Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Recita di Natale

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
Felicitas



Messaggi : 145
Data d'iscrizione : 03.07.13

MessaggioOggetto: Recita di Natale   Sab Nov 28, 2015 11:06 am

Promemoria primo messaggio :

Sto leggendo in questi giorni sul web le polemiche sorte dopo che il preside di una scuola ha deciso di cancellare la festa di Natale per trasformarla in una "festa dell'inverno" dove, invece delle classiche canzoncine religiose, verranno recitate soltanto poesie sull'inverno o canzoni a tema non religioso.

Insegno in una scuola primaria e avendo quest'anno una classe prima ho pensato che sarebbe potuto essere carino organizzare una festa di Natale con i genitori dei bambini. Non insegnando Religione mi è sembrato ovvio non preparare canti e filastrocche religiose e quindi, molto pacificamente, ci limitiamo a poesie sui regali, sull'inverno e altri temi.

A me sembra così ovvio che in una scuola laica la Religione e i temi religiosi debbano essere riservati alle sole due ore settimanali a disposizione di tale materia, che a volte mi sembra di essere fuori dal mondo quando leggo di queste polemiche, perché non ne capisco il senso.

Nella mia scuola non si fa il presepe, alcune aule hanno il crocifisso mentre altre no. Chi vuole fare Religione la fa, chi decide di non avvalersi segue la programmazione ben precisa e strutturata delle ore di Alternativa (odio questo nome!).

Ci dimentichiamo che la scuola è laica, che nelle nostre classi ci sono bambini sì di credo diverso ma anche bambini a cui della religione o di altre forme di superstizione non importa nulla.

Lasciamo la Religione fuori dalle aule per piacere.

Voi cosa ne pensate?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 6:39 pm

Felicitas ha scritto:
Sto leggendo in questi giorni sul web le polemiche sorte dopo che il preside di una scuola ha deciso di cancellare la festa di Natale per trasformarla in una "festa dell'inverno" dove, invece delle classiche canzoncine religiose, verranno recitate soltanto poesie sull'inverno o canzoni a tema non religioso.

Insegno in una scuola primaria e avendo quest'anno una classe prima ho pensato che sarebbe potuto essere carino organizzare una festa di Natale con i genitori dei bambini. Non insegnando Religione mi è sembrato ovvio non preparare canti e filastrocche religiose e quindi, molto pacificamente, ci limitiamo a poesie sui regali, sull'inverno e altri temi.

A me sembra così ovvio che in una scuola laica la Religione e i temi religiosi debbano essere riservati alle sole due ore settimanali a disposizione di tale materia, che a volte mi sembra di essere fuori dal mondo quando leggo di queste polemiche, perché non ne capisco il senso.

Nella mia scuola non si fa il presepe, alcune aule hanno il crocifisso mentre altre no. Chi vuole fare Religione la fa, chi decide di non avvalersi segue la programmazione ben precisa e strutturata delle ore di Alternativa (odio questo nome!).

Ci dimentichiamo che la scuola è laica, che nelle nostre classi ci sono bambini sì di credo diverso ma anche bambini a cui della religione o di altre forme di superstizione non importa nulla.

Lasciamo la Religione fuori dalle aule per piacere.

Voi cosa ne pensate?

La pensa in maniera equilibrata. Sono convinto che l'italiano medio, soprattutto i miei coetanei e più giovani, concepiscono che la religione cattolica sia un ammasso di preti pedofili e suore puttane o inacidite dalla castità. Io sono convinto, proprio per questo, che la religione cattolica, in Italia, abbia un'influenza fortemente sopravvalutata, e che la polemica di cui si parla sia stata scaturita non dalla devozione ma dall'islamofobia.
Il cattolicesimo non è né il diavolo, né la tradizione italica da proteggere dall'attacco dell'ondata dei mori.
E' giusto che la scuola sia laica, è giusto che l'ora di religione sia super partes, e non solo di religione cattolica (lo diceva la mia insegnante più di 20 anni fa, quando ancora gli extracomunitari erano praticamente presenti solo nelle città).
Da allora il mondo è cambiato e l'Italia è diventata uno dei tanti Paesi dove più religioni diverse convivono e non vedo perché una di queste debba avere un privilegio statale come ora settimanale e feste tipiche.

Sono invece favorevole alle vacanze di Natale perché la chiusura delle scuole deve essere anche coordinata col mondo esterno; ben venga in futuro la chiusura delle scuole per ramadan se sarà necessario.
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
perly



Messaggi : 1518
Data d'iscrizione : 29.07.14

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 7:07 pm

avidodinformazioni ha scritto:
perly ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
perly ha scritto:
Considerando che abbiano classi con un terzo di studenti sunniti, è ancora più aberrante
Non ci avevo mai pensato: chissà se i miei studenti islamici sono sciiti o sunniti; chissà che non ce ne siano di entrambi i tipi; speriamo non lo debba mai scoprire.

Nel 2009 mi capito una classe in cui c'era uno sciita (figlio dell' imam) e uno sunnita. Naturalmente non andavano d'accordo
A contorno di ciò un alunno comportamentale che bestemmiava Allah
E tu lo capivi, quindi usava aggettivi in italiano e sostantivi in arabo.

Aveva la mente confusa.

il comportamentale era italiano, ca va sans dire
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 7:39 pm

Felicitas ha scritto:

Voi cosa ne pensate?

Che è tutto un tormentone, da qualsiasi parte lo si rigiri
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 9:41 pm

E con il presidio della Aprea e della Gelmini, due soggetti che tanto male hanno fatto alla scuola pubblica, in particolare alle istituzioni scolastiche lombarde, direi che quest'anno toccheremo davvero il fondo.

Che tristezza.
http://www.lastampa.it/2015/11/29/italia/cronache/i-genitori-manifestano-per-il-preside-di-rozzano-basta-strumentalizzazioni-fk9TMa2nKBQdE2w7PF6sDP/pagina.html

Non c'è davvero più limite alla decenza e alla vergogna.
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 10:07 pm

http://www.icsgarofani.gov.it/attachments/article/173/circ_7_natale-signed.pdf


Immagino che dopo questa ridicola canea chi lo accusa possa dimostrare de iure quale errore avrebbe mai commesso.


Non esistono iniziative “cancellate” o “rinviate”. L’unico diniego che ho opposto riguarda la
richiesta di due mamme che avrebbero voluto entrare a scuola nell’intervallo mensa per in segnare canti religiosi ai bambini cristiani: cosa che continuo a considerare inopportuna
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 10:16 pm

mordekayn ha scritto:
http://www.icsgarofani.gov.it/attachments/article/173/circ_7_natale-signed.pdf


Immagino che dopo questa ridicola canea chi lo accusa possa dimostrare de iure quale errore avrebbe mai commesso.


Non esistono iniziative “cancellate” o “rinviate”. L’unico diniego che ho opposto riguarda la
richiesta di due mamme che avrebbero voluto entrare a scuola nell’intervallo mensa per in segnare canti religiosi ai bambini cristiani: cosa che continuo a considerare inopportuna

chapeau!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6171
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 10:45 pm

Esattamente uguale a quello che è successo poche settimane fa a un altro preside di Firenze (che incindentalmente conosco di persona, anche se ci ho lavorato insieme per una parentesi brevissima, e che considero soggetto coscienziosissimo e correttissimo).

Ma prima apro una parentesi che apparentemente non c'entra...

In pratica, tutto l'establishment di potere della città, dalla giunta comunale, alle banche, alle fondazioni, alle case editrici, e quant'altro, ha EVIDENTEMENTE investito una quantità mostruosa di risorse sull'allestimento di una certa mostra, il cui tema è l'arte contemporanea a sfondo sacro.

Magari la mostra è pure validissima, non lo so perché non l'ho ancora vista (e pensavo sinceramente di andare a vederla perché inizialmente mi interessava, ma la voglia mi sta passando)... ma di sicuro il lancio pubblicitario è stato abnorme, del tutto sproporzionato rispetto a parecchie altre mostre altrettanto importanti degli ultimi anni, e soprattutto con una campagna propagandistica massiccia sulle scuole di ogni ordine e grado perché portassero più classi possibile a visitarla.

Bene, torniamo al fatto:

'sto preside, che dirige un istituto comprensivo di materne, elementari e medie, è stato mediaticamente massacrato con l'accusa di "aver fatto annullare la visita alla mostra", e per di più di averlo fatto esplicitamente con la motivazione di "non offendere la sensibilità degli alunni di altre religioni" .

Quando invece era tutta una bufala, dall'inizio alla fine.

La visita alla mostra non è mai stata ANNULLATA, semplicemente perché non era mai stata indetta.

Semplicemente, era una delle decine e decine di proposte di progetti esterni (ossia, di comunicati stampa di istituzioni esterne) che arrivano sistematicamente a tutte le scuole, e che vengono sottoposte al giudizio dei singoli consigli di classe, e che poi vengono selezionati ad uno ad uno, a seconda della programmazione didattica di ogni singola classe.

Alcuni consigli avranno deciso di portare le classi alla mostra e altri no, ma NON per motivi ideologici, ma solo didattici (per esempio, aver pensato che non fosse adatta indiscriminatamente a ragazzini di tutte le età, oppure averne già scelte altre due o tre e non poterle fare TUTTE).

Quindi, non è vero che la visita fosse stata decisa e POI annullata: semplicemente, non è stata mai inserita tra le attività deliberate.

Bene... è successo che qualche singolo genitore sferoclasta ha preso fischi per fiaschi, ha dato per scontato che la visita fosse stata annullata dopo essere stata già fissata (il che già non era vero), e ci ha pure messo del suo inventandosi di sana pianta che fosse stata annullata "per non offendere i musulmani" (che erano gli unici a non entrarci un fico secco).

Quindi, ha chiamato l'amico giornalista, o l'amico politicante di quarta fila, e ha chiesto loro di piantare un casino immane su un evento che NON ESISTEVA... e a questi non è parso il vero di prenderlo in parola.

Nel giro di due giorni, è arrivato lo choc degli attentati di Parigi (che appunto NON erano ancora avvenuti al momento dei consigli di classe)... qualche figurante pubblico ancora più squallido ne ha approfittato come una sanguisuga, e questo disgraziato di preside è stato messo alla gogna mediatica internazionale, venendo addirittura messo sullo stesso piano di "quelli che giustificano i massacri dell'ISIS" o di "quelli che stanno dalla parte dei terroristi".

In pratica, adesso, qualsiasi scuola di Firenze è moralmente costretta a portare TUTTE le classi a quella mostra, comprese le classi che non c'entrano assolutamente nulla come programma didattico o come età degli alunni e che la prenderebbero solo come una perdita di tempo inutile... per dimostrare di non essere simpatizzanti del terrorismo.

Gli unici che si fregano le mani sono gli organizzatori della mostra, i pubblicitari che l'hanno propagandata, e i venditori di gadget annessi.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Lun Nov 30, 2015 10:52 pm

Devo dire che manipolare l'opinione pubblica non è molto difficile..lo dimostra la strumentalizzazione al limite del grottesco, basata sul nulla in cui è incappato il Dirigente Reggente del ICS di via dei Garofani di Rozzano.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6171
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 9:08 pm

Forum educazione fisica ha scritto:
Ma non è scritto da nessuna parte che in Italia debba prevalere la religione cattolica. In una scuola dove i ragazzi sono il 30-40% extracomunitari di altre religioni, mi chiedo che senso abbia dire che "siccome siamo in Italia devono rispettare la tradizione italiana delle feste cattoliche". E' un po' come se oggi negli USA si dovrebbero celebrare solo le tradizioni dei pellerossa o in Messico solo le tradizioni dei Maya o degli Aztechi.

Sacrifici umani e cannibalismo compresi.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 9:16 pm

Ma che paragoni del cazzo, ma siamo in un forum di insegnanti o di caciottari?paragonare la civiltà millenaria cristiana, che ci ha dato cattedrali,abbazie, san Pietro,opere d arte, amanuensi ed ordini religiosi che hanno ANCHE fatto del bene con i pellerossa, che vivevano in capanne di legno e pelli di bisonte e si scannavano tra tribù.. O gli aztechi che praticavano sacrifici umani..OMG..
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 9:19 pm

Cari burattini della propaganda filo straniera, che disprezzate la nostra civiltà, perché non proponente,per rispetto verso lo straniero,di abbattere san Pietro,la cappella sistina, san Marco ed ogni forma di arte cristiana? Sarebbe terribilmente radical chic..troppo figo.scommetto che ci avete già pensato ,=]
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6171
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 9:28 pm

Cosa c'entra la propaganda filostraniera con la laicità?

Il mio bisnonno era già contrario ai crocifissi 100 anni fa, e 60 anni fa diede disposizioni chiarissime di non volere il funerale in chiesa... ed era italianissimo, non seguace di nessuna "altra religione", e non era mai uscito dal suo paesello dell'appennino toscano se non per andare in guerra (cosa che peraltro non aveva fatto volontariamente ma che avrebbe preferito di gran lunga evitare).

Se sei contrario alla propaganda filostraniera che si intromette negli affari sociali e politici dell'Italia, comincia a prendertela con il Vaticano.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15831
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 9:52 pm

Felipeto ha scritto:
Ma che paragoni del cazzo, ma siamo in un forum di insegnanti o di caciottari?paragonare la civiltà millenaria cristiana, che ci ha dato cattedrali,abbazie, san Pietro,opere d arte, amanuensi ed ordini religiosi che hanno ANCHE fatto del bene con i pellerossa, che vivevano in capanne di legno e pelli di bisonte e si scannavano tra tribù.. O gli aztechi che praticavano sacrifici umani..OMG..

Che calderone che hai fatto ! E ti sei dimenticato qualche ingrediente.

1) La civiltà è una cosa la religione è un'altra; se mi dici che la civiltà europea è superiore a quella dei nativi americani concordo con te; vivere in case di pietra è meglio che vivere in capanne di pelli e legno (almeno il lupo cattivo non ti fa nulla), ma in questo la religione non c'entra.

2) Cattolici e valdesi (per dirne 2 a caso) si sono scannati quanto sioux e cherokee (sempre che li abbia scritti giusti).

3) Gli ordini religiosi hanno anche fatto del bene ed hanno anche fatto del male; vogliamo misurare l'uno e l'altro ? Io francamente non ne ho voglia e non ne sono neanche capace; concedimi che potrebbe venir fuori che il male potrebbe anche essere stato superiore al bene.

4) Sacrifici umani no, ma genocidi si; conta più cosa fai o perchè lo fai ?

5) Gli amanuensi hanno scritto tanto, per lo più minchiate.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15831
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 9:54 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Cosa c'entra la propaganda filostraniera con la laicità?

Il mio bisnonno era già contrario ai crocifissi 100 anni fa, e 60 anni fa diede disposizioni chiarissime di non volere il funerale in chiesa... ed era italianissimo, non seguace di nessuna "altra religione", e non era mai uscito dal suo paesello dell'appennino toscano se non per andare in guerra (cosa che peraltro non aveva fatto volontariamente ma che avrebbe preferito di gran lunga evitare).

Se sei contrario alla propaganda filostraniera che si intromette negli affari sociali e politici dell'Italia, comincia a prendertela con il Vaticano.

L.
Secondo me Gesù era contrario ai crocifissi già 2000 anni fa
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6171
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 10:19 pm

avidodinformazioni ha scritto:


5) Gli amanuensi hanno scritto tanto, per lo più minchiate.

E pensa se ci fosse stato whatsapp all'epoca : - )
Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mar Dic 01, 2015 11:22 pm

L Italia è intrisa di storia millenaria.e una gran parte è legata alla religione.l arte sacra è sterminata,i più bei borghi italiani nacquero all ombra di cattedrali o abbazie .i turisti vengono a vedere san Pietro, il duomo,la basilica di san Marco,castelgandolfo,tutti simboli religiosi.e i quadri? I mosaici?nelle abbazie i monaci coltivavano,producevano e cobservavano
garantivano un minimo di assistenza sanitaria e l istruzione .questa è la nostra storia.gruppi di monache assistevano i feriti di guerra ecc.eresia,persecuzioni di valdesi,dolciniani sono lati oscuri della chiesa, non che altre culture o religioni non ne avessero.l Italia è disseminata di meraviglie lasciate dal cristianesimo.ignoro,invece, cosa abbia lasciato il nonno ateo di paniscus, partito per una guerra non mi pare dichiarata dal papa ma da un governo laico.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 12:06 am

paniscus_2.0 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:


5) Gli amanuensi hanno scritto tanto, per lo più minchiate.

E pensa se ci fosse stato whatsapp all'epoca : - )



Bell'esempio! Gli amanuensi hanno copiato tanto della produzione della civiltà che precedeva quella cui appartenevano e la loro grandezza sta nell'aver conservato non la loro cultura ma quella ALTRUI di cui riconoscevano la grandezza...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15831
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 1:16 am

lucetta10 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:


5) Gli amanuensi hanno scritto tanto, per lo più minchiate.

E pensa se ci fosse stato whatsapp all'epoca : - )



Bell'esempio! Gli amanuensi hanno copiato tanto della produzione della civiltà che precedeva quella cui appartenevano e la loro grandezza sta nell'aver conservato non la loro cultura ma quella ALTRUI di cui riconoscevano la grandezza...
presumevano, talvolta a ragione, talvolta a torto.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15831
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 1:19 am

Felipeto ha scritto:
L Italia è intrisa di storia millenaria.e una gran parte è legata alla religione.l arte sacra è sterminata,i più bei borghi italiani nacquero all ombra di cattedrali o abbazie .i turisti vengono a vedere san Pietro, il duomo,la basilica di san Marco,castelgandolfo,tutti simboli religiosi.e i quadri? I mosaici?nelle abbazie i monaci coltivavano,producevano e cobservavano
garantivano un minimo di assistenza sanitaria e l istruzione .questa è la nostra storia.gruppi di monache assistevano i feriti di guerra ecc.eresia,persecuzioni di valdesi,dolciniani sono lati oscuri della chiesa, non che altre culture o religioni non ne avessero.l Italia è disseminata di meraviglie lasciate dal cristianesimo.ignoro,invece, cosa abbia lasciato il nonno ateo di paniscus, partito per una guerra non mi pare dichiarata dal papa ma da un governo laico.
Salassi, preghiere ed esposizione all'altare.

Si, anche un po' di cura della persona (lavaggio culi, rinfresco fronti, pacche sulle spalle), ma queste cose potevano farle tutti.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 2:08 pm

..ma non lo facevano


Quella era la medicina dell epoca..
Tornare in alto Andare in basso
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 4:44 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Forum educazione fisica ha scritto:
Ma non è scritto da nessuna parte che in Italia debba prevalere la religione cattolica. In una scuola dove i ragazzi sono il 30-40% extracomunitari di altre religioni, mi chiedo che senso abbia dire che "siccome siamo in Italia devono rispettare la tradizione italiana delle feste cattoliche". E' un po' come se oggi negli USA si dovrebbero celebrare solo le tradizioni dei pellerossa o in Messico solo le tradizioni dei Maya o degli Aztechi.

Sacrifici umani e cannibalismo compresi.

L.
Appunto, sto proprio dicendo che se le persone cambiano, non c'è motivo di continuare tradizioni insensate.
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
Forum educazione fisica



Messaggi : 610
Data d'iscrizione : 09.12.11

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 4:47 pm

Felipeto ha scritto:
L Italia è intrisa di storia millenaria.e una gran parte è legata alla religione.l arte sacra è sterminata,i più bei borghi italiani nacquero all ombra di cattedrali o abbazie .i turisti vengono a vedere san Pietro, il duomo,la basilica di san Marco,castelgandolfo,tutti simboli religiosi.e i quadri? I mosaici?nelle abbazie i monaci coltivavano,producevano e cobservavano
garantivano un minimo di assistenza sanitaria e l istruzione .questa è la nostra storia.gruppi di monache assistevano i feriti di guerra ecc.eresia,persecuzioni di valdesi,dolciniani sono lati oscuri della chiesa, non che altre culture o religioni non ne avessero.l Italia è disseminata di meraviglie lasciate dal cristianesimo.ignoro,invece, cosa abbia lasciato il nonno ateo di paniscus, partito per una guerra non mi pare dichiarata dal papa ma da un governo laico.
Ok, il cattolicesimo ha avuto un ruolo importante nella cultura italiana. Ma oggi non tira. Che vogliamo farci?
Tornare in alto Andare in basso
http://educazionefisica.freeforumzone.leonardo.it/forum.aspx?c=1
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 5:07 pm

La chiesa di oggi mi disgusta,l ITALUA vive delle meraviglie del passato (architettonicamente parlando)
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15831
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 6:13 pm

Forum educazione fisica ha scritto:
Felipeto ha scritto:
L Italia è intrisa di storia millenaria.e una gran parte è legata alla religione.l arte sacra è sterminata,i più bei borghi italiani nacquero all ombra di cattedrali o abbazie .i turisti vengono a vedere san Pietro, il duomo,la basilica di san Marco,castelgandolfo,tutti simboli religiosi.e i quadri? I mosaici?nelle abbazie i monaci coltivavano,producevano e cobservavano
garantivano un minimo di assistenza sanitaria e l istruzione .questa è la nostra storia.gruppi di monache assistevano i feriti di guerra ecc.eresia,persecuzioni di valdesi,dolciniani sono lati oscuri della chiesa, non che altre culture o religioni non ne avessero.l Italia è disseminata di meraviglie lasciate dal cristianesimo.ignoro,invece, cosa abbia lasciato il nonno ateo di paniscus, partito per una guerra non mi pare dichiarata dal papa ma da un governo laico.
Ok, il cattolicesimo ha avuto un ruolo importante nella cultura italiana. Ma oggi non tira. Che vogliamo farci?
Tutte le volte che qualcosa non tira ci sono essenzialmente due strade:

1) dedicarsi ad altro

2) incaponirsi e ricorrere ad aiuti esterni.

Viagra e xenofobia appartengono a questa seconda strategia.
Tornare in alto Andare in basso
Online
nakamura



Messaggi : 183
Data d'iscrizione : 08.04.15

MessaggioOggetto: Re: Recita di Natale   Mer Dic 02, 2015 6:33 pm

Felicitas ha scritto:

...
Voi cosa ne pensate?


Una storia che fa paura perché c'è qualcosa di profondamente malsano nelle manifestazioni di sdegno di questi paladini del panettone che non hanno altro desiderio che umiliare il prossimo ed imporre ad altri le proprie preghiere e la propria religione.

Tutto molto brutto, tutto molto triste. Penso.


Tornare in alto Andare in basso
 
Recita di Natale
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» recita di natale del nipotino
» Babbo natale vs gesù
» aria di Natale
» IL MIO REGALO DI NATALE X TUTTE VOI...MIE CARE AMICHE!
» Auguri di Buon Natale a tutte voi

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: