Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 5:35 pm

Per iniziare cito l'art. 3 comma 3 dell'allegato al CCNL 1998-2001 in attuazione della Legge 146 del 1990

Citazione :

3. In occasione di ogni sciopero, i dirigenti scolastici inviteranno in forma scritta il personale a rendere comunicazione volontaria circa l’adesione allo sciopero entro il decimo giorno dalla comunicazione della proclamazione dello sciopero oppure entro il quinto, qualora lo sciopero sia proclamato per più comparti.
Decorso tale termine, sulla base dei dati conoscitivi disponibili i dirigenti scolastici valuteranno l'entità della riduzione del servizio scolastico e, almeno cinque giorni prima dell'effettuazione dello sciopero, comunicheranno le modalità di funzionamento o la sospensione del servizio alle famiglie, nonché al dirigente dell’ufficio territoriale competente.
L'astensione individuale dallo sciopero, che eventualmente segua la comunicazione dell’astensione dal lavoro, equivale ad un'offerta tardiva di prestazione di lavoro legittimamente rifiutabile dal dirigente scolastico o dal dirigente dell’ufficio territoriale competente.

Veniamo al dunque.
Oggi, una collega (X) ha aderito allo sciopero (almeno, così si pensa, data la sua assenza). Io e un altro collega (Y), che avevamo la sesta ora (dalle 13 alle 14) in due classi, avevamo anche un'ora buca nel corso della mattinata, in perfetta coincidenza con l'ora che la collega X avrebbe svolto nelle classi in cui, rispettivamente, io e Y avevamo la sesta ora.

È noto a tutti che i collaboratori scolastici sono più sagaci di noi insegnanti, perciò ci hanno chiesto se potevamo anticipare le nostre ore in occasione dell'ora buca, in modo da mandare via gli studenti all'una. [A margine: nella scuola in questione, l'uscita anticipata forzata è gestita in modo leggero: gli studenti comunicano via telefono alle rispettive famiglie l'uscita anticipata e chi s'è visto s'è visto].

Ho detto che secondo me non c'erano problemi, dal momento che si trattava di un'articolazione dell'orario che comunque non era lesiva del diritto di sciopero. Infatti - a mio modesto parere - non si effettuava alcuna sostituzione dello scioperante.

Un'altra collega (W), giustamente, ha espresso delle perplessità dicendo "come funziona, decide il docente anziano?". Io: no, non decide nessuno, nel dubbio consultiamo il DS. A mio parere si può fare, ma non sono io a dover decidere. Ad un primo approccio, il DS, consultato telefonicamente, ha dato l'OK.

Più tardi, le collaboratrici scolastiche mi comunicano una direttiva un po' strana e mi informano di chiedere ad un altro collega (Z) che aveva chiesto informazioni al direttore del plesso (J) [suo giorno libero, consultato via telefono]. Ebbene, secondo le direttive del direttore, io avrei dovuto anticipare l'ora ma senza firmare sul registro elettronico, in quanto sarebbe stata "sostituzione di scioperante" - lasciare andare via gli studenti alle 13, e poi firmare la mia ora dalle 13 alle 14.

A quel punto ho detto "fermi tutti!". Questa cosa alla carlona non s'ha da fare. Se anticipo firmo, altrimenti non anticipo una benemerita mazza, gli studenti restano alla sesta ora sotto la mia responsabilità.

E giù un tormentone di telefonate, discussione con il collega Z, discussione telefonica con il direttore (un carissimo collega che conosco da oltre 20 anni, con cui c'è reciproca stima ma, talvolta, un rapporto un po' "dialettico") con divergenze sull'interpretazione della "sostituzione". In sostanza, secondo lui era sostituzione di scioperante, secondo me era articolazione con riduzione di orario senza sostituzione. Alla fine ho detto che in assenza di una disposizione del DS io avrei fatto la sesta ora senza mandare via gli studenti.

Più tardi, finalmente, arrivano le nuove direttive del DS: nessuna anticipazione di orario, le classi interessante avrebbero fatto un'ora buca, e ciascuno avrebbe fatto il suo orario come di consueto. A quel punto, la cosa mi andava benissimo. Per me non era un problema fare la sesta ora, mentre lo sarebbe stato, in linea di principio, essere responsabile di una classe che usciva anticipatamente perché ufficialmente non potevo firmare la quarta ora in quanto formalmente sarebbe risultata una sostituzione di scioperante. Naturalmente il mio puntare i piedi ha comportato l'uscita posticipata di un'ora di 4 colleghi (compreso me) tutti nello stesso turno macchina. Il che ha implicato tornare a casa alle 15.00 invece che alle 14.00.
Nulla di tragico, per carità, confrontandoci e scambiandoci le reciproche opinioni, io ho asserito che le cose vanno fatte in modo ortodosso, altrimenti non si fanno per niente.

Per me, resta un solo dubbio: quell'ora si poteva anticipare? Fermo restando che la competenza della decisione di un'articolazione differente dell'orario è sempre e solo del DS, a mio parere sì, ma gradirei un'opinione da altre persone.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 5:46 pm

Opinione ? Sì

Di sicuro non si poteva fare il falso in atto pubblico che auspicava il tuo collega.

Comunque, lo sciopero è fatto per rompere i coglioni all'utenza, il tuo collega ha rotto i coglioni all'utenza, ergo il tuo collega ha fatto bene.
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 997
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 6:22 pm

Anche secondo me l'ora si poteva anticipare.

D'altra parte quando il DS ha sentore che lo sciopero sarà consistente, convoca tutti i docenti alle 8.00. Tutti i docenti fanno il numero di ore della giornata a partire dalle 8. Hai 3 ore? Finisci alle 11. Ne hai 5? Finisci alle 13.

La cosa che assolutamente non si deve fare è la falsa firma alla sesta ora.

Da noi, ogni volta che viene proclamato uno sciopero, il DS fa una circolare nella quale afferma che l'orario potrà subire modifiche o riduzioni. La si fa firmare alle famiglie e, se la classe termina prima, i ragazzi escono senza ulteriori giri di telefonate.

Quello che non si può e non si deve fare sono ore aggiuntive per coprire i docenti in sciopero.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 7:23 pm

@melia ha scritto:
Quello che non si può e non si deve fare sono ore aggiuntive per coprire i docenti in sciopero.

E questo mi pare sia indiscutibile.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 9:11 pm

Anche da noi è così. In odore di sciopero passa una circolare che dice... "Blablabla... Non è garantito il regolare svolgimento delle lezioni".
Io ritengo che farti stare in classe stile fantasma senza firmare l'ora per firmare l'ora successiva è follia pura!! Ma poi che senso aveva? Se qualcuno si faceva male nell'ora buca finta chi ne rispondeva? Te, che di fatto non avresti dovuto essere lì non avendo manco firmato? Oppure chi? E poi, secondo il DS potevi firmare la 6 ora e andare via? E se alle 13.15 arrivava un controllo? O succedeva qualcosa e non eri in servizio? Cose da matti!
Cmq io ritengo che lo sciopero deve arrecare un disagio; sostituzione in quell'ora equivaleva a risolvere il disagio. Quindi a mio parere è andata bene così: disagio per gli alunni e (purtroppo) per i colleghi non scioperanti.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 9:25 pm

@melia ha scritto:
Anche secondo me l'ora si poteva anticipare.

D'altra parte quando il DS ha sentore che lo sciopero sarà consistente, convoca tutti i docenti alle 8.00.

Scusate se insisto, ma ribadisco che a me non è MAI successo in assoluto di vedere una convocazione del genere.
Nemmeno nello sciopero del maggio scorso, o altra roba massiccia similare.

L.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 9:45 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
@melia ha scritto:
Anche secondo me l'ora si poteva anticipare.

D'altra parte quando il DS ha sentore che lo sciopero sarà consistente, convoca tutti i docenti alle 8.00.

Scusate se insisto, ma ribadisco che a me non è MAI successo in assoluto di vedere una convocazione del genere.
Nemmeno nello sciopero del maggio scorso, o altra roba massiccia similare.

L.

La normativa dice quello, per quanto ne so. Che poi il tuo DS non lo faccia per non stare ancora di più sugli zebedei dei tuoi colleghi, è un altro paio di maniche.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 9:54 pm

Cioè, la normativa OBBBLIGA i presidi a convocare tutti i non-scioperanti alla prima ora?

E allora come si spiega che io non l'abbia MAI vista, 'sta convocazione, in nessuna scuola e con nessun preside? Non sto mica parlando del capriccio personale di un solo dirigente, sto parlando di 15 anni di insegnamento in due province diverse e con almeno 6 o 7 dirigenti diversi.

Al massimo la normativa CONSENTE al preside di farlo, ma non mi risuta che lo obblighi

Evidentemente io ho sempre incontrato solo presidi che non consideravano opportuno farlo, che ci posso fare?

L.
Tornare in alto Andare in basso
kirserk



Messaggi : 148
Data d'iscrizione : 12.06.11

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:05 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
@melia ha scritto:
Anche secondo me l'ora si poteva anticipare.

D'altra parte quando il DS ha sentore che lo sciopero sarà consistente, convoca tutti i docenti alle 8.00.

Scusate se insisto, ma ribadisco che a me non è MAI successo in assoluto di vedere una convocazione del genere.
Nemmeno nello sciopero del maggio scorso, o altra roba massiccia similare.

L.

A me sì, anche se ormai 9 anni fa e l'ho visto fare solo là, in Veneto, dove ho lavorato in quell'anno e solo quell'anno; mi spiegarono che la cosa era possibile grazie ad un accordo con i sindacati locali; me lo ricordo bene, perché per me sarebbe stato davvero problematico arrivare alle 8 venendo da molto lontano in treno (e per fortuna la vicepreside mi disse che avrebbe chiuso un occhio e di arrivare alle 8.40 come al solito).

Al momento, in Emilia-Romagna, vedo invece che in certe scuole (superiori) se c'è un'ora buca per sciopero [successiva alla prima ora], lasciano i ragazzi a scuola, da soli, in attesa delle ore successive, in altre invece li mandano a casa non appena c'è un'interruzione nell'orario dovuta allo sciopero. In quasi tutte le scuole però non fanno entrare i ragazzi se il docente della prima ora è scioperante.

Ciò a conferma che in questo paese ogni scuola pare un regno a sé stante... mah.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:22 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Cioè, la normativa OBBBLIGA i presidi a convocare tutti i non-scioperanti alla prima ora?

E allora come si spiega che io non l'abbia MAI vista, 'sta convocazione, in nessuna scuola e con nessun preside? Non sto mica parlando del capriccio personale di un solo dirigente, sto parlando di 15 anni di insegnamento in due province diverse e con almeno 6 o 7 dirigenti diversi.

Al massimo la normativa CONSENTE al preside di farlo, ma non mi risuta che lo obblighi

Evidentemente io ho sempre incontrato solo presidi che non consideravano opportuno farlo, che ci posso fare?

L.

Non avevo capito che il punto che sollevavi era la distinzione tra obbligo e facoltà. Non so come siano le cose, perchè con il vecchio DS c'era un accordo non scritto: noi comunicavamo se scioperavamo, lui non ci convocava alle 8. Credo sia un obbligo, dal momento che non può prevedere quanto personale verrà a mancare alle 8 per la sorveglianza.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:29 pm

Veramente io non intendevo parlare di convocazioni coatte alle 8 del mattino. Chiedevo se l'anticipazione dell'ora di lezione senza modificare il monte ore complessivo dei non scioperanti si possa reputare lecita o non.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:35 pm

Giancarlo Dessì ha scritto:
Veramente io non intendevo parlare di convocazioni coatte alle 8 del mattino. Chiedevo se l'anticipazione dell'ora di lezione senza modificare il monte ore complessivo dei non scioperanti si possa reputare lecita o non.

Lo sai che il tema originale dura non più di 2 pagine.

Secondo me, si può anticipare. Sempre che nell'istituto sia previsto che si possa anticipare e fare uscire prima gli alunni senza avere avvisato il giorno precedente.

Però se mi chiedo un appiglio legal-normativo, non ne ho.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:39 pm

mac67 ha scritto:
Non avevo capito che il punto che sollevavi era la distinzione tra obbligo e facoltà. Non so come siano le cose, perchè con il vecchio DS c'era un accordo non scritto: noi comunicavamo se scioperavamo, lui non ci convocava alle 8. Credo sia un obbligo, dal momento che non può prevedere quanto personale verrà a mancare alle 8 per la sorveglianza.

E io invece, pur non avendo informazioni sicure da sbandierare come certezza, sostengo che sia piuttosto improbabile che "sia un obbligo", visto che non mi è MAI capitato nessun preside che lo facesse, tutto lì.

TUTTE le sante volte che non ho scioperato, senza eccezione (sia che si trattasse di uno sciopero significativo... sia che si trattasse di un simbolico scioperello insignificante di quelli che non fa nessuno, e che tutti sanno che non li farà nessuno), sono regolarmente entrata al mio orario previsto e nessuno mi ha mai chiesto nulla di diverso.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:42 pm

mac67 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:
Cioè, la normativa OBBBLIGA i presidi a convocare tutti i non-scioperanti alla prima ora?

E allora come si spiega che io non l'abbia MAI vista, 'sta convocazione, in nessuna scuola e con nessun preside? Non sto mica parlando del capriccio personale di un solo dirigente, sto parlando di 15 anni di insegnamento in due province diverse e con almeno 6 o 7 dirigenti diversi.

Al massimo la normativa CONSENTE al preside di farlo, ma non mi risuta che lo obblighi

Evidentemente io ho sempre incontrato solo presidi che non consideravano opportuno farlo, che ci posso fare?

L.

Non avevo capito che il punto che sollevavi era la distinzione tra obbligo e facoltà. Non so come siano le cose, perchè con il vecchio DS c'era un accordo non scritto: noi comunicavamo se scioperavamo, lui non ci convocava alle 8. Credo sia un obbligo, dal momento che non può prevedere quanto personale verrà a mancare alle 8 per la sorveglianza.

L'obbligo consiste nel rispetto di una procedura finalizzata a garantire i servizi essenziali. Consiglio di leggere l'allegato al CCNL 1998-2001.

In sostanza, il DS deve seguire una procedura di precettazione formale del personale ATA,, con un congruo anticipo (5 giorni prima dello sciopero) perché il personale precettato ha facoltà di dichiarare che aderirà allo sciopero, al fine di garantire i servizi indispensabili.

La convocazione alle 8 del mattino dei non aderenti è una forzatura della normativa oppure è derivata, in qualche contesto territoriale, da accordi con le organizzazioni sindacali. Peraltro, che io sappia, si applica per lo più in scuole primarie e istituti comprensivi.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:46 pm

mac67 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
Veramente io non intendevo parlare di convocazioni coatte alle 8 del mattino. Chiedevo se l'anticipazione dell'ora di lezione senza modificare il monte ore complessivo dei non scioperanti si possa reputare lecita o non.

Lo sai che il tema originale dura non più di 2 pagine.
Ah ah!
Touchè. Io sono il primo, in genere, a svicolare dal discorso :-D

Citazione :
Secondo me, si può anticipare. Sempre che nell'istituto sia previsto che si possa anticipare e fare uscire prima gli alunni senza avere avvisato il giorno precedente.

Però se mi chiedo un appiglio legal-normativo, non ne ho.
Purtroppo, che io sappia, non c'è un appiglio normativo, a parte il documento che ho citato (l'allegato al CCNL 1998-2001). Il mio dubbio risiede proprio nell'interpretazione di quel "riduzione del servizio",
Tornare in alto Andare in basso
kirserk



Messaggi : 148
Data d'iscrizione : 12.06.11

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:52 pm

qua c'è un esempio di circolare con convocazione alle 8 per tutti i non scioperanti

http://www.liceistefanini.it/web/news_notizia.asp?NewsID=2280

la preside è la stessa del 2007...

Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 10:53 pm

È una questione abbastanza complicata, a mio parere.
Lo sciopero nasce per arrecare disagio. Messa così, arreca disagio solo l'assenza dei collaboratori scolastici all'apertura della scuola, se non ci sono la scuola non si apre. Se è plausibile sostituire lo scioperante, pur non modificando il monte ore complessivo dei non scioperanti, il disagio arrecato quale sarebbe? L'uscita anticipata degli studenti e del prof, nel caso particolare di Giancarlo.
Se poi il pomeriggio c'è cdc che si fa? Si nomina un sostituto? E il collega scioperante sarebbe assente giustificato oppure no?
E se invece nel pomeriggio c'è uno scrutinio, che richiede il consiglio perfetto? In questo caso verrebbe rinviato no? E quindi in questo caso ci sarebbe il disagio.
Facoltà di poter decidere su uscita anticipata vuol dire, se ci sono le condizioni, poter risolvere la situazione di disagio. In questo caso la collega scioperante di Giancarlo, se veniva sostituita da lui essendoci l'incastro giusto, e la classe usciva prima, non ha creato alcun disagio e ha bruciato 50 euro: cornuta e mazziata!
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Lun Feb 15, 2016 11:18 pm

Romado72 ha scritto:
È una questione abbastanza complicata, a mio parere.
Lo sciopero nasce per arrecare disagio. Messa così, arreca disagio solo l'assenza dei collaboratori scolastici all'apertura della scuola, se non ci sono la scuola non si apre. Se è plausibile sostituire lo scioperante, pur non modificando il monte ore complessivo dei non scioperanti, il disagio arrecato quale sarebbe? L'uscita anticipata degli studenti e del prof, nel caso particolare di Giancarlo.
Se poi il pomeriggio c'è cdc che si fa? Si nomina un sostituto? E il collega scioperante sarebbe assente giustificato oppure no?
E se invece nel pomeriggio c'è uno scrutinio, che richiede il consiglio perfetto? In questo caso verrebbe rinviato no? E quindi in questo caso ci sarebbe il disagio.
Facoltà di poter decidere su uscita anticipata vuol dire, se ci sono le condizioni, poter risolvere la situazione di disagio. In questo caso la collega scioperante di Giancarlo, se veniva sostituita da lui essendoci l'incastro giusto, e la classe usciva prima,  non ha creato alcun disagio e ha bruciato 50 euro: cornuta e mazziata!

Lo sciopero non è nato per arrecare disagio, bensì come arma di pressione che, attraverso un danno economico arrecato al datore di lavoro, lo riconduce ad un confronto più bilanciato. L'estensione dello sciopero a settori di pubblica utilità sfrutta come deterrente il disagio arrecato all'utenza del servizio pubblico. Ma non era questo l'obiettivo di chi ha ideato e promosso lo sciopero.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Mar Feb 16, 2016 9:08 am

Certo, ma anche il danno economico al datore di lavoro costituisce comunque una forma di disagio.
Non so come funzioni negli altri settori pubblici, ma in quello scolastico intanto l'esercitazione del diritto di sciopero viene riconosciuta, ma dietro pagamento di un dazio, visto che ci decurtano un po' di euro. E per quello che vedo, purtroppo, oltre ad arrecare disagio alle famiglie, soprattutto negli istituti comprensivi (ogni sciopero-preventivamente comunicato dalle maestre-a scuola di mio figlio piccolo=pagamento extra babysitter), e un'amena mattinata di cazzeggio agli studenti delle superiori, non portano a nulla, nè al confronto, nè allo scontro. Vedasi risultati ottenuti con lo scioperone di maggio: 107 era e 107 è stata, e tanti soldini indietro allo Stato.

Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Mar Feb 16, 2016 9:33 am

Romado72 ha scritto:
Certo, ma anche il danno economico al datore di lavoro costituisce comunque una forma di disagio.
Non so come funzioni negli altri settori pubblici, ma in quello scolastico intanto l'esercitazione del diritto di sciopero viene riconosciuta, ma dietro pagamento di un dazio, visto che ci decurtano un po' di euro. E per quello che vedo, purtroppo, oltre ad arrecare disagio alle famiglie, soprattutto negli istituti comprensivi (ogni sciopero-preventivamente comunicato dalle maestre-a scuola di mio figlio piccolo=pagamento extra babysitter), e un'amena mattinata di cazzeggio agli studenti delle superiori, non portano a nulla, nè al confronto, nè allo scontro. Vedasi risultati ottenuti con lo scioperone di maggio: 107 era e 107 è stata, e tanti soldini indietro allo Stato.

La pressione consiste proprio nel danno economico provocato al datore di lavoro. Il caso della scuola è particolare perché la singola giornata di sciopero non provoca un danno economico allo Stato (in qualità di datore di lavoro) bensì un disagio esclusivamente a chi fruisce del servizio. Esattamente come succede per altri servizi di pubblica utilità.
Quando ho detto che lo sciopero non è nato per creare disagio, mi riferivo proprio a questo aspetto. Lo sciopero è stato concepito in altri tempi come forma di lotta, ma non credo che l'obiettivo di chi l'ha concepito fosse quello di creare disagio alla popolazione, bensì quello di elevare lo stato benessere della popolazione. Perché i lavoratori sono parte integrante della popolazione.
Con il passare del tempo, si è persa un po' questo valore dello sciopero e la forma di lotta si è trasformata in una sorta di ricatto sociale, soprattutto nel settore dei pubblici servizi, dove il datore di lavoro ha una particolare configurazione e un differente obiettivo. Ecco che allora lo sciopero utilizza come deterrente il disagio alla popolazione.

È giusto? non lo so e non lo voglio sapere, però quando sciopero non vedo come controparte per la mia rivalsa gli studenti o le famiglie. La mia controparte è il datore di lavoro, ovvero il governo e il ministero. So che il mio sciopero serve a poco, infatti mi limito a scioperare solo in quei casi in cui la mia astensione ha un valore simbolico sotto l'aspetto politico. Come nel caso dello sciopero del 5 maggio o in occasione della somministrazione dei test invalsi.

A margine: la ritenuta del salario in occasione di uno sciopero si applica in tutti gli ambiti di lavoro, non solo nella scuola.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Mar Feb 16, 2016 2:42 pm

Ah bene, non ero a conoscenza di quest'ultimo aspetto. Per quanto mi riguarda, non credo da tempo allo sciopero come forma di protesta. Ho scioperato una sola volta nella mia carriera da precaria, e forse proprio il primo anno in cui ho insegnato.
Non ho aderito neanche allo sciopero di maggio a dire il vero, ed ex post ho constatato che scioperare non è servito a nulla. Nel mio piccolo, cone ho già detto, ho preferito incrociare le braccia davanti al pc in occasione della "lotteria italia", e neanche questo ovviamente è servito.
Ma purtroppo in Italia chi ci governa è sordo e cieco alle espressioni di protesta,che in una democrazia si concretizzano nelle "armi bianche"degli scioperi, e semplicemente impongono quello che ritengono giusto. E quindi mi sono rassegnata e non sciopero; con questi non si riesce a cavare un ragno dal buco
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 997
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)   Mar Feb 16, 2016 5:54 pm

Nei miei 30 anni di insegnamento è capitato 2 volte di avere la convocazione alle 8, a distanza di alcuni anni, con presidi diversi e scuole diverse. La prima volta sono andata ed è stato un gran caos, la seconda volta ho scioperato anch'io.
Tornare in alto Andare in basso
 
Apro un nuovo tormentone sulla gestione degli scioperi (per esperti)
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Gandhi e le donne
» Medicinali che alterano liquido seminale
» N.11/LEG XXI/1458 -Approvato Nuovo regolamento sulla Marina Mercantile
» Tese e vitalità degli spermatozoi
» Richiesta abilitazione - Problematiche degli Onicotecnici

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: