Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Consigli per interrogazione orale.

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Consigli per interrogazione orale.   Gio Gen 07, 2016 4:06 pm

Promemoria primo messaggio :

Buonasera a tutti; torno su un argomento che abbiamo affrontato qualche mese fa; a Febbraio intendo svolgere un'interrogazione orale facendo un giro completo in Filosofia... chiedo il vostro parere sulle seguenti questioni, premettendo che la classe è composta da 26 alunni:

1) Quanti ne interroghereste in ogni ora? Io tendenzialmente evito di interrogare e di andare avanti nel programma, ma ho visto che molti colleghi di materia usano solo questo metodo. Finora mi sono trovato bene a interrogare tutta l'ora (es. 3 alunni), tuttavia non escludo di variare il programma.
2) Qualora io interrogassi per tutta l'ora terminerei il giro orale in 9 lezioni (3 alunni ogni lezione) o 7 lezioni (4 alunni per ogni lezione), in ogni caso un buon numero di lezioni (le ore di Filosofia sono 3 a settimana). Come fare per evitare questo "blocco" ?

Qualunque considerazione in merito è ben accetta, non ho ancora fissato nulla.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 10:05 am

chicca70 ha scritto:
Le materie orali erano davvero tali con due voti a quadrimestre.

Il fatto è che nelle cosiddette "matere orali" rientravano storicamente anche materie scientifiche MOLTO rigorose e quantitative, ad esempio la fisica. E infatti mi sono sempre chiesta come si faccia a considerare la fisica, o certi aspetti delle scienze naturali, come "materia solo orale", e a darne una valutazione significativa senza verifiche scritte...

Oltretutto certe materie (e non solo scientifiche, ma anche altre) sono anche fortemente modulari, per cui interrogando solo due volte a quadrimestre si rischia un campionamento pieno di buchi e diverso per ogni studente. O in quelle due uniche occasioni di interrogazione si fa un mazzo quadro allo studente su TUTTO il programma intercorso nel frattempo (e allora ci vorrebbe quasi un'ora a persona, come in un esame universitario), oppure ognuno viene interrogato su argomenti diversi senza nessuna valutazione organica sul programma complessivo...
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7520
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 10:10 am

Ricordo benone la mia scuola media a cavallo tra '70 e '80...
L'insegnante spiegava, nemmeno tantissimo, ma bene, concentrando al massimo e senza interruzioni (mediamente tutti muti, chi parlava eran note e a casa...dolori...perché "l'insegnante ha sempre ragione e qualche cosa avrai combinato").
Io ricordo verifiche anche di arte (prendevo sempre voti pessimi ma recuperavo con i disegni...come succede anche ora con qualche mio alunno, avere un buon numero di voti per alunno non è tra i miei problemi maggiori).
Gli insegnanti interrogavano...poche domande mirate, se le sapevi buon per te...in caso contrario c'era un brutto voto (e a casa eran dolori perché "l'insegn ha sempr rag qualc cos avr ecc...")
In classe non c'erano praticamente alunni di primo arrivo (io avevo due compagni di classe stranieri ma erano entrati in classe solo dopo aver imparato un minimo di italiano... Come e dove non so!).
Alunni certificati gravi non se ne vedevano proprio...porelli...erano ancora anni in cui finito l'asilo... Andavano in scuole speciali, i più fortunati, mentre i più venivan blindati in famiglia...

Ora i genitori fanno ricorsi, minaccian la denuncia ad ogni voto...
Dobbiamo insegnare parandoci le spalle (ho fatto tutto il possibile per far migliorare questo alunno? Ho fatto un programma personalizzato per ognuno dei miei 250 alunni così da poter permetter loro di mettere in luce le varie potenzialità e competenze personali -portfolio morattiano-).
Ora quando programmo un argomento o, peggio, una verifica scritta, devo prima verificare non siano previste uscite per la classe tutta o per i singoli alunni magari impegnati in gare e concorsi dentro o fuori dalla scuola ma sicuramente non in classe...
Ora nella mia ora, sempre senza sostegno e compresenze (quindi non posso portar fuori 2-3 alunni magari per interrogarli lasciando il resto classe affidato ad una collega...), nella mia ora devo spiegare-tradurre per i 4 stranieri-semplificare per i 3 certificati- proporre alternativa totale per il certificato grave-sedare almeno una rissa o un diverbio verbale- far tacere il rompi di turno...
Son già stanca solo all'idea... Argh
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5357
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 11:46 am

precario.acciaio ha scritto:

2) Come eviti il rischio che un alunno interrogato a febbraio non smetta poi di studiare per il resto dell'anno?


Verifiche in itinere sempre e per tutti. Bastano 10 minuti
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 2:37 pm

lucetta10 ha scritto:
precario.acciaio ha scritto:

2) Come eviti il rischio che un alunno interrogato a febbraio non smetta poi di studiare per il resto dell'anno?


Verifiche in itinere sempre e per tutti. Bastano 10 minuti

Le valuti come voto? Quanto sono lunghe?
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7520
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 2:42 pm

Ohy...son sempre esistite le interrogazioni scritte!
Certo che valgon come voto.
Anche solo tre domande mirate e via...
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 2:51 pm

Di soli 10 minuti però non le ho mai viste...
Tornare in alto Andare in basso
Erodoto



Messaggi : 286
Data d'iscrizione : 27.07.12

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 7:53 pm

paniscus_2.0 ha scritto:

Sono circa 100 anni che in Italia le elementari le fanno tutti, e circa 50 anni che le medie le fanno tutti, quindi da quel punto di vista la "scuola di massa" c'era già...

Paniscus, quanti tuoi coetanei finite le medie sono andati direttamente a lavorare e quanti alle scuole professionali? Tra i miei la percentuale non era irrisoria e il diploma di scuola superiore lo abbiamo preso circa un terzo di tutta la mia annata. Alle superiori ci sono andato nei primi anni '90. A fine anni '90 un diploma quinquennale o triennale professionale era alla portata di quasi tutti, nei primi anni 2000 gli iscritti all'Università si sono moltiplicati come il pane e i pesci e alcune facoltà, soprattutto le umanistiche, sono terribilmente scadute di livello. Tutta roba che c'era già?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Ven Gen 08, 2016 11:15 pm

Erodoto ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:

Sono circa 100 anni che in Italia le elementari le fanno tutti, e circa 50 anni che le medie le fanno tutti, quindi da quel punto di vista la "scuola di massa" c'era già...

Paniscus, quanti tuoi coetanei finite le medie sono andati direttamente a lavorare e quanti alle scuole professionali?

Diversi. Ma anche quelli, usciti dalle medie di allora, erano in condizioni di autonomia mentale e capacità di organizzazione adulta che oggi uno studente di quinta superiore si sogna. Altrimenti come sarebbe stato possibile che qualcuno li assumesse a lavorare, affidando loro anche degli incarichi di una certa responsabilità, come il maneggiare soldi, o attrezzature di bottega delicate? Uno dei lavori tipici che all'epoca erano molto diffusi tra le ragazzine che avevano solo la terza media, ad esempio, era quello di commessa: oggi, quale commerciante si sognerebbe di affidare il registratore di cassa, le chiavi del negozio, e soprattutto la revisione dei CALCOLI degli incassi della giornata, non dico a una minorenne con la terza media, ma nemmeno a una ventenne che ha finito il liceo?!...
Tornare in alto Andare in basso
AndreaOdi



Messaggi : 491
Data d'iscrizione : 31.07.12

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Sab Gen 09, 2016 12:27 pm

Vado un po' (completamente) fuori tema riprendendo un aspetto che era stato sfiorato in questa discussione (più o meno a pagina 2).
Qual è la differenza (o almeno una delle differenze) tra gli studenti di oggi e quelli di 20 anni fa (per quel che ricordo della mia esperienza scolastica di liceale).

Più che nei ragazzi, credo che stia nei genitori (cosa peraltro già detta più e più volte in questo forum) e nell'approccio che essi hanno con la scuola ed i docenti.
Il genitore crede che tutto sia dovuto e di riflesso anche il figlio si convince della stessa cosa. In particolare è dovuto ed automatico che il figlio capisca e prenda buoni voti. E' dovuto ed automatico che l'insegnante faccia in modo che il figlio stia attento.

Mi dice un genitore (con la figlia in ultimo banco che non ha voglia di fare un tubo): ma perché non la sposta in primo banco? La prego, prof, usi un occhio di riguardo per mia figlia.
La mia risposta è stata (espressa in maniera cortese ma esplicita) che: sta in ultimo banco perché è lei a volerci stare, mentre in primo banco c'è chi vuole seguire per davvero (ho pensato ma non detto che si tratti di semplice selezione naturale); inoltre l'occhio di riguardo speciale è una cosa che richiede molte risorse (da parte mia): lo dedico a chi ha veramente problemi di apprendimento e/o problemi emotivi significativi (ammesso e non concesso di avere le opportune risorse ed energie per tali casi).

Altro esempio, stessa alunna: dopo aver chiacchierato ed esser stata ripresa N volte mi risponde di esser perfettamente consapevole che, non seguendo, prenderà brutti voti e che, essendo grande e matura (16 anni), ha tutto il diritto di scegliere e fare ciò che vuole (incidentalmente, in questo ragionamento c'è una clamorosa falla, dimostrazione di grande egoismo: il suo comportamento non sta danneggiando solo lei ma anche il resto della classe e sta disturbando il sottoscritto).
Mia risposta: nota sul registro, comunicazione immediata a casa con convocazione dei genitori.
Dopo due o tre giorni è di nuovo li che parla: le do un compito di castigo (N esercizi tanto semplici quanto noiosi), che mi consegna in ritardo e con una marea di errori.
Le valuto il compito dando un 4.

Risultato: arriva la madre a lamentarsi perché la studentessa si aspettava che il compito sarebbe stato valutato.

Stiamo parlando, peraltro, di una ragazza intelligente che, dopo questa terapia d'urto, si è messa a lavorare in maniera più che accettabile.
Io penso semplicemente che se le famiglie fossero un po' meno pronte a difendere i figli a spada tratta e facessero passare di più il messaggio che gli insegnanti operano con l'unico scopo di migliorare le condizioni e la cultura dei ragazzi, allora la scuola andrebbe meglio. Se poi le famiglie capissero che sarebbe meglio lavorare in sinergia (genitori-insegnanti, su un rapporto di fiducia reciproca) sarebbe il top.

Viceversa, spesso sembra che i docenti stiano li solo per non far nulla e/o rompere le scatole ai poveri fanciulli. Dall'altra parte della barricata ci sono genitori e figli. Se si rema in direzioni opposte si fa poca strada.
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7520
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Sab Gen 09, 2016 1:22 pm

La cosa ancora più fantastica è... Il genitore insegnante!
Ho avuto una collega che in cdc faceva i nostri stessi ragionamenti...poi però, ai colloqui come mammina (aveva figlio nella stessa scuola e io...ho una marea di sezioni, quella compresa) si sdoppiava e scavalcava la barricata.
I figli so' sempre piezz'e core...sempre!
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1873
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Sab Gen 09, 2016 7:45 pm

Personalmente quando vado a parlare con gli insegnanti dei miei figli cerco di essere il più possibile rispettoso del lavoro dei miei colleghi, e se non approvo qualcosa me lo tengo per me. E se capita una sanzione disciplinare ha sicuramente ragione l'insegnante, anche se ho ascoltato una versione diversa.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Mer Gen 13, 2016 10:36 pm

ushikawa ha scritto:
Personalmente quando vado a parlare con gli insegnanti dei miei figli cerco di essere il più possibile rispettoso del lavoro dei miei colleghi, e se non approvo qualcosa me lo tengo per me.

Tranne casi particolarissimi in cui è proprio tecnicamente impossibile, io ai colloqui con gli insegnanti dei figli ci mando il padre, proprio perché lui NON fa l'insegnante  : - )

Oltretutto, in qualsiasi altro lavoro che non sia quello dell'insegnante, è relativamente più facile prendersi un'ora o due di permesso negli orari di ricevimento di mattina.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6144
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Consigli per interrogazione orale.   Dom Gen 17, 2016 3:43 pm

AndreaOdi ha scritto:
Mi dice un genitore (con la figlia in ultimo banco che non ha voglia di fare un tubo): ma perché non la sposta in primo banco? La prego, prof, usi un occhio di riguardo per mia figlia.
La mia risposta è stata (espressa in maniera cortese ma esplicita) che: sta in ultimo banco perché è lei a volerci stare, mentre in primo banco c'è chi vuole seguire per davvero (ho pensato ma non detto che si tratti di semplice selezione naturale); inoltre l'occhio di riguardo speciale è una cosa che richiede molte risorse (da parte mia): lo dedico a chi ha veramente problemi di apprendimento e/o problemi emotivi significativi (ammesso e non concesso di avere le opportune risorse ed energie per tali casi).

Altro esempio, stessa alunna: dopo aver chiacchierato ed esser stata ripresa N volte mi risponde di esser perfettamente consapevole che, non seguendo, prenderà brutti voti e che, essendo grande e matura (16 anni), ha tutto il diritto di scegliere e fare ciò che vuole (incidentalmente, in questo ragionamento c'è una clamorosa falla, dimostrazione di grande egoismo: il suo comportamento non sta danneggiando solo lei ma anche il resto della classe e sta disturbando il sottoscritto).
Mia risposta: nota sul registro, comunicazione immediata a casa con convocazione dei genitori.
Dopo due o tre giorni è di nuovo li che parla: le do un compito di castigo (N esercizi tanto semplici quanto noiosi), che mi consegna in ritardo e con una marea di errori.
Le valuto il compito dando un 4.

Risultato: arriva la madre a lamentarsi perché la studentessa si aspettava che il compito sarebbe stato valutato.

Aggiungerei: è molto comodo recitare la parte della "grande e matura che è perfettamente consapevole di rischiare voti insufficienti, ma accetta il rischio per scelta"... se contemporaneamente si è rassicurati dalla certezza che, in caso di voto insufficiente VERO, verranno comunque i genitori a contestare il voto e a difenderla.
Tornare in alto Andare in basso
 
Consigli per interrogazione orale.
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Consigli TV satellitare
» consigli sul cellulare
» Vorrei comprare un kit ricostruzione! Consigli?
» Cercasi consigli per iniziare a usare lo smalto semipermanente!
» Al Gennet: Praga consigli pratici: ve lo avevo promesso

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: