Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 6:16 am

"siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo che porta nella direzione di un definitivo superamento dell'insegnamento trasmissivo"

MIUR, bando per i fondi strutturali europei PON

http://www.cislscuola.it/uploads/media/avvisoMiur_12810_15ott_01.pdf
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 9:29 am

Da mo' che l'abbiamo superato!
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 9:41 am

Internet e tutta la relativa tecnologia consente di ripensare radicalmente il modo di insegnare.

Ci vorranno almeno 2-3 generazioni.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15758
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 10:52 am

Parole parole parole; i didattofuffologi non sanno fare altro.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 5:17 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Parole parole parole; i didattofuffologi non sanno fare altro.

Non sono solo parole: è vero che l'accesso alla semplice conoscenza di cose è più facile che mai, a distanza di un movimento di pollice e di indice. Ci sarebbero, in teoria, le condizioni per ripensare daccapo che cosa significa insegnare.

Poi ci guardiamo attorno, notiamo le strutture in cui lavoriamo, guardiamo in faccia i colleghi, e aspettiamo il 2100 per questa rivoluzione dell'insegnamento.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15758
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 5:36 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Parole parole parole; i didattofuffologi non sanno fare altro.

Non sono solo parole: è vero che l'accesso alla semplice conoscenza di cose è più facile che mai, a distanza di un movimento di pollice e di indice. Ci sarebbero, in teoria, le condizioni per ripensare daccapo che cosa significa insegnare.

Poi ci guardiamo attorno, notiamo le strutture in cui lavoriamo, guardiamo in faccia i colleghi, e aspettiamo il 2100 per questa rivoluzione dell'insegnamento.

1) Quando hai un ago e quando hai un pagliaio, l'ago è alla tua portata; prendilo se sei capace.

2) Internet è pieno di articoli sulle scie chimiche (un esempio http://www.ilmeteo.it/notizie/scie-chimiche-ora-ufficiale); usali per accedere alla conoscenza se ci riesci.

3) Chiedi ai tuoi alunni di dare una definizione di docente, otterrai "quello scassaminchia che non vuole che gioco al cellulare e che mi costringe a stare attento"; è una definizione adatta anche ad un internet point ?

4) Non dico i tuoi alunni, ma tu, hai mai fatto una richiesta di chiarimento ad un tuo insegnante, hai mai discusso con lui, lo hai mai fatto con un PC ?

5) Se un alunno dice ad un altro "negro di merda tornatene al tuo paese" il PC sarà in grado di attuare un'azione educativa volta all'integrazione ?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 5:39 pm

ha ragione avido...
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 6:11 pm

Internet è pieno di stronzate.l obiettivo è quelli di saper DISCERNERE.. senza cultura,senza basi,senza conoscenze,i ragazzi sono incapaci.ci sono anche articoli secondo cui le twin towers sono state distrutte mediante demolizione controllata e telecomandata..ma nemmeno riina brusca e santapaola arriverebbero a tanto...
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 6:16 pm

Oltretutto alcune cose non si possono imparare su internet... ad esempio se uno vuole capire come fare un laboratorio per le analisi del dna o costruire una bomba atomica, non trova sufficienti informazioni in rete!
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15758
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 8:02 pm

Quando si dice il caso

Felipeto ha scritto:
Internet è pieno di stronzate.l obiettivo è quelli di saper DISCERNERE.. senza cultura,senza basi,senza conoscenze,i ragazzi sono incapaci.ci sono anche articoli secondo cui le twin towers sono state distrutte mediante demolizione controllata e telecomandata..ma nemmeno riina brusca e santapaola  arriverebbero a tanto...

Paolo Santaniello ha scritto:
Oltretutto alcune cose non si possono imparare su internet... ad esempio se uno vuole capire come fare un laboratorio per le analisi del dna o costruire una bomba atomica, non trova sufficienti informazioni in rete!
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 8:28 pm

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Parole parole parole; i didattofuffologi non sanno fare altro.

Non sono solo parole: è vero che l'accesso alla semplice conoscenza di cose è più facile che mai, a distanza di un movimento di pollice e di indice. Ci sarebbero, in teoria, le condizioni per ripensare daccapo che cosa significa insegnare.

Poi ci guardiamo attorno, notiamo le strutture in cui lavoriamo, guardiamo in faccia i colleghi, e aspettiamo il 2100 per questa rivoluzione dell'insegnamento.

1) Quando hai un ago e quando hai un pagliaio, l'ago è alla tua portata; prendilo se sei capace.

2) Internet è pieno di articoli sulle scie chimiche (un esempio http://www.ilmeteo.it/notizie/scie-chimiche-ora-ufficiale); usali per accedere alla conoscenza se ci riesci.

3) Chiedi ai tuoi alunni di dare una definizione di docente, otterrai "quello scassaminchia che non vuole che gioco al cellulare e che mi costringe a stare attento"; è una definizione adatta anche ad un internet point ?

4) Non dico i tuoi alunni, ma tu, hai mai fatto una richiesta di chiarimento ad un tuo insegnante, hai mai discusso con lui, lo hai mai fatto con un PC ?

5) Se un alunno dice ad un altro "negro di merda tornatene al tuo paese" il PC sarà in grado di attuare un'azione educativa volta all'integrazione ?

Come dicevo, bisognerebbe ripensare il concetto di insegnamento. Tu invece mi rispondi come se avessi detto di abolirlo, tanto c'è Internet.

E si torna al peer instruction di Eric Mazur, di cui abbiamo discusso nel thread sulla flipped classroom.

L'insegnamento dovrebbe focalizzarsi sull'interpretazione delle conoscenze, non sul ripeterne il contenuto. E prima che mi dite "ma come si fa?", sono io il primo a dire che nella situazione attuale non si può. Ma in linea di principio, è possibile pensare a un insegnamento non centrato sul fornire le informazioni, ma sulla riflessione sul loro significato e sulla loro attendibilità.

Tempo fa si commentavano i risultati di alcune prove, che davano risultati peggiori all'aumentare degli anni trascorsi a scuola. Una mia amica commentò "quelli più piccoli rispondono meglio perché non li abbiamo ancora rovinati". In un certo senso, è vero. Il bambino è più libero da schemi, l'adolescente è già stato inquadrato.

I miei alunni peggiori sono quelli che di fronte a un problema si pongono la domanda "che formula devo usare?", perché in anni di scuola hanno insegnato loro che devono imparare le formule. Faccio sempre una grande fatica, con le classi nuove, a reimpostare il loro approccio ai problemi.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6113
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 8:51 pm

mac67 ha scritto:

L'insegnamento dovrebbe focalizzarsi sull'interpretazione delle conoscenze, non sul ripeterne il contenuto.

Il concetto di "RIPETERE" il contenuto delle conoscenze presupporrebbe che i discenti, quelle conoscenze, le possedessero già, e che quindi sia inutile "ripeterle" perché le sanno già.

Ma se non le sanno proprio, che q*zz c'è da "interpretare"?

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15758
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 9:03 pm

mac67 ha scritto:
L'insegnamento dovrebbe focalizzarsi sull'interpretazione delle conoscenze, non sul ripeterne il contenuto. E prima che mi dite "ma come si fa?", sono io il primo a dire che nella situazione attuale non si può. Ma in linea di principio, è possibile pensare a un insegnamento non centrato sul fornire le informazioni, ma sulla riflessione sul loro significato e sulla loro attendibilità.
La critica delle informazioni che trovi è un processo che attinge alle informazioni che hai, valuta la coerenza delle informazioni nuove con le vecchie, in assenza di coerenza confronta l'attendibiltà della vecchia fonte con quella nuova e soprattutto il potenziale che la nuova versione ha nello spiegare fatti prima inspiegabili (e viceversa).

In ogni caso per criticare il nuovo devi sapere il vecchio; la scuola oggi è ben lontana dall'insegnare tutto, anzi, purtroppo insegna già troppo poco per riuscire a criticare quanto di nuovo si trova in rete.

La scuola dovrebbe fornire le basi e le fornisce precarie.

Il costruttivismo, ovvero la teoria che sta alla base del "nuovo paradigma" esiste già da un po' sebbene si sia sempre riferito ad altri strumenti; ha sempre avuto il pregio di creare saperi solidi al prezzo di una lentezza inaccettabile e soprattutto di non essere adatto ai meno dotati; la novità sta solo nei costi: una volta i laboratori di qualsiasi tipo erano costosi, oggi intenet è semigratuita.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 9:05 pm

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Parole parole parole; i didattofuffologi non sanno fare altro.

Non sono solo parole: è vero che l'accesso alla semplice conoscenza di cose è più facile che mai, a distanza di un movimento di pollice e di indice. Ci sarebbero, in teoria, le condizioni per ripensare daccapo che cosa significa insegnare.

Poi ci guardiamo attorno, notiamo le strutture in cui lavoriamo, guardiamo in faccia i colleghi, e aspettiamo il 2100 per questa rivoluzione dell'insegnamento.

1) Quando hai un ago e quando hai un pagliaio, l'ago è alla tua portata; prendilo se sei capace.

2) Internet è pieno di articoli sulle scie chimiche (un esempio http://www.ilmeteo.it/notizie/scie-chimiche-ora-ufficiale); usali per accedere alla conoscenza se ci riesci.

3) Chiedi ai tuoi alunni di dare una definizione di docente, otterrai "quello scassaminchia che non vuole che gioco al cellulare e che mi costringe a stare attento"; è una definizione adatta anche ad un internet point ?

4) Non dico i tuoi alunni, ma tu, hai mai fatto una richiesta di chiarimento ad un tuo insegnante, hai mai discusso con lui, lo hai mai fatto con un PC ?

5) Se un alunno dice ad un altro "negro di merda tornatene al tuo paese" il PC sarà in grado di attuare un'azione educativa volta all'integrazione ?



Sono assolutamente d'accordo.
Usare ad eccedere alla conoscenza su Internet richiederebbe un corso intero basato solo sulla modalità di reperimento delle informazioni. Non è un caso che ormai fioccano da tutte le parti sonori ignorantoni che si sono "informati" sul web, da autodidatti e strombazzano una competenza inesistente.
Continuo a credere che il principio di autorità, nell'ambito educativo, sia fondamentale e che serva un orientamento nei processi di apprendimento.
Esiste poi un'igiene dell'informazione e anche della cultura. Non tutto quello che è stato prodotto dal passato è rimasto ai posteri, non tutto quello che produrremo noi meriterà di rimanere ai nostri posteri. Confondiamo l'accumulo di informazioni con un sistema ordinato di cultura
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 9:42 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
mac67 ha scritto:
 
L'insegnamento dovrebbe focalizzarsi sull'interpretazione delle conoscenze, non sul ripeterne il contenuto.

Il concetto di "RIPETERE" il contenuto delle conoscenze presupporrebbe che i discenti, quelle conoscenze, le possedessero già, e che quindi sia inutile "ripeterle" perché le sanno già.

Ma se non le sanno proprio, che q*zz c'è da "interpretare"?

L.

Si presuppone, ovviamente, che i discenti le conoscenze le abbiano acquisite da soli, leggendo con attenzione a casa loro. Mi sembrava ovvio, ma evidentemente mi sbagliavo.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 9:45 pm

avidodinformazioni ha scritto:

La critica delle informazioni che trovi è un processo che attinge alle informazioni che hai, valuta la coerenza delle informazioni nuove con le vecchie, in assenza di coerenza confronta l'attendibiltà della vecchia fonte con quella nuova e soprattutto il potenziale che la nuova versione ha nello spiegare fatti prima inspiegabili (e viceversa).

In ogni caso per criticare il nuovo devi sapere il vecchio; la scuola oggi è ben lontana dall'insegnare tutto, anzi, purtroppo insegna già troppo poco per riuscire a criticare quanto di nuovo si trova in rete.

Il vecchio se lo potrebbe studiare a casa prima di venire a scuola?

avidodinformazioni ha scritto:


Il costruttivismo, ovvero la teoria che sta alla base del "nuovo paradigma" esiste già da un po' sebbene si sia sempre riferito ad altri strumenti; ha sempre avuto il pregio di creare saperi solidi al prezzo di una lentezza inaccettabile e soprattutto di non essere adatto ai meno dotati; la novità sta solo nei costi: una volta i laboratori di qualsiasi tipo erano costosi, oggi intenet è semigratuita.

No, il costruttivismo è che te lo costruisci da zero da solo. Io dico che impari prima le cose essenziali a casa leggendo con attenzione; poi in classe riflettiamo su quello che hai studiato.

Ciò detto, torno a dire una cosa che sembra sia passata inosservata: in astratto è un buon modo di procedere. Nel concreto della scuola italiana di oggi, non funziona, per più di un motivo.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6113
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 10:14 pm

Cioè, per te sarebbe OVVIO che gli studenti acquisiscano spontaneamente le conoscenze, senza che nessuno gliele insegni, passando le ore a studiare individualmente a casa propria per curiosità privata o per passione ideale?

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 10:47 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Cioè, per te sarebbe OVVIO che gli studenti acquisiscano spontaneamente le conoscenze, senza che nessuno gliele insegni, passando le ore a studiare individualmente a casa propria per curiosità privata o per passione ideale?

L.

Allora, facciamo così: prima rileggi i miei post, poi continuiamo a discutere.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:25 am

Il santo web sta creando una massa di ignoranti manipolabili; altro che competenze e pensiero critico.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5335
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 10:20 am

mac67 ha scritto:

L'insegnamento dovrebbe focalizzarsi sull'interpretazione delle conoscenze, non sul ripeterne il contenuto. E prima che mi dite "ma come si fa?", sono io il primo a dire che nella situazione attuale non si può. Ma in linea di principio, è possibile pensare a un insegnamento non centrato sul fornire le informazioni, ma sulla riflessione sul loro significato e sulla loro attendibilità.

Tempo fa si commentavano i risultati di alcune prove, che davano risultati peggiori all'aumentare degli anni trascorsi a scuola. Una mia amica commentò "quelli più piccoli rispondono meglio perché non li abbiamo ancora rovinati". In un certo senso, è vero. Il bambino è più libero da schemi, l'adolescente è già stato inquadrato.

I miei alunni peggiori sono quelli che di fronte a un problema si pongono la domanda "che formula devo usare?", perché in anni di scuola hanno insegnato loro che devono imparare le formule. Faccio sempre una grande fatica, con le classi nuove, a reimpostare il loro approccio ai problemi.


Anche io penso che l'insegnamento andrebbe ripensato, e credo che per sostenere questo basti guardare ai risultati sempre più scarsi che la scuola riesce ormai a ottenere. Non è colpa degli insegnanti, la società è cambiata in peggio... e va bene. Ma con il dato di fatto dell'inefficacia della nostra azione didattica bisognerà prima poi fare i conti.

Quello che mi lascai perplessa è la convinzione che quando si pensa all'apposto della nuove tecnologie si debba far riferimento soprattutto ai contenuti fruiti da Internet, le informazioni come le chiami tu, cioè la parte che negli ultimi decenni si è maggiormente screditata, separandola artificialmente dalle competenze e ora dalla "riflessione", addirittura dal "significato".

Io penso invece che siano le modalità di organizzazione delle conoscenze fornite dall'insegnante che potrebbero beneficiare delle nuove tecnologie, e che il web sia lo strumento di cui abbiamo meno bisogno per la didattica curricolare (benissimo invece per approfondire, accedere a filmati, documenti ecc...). Molto più utile è ad esempio la LIM.

Quando parli della lezione capovolta, la immagini come unica pratica didattica oppure come alternata alla didattica, chiamiamola tradizionale, frontale? E la immagini praticabile in ogni ordine di scuola e per ogni disciplina? Una didattica incentrata esclusivamente su questa modalità e per tutto mi lascia molto perplessa...
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:05 pm

lucetta10 ha scritto:

Anche io penso che l'insegnamento andrebbe ripensato, e credo che per sostenere questo basti guardare ai risultati sempre più scarsi che la scuola riesce ormai a ottenere. Non è colpa degli insegnanti, la società è cambiata in peggio... e va bene. Ma con il dato di fatto dell'inefficacia della nostra azione didattica bisognerà prima poi fare i conti.

Quello che mi lascai perplessa è la convinzione che quando si pensa all'apposto della nuove tecnologie si debba far riferimento soprattutto ai contenuti fruiti da Internet, le informazioni come le chiami tu, cioè la parte che negli ultimi decenni si è maggiormente screditata, separandola artificialmente dalle competenze e ora dalla "riflessione", addirittura dal "significato".

Io penso invece che siano le modalità di organizzazione delle conoscenze fornite dall'insegnante che potrebbero beneficiare delle nuove tecnologie, e che il web sia lo strumento di cui abbiamo meno bisogno per la didattica curricolare (benissimo invece per approfondire, accedere a filmati, documenti ecc...). Molto più utile è ad esempio la LIM.

Quando parli della lezione capovolta, la immagini come unica pratica didattica oppure come alternata alla didattica, chiamiamola tradizionale, frontale? E la immagini praticabile in ogni ordine di scuola e per ogni disciplina? Una didattica incentrata esclusivamente su questa modalità e per tutto mi lascia molto perplessa...

Dicendo Internet, non intendo wikipedia o il sito del prof. Rossi. Che possono anche andare bene, ma è una visione riduttiva. Io mi riferisco alla rete e alla tecnologia che si poggia su di essa.

Ho esordito nel primo post dicendo che ci vorranno 2-3 generazioni. Non scherzavo. Non penso che si possa fare oggi, per vari motivi, tenendo conto della realtà. Ma in linea di principio, sì. Il vero valore aggiunto del docente non sta nel fatto che dice cose che chiunque può trovare su un libro.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:11 pm

lucetta10 ha scritto:

Quando parli della lezione capovolta, la immagini come unica pratica didattica oppure come alternata alla didattica, chiamiamola tradizionale, frontale? E la immagini praticabile in ogni ordine di scuola e per ogni disciplina? Una didattica incentrata esclusivamente su questa modalità e per tutto mi lascia molto perplessa...

Non ho ricette. Ho provato il peer instruction con un classe che, di fatto, nei due anni precedenti, di fisica non aveva imparato nulla. I risultati sono stati parziali e non abbastanza convincenti, per cui l'ho abbandonato in favore di una via più tradizionale. Non escludo che con una classe diversa potrebbe funzionare, nè che potrei fare meglio con un po' di esperienza in più (di questo, anzi, sono certo).

Il problema di fondo è che la scuola italiana non insegna abbastanza ai ragazzi a leggere e comprendere un testo, nè favorisce uno studio attivo. Ce lo dicono tutte le indagini nazionali e internazionali, e lo vediamo in classe tutti i giorni.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6113
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:21 pm

Citazione :
Il vero valore aggiunto del docente non sta nel fatto che dice cose che chiunque può trovare su un libro.

Ok, ma perché fino a pochi anni fa era considerato assolutamente normale che l'insegnante, per la maggior parte del suo tempo di lavoro effettivo, insegnasse cose "che si possono anche trovare su un libro" (e che si potevano tranquillamente trovare su un libro anche allora), mentre adesso è considerato quasi una vergogna? Perché in passato il cosiddetto "insegnamento trasmissivo" andava bene, mentre adesso non va più bene?

Solo perché sono cambiati i GUSTI e le preferenze dell'utenza, e adesso l'insegnamento trasmissivo non piace più?

Ma francamente non penso che, anche 10, 20 o 40 anni fa, l'alunno medio studiasse perché quel metodo "gli piaceva", mentre a quelli di oggi non piace più.

Studiava perché lo doveva fare, un po' perché si sentiva costretto, un po' perché gli conveniva, un po' per paura della bocciatura, un po' per quieto vivere familiare, insomma esattamente come adesso. Tranne qualche singola eccezione che studiava per passione e per curiosità intellettuale personale, ma erano in pochi, esattamente come ci sono ancora, ma sono in pochi anche adesso.

Quindi, senza polemica, quali sarebbero esattamente i presupposti per cui si dice che l'insegnamento trasmissivo (indipendentemente da quanto fosse gradito) "prima FUNZIONAVA, mentre adesso non funziona più"????
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:46 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Citazione :
Il vero valore aggiunto del docente non sta nel fatto che dice cose che chiunque può trovare su un libro.

Ok, ma perché fino a pochi anni fa era considerato assolutamente normale che l'insegnante, per la maggior parte del suo tempo di lavoro effettivo, insegnasse cose "che si possono anche trovare su un libro" (e che si potevano tranquillamente trovare su un libro anche allora), mentre adesso è considerato quasi una vergogna? Perché in passato il cosiddetto "insegnamento trasmissivo" andava bene, mentre adesso non va più bene?

Solo perché sono cambiati i GUSTI e le preferenze dell'utenza, e adesso l'insegnamento trasmissivo non piace più?

Ma francamente non penso che, anche 10, 20 o 40 anni fa, l'alunno medio studiasse perché quel metodo "gli piaceva", mentre a quelli di oggi non piace più.

Studiava perché lo doveva fare, un po' perché si sentiva costretto, un po' perché gli conveniva, un po' per paura della bocciatura, un po' per quieto vivere familiare, insomma esattamente come adesso. Tranne qualche singola eccezione che studiava per passione e per curiosità intellettuale personale, ma erano in pochi, esattamente come ci sono ancora, ma sono in pochi anche adesso.

Quindi, senza polemica, quali sarebbero esattamente i presupposti per cui si dice che l'insegnamento trasmissivo (indipendentemente da quanto fosse gradito) "prima FUNZIONAVA, mentre adesso non funziona più"????

Non esageriamo. Mai detto che il metodo trasmissivo è una vergogna. E non è che non funziona più. Però concordo che non è il metodo più efficace. Dici che una volta era ritenuto efficace: lo è e lo era, mai detto che non lo sia. Penso però che si possa fare meglio, in linea di principio (ci tengo a sottolineare che ne parlo in astratto).

L'utenza scolastica è cambiata. Non mitizzo la scuola di 30 anni fa: ricordo bene che tra i miei compagni ce n'era più di uno piuttosto "lento" di comprendonio. Però vedo anche che l'autonomia di questi ragazzi si riduce continuamente. Va bene che le famiglie non sono quelle di una volta (anche quelle, in parte mitiche e esistenti solo sulla carta), ma un pochino di responsabilità la avremo pure noi docenti? Perché anche i docenti sono discretamente peggiorati nel corso degli anni. Il maestro di 50 anni fa aveva una cultura (generale e pedagogica) che alcuni maestri di oggi se la sognano (avviso ai bravi maestri: no, non parlo di voi, ma se siete a scuola da un po' di anni, avete un'idea di chi parlo). Non parliamo poi dei colleghi delle scuole medie e superiori, dove anni di concorsi riservati hanno abbassato notevolmente la qualità media (anche qui, colleghi: non parlo di voi, ma di alcuni di quelli che vedete ogni mattina in sala docenti).
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15758
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:47 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
"prima FUNZIONAVA, mentre adesso non funziona più"????
Perchè sono cambiati gli obiettivi: prima l'obiettivo era "buoni, magari pochi ma buoni", ora l'obiettivo è "il più possibile, a qualunque costo".
Tornare in alto Andare in basso
 
siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Siamo di fronte a un bivio...
» vabbe visto che siamo in vena di anneddoti ... e manie .. vi racconto quelle di Mau
» ho scritto in fronte Giocondor!
» Non siamo tutti uguali
» Ma noi... siamo Dio?...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: