Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mar Nov 17, 2015 5:16 am

Promemoria primo messaggio :

"siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo che porta nella direzione di un definitivo superamento dell'insegnamento trasmissivo"

MIUR, bando per i fondi strutturali europei PON

http://www.cislscuola.it/uploads/media/avvisoMiur_12810_15ott_01.pdf
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 5:53 pm

mac67 ha scritto:
.......Il maestro di 50 anni fa aveva una cultura (generale e pedagogica) che alcuni maestri di oggi se la sognano.
Soprattutto pedagogica, nel tempo in effetti si è persa: ai tempi di mio padre il maestro aveva una bacchetta che tirava sulle mani di chi non si dava da fare o di chi disturbava; ai miei tempi di maestro con la bacchetta ne ho conosciuto solo uno, la portava in classe, ci minacciava, ma non l'ha mai usata; ai miei tempi il maestro riferiva ai genitori che prendevano il battipanni o la cinghia e giù botte; oggi non si possono sgridare troppo perchè altrimenti si traumatizzano.

Si, una volta erano pedagoghi migliori.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 5:54 pm

avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
.......Il maestro di 50 anni fa aveva una cultura (generale e pedagogica) che alcuni maestri di oggi se la sognano.
Soprattutto pedagogica, nel tempo in effetti si è persa: ai tempi di mio padre il maestro aveva una bacchetta che tirava sulle mani di chi non si dava da fare o di chi disturbava; ai miei tempi di maestro con la bacchetta ne ho conosciuto solo uno, la portava in classe, ci minacciava, ma non l'ha mai usata; ai miei tempi il maestro riferiva ai genitori che prendevano il battipanni o la cinghia e giù botte; oggi non si possono sgridare troppo perchè altrimenti si traumatizzano.

Si, una volta erano pedagoghi migliori.

Ho visto qualche video del famoso maestro Manzi: si fuma una buona parte dei docenti universitari di oggi.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 5:58 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:
.......Il maestro di 50 anni fa aveva una cultura (generale e pedagogica) che alcuni maestri di oggi se la sognano.
Soprattutto pedagogica, nel tempo in effetti si è persa: ai tempi di mio padre il maestro aveva una bacchetta che tirava sulle mani di chi non si dava da fare o di chi disturbava; ai miei tempi di maestro con la bacchetta ne ho conosciuto solo uno, la portava in classe, ci minacciava, ma non l'ha mai usata; ai miei tempi il maestro riferiva ai genitori che prendevano il battipanni o la cinghia e giù botte; oggi non si possono sgridare troppo perchè altrimenti si traumatizzano.

Si, una volta erano pedagoghi migliori.

Ho visto qualche video del famoso maestro Manzi: si fuma una buona parte dei docenti universitari di oggi.
Il maestro Manzi era UNO, selezionato tra tutti e lavorava in un ambiente edulcorato.

Prendi il migliore maestro d'Italia di oggi (se hanno selezionato Manzi perchè non dovremmo selezionare il nostro campione ?) e levagli dai coglioni tutti gli studenti, vedrai che super lezioni riesce a fare !

Se mi togli dai coglioni gli studenti riesco a farne di buonine anch'io.
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 997
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:09 pm

mac67 ha scritto:

L'utenza scolastica è cambiata. Non mitizzo la scuola di 30 anni fa: ricordo bene che tra i miei compagni ce n'era più di uno piuttosto "lento" di comprendonio. Però vedo anche che l'autonomia di questi ragazzi si riduce continuamente...
Nella mia zona 30 anni fa il liceo aveva 4 sezione, il professionale statale + la formazione professionale 12. Adesso tra professionale statale e formazione professionale fanno fatica a tirare su 4 sezioni, che spravvivono con gli H, mentre il liceo conta 13 sezioni.
Se tutti si iscrivono al liceo è chiaro che aumenta il numero di studenti con bassa autonomia perché indirizzati verso scuole più impegnative.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:10 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Ho visto qualche video del famoso maestro Manzi: si fuma una buona parte dei docenti universitari di oggi.
Il maestro Manzi era UNO, selezionato tra tutti e lavorava in un ambiente edulcorato.

Prendi il migliore maestro d'Italia di oggi (se hanno selezionato Manzi perchè non dovremmo selezionare il nostro campione ?) e levagli dai coglioni tutti gli studenti, vedrai che super lezioni riesce a fare !

Se mi togli dai coglioni gli studenti riesco a farne di buonine anch'io.[/quote]

Mi riferivo al modo di esporre e alla proprietà di linguaggio.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:17 pm

Secondo il mio modesto punto di vista, le strategie alternative a quelle tradizionali funzionano solo in alcuni contesti e comunque non rappresentano la bacchetta magica né, tanto meno, il fine dell'insegnamento. Anzi: in alcuni contesti, se maneggiate male e non bilanciate da una adeguata trasmissione di conoscenze, possono essere più dannose della grandine. Mi riferisco in particolare alle scuole elementari, nelle quali si tende ad abituare i bambini a un metodo tanto gratificante sul breve periodo quanto poco proficuo per le loro future capacità di studio autonomo.

Personalmente mi piace utilizzare strategie attivistiche solo con le classi che già hanno un discreto rendimento; pensare di usarle in chiave motivazionale per classi in difficoltà rischia di sortire l'effetto opposto a quello sperato, tanto più se adottate da un insegnante singolo che si comporta come una monade isolata rispetto al proprio consiglio di classe.

L'insegnamento è trasmissione di conoscenza, cioè nozioni, cultura e spirito critico; lo stesso aggettivo "trasmissivo" demonizza l'insegnamento in sé, come se il trasmettere conoscenza fosse un po' come trasmettere una pericolosa malattia e la malattia da debellare forse è proprio il pensiero astratto, logico e critico.

L'utilizzo entusiastico e acritico della multimedialità in classe, vista come panacea per ogni frustrazione scolastica, rappresenta l'ennesimo passo della deriva verso una spettacolarizzazione di una didattica modaiola e povera di contenuti reali; all'apparente facilità di trasmissione del messaggio didattico corrisponde una pari difficoltà nella sua rielaborazione autonoma da parte del discente.

C'è comunque da riflettere di come la scuola sia diventata il ricettacolo di ogni problematica sociale, che non riesce a risolvere in alcun modo perché da trent'anni in qua il "paradigma" mutato impone che la scuola faccia da specchio alle dinamiche della società contemporanea anziché porsi come Istituzione, con la sua alterità rispetto ai mutamenti sociali. In parole povere ciò che è fallimentare è l'idea di una scuola mimetica rispetto alle dinamiche familiari, culturali ed economiche, una scuola mamma, una scuola inclusiva, una scuola power rangers, una scuola che sostituisce i genitori nel loro compito educativo.

Finché non si scardina questo nuovo e fasullo paradigma la scuola continuerà a peggiorare, il lavoro di insegnamento sarà sempre più frustrante, le competenze nel corpo sociale sempre più latitanti, come certificato da tutte le indagini nazionali e non.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:41 pm

mac67 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
mac67 ha scritto:

Ho visto qualche video del famoso maestro Manzi: si fuma una buona parte dei docenti universitari di oggi.
Il maestro Manzi era UNO, selezionato tra tutti e lavorava in un ambiente edulcorato.

Prendi il migliore maestro d'Italia di oggi (se hanno selezionato Manzi perchè non dovremmo selezionare il nostro campione ?) e levagli dai coglioni tutti gli studenti, vedrai che super lezioni riesce a fare !

Se mi togli dai coglioni gli studenti riesco a farne di buonine anch'io.

Mi riferivo al modo di esporre e alla proprietà di linguaggio.
OK, non metto in dubbio che fosse "super" dico che è stato scelto tra tutti i docenti (casting) per andare in TV; scegli oggi, tra tutti i docenti, uno da mandare in TV, pensi non se ne trovi uno altrettanto buono ?

Diverso sarebbe dire "lui era un tipico esempio degli anni 50" mentre "avidodinformazioni, col suo linguaggio da bettola, è il tipico docente del nuovo millennio".

Non è così, lui non era il tipico docente degli anni 50.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:45 pm

@melia ha scritto:
mac67 ha scritto:

L'utenza scolastica è cambiata. Non mitizzo la scuola di 30 anni fa: ricordo bene che tra i miei compagni ce n'era più di uno piuttosto "lento" di comprendonio. Però vedo anche che l'autonomia di questi ragazzi si riduce continuamente...
Nella mia zona 30 anni fa il liceo aveva 4 sezione, il professionale statale + la formazione professionale 12. Adesso tra professionale statale e formazione professionale fanno fatica a tirare su 4 sezioni, che spravvivono con gli H, mentre il liceo conta 13 sezioni.
Se tutti si iscrivono al liceo è chiaro che aumenta il numero di studenti con bassa autonomia perché indirizzati verso scuole più impegnative.
Saggia osservazione, alla quale dobbiamo affiancare anche le 5 sezioni che non si formavano neanche al professionale perchè i peggiori dei peggiori non andavano oltre la terza media.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6159
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:49 pm

@melia ha scritto:
mac67 ha scritto:

L'utenza scolastica è cambiata. Non mitizzo la scuola di 30 anni fa: ricordo bene che tra i miei compagni ce n'era più di uno piuttosto "lento" di comprendonio. Però vedo anche che l'autonomia di questi ragazzi si riduce continuamente...
Nella mia zona 30 anni fa il liceo aveva 4 sezione, il professionale statale + la formazione professionale 12. Adesso tra professionale statale e formazione professionale fanno fatica a tirare su 4 sezioni, che spravvivono con gli H, mentre il liceo conta 13 sezioni.
Se tutti si iscrivono al liceo è chiaro che aumenta il numero di studenti con bassa autonomia perché indirizzati verso scuole più impegnative.

Però la scarsità di autonomia si manifesta molto prima dell'età della scelta delle superiori.

30 o 40 anni fa, alle elementari, la maggior parte di noi i compiti a casa li faceva da solo. Chi un po' meglio, chi un po' peggio, ma li facevamo da soli... non mi risulta che esistesse l'usanza di "seguire il figlio nei compiti", nel senso che il genitore si siede direttamente al tavolino accanto al figlio e lo guida passo passo in ogni riga da scrivere. Al massimo c'era la mamma casalinga che si divertiva a "risentire" al figlio il ripasso delle materie orali mentre lei stirava o impastava, ma quello era più un rituale simbolico che un aiuto nello studio. Per il resto, il genitore medio si sentiva solo in dovere di controllare che i compiti fossero effettivamente stati fatti, oppure dava un suggerimento SOLO se veniva richiesto... ma in condizioni normali tutti davano per scontato che al ragazzino spettasse la responsabilità di farli da solo, e che la cosa fosse perfettamente alla sua portata.

Come si spiega che adesso, invece, ci sia una larghissima percentuale di genitori convinti che a un bambino delle elementari non si possa richiedere di fare i compiti da solo, perchè strutturalmente incapace di arrivarci, e sia assolutamente necessario un tutoraggio adulto continuo? Non mi dite che i compiti delle elementari di oggi sono terribilmente più difficili di quelli di 40 anni fa, perché proorio non mi risulta...

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6159
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:52 pm

avidodinformazioni ha scritto:
@melia ha scritto:
mac67 ha scritto:

L'utenza scolastica è cambiata. Non mitizzo la scuola di 30 anni fa: ricordo bene che tra i miei compagni ce n'era più di uno piuttosto "lento" di comprendonio. Però vedo anche che l'autonomia di questi ragazzi si riduce continuamente...
Nella mia zona 30 anni fa il liceo aveva 4 sezione, il professionale statale + la formazione professionale 12. Adesso tra professionale statale e formazione professionale fanno fatica a tirare su 4 sezioni, che spravvivono con gli H, mentre il liceo conta 13 sezioni.
Se tutti si iscrivono al liceo è chiaro che aumenta il numero di studenti con bassa autonomia perché indirizzati verso scuole più impegnative.
Saggia osservazione, alla quale dobbiamo affiancare anche le 5 sezioni che non si formavano neanche al professionale perchè i peggiori dei peggiori non andavano oltre la terza media.

Beh, in tal caso bisogna concludere che oggi i peggiori dei peggiori vanno al liceo : - )
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 6:54 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
@melia ha scritto:
mac67 ha scritto:

L'utenza scolastica è cambiata. Non mitizzo la scuola di 30 anni fa: ricordo bene che tra i miei compagni ce n'era più di uno piuttosto "lento" di comprendonio. Però vedo anche che l'autonomia di questi ragazzi si riduce continuamente...
Nella mia zona 30 anni fa il liceo aveva 4 sezione, il professionale statale + la formazione professionale 12. Adesso tra professionale statale e formazione professionale fanno fatica a tirare su 4 sezioni, che spravvivono con gli H, mentre il liceo conta 13 sezioni.
Se tutti si iscrivono al liceo è chiaro che aumenta il numero di studenti con bassa autonomia perché indirizzati verso scuole più impegnative.
Saggia osservazione, alla quale dobbiamo affiancare anche le 5 sezioni che non si formavano neanche al professionale perchè i peggiori dei peggiori non andavano oltre la terza media.

Beh, in tal caso bisogna concludere che oggi i peggiori dei peggiori vanno al liceo  : - )
No, i peggiori dei peggiori all'IPSIA, gli altri a scalare.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 7:37 pm

paniscus_2.0 ha scritto:

Però la scarsità di autonomia si manifesta molto prima dell'età della scelta delle superiori.

Certo, non lo metto in dubbio. Non ho figli, non ho nipoti, per cui della scuola primaria di oggi so poco e potrei sbagliarmi. I riassunti si fanno ancora? Temo di no. Si esercita la memoria? Stesso discorso. In compenso si faranno varie cose, nessuna delle quali sviluppa l'autonomia di comprensione e rielaborazione quanto il vetusto riassunto. O mi sbaglio?
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5364
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 8:52 pm

avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
"prima FUNZIONAVA, mentre adesso non funziona più"????
Perchè sono cambiati gli obiettivi: prima l'obiettivo era "buoni, magari pochi ma buoni", ora l'obiettivo è "il più possibile, a qualunque costo".


quindi è solo una questione di quantità?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Mer Nov 18, 2015 9:47 pm

lucetta10 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
"prima FUNZIONAVA, mentre adesso non funziona più"????
Perchè sono cambiati gli obiettivi: prima l'obiettivo era "buoni, magari pochi ma buoni", ora l'obiettivo è "il più possibile, a qualunque costo".


quindi è solo una questione di quantità?
I migliori di oggi non sono peggio dei migliori di una volta ed i peggiori di oggi non sono peggio dei peggiori di una volta.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo   Gio Nov 19, 2015 4:45 am

avidodinformazioni ha scritto:

I migliori di oggi non sono peggio dei migliori di una volta ed i peggiori di oggi non sono peggio dei peggiori di una volta.

E' la "classe media" degli studenti ad essere stata falcidiata in termini di competenze, nel vano tentativo di recuperare qualcuno dei peggiori
Tornare in alto Andare in basso
 
siamo di fronte a un cambiamento del paradigma educativo
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Siamo di fronte a un bivio...
» vabbe visto che siamo in vena di anneddoti ... e manie .. vi racconto quelle di Mau
» ho scritto in fronte Giocondor!
» Non siamo tutti uguali
» Ma noi... siamo Dio?...

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: