Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 nuova sezione alternanza scuola lavoro

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
idro



Messaggi : 111
Data d'iscrizione : 26.08.12

MessaggioOggetto: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 6:21 pm

Lalla......e a quanti possono decidere, che ne dite di una sezione apposita per l'alternanza scuola lavoro?
Chi ci sta lavorando sa bene di cosa stiamo parlando. Una novità notevole e totalizzante per quanto riguarda la necessità di rivedere tutta la prassi didattica.
Io, che sono responsabile di a.s.l in un super liceo con 1800 iscritti, sto letteralmente impazzendo, dedicando ed essa almeno 3 h al giorno.
L'impressione è che le aziende non ne sappiano nulla, che non vogliano farla e che la considerino solo una scocciatura. E hanno ragione visto che non sono loro previsti sgravi fiscali o altro. Per loro, anzi, è una perdita.
Su 15 classi ne ho sistemate 10, con enormi sforzi, e attingendo a mie personali risorse (aziende amici, aziende clienti....).
Il problema poi sono i singoli consigli di classe, che fanno assoluto ostruzionismo e non si rendono conto che l'a.s.l non è scontata ma bisogna sudarsela, agganciando aziende e convincendole che nell'aprirci le porte fanno una cosa giusta e di utilità sociale.
Voi responsabili di a.s.l come state vivendo questa esperienza?
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 6:27 pm

Mi associo alla richiesta di idro, al limite si potrebbe aprire una sottosezione.

A idro una richiesta particolare: in quale ambito territoriale (provincia, regione) operi?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 6:39 pm

+1 per le richieste (a Lalla e a idro). Se aspettiamo che ci pensi il MIUR, stiamo freschi.

Sarei però meno entusiasta sull'alternanza scuola lavoro. Come hai fatto a sistemare già 10 terze classi, cioè circa 250-300 alunni?
Tornare in alto Andare in basso
idro



Messaggi : 111
Data d'iscrizione : 26.08.12

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 6:55 pm

Opero a Vicenza, ho sistemato 10 classi attingendo alle mie conoscenze personali e chiedendo favori, cercando di promettere qualcosa in cambio: visibilità mediatica (sono giornalista) e ritorno sull'investimento a lungo termine. Chiaro che se hanno detto di sì l'hanno fatto solo per amicizia personale. La preside ha scelto me come responsabile solo perchè sa che lavoro molto con le aziende e ho sono molto concreto, ma la cosa chiaramente mi sta creando più problemi che altro. Sia perchè l'ostacolo vero lo trovo nei colleghi ostruzionisti, sia perchè le aziende non sono minimamente motivate ad accogliere nessuno, ad eccezione di pochissimi casi di aziende o realtà veramente illuminate. Ma sono un caso. Tra l'altro, se quest'anno riesco a piazzare le classi, il vero problema sarà l'anno prossimo. Come per una rivista che parte, il numero 0 della rivista è sempre bello e facile da creare, poi con i successivi si sentono i dolori. Nella mia città in più ci sono condizioni decisamente migliori rispetto ad altre città economicamente meno fortunate, ma la dimensione piccola o addirittura familiare della maggior parte delle aziende non aiuta. Uno "stagista" per qualche mese magari se lo prendo pure, perchè può essere anche utile, ma 25-30 studenti di una classe sono un problema anche per la Fiat, perchè si dirottano importanti risorse interne per seguire gli studenti. Altro problema, poi, è la condivisione del patto formativo. Le aziende non vogliono perdere tempo a crearlo e studiarlo, mentre la normativa lo prevede.

Nello specifico, comunque, sto agendo in modo da coinvolgere molto le didattiche disciplinari con il fine di creare moduli ad hoc finalizzati all'esperienza di alternanza, e quindi conteggiabili. Alla fine, quindi, per ogni anno i ragazzi fanno 65 ore, di cui 8 sicurezza, una decina di orientamento ad hoc, una ventina di didattiche disciplinari con moduli specifici e una trentina in azienda, solitamente divisi in gruppi da 4 studenti. Quest'ultima fase, che si realizzerà ad aprile, probabilmente darà vita alla guerriglia urbana con i colleghi che dovranno abituarsi a lavorare con 4-5 assenti a turno di settimana in settimana. L'ipotesi dell'estate, infatti, è quasi a priori da scartare. i genitori hanno fatto notare che sono già organizzati: chi con le vacanze studio, chi con i ritiri sportivi, chi con altri stage.......e noi insegnanti in più non avremo più il controllo della situazione perchè magari siamo in ferie o commissari d'esami esterni.............
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 7:27 pm

idro ha scritto:

Quest'ultima fase, che si realizzerà ad aprile, probabilmente darà vita alla guerriglia urbana con i colleghi che dovranno abituarsi a lavorare con 4-5 assenti a turno di settimana in settimana. L'ipotesi dell'estate, infatti, è quasi a priori da scartare.

Cioè, con l'anno scolastico in dirittura di arrivo gli alunni andranno, a gruppetti, in orario scolastico, al lavoro?

Sempre più convinto che questa cosa è la fine del lavoro dell'insegnante.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 7:32 pm

idro sei partito di gran carriera e con grande entusiasmo; lo capirei e lo apprezzerei se lavorassi in un tecnico, ma in un liceo ne vale la pena ?

Da genitore di ex liceale trovo assurdo rubare tempo alla didattica, ai viaggi estivi d'istruzione, alla vita o al riposo, quando so a priori che si va all'università e che si faranno lì gli stage opportuni.

E spera che nessuno dei tuoi ragazzi si faccia male !

In bocca al lupo.
Tornare in alto Andare in basso
idro



Messaggi : 111
Data d'iscrizione : 26.08.12

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 7:46 pm

io infatti non ho voglia di fare tutto ciò, e ci credo in parte. Ma come referente sono obbligato, non sono certamente speranzoso di carriera a scuola visto che la carriera non c'è e ho già un'altra attività che necessita di tempo.
Per quanto riguarda la questione della fine del lavoro dell'insegnante, forse sì, o per lo meno di come lo si intendeva. Per me è ancora presto però per giudicare, si vedrà.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 8:02 pm

idro ha scritto:
Opero a Vicenza, ho sistemato 10 classi attingendo alle mie conoscenze personali e chiedendo favori, cercando di promettere qualcosa in cambio: visibilità mediatica (sono giornalista) e ritorno sull'investimento a lungo termine. Chiaro che se hanno detto di sì l'hanno fatto solo per amicizia personale. La preside ha scelto me come responsabile solo perchè sa che lavoro molto con le aziende e ho sono molto concreto, ma la cosa chiaramente mi sta creando più problemi che altro. Sia perchè l'ostacolo vero lo trovo nei colleghi ostruzionisti, sia perchè le aziende non sono minimamente motivate ad accogliere nessuno, ad eccezione di pochissimi casi di aziende o realtà veramente illuminate. Ma sono un caso. Tra l'altro, se quest'anno riesco a piazzare le classi, il vero problema sarà l'anno prossimo. Come per una rivista che parte, il numero 0 della rivista è sempre bello e facile da creare, poi con i successivi si sentono i dolori. Nella mia città in più ci sono condizioni decisamente migliori rispetto ad altre città economicamente meno fortunate, ma la dimensione piccola o addirittura familiare della maggior parte delle aziende non aiuta. Uno "stagista" per qualche mese magari se lo prendo pure, perchè può essere anche utile, ma 25-30 studenti di una classe sono un problema anche per la Fiat, perchè si dirottano importanti risorse interne per seguire gli studenti. Altro problema, poi, è la condivisione del patto formativo. Le aziende non vogliono perdere tempo a crearlo e studiarlo, mentre la normativa lo prevede.

Nello specifico, comunque, sto agendo in modo da coinvolgere molto le didattiche disciplinari con il fine di creare moduli ad hoc finalizzati all'esperienza di alternanza, e quindi conteggiabili. Alla fine, quindi, per ogni anno i ragazzi fanno 65 ore, di cui 8 sicurezza, una decina di orientamento ad hoc, una ventina di didattiche disciplinari con moduli specifici e una trentina in azienda, solitamente divisi in gruppi da 4 studenti. Quest'ultima fase, che si realizzerà ad aprile, probabilmente darà vita alla guerriglia urbana con i colleghi che dovranno abituarsi a lavorare con 4-5 assenti a turno di settimana in settimana. L'ipotesi dell'estate, infatti, è quasi a priori da scartare. i genitori hanno fatto notare che sono già organizzati: chi con le vacanze studio, chi con i ritiri sportivi, chi con altri stage.......e noi insegnanti in più non avremo più il controllo della situazione perchè magari siamo in ferie o commissari d'esami esterni.............

Hai offerto molti spunti interessanti. Cerco di rispondere a qualcuno

Innanzitutto, e la mia domanda mirava proprio a quello, ci sono due specificità che favoriscono il tuo caso: la tua integrazione con il tessuto delle imprese e, al tempo stesso, una realtà territoriale che senza dubbio offre più possibilità almeno per un avviamento capillare all'ASL. A prescindere dalle difficoltà burocratiche (e ce ne sono parecchie), una realtà economica anche di piccole imprese come le province del Veneto è in grado potenzialmente di assorbire un elevato numero di studenti. Contrariamente alle realtà economiche di territori marginali disseminati nel sud e nelle isole.
Io opero in un liceo delle scienze applicate in una località isolatissima, in cui l'unica realtà economica emergente è il turismo balneare, peraltro servito da pochissime infrastrutture. Non ci sono imprese al di là delle piccole imprese individuali o familiari che non possono offrire, neppure volendo, supporto all'ASL. Non possiamo certo pensare di mandare studenti di un liceo delle scienze applicate a fare gli inservienti al bar o i bagnini in spiaggia o i cassieri al minimarket. L'unico partner a cui possiamo riferirci è l'amministrazione comunale, con cui c'è un rapporto consolidato di reciproca collaborazione. E con l'assessore alla cultura, che peraltro è una collega di un'altra scuola, abbiamo già aperto un protocollo informale. Si tratta solo di trovare il modo di far svolgere un percorso di alternanza scuola lavoro dignitoso a 12 ragazzi usando quel poco che può offrire il convento. La biblioteca comunale, la casa baronale adibita a museo, un eventuale servizio di sportello per i turisti e chissà qualcosa d'altro. In questi giorni sto facendo lavorare i miei quattro neuroni per trovare soluzioni sostenibili e al tempo stesso congrue sotto l'aspetto degli obiettivi. Ma è dura. Lo sto facendo di mia iniziativa perché sono il delegato fiduciario e non me la sento di scaricare tutto il lavoro sulla referente ufficiale, in quanto precaria e, peraltro, con poche ore di incarico. Malgrado la sua disponibilità.

Con la preside, proprio oggi, al telefono, abbiamo discusso alcune strategie per assorbire parte delle 67 ore. Otto di queste saranno assorbite dalla formazione specifica che ancora devono svolgere (la generale l'abbiamo somministrata l'anno scorso). La preside proponeva alcuni escamotage con cui non sono molto d'accordo, mentre io avrei delle idee che lasciano perplessa la preside. Ad esempio, concordo con te in merito all'opportunità di concentrare l'intero percorso in 4-5 mesi prima della fine dell'anno scolastico. Molti ragazzi hanno l'opportunità di fare la stagione estiva (pagati), mi sembra inconcepibile togliere loro questa possibilità per fargli lavorare "gratis" in un percorso ASL. Concordo con te sull'opportunità di ricorrere ad una turnazione dei ragazzi in orario didattico (due per volta), dal momento che le strutture ospitanti saranno strutture pubbliche che operano in orario d'ufficio. La preside è perplessa perché così perderebbero ore di lezione, ma secondo me non ci sono alternative. L'importante è organizzare l'attività didattica in modo da non penalizzare gli "assenti". In fondo questa turnazione comporterebbe un'assenza settimanale di 3-4 ore per allievo.

Sull'ostruzionismo dei consigli di classe non sono d'accordo con te. Sicuramente conosci i contenuti della guida operativa e sai bene quante e quali criticità ci siano in tutto il calderone dell'ASL. Purtroppo ho l'impressione che molti dirigenti scolastici (almeno due) siano poco informati sui dettagli e non sappiano cosa li aspetta. In un'altra scuola in cui completo si viaggia sull'improvvisazione, tant'è che la prossima settimana saremo chiamati a definire i progetti e i tempi di attuazione per ben 200 ore di ASL in strutture ancora da individuare, peraltro ad alto rischio. Ragazzi che non hanno neppure la formazione. Con tre disabili e un ADHD che è un pericolo pubblico e 3-4 ragazzi poco scolarizzati e sostanzialmente irresponsabili. Se permetti sarò il primo a fare ostruzionismo perché non intendo assumermi alcuna responsabilità senza conoscere prima le regole d'ingaggio.
In una scuola mi offrirò come tutor per affiancare la collega perché ci stiamo muovendo, a iniziare dal DS, per fare bene con il poco che disponiamo. Nell'altra farò verbalizzare tutte le criticità e la mia presa di posizione contraria perché non intendo avallare escamotage ambigui ad alto rischio.

C'è modo e modo di procedere. Spesso non mi tiro indietro, ma esigo che si proceda con razionalità. Non metto la mia firma su una spada di Damocle affidata ad altri.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 8:07 pm

mac67 ha scritto:
Cioè, con l'anno scolastico in dirittura di arrivo gli alunni andranno, a gruppetti, in orario scolastico, al lavoro?

Sempre più convinto che questa cosa è la fine del lavoro dell'insegnante.
Pur essendo un fautore di questa soluzione non posso che concordare. D'altra parte l'alternativa, ammesso che sia fattibile, è l'assunzione di responsabilità molto più pesanti. E sinceramente non ho alcuna intenzione di bruciarmi le poche ferie per seguire ragazzi in trasferta sotto la mia responsabilità per la gloria del Cazzaro.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 8:57 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Cioè, con l'anno scolastico in dirittura di arrivo gli alunni andranno, a gruppetti, in orario scolastico, al lavoro?

Sempre più convinto che questa cosa è la fine del lavoro dell'insegnante.
Pur essendo un fautore di questa soluzione non posso che concordare. D'altra parte l'alternativa, ammesso che sia fattibile, è l'assunzione di responsabilità molto più pesanti. E sinceramente non ho alcuna intenzione di bruciarmi le poche ferie per seguire ragazzi in trasferta sotto la mia responsabilità per la gloria del Cazzaro.

Non dobbiamo mica seguirli al lavoro.

E comunque, potrebbero (non in tutti i casi, lo so) svolgerlo al pomeriggio. Trovo di gran lunga preferibile non procedere con le verifiche piuttosto che non vederli proprio.

Se da aprile devo mettere in conto che ogni giorno mi manca il 20-25% della classe, posso chiudere bottega.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 9:34 pm

mac67 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Cioè, con l'anno scolastico in dirittura di arrivo gli alunni andranno, a gruppetti, in orario scolastico, al lavoro?

Sempre più convinto che questa cosa è la fine del lavoro dell'insegnante.
Pur essendo un fautore di questa soluzione non posso che concordare. D'altra parte l'alternativa, ammesso che sia fattibile, è l'assunzione di responsabilità molto più pesanti. E sinceramente non ho alcuna intenzione di bruciarmi le poche ferie per seguire ragazzi in trasferta sotto la mia responsabilità per la gloria del Cazzaro.

Non dobbiamo mica seguirli al lavoro.

E comunque, potrebbero (non in tutti i casi, lo so) svolgerlo al pomeriggio. Trovo di gran lunga preferibile non procedere con le verifiche piuttosto che non vederli proprio.

Se da aprile devo mettere in conto che ogni giorno mi manca il 20-25% della classe, posso chiudere bottega.

Io parlo di due ragazzi al massimo. Si può fare. E non si tratterebbe di tutti i giorni. Bisogna ripartire razionalmente i tempi con una programmazione adeguata.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 10:20 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Cioè, con l'anno scolastico in dirittura di arrivo gli alunni andranno, a gruppetti, in orario scolastico, al lavoro?

Sempre più convinto che questa cosa è la fine del lavoro dell'insegnante.
Pur essendo un fautore di questa soluzione non posso che concordare. D'altra parte l'alternativa, ammesso che sia fattibile, è l'assunzione di responsabilità molto più pesanti. E sinceramente non ho alcuna intenzione di bruciarmi le poche ferie per seguire ragazzi in trasferta sotto la mia responsabilità per la gloria del Cazzaro.

Non dobbiamo mica seguirli al lavoro.

E comunque, potrebbero (non in tutti i casi, lo so) svolgerlo al pomeriggio. Trovo di gran lunga preferibile non procedere con le verifiche piuttosto che non vederli proprio.

Se da aprile devo mettere in conto che ogni giorno mi manca il 20-25% della classe, posso chiudere bottega.

Io parlo di due ragazzi al massimo. Si può fare. E non si tratterebbe di tutti i giorni. Bisogna ripartire razionalmente i tempi con una programmazione adeguata.

idro parla di 4-5 ragazzi assenti a turno. Non sarà tutti i giorni, ma la programmazione di tutte le verifiche scritte diventa impossibile. Io insegno matematica e fisica al liceo scientifico: una delle due materie è oggetto della seconda prova scritta all'esame di stato. In pratica da aprile di ognuno dei 3 anni posso dire addio alle verifiche scritte, o farne in due giorni diversi per "coprire" tutti gli alunni (come se fosse semplice preparare prove diverse di uguale difficoltà). E immagino anche la solfa alle verifiche orali: "prof, non ho potuto studiare perché non ho capito la lezione dal libro, ero al lavoro invece che a scuola, io non ci andrei, ma mi constringete voi".

Chiudo bottega, letteralmente, e apro uno studio di lezioni private per tutti questi poveretti che all'università sbatteranno contro ogni muro possibile.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 10:46 pm

mac67 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
mac67 ha scritto:
Cioè, con l'anno scolastico in dirittura di arrivo gli alunni andranno, a gruppetti, in orario scolastico, al lavoro?

Sempre più convinto che questa cosa è la fine del lavoro dell'insegnante.
Pur essendo un fautore di questa soluzione non posso che concordare. D'altra parte l'alternativa, ammesso che sia fattibile, è l'assunzione di responsabilità molto più pesanti. E sinceramente non ho alcuna intenzione di bruciarmi le poche ferie per seguire ragazzi in trasferta sotto la mia responsabilità per la gloria del Cazzaro.

Non dobbiamo mica seguirli al lavoro.

E comunque, potrebbero (non in tutti i casi, lo so) svolgerlo al pomeriggio. Trovo di gran lunga preferibile non procedere con le verifiche piuttosto che non vederli proprio.

Se da aprile devo mettere in conto che ogni giorno mi manca il 20-25% della classe, posso chiudere bottega.

Io parlo di due ragazzi al massimo. Si può fare. E non si tratterebbe di tutti i giorni. Bisogna ripartire razionalmente i tempi con una programmazione adeguata.

idro parla di 4-5 ragazzi assenti a turno. Non sarà tutti i giorni, ma la programmazione di tutte le verifiche scritte diventa impossibile. Io insegno matematica e fisica al liceo scientifico: una delle due materie è oggetto della seconda prova scritta all'esame di stato. In pratica da aprile di ognuno dei 3 anni posso dire addio alle verifiche scritte, o farne in due giorni diversi per "coprire" tutti gli alunni (come se fosse semplice preparare prove diverse di uguale difficoltà). E immagino anche la solfa alle verifiche orali: "prof, non ho potuto studiare perché non ho capito la lezione dal libro, ero al lavoro invece che a scuola, io non ci andrei, ma mi constringete voi".

Chiudo bottega, letteralmente, e apro uno studio di lezioni private per tutti questi poveretti che all'università sbatteranno contro ogni muro possibile.

Sicuramente non è una strada agevole e nel caso di classi numerose e crea parecchi problemi. Nel mio caso forse è più abbordabile. Devo però conoscere alcuni elementi prima di poter fare un programma, ancora devo sentirmi con gli amministratori comunali per un piano di massima.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mar Nov 10, 2015 11:51 pm

Uba stronzata immane! Da che mondo e mondo il liceo allena la mente ,allena al calcolo o alla logica, è una possente palestra del pensiero che prepara alle facoltà più complesse.. E SOLO DOPO SI PARLERA DI LAVORO! sottrarre ore di didattica per infilarli a fare cose improbabili, ripetitive ed attinenti a istituti tecnici e formazione professionale è una cagata immane
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 12:48 am

Felipeto ha scritto:
Uba stronzata immane! Da che mondo e mondo il liceo allena la mente ,allena al calcolo o alla logica, è una possente palestra del pensiero che prepara alle facoltà più complesse.. E SOLO DOPO SI PARLERA DI LAVORO! sottrarre ore di didattica per infilarli a fare cose improbabili, ripetitive ed attinenti a istituti tecnici e formazione professionale è una cagata immane

Prova a dirlo a Renzi, chissà che gli si accenda una lampadina...
Tornare in alto Andare in basso
Green.Golden



Messaggi : 301
Data d'iscrizione : 26.10.14

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 11:50 am

Ma io spero che le cose vadano così male che il progetto esploda, perché non ho mai sentito nulla di più offensivo, deleterio e oltraggioso per gli alunni. Farli "lavorare" saltando la scuola non è che un ORRORE, e mi fa specie quando vedo insegnanti che ne sono quasi fieri.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1784
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 2:58 pm

Se non c'è il salario non è lavoro!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 6:24 pm

Green.Golden ha scritto:
Ma io spero che le cose vadano così male che il progetto esploda, perché non ho mai sentito nulla di più offensivo, deleterio e oltraggioso per gli alunni. Farli "lavorare" saltando la scuola non è che un ORRORE, e mi fa specie quando vedo insegnanti che ne sono quasi fieri.
Dipende dal lavoro, da come è organizzato e dallo spirito con cui lo si affronta; anch'io sono critico, ma ammetto che anche il lavoro (pur non retribuito) sia educativo ed istruttivo.

Ci sono maggiori probabilità che un ragazzo usi l'abilità di "saper usare la fotocopiatrice" che non l'abilità di "saper calcolare un integrale definito".
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 6:30 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Green.Golden ha scritto:
Ma io spero che le cose vadano così male che il progetto esploda, perché non ho mai sentito nulla di più offensivo, deleterio e oltraggioso per gli alunni. Farli "lavorare" saltando la scuola non è che un ORRORE, e mi fa specie quando vedo insegnanti che ne sono quasi fieri.
Dipende dal lavoro, da come è organizzato e dallo spirito con cui lo si affronta; anch'io sono critico, ma ammetto che anche il lavoro (pur non retribuito) sia educativo ed istruttivo.

In linea di principio posso anche concordare. Ma la modalità con cui lo stiamo mettendo in pratica è oscena.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 6:37 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Green.Golden ha scritto:
Ma io spero che le cose vadano così male che il progetto esploda, perché non ho mai sentito nulla di più offensivo, deleterio e oltraggioso per gli alunni. Farli "lavorare" saltando la scuola non è che un ORRORE, e mi fa specie quando vedo insegnanti che ne sono quasi fieri.
Dipende dal lavoro, da come è organizzato e dallo spirito con cui lo si affronta; anch'io sono critico, ma ammetto che anche il lavoro (pur non retribuito) sia educativo ed istruttivo.

In linea di principio posso anche concordare. Ma la modalità con cui lo stiamo mettendo in pratica è oscena.
Mi risulta che che in tutta la storia d'Italia solo una volta si siano fatte le cose "alla garibaldina" e le si sia portate a termine quasi completamente; anche in quell'occasione però il risultato è stato non completamente soddisfacente.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 7:00 pm

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Green.Golden ha scritto:
Ma io spero che le cose vadano così male che il progetto esploda, perché non ho mai sentito nulla di più offensivo, deleterio e oltraggioso per gli alunni. Farli "lavorare" saltando la scuola non è che un ORRORE, e mi fa specie quando vedo insegnanti che ne sono quasi fieri.
Dipende dal lavoro, da come è organizzato e dallo spirito con cui lo si affronta; anch'io sono critico, ma ammetto che anche il lavoro (pur non retribuito) sia educativo ed istruttivo.

In linea di principio posso anche concordare. Ma la modalità con cui lo stiamo mettendo in pratica è oscena.
Mi risulta che che in tutta la storia d'Italia solo una volta si siano fatte le cose "alla garibaldina" e le si sia portate a termine quasi completamente; anche in quell'occasione però il risultato è stato non completamente soddisfacente.

Senza contare le differenze tra Giuseppe Garibaldi e Matteo Garibaldi ...
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 7:12 pm

Io ho la vaga impressione che questo tormentone dell'alternanza scuola lavoro nella maggior parte delle scuole farà la stessa fine dell'area professionalizzante del progetto 92 e del CLIL obbligatorio.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 7:15 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
Io ho la vaga impressione che questo tormentone dell'alternanza scuola lavoro nella maggior parte delle scuole farà la stessa fine dell'area professionalizzante del progetto 92 e del CLIL obbligatorio.
NOOO, questa volta c'è l'azienda simulata !
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1784
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Mer Nov 11, 2015 7:16 pm

Per imparare a usare la fotocopiatrice non c'è bisogno della scuola. Per calcolare l'integrale indefinito si.
Non v'è dubbio che il mercato del lavoro chieda manodopera quanto più possibile ignorante e sottopagata, tanto basta che faccia le fotocopie con la terza elementare senza pretendere che pochi spiccioli di paga (o, meglio ancora, gratis, per "fare esperienza")!
Scuola-Lavoro? Si, MOLTO diseducativo!
Per insegnare meglio ai nostri allievi, fin da subito, chi è che comanda in un rapporto lavorativo... per sancire definitivamente gli equilibri di forza; perchè il lavoratore resti SEMPRE la parte debole. A cominciare dalla scuola!
Tornare in alto Andare in basso
GG82



Messaggi : 929
Data d'iscrizione : 08.08.13

MessaggioOggetto: Re: nuova sezione alternanza scuola lavoro   Dom Dic 20, 2015 9:00 pm

Tutti all'oratorio questa estate?

La Diocesi di Bergamo ha già preparato il fac simile del progetto formativo da copia-incollare....

http://www.istruzione.lombardia.gov.it/bergamo/protbg14326_15/
Tornare in alto Andare in basso
 
nuova sezione alternanza scuola lavoro
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 3Andare alla pagina : 1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» Novità dal forum Nasce la nuova sezione Brill Bird
» Le vostre, nostre Storie nella nuova sezione creata da Bibbi
» E' nata la nuova sezione "Nail Art e tecniche creative"
» consiglio per assentarsi al lavoro
» Docenza e secondo lavoro

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: