Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 La matematica dà certezze?

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: La matematica dà certezze?   Sab Feb 13, 2016 9:17 pm

Promemoria primo messaggio :

Apro questo topic esistenziale, diverso dal solito.

Io studio materie che non forniscono nessuna certezza (Filosofia) e spesso mi sono trovato a invidiare la saldezza dei matematici; è davvero così? La matematica dà certezze e non porta a dubbi e domande continue?
Cosa ne pensate?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
comp_xt



Messaggi : 924
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: La matematica dà certezze?   Dom Feb 14, 2016 4:29 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
comp_xt ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
comp_xt ha scritto:
 Il risultato è quella melma insipida, politicamente corretta e culturalmente inutile che hai ben descritto.

E quindi la mia domanda resta: CHE CE LA TENIAMO A FARE??????

Io credo che l'insegnamento della religione, se fatto in maniera seria, sarebbe assai utile.

Mi faresti un esempio concreto di tale utilità?

Qual venne a Climenè, per accertarsi
di ciò ch’avëa incontro a sé udito,
quei ch’ancor fa li padri ai figli scarsi ;
tal era io, e tal era sentito
e da Beatrice e da la santa lampa
che pria per me avea mutato sito .
Per che mia donna “Manda fuor la vampa
del tuo disio”, mi disse, “sì ch’ella esca
segnata bene de la interna stampa:
non perché nostra conoscenza cresca
per tuo parlare, ma perché t’ausi
a dir la sete , sì che l’uom ti mesca”.
“O cara piota mia che sì t’insusi,
che, come veggion le terrene menti
non capere in trïangol due ottusi,
così vedi le cose contingenti
anzi che sieno in sé, mirando il punto
a cui tutti li tempi son presenti;
mentre ch’io era a Virgilio congiunto
su per lo monte che l’anime cura
e discendendo nel mondo defunto,
dette mi fuor di mia vita futura
parole gravi , avvegna ch’io mi senta
ben tetragono ai colpi di ventura;
per che la voglia mia saria contenta
d’intender qual fortuna mi s’appressa:
ché saetta previsa vien più lenta ".
Così diss’ io a quella luce stessa
che pria m’avea parlato; e come volle
Beatrice, fu la mia voglia confessa.
Né per ambage , in che la gente folle
già s’inviscava pria che fosse anciso
l’Agnel di Dio che le peccata tolle ,
ma per chiare parole e con preciso
latin rispuose quell’ amor paterno,
chiuso e parvente del suo proprio riso :
“La contingenza, che fuor del quaderno
de la vostra matera non si stende,
tutta è dipinta nel cospetto etterno ;
necessità però quindi non prende
se non come dal viso in che si specchia
nave che per torrente giù discende .
Da indi, sì come viene ad orecchia
dolce armonia da organo, mi viene
a vista il tempo che ti s’apparecchia.
Qual si partio Ipolito d’Atene
per la spietata e perfida noverca,
tal di Fiorenza partir ti convene.
Questo si vuole e questo già si cerca,
e tosto verrà fatto a chi ciò pensa
là dove Cristo tutto dì si merca .
La colpa seguirà la parte offensa
in grido, come suol; ma la vendetta
fia testimonio al ver che la dispensa.
Tu lascerai ogne cosa diletta
più caramente; e questo è quello strale
che l’arco de lo essilio pria saetta.
Tu proverai sì come sa di sale
lo pane altrui, e come è duro calle
lo scendere e 'l salir per l'altrui scale .
E quel che più ti graverà le spalle,
sarà la compagnia malvagia e scempia
con la qual tu cadrai in questa valle;


Letteratura? Teologia? Storia? Matematica?

O forse un po' di tutto. Sicuramente non è possibile comprendere pienamente questi versi senza avere chiaro alcuni aspetti della teologia cristiana.
E lo stesso credo possa dirsi per la storia, la filosofia, l'arte, l'architettura.

Se l'insegnamento della religione fosse fatto in maniera seria, gli altri insegnanti dovrebbero solo richiamare certi concetti, mentre oggi si trovano nella situazione di doverli spiegare da zero.

Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: La matematica dà certezze?   Dom Feb 14, 2016 5:06 pm

Hoffnung.ho lavorato a torino per Opel.all epoca comunicavo in inglese.ricordo che andammo con un dirigente tedesco a mangiare sotto la sacra di San Michele,val susa.ordinò carne di maiale e fu la prima parola che imparai..
la germania,già solo per audi,Mercedes,Bosch è la mecca di un ingegnere..sto studiando tedesco da quasi due anni..se lo apprezzo? È un bagno di sangue......Troppe
regole,anzi troppo.poche e troppe eccezioni..

Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: La matematica dà certezze?   Dom Feb 14, 2016 5:15 pm

Citazione :
Se l'insegnamento della religione fosse fatto in maniera seria, gli altri insegnanti dovrebbero solo richiamare certi concetti, mentre oggi si trovano nella situazione di doverli spiegare da zero.

Scusa un attimo, eh: ma per laurearsi in lettere o in filosofia, e per abilitarsi all'insegnamento della letteratura italiana, o della storia, o della filosofia, nelle scuole statali... è obbligatorio aver seguito un corso di religione cattolica tenuto da docenti manovrati dalle curie vescovili?

A me non risulta proprio.

Magari c'è qualcuno che ha seguito (per scelta) qualche corso di storia del cristianesimo o di storia delle religioni... ma non mi risulta che sia obbligatorio, e soprattutto non mi risulta che tali corsi siano tenuti da docenti abilitati dal vescovo ma piazzati nei ranghi dello stato.

Quindi, perché mai a un ragazzino di 15 anni, "per capire la Divina Commedia" o "per capire l'arte di Giotto" dovrebbe essere assolutamente necessario aver seguito un corso di indottrinamento clericale sulla religione cattolica, mentre a un adulto che studia quegli argomenti a livello professionale e che si abilita come insegnante, invece no?

L.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15790
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La matematica dà certezze?   Dom Feb 14, 2016 5:40 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
comp_xt ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
comp_xt ha scritto:
 Il risultato è quella melma insipida, politicamente corretta e culturalmente inutile che hai ben descritto.

E quindi la mia domanda resta: CHE CE LA TENIAMO A FARE??????

Io credo che l'insegnamento della religione, se fatto in maniera seria, sarebbe assai utile.

Mi faresti un esempio concreto di tale utilità?
Bastard mode on

Se la conosci la eviti; conoscerla sarebbe utilissimo.

Bastard mode off
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15790
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: La matematica dà certezze?   Dom Feb 14, 2016 5:44 pm

comp_xt ha scritto:
Sicuramente non è possibile comprendere pienamente questi versi senza avere chiaro alcuni aspetti della teologia cristiana.
Sigh, pur avendo chiari quasi tutti gli aspetti della teologia cristiana questi versi mi creano non pochi problemi di comprensione; ma è un mio limite, lo riconosco.
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
La matematica dà certezze?
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Matematica & humor
» La matematica e la realtà: solo illusioni?
» Ingegneria Matematica
» A048....è matematica ma per quali istituti?
» Giorgio de Chirico, pubblicato il secondo volume del Catalogo Generale; opere dal 1910 al 1975; grossi dubbi e poche certezze.

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: