Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Cosa farete lunedì?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
AutoreMessaggio
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Cosa farete lunedì?   Sab Nov 14, 2015 3:44 pm

Promemoria primo messaggio :

Sono, come tutti, molto scossa.
Ho, come molti, amici a Parigi e legami con una città vicinissima.
Lo stesso immagino valga per moltissime famiglie dei nostri studenti, che, comunque la pensino, saranno comunque colpite.
Come ci presenteremo lunedì a scuola? Cosa diremo? Cosa dovremmo dire? Cosa NON dovremmo dire e fare?
Vi prego, asteniamoci da considerazioni di geopolitica: si straparla anche senza dover dire la nostra. Siamo insegnanti: mi interessa confrontarmi con i colleghi sull'atteggiamento da tenere lunedì.
Io avrò la prima ora: ignorare tutto mi sembrerebbe folle, fuori dal mondo, offensivo nei confronti di legittimi sentimenti dei miei alunni che, a 13-14 anni, saranno forti... e confusi.
Probabilmente leggerò con loro la cronaca di ieri, li farò confrontare e chiarirò i loro dubbi (come ho fatto a gennaio, ma oggi mi appare tutto più grave e evidente), augurandomi di onorare il ruolo che la scuola dovrebbe avere in queste circostanze. Ma chiedo a voi: qual è il ruolo della scuola?
che sia cruciale e importante non dubito, ma proprio per questo mi assilla la possibilità di essere inadeguata, e il fatto che a molti colleghi potrebbe non interessare esserlo, che potrebbero non sentire la responsabilità che sento io
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:23 pm

Francesca4 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
invasato ed islamico vanno a braccetto più che invasato e cristiano, perchè tra i cristiani c'è più laicismo.

Non è vero che "tra i cristiani c'è più laicismo": semplicemente, i sostenitori del laicismo NON SONO cristiani, anche se cresciuti in un ambiente di tradizione storica cristiana.

Mia moglie non ha mai pensato neanche per un momento di affidare la sua "pianificazione familiare" alla benevolenza di Dio; mia moglie è cristiana ed è laica, sennò col cazzo che la sposavo.

Pensa...se fosse stata ecclesiastica (suora)...difficilmente avresti potuto sposarla in chiesa.

In realtà, pur non conoscendola, penso che abbia saltato a piè pari quella fase, per aspirare direttamente alla santità...nel momento stesso in cui ha scelto di sposare te.

P.S. Scusami, ma mi hai servito questa battuta su di un piatto d'argento :-)

Tu scherzi, ma il prete, conoscendo bene il mio ateismo, gli disse che forse il signore aveva in serbo per lei una missione: riconvertirmi.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:25 pm

lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
Anche Teseo Tesei, ufficiale della X mas, morì in un attacco a Malta, che sapeva già essere senza ritorno a quanto si legge nella sua lettera d'addio.
Anche quel pirla di Pietro Micca; per questo ho aggiunto il PS.

I malati di mente esistono ma non sono tanto numerosi; se vuoi centinaia (e mi sono tenuto stretto) di suicidi devi promettergli un premio da riscuotere nell'altra vita.

Se poi vogliamo negarlo per fare i politically correct prego fate pure.




Oddio come mi fa incazzare chi si trincera dietro il politically correct, implicitamente dicendo che la sua è una verità TAAAAANTO scomoda!
Com'è vivere con tutte 'ste certezze inossidabili? Ormai stai virando sempre più verso il sentenzioso, sembri l'oracolo delfico
Possiamo discutere se la mia sia una verità, ma che sia tanto scomoda non c'è dubbio; il politically correct non riguarda solo le verità ma tutte le affermazioni.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:26 pm

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Detto questo, non mi pare che stiamo parlando dello stesso clima pesante: qui il problema non è il controllo poliziesco, ma il timore a prendere i mezzi pubblici per un rischio attentati che di fatto nessuno sa se ci sia o meno e in che proporzioni, e credere che questo timore sia appannaggio esclusivo dell'ultimo degli scemotti o strombazzare sicuri che il rischio non ci sia proprio, a me pare da anime candide e nulla più.

Spiegalo anche a noi: come cercare di vincere la paura?  
Con la statistica: ci sarà un attacco con 100 morti ? Quanti sono i Romani ? 6000000 ? 100/6000000 rappresenta lo 0.0017 % di probabilità di restarci secco; un po' pochino per cambiare le proprie abitudini di vita non trovi ?

Qual'è la probabilità di schiattare perchè si fuma ?


tra i ragazzini direi piuttosto bassa
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:28 pm

I kamikaze giapponesi furono la risposta estrema alla soverchiante potenza americana,nel periodo in cui la guerra per il sol levante era ormai quasi persa. Il terrore dell invasione, la vergogna,l umiliazione per la sconfitta causarono anche centinaia di suicidi di civili sull isola di Okinawa.. Nessuno ambiva alle trombare con le vergini
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:32 pm

Felipeto ha scritto:
I kamikaze giapponesi furono la risposta estrema alla soverchiante potenza americana,nel periodo in cui la guerra per il sol levante era ormai quasi persa. Il terrore dell invasione, la vergogna,l umiliazione per la sconfitta causarono anche centinaia di suicidi di civili sull isola di Okinawa.. Nessuno ambiva alle trombare con le vergini
Infatti gli islamici mostrano un'intelligenza superiore rispetto ai giapponesi.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:38 pm

lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
Detto questo, non mi pare che stiamo parlando dello stesso clima pesante: qui il problema non è il controllo poliziesco, ma il timore a prendere i mezzi pubblici per un rischio attentati che di fatto nessuno sa se ci sia o meno e in che proporzioni, e credere che questo timore sia appannaggio esclusivo dell'ultimo degli scemotti o strombazzare sicuri che il rischio non ci sia proprio, a me pare da anime candide e nulla più.

Spiegalo anche a noi: come cercare di vincere la paura?  
Con la statistica: ci sarà un attacco con 100 morti ? Quanti sono i Romani ? 6000000 ? 100/6000000 rappresenta lo 0.0017 % di probabilità di restarci secco; un po' pochino per cambiare le proprie abitudini di vita non trovi ?

Qual'è la probabilità di schiattare perchè si fuma ?


tra i ragazzini direi piuttosto bassa
Hai mai sentito quella frase famosa: "smetto quando voglio" ?

Sono tutte cazzate ! Chi inizia a fumare da ragazzino con grande probabilità continuerà a farlo per sempre e con probabilità non trascurabile ci schiatterà; è solo questione di tempo.

Poi se tra le morti per fumo ci mettiamo anche i ragazzini che volano giù da una finestra d'albergo perchè hanno fumato (non tabacco) o che hanno incidenti stradali mortali per lo stesso motivo, la probabilità di non dover aspettare decenni per schiattare non è così bassa, comunque superiore allo 0.0017 %.

Ma se tu vuoi chiuditi pure in casa; io se avessi la possibilità di farmi una bella vacanza al mare con mia moglie, ora come ora andrei a Sharm; alberghi vuoti, prezzi sotto le scarpe, controlli ai massimi livelli, che vuoi di più ?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:45 pm

lucetta10 ha scritto:



Spiegalo anche a noi: come cercare di vincere la paura?
Perché continuiamo tutti a ripeterlo come un mantra, ma poi, mi/vi domando: è giusto soffermarci sulla difesa del nostro diritto all'aperitivo in un situazione del genere? Ci siamo ridotti a questo? E' questo il tema principale? E' prioritario rassicurare i ragazzi sul fatto che la nostra bella società dei consumi continuerà a brillare con tutte le sue lucine, come nulla fosse?



posto di nuovo tutto il capoverso visto che, non so perché, ho come l'impressione che si stia banalizzando a partire da un "taglio"
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5367
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:49 pm

avidodinformazioni ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
Anche Teseo Tesei, ufficiale della X mas, morì in un attacco a Malta, che sapeva già essere senza ritorno a quanto si legge nella sua lettera d'addio.
Anche quel pirla di Pietro Micca; per questo ho aggiunto il PS.

I malati di mente esistono ma non sono tanto numerosi; se vuoi centinaia (e mi sono tenuto stretto) di suicidi devi promettergli un premio da riscuotere nell'altra vita.

Se poi vogliamo negarlo per fare i politically correct prego fate pure.




Oddio come mi fa incazzare chi si trincera dietro il politically correct, implicitamente dicendo che la sua è una verità TAAAAANTO scomoda!
Com'è vivere con tutte 'ste certezze inossidabili? Ormai stai virando sempre più verso il sentenzioso, sembri l'oracolo delfico
Possiamo discutere se la mia sia una verità, ma che sia tanto scomoda non c'è dubbio; il politically correct non riguarda solo le verità ma tutte le affermazioni.


Considerando cosa c'è in ballo invece relegarla a vergini in premio dopo morti mi pare francamente tanto comoda come versione (verità mi pare francamente eccessivo)!
E comunque, guarda un po', ne parla Scalfari nel suo editoriale di oggi. Poveretto, la fa molto più complicata!
E parla anche del paragone col terrorismo degli anni '70 ("totalmente sbagliato" cit.).

http://www.repubblica.it/politica/2015/11/15/news/come_possiamo_vincere_la_barbarie_del_terrorismo_disumano-127389822/?ref=HRER2-2


Ultima modifica di lucetta10 il Dom Nov 15, 2015 10:57 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 10:50 pm

avidodinformazioni ha scritto:


L'Italia ripudia la guerra come strumento di offesa della libertà degli altri popoli e come mezzo di risoluzione delle controversie internazionali.

Non mi risulta che la guerra ripudi l'Italia; facciamocene una ragione.

L'ho detto altre volte, lISIS crocifigge i bambini e schiavizza sessualmente le donne; possiamo non intervenire, ma si abbia la decenza di non dirlo ai telegiornali; mandiamo piuttosto un bel servizio sui cuccioli di orso nati allo zoo, che quelli sono perfettamente compatibili con l'articolo 11.

In alternativa modifichiamo la costituzione nelle sue parti stupidamente utopiche.

Io però vorrei sapere che cosa avrei detto di tanto strano, e soprattutto cosa c'entrino i principi costituzionali e le utopie.

Io non ho fatto la sia pur minima considerazione su cosa sia più "idealmente" giusto o sbagliato, ho solo fatto notare un dato di fatto: che PIU' gli stati europei continueranno a intervenire militarmente in Siria e in altri luoghi nevralgici affini, PIU' gli attentati di questo tipo nei paesi europei aumenteranno, tutto lì.

Le rivendicazioni degli attentati recenti parlano chiarissimo, e le analisi politiche fatte da esperti concordano con questa evidentissima realtà: la Francia è stata colpita PROPRIO in risposta alla sua attiva presenza militare su fronti mediorientali e africani (modo politicamente corretto per dire che sta bombardando a destra e a manca in tali paesi, sperando in tal modo di "sconfiggere gli estremisti", e per il momento il risultato stato questo). Non perché quelli "odiano l'occidente" a prescindere, o perché la Francia ha delle leggi restrittive sul velo islamico, ma solo e semplicemente perché la Francia sta bombardando in Siria, in Mali e chissà dove altro... e la maggioranza di quei poveretti che sono morti a Parigi, probabilmente, nemmeno lo sapeva.

Non ho detto che la cosa sia "giustificata", ho detto che è un dato di fatto.

Oggi, che ti piaccia o no, un paese che si mettesse in testa di intensificare i propri interventi militari su tali fronti, sa benissimo di esporre il proprio territorio e la propria popolazione civile a eventi del genere.

Vogliamo accettare il rischio lo stesso, perché si pensa che sia nobilmente doveroso fare la propria parte per difendere gli ideali dell'occidente, ANCHE a rischio di beccarci ulteriori centinaia di morti in una normalissima serata urbana in cui la gente sta tranquillamente andando al teatro, allo stadio, o al ristorante?

Ok, facciamolo per idealismo missionario, ma in tal caso non vedo che differenza ci sia con la logica del kamikaze... se non il fatto che almeno il kamikaze mette in conto di lasciarci la pellaccia SUA personale, mentre il politico che ordina l'intervento militare mette in conto di far ammazzare centinaia di cittadini inermi del proprio paese, che non hanno partecipato a tale decisione.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Francesca4



Messaggi : 2979
Data d'iscrizione : 23.02.15

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 11:02 pm

Tornando seri, ed entrando nel merito del topic, penso che indipendentemente da quello che si pensi sul terrorismo di matrice islamica, si potrebbe cogliere l'occasione per stimolare i ragazzi ad individuare una possibile via d'uscita dalla attuale situazione emergenziale.
Nella ricerca di soluzioni praticabili, alcune osservazioni preliminari andrebbero comunque fatte:
1) Non si tratta di una guerra convenzionale nella quale ci sia la classica contrapposizione tra Stati  perché la controparte è in realtà un'organizzazione assai ben strutturata,che non avendo un ambito territoriale ben definito,  può anche fare affidamento sui cosiddetti "dormienti", ossia persone che pur essendo apparentemente integrate nel contesto nel quale operano, in realtà aderiscono ad ideologie tendenti alla sovversione dell'ordine costituito, e  diventano operativi al richiamo del loro gruppo di riferimento.
2) Data la complessità della situazione non si tratta di una guerra che può combattersi con le armi, per quanto potenti possano essere.
Una delle possibilità potrebbero essere le operazioni internazionali di intelligence, che attraverso infiltrati, o compensi in denaro sostanziosi, possano venire a conoscenza di informazioni cruciali relative alle modalità di comunicazione tra i membri, e l'individuazione degli elementi di spicco dell'organizzazione: entrambe elementi essenziali per poter efficacemente contrastare il fenomeno criminale.
3) E' inutile nascondersi dietro un dito, poiché è chiaro che questa modalità di intervento potrebbe comportare la sospensione per tutti i cittadini di alcune garanzie costituzionalmente garantite, dovendo ricorrere l'intelligence a strumenti di persuasione molto vicini a quelli di tortura; e questo senza pensare alla possibilità di errori di persona connaturati a questo tipo di interventi.

Allora la domanda ai ragazzi potrebbe essere questa: siamo disposti a pagare questo prezzo?

O piuttosto ve la sentireste di proporre soluzioni alternative?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 11:27 pm

lucetta10 ha scritto:
E comunque, guarda un po', ne parla Scalfari nel suo editoriale di oggi. Poveretto, la fa molto più complicata!
E parla anche del paragone col terrorismo degli anni '70 ("totalmente sbagliato" cit.).

http://www.repubblica.it/politica/2015/11/15/news/come_possiamo_vincere_la_barbarie_del_terrorismo_disumano-127389822/?ref=HRER2-2

Anche lui, poverino, non è un ingegnere.

tra le tante rave e le tante fave del suo articolo si giunge in fine al nucleo:

"L'amore per la specie, o se volete chiamatela il prossimo, deriva anch'esso dall'istinto della sopravvivenza perché nessuno di noi può concepire d'essere il solo abitante umano del globo terrestre. Tuttavia il livello dell'amore per la specie oscilla fortemente da persona a persona. Ce n'è sempre una scintilla in ciascuno, ma può essere scintilla o fiamma o brace coperta di cenere.
Le nostre scelte dipendono dal rapporto tra la fiamma che abbiamo per noi stessi e quella che abbiamo per gli altri e l'estensione di quell'amore. Una scintilla, l'ho già detto, c'è sempre, se resta soltanto tale vuol dire che quell'amore si restringe a pochi, a volte pochissimi, a volte una sola persona. Se tiriamo le somme di questo ragionamento la conclusione è che la barbarie dei terroristi attuali deriva dal fatto che non hanno alcun amore, anzi odiano, la specie cui appartengono, odiano tutti gli altri, mentre amano solo quei pochi che condividono con loro l'odio per gli altri e vogliono distruggerli. E qui appare il servo arbitrio: l'amore tra pochi si differenzia tra chi ha il talento per comandare e quelli che sentono verso di lui un sentimento di devozione quasi religioso e si mettono al servizio del suo talento e del suo carisma. Come si vede, la nostra libertà è pressoché inesistente ed è la natura che comanda."

Nel fiume caotico dei suoi pensieri non spiega come l'amore per se e l'amore per la specie debbano essere in contrapposizione; lo assume come assioma (deriva dal fatto che non hanno alcun amore, anzi odiano, la specie cui appartengono), peccato che sia falso.

Il gruppo "pochi che condividono" altro non è che il gruppo integralista islamico, quindi l'islam (quello deviato) c'entra eccome.
Sfiora la verità quando scrive "loro hanno scelto di essere schiavi di chi li dirige, le cellule d'uno Stato che non ha confini stabili, non ha una sua Costituzione, ma ha un gruppo di comando, scuole di preparazione alla disumanità,"; la sfiora, ma la distorce e non la riconosce: la Costituzione si chiama Corano (seppur letto col paraocchi), il gruppo di comando si chiama Califfo ovvero "successore di Maometto" (noi diremmo Papa) e le scuole sono scuole coraniche.

Per me è semplice: il Califfo è un signore della guerra qualunque, a cui tra l'altro piace scoparsi le nordiche
http://www.lastampa.it/2015/08/15/esteri/lostaggio-americano-kayla-mueller-violentata-dal-califfo-prima-di-essere-uccisa-qzC9pmvbgWauupbOts79jN/pagina.html
(perchè diciamolo, le loro mogli sono delle vere cozze)

Il Califfo ha carisma (altrimenti non sarebbe lui il Califfo) ed ha convinto un branco di coglioni che le loro misere vite potranno svoltare nell'al di là (e siamo nuovamente al religioso) a patto che ....... ecc ecc.

Non tiriamo fuori altre cazzate che non stanno nè in cielo nè in terra; esistono poveri più poveri che non si fanno saltare; non lo fanno perchè il loro Dio gli romperebbe il culo anzichè dargli 7 vergini (cozze)


Ultima modifica di avidodinformazioni il Dom Nov 15, 2015 11:42 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Dom Nov 15, 2015 11:41 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Io però vorrei sapere che cosa avrei detto di tanto strano, e soprattutto cosa c'entrino i principi costituzionali e le utopie.
Io un po' ho risposto a te che dicevi "la guerra c'è già, intensificarla non risolve nulla", un po' ho fatto "guerra preventiva" perchè solitamente al concetto "la guerra non risolve" si accosta il concetto "la guerra è anticostituzionale".

Forse non avrei dovuto; scusa.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1906
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 6:18 am

A leggere questa discussione mi vien da pensare che quando sarò in aula, fra meno di due ore, sarà opportuno non parlare affatto dell'accaduto.
Oppure semplicemente ribadire l'importanza di una disciplina che si basa sul pensiero razionale.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 10:25 am

ushikawa ha scritto:
A leggere questa discussione mi vien da pensare che quando sarò in aula, fra meno di due ore, sarà opportuno non parlare affatto dell'accaduto.
Oppure semplicemente ribadire l'importanza di una disciplina che si basa sul pensiero razionale.
Anche tu matematica ?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1906
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 1:06 pm

avidodinformazioni ha scritto:
ushikawa ha scritto:
A leggere questa discussione mi vien da pensare che quando sarò in aula, fra meno di due ore, sarà opportuno non parlare affatto dell'accaduto.
Oppure semplicemente ribadire l'importanza di una disciplina che si basa sul pensiero razionale.
Anche tu matematica ?

Chi lo sa? Le cautele non sono mai troppe.
Tornare in alto Andare in basso
Online
maryRO



Messaggi : 213
Data d'iscrizione : 04.01.14

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 4:38 pm

Io sono entrate in classe con l'intenzione di parlarne... ho comprato un quotidiano... Ho iniziato chiedendo un minuto di silenzio... Ho spiegato loro cosa è successo... Tutti erano informati sui fatti... Abbiamo parlato della ragazza italiana che ha perso la vita... Poi un alunno esordisce dicendo:"Prof.ssa ma è vero che la mafia sconfiggerà l'Isis?"... Quindi loro hanno una visione distorta della realtà... Gli ho detto la mafia è come l'Isis... ma lui non ne era molto convinto... Boh... Chissà se ho fatto bene a parlarne... Avevo visto un post su fb con un titolo"l'isis ha paura della mafia".... ma non l'ho letto... forse lui avrà visto quel titolo...
Tornare in alto Andare in basso
Green.Golden



Messaggi : 301
Data d'iscrizione : 26.10.14

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 4:43 pm

Felipeto ha scritto:
Eccolo.. Mancava nel forum, infatti lo aspettavo.il solito che afferma che i terroristi sono vittime della disperazione della loro esistenza vissuta nelle banlieux...come darti torto,pure la franzoni era vittima di stanchezza da accudimento bambino..le vittime vere sono loro,gli attentatori... La Francia non li ha saputi integrare con amore...riguardo a quel pirla che tu citi, pensò che nessuno,su un forum di insegnanti,dia così ignorante da credere alle cazzate che dice quella europarlamentare assenteista.. Sulla follia delle tue teorie ,tuttavia, sarei molto più preoccupato..ma ti capisco.. Da vent anni il legame assassino-vittima di una società igiusta ha fatto scarcerare,e reiterare il crimine,numerosi criminali.. Forse le tue parole sono più pericolose di un kalashnikov..

Sai cosa mi intristisce? Leggere in un solo commento così tanta ignoranza e sarcasmo, due cose che un docente dovrebbe aver imparato a estirpare dal proprio essere, e invece soprattutto il secondo pare essere l'ingrediente principale della maggior parte delle risposte su questo forum (in tutti i thread). Mi sta davvero venendo a noia questo posto, sembra un enorme ring per ego frustrati.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6182
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 5:10 pm

Per quanto riguarda le farneticazioni sulla cosiddetta "integrazione" degli stranieri, faccio presente che la maggior parte degli attentatori (e non solo di questo episodio, ma anche di quello del gennaio scorso) NON ERANO immigrati clandestini, ma erano cittadini francesi, di lontane o vicine origini arabe o africane ma cittadini francesi del tutto in regola, nati in Francia, cresciuti in Francia ed educati nelle scuole francesi.

E che stavano lì, appunto, non perché entrati in Francia clandestinamente, né tantomeno perché i loro padri o i loro nonni si fossero introdotti in Francia clandestinamente... ma perché la Francia, a partire da diversi secoli fa, ha pensato bene di annettersi di propria iniziativa l'Algeria, la Tunisia, il Senegal, la Siria, il Libano, il Ciad, il Congo, (non quello dove i disastri li hanno combinati i belgi, quell'altro) e chissà quanti altri posti del genere, e poi, dopo averli spolpati fino all'ultimo, e aver innescato guerre ancora più sanguinarie di quelle che probabilmente c'erano già, ci ha messo una pezza dando la cittadinanza (e la libera circolazione su tutto il territorio di influenza francese) a tutti gli autoctoni, e a tutti i loro potenziali figli e nipoti fino alla fine dei secoli.

E ancora c'è qualcuno che straparla di "espellere tutti i musulmani dalla Francia"?

ma boh...
L.

Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 1002
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 7:39 pm

lucetta10 ha scritto:
@melia ha scritto:
lucetta10 ha scritto:

Ribadisco e dichiaro per la prima volta la città da cui provengo: a Roma, col Giubileo alle porte e le camionette della polizia a ogni vicolo sarebbe strano che un adolescente non percepisse il clima pesante che si respira

Per la prima volta? Non hai fatto altro che ripeterlo.

Io, invece, vengo dalla bassa padana e quel clima pesante l'ho vissuto sulla mia pelle gli anni bui del terrorismo in Italia, quando a  Padova c'era il coprifuoco, girare per la città dopo le nove di sera significava essere fermati dai celerini e se non avevi un documento con te e se non sapevi motivare la tua passeggiata serale passavi la notte in caserma. Anche andare in mensa universitaria di sera era un problema. Mi raccontavano che nei due anni precedenti il mio arrivo era stato anche peggio.

Spero di fare lezione regolare domani, ma se i ragazzi dovessero chiedermi di parlare dei fatti di Parigi, sono tornati dalla gita a Parigi da poco, prima raccoglierei i loro sfoghi e poi cercherei di spiegare perché bisogna vincere la paura e, sulle spalle della mia esperienza, come cercare di vincerla.
Non ho nessuna intenzione di improvvisarmi tuttologa e di spiegare perché è successo.


Con "prima volta" evidentemente intendevo da quando sono sul forum... spiacente di averti annoiato con le mie faccende personali, in genere ne sono parca, ora che sono stata richiamata tornerò alla continenza, ma mi pareva un dato pertinente...  
Pertinente è vero, ma è una delle prime cose che hai detto in questa discussione, quindi lo stai solo ribaderdo, non "dichiaro per la prima volta la città da cui provengo: a Roma...".

lucetta10 ha scritto:
Detto questo, non mi pare che stiamo parlando dello stesso clima pesante: qui il problema non è il controllo poliziesco, ma il timore a prendere i mezzi pubblici per un rischio attentati che di fatto nessuno sa se ci sia o meno e in che proporzioni, e credere che questo timore sia appannaggio esclusivo dell'ultimo degli scemotti o strombazzare sicuri che il rischio non ci sia proprio, a me pare da anime candide e nulla più.
Secondo te il controllo poliziesco a cosa era dovuto?
Hai presente: sto parlando degli anni dal 1979 al 1982, a cavallo tra la stage di Bologna e le uccisioni di esponenti delle forze dell'ordine a Padova.
Si viveva in un mix tra la paura di attentati e quella di chi avrebbe dovuto proteggerci.
I celerini erano ragazzi di 18-20 anni con il mitra in mano e leggevi nei loro occhi la paura  perché pochi giorni prima erano stati uccisi dei loro amici, non erano forze dell'ordine rassicuranti, erano impauriti come te, che eri stata fermata, ma il mitra ce l'avevano loro.

lucetta10 ha scritto:
Spiegalo anche a noi: come cercare di vincere la paura?
Giorno per giorno, evitando di farsi intimorire anche se il giorno prima alla sede dell'Università due docenti erano stati picchiati e i celerini intervenuti erano andati di manganello a destra e a manca. Prendere il treno per tornare a casa, anche se la strage di Bologna era successa solo un mese prima.
Giorno per giorno, ognuno con un po' di coraggio in più, fino a quando non capitava qualcosa di nuovo, per cui si doveva ricominciare.
Giorno per giorno, scegliendo ogni giorno di non rinunciare alle cose importanti.

Non rivendico il diritto all'aperitivo e sono disposta a rinunciare ad una parte della mia privacy in nome della sicurezza, ma non voglio avere paura, un popolo impaurito è facilmente influenzabile e può essere sottomesso. Non voglio neanche far finta che non sia successo niente, questo significherebbe che sono già sottomessa/rassegnata.
Tornare in alto Andare in basso
Online
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 8:46 pm

Oggi ho fatto il seguente programma:

In terza siamo arrivati alla nascita dell'Impero Ottomanno. Ho quindi fatto una lezione che normalmente non avrei fatto su una sinteticissima storia dell'impero ottomanno fino al 1918, collegandola con i recenti progetti di un nuovo califfato.

In quinta sto trattando della fine dell'Impero Ottomanno (1918) e da lì mi sono attaccato per il progetto del nuovo califfato.

In quarta non ho parlato dell'impero Ottomanno quindi mi sono limitato a un discorso sulle generali.
Tornare in alto Andare in basso
Davide



Messaggi : 3372
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 10:13 pm

Ottima l'idea di trattare l'Impero Ottomanno.
In quarta hai invece fatto un discorso sulle generali? In che senso? Le assicurazioni?
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 10:24 pm

No, un discorso sulla necessità di documentarsi e di non cedere alla paura, ma il mio "ciclo espansivo" era finito ed è venuta una lezione loffia...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 10:52 pm

precario.acciaio ha scritto:
Oggi ho fatto il seguente programma:

In terza siamo arrivati alla nascita dell'Impero Ottomanno. Ho quindi fatto una lezione che normalmente non avrei fatto su una sinteticissima storia dell'impero ottomanno fino al 1918, collegandola con i recenti progetti di un nuovo califfato.

In quinta sto trattando della fine dell'Impero Ottomanno (1918) e da lì mi sono attaccato per il progetto del nuovo califfato.

In quarta non ho parlato dell'impero Ottomanno quindi mi sono limitato a un discorso sulle generali.
Ti prego dimmi che non hai mai scritto "ottomanno" alla lavagna.
Tornare in alto Andare in basso
Davide



Messaggi : 3372
Data d'iscrizione : 26.03.11

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Lun Nov 16, 2015 10:55 pm

Precario hai fatto del tuo meglio. Ti faccio i miei complimenti.
Tornare in alto Andare in basso
Cloretta



Messaggi : 346
Data d'iscrizione : 23.06.15

MessaggioOggetto: Re: Cosa farete lunedì?   Mar Nov 17, 2015 12:19 am

avidodinformazioni ha scritto:

Chi inizia a fumare da ragazzino con grande probabilità continuerà a farlo per sempre e con probabilità non trascurabile ci schiatterà; è solo questione di tempo.

Anche per chi non fuma è solo questione di tempo. Quindi, perché privarsi di un piacere?
Io, tra l'altro, tutti questi morti per fumo li vedo solo nelle statistiche.

Tornare in alto Andare in basso
 
Cosa farete lunedì?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 4 di 5Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente
 Argomenti simili
-
» Cosa farete l'ultimo dell'anno?
» cosa posso regalare ho bisogno di consigli
» cosa fare e non fare durante il pt?
» La vita non ti chiede mai di cosa hai voglia o no!
» Cosa desiderate?

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: