Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
AutoreMessaggio
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 12:10 pm

Le parole della mia DS in collegio docenti:

"Abbiamo solo il 12 % di eccellenze".

Si discuteva degli scarsi risultati degli studenti nella nostra scuola e velatamente degli scarsi risultati dei nostri ex studenti nella vita; si diceva che gli insegnanti non possono pensare che il loro lavoro sia da centrare su questa sparuta minoranza, che costoro non necessitano neanche di insegnanti, il lavoro deve essere includere l'88%.

E' evidente che il 12 % è la parte di studenti che non ha insufficienze, che abbia tutti 6 (presi con i recuperi e con gli obiettivi ribassati) o che abbia tutti 10 non importa, sono sufficienti e quindi sono eccellenze.

La domanda è: ma sono io che ho sempre frainteso il significato di eccellenza o veramente il legislatore quando usa quel termine intende indicare nulla più che i sani di mente ?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 12:35 pm

Ma a mio avviso tale affermazione sarebbe comunque ridicola, generale, anche se per "eccellenze" si intendessero correttamente solo le eccellenze VERE.

Voglio dire, ma andiamo, che cosa significa "eccellenza"? Significa il segmento superiore del campione, ossia quel gruppo che non solo ottiene risultati buoni, ma che ottiene risultati nettamente migliori rispetto alla media degli altri.

E allora mi pare OVVIO che, in qualunque distribuzione statistica, le eccellenze siano poche.

Cosa ci si aspetterebbe, una scuola di TUTTE eccellenze?
E allora sarebbero eccellenze rispetto a chi?

Dal punto di vista logico, questa fa il paio con la storica esternazione del sottosegretario Faraone, secondo cui un concorso in cui passa uno su 3 è più severo di quello in cui passa uno su 30.

O con il mantra ripetuto all'infinito secondo cui "i DSA hanno intelligenza superiore alla media", solo perché si è deciso che quelli che hanno gli stessi identici problemi di lettura e scrittura dei DSA, ma che hanno anche il quoziente intellettivo basso, quelli non si possono chiamare DSA...


Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 12:52 pm

Il concetto,già sentito da un ds con cui ebbi un alterco, che 'i bravi vanno avanti da soli,chi se ne frega, sono cavoli loro se studiano,che si pensi a recuperare i poveri bisognosi fannulloni', è follia e dovreste cancellarlo dalle vostre menti di insegnanti sani di mente.
Cmq si,le 'eccellenze'di oggi sono quelli che fino a Vent anni fa avevano il 7...


Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 930
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 2:22 pm

Felipeto ha scritto:
Il concetto,già sentito da un ds con cui ebbi un alterco, che 'i bravi vanno avanti da soli,chi se ne frega, sono cavoli loro se studiano,che si pensi a recuperare i poveri bisognosi fannulloni', è follia e dovreste cancellarlo dalle vostre menti di insegnanti sani di mente.
Cmq si,le 'eccellenze'di oggi sono quelli che fino a Vent anni fa avevano il 7...


Dietro la storiella che i bravi vanno avanti da soli c'è l'idea sballata chi chi ritiene che il docente debba essere un "facilitatore" e un "motivatore". Lo studente fornito di buone basi, dotato di spiccata intelligenza e motivato allo studio non avrebbe quindi bisogno del docente.
A questi cialtroni non entra proprio in testa che il docente è un professionista che insegna e che la relazione fra insegnante e allievo non può mai essere simmetrica per il semplice fatto che il docente ha alle spalle una esperienza didattica e di studi che l'alunno ancora non ha.
In futuro l'allievo potrà anche superare il docente, prima no (salvo casi di particolare genialità, che però in tutto il mondo si contano sulle dita di una mano).
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1784
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 2:30 pm

Se davvero si parla di alunni che non hanno insufficienze, l'affermazione giusta per descrivere la situazione sarebbe stata "abbiamo solo il 12% di SUFFICIENZE" !!!
E se le cose stanno davvero così, la situazione è davvero preoccupante... se solo il 12% della platea studentesca è in regola, probabilmente c'è qualcosa che non va.
Se invece per eccellenze si intende 7 o più, o la media del 7... allora è tutto normale...
Tornare in alto Andare in basso
Online
mariposita



Messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 14.10.09

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 2:43 pm

Io, davvero, sarei grata a chiunque sapesse spiegarmi il concetto di eccellenza.
Non penso si possa prescindere dai voti. Ma, mi chiedo, se nei compiti in classe stabilisco un range di voti fino al 10 per chi non commette alcun errore, quell'allievo è un eccellenza perché ha preso un 10? In fondo, ha fatto solo il suo dovere se è preparato su ciò che io ho spiegato o fatto fare. Non è che un'eccellenza è qualcosa di più, come, per es., uno studente capace  di approfondimenti personali, di cogliere relazioni e di pecorrere sentieri che non gli ho suggerito?
Voglio dire che il 10 io lo posso dare a chi è in grado di sorprendermi, non a chiunque, come invece suole farsi nella mia scuola. E poi mi sento dire dagli studenti: io non capisco proprio, perché se uno merita il 10 lei non deve darlo? Ma non so come spiegar loro che ai miei tempi il 10 non era un voto che si dava con tanta facilità. Per loro essere preparati a un'interrogazione o a un compito è un'impresa eroica.


Ultima modifica di mariposita il Ven Feb 19, 2016 2:54 pm, modificato 2 volte
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 2:48 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
E se le cose stanno davvero così, la situazione è davvero preoccupante... se solo il 12% della platea studentesca è in regola, probabilmente c'è qualcosa che non va.

Dicendo che "c'è qualcosa che non va" intendi che la scuola è troppo esigente, troppo selettiva, troppo rigida, che ha obiettivi troppo alti? Ma mi pare che il nostro testimone oculare diretto dica esattamente il contrario, ossia che i livelli minimi richiesti siano già straordinariamente bassi, e che le facilitazioni e gli aiutini siano già all'ordine del giorno!
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 930
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 2:52 pm

mariposita ha scritto:
Io, davvero, sarei grata a chiunque sapesse spiegarmi il concetto di eccellenza.
Non penso si possa prescindere dai voti. Ma, mi chiedo, se nei compiti in classe stabilisco un range di voti fino al 10 per chi non commette alcun errore, quell'allievo è un eccellenza perché ha preso un 10? In fondo, ha fatto solo il suo dovere se è preparato su ciò che io ho spiegato o fatto fare. Non è che un'eccellenza è qualcosa di più, come, per es., uno studente capace  di approfondimenti personali, di cogliere relazioni e di pecorrere sentieri che non gli ho suggerito?

Sono abbastanza d'accordo sulla definizione di "eccellenza" da te proposta.
Credo però che le verifiche debbano essere sempre tarate per far emergere l'eccellenza. È chiaro che se noi docenti predisponiamo prove di verifica con sole richieste standard questa non potrà mai emergere.
Ma le verifiche le prepariamo noi, mica i nostri studenti!
A mio parere è buona norma inserire sempre nelle verifiche delle richieste particolari che, pur essendo attinenti ai contenuti oggetto della prova, richiedano quel qualcosa in più che dovrebbe distinguere l'alunno semplicemente bravo e diligente da quello eccellente.
Tornare in alto Andare in basso
mariposita



Messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 14.10.09

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 2:57 pm

comp_xt ha scritto:
mariposita ha scritto:
Io, davvero, sarei grata a chiunque sapesse spiegarmi il concetto di eccellenza.
Non penso si possa prescindere dai voti. Ma, mi chiedo, se nei compiti in classe stabilisco un range di voti fino al 10 per chi non commette alcun errore, quell'allievo è un eccellenza perché ha preso un 10? In fondo, ha fatto solo il suo dovere se è preparato su ciò che io ho spiegato o fatto fare. Non è che un'eccellenza è qualcosa di più, come, per es., uno studente capace  di approfondimenti personali, di cogliere relazioni e di pecorrere sentieri che non gli ho suggerito?

Sono abbastanza d'accordo sulla definizione di "eccellenza" da te proposta.
Credo però che le verifiche debbano essere sempre tarate per far emergere l'eccellenza. È chiaro che se noi docenti predisponiamo prove di verifica con sole richieste standard questa non potrà mai emergere.
Ma le verifiche le prepariamo noi, mica i nostri studenti!
A mio parere è buona norma inserire sempre nelle verifiche delle richieste particolari che, pur essendo attinenti ai contenuti oggetto della prova, richiedano quel qualcosa in più che dovrebbe distinguere l'alunno semplicemente bravo e diligente da quello eccellente.
Hai ragione, e come! E' per questo che metto sempre quesiti a risposta aperta o prove di produzione nelle verifiche, cosa che altri insegnanti di lingue non fanno. Si tende sempre più a seguire modelli rigidi, soprattutto nello scritto e a me non va. Siccome è prassi consolidata nelle scuola in cui sono arrivata da poco, so già che mi scontrerò con qualcuno.


Ultima modifica di mariposita il Sab Feb 20, 2016 11:38 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
mariposita



Messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 14.10.09

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 2:59 pm

avidodinformazioni ha scritto:

La domanda è: ma sono io che ho sempre frainteso il significato di eccellenza o veramente il legislatore quando usa quel termine intende indicare nulla più che i sani di mente ?

Dipende anche da chi sia il legislatore...
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15808
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 3:06 pm

Paolo Santaniello ha scritto:
Se davvero si parla di alunni che non hanno insufficienze, l'affermazione giusta per descrivere la situazione sarebbe stata "abbiamo solo il 12% di SUFFICIENZE" !!!
E se le cose stanno davvero così, la situazione è davvero preoccupante... se solo il 12% della platea studentesca è in regola, probabilmente c'è qualcosa che non va.
Se invece per eccellenze si intende 7 o più, o la media del 7... allora è tutto normale...
La nostra scuola è ultima in classifica (eduscopio) tra le statali, nella nostra area e per il nostro ambito; siamo scuola di frontiera, da noi il 30 % dei ragazzi arriva dopo essere stato buttato fuori a calci in culo (o forse si dice riorientati) da scuole più blasonate.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4698
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 4:18 pm

mariposita ha scritto:
comp_xt ha scritto:
mariposita ha scritto:
Io, davvero, sarei grata a chiunque sapesse spiegarmi il concetto di eccellenza.
Non penso si possa prescindere dai voti. Ma, mi chiedo, se nei compiti in classe stabilisco un range di voti fino al 10 per chi non commette alcun errore, quell'allievo è un eccellenza perché ha preso un 10? In fondo, ha fatto solo il suo dovere se è preparato su ciò che io ho spiegato o fatto fare. Non è che un'eccellenza è qualcosa di più, come, per es., uno studente capace  di approfondimenti personali, di cogliere relazioni e di pecorrere sentieri che non gli ho suggerito?

Sono abbastanza d'accordo sulla definizione di "eccellenza" da te proposta.
Credo però che le verifiche debbano essere sempre tarate per far emergere l'eccellenza. È chiaro che se noi docenti predisponiamo prove di verifica con sole richieste standard questa non potrà mai emergere.
Ma le verifiche le prepariamo noi, mica i nostri studenti!
A mio parere è buona norma inserire sempre nelle verifiche delle richieste particolari che, pur essendo attinenti ai contenuti oggetto della prova, richiedano quel qualcosa in più che dovrebbe distinguere l'alunno semplicemente bravo e diligente da quello eccellente.
Hai ragione, e come! E' per questo che metto sempre questiti a risposta aperta o prove di produzione nelle verifiche, cosa che altri insegnanti di lingue non fanno. Si tende sempre più a seguire modelli rigidi, soprattutto nello scritto e a me non va. Siccome è prassi consolidata nelle scuola in cui sono arrivata da poco, so già che mi scontrerò con qualcuno.

Se spieghi ai tuoi alunni che ripetere ciò che altri hanno già detto o fatto non basta per il 10, ma che devono "uscire dal seminato" e produrre qualcosa di orginale per arrivarci, non vedo perché debba essere un problema, se sono in buona fede.

Io metto sempre, nelle mie verifiche, qualcosa di nuovo o insolito. Sanno tutto ciò che serve per rispondere o risolvere il quesito, ma non hanno mai avuto un esercizio simile prima. Non dovrebbe essere un fulmine a ciel sereno da quando nella certificazione delle competenze il livello avanzato è descritto come "svolge compiti e problemi complessi anche in situazioni non note".
Tornare in alto Andare in basso
AndreaOdi



Messaggi : 491
Data d'iscrizione : 31.07.12

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Ven Feb 19, 2016 9:33 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Le parole della mia DS in collegio docenti:

"Abbiamo solo il 12 % di eccellenze".

Io suggerirei alla DS di rivedere la definizione di "eccellenza". Il termine mi suggerisce "coda della gaussiana", che si concilia male con "solo il 12%".
Diciamo che già una eccellenza per classe mi sembrerebbe quasi troppo...

In ogni caso l'affermazione fatta dalla DS bene si concilia con l'attuale direzione che sembra, almeno in determinati casi, trasparire da alcuni suggerimenti provenienti dal MIUR e da alcuni "scienziati della formazione".
E cioè: didattica iper-personalizzata, risultato garantito per tutti (possibilmente senza sforzi e divertendosi un casino).
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1784
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 6:54 am

beh se i voti sono da 1 a 10, la definizione più logica è:
1-5 = insufficienza
6 = sufficienza (minimo per essere promosso)
7-10 = eccellenza
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 7:32 am

Per me l'eccellenza è il 10 e di alunni che valgano un 10 ce ne sono meno di uno per ogni classe, quindi meno del 5% della popolazione scolastica. Nelle mie valutazioni sulla singola prova il 10 è riservato a chi abbia approfondito l'argomento in maniera autonoma, riuscendo a fornire una interpretazione personale.

Sul quadrimestre il 10 è riservato a chi abbia studiato in maniera approfondita tutto l'anno, dimostrando allo stesso tempo costanza nello studio, curiosità, capacità di rielaborazione critica.

Purtroppo alle medie c'è una pressione generalizzata per portare a 10 i voti di ammissione all'esame di quei due, tre, a volte anche cinque o sei migliori della classe; spesso non si tratta di reali eccellenze ma solo di alunni costanti nello studio, che valgono "solo" un 8 o un 9.

Le verifiche per me devono sempre essere strutturate in modo da mettere in evidenza l'eccellenza, cercando allo stesso tempo di aiutare i deboli a raggiungere il sei. In questo senso io ho scelto di adottare solo verifiche a risposta aperta, nelle quali chi ha afferrato il concetto anche in maniera parziale o imprecisa può prendere un sei, e chi invece abbia deciso di approfondire e integrare le nozioni ha la libertà di esprimersi e di ottenere il massimo dei voti.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6156
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 8:03 am

ushikawa ha scritto:
Purtroppo alle medie c'è una pressione generalizzata per portare a 10 i voti di ammissione all'esame di quei due, tre, a volte anche cinque o sei migliori della classe; spesso non si tratta di reali eccellenze ma solo di alunni costanti nello studio, che valgono "solo" un 8 o un 9.

Ah, perché alle superiori no?

Anzi, la differenza è che alle medie ti fanno pressioni solo all'ultimo anno, alle superiori le stesse identiche pressioni cominciano a partire dalla terza, perché c'è di mezzo il calcolo formale dei crediti che vale per tutto il triennio. Chiunque sia "decentemente bravo", ma appunto non eccellente, viene immediatamente inquadrato come un possibile candidato al massimo dei voti all'esame finale due anni dopo, e "non vorremo mica essere così malvagi da scegliere deliberatamente di impedirglielo?"

E quindi, chiunque abbia 8 deve automaticamente passare al 9 o al 10, perché altrimenti non prende il credito massimo.

Come arma di minaccia e di senso di colpa vengono solitamente agitati quei (frequenti) casi in cui qualche ragazzo bravo mostra un autentico salto di maturità proprio all'ultimo anno, per cui arriva finalmente a risultati eccellenti veri, che però prima non aveva. Per cui, in terza e in quarta vaga onestamente tra il 7 e l'8, e non prende il massimo dei crediti, poi in quinta sboccia davvero e prende finalmente i 9 e i 10 veri con le proprie forze, e poi al'esame finale prende un voto molto alto ma non arriva al 100, oppure arriva anche al 100 con i punti di bonus, ma non può prendere la lode.

E tali esempi ci vengono buttati in faccia per anni da DS avidi di statistiche e da colleghi buonisti, su quanto dobbiamo sentirci in colpa per aver impedito tale traguardo a un ragazzo tanto promettente, non avendogli voluto gonfiare i voti due anni prima, quando invece "avremmo dovuto immaginarci fin da subito" che prima o poi sarebbe arrivato all'eccellenza.

Una telenovela, giuro.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 9:47 am

Ma infatti, come dici te, Paniscus, il problema alle superiori è proprio il sistema dei crediti, che fa schizzare in alto la media complessiva di ciascun alunno. Ho le p. piene di cdc terminali in cui si gioca sulla media degli alunni per farli saltare alla banda successiva, aumentando un punticino qui e lì. Il voto finale oggi è la sommatoria di quello che vali e di quello che non vali ma che ti serve per il credito. Giocoforza il voto finale è gonfiato, e molte di queste "eccellenze" si sgonfiano drammaticamente dopo il diploma, magari al primi test di accesso all'università, tramutandosi in "deficienze", fino a quando non capiscono che il mazzo che si devono fare per andare avanti è tanto-tanto, e quel 9, ad esempio, in matematica forse dietro si portava pure qualche lacunetta:):):)
Alla mia epoca una pagella con tutti 7 e qualche 8 era una super pagella, da "si piaggio" sotto casa. Oggi con una pagella così vieni considerato un alunno con valutazione "più che sufficiente".
Per farvi un esempio, mia figlia, che è una ragazzina liceale molto studiosa, qualche giorno fa mi comunica, incazzata nera, che la verifica di latino era andata maluccio... Voto: 7,5!!
Ai miei tempi sti voti erano da "eccellenza", e da festeggiamenti potenti al sabato sera successivo!!!
E qui mi fermo, perché poi dovremmo parlare anche di quei cdc di fine anno in cui alunni da bocciatura potente diventano alunni con qualche debito.. Perché poi se li bocciamo la classe si dimezza etcetcetc e quindi i 5 diventano 6, i 6 diventano 7 è così via allegramente discorrendo...
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 10:37 am

il sistema dei crediti è una solenne boiata, in qualsiasi ordine di istruzione: dicono che ce lo ha chiesto l'Europa. Mah.
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 930
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 1:55 pm

Non credo che la differenza col passato sia legata semplicemente alla scala utilizzata. Quella, se vogliamo dirla tutta, era uno stortura tutta italiana, in cui sulla carta si valutava in decimi ma nella pratica ci si fermava all'otto, utilizzando il nove solo a fine anno in casi davvero eccezionali.
Il tutto reggeva perché l'intero sistema era tarato su quella scala: con la media dell'otto si aveva l'esonero dalle tasse scolastiche, si poteva accedere alle borse di studio e in quinta si poteva aspirare al massimo dei voti.
All'università però non era così e prendere 30 era tutt'altro che impossibile, persino in un sistema molto più selettivo di quello attuale.

La differenza fra ciò che avveniva un tempo e ciò che avviene oggi è di altra natura: col vecchio esame ci si proponeva di valutare la maturità dello studente mentre con quello attuale bisognerebbe "misurare" le competenze.
Sia chiaro,oggi come ieri  qualsiasi valutazione si porta dietro una certa dose di discrezionalità e di aleatorietà, ma mentre un tempo si cercava a tradurre con un numero una serie le riflessioni di tipo culturale operate dalla commissione riguardo al grado di preparazione dell'alunno, secondo gli ideatori dell'attuale esame di stato la valutazione sarebbe un fatto oggettivo in quanto somma di numeri altrettanto oggettivi perché ottenuti applicando delle griglie strutturate secondo la triade conoscenze/competenze/abilità.
Al lato pratico questo si traduce in una rigidità che a lungo andare porta a quelle storture che sono state ben descritte negli interventi precedenti al mio.
Mentre un tempo la commissione poteva comunque premiare col massimo dei voti uno studente che nell'ultimo anno era passato da livelli più che discreti a livelli eccellenti (e sono casi che spesso capitano), oggi non può più perché il rigido e ottuso meccanismo dei crediti, delle bande e dei punteggi nelle prove d'esame non lo consente.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 2:27 pm

È proprio vero, su quest'ultimo punto soprattutto concordo in pieno.
Tornare in alto Andare in basso
mariposita



Messaggi : 1745
Data d'iscrizione : 14.10.09

MessaggioOggetto: Re: "Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"   Sab Feb 20, 2016 11:44 pm

ushikawa ha scritto:
Per me l'eccellenza è il 10 e di alunni che valgano un 10 ce ne sono meno di uno per ogni classe, quindi meno del 5% della popolazione scolastica. Nelle mie valutazioni sulla singola prova il 10 è riservato a chi abbia approfondito l'argomento in maniera autonoma, riuscendo a fornire una interpretazione personale.

Sul quadrimestre il 10 è riservato a chi abbia studiato in maniera approfondita tutto l'anno, dimostrando allo stesso tempo costanza nello studio, curiosità, capacità di rielaborazione critica.

Purtroppo alle medie c'è una pressione generalizzata per portare a 10 i voti di ammissione all'esame di quei due, tre, a volte anche cinque o sei migliori della classe; spesso non si tratta di reali eccellenze ma solo di alunni costanti nello studio, che valgono "solo" un 8 o un 9.

Le verifiche per me devono sempre essere strutturate in modo da mettere in evidenza l'eccellenza, cercando allo stesso tempo di aiutare i deboli a raggiungere il sei. In questo senso io ho scelto di adottare solo verifiche a risposta aperta, nelle quali chi ha afferrato il concetto anche in maniera parziale o imprecisa può prendere un sei, e chi invece abbia deciso di approfondire e integrare le nozioni ha la libertà di esprimersi e di ottenere il massimo dei voti.

Sono d'accordo con te. Io questa situazione la riscontro in un liceo, pensa, altro che medie!
Tornare in alto Andare in basso
 
"Abbiamo solo il 12 % di eccellenze"
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 1
 Argomenti simili
-
» Solo estetica
» vi aggiorno sulla mia prima eco-ho bisogno di voi
» 8 maggio .... festa della mamma e non solo ...
» fumo solo vapore
» non ho voglia di fare niente...solo di andare in vacanza

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: