Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Faccio atto di sottomissione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Faccio atto di sottomissione   Dom Dic 06, 2015 10:33 am

Promemoria primo messaggio :

http://www.orizzontescuola.it/news/festivit-natale-lega-nord-presenta-ddl-obiettori-coscienza-religiosa-dovranno-prestare-servizio

Mi converto al cristianesimo e reclamo il diritto di starmene a casa a Pasqua e Natale.
Ogni venerdì mi converto all'ebraismo quindi scordatevi di me al sabato (ed al lunedì che è il mio giorno libero).
Prometto di informarmi su quando sarà il Ramadan e di convertirmi all'Islam per tempo ..... con le debite conseguenze.

Si accettano consigli su culti del sole, feste della fertilità, attività shintoiste e, perchè no, anche riti satanici.

Sono una persona volubile lo so, ma il contratto non lo vieta e la Costituzione neanche.
Tornare in alto Andare in basso
Online

AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 11:09 am

precario.acciaio ha scritto:
Capiamoci, io so benissimo qual è stato il percorso che ha portato alla lunga battaglia per la laicità della scuola, e in gran parte lo condivido; ciò non toglie però che nell'ultimo mese molte prese di posizioni sono maturate dall'iper attenzione verso "altre" religioni e non verso un tentativo di estendere il concetto di laicità.

Ma le prese di posizione DI CHI?????

Non certo degli interessati, solo quelle dei detrattori, che hanno pensato bene di attribuire le motivazioni altrui a fantasiose motivazioni di esterofilia e di omaggio ad altre religioni, che invece non c'erano!

Quali sarebbero stati, esattamente, i casi clamorosi "dell'ultimo mese"?

Io ne conosco due, quello della polemica sulla mostra d'arte a Firenze e quello del concerto natalizio di Rozzano.

In entrambi i casi, la motivazione di "non offendere le altre religioni", semplicemente NON ERA VERA.

In un caso, c'era un consiglio di classe (non il preside e non l'intera scuola, ma un semplice consiglio di classe tra i tanti), che aveva scelto di NON aderire alla proposta di portare la classe alla mostra per ragioi DIDATTICHE e per nulla religiose, ossia perché non l'aveva considerata abbastanza adeguata e abbastanza significativa per bambini di quell'età e in quel contesto. Poi c'è stato un genitore, rappresentante di classe, che ha capito male, ha pensato (o si è inventato di sana pianta) che la motivazione fosse religiosa, l'ha scritto sul verbale... e il casino mostruoso che è venuto dopo l'hanno combinato esclusivamente i giornalisti locali, e un politicante di destra che ha pensato bene di approfittare della situazione, inventandosi la fantasia del complotto di presidi laicisti e maestre filoislamiche, che invece non esistevano proprio.

Nel secondo caso, non c'è stata NESSUNA cancellazione dello spettacolo teatrale, quindi è perfettamente inutile chiedersi quale fosse la motivazione di tale cancellazione (cioè, se fosse per ragioni laiciste o per ragioni "multireligiose") visto che non è mai esistita. E anche lì, il casino l'hanno combinato tutto giornalisti e politici, inventandosi di sana pianta che "lo spettacolo fosse stato annullato per non offendere le altre religioni", quando invece non era stato annullato affatto.

Quindi, scusami tanto, ma CHI E' che sostiene che le eventuali manifestazioni di laicità non siano effettivamente ispirate da laicità, ma solo dalla volontà di compiacere gli stranieri, e in particolare i musulmani? Di sicuro, non i sostenitori stessi della laicità, ma solo i loro denigratori!

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 1786
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 1:06 pm

E' come dice paniscus.
Le rivendicazioni di laicità ci sono sempre state, da parte degli italiani laici, sono sempre state GIUSTE ma non sono state mai abbastanza ascoltate, con una scusa o con un'altra.
Oggi la destra xenofoba si è inventata una nuova scusa per non ascoltarle: le ha trasformate nella richiesta comunista di lasciare il largo ai cattivi musulmani terroristi che ci vogliono distruggere.
E' una mistificazione: la laicità è un principio già presente nel nostro stato, già rivendicato dagli italiani, e per inciso anche una delle poche cose che VERAMENTE ci possono difendere dai terroristi cattivi che ci vogliono distruggere.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5365
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 2:08 pm

A parte che è lapalissiano che il laicismo non nasce oggi né ieri, invito chi dice diversamente a considerare un aspetto.

Se veramente "tra il cristianesimo e "altre religioni" scelgo a occhi chiusi il cristianesimo", mi domando quale sia il motivo per cui, tra quanti si vergognano di asserragliarsi sotto le sottane delle monache e sentono il bisogno di fare professione di ateismo prima di aprire bocca a difesa del cattolicesimo, si proponga piuttosto un laicismo con pedigree e non estemporaneo che non la difesa a oltranza di queste sacrosante tradizioni cristiane! Hanno valore identitario o no?

Delle due l'una: o non lo hanno, o non meno delle altre mille culture che si sono succedute in due millenni di storia dell'Europa, e quindi si sceglie tra le tante la cultura laica (che per un ateo che esclude l'idea di Dio vale quanto quella cristiana) subordinandola a quella cristiana, di cui si nega quindi questo altissimo valore culturale; oppure si forza la necessità di cristianizzare l'Europa, e si assumono comportamenti coerenti.

La dottrina cristiana occidentale è una sistemazione della vastissima tradizione cristiana ORIENTALE fatta a botte di concili in cui chi perdeva eliminava (fisicamente) l'altro. Non esiste un cristianesimo puro, questo lo sa anche un bambino. Sant'Agostino, che era più laico di tanti atei di oggi, ci perdeva il sonno. Chi aveva ragione a Nicea? Chi ha stabilito la natura di Cristo? Sono questioni che sono state dibattute e alla fine redente da bagni di sangue tra cristiani. Un cristiano avrà la sua versione, ma un ateo dovrebbe avere chiari alcuni punti e non proporla come arma di difesa per ottenere altro come hanno fatto i principi tedeschi con Lutero!

Se poi vogliamo scegliere la religione più secolarizzata perché ci pare confliggere di meno con le nostre abitudini e stili di vita, è un altro conto. E diciamolo però: "non me ne frega niente delle presunti radici cristiane della mia cultura ma mi piace continuare a vivere in un contesto ibrido in cui anche chi crede si riserva di fare le zozzerie senza problemi di coscienza" e vi aderisco come lo fare con una squadra di calcio
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 2:37 pm

Ogni religione ha i suoi nuclei fondanti, dalla reincarnazione dei buddisti, alla servitù del signore degli ebrei, all'ossessivo rispetto delle regole degli islamici; il cristianesimo ha il suo nucleo fondante nel perdono della fallacità umana ....... che è un bel valore anche agli occhi di un ateo fallace.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 3:20 pm

lucetta10 ha scritto:
Sant'Agostino, che era più laico di tanti atei di oggi, ci perdeva il sonno. Chi aveva ragione a Nicea? Chi ha stabilito la natura di Cristo? Sono questioni che sono state dibattute e alla fine redente da bagni di sangue tra cristiani. Un cristiano avrà la sua versione, ma un ateo dovrebbe avere chiari alcuni punti e non proporla come arma di difesa per ottenere altro

Ecco, questo è un aspetto molto interessante a cui non pensa mai nessuno. I dissensi e le controversie all'interno del cristianesimo (e anche all'interno della chiesa cattolica in particolare) ci sono sempre stati, qualche volta anche molto violente e qualche volta più pacifiche... ma comunque, fino a pochi decenni fa, riguardavano soprattutto questioni molto teoriche di teologia fondamentale.

Invece adesso l'unica forma immaginabile di controversia all'interno della chiesa (oppure tra più chiese cristiane diverse) riguarda questioni di maggiore o minore elasticità su indicazioni COMPORTAMENTALI e SOCIALI, non certo principi teologici.

Al massimo, all'interno della chiesa, si litiga sull'accettabilità o meno della contraccezione, del divorzio, della convivenza senza matrimonio, della fecondazione artificiale, delle coppie gay... ma non certo sull'esistenza o meno del purgatorio, o sulla validità di una specifica frase della messa, di cui non frega niente a nessuno tranne a quattro gatti di ultra-tradizionalisti che sono considerati macchiette sia dai fedeli che dagli anticlericali.

E invece nessuno sembra ricordarsi più che tali argomenti sono stati alla base di TUTTE le vicende storiche del cristianesimo per migliaia di anni, quando invece si tollerava tranquillamente che il parroco del villaggio avesse compagna e figli, o che desse la comunione anche alle prostitute.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1887
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 4:23 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Scusate, ma la vogliamo capire che questa cosa NON E' VERA???????

Le rivendicazioni di laicità delle istituzioni (come quelle sulla rimozione dei crocifissi, l'abolizione degli insegnamenti confessionali, la messa al bando di preghiere, benedizioni e visite pastorali nelle scuole) esistono da sempre, in Italia, ad opera di italianissimi cittadini autoctoni, a partire da anni in cui gli immigrati non si sapeva nemmeno che cosa fossero, e nessuno aveva mai visto da vicino un musulmano o un indù! E nessuno si sognava di dire che la motivazione fosse quella di "non offendere le altre religioni", ma dicevano tranquillamente le cose come stavano, ossia che la motivazione fosse nel principio di laicità dello stato, punto e basta!

Il crocifisso e le preghiere in classe non ci devono stare NON "perché offendono quelli di altre religioni", ma perché offendono TUTTI i cittadini dello stato laico, cattolici compresi!

Questa storia secondo cui "quelli che non vogliono i simboli religiosi nelle scuole" NON lo farebbero per spirito di laicità, ma solo "per compiacere quelli di altre religioni" è una bufala, inventata di sana pianta negli ultimissimi anni, al solo scopo di delegittimare una causa che esisteva da decenni e che era perfettamente rispettabile per tutt'altre ragioni.

Paniscus, sappiamo benissimo quanto tu sia laica e che se fosse stato per te i simboli religiosi sarebbero spariti dalle scuole due secoli fa. Ciò non toglie che se ciò dovesse avvenire in questo momento la lettura sarebbe quella che io colgo, pur senza condividerla; una lettura che non puoi semplicisticamente liquidare come "bufala" (anche perché, essendo una interpretazione, come tu m'insegni non è soggetta a falsificazione). Se la messa al bando di presepi e crocefissi avvenisse adesso (e sottolineo adesso) non sarebbe affatto la vittoria dei laicisti come tu sostieni, ma la loro sconfitta, perché avverrebbe sotto la pressione di una interpretazione culturale-religiosa dai tratti ancora più antimoderni e antilaici di quanto non possa essere imputato allo storico cattolicesimo nostrano.
Se non sei capace di cogliere questo paradosso come un nodo problematico irrisolto (e che non mi sogno lontanamente di provare a ricomporre) allora confermerai l'impressione che tu viva in un mondo di bei principi particolarmente diverso dal mondo fenomenico che sperimento io quotidianamente.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1786
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 5:45 pm

Io veramente non ci vedo nessuna interpretazione o dietrologia. Si tolgono i crocifissi, o meglio, non si mettono proprio, perchè a scuola non c'entrano. Poi ognuno si porta sulla persona i simboli che preferisce
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 7:10 pm



Ma se affiggo questo sopra la lavagna offendo la sensibilità di qualcuno?
In fondo è un simbolo di pace e spiritualità condivisibile da tutte le religioni :-)
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 7:12 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
Capiamoci, io so benissimo qual è stato il percorso che ha portato alla lunga battaglia per la laicità della scuola, e in gran parte lo condivido; ciò non toglie però che nell'ultimo mese molte prese di posizioni sono maturate dall'iper attenzione verso "altre" religioni e non verso un tentativo di estendere il concetto di laicità.

Ma le prese di posizione DI CHI?????

Non certo degli interessati, solo quelle dei detrattori, che hanno pensato bene di attribuire le motivazioni altrui a fantasiose motivazioni di esterofilia e di omaggio ad altre religioni, che invece non c'erano!

Quali sarebbero stati, esattamente, i casi clamorosi "dell'ultimo mese"?

Io ne conosco due, quello della polemica sulla mostra d'arte a Firenze e quello del concerto natalizio di Rozzano.

In entrambi i casi, la motivazione di "non offendere le altre religioni", semplicemente NON ERA VERA.

In un caso, c'era un consiglio di classe (non il preside e non l'intera scuola, ma un semplice consiglio di classe tra i tanti), che aveva scelto di NON aderire alla proposta di portare la classe alla mostra per ragioi DIDATTICHE e per nulla religiose, ossia perché non l'aveva considerata abbastanza adeguata e abbastanza significativa per bambini di quell'età e in quel contesto. Poi c'è stato un genitore, rappresentante di classe, che ha capito male, ha pensato (o si è inventato di sana pianta) che la motivazione fosse religiosa, l'ha scritto sul verbale... e il casino mostruoso che è venuto dopo l'hanno combinato esclusivamente i giornalisti locali, e un politicante di destra che ha pensato bene di approfittare della situazione, inventandosi la fantasia del complotto di presidi laicisti e maestre filoislamiche, che invece non esistevano proprio.

Nel secondo caso, non c'è stata NESSUNA cancellazione dello spettacolo teatrale, quindi è perfettamente inutile chiedersi quale fosse la motivazione di tale cancellazione (cioè, se fosse per ragioni laiciste o per ragioni "multireligiose") visto che non è mai esistita. E anche lì, il casino l'hanno combinato tutto giornalisti e politici, inventandosi di sana pianta che "lo spettacolo fosse stato annullato per non offendere le altre religioni", quando invece non era stato annullato affatto.

Quindi, scusami tanto, ma CHI E' che sostiene che le eventuali manifestazioni di laicità non siano effettivamente ispirate da laicità, ma solo dalla volontà di compiacere gli stranieri, e in particolare i musulmani? Di sicuro, non i sostenitori stessi della laicità, ma solo i loro denigratori!

L.

Provo a farti capire, poi dimmi se è chiaro; praticamente quello che dici è corretto, tuttavia in questo periodo occorre a mio avviso evitare di fare atti che possano essere intesi come una prostrazione ad altre religione, anche quando è chiarissimo chel'intento originario è la ricerca della laicità. Insomma, non è il periodo giusto, io sono più ateo di chiunque altro, ma adesso è il momento di evitare ogni situazione ambigua.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 7:13 pm

ushikawa ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Scusate, ma la vogliamo capire che questa cosa NON E' VERA???????

Le rivendicazioni di laicità delle istituzioni (come quelle sulla rimozione dei crocifissi, l'abolizione degli insegnamenti confessionali, la messa al bando di preghiere, benedizioni e visite pastorali nelle scuole) esistono da sempre, in Italia, ad opera di italianissimi cittadini autoctoni, a partire da anni in cui gli immigrati non si sapeva nemmeno che cosa fossero, e nessuno aveva mai visto da vicino un musulmano o un indù! E nessuno si sognava di dire che la motivazione fosse quella di "non offendere le altre religioni", ma dicevano tranquillamente le cose come stavano, ossia che la motivazione fosse nel principio di laicità dello stato, punto e basta!

Il crocifisso e le preghiere in classe non ci devono stare NON "perché offendono quelli di altre religioni", ma perché offendono TUTTI i cittadini dello stato laico, cattolici compresi!

Questa storia secondo cui "quelli che non vogliono i simboli religiosi nelle scuole" NON lo farebbero per spirito di laicità, ma solo "per compiacere quelli di altre religioni" è una bufala, inventata di sana pianta negli ultimissimi anni, al solo scopo di delegittimare una causa che esisteva da decenni e che era perfettamente rispettabile per tutt'altre ragioni.

Paniscus, sappiamo benissimo quanto tu sia laica e che se fosse stato per te i simboli religiosi sarebbero spariti dalle scuole due secoli fa. Ciò non toglie che se ciò dovesse avvenire in questo momento la lettura sarebbe quella che io colgo, pur senza condividerla; una lettura che non puoi semplicisticamente liquidare come "bufala" (anche perché, essendo una interpretazione, come tu m'insegni non è soggetta a falsificazione). Se la messa al bando di presepi e crocefissi avvenisse adesso (e sottolineo adesso) non sarebbe affatto la vittoria dei laicisti come tu sostieni, ma la loro sconfitta, perché avverrebbe sotto la pressione di una interpretazione culturale-religiosa dai tratti ancora più antimoderni e antilaici di quanto non possa essere imputato allo storico cattolicesimo nostrano.
Se non sei capace di cogliere questo paradosso come un nodo problematico irrisolto (e che non mi sogno lontanamente di provare a ricomporre) allora confermerai l'impressione che tu viva in un mondo di bei principi particolarmente diverso dal mondo fenomenico che sperimento io quotidianamente.

Concordo perfettamente
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 8:03 pm

ushikawa ha scritto:
Se non sei capace di cogliere questo paradosso come un nodo problematico irrisolto (e che non mi sogno lontanamente di provare a ricomporre) allora confermerai l'impressione che tu viva in un mondo di bei principi particolarmente diverso dal mondo fenomenico che sperimento io quotidianamente.

Mah, per esempio io vivo in un ambiente dove nessuno si pone il problema se sia giusto o no TOGLIERE i crocifissi dalle aule scolastiche, perchè non ci sono, e tutti trovano naturale che non ci siano, cattolici praticanti compresi. In 15 anni di insegnamento, giuro di non aver mai visto un crocifisso in un'aula. Nelle scuole di costruzione recente, semplicemente, non ci sono mai stati, e in quelle vecchie sono stati tolti 30 o 40 anni fa, e nessuno si ricorda più che ci siano mai stati.

Le poche volte che è capitato di commentare in classe una notizia sull'argomento, magari perché avevano il giornale davanti, ho visto ragazzi cascare dal pero perché veramente non capivano di cosa si stesse parlando, non erano proprio abituati a pensare che ci fossero scuole con i crocifissi, e soprattutto non capivano perché mai ci fosse gente che ci teneva così tanto da scatenare battaglie ideologiche tanto sproporzionate. Cattolici praticanti compresi, che il crocifisso se lo tengono alla catenina al collo, o che se lo tengono alla parete di casa propria, ma che non capivano proprio quale fosse il senso di tenerlo a scuola.

E insisto a dire che non sto parlando di "bei principi teorici" che non hanno appiglio fenomenologico, parlo del mondo concreto in cui vivo tutti i giorni. Se deve essere riconosciuto il valore di REALTA' oggettiva della tua esperienza quotidiana... perché quello della mia invece deve essere sminuito, non preso sul serio, o accusato di velleitarismo pretestuoso?
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 8:21 pm

precario.acciaio ha scritto:
 praticamente quello che dici è corretto, tuttavia in questo periodo occorre a mio avviso evitare di fare atti che possano essere intesi come una prostrazione ad altre religione, anche quando è chiarissimo chel'intento originario è la ricerca della laicità. Insomma, non è il periodo giusto, io sono più ateo di chiunque altro, ma adesso è il momento di evitare ogni situazione ambigua.

Cioè, scusa un attimo, la posizione AMBIGUA sarebbe la mia e non la tua??????

Tu dici: "io sono ateo, ateissimo, che più ateo non si può, ci tengo moltissimo a mettere le mani avanti immediatamente specificando che sono ateo, però mi faccio andare bene il crocifisso e tutte le manifestazioni più becere di acquiescenza al clericalismo cattolico, perché altrimenti me la faccio sotto dalla paura che le mie motivazioni possano essere interpretate diversamente da chissà chi, e non mi va di rendemi impopolare rispetto alle tendenze dominanti della maggioranza".

Io invece dico: "credo nella laicità dello stato (e ci tengo molto a NON specificare nemmeno se sono atea o no, perché quelli sono q*zzi personali eminentemente miei e non c'entrano nulla con le mie posizioni politiche e sociali) e ho sempre esposto con la massima chiarezza le mie motivazioni, senza mai nascondermi dietro altri pretesti, e non ho mai cambiato opinione a seconda di come girava il vento politico e mediatico, le sostengo ancora esattamente allo stesso modo rispetto a 20 anni fa... e se qualcuno si fissa a volerle interpretare al contrario, il problema è suo e non mio.

...e tra i due, quella a rischio di AMBIGUITA' sarei io?????

Ma roba da chiodi...

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 8:50 pm

Ma chi ha detto che la tua posizione è ambigua? Come mai scrivi in quel modo? Equivale in internet a urlare... La posizione ambigua è di chi in questo momento critica le varie festività natalizie senza tener conto del momento delicato che impone a mio avviso un cessate il fuoco con il mondo cristiano da parte del mondo laico.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 9:15 pm

Scusa un attimo, quindi se uno la pensa realmente così, e l'ha sempre pensata così, e non ha mai cambiato idea da 20 anni, e ha sempre espresso chiaramente le sue motivazioni di 20 anni fa che sono UGUALI a quelle di adesso... avrebbe comunque il dovere di tenere il profilo basso e di abdicare alle proprie convinzioni "perché il momento è delicato"?

Ma stai scherzando?

Ma secondo te il momento è delicato perché c'è il rischio di attentati islamici, o è delicato perché c'è il rischio che qualche cretino reazionario ne approfitti come una sanguisuga, che è esattamente il contrario????

No, perché hai davvero il coraggio di sostenere che "togliere i crocifissi dalle scuole" AUMENTI il rischio di attentati dell'ISIS?

Non pensi che ad aumentare tale rischio, semmai, siano le mirabolanti q*zzate sparate da Salvini, da Donzelli e dalla Meloni CONTRO chi la pensa come me? E io dovrei sentirmi responsabile di tali sparate, e dovrei sentirmi in obbligo morale di ingoiare il rospo e mettermi dalla parte di quelli che baciano le sottane ai preti... per salvare il mondo dalle q*zzate sparate da Salvini, Donzelli e Meloni?

Ma roba da chiodi (2)....


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Lun Dic 07, 2015 10:02 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1887
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Lun Dic 07, 2015 9:29 pm

Non percepiamoci come totalità
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15827
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 12:43 am

Giancarlo Dessì ha scritto:


Ma se affiggo questo sopra la lavagna offendo la sensibilità di qualcuno?
In fondo è un simbolo di pace e spiritualità condivisibile da tutte le religioni :-)
Ha le tette di fuori, mi scandalizza (o mi eccita, che poi è la stessa cosa) come potrei concentrarmi sulla lezione con un simbolo erotico come quello sulla testa ? Cassato !
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 8:58 am

Lo Spaghettone Volante poò andare meglio?
Tornare in alto Andare in basso
Online
Paolo Santaniello



Messaggi : 1786
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 9:03 am

Ogni volta che ho chiesto di rimuovere i crocifissi mi hanno sempre risposto "non è questo il momento per portare avanti queste battaglie".
Non era mai il momento giusto.
Io invece dico che oggi non è il momento giusto per appenderli i crocifissi, anzi per come la vedo io non è mai il momento giusto.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 9:22 am

paniscus_2.0 ha scritto:
Scusa un attimo, quindi se uno la pensa realmente così, e l'ha sempre pensata così, e non ha mai cambiato idea da 20 anni, e ha sempre espresso chiaramente le sue motivazioni di 20 anni fa che sono UGUALI a quelle di adesso... avrebbe comunque il dovere di tenere il profilo basso e di abdicare alle proprie convinzioni "perché il momento è delicato"?

Ma stai scherzando?

Ma secondo te il momento è delicato perché c'è il rischio di attentati islamici, o è delicato perché c'è il rischio che qualche cretino reazionario ne approfitti come una sanguisuga, che è esattamente il contrario????

No, perché hai davvero il coraggio di sostenere che "togliere i crocifissi dalle scuole" AUMENTI il rischio di attentati dell'ISIS?

Non pensi che ad aumentare tale rischio, semmai, siano le mirabolanti q*zzate sparate da Salvini, da Donzelli e dalla Meloni CONTRO chi la pensa come me? E io dovrei sentirmi responsabile di tali sparate, e dovrei sentirmi in obbligo morale di ingoiare il rospo e mettermi dalla parte di quelli che baciano le sottane ai preti... per salvare il mondo dalle q*zzate sparate da Salvini, Donzelli e Meloni?

Ma roba da chiodi (2)....

Mi sa che ti confondi, dove ho detto esattamente che togliere i crocefissi farebbe aumentare il rischio di attentati Isis? Provo a rispiegarti: non è questo il momento per non far passare il messaggio, alle altre religioni, moderate o non moderate, che in questo momento l'Italia sta venendo incontro a loro.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 9:34 am

Ma non capisci che è proprio il concetto di "altre religioni" che è inaccettabile?

Che cosa sono le "altre religioni"?

Rispetto a quale?

PERCHE' si deve partire dal presupposto che esista la "religione principale", cioè quella "normale", quella "nostra", e poi in più ci sono "le altre", che prima di essere tollerate o no devono passare attraverso un rigido filtro di sospetto e di discriminazione?

Per la legge, non deve esistere nessuna "religione dell'Italia", e tantomeno esiste alcuna "religione della scuola italiana", la vuoi capire o no!?

Se non si vuole che "l'Italia venga incontro alle altre religioni", bene, risolviamo il problema alla radice non facendola andare incontro a nessuna religione, e quindi eliminando di brutto anche tutti gli intollerabili privilegi di sottomissione e di vassallaggio che essa garantisce alla chiesa cattolica!



Tornare in alto Andare in basso
Online
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 10:20 am

Storicamente il legame con il cattolicesimo è forte, ed è semplicistico non considerarlo, è invece opportuno non cominciare un altro legame di vassallaggio con un'altra religione. Chiaramente, per quel che mi riguarda la strada del laicismo è corretta, solo che ora occorre, per ragioni che possono anche non piacere, sospendere un momento per capire in quale situazione ci stiamo muovendo e come i nostri atti possano venire interpretati. La situazione ècambiata rispetto a un anno fa.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 11:40 am

precario.acciaio ha scritto:
Storicamente il legame con il cattolicesimo è forte, ed è semplicistico non considerarlo, è invece opportuno non cominciare un altro legame di vassallaggio con un'altra religione.

Il problema è che le pressioni pretestuose politiche attuali non ci chiedono affatto di limitarci a "considerare" quel legame e di "non cominciarne altri", bensì ci chiedono proprio di RAFFORZARE il legame di vassallaggio con il cattolicesimo, o di andare a ricrearlo artificialmente anche laddove si era già allentato da decenni... il tutto con la scusa della "paura delle rivendicazioni delle altre religioni".

E questo a me sembra ancora più inopportuno, e non mi capacito di come tu, che ti dichiari laico, non ci arrivi...
Tornare in alto Andare in basso
Online
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 12:15 pm

Ne sono consapevole, ma sono anche consapevole dell'importanza delle tregue di fronte a problemi più urgenti; se tu mi avessi chiesto 1 anno fa "aboliresti gli IRC?" Io ti avrei risposto: "Sì, ricollocando tutti coloro che attualmente lo sono". Se me lo chiedi ora ti risponderei: "Sì, ma non ora".
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6169
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 12:25 pm

Ma potresti per favore spiegare meglio cosa sarebbe cambiato da un anno fa a ora, dal punto di vista dei principi di laicità dello stato? Posso capire che siano cambiate le esigenze in termini di controlli polizieschi, di sicurezza sociale, di indagini della magistratura, di identificazione di documenti, di spionaggio, di lotta al traffico di armi... ma cosa c'entrerebbero l'IRC e i crocifissi?

Scusa se ripeto la domanda, ma mi sembra davvero che tu non mi abbia risposto: per quale motivo pensi che un'eventuale abolizione (o modifica radicale in senso laico) dell'IRC, o un giro di vite in senso restrittivo sui crocifissi, adesso, dovrebbero peggiorare il rischio di attentati a sfondo islamico?
Tornare in alto Andare in basso
Online
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Faccio atto di sottomissione   Mar Dic 08, 2015 8:05 pm

Non peggiorerebbero sicuramente il rischio di attentati a sfondo islamico, tuttavia convaliderebbero l'immagine di un paese che si muove solo per non far sentir diversi gli appartenenti ad altre religioni; secondo me ora occorre invece una forte affermazione di identità, e in questa identità, purtroppo, c'è anche la chiesa cattolica.
Lo stato liberale dal 1861 al 1919 non riuscì (o riuscì solo in parte) a catturare l'appoggio delle masse, proprio perchè le masse erano cattoliche, e lo sono ancora... penso che in questo momento sospendere ogni contenzioso tra stato e chiesa aiuterebbero a dare un segnale forte di unità culturale italiana.
Tornare in alto Andare in basso
 
Faccio atto di sottomissione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 3Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3  Seguente
 Argomenti simili
-
» ragazze non ce la faccio più scusate...ma ho bisogno di dirlo a qualcuno
» Come faccio a smettere di fumare?
» e da un po che non mi faccio sentire
» sono un pò preoccupata; non so se faccio una cosa giusta!!
» non ce la faccio più ho paura di riaverla!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: