Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Pianti da... insufficienza

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
Hoffnung2



Messaggi : 1236
Data d'iscrizione : 16.05.14

MessaggioOggetto: Pianti da... insufficienza   Sab Feb 06, 2016 7:04 pm

Promemoria primo messaggio :

Oggi è stata una giornata di lacrime (ben 3 nella stessa classe, una 1a media) a causa di alcune insufficienze nell'ultimo compito.

È il mio primo anno di lavoro con i 'piccoli', ho sempre lavorato con ragazzi grandi o adulti. Sapevo che le loro insufficienze - pur essendo un'ottima classe e degli ottimi elementi - erano meritate, ma mi sono sentita molto toccata dalle loro lacrime. Il climax è stato un ragazzo che voleva trattenerle ma non riusciva e tra una tirata su di naso e l'altra mi ha detto 'prof, voglio fare bene la prossima volta, cosa devo fare? Mi sono impegnato tanto...'.

Mi rivolgo in particolare a chi lavora con questa fascia d'età. Come vi comportate? Mi è venuto spontaneo consolarlo con una carezza sulla spalla, poi memore dei discorsi fatti qui mi sono bloccata.

Sono troppo teneri... e il pensiero di non sapere se li avrò il prossimo anno mi fa star male.

Ok, sono troppo sensibile forse, mi aspetto la tirata d'orecchie di paniscus, avido & co.
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
Giuliainvisita



Messaggi : 384
Data d'iscrizione : 05.05.15

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Sab Feb 06, 2016 11:36 pm

Hoffnung2 ha scritto:


Mi rivolgo in particolare a chi lavora con questa fascia d'età. Come vi comportate? Mi è venuto spontaneo consolarlo con una carezza sulla spalla, poi memore dei discorsi fatti qui mi sono bloccata.

Sono troppo teneri... e il pensiero di non sapere se li avrò il prossimo anno mi fa star male.


Hai fatto bene a consolare. Quando mi capita di dare un brutto voto ad un mio alunno delle medie, sia che piangano oppure no, li guardo sorridente negli occhi e dico che sono sicura che la prossima volta faranno di meglio. Dare un buffetto o una carezza no, ma a volte incoraggio qualche mio alunno con un: "Qua la mano!" offrendo la mia da stringere a mo' di patto.
A tutti capita di sbagliare e da persone adulte bisogna far capire loro che vi sono sempre altre possibilità non solo di rimediare, ma anche di avere successo.
Con i ragazzi più grandi (delle superiori) penso che basti dire con tranquillità che è necessario riparare il cattivo voto con una o più interrogazioni ( o compiti in classe) successive.

Tornare in alto Andare in basso
docente63



Messaggi : 781
Data d'iscrizione : 11.06.13

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Dom Feb 07, 2016 12:13 am

Quest'anno ho  la prima  media per la prima volta.... All'inizio ho ben spiegato che per loro adesso non è più come alle elementari; ora prendere 6 vuol dire  che vai già benino... e poi su a salire. E che ci sarebbe voluto tempo per abituarsi ai nuovi voti....
E' chiaro che all'inizio si va un po' "leggerini" sulla valutazione.... il 5 è già insufficienza; il 4 proprio per andarci giù duro.... quindi con moderazione, o in situazioni proprio gravi in cui si pensa di fermare, o si vuol dare una svegliata a genitori assenti.
Ho notato che loro hanno tanti problemi di comprensione di ciò che devono fare.... quindi non dare per scontato che capiscano.... A volte fanno errori negli scritti perchè non capiscono proprio cosa devono fare!!!
Quindi io ho fatto  test di recupero, quando erano in troppi a prendere voti troppo bassi, e sono tornata più volte sugli stessi argomenti.
Inoltre, ogni tanto ritiro i quaderni, in modo da poter valutare con attenzione anche il loro impegno a casa, e poter "alzare al media".
Il primo anno è un po' così.... poi in seconda si può essere un po' più stretti e pretendere di più.
E qualcuno che piangeva pian piano ha smesso di piangere....
Tornare in alto Andare in basso
piperitapatty85



Messaggi : 674
Data d'iscrizione : 18.12.12

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Dom Feb 07, 2016 8:03 am

paniscus_2.0 ha scritto:
Sarà, ma io tutta 'sta gente che piange da straziare il cuore, perché ha preso un'insufficienza che assolutamente non si aspettava, quando invece era convintissima in buona fede di aver studiato tanto, non he ho mai vista.

Solitamente, la reazione ai voti negativi o è di indifferenza assoluta (tanto poi si sa che non contano niente e alla fine l'aiutino arriva lo stesso), oppure è di polemica aperta (tanto poi mando i genitori a protestare).

Se non sbaglio Paniscus tu insegni alle superiori; in una prima media è diverso. Soprattutto nel 1q è difficile che i ragazzi siano così sgamati da invocare "l'aiuto da casa", piuttosto piangono perché hanno anche paura della reazione dei genitori. Il passaggio dalla primaria è difficile da digerire anche per loro, a volte.
Non sono certo tutte anime candide i primini, ma molti hanno ancora un approccio infantile alla scuola. Già nel secondo quadrimestre si abituano, e in seconda diventano più consapevoli...e i pianti praticamente si azzerano, salvo eccezioni.
Tornare in alto Andare in basso
lucetta10



Messaggi : 5368
Data d'iscrizione : 17.01.12

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Dom Feb 07, 2016 10:09 am

avidodinformazioni ha scritto:
Scuola70 ha scritto:
In realtà la colpa è spesso delle maestre che fanno pesare le insufficienze e tendono a non saper separare adeguatamente il voto dalla persona, a volte usando frasi umilianti e cattive. Alcune maestre sono cattive, saccenti e in fondo molto ignoranti sia pedagogicamente sia nella preparazione stessa.

tellina ha scritto:
...e io che pensavo che il problema delle maestre elementari fosse che di brutti voti ne dan troppo pochi...

Forse la verità sta nel mezzo: poichè molte maestre elementari confondono il voto alla prestazione con il voto alla persona, per non "bocciare" quest'ultima non bocciano neanche la prestazione .......... poi arriva la scuola un po' più vera ........ poi arriva la vita vera ........ poi a volte arriva la morte vera.


Il voto discende dal sistema di valutazione. Il sistema di valutazione della scuola primaria è molto diverso da quello della secondaria, e vista l'età degli alunni non ci vedo nulla di strano. Continuare a considerarlo in base a categorie da scuola secondaria offre un quadro distorto
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Dom Feb 07, 2016 10:10 am

Lenar ha scritto:
Se uno non sa accettare un'insufficienza a scuola cosa succederà quando il mondo gli presenterà ben più sonore batoste?

Bisogna saper perdere.

Ovviamente essere dispensatori di tristezza dispiace. Ma ci sta. Siamo qui anche per questa ragione. Porre i ragazzi di fronte ai propri limiti ed insegnargli a perdere con dignità.

Una "kobaiashi maru" non ha mai ammazzato nessuno...

Ah ma allora ti ha proprio colpito!

Comunque ricordati quello che ti dissi: Kirk passò il test imbrogliando, quindi speriamo che non venga presa ad esempio quella simulazione...
Tornare in alto Andare in basso
mariposita



Messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 14.10.09

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Dom Feb 07, 2016 9:13 pm

Non ricordo che alle medie ci fossero simili reazioni, forse il ragazzo è particolarmente sensibile o viziato.
Comunque, fai bene a sdrammatizzare dicendogli che, impegnandosi, potrà recuperare e che tutto è nella norma.
Non esagerare con la comprensione. Tu sei l'insegnante, non lasciarti commuovere. Non devi compatirlo, né consolarlo. Devi solo dargli un'equa opportunità di recupero.


Ultima modifica di mariposita il Lun Feb 08, 2016 2:10 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Lun Feb 08, 2016 10:27 am

Citazione :
Non esagerare con la comprensione. Tu sei l'insegnante, non lasciarti commuovere. Non devi compatirlo, né consolarlo. Devi solo dargli un'equa opportunità di recupero.

Mi chiedo per quale motivo non si debba comprendere, consolare o compatire (sentire la sua sofferenza ed essere dispiaciuti insieme a lui).

L'unica cosa che non si deve fare è quella di basare le valutazione sui loro desideri piuttosto che sui loro risultati ma questo Hoffnung non l'ha nemmeno pensato.

Gli ha detto quello che era giusto dirgli per il futuro.

E' una persona sensibile ed empatica, dov'è il problema?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mariposita



Messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 14.10.09

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Lun Feb 08, 2016 2:18 pm

Ire ha scritto:
Citazione :
Non esagerare con la comprensione. Tu sei l'insegnante, non lasciarti commuovere. Non devi compatirlo, né consolarlo. Devi solo dargli un'equa opportunità di recupero.

Mi chiedo per quale motivo non si debba comprendere, consolare o compatire (sentire la sua sofferenza ed essere dispiaciuti insieme a lui).

L'unica cosa che non si deve fare è quella di basare le valutazione sui loro desideri piuttosto che sui loro risultati ma questo Hoffnung non l'ha nemmeno pensato.

Gli ha detto quello che era giusto dirgli per il futuro.

E' una persona sensibile ed empatica, dov'è il problema?

Nessun problema. Lo incoraggerei a fare di meglio, cercherei sicuramente di infondergli autostima, ma non cercherei di compatirlo. Ognuno di noi è diverso dagli altri.
A me questa reazione fa pensare, perché magari è un bambino sensibile e ha studiato e non se lo aspettava, ma magari è un bimbo superficiale e distratto e a casa non fa i compiti o i genitori non lo seguono. L'insegnante, che lo conosce, può decidere di parlare con la mamma, se vuole, giusto per venire incontro al bambino. Ma ripeto, non è una tragedia, per quanto lui ci possa star male. Penso che questi piccoli dovremmo coccolarli meno e incoraggiarli a un maggiore realismo. Nella vita incontreranno tante difficoltà. Non penso sia sbagliato cercare di stimolarli a fare di meglio in modo razionale.
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 404
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Mar Feb 09, 2016 11:53 pm

E' vero che i ragazzini dalle elementari sono abituati ad una scala di voti tendente verso l'alto, che ha lo scopo di gratificarli e di invogliarli, ma che poi porta a psicodrammi di questo genere nel passaggio alle medie.
Io ho sempre detto nella prima lezione - quella di presentazione - che il voto valuta la performance e non la persona e che chi prende 2 una volta può prendere 8 la volta successiva e viceversa. Do anche un significato verbale al voto numerico, in quella prima lezione. Di solito i ragazzi arrivano abbastanza preparati alle "mattanze" delle prime verifiche.
Più complicato è spiegare ai genitori (specialmente agli stranieri, devo dire) perché alle elementari i figli avevano tutti 10 alle verifiche ed alle medie, se va bene, prendono 6.
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1914
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Mer Feb 10, 2016 6:25 am

E' comunque difficile, ludmilla... anche io ho presentato la griglia di valutazione a inizio anno, spiegandola, e anche gli indicatori per le varie sottodiscipline... eppure in una delle mie prime ho avuto almeno un caso di pianto inconsolabile alla settimana; a volte per il voto, a volte per dispettucci tra ragazzine (che in un episodio hanno fatto piangere anche un ragazzino).
Sono talmente abituati dalle elementari a voti alti e continue gratifiche psicologiche e attenzioni da parte dell'insegnante che vanno in crisi di astinenza in prima media.
Ritengo che farebbe bene un po' di vera continuità verticale all'interno degli IC, non solo per evitare che gli alunni della primaria si iscrivano in altri istituti, ma anche per ammorbidire il passaggio tra elementari e medie con un avvicinamento reciproco delle modalità di insegnamento in quinta e in prima media, anche a livello psicologico.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Mer Feb 10, 2016 8:03 am

Da quanto ho capito io questo ragazzino era semplicemente dispiaciuto, fortemente dispiaciuto, di aver sbagliato qualcosa, tant'è che ha chiesto:  come debbo fare, voglio far bene la prossima volta.

Per una volta che un ragazzino dà il significato corretto ad un voto:  non ho fatto bene, devo migliorare, fate tanti discorsi su di chi sia la colpa del pianto.

La colpa è della fragilità, la colpa è delle maestre, la colpa è dei genitori.

Non c'è colpa:  un ragazzino ancora non in grado di controllare la manifestazione esterna delle proprie emozioni ci è rimasto male per una prestazione sbagliata e si è proposto di fare meglio la prossima volta.

Si dice sempre che non gliene può fregare di meno a sti ragazzi dei voti, si dice che sono apatici..........e se uno di loro non lo è non va bene nemmeno quello?
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
ushikawa



Messaggi : 1914
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Mer Feb 10, 2016 3:32 pm

La colpa, semmai ci fosse, sarebbe da cercare in persone come Ire che a parole difendono il fanciullo dalle fatiche scolastiche e dalle insidie di una scuola indifferente alle sue esigenze, ma che nei fatti lo svalutano con zelo degno di miglior causa, trattandolo in fondo come un esserino indifeso, immaturo, incapace di assumersi quelle minime responsabilità adeguate all'età e trovandogli sempre la giustificazione per qualunque comportamento o atteggiamento scorretto o semplicemente regressivo.

La società nel suo complesso, quindi anche le mamme, i papà, i professori, le maestre, ritiene che sia giusto deresponsabilizzare il bambino, il ragazzino, il ragazzo, il ragazzo cresciutello confinandolo in una dimensione perennemente infantile o preadolescenziale, nella quale tutto rimane più o meno lecito e nessuno sia mai chiamato a rispondere delle proprie azioni, alimentando il mito che sia la società a doversi adeguare all'individuo, e non il contrario.

I disastri operati dalle cosiddette "mamme spazzaneve" sono ormai oggetto di una ampia e nota letteratura.

Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8340
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Mer Feb 10, 2016 7:20 pm

mi chiedo a quando tu fermeresti l'infanzia o la preadolescenza.

Stiamo parlando di un bambino di 11 anni.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
paniscus_2.0



Messaggi : 6190
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Mer Feb 10, 2016 8:01 pm

Non c'è nulla da fermare a un'età precisa... ci sarebbe semmai da generalizzare un percorso graduale attraverso varie età, che porti gradualmente i bambini e ragazzini ad adeguarsi a una richiesta di responsabilizzazione personale sempre più forte.

Ma appunto il graduale cambiamento delle richieste secondo l'età dovrebbe essere chiaro e meno ambiguo possibile, non elasticizzato all'infinito, senza limiti, sulle singole esigenze di ogni singola persona.

L.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15849
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Mer Feb 10, 2016 8:49 pm

Io direi di tornare con i piedi per terra: abbiamo un bambino, cresciutello, cresciuto nella bambagia del rinforzo positivo, che prende il suo primo brutto voto e si intristisce, ripromettendosi di adeguarsi al nuovo corso; abbiamo una docente che ha messo il brutto voto e che non glielo toglie vedendo le lacrime, ma gli fa una carezza d'incoraggiamento.

Le cose dovrebbero andare sempre così; forse anticipate di un paio d'anni, ma meglio tardi che mai.
Tornare in alto Andare in basso
ghirettina



Messaggi : 602
Data d'iscrizione : 21.03.15

MessaggioOggetto: Re: Pianti da... insufficienza   Ven Feb 12, 2016 7:31 pm

Anatema!!!
Io ho messo ben tre 5 al primo quadrimestre! In pagella ...

Poveri cuccioli di 4° primaria... i miei vi arriveranno svezzati ; )

Tornare in alto Andare in basso
 
Pianti da... insufficienza
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Dedicata a tutte le fatine che come me sognano...
» 10 pt...e pianti di gioia!!!

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: