Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 passaggio di ruolo con la nuova legge 107

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
agostina79



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioOggetto: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Lun Dic 14, 2015 6:53 pm

Buonasera, sono un'insegnante che nel 2009/2010 sono entrata in ruolo facendo sia la formazione che l'anno di prova... poi nel 2013/2014 ho chiesto il passaggio nella scuola dell'infanzia facendo la tesina finale e discussa davanti al comitato di valutazione. .. quest'anno ho richiesto il passaggio nella primaria ... e mi viene detto che devo rifare tutto sia la formazione che prova... per me è assurdo ed ingiusto... aiutatemi se qualcuno mi sa rispondere... grazie
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Lun Dic 14, 2015 8:35 pm

purtroppo è così, anzi per fortuna: è una forma di garanzia riguardo la professionalità dei docenti.
Ad ogni passaggio di cattedra occorre rifare anno di formazione ed anno di prova.
Tornare in alto Andare in basso
agostina79



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Lun Dic 14, 2015 8:47 pm

Per quanto mi riguarda penso che sia ingiusto... e che la professionalità di ciascun insegnante si dovrebbe misurare con strumenti diversi ... come corsi di aggiornamento strutturati rivoltia tutto il personale e no solo a vchi fa il passaggio
Tornare in alto Andare in basso
docente7



Messaggi : 99
Data d'iscrizione : 29.10.15

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Lun Dic 14, 2015 9:03 pm

ushikawa ha scritto:
purtroppo è così, anzi per fortuna: è una forma di garanzia riguardo la professionalità dei docenti.
Ad ogni passaggio di cattedra occorre rifare anno di formazione ed anno di prova.

Non condivido assolutamente, ma tu sei un docente? In tal caso saprai che chi chiede passaggio di ruolo è abilitato per tale ruolo con tanto di formazione connessa. Per quanto riguarda la ripetizione della formazione è, appunto, una ripetizione in quanto è già stata effettuata nell'anno di prova all'ingresso in ruolo. Ti invito, inoltre, a chiartirti la differenza tra passaggio di ruolo e passaggio di cattedra dato che col passaggio di cattedra non si ripete la formazione.
Tornare in alto Andare in basso
aku



Messaggi : 449
Data d'iscrizione : 27.06.13
Località : veneto

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Lun Dic 14, 2015 9:46 pm

Fra l'altro chi fa il passaggio ha tutti i titoli a posto per poter insegnare nel nuovo ordine di scuola. Io ho chiesto il passaggio a primaria da infanzia (dopo 8 anni di preruolo su primaria e la messa in ruolo su infanzia) e l'ho potuto fare solo perchè ho sia il diploma magistrale che la laurea in sf primaria con tanto di tirocinio e anno di formazione e prova su infanzia..su cosa dovrebbero erudirmi ancora, di grazia, i nostri beneamati formatori??
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Mar Dic 15, 2015 7:18 am

Sono anche io d'accordo sul fatto che occorrerebbero corsi di aggiornamento strutturati, ma la realtà è che la formazione, per come è stata fatta in passato e anche oggi con l'INDIRE, di formativo ha davvero ben poco: rappresenta solo un passaggio burocratico, sfruttato per inculcare nuovamente nel docente una certa visione dell'insegnamento. In ogni caso, per quanto seccante, non ha nulla di insormontabile per un docente minimamente preparato e che non si sia reso responsabile di sanzioni disciplinari.

La legge che prevede un nuovo anno di prova per il passaggio di ruolo ha l'evidente scopo di verificare, molto alla buona, la capacità di un insegnante di rivestire il nuovo ruolo e di scoraggiare lo spostamento in massa da un ruolo ad altri ritenuti più congrui o più prestigiosi.

Cioè non deve essere garantito solo l'insegnante che vuole migliorare la propria posizione in base alle proprie esigenze, ma anche gli alunni, che hanno diritto ad avere un insegnante titolato e capace. Questo è tanto più vero se i passaggi di ruolo sono da un ciclo inferiore a uno superiore. Per intenderci: un conto è insegnare italiano alle elementari, un conto è insegnarlo alle medie; un conto è l'insegnamento nella scuola dell'infanzia, un conto è l'insegnamento nella scuola primaria. Anche se, vista la vulgata psico-pedagogica, molti saranno convinti che sia esattamente la stessa cosa, da affrontare con gli stessi strumenti pedagogici, didattici e le stesse competenze disciplinari.
Tornare in alto Andare in basso
agostina79



Messaggi : 8
Data d'iscrizione : 14.12.15

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Mar Dic 15, 2015 7:40 am

Ma forse non hai ben capito io ero già un'insegnante di scuola primaria, poi son passata all'infanzia e adesso di nuovo nella primaria... pertanto, credo di saper bene la differenza di insegnamento tra i due ordini
Tornare in alto Andare in basso
aku



Messaggi : 449
Data d'iscrizione : 27.06.13
Località : veneto

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Mar Dic 15, 2015 8:43 am

Infatti anche la mia situazione è in realtà un ritorno alla mia originale sede di insegnamento. Ero un'esule all'infanzia, ero un pesce fuor d'acqua. Non sapevo starci di là, non avevo le strategie. Il ritorno in primaria è un atto dovuto non solo a me stessa, ma anche e soprattutto agli alunni, che qui si so trattare con competenza e professionalità. Ma veniamo puniti per questo.

Ma a parte le storie personali che non sono ne possono essere rappresentative della categoria "passaggi di ruolo"...la formazione, ne vogliamo parlare? Ora io dovrò farmi non so quante ore fuori servizio a sentire fuffa pseudo-scientifica. Lo sai cosa vrei fatto in quelle ore io invece? Mi sarei dedicata alla preparazione dei materiali per la classe, al materiale diversificato per i miei bes, e anche per un gruppetto di bimbi che sono più avanti dgli altri e sempre ingiustamente lasciati da parte. Non è forse questo il mio lavoro?

Ma no! Ecco che il ministero deve obbligarmi a peredere tempo a stendere improbabili relazioni (per la seconda volta), a seguire corsi assurdi identici ai precedenti (per la seconda volta), ad andare a perdere tempo e a far perdere tempo alla classe del mio tutor...E secondo te questa è cosa buona e giusta?

Io sono specializzata su primaria (laurea) ed è li che sono passata, su primaria. Questa specializzazione non vale nulla? Mi devono insegnare loro con un corso annuale ciò che non ho imparato in 5 anni di università e 8 di insegnamento su questo ordine??
Tornare in alto Andare in basso
condor2000



Messaggi : 640
Data d'iscrizione : 15.10.12

MessaggioOggetto: Re: passaggio di ruolo con la nuova legge 107   Mar Dic 15, 2015 8:53 am

ushikawa ha scritto:
Sono anche io d'accordo sul fatto che occorrerebbero corsi di aggiornamento strutturati, ma la realtà è che la formazione, per come è stata fatta in passato e anche oggi con l'INDIRE, di formativo ha davvero ben poco: rappresenta solo un passaggio burocratico, sfruttato per inculcare nuovamente nel docente una certa visione dell'insegnamento. In ogni caso, per quanto seccante, non ha nulla di insormontabile per un docente minimamente preparato e che non si sia reso responsabile di sanzioni disciplinari.

La legge che prevede un nuovo anno di prova per il passaggio di ruolo ha l'evidente scopo di verificare, molto alla buona, la capacità di un insegnante di rivestire il nuovo ruolo e di scoraggiare lo spostamento in massa da un ruolo ad altri ritenuti più congrui o più prestigiosi.

Cioè non deve essere garantito solo l'insegnante che vuole migliorare la propria posizione in base alle proprie esigenze, ma anche gli alunni, che hanno diritto ad avere un insegnante titolato e capace. Questo è tanto più vero se i passaggi di ruolo sono da un ciclo inferiore a uno superiore. Per intenderci: un conto è insegnare italiano alle elementari, un conto è insegnarlo alle medie; un conto è l'insegnamento nella scuola dell'infanzia, un conto è l'insegnamento nella scuola primaria. Anche se, vista la vulgata psico-pedagogica, molti saranno convinti che sia esattamente la stessa cosa, da affrontare con gli stessi strumenti pedagogici, didattici e le stesse competenze disciplinari.

Non hai risposto alla domanda: sei docente o no? Poi il tuo ragionamento sarebbe logico se non si scontrasse su due elementi: uno professionale e uno legale:
1) non è con continui anni di prova e di formazione, anche a distanza di decenni, che si valuta un docente e lo si pone nella stessa posizione di un nuovo assunto.
2) le regole non si cambiano applicando retroattivamente una norma di una legge appovata a settembre 2015, a posizioni acquisite.
Non si tratta di migliorare le proprie cognizioni per favorire gli alunni. E' una delle tante disposizioni capestro (vedrai in futuro) che evidenziano l'obiettivo di assoggettare questa nostra professione ad una struttura di tipo piramidale che cancellerà la liberta di insegnare in questo paese.
Tornare in alto Andare in basso
 
passaggio di ruolo con la nuova legge 107
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» disponibilità cattedre per passaggio di ruolo
» TOSCANA - FIRENZE - Ospedale Careggi Fisiopatologia della Riproduzione Umana
» Trasferimento e passaggio di ruolo
» PASSAGGIO DI RUOLO E ASSEGNAZIONE PROVVISORIA
» QUANDO SI RICHIEDE LA TEMPORIZZAZIONE DOPO PASSAGGIO DI RUOLO

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: