Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Poteri dei genitori in consiglio di istituto

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
AutoreMessaggio
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Sab Feb 20, 2016 9:40 pm

Promemoria primo messaggio :

I rappresentanti dei genitori in consiglio di istituto chiedono di modificare l'orario delle lezioni per avere la settimana corta. I rappresentanti dei docenti sono contrari. I rappresentanti dei genitori dicono che, poiché rappresentano tutti i genitori, se la maggioranza dei rappresentanti dei genitori sceglie la settimana corta, noi docenti ci dobbiamo adeguare.
È vero? In base a quale articolo di quale normativa?
Com'è possibile che il nostro orario di lavoro venga stabilito dall'utenza?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
comp_xt



Messaggi : 924
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 11:52 am

paniscus_2.0 ha scritto:
A parte il fatto che non è obbligatorio schierarsi categoricamente a favore o contro, ma DOVE sarebbe che mi sono contraddetta?

Ushikawa ha detto che sarebbe autolesionistico distribuire 30 ore su sei giorni anziché su 5, cioè ha detto che la settimana corta è evidentemente sempre migliore e sempre più comoda per chiunque, e che solo un pazzo autolesionista potrebbe preferire la settimana con il sabato mattina impegnato. E io ho detto che non ero d'accordo con lui,, appunto, motivando il perché.

Avevo riscontrato un'apparente contraddizione nel tuo intervento perché avevo mentalmente invertito il 5 col 6 nell'intervento di ushikawa, finendo per stravolgerne il senso.
Tornare in alto Andare in basso
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 11:56 am

avidodinformazioni ha scritto:
Valerie ha scritto:
Mi sembra infatti assurdo che rappresentanti dei genitori e Ata, che pensano solo ad avere il weekend libero (NON NEGHIAMO NEMMENO QUESTO!!), possano avere più potere dei docenti che pensano a come istruire meglio gli alunni.
non ti eri accorta che siamo l'ultima ruota del carro ?
È proprio questo il nocciolo della questione!
Com'è possibile che il Consiglio di istituto possa proporre di sua iniziativa e imporre la settimana corta quando il collegio docenti non ha mai preso in considerazione questa cosa ed è contrario ad essa?
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15763
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 11:56 am

comp_xt ha scritto:
E invece cambia molto, perché fare matematica dalle 9.30 alle 10.30 o persino dalle 12.30 alle 13.30, non è la stessa cosa che farla dalle 13.30 alle 14.30.
Qualcuno le seste ore dovrà pur farle e non possiamo pretendere di rifilarle sempre ai colleghi di educazione fisica, disegno e religione.
Certo che no, ma se in sei ore ce ne sono due centrali di ginnastica vogliamo dire che hanno la mente stanca per fare matematica ? Se si inizia con un' ora di religione possiamo dire che stanno facendo 6 ore di cui l'ultima di storia ?

Una volta si facevano molte più ore settimanali ed i risultati erano migliori; chiedendo un dito in meno ottieni un braccio in meno.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15763
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 11:58 am

Valerie ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Valerie ha scritto:
Mi sembra infatti assurdo che rappresentanti dei genitori e Ata, che pensano solo ad avere il weekend libero (NON NEGHIAMO NEMMENO QUESTO!!), possano avere più potere dei docenti che pensano a come istruire meglio gli alunni.
non ti eri accorta che siamo l'ultima ruota del carro ?
È proprio questo il nocciolo della questione!
Com'è possibile che il Consiglio di istituto possa proporre di sua iniziativa e imporre la settimana corta quando il collegio docenti non ha mai preso in considerazione questa cosa ed è contrario ad essa?
Infatti secondo me non può
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 11:59 am

Valerie, l'hai visto questo?


o questo?





Ultima modifica di Ire il Dom Feb 21, 2016 12:02 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
Valerie



Messaggi : 4599
Data d'iscrizione : 11.09.10

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:00 pm

avidodinformazioni ha scritto:
Valerie ha scritto:
avidodinformazioni ha scritto:
Valerie ha scritto:
Mi sembra infatti assurdo che rappresentanti dei genitori e Ata, che pensano solo ad avere il weekend libero (NON NEGHIAMO NEMMENO QUESTO!!), possano avere più potere dei docenti che pensano a come istruire meglio gli alunni.
non ti eri accorta che siamo l'ultima ruota del carro ?
È proprio questo il nocciolo della questione!
Com'è possibile che il Consiglio di istituto possa proporre di sua iniziativa e imporre la settimana corta quando il collegio docenti non ha mai preso in considerazione questa cosa ed è contrario ad essa?
Infatti secondo me non può
Sto cercando un appiglio normativo che lo dimostri!
Tornare in alto Andare in basso
comp_xt



Messaggi : 924
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:04 pm

avidodinformazioni ha scritto:
comp_xt ha scritto:
O forse solo io ho assistito a collegi docenti o corsi di aggiornamento in cui gli insegnanti armeggiano con smartphone e tablet o comunque si estraniano dall'argomento che si sta trattando?
Succede tutte le  volte che non si condivide l'importanza dell'argomento; il 90 % delle volte in CD si parla di cose di cui non frega nulla a quasi nessuno, come i progetti nei quali non siamo coinvolti, i libri di testo delle altre materie, la nomina di altre persone, la presentazione di risultati che non ci riguardano e che ci riguardano ma che conosciamo già.

Se ad uno studente non frega niente del trinomio .....

Ci sarebbe da dire che i docenti che si estraniano perché trovano noioso l'argomento sono gli stessi che, nella speranza di finire quanto prima, votano senza rendersi conto di quello che stanno facendo qualsiasi porcheria proposta del DS, salvo poi prendersela col DS anziché con loro stessi quando si accorgono di che cosa ha comportato quel voto.
Quanto agli studenti, la percezione della noiosità di una lezione aumenta col passare delle ore.
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15763
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:11 pm

comp_xt ha scritto:
Quanto agli studenti, la percezione della noiosità di una lezione aumenta col passare delle ore.
Quando gli si scarica il cellulare si accorgono che il docente parla di cose noiose.

Io glielo faccio ricaricare.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:14 pm

Non che due scuole siano indicative, Valerie, anzi, non lo sono per nulla.

Ma nelle due scuole dove ero in cdi fu quella la sede di discussione, di delibera e di successiva adozione dell'orario
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
comp_xt



Messaggi : 924
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:14 pm

Valerie ha scritto:

Sto cercando un appiglio normativo che lo dimostri![/b]

Segnalo questo articolo:
http://www.dirittoscolastico.it/quer-pasticciaccio-brutto-della-settimana-corta-negli-istituti-comprensivi/

In particolare il passaggio in cui viene scritto:


Peraltro la sentenza è interessante perché infra al testo, dà chiarimenti su altro elemento accennato all’inizio ovvero sul coinvolgimento delle componenti che occorre consultare prima dell’adozione di un qualsiasi provvedimento che modifichi, come nel caso specifico, l’organizzazione didattica della scuola. Si rievoca infatti la sentenza 466 del 15 giugno 2000 del TAR Umbria, la quale puntualizza che a proposito di deliberazioni organizzative assunte in ambito scolastico, se è pacifico il fatto di garantire la partecipazione di tutti i soggetti interessati, d’altro canto tale principio della partecipazione non deve intendersi in senso letterale giacché “altrimenti, si dovrebbe ritenere che la norma imponga una sorta di consultazione generale di tutti gli alunni, dei loro genitori, dei presidi, dei professori, dei dipendenti amministrativi, degli organi collegiali delle scuole, degli enti locali, delle organizzazioni sindacali (e chi più ne ha più ne metta). Il tutto, così da condurre all’assoluta ingovernabilità del procedimento, visto anche che lo stesso è inserito nell’ambito dell’organizzazione scolastica dove anche nei settori operativi non nuovi, a fatica, sovente, si riescono ad individuare quei centri decisionali che invece dovrebbero essere di immediata percezione”.

Secondo tale affermazione il rispetto andrebbe quindi esercitato in misura proporzionale, trovando modalità equilibrate che siano rispettose della partecipazione di tutti i soggetti coinvolti. Nel caso specifico dell’adozione della settimana corta, la prassi ormai consolidata suggerisce di garantire la partecipazione delle famiglie attraverso apposito sondaggio. D’altra parte l’organo collegiale competente che “ha potere deliberante in materia di funzionamento didattico del circolo e dell’istituto” è il Collegio dei Docenti, ex art.7 comma 2, lett.a) del D.Lgs. 297/1994, anche se le competenze del Consiglio di Istituto, in materia di organizzazione e programmazione della vita e dell’attività della scuola, si situano su un versante paritetico, dovendo essere rispettose di quelle attribuite al Collegio dei Docenti.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6117
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:16 pm

Ripeto che per me la differenza sostanziale non sta nel fatto di "stancarsi troppo" alle ultime ore in classe, ma sta nel fatto di avere meno tempo e meno concentrazione per studiare A CASA.

Uno dei motivi delle grandi richieste per la settimana corta, infatti, è che ormai la maggioranza dell'utenza (e non solo i ragazzi, ma anche i genitori) tende a trascurare questo aspetto e lo vede solo come un fastidio inutile, perché nella loro fantasia "si dovrebbe imparare direttamente tutto in classe, senza bisogno di compiti a casa, e se questo non avviene vuol dire che l'insegnante non è abbastanza bravo a spiegare", e perché nella loro concezione civica il concetto di "assolvimento dell'obbligo scolastico" dovrebbe ridursi al diritto automatico alla promozione solo per aver marcato la presenza in classe, senza nessun obbligo di impegno.

E un altro motivo è che la maggior parte della gente tende a non ragionare a lungo termine, ma solo in base alle sensazioni di pelle immediate. Ad esempio, la maggior parte dei genitori che iscrivono i figli in prima superiore ragiona solo in base alle esigenze della famiglia che ci sono in quel momento, senza pensare che il figliolo in quella scuola ci dovrà stare cinque anni, e che in cinque anni le esigenze personali e le abitudini di vita di un giovane che passa dai 13 anni ai 18-19 cambieranno abissalmente, comprese le loro ripercussioni in famiglia.

Per cui, la famiglia che sceglie la settimana corta solo per inerzia, cioè perché era abituata ad avercela anche alle elementari e alle medie, e magari a dedicare il fine settimana a tante belle attività ricreative e coccolose che si fanno tutti insieme in famiglia... magari non si rende conto che, nel giro di due anni, COL CAVOLO che l'adolescente sarà interessato a passare il sabato a fare la gita fuori porta coi genitori, o a collaborare a hobby e attività domestiche che interessano solo ai genitori, come invece faceva fino all'età di 12 o 13 anni. E che quindi le tanto accorate esigenze di "stare tutti insieme in famiglia" nel fine settimana a cui sono abituati adesso, non ci saranno più, o saranno completamente trasformate. E forse non si rendono conto nemmeno che nel frattempo, appunto, il carico di studio a casa che sarà richiesto al ragazzo aumenterà sistematicamente, con sempre MENO coinvolgimento diretto dei genitori...

Poi, per carità, nessuno demonizza la settimana corta, io troverei giusto che le scuole offrissero tutte e due le possibilità (e faccio presente che insegno in una scuola che lo fa, e che mi capita quasi tutti gli anni di avere contempraneamente classi in paralello di entrambi gli ordinamenti, qundi un po' di statistica ce l'ho). Semplicemente, dico che, a mio avviso, dal punto di vista didattico, gli svantaggi a lungo termine superano i vantaggi. Se una famiglia è determinatissima a scegliere la settimana corta per ragioni ben ponderate, ha il diritto di richiederla, e non ho niente da dire.

Ma mi dà molto fastidio che venga rivendicata solo per motivi "umorali" e relativi solo alla comodità di quel momento, senza la minima preoccupazione per gli sviluppi futuri.
Tornare in alto Andare in basso
Online
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:23 pm

Valerie ha scritto:
I rappresentanti dei genitori in consiglio di istituto chiedono di modificare l'orario delle lezioni per avere la settimana corta. I rappresentanti dei docenti sono contrari. I rappresentanti dei genitori dicono che, poiché rappresentano tutti i genitori, se la maggioranza dei rappresentanti dei genitori sceglie la settimana corta, noi docenti ci dobbiamo adeguare.
È vero? In base a quale articolo di quale normativa?
Com'è possibile che il nostro orario di lavoro venga stabilito dall'utenza?


Valerie, la tua domanda mi ha un attimo messa in difficoltà.

Ad una prima lettura ho pensato:  eh, ha ragione, caspita!

Poi il ragionamento però prosegue con:

la scuola pubblica offre un servizio all'utenza ed è proprio alle esigenze dell'utenza che il servizio deve rispondere
Per rappresentare le esigenze dell'utenza sono stati istituiti gli organi collegiali.

Giustissime le vostre rivendicazioni ma è in cdi che dovete farle valere, avendo eventualmente a monte una discussione in collegio e un lavoro diplomatico con la componente ata.

E' la democrazia.
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:29 pm

Ire ha scritto:
Valerie ha scritto:
I rappresentanti dei genitori in consiglio di istituto chiedono di modificare l'orario delle lezioni per avere la settimana corta. I rappresentanti dei docenti sono contrari. I rappresentanti dei genitori dicono che, poiché rappresentano tutti i genitori, se la maggioranza dei rappresentanti dei genitori sceglie la settimana corta, noi docenti ci dobbiamo adeguare.
È vero? In base a quale articolo di quale normativa?
Com'è possibile che il nostro orario di lavoro venga stabilito dall'utenza?


Valerie, la tua domanda mi ha un attimo messa in difficoltà.

Ad una prima lettura ho pensato:  eh, ha ragione, caspita!

Poi il ragionamento però prosegue con:

la scuola pubblica offre un servizio all'utenza ed è proprio alle esigenze dell'utenza che il servizio deve rispondere
Per rappresentare le esigenze dell'utenza sono stati istituiti gli organi collegiali.

Giustissime le vostre rivendicazioni ma è in cdi che dovete farle valere, avendo eventualmente a monte una discussione in collegio e un lavoro diplomatico con la componente ata.

E' la democrazia.

Eh no. Mica decide il popolo quando è aperto l'ufficio del comune o la guardia medica.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:32 pm

paniscus_2.0 ha scritto:

Poi, per carità, nessuno demonizza la settimana corta, io troverei giusto che le scuole offrissero tutte e due le possibilità (e faccio presente che insegno in una scuola che lo fa, e che mi capita quasi tutti gli anni di avere contempraneamente classi in paralello di entrambi gli ordinamenti, qundi un po' di statistica ce l'ho).

Avete sezioni con la settimana corta e sezioni con la settimana lunga? Caspita, è la prima volta che sento una cosa simile.

Come funziona? come si trovano, docenti e studenti?

Tornando a Valerie: mi sembra di capire che in CdI c'è una maggioranza per la settimana corta, giusto? I motivi per i quali non la vuoi sono di natura squisitamente didattica? Ritieni che svantaggia gli studenti? Ripeto quanto detto prima: lasciaglielo toccare con mano.
Tornare in alto Andare in basso
@melia



Messaggi : 983
Data d'iscrizione : 12.07.15
Età : 57
Località : Padova

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:38 pm

Citazione :
Eh no. Mica decide il popolo quando è aperto l'ufficio del comune o la guardia medica.
Veramente 30 anni fa gli uffici comunali erano aperti solo di mattina, adesso hanno quasi tutti almeno un pomeriggio a settimana. Anche le segreterie delle scuole sono aperte un pomeriggio a settimana su richiesta dell'utenza.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:42 pm

@melia ha scritto:
Citazione :
Eh no. Mica decide il popolo quando è aperto l'ufficio del comune o la guardia medica.
Veramente 30 anni fa gli uffici comunali erano aperti solo di mattina, adesso hanno quasi tutti almeno un pomeriggio a settimana. Anche le segreterie delle scuole sono aperte un pomeriggio a settimana su richiesta dell'utenza.



Alle svolte sfuggono i meccanismi alla base dei cambiamenti  ;-)
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 12:55 pm

Ire ha scritto:
@melia ha scritto:
Citazione :
Eh no. Mica decide il popolo quando è aperto l'ufficio del comune o la guardia medica.
Veramente 30 anni fa gli uffici comunali erano aperti solo di mattina, adesso hanno quasi tutti almeno un pomeriggio a settimana. Anche le segreterie delle scuole sono aperte un pomeriggio a settimana su richiesta dell'utenza.



Alle svolte sfuggono i meccanismi alla base dei cambiamenti  ;-)

A me non sfugge che l'apertura pomeridiana non la decide la cittadinanza, ma l'amministrazione comunale. Che sia una decisione presa sulle esigenze o sulle richieste della cittadinanza non significa che sia presa dalla cittadinanza.
Tornare in alto Andare in basso
Ire



Messaggi : 8315
Data d'iscrizione : 02.10.10

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 1:38 pm

Anche le decisioni prese dal consiglio di istituto sono prese dal consiglio di istituto e non dall'utenza.

Che discorsi, mac!
Tornare in alto Andare in basso
http://www.dis-tranoi.it/forum
comp_xt



Messaggi : 924
Data d'iscrizione : 10.12.15

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 1:44 pm

Ire ha scritto:
Anche le decisioni prese dal consiglio di istituto sono prese dal consiglio di istituto e non dall'utenza.

Che discorsi, mac!

In consiglio di istituto ci sono i rappresentanti dei genitori (sebbene eletti in seguito a consultazioni in cui l'affuenza alle urne è pari all'1%).
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 2:11 pm

Ire ha scritto:
Anche le decisioni prese dal consiglio di istituto sono prese dal consiglio di istituto e non dall'utenza.

Che discorsi, mac!

Delle esigenze dell'utenza hai scritto tu, non io.

A seguire il tuo intervento, si direbbe che basta che l'utenza esprime un desiderio e zac! il servizio pubblico deve eseguire. Ho semplicemente sottolineato che non è così.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1772
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 3:02 pm

Comunque in tutto ciò non ho ancora sentito una risposta VALIDA sul "perchè proprio sabato?"... e non magari... giovedì?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6117
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 3:06 pm

Perché una scuola che facesse il giovedì libero invece del sabato chiuderebbe nel giro di un anno per mancanza di iscritti.
Tornare in alto Andare in basso
Online
ushikawa



Messaggi : 1847
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 3:19 pm

Io non so voi dove viviate, ma dove vivo io il sabato non si lavora, se si esclude il commercio.
Mi sembra un motivo più che valido perché si preferisca la settimana corta, almeno per quanto riguarda elementari e medie, per ragioni ovvie che sono stati abbondantemente riportate.

La discussione non era sulla settimana corta, ma su chi ha il potere di decidere: a quanto ho capito io, leggendo la legge, mi sembra che la decisione definitiva spetti al dirigente scolastico, sentito il parere del collegio docenti e quello del consiglio d'istituto.

Mi piacerebbe poi che qualcuno rispondesse al mio quesito: fino a che punto la componente genitoriale del CDI può prendere decisioni che di fatto vanno a incidere sulla didattica, tramite ad esempio l'approvazione o meno dei progetti?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6117
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 3:21 pm

avidodinformazioni ha scritto:

Poche balle ! accorciare di un giorno significa avere un'ora in meno al giorno per 5 giorni per le attività casalinghe ed avere una mattina in più a settimana ..... di 5 ore.
A quel punto per lo studente volenteroso si tratta di studiare al sabato mattina quel che non ha studiato in quelle 5 ore dei giorni precedenti, per il fancazzista si tratta di rompersi le palle un'ora in più le mattine dei 5 giorni pur di non avere quei brutti ceffi dei prof davanti alla faccia anche al sabato.
Non cambia nulla.

E se non cambia nulla, per quale motivo si dovrebbe sostenere che la settimana corta è sempre ovviamente migliore per tutti per motivi evidentissimi, e che solo un pazzo autolesionista potrebbe non rendersene conto?

Ci saranno le persone che preferiscono la settimana corta e quelle che preferiscono la settimana lunga, per decine di motivi diversi, alcuni dei quali saranno motivi ragionevolissimi e altri del tutto cialtroni... ma perché non si riesca ad ammettere che possa esistere diversità di opinioni, non lo capisco proprio.

L.
Tornare in alto Andare in basso
Online
paniscus_2.0



Messaggi : 6117
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Poteri dei genitori in consiglio di istituto   Dom Feb 21, 2016 3:37 pm

ushikawa ha scritto:
Io non so voi dove viviate, ma dove vivo io il sabato non si lavora, se si esclude il commercio.
Mi sembra un motivo più che valido perché si preferisca la settimana corta, almeno per quanto riguarda elementari e medie, per ragioni ovvie che sono stati abbondantemente riportate.

A me sembra che lo schema tradizionale e rassicurante del "pensare solo al lavoro dalle otto del lunedì fino alle 18 del venerdì, e poi il weekend è sacro, sbraco sul divano, gita fuori porta, rutto libero, e non voglio sentir parlare di lavoro fino a lunedì mattina" sia progressivamente ridotto a una percentuale sempre più piccola di popolazione e di famiglie.

La maggior parte della gente che ha figli piccoli, oggi..

- o fa lavori su turni quasi imprevedibili, per cui è inutile pianificarsi il sabato libero piuttosto che il giovedì (tu dici "escluso il commercio", ma hai un'idea di quanta gente lavori nel commercio? o nei servizi turistici, che nei giorni festivi fanno il pieno di impegni? per non parlare degli uffici aperti al pubblico? la posta di sabato mattina è aperta, parecchie banche fanno lo stesso, e così via...);

- oppure fa libere professioni in cui non esistono né orari né calendari, nel senso che magari non hai nulla da fare per una settimana di seguito, ma se ti capita tra capo e collo la consegna per lunedì mattina, lavori anche di domenica e lavori anche di notte (e per "libera professione" NON parlo dell'avvocato di lusso o del designer fricchettone, parlo dello sfigato qualunque che fa consulenze informatiche o traduzioni con partita IVA, o "lavori a progetto" assortiti);

- oppure, ha un lavoro dipendente con orari fissi, ed effettivamente ha il sabato libero, ma lo usa per rimettersi in pari con le faccende domestiche e le commissioni pratiche che non ha potuto svolgere nei giorni feriali, non certo per "fare il weekend fuori casa" o per dedicarsi a chissà quali hobby creativi.

L.


Ultima modifica di paniscus_2.0 il Dom Feb 21, 2016 3:39 pm, modificato 1 volta
Tornare in alto Andare in basso
Online
 
Poteri dei genitori in consiglio di istituto
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 4Andare alla pagina : Precedente  1, 2, 3, 4  Seguente
 Argomenti simili
-
» Ricorso al consiglio d'istituto
» consiglio su regalino
» consiglio per la mia tesora luna!..
» consiglio su kit di ricostruzione da acquistare
» consiglio gel base

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: