprendimento di un ragazzo con bes secondo l'originale indicazione?

Certo che è svogliatezza!

Ma svogliatezza data dal fatto che papi tutte le sere mi chiede se ho venduto i pomodori che lui mi ha consegnato e quanti soldi ho guadagnato e se un pomodoro mi è rimasto papi mi mena o mi insulta pesantemente
Mi sa che di studiare io non ho proprio voglia e magari ho pure mal di testa e avrei voglia di scappare via

Ma per favore!!!!!!

Questa interpretazione, oltre a essere patetica, è una BALLA conclamata!

Se un ragazzino ha una situazione familiare drammatica in cui è vittima di violenze domestiche o di sfruttamento del lavoro infantile, vuol dire che è vittima di REATI, e quindi si allertano i servizi sociali o le forze dell'ordine, e si fa in modo che tale situazione di illegalità venga stroncata, o almeno monitorata strettamente giorno per giorno.

E da un punto di vista puramente didattico, eventualmente, gli si fa pure un bes per ragioni di disagio sociale, ma NON CERTO un bes per "svogliatezza".

Se si arriva al punto di considerare la svogliatezza IN SE' una motivazione sufficente per attivare il bes, vuol dire che siamo al tronfo del carnevale dell'ipocrisia e dello scaricabarile.

L.

Tornare in alto Andare in basso
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 9:12 pm

avidodinformazioni ha scritto:

...
Non tutto quello che viene scritto è necessariamente corretto, ed OS non fa eccezione.

Apatia, Aggressività, Attenzione labile, Difficoltà di concentrazione, Difficoltà di lettura (non DSA), Scarsa coordinazione, Introversione, Iperattività, Lentezza nell'apprendimento, Scarso relazionamento.

Sono svantaggi sociali o svantaggi culturali ? Sono difetti caratteriali o limitatezze intellettive (stupidità si diceva una volta); nulla hanno a che vedere con i BES.
Che differenza c'è tra Attenzione labile e Difficoltà di concentrazione ?

Mutismo, Scarso possesso delle abilità strumentali

Queste sono situazioni di Handicap: legge 104

Disturbi non verbali

Che cavolo sono i disturbi non verbali ?

Scarsa capacità comunicativa

Con me devono comunicare solo in due modi: o scrivendo o parlando
Se non sanno scrivere devono impararlo, se non sanno parlare sono muti (vedi sopra)

Svogliatezza

Cioè ? Fammi capire se lui non ha voglia io devo sbattermi al posto suo ? Ma se ne andasse a fanculo !

E invece se vi fosse capitato qualche ragazzo con questi "disturbi caratteriali" vi sareste accorti che non sono situazioni da handicap, non sono da 104, ma non sono neanche da mandare a fan... o fare finta di non vedere. Io almeno non ci riesco a fare finta di niente. Quella scheda mi è servita e la ritengo giusta non perchè era presente sul sito di orizzonte scuola, ma perchè mi stavo scervellando proprio per inquadrare qualcuno e avevo bisogno degli "indicatori" per esprimere quello che avevo rilevato... Direte voi: non sapevi dire cosa avevi notato? No, non sapevo esprimere in termini formali le enormi difficoltà che deve affrontare un alunno che praticamente presenta un po' di tutto (introversione e a tratti mutismo, lentezza, svogliatezza che è praticamente rinuncia perchè sa che non ce la fa a fare quello che fanno gli altri, scarsa capacità comunicativa e scarsa capacità di concentrazione o attenzione prolungata) ma non presenta nessuna certificazione medica che mi dica che ha un qualche ritardo cognitivo; quindi, nel frattempo che io riesco a far comprendere alla famiglia che è necessaria un'indagine, che faccio? lo lascio ad aspettare se lo dichiarano qualchecosa e solo dopo gli attivo un pdp? Ritengo invece mio dovere - una volta notato il problema - attivare innanzitutto un piano personalizzato che provi a fargli raggiungere qualche obiettivo; d'altra parte non è mica detto che una volta effettuata la visita medica gli venga riconosciuta una qualche disabilità o un disturbo; io non posso saperlo in quanto non è affatto il mio campo, che invece è quello dell'insegnamento e dell'assicurarmi di fare il possibile perchè chi mi viene affidato possa fare un percorso che abbia un qualche senso e non stia solo parcheggiato tra quattro mura di un'aula in attesa di una certificazione.
Finchè non si ha "il caso" concreto tutto pare semplice e inutile, tutto sembra solo fuffa e chiacchiere, quando poi ci si trova a dover scrivere in un pdp il tipo di disagio individuato, magari risulta utile sapere che un piano personalizzato lo si può attivare anche a chi non ha problemi economici, non è straniero, non ha disastri familiari, nè ritardi certificati, ma lo stesso ha delle difficoltà che magari può in parte superare con un piano pensato per lui. Ho già detto che nonostante ciò purtroppo io non riesco davvero a garantire una didattica personalizzata, ma da qui a semplificare eccessivamente come ho visto fare in alcuni discorsi ce ne passa.
Lo ripeto: non si attiva un pdp perchè uno nota svogliatezza in uno studente, non siamo a questo livello di imbecillità e mi sembra francamente controproducente questo gioco all'esagerazione; avere un minmo di fiducia nelle capacità dei colleghi è così difficile? davvero credete che nella scuola siano tutti così stupidi o sprovveduti gli insegnanti?
Si parlava di casi concreti. Poi evidentemente molte differenze nel modo di vedere le cose e affrontarle è dovuto anche al diverso livello di scuola in cui lavoriamo.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 9:32 pm

Francesca4 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
 


Esatto, quindi prima rilevo che non ha voglia, poi gli chiedo perchè, poi lui mi risponde "ho la mamma puttana e me ne vergogno, questo mi fa passare la voglia" a quel punto faccio un PDP dove scrivo "ha la mamma puttana e se ne vergogna", glielo faccio firmare alla mamma (lo richiede la legge no ?) e solo a quel punto è diventato un BES.

Sono convinta del fatto che tu abbia descritto una situazione a dir poco surreale, e perciò se dovessi provare il desiderio irrefrenabile di abbandonare questa dimensione onirica, per calare quest'esperienza nel mondo reale, ti inviterei a desistere, e a considerare la possibilità che potresti rispondere di diffamazione, ed il reato sarebbe provato al 100% attraverso l'esibizione del documento (prova scritta) che avresti chiesto alla signora di firmare.
Francesca tu ormai avrai capito che spesso in quello che scrivo c'è una bella dimensione di cazzeggio; quello che forse non hai ancora capito che quasi mai c'è solo quello.

L'anno scorso avevo in classe una ragazza con madre prostituta; viveva in comunità ma non a causa del lavoro della mamma, perchè il "papà" voleva avviare anche lei.

Come vedi le madri prostitute non sono nè sogni nè incubi.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 9:42 pm

giggi ha scritto:
....non sapevo esprimere in termini formali le enormi difficoltà che deve affrontare un alunno che praticamente presenta un po' di tutto (introversione e a tratti mutismo, lentezza, svogliatezza che è praticamente rinuncia perchè sa che non ce la fa a fare quello che fanno gli altri, scarsa capacità comunicativa e scarsa capacità di concentrazione o attenzione prolungata) ma non presenta nessuna certificazione medica che mi dica che ha un qualche ritardo cognitivo; ......
Certo che se non lo si ha davanti è difficile pronunciarsi (lo è anche avendolo), ma da quello che scrivi riesco a figurarmi solo tre possibilità e NON mutuamente esclusive:

1) ha problemi in famiglia, te li nascondono ma ce li ha.

2) ha un ritardo o è autistico (magari Asperger) solo che ancora non è stato certificato.

3) ha carpito la vostra pietà e lo viziate invece di prenderlo a calci.

Ora come ora direi più la 2.
Tornare in alto Andare in basso
Online
giggi



Messaggi : 396
Data d'iscrizione : 30.09.09

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 9:56 pm

anche io propendo per la 2 sinceramente, ma non posso esprimermi finchè non viene effettuata una visita medica... è quello a cui vorremmo spingere la famiglia, ma già il primo colloquio non ha avuto esito positivo (la mamma non ha capito cosa volessimo intendere o forse non vuole capire); con i colleghi stiamo affrontando la cosa con ponderatezza: intanto predisponiamo il pdp e poi ovviamente quando chiameremo la famiglia per farlo firmare parleremo di nuovo portando tutte le "prove" necessarie a far capire che si deve intervenire facendo fare un controllo, fosse anche solo un consulto psicologico.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Alunni che non seguono il programma   Lun Nov 02, 2015 10:02 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Francesca tu ormai avrai capito che spesso in quello che scrivo c'è una bella dimensione di cazzeggio; quello che forse non hai ancora capito che quasi mai c'è solo quello.

L'anno scorso avevo in classe una ragazza con madre prostituta; viveva  in comunità ma non a causa del lavoro della mamma, perchè il "papà" voleva avviare anche lei.

Come vedi le madri prostitute non sono nè sogni nè incubi.

Non dubitavo che queste situazioni esistessero, sai non sono esattamente una monaca di clausura, ma vivo pienamente il mio tempo e spesso vengo a conoscenza di situazioni devastanti per i minori, come quella che ho dovuto affrontare, qualche anno addietro, in sede di separazione consensuale, nella quale i minori erano stati pienamente edotti dal padre del fatto che la madre avesse rinunciato illegittimamente al diritto di poterli vedere e frequentare  avendo accettato dal marito una congrua somma di denaro, il patto era stato suggellato alla presenza dei figli, e questo fatto era l'unica garanzia che il padre avesse per poter assicurarsi il rispetto di quello sciagurato accordo da parte dei figli, che naturalmente  a quel punto, avevano deciso, di propria volontà, di non voler più frequentare o vedere la madre, poiché dal punto di vista legale quell'accordo era illegittimo  e mai, e poi mai, il padre avrebbe potuto rivendicarne il rispetto in sede giurisdizionale.
Naturalmente io  sono venuta a conoscenza della cosa solo in un secondo momento, a giochi fatti, e difronte alla manifesta volontà dei genitori di voler rispettare quello scellerato patto, incuranti delle sue conseguenze nei confronti dei figli, non ho potuto fare altro che rinunciare al mandato tanto era il disgusto per tutta la situazione.
Perciò col mio post intendevo semplicemente metterti in guardia per evitare che certe tue reazioni istintive, sebbene in astratto condivisibili, possano arrecarti pregiudizi non facilmente superabili.


Ultima modifica di Francesca4 il Lun Nov 02, 2015 11:27 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
 
Alunni che non seguono il programma
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» non è un film ma il programma di fazio e saviano è per me stupendo....
» Presentazione dei Professori e degli alunni.
» Prima FIVET in programma..
» Programma di religione...
» Qual è il giusto atteggiamento da tenere con gli alunni?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: