Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Insegnare è solo un lavoro?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6
AutoreMessaggio
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Insegnare è solo un lavoro?   Lun Dic 07, 2015 10:24 am

Promemoria primo messaggio :

La maternità è solo un insieme di fenomeni fisici o è di più? Non è forse l'atto con cui la società continua a riprodurre se stessa, trasmettendo un corpus di conoscenze, competenze ed emozioni alla generazione successiva? Parimenti come si fa a negare alla docenza un significato superiore rispetto alle parti che la compongono (mantenimento della disciplina, valutazione e selezione) che si traduce quindi nel corrispettivo di una missione laica e totalizzante? Come fanno gli oltranzisti del cinismo a negare questo aspetto della scuola?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:23 pm

Stellastellina1975 ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
Nulla, come è risaputo sono uno scarto della società, farei  il rapinatore. Tu invece come mai insegni potendo accedere ai ricchi stipendi degli altri settori?

Forse perché nessuno di noi ormai, alla nostra età e non avendo mai fatto altro oltre ad insegnare, può cambiare lavoro, specialmente in un periodo di disoccupazione dilagante. Ma non significa che non lo vorremmo fare.




Io lo voglio fare eccome...
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:24 pm

lucetta10 ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:

Indubbiamente può migliorare, può aumentare, si può anche, a mio avviso, legare alle attività svolte (un coordinatore, un dirigente di sede o un referenre di sostegno è giusto che prendano di più, avendo maggiori responsabilità)


Le funzioni aggiuntive sono già incentivate: o mi sono distratta e hanno tolto pure quelle?

Quelle sono una presa in giro. La mia dirigente di plesso dell'anno scorso, che aveva praticamente una scuola sulle sue spalle, prendeva una sciocchezza in più di me, e questo è assolutamente INGIUSTO.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:32 pm

avidodinformazioni ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
Nulla, come è risaputo sono uno scarto della società, farei  il rapinatore. Tu invece come mai insegni potendo accedere ai ricchi stipendi degli altri settori?
Perchè sono stato buttato fuori a calci nel culo una volta a 40 anni, non volevo ripetere l'esperienza a 50.

Il posto statale paga in diversi modi, la continuità è parte dello stipendio; non l'ho mai nascosto.

Comunque non penso che tu sia uno scarto della società, penso che l'unico modo di usare la tua laurea sia insegnare; poi ci sono infiniti altri modi per te di lavorare, solo che non hanno nulla a che fare con la filosofia.

E per chi è laureato in lettere le cose non vanno tanto diversamente.

PS quella del rapinatore è una professionalità non da poco, non ti ci improvvisare se non vuoi finire male.

E allora caro il mio avido, fai un peana alla scuola, che non ti butterà in mezzo alla strada a 50 anni, anche se lo stipendio è quel che è.
Io credo che noi docenti (non mi riferisco a te in particolare) dovremmo capire che il mondo del lavoro è decisamente duro, e 1300 euro al mese sono tutt'altro che pochi fuori dalla scuola, e nei pochi lavori in cui ti pagano di più l'incertezza è totale, in stile darwinismo senza regole.
P.s. So che non è valido citare la propria esperienza personale, tuttavia la cito ugualmente: tra i miei compagni delle superiori nessuno guadagna più di me, ne ho circa una decina pari stipendio (9 docenti primaria e una bibliotecaria) e gli altri tutti di meno (dal commesso al trasportatore). Per quanto riguarda i compagni di università hanno fatto tutti i docenti; Questo significa che sono ricco? Assolutamente no, tuttavia mi rendo conto di non essere pronto per fare la fila alla Caritas, finchè non perdo il lavoro... dire il contrario significa mancare di rispetto a chi guadagna 900 euro al mese...
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:37 pm

Mi fate capire come si fa a discutere delle intenzioni di qualcuno e desumere da quelle il valore della sua prestazione professionale?
Eccola la differenza tra missione e professione, come emerge dopo 9 pagine: il vero insegnante se ne ride dello stipendio (missionario) e quindi il suo lavoro sarebbe, non è chiaro in base a quale teorema, migliore; gli altri (oltranzisti del cinismo) danno troppo peso allo stipendio e, considerandolo basso, sono meno bravi, non è chiaro in base a quale altro teorema.

La passione con cui il missionario svolge il suo compito non gli fa in nessun modo guadagnare punti dal punto di vista della prestazione professionale. Posso anche appassionarmi all'insegnamento, farla con la devozione che vi pare, e nonostante questo essere un pessimo insegnante, come posso anche smadonnare a ogni passo tra casa e scuola e essere un buon insegnante.
L'equazione tra passione e bravura nel proprio mestiere è stucchevole oltre che assolutamente apodittica.
Quindi mettiamoci l'anima in pace: votarsi alla causa non farà del missionario un bravo insegnante (e ce ne saranno sicuramente di pessimi che vogliono tanto bene alla scuola). Proprio in virtù della difficoltà e delicatezza dell'incarico, non è alla portata di tutti e non bastano quindi l'entusiasmo fanciullesco e ridanciano:
Mi si obietterà: si, ma se vado a lavorare cantando dalla gioia farò meglio il mio lavoro. E chi lo dice?
Siamo ancora fermi alla retorica melensa del professorino di Luchetti?


Ultima modifica di lucetta10 il Mer Dic 09, 2015 9:42 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:41 pm

precario.acciaio ha scritto:
lucetta10 ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:

Indubbiamente può migliorare, può aumentare, si può anche, a mio avviso, legare alle attività svolte (un coordinatore, un dirigente di sede o un referenre di sostegno è giusto che prendano di più, avendo maggiori responsabilità)


Le funzioni aggiuntive sono già incentivate: o mi sono distratta e hanno tolto pure quelle?

Quelle sono una presa in giro. La mia dirigente di plesso dell'anno scorso, che aveva praticamente una scuola sulle sue spalle, prendeva una sciocchezza in più di me, e questo è assolutamente INGIUSTO.



è quello che si dice da un po': nella scuola tutti vengono pagati uno schifo per incarichi e funzioni gravose, aggiungerei anche i dirigenti, i meno pagati nell'amministrazione pubblica e tra quelli con maggiori responsabilità.
Adesso perché mai la responsabile di plesso ti suscita sdegno? Ma come: non offendiamo chi lavora per 900 euro? Senza tenere conto del fatto che chi svolge una funzione aggiuntiva lo fa per sua scelta, senza pistole alla tempia... per loro niente missione? E perché mai?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6145
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:44 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
Valerie ha scritto:
Un vecchio proverbio delle mie parti: ogni mesté el gh'a tacà ul sò punzé.

O_o
non mi sembra mica francese, questo

Citazione :
Detto questo, insegnare per me è un lavoro, ma, a differenza degli altri lavori che ho svolto per 14 anni, questo mi piace e mi rende felice. La felicità non ha prezzo. Per tutto il resto, c'è...

Nikon Reflex Digitale: 499 euro
Cavalletto professionale per fotocamera: 150 euro
Lancio di cavalletto su presidente del consiglio: non ha prezzo, per tutto il resto c'è mastercard

Questo però è un colpo basso, mi COSTRINGI a forza a ritirare fuori una delle vette più alte della mia carriera demenziale newsgrouppara, risalente a 10 anni fa, e per di più in piena fase di allattamento di una neonata di pochi mesi:

http://www.faretesto.com/lho-fatta-t609626

Spero che si apra nel formato giusto : - )

L.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:47 pm

Perchè ho gli occhi per vedere e il cervello per capire: se un lavoro richiede di stare tutti i pomeriggi a scuola a organizzare e riorganizzare è evidente che ci deve essere una differenza stipendiale; dovrei forse, roso dall'invidia e dalla malafede, dire che è giusto che chi ha molte responsabilità prenda come me per uno strano discorso di livellamento? Io dico solo che come stipendio base il nostro è equo, poi mi rendo conto benissimo che all'interno della scuola c'è chi ha oggettivamente più responsabilità di altri e quindi vanno incentivati anche a livello economico, al di là del fatto che anche per loro vale il discorso della missione.

P.s. Io non mi sono mai scagliato in ridicole geremiadi per lo stipendio del DS... il DS ha responsabilità notevoli da un punto di vista giuridico e non gliele invidio affatto...
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 9:59 pm

precario.acciaio ha scritto:
Perchè ho gli occhi per vedere e il cervello per capire: se un lavoro richiede di stare tutti i pomeriggi a scuola a organizzare e riorganizzare è evidente che ci deve essere una differenza stipendiale; dovrei forse, roso dall'invidia e dalla malafede, dire che è giusto che chi ha molte responsabilità prenda come me per uno strano discorso di livellamento? Io dico solo che come stipendio base il nostro è equo, poi mi rendo conto benissimo che all'interno della scuola c'è chi ha oggettivamente più responsabilità di altri e quindi vanno incentivati anche a livello economico, al di là del fatto che anche per loro vale il discorso della missione.

P.s. Io non mi sono mai scagliato in ridicole geremiadi per lo stipendio del DS... il DS ha responsabilità notevoli da un punto di vista giuridico e non gliele invidio affatto...

scusa ma sul piano logico non fila proprio: se c'è spirito di missione mi accollo un incarico che NESSUNO mi obbliga ad assumermi, in base al fatto che partecipo di un disegno più alto della mia inutile vita, se mi vogliono dare un obolo, bene, altrimenti ho già il mio equo stipendio e mi pasco solo della soddisfazione di mettere a beneficio della comunità scolastica la mia capacità organizzativa. La responsabilità dovrebbe rinfrancarmi.

Cosa è il giusto o l'ingiusto in una remunerazione? Coprirei d'oro chi si accolla l'ingrato lavoro di sturare le fogne e non farci seppellire dalla merda, eppure non mi risulta che gli stagnini vivano nell'agio.
Privi di un riferimento trascendentale in materia e lungi dal volerci affidare a quello che ci appare estemporaneamente "ingiusto" (anzi, sdegnosamente INGIUSTO), possiamo solo accedere a una valutazione comparativa. Per il nostro livello contrattuale, in un ministero si prende molto di più e molto di più prendono infatti quelli di noi che ottengono distaccamenti per andare a fare il passacarte in un ministero: questo non è equo.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:05 pm

Io penso che stai facendo un discorso più complesso di quel che è, stai facendo un discorso da Erista; la questione è molto semplice: la missione la provo io e la prova un dirigente di plesso, tuttavia lui/lei lavorano più ore di me e quindi spetta loro più stipendio; sarebbe ridicolo dire che ad esempio chi ha un contratto da 14 ore debba prendere come me... questo è un concetto basilare e semplicissimo che indubbiamente comprendi.
Tornare in alto Andare in basso
michetta



Messaggi : 3881
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:09 pm

[quote="precario.acciaio
E allora caro il mio avido, fai un peana alla scuola, che non ti butterà in mezzo alla strada a 50 anni, anche se lo stipendio è quel che è.
Io credo che noi docenti (non mi riferisco a te in particolare) dovremmo capire che il mondo del lavoro è decisamente duro, e 1300 euro al mese sono tutt'altro che pochi fuori dalla scuola, e nei pochi lavori in cui ti pagano di più l'incertezza è totale, in stile darwinismo senza regole.
P.s. So che non è valido citare la propria esperienza personale, tuttavia la cito ugualmente: tra i miei compagni delle superiori nessuno guadagna più di me, ne ho circa una decina pari stipendio (9 docenti primaria e una bibliotecaria) e gli altri tutti di meno (dal commesso al trasportatore).  Per quanto riguarda i compagni di università hanno fatto tutti i docenti; Questo significa che sono ricco? Assolutamente no, tuttavia mi rendo conto di non essere pronto per fare la fila alla Caritas, finchè non perdo il lavoro... dire il contrario significa mancare di rispetto a chi guadagna 900 euro al mese... [/quote]

Fuori dalla scuola, ho fatto una piccola indagine: commesso di Zara con contratto a T.I. (esperienza decennale, diploma di scuola media superiore) € 1200,00 mensili, 40 h. settimanali, straordinari esclusi (pochi, periodo natalizio e svendite), tredicesima e quattordicesima
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:19 pm

precario.acciaio ha scritto:
Io penso che stai facendo un discorso più complesso di quel che è, stai facendo un discorso da Erista; la questione è molto semplice: la missione la provo io e la prova un dirigente di plesso, tuttavia lui/lei lavorano più ore di me e quindi spetta loro più stipendio; sarebbe ridicolo dire che ad esempio chi ha un contratto da 14 ore debba prendere come me... questo è un concetto basilare e semplicissimo che indubbiamente comprendi.



A questo punto però si apre un mondo: spero concorderemo sul fatto che la professione del docente non si esaurisce nell'attività frontale (almeno non per tutti). In quella non frontale esistono differenze: materie scritte/orali, numero di alunni per classe, sottodiscipline, classi parallele... Ci sono molte cose tra cielo e terra se ci mettiamo a fare i fiscali. Molte cose su cui gridare il nostro alto INGIUSTO.
Altrettanto basilare è la differenza tra un incarico fissato per obbligo contrattuale e una mansione per cui ci si è proposti senza alcun obbligo da parte del datore di lavoro. Il missionario, che non è un oltranzista del cinismo, e che conosce questa differenza, non si mette a fare questioni di soldi su un incarico a carattere volontario: volontariato per volontariato almeno distinguiamo quello che si fa per propria libera volontà, come, appunto, il responsabile di plesso. Incarico di grandissima responsabilità ma sul quale il missionario non dovrebbe questionare
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:29 pm

Mia moglie 1100 30 ore settimanali commessa Carrefour diplomata.
Lavorasse le canoniche 40 ore prenderebbe quanto me.

Diploma contro laurea; 40 ore contro 18 + xxx; solida ma non incrollabile industria privata contro stato.

Preferisco il mio lavoro solo per la sicurezza (sono un ansioso) altrimenti preferirei il suo.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:37 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
Valerie ha scritto:
Un vecchio proverbio delle mie parti: ogni mesté el gh'a tacà ul sò punzé.

O_o
non mi sembra mica francese, questo

Citazione :
Detto questo, insegnare per me è un lavoro, ma, a differenza degli altri lavori che ho svolto per 14 anni, questo mi piace e mi rende felice. La felicità non ha prezzo. Per tutto il resto, c'è...

Nikon Reflex Digitale: 499 euro
Cavalletto professionale per fotocamera: 150 euro
Lancio di cavalletto su presidente del consiglio: non ha prezzo, per tutto il resto c'è mastercard

Questo però è un colpo basso, mi COSTRINGI a forza a ritirare fuori una delle vette più alte della mia carriera demenziale newsgrouppara, risalente a 10 anni fa, e per di più in piena fase di allattamento di una neonata di pochi mesi:

http://www.faretesto.com/lho-fatta-t609626

Spero che si apra nel formato giusto  : - )

L.

STANDING OVATION!

umilmente mi inchino, mai sarei riuscito a creare un sì tale capolavoro

(ho salvato il link)
Tornare in alto Andare in basso
Erodoto



Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 27.07.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:39 pm

ushikawa ha scritto:

Se tre insegnanti di lettere scelgono come lettura Camilleri, Kafka o Tolkien qualche differenza ideologica tra loro dovrà pur esserci...

Giusto per curiosità personale, che ideologia dovrebbe esserci dietro ciascuno dei tre autori?
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:43 pm

michetta ha scritto:

Fuori dalla scuola, ho fatto una piccola indagine: commesso di Zara con contratto a T.I. (esperienza decennale, diploma di scuola media superiore) € 1200,00 mensili, 40 h. settimanali, straordinari esclusi (pochi, periodo natalizio e svendite), tredicesima e quattordicesima

Così a occhio, con qualche straordinario e la quattordicesima, prende come un docente neoassunto. Però il commesso si può fare anche con la terza media.

Il fatto stesso che si confronti il lavoro di un docente laureato con quello di un commesso mi fa capire quale alta considerazione dei docenti abbiate.

Mai visto, su questo forum, confrontare lo stipendio di un docente con quello di un medico...

Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 10:47 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
Valerie ha scritto:
Un vecchio proverbio delle mie parti: ogni mesté el gh'a tacà ul sò punzé.

O_o
non mi sembra mica francese, questo

Citazione :
Detto questo, insegnare per me è un lavoro, ma, a differenza degli altri lavori che ho svolto per 14 anni, questo mi piace e mi rende felice. La felicità non ha prezzo. Per tutto il resto, c'è...

Nikon Reflex Digitale: 499 euro
Cavalletto professionale per fotocamera: 150 euro
Lancio di cavalletto su presidente del consiglio: non ha prezzo, per tutto il resto c'è mastercard

Questo però è un colpo basso, mi COSTRINGI a forza a ritirare fuori una delle vette più alte della mia carriera demenziale newsgrouppara, risalente a 10 anni fa, e per di più in piena fase di allattamento di una neonata di pochi mesi:

http://www.faretesto.com/lho-fatta-t609626

Spero che si apra nel formato giusto  : - )

L.

STANDING OVATION!

umilmente mi inchino, mai sarei riuscito a creare un sì tale capolavoro

(ho salvato il link)


io mi ci faccio una maglietta
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Mer Dic 09, 2015 11:11 pm

Il commesso, appunto,si può dare con la terza media. Cioè si può iniziare a lavorare a 16-18anni e non a 27-28 come un insegnante.
Quando un insegnante inizia la gavetta,il commesso ha già messo via un gruzzolo.. Confrontate lavori con laurea
Tornare in alto Andare in basso
michetta



Messaggi : 3881
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Gio Dic 10, 2015 12:01 am

Lenar ha scritto:
michetta ha scritto:

Fuori dalla scuola, ho fatto una piccola indagine: commesso di Zara con contratto a T.I. (esperienza decennale, diploma di scuola media superiore) € 1200,00 mensili, 40 h. settimanali, straordinari esclusi (pochi, periodo natalizio e svendite), tredicesima e quattordicesima

Così a occhio, con qualche straordinario e la quattordicesima, prende come un docente neoassunto. Però il commesso si può fare anche con la terza media.

Il fatto stesso che si confronti il lavoro di un docente laureato con quello di un commesso mi fa capire quale alta considerazione dei docenti abbiate.

Mai visto, su questo forum, confrontare lo stipendio di un docente con quello di un medico...


beh, allora ti sei perso/a qualche intervento; fatto più di un confronto con stipendi di professionisti (non in questo thread, ma in altri nei mesi scorsi, perché ogni tanto questa manfrina dell'insegnante che guadagna uno stipendio da fare invidia a tante categorie di lavoratori, salta fuori)
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15801
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Gio Dic 10, 2015 12:04 am

Giancarlo Dessì ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
Valerie ha scritto:
Un vecchio proverbio delle mie parti: ogni mesté el gh'a tacà ul sò punzé.

O_o
non mi sembra mica francese, questo

Citazione :
Detto questo, insegnare per me è un lavoro, ma, a differenza degli altri lavori che ho svolto per 14 anni, questo mi piace e mi rende felice. La felicità non ha prezzo. Per tutto il resto, c'è...

Nikon Reflex Digitale: 499 euro
Cavalletto professionale per fotocamera: 150 euro
Lancio di cavalletto su presidente del consiglio: non ha prezzo, per tutto il resto c'è mastercard

Questo però è un colpo basso, mi COSTRINGI a forza a ritirare fuori una delle vette più alte della mia carriera demenziale newsgrouppara, risalente a 10 anni fa, e per di più in piena fase di allattamento di una neonata di pochi mesi:

http://www.faretesto.com/lho-fatta-t609626

Spero che si apra nel formato giusto  : - )

L.

STANDING OVATION!

umilmente mi inchino, mai sarei riuscito a creare un sì tale capolavoro

(ho salvato il link)
Standing ovulation !
Tornare in alto Andare in basso
michetta



Messaggi : 3881
Data d'iscrizione : 17.08.11

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Gio Dic 10, 2015 12:18 am

Felipeto ha scritto:
Il commesso, appunto,si può dare con la terza media. Cioè si può iniziare a lavorare a 16-18anni e non a 27-28 come un insegnante.
Quando un insegnante inizia la gavetta,il commesso ha già messo via un gruzzolo.. Confrontate lavori con laurea

Sempre scorrendo il rapporto annuale della Ragioneria Generale in capo al Mef - continua il sindacato - si evince che la busta paga dei lavoratori della scuola si conferma inferiore anche ai dipendenti dei ministeri, delle regioni e delle autonomie locali. Le professioni 'in divisa', comprese le forze di polizia, percepiscono circa 10mila euro annui in più. I lavoratori della presidenza del Consiglio del ministri quasi 30mila euro in più.

tra i dipendenti dei ministeri, delle regioni, ecc. ecc. ci saranno anche laureati, no?

da: http://www.tecnicadellascuola.it/archivio/item/8412-gli-stipendi-di-insegnanti-e-ata-sono-i-piu-bassi-tra-i-dipendenti-pubblici.html
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6145
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Gio Dic 10, 2015 12:34 am

avidodinformazioni ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:

Questo però è un colpo basso, mi COSTRINGI a forza a ritirare fuori una delle vette più alte della mia carriera demenziale newsgrouppara, risalente a 10 anni fa, e per di più in piena fase di allattamento di una neonata di pochi mesi:

http://www.faretesto.com/lho-fatta-t609626

STANDING OVATION!
umilmente mi inchino, mai sarei riuscito a creare un sì tale capolavoro

Standing ovulation!

Guarda che l'allattamento INIBISCE le ovulazioni, e non certo il contrario : - )

(o comunque le rallenta e le riduce, anche non sempre le fa sparire del tutto... come dimostra l'esistenza di un sacco di coppie di fratellini con un solo anno di differenza di età)

L.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Gio Dic 10, 2015 5:23 pm

lucetta10 ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:
Io penso che stai facendo un discorso più complesso di quel che è, stai facendo un discorso da Erista; la questione è molto semplice: la missione la provo io e la prova un dirigente di plesso, tuttavia lui/lei lavorano più ore di me e quindi spetta loro più stipendio; sarebbe ridicolo dire che ad esempio chi ha un contratto da 14 ore debba prendere come me... questo è un concetto basilare e semplicissimo che indubbiamente comprendi.



A questo punto però si apre un mondo: spero concorderemo sul fatto che la professione del docente non si esaurisce nell'attività frontale (almeno non per tutti). In quella non frontale esistono differenze: materie scritte/orali, numero di alunni per classe, sottodiscipline, classi parallele... Ci sono molte cose tra cielo e terra se ci mettiamo a fare i fiscali. Molte cose su cui gridare il nostro alto INGIUSTO.
Altrettanto basilare è la differenza tra un incarico fissato per obbligo contrattuale e una mansione per cui ci si è proposti senza alcun obbligo da parte del datore di lavoro. Il missionario, che non è un oltranzista del cinismo, e che conosce questa differenza, non si mette a fare questioni di soldi su un incarico a carattere volontario: volontariato per volontariato almeno distinguiamo quello che si fa per propria libera volontà, come, appunto, il responsabile di plesso. Incarico di grandissima responsabilità ma sul quale il missionario non dovrebbe questionare

Chiaramente posso capire l'esigenza di buttare tutto in caciara, tuttavia penso che tu sia in grado di capire che stiamo facendo un discorso differente, in quanto stiamo distinguendo tra una dirigente di plesso da un docente ordinario e non le tue distinzioni fatte unicamente per mostrare le tue doti eristiche.

Cari colleghi, apritevi al mondo e cercate di comprendere che la maggioranza degli italiani sta peggio di noi e anche se il nostro stipendio è oggettivamente migliorabile, non siamo degli straccioni e dobbiamo avere un minimo di decenza, specialmente in tempi come questi che sono duri per tutti; la disoccupazione nel mondo vero dilaga sempre di più e chiunque che abbia un minimo di consapevolezza lo sa. Questo naturalmente non significa che il nostro stipendio deve essere tagliato o bloccato, ma semplicemente che non è il problema prioritario e chi fa credere ciò è solo uno che vuole stornare la nostra attenzione dai problemi VERI (classi pollaio, valutazione del dirigente e scuola azienda).
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Gio Dic 10, 2015 5:36 pm

precario.acciaio ha scritto:


Chiaramente posso capire l'esigenza di buttare tutto in caciara, tuttavia penso che tu sia in grado di capire che stiamo facendo un discorso differente, in quanto stiamo distinguendo tra una dirigente di plesso da un docente ordinario e non le tue distinzioni fatte unicamente per mostrare le tue doti eristiche.

Cari colleghi, apritevi al mondo e cercate di comprendere che la maggioranza degli italiani sta peggio di noi e anche se il nostro stipendio è oggettivamente migliorabile, non siamo degli straccioni e dobbiamo avere un minimo di decenza, specialmente in tempi come questi che sono duri per tutti; la disoccupazione nel mondo vero dilaga sempre di più e chiunque che abbia un minimo di consapevolezza lo sa. Questo naturalmente non significa che il nostro stipendio deve essere tagliato o bloccato, ma semplicemente che non è il problema prioritario e chi fa credere ciò è solo uno che vuole stornare la nostra attenzione dai problemi VERI (classi pollaio, valutazione del dirigente e scuola azienda).



evidentemente superiori alle tue però: ricorrere all'estremizzazione dello straccione è una ben troppo facile trovata dialettica, non ti pare?
Tornare in alto Andare in basso
Lenar



Messaggi : 1177
Data d'iscrizione : 15.07.12

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Gio Dic 10, 2015 6:34 pm

michetta ha scritto:
Lenar ha scritto:
michetta ha scritto:

Fuori dalla scuola, ho fatto una piccola indagine: commesso di Zara con contratto a T.I. (esperienza decennale, diploma di scuola media superiore) € 1200,00 mensili, 40 h. settimanali, straordinari esclusi (pochi, periodo natalizio e svendite), tredicesima e quattordicesima

Così a occhio, con qualche straordinario e la quattordicesima, prende come un docente neoassunto. Però il commesso si può fare anche con la terza media.

Il fatto stesso che si confronti il lavoro di un docente laureato con quello di un commesso mi fa capire quale alta considerazione dei docenti abbiate.

Mai visto, su questo forum, confrontare lo stipendio di un docente con quello di un medico...


beh, allora ti sei perso/a qualche intervento; fatto più di un confronto con stipendi di professionisti (non in questo thread, ma in altri nei mesi scorsi, perché ogni tanto questa manfrina dell'insegnante che guadagna uno stipendio da fare invidia a tante categorie di lavoratori, salta fuori)

Prendo atto, sulla fiducia, che l'hai fatto. Resta il problema che siamo praticamente solo io e te che consideriamo normale confrontare lo stipendio di un docente con quello di un altro professionista o, al limite, con quello di altro personale laureato della PA.

La stragrande maggioranza della gente ma, sopratutto, DEI DOCENTI, ama, invece, confrontare lo stipendio degli insegnanti con quello dell'operaio, della donna delle pulizie, del commesso, del postino, del carabiniere (che, per altro, prende molto più di noi) etc etc etc...

Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1876
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Insegnare è solo un lavoro?   Ven Dic 11, 2015 6:42 am

Come ho già espresso credo che lo stipendio dell'insegnante sia sufficiente per condurre una vita dignitosa; è però uno stipendio del tutto in linea con l'importanza che viene attribuita dall'opinione pubblica e dagli stessi insegnanti al proprio ruolo sociale, quindi molto basso.

Questa stessa discussione in qualche modo avvalora la tesi di chi pensa che siamo pagati abbastanza, se non troppo: se da una parte prevale una mentalità impiegatizia, per cui si raffronta lo stipendio con quella di un impiegato del catasto, dall'altra si sente odore di volontarismo quando si sentono usare termini come "missione" o "passione".

Quello che a mio avviso latita è l'orgoglio dell'insegnamento come "professione", cioè come attività remunerata svolta secondo "scienza e coscienza", professando in qualche modo una propria autonoma visione del mondo e la propria adesione a regole comuni, assumendosi la responsabilità del proprio operato, lavorando su obiettivi più su un determinato monte ore; un'attività che, per essere svolta, richiede la manifestazione di un reale interesse verso di essa.

Ne è una prova il dibattito che si registra spesso su questo e altri spazi di discussione su quale sia il reale orario di lavoro dell'insegnante: in molti sono convinti di essere dei meri dipendenti pubblici che, timbrato il cartellino per 18 ore, possono tornare a casa senza pensieri e attività da svolgere. Questo non è ciò che prevede la norma che, attraverso il contratto nazionale, prevede che alle 18 ore "impiegatizie" in classe si affianchino tutte le attività funzionali all'insegnamento, che non sono strettamente quantificate in quanto lasciate a un residuo di libertà professionale dell'insegnante.

Tutt'altro discorso va fatto per le attività scolastiche che impiegano ore ed energie extra rispetto all'insegnamento e che andrebbero sempre remunerate, dal coordinamento di classe alla collaborazione all'organizzazione della scuola.
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Insegnare è solo un lavoro?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 6 di 6Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6
 Argomenti simili
-
» cerco lavoro come onicotecnoca a Napoli
» Solo estetica
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» Dove acquistare un tavolo da lavoro?
» fumo solo vapore

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: