Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Potenziamento: sòla o risorsa?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1 ... 12 ... 21, 22, 23  Seguente
AutoreMessaggio
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Potenziamento: sòla o risorsa?   Mar Dic 15, 2015 7:42 pm

Promemoria primo messaggio :

Il Potenziamento potrebbe essere la grande novità di questi ultimi 30 anni, dopo l'introduzione del sostegno; lo stato ha deciso di investire, come allora, in un numero consistente di personale e lo ha fatto, almeno in teoria, per potenziare la didattica, il che, almeno sulla carta, è lodevolissimo.
Per ora l'esito non è entusiasmante, almeno a quanto posso giudicare dai potenziati della mia scuola (che restano, ahiloro, in sala docenti per ore e ogni tanto vanno a fare una tediosa sostituzione)... è anche vero che qualunque istituzione ha bisogno di un periodo di rodaggio per inserire 40 mila nuovi dipendenti.

Cosa ne pensate dunque di questo potenziamento, qual è il vostro parere?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
fra78



Messaggi : 492
Data d'iscrizione : 27.04.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 10:15 am

ho visto colleghe del potenziamento in sala insegnanti senza saper cosa fare, a volte chiamate per tappabuchi, a volte per tenere alunni stranieri, a volte a ritagliare cartoncini... le ho viste scappare al suono della campanella perchè annoiate da ore senza far nulla. Ovviamente è colpa della scuola che non sa utilizzarli, ma non ditemi che quello stipendio è sudato, in Italia c'è gente che si spacca la schiena per molto meno e senza alcuna garanzia. l'ho detto.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 11:26 am

Io penso che a prescindere da una progettazione integrata, ciascuno di noi dovrebbe avere delle capacità o delle competenze intrinseche che possono essere messe a disposizione della scuola per evitare di rigirarsi i pollici.
È comprensibile che lo spaesamento e la noia possano capitare nei primi giorni, ma dopo alcuni giorni ci si guarda intorno, si vede cosa si può fare, si chiede "in cosa posso rendermi utile?" e così via.
Se poi si vuole stazionare in sala prof e dare un senso all'esistenza di una sedia o di un termosifone, allora è un altro paio di maniche.
I discorsi sullo spaccarsi la schiena lasciano il tempo che trovano. Quando si entra a lavorare in una scuola, la schiena si è già spaccata da tempo per anni e anni per chinarsi sui libri a studiare. E comunque, se non ci si spacca la schiena, a scuola, sicuramente ci si spacca altre parti anatomiche. E non certo per la noia. Per spaccarsi la schiena spaccando legna non serve buttare alle ortiche anni e anni della propria giovinezza a formarsi, studiare, migliorare la propria conoscenza e la propria competenza. Chi sceglie una strada facile non può poi pretendere di usare lo stesso metro di confronto per ordini di grandezza differenti.
Chi lavora in una scuola facendo il suo onesto lavoro, lo stipendio se lo suda. E non solo in quelle presunte 18 ore in cui si è fisicamente a scuola.
Tornare in alto Andare in basso
Tah-Dah!



Messaggi : 903
Data d'iscrizione : 02.01.12

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 11:52 am

tra l'altro io sono convinta che tappa buchi sia assolutamente fuorviante in quanto anche la" semplice sorveglianza" è interpretabile e può assumere dignità e valore in relazione al modo in cui entriamo in classe e al valore che ciascuno dà al proprio ruolo come docente, costruito in anni e anni di studio, di lavoro e di esperienza.
Tornare in alto Andare in basso
fra78



Messaggi : 492
Data d'iscrizione : 27.04.11

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 12:37 pm

"spaccarsi la schiena" era una metafora e comunque non solo i docenti hanno studiato
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 12:45 pm

dubitoergosum ha scritto:
Aggiungo: in veneto 27 ore sono un modulo molto diffuso. I risultati INVALSI sono eccellenti, a ĺivello delle mitiche scuole del nord Europa.
Propongo una lettura diversa: in Veneto le mamme lavorano ed i bambini sono cresciuti dai nonni, in Calabria le mamme sono disoccupate e crescono i propri bambini; i nonni sono della generazione precedente e quindi meno corrotti dal pedagogismo imperante.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 12:59 pm

fra78 ha scritto:
"spaccarsi la schiena" era una metafora e comunque non solo i docenti hanno studiato
Per non restare sul generico, quali sono i termini di confronto?
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25640
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 1:03 pm

Non vorrei si incominciasse a formare una malcelata invidia verso questi potenziatori. C'è qualcuno che vorrebbe magari stare vicino al termosifone invece che in classe con 30 studenti? Mi viene qualche dubbio che sia così...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15837
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 2:12 pm

gugu ha scritto:
Non vorrei si incominciasse a formare una malcelata invidia verso questi potenziatori. C'è qualcuno che vorrebbe magari stare vicino al termosifone invece che in classe con 30 studenti? Mi viene qualche dubbio che sia così...
Dipende dagli studenti; il termosifone d'estate lo spengono ?
Tornare in alto Andare in basso
dubitoergosum



Messaggi : 1367
Data d'iscrizione : 04.09.10

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 4:12 pm

avidodinformazioni ha scritto:
dubitoergosum ha scritto:
Aggiungo: in veneto 27 ore sono un modulo molto diffuso. I risultati INVALSI sono eccellenti, a ĺivello delle mitiche scuole del nord Europa.
Propongo una lettura diversa: in Veneto le mamme lavorano ed i bambini sono cresciuti dai nonni, in Calabria le mamme sono disoccupate e crescono i propri bambini; i nonni sono della generazione precedente e quindi meno corrotti dal pedagogismo imperante.
La proverbiale saggitudine di Avido ;-)
Tornare in alto Andare in basso
dubitoergosum



Messaggi : 1367
Data d'iscrizione : 04.09.10

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 4:28 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
Io penso che a prescindere da una progettazione integrata, ciascuno di noi dovrebbe avere delle capacità o delle competenze intrinseche che possono essere messe a disposizione della scuola per evitare di rigirarsi i pollici.
È comprensibile che lo spaesamento e la noia possano capitare nei primi giorni, ma dopo alcuni giorni ci si guarda intorno, si vede cosa si può fare, si chiede "in cosa posso rendermi utile?" e così via.
Se poi si vuole stazionare in sala prof e dare un senso all'esistenza di una sedia o di un termosifone, allora è un altro paio di maniche.
I discorsi sullo spaccarsi la schiena lasciano il tempo che trovano. Quando si entra a lavorare in una scuola, la schiena si è già spaccata da tempo per anni e anni per chinarsi sui libri a studiare. E comunque, se non ci si spacca la schiena, a scuola, sicuramente ci si spacca altre parti anatomiche. E non certo per la noia. Per spaccarsi la schiena spaccando legna non serve buttare alle ortiche anni e anni della propria giovinezza a formarsi, studiare, migliorare la propria conoscenza e la propria competenza. Chi sceglie una strada facile non può poi pretendere di usare lo stesso metro di confronto per ordini di grandezza differenti.
Chi lavora in una scuola facendo il suo onesto lavoro, lo stipendio se lo suda. E non solo in quelle presunte 18 ore in cui si è fisicamente a scuola.

giusto, ma non si può nemmeno pretendere che tutti i potenziatori si inventino qualcosa da fare. Il problema resta: la scuola avrebbe una sete enorme di risorse, di persone competenti, di strutture, di laboratori. E a fronte di ciò il governo ha distrubuito a pioggia una marea di gente così, alla carlona, senza un'idea o una pianificazione. La solita impresa all'italiana: non abbiamo soldi, in compenso quando li abbiamo li sprechiamo alla grande. E di nuovo, come al solito, la riuscita o il fallimento del potenziamento dipenderanno largamente dalla fantasi e dalla buona volontà dei singoli.
Tornare in alto Andare in basso
dubitoergosum



Messaggi : 1367
Data d'iscrizione : 04.09.10

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 4:47 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Il fatto che l'essere "più seguiti" dai genitori favorisca lo sviluppo dell'autonomia, francamente, mi lascia abbastanza interdetta.

Nel mio piccolo campionario di conoscenze private, la tipologia di mamma che è "contrarissima al tempo pieno perchè tanto di pomeriggio sto a casa io" o che "poveri cuccioli, con tutte quelle ore si stancano troppo"... coincide in massima parte proprio con la stessa che tutti i giorni, al momento di fare i compiti, si mette maniacalmente al tavolino insieme al figliolo e fa i compiti con lui, impedendogli categoricamente di scrivere una singola parola senza averla prima concordata insieme.

Se questo è sviluppo dell'autonomia, qualche dubbio mi viene...
eh, chiaro: tu conosci gente strana ;-)
a parte le battute, credo che la tipologia di genitori che descrivi non dipenda dal modulo che scelgono per i figli. Alcuni genitori della classe parallela a quella del mio primogenito chiamano le maestre "affaticatrici" perché osano dare anche ai loro figli (tempo pieno) dei compiti. Ieri alla riunione una mamma (futuro tempo pieno) si è scagliata con la preside, che difendeva alcune maestre, dicendo che corrono voci che costoro fanno lavorare troppo i bambini, e - testuali parole - "il mio bambino quando torna alle 4 non può riprendere in mano la penna". Viste le premesse questo bimbo finirà a un professionale, e io potrei averlo come studente: questo mi rattrista con 9 anni d'anticipo.
Poi come mamma ho visto di tutto: mamme che aiutano i bimbi a colorare, perché - poverini- hanno troppi compiti e non ce la fanno, mamme che preparano tutto il materiale ai bimbi che dovrebbero fare una ricerca (e fine della ricerca). Ma è solo una visione distorta di ciò che è bene ed utile per il proprio figlio, sono ottusità che interessano trasversalmente i genitori di bimbi al tempo pieno e al tempo modulare.
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 5:09 pm

precario.acciaio ha scritto:
Il Potenziamento potrebbe essere la grande novità di questi ultimi 30 anni, dopo l'introduzione del sostegno; lo stato ha deciso di investire, come allora, in un numero consistente di personale e lo ha fatto, almeno in teoria, per potenziare la didattica, il che, almeno sulla carta, è lodevolissimo.
Per ora l'esito non è entusiasmante, almeno a quanto posso giudicare dai potenziati della mia scuola (che restano, ahiloro, in sala docenti per ore e ogni tanto vanno a fare una tediosa sostituzione)... è anche vero che qualunque istituzione ha bisogno di un periodo di rodaggio per inserire 40 mila nuovi dipendenti.

Cosa ne pensate dunque di questo potenziamento, qual è il vostro parere?

Almeno non si dividono le classi ^_^.
Meglio che niente, anche se sarebbe stato preferibile potenziare le aree richieste dagli istituti scolastici..mentre l'operazione è nata per creare posti con cui svuotare le gae...e infatti ci si trova sguarniti con sostegno,matematica,etc,etc..
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 5:15 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
Io penso che a prescindere da una progettazione integrata, ciascuno di noi dovrebbe avere delle capacità o delle competenze intrinseche che possono essere messe a disposizione della scuola per evitare di rigirarsi i pollici.
È comprensibile che lo spaesamento e la noia possano capitare nei primi giorni, ma dopo alcuni giorni ci si guarda intorno, si vede cosa si può fare, si chiede "in cosa posso rendermi utile?" e così via.
Se poi si vuole stazionare in sala prof e dare un senso all'esistenza di una sedia o di un termosifone, allora è un altro paio di maniche.
I discorsi sullo spaccarsi la schiena lasciano il tempo che trovano. Quando si entra a lavorare in una scuola, la schiena si è già spaccata da tempo per anni e anni per chinarsi sui libri a studiare. E comunque, se non ci si spacca la schiena, a scuola, sicuramente ci si spacca altre parti anatomiche. E non certo per la noia. Per spaccarsi la schiena spaccando legna non serve buttare alle ortiche anni e anni della propria giovinezza a formarsi, studiare, migliorare la propria conoscenza e la propria competenza. Chi sceglie una strada facile non può poi pretendere di usare lo stesso metro di confronto per ordini di grandezza differenti.
Chi lavora in una scuola facendo il suo onesto lavoro, lo stipendio se lo suda. E non solo in quelle presunte 18 ore in cui si è fisicamente a scuola.

E' il "datore di lavoro" che deve organizzare il lavoro per chi lo presta..e non il contrario.

Certo che programmare (col bordello di supplenti di quest'anno, con i neoimmessi in ruolo e il ricambio che c'è stato tra novembre e dicembre sulle GI per via della solita disorganizzazione del MIUR) quest'anno è roba da neurodelirio..quindi aspetterei quantomeno l'anno prossimo per fare un bilancio del famigerato "potenziamento"..quando arriveranno anche quelli che hanno differito la presa di servizio (non pochi docenti).
I comprensivi oramai sono delle realtà complesse con centinaia di docenti e decine di ata..in corso d'anno, sopratutto quest'anno non credo si possano fare miracoli...da qui credo la situazione paradossale di persone che vegetano in aula docenti, nonostante a scuola di lavoro da svolgere..ce ne è da fare


Ultima modifica di mordekayn il Dom Gen 10, 2016 5:23 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25640
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 5:20 pm

Cosa aveva chiesto il tuo DS? Cosa è arrivato? Cosa stanno facendo? Cosa fa il DS per migliorare l'organizzazione?
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 5:26 pm

A noi sono arrivate due docenti di primaria..per il resto maternità e differimenti.
Il faldone dei supplenti continua ad aumentare..credo andremo al sesto faldone ^_^
Tornare in alto Andare in basso
gugu



Messaggi : 25640
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 5:29 pm

E sui differimenti non nominate?
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 5:31 pm

Certo..esattamente non ti so dire cosa stiano facendo, tranne che per le sostituzioni fatte in emergenza quando sono assenti i titolari.

Le nomine poi a scuola come ben sai sono continue: lunedì dovrebbe arrivarmi una A345 per una supplenza breve e saltuaria (docente ammalata presumibilemente fino a giugno), poi c'è una nomina di 9 ore di sostegno e un altro posto di sostegno da coprire di 18 ore in secondaria.

La nostra criticità è il sostegno..abbiamo più di 60 alunni H certificati...cmq col potenziamento ha differito pure un docente di strumento che la ds aveva richiesto per la classe ad indirizzo musicale.

Nella cartellina dei CTI inviati alla ragioneria ci sono non meno di 24 CTI..quest'anno è un anno particolare ah,ah,ah..

L'anno prossimo mi auguro ci sia un minimo di stabilità in più..non si possono organizzare le cose in questo modo con tutti questi movimenti in corso d'anno...
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 6:11 pm

poi quest'anno si vede che è un anno particolare da alcuni piccoli dettagliucci: come ad es. l'USP che ti chiede (o meglio ti intima di compilare moduli e modellini..ovviamente in pochissimi giorni) i dati dei neoimmessi in ruolo che dovrebbero essere già in loro possesso visto che sono loro ad aver fatto quantomeno gli individua e i disponi..
Insomma pazienza..magari dall'anno venturo chi da potenziato sta in aula docenti solo a tappare i buchi verrà impiegato in modo più profiquo.
Tornare in alto Andare in basso
Maestrameccanica



Messaggi : 10
Data d'iscrizione : 09.12.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Dom Gen 10, 2016 7:43 pm

Per il momento una gran sòla, ammesso di averceli. E parlo della primaria. Sulla secondaria ho solo orecchiato che ci sono problemi ulteriori.
Potenziatori pencolanti in aula insegnanti mai visti (a parte che di fatto non abbiamo un'aula insegnanti...).
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Lun Gen 11, 2016 1:01 pm

Comunque i nostri di certo non stanno in aula docenti: son tutti incastrati..chi tra progetti, chi in classe su un non certificato, c'è solo uno che ha una decina di ore scoperte in cui è a disposizione per supplenze.
La a345 di inglese appena nominata oggi farà il clil affiancando le docenti titolari.

Intanto se continua così dovrò ordinare nuovi faldoni, perchè non c'è più posto per i contratti ah,ah,ah..
Tornare in alto Andare in basso
mordekayn



Messaggi : 2619
Data d'iscrizione : 19.07.11
Età : 26

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Ven Gen 15, 2016 5:28 pm

Avete notizie di specializzati su SOS media che NON lavorano a Milano per potenziamento?

Io no.
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7546
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Ven Gen 15, 2016 5:31 pm

...ma figurati...
Tornare in alto Andare in basso
Online
gugu



Messaggi : 25640
Data d'iscrizione : 28.09.09

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Ven Gen 15, 2016 5:35 pm

mordekayn ha scritto:
Avete notizie di specializzati su SOS media che NON lavorano a Milano per potenziamento?

Io no.


Su Milano la AD00 è completamente esaurita in GE (tutti già in ruolo).
I pochi in 2 GI presumo siano stati catturati i primissimi giorni da poche scuole.
Tornare in alto Andare in basso
condor2000



Messaggi : 648
Data d'iscrizione : 15.10.12

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Sab Gen 16, 2016 11:10 am

Maestrameccanica ha scritto:
Per il momento una gran sòla, ammesso di averceli. E parlo della primaria. Sulla secondaria ho solo orecchiato che ci sono problemi ulteriori.
Potenziatori pencolanti in aula insegnanti mai visti (a parte che di fatto non abbiamo un'aula insegnanti...).

Nella mia scuola, secondaria professionale, hanno cambiato docenti su diverse classi più volte. I ragazzi sono confusi, gli orari cambiano continuamente ed abbiamo colleghi sostituiti ed andati via quattro volte e colleghi, fase C, che passeggiano in corridoio stravolgendo i già precari equilibri dell'istituto (con abilitazioni fuori contesto istituto). Noi di ruolo ci facciamo un "mazzo" così mentre loro si sentono letteralmente "miracolati" dall'essere entrati di ruolo senza cattedra. Senza denigrare nessuno, ci mancherebbe, e riconoscendo che non è assolutamente colpa loro (vedi anche i lungimiranti pensieri della Giannini, unica colpevole, sugli effetti di tale situazione), il caos ormai regna sovrano e non vedo l'ora che passi quest'anno scolastico.
Tornare in alto Andare in basso
sparviero.



Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 27.04.15

MessaggioOggetto: Re: Potenziamento: sòla o risorsa?   Sab Gen 16, 2016 12:27 pm

sicuramente il potenziamento è una grande risorsa per le scuole. Sono delle sole i dirigenti che non li sanno utilizzare adeguatamente.
Tornare in alto Andare in basso
 
Potenziamento: sòla o risorsa?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 22 di 23Andare alla pagina : Precedente  1 ... 12 ... 21, 22, 23  Seguente
 Argomenti simili
-
» URGENTE!: SEDE FITTIZIA E CONTRATTO DA INSERIRE NEL SIDI
» Un consiglio spassionato sulla mia situazione.

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Riforme-
Andare verso: