Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Religione nelle superiori

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
ilpirata79



Messaggi : 121
Data d'iscrizione : 20.02.16

MessaggioOggetto: Religione nelle superiori   Gio Mar 17, 2016 3:10 pm

Promemoria primo messaggio :

Ho finalmente trovato la vera motivazione che mi permetterà di licenziarmi dalla scuola superiore, a partire dal primo aprile, senza rimpianti o ripensamenti:

oggi in una classe tenevo la quarta ora, matematica (a proposito, ho sperimentato un nuovo metodo di insegnamento e di controllo dei ragazzi che ha fatto veramente faville... ma questo in un altro post).

Nel aggiornare il diario ho letto che la materia della seconda ora era "Religione cattolica" e l'argomento: "Il padre nostro in diverse lingue".

Ora, onestamente, non riesco a pensare a qualcuna di più inutile, anzi dannoso, dello studio del "padre nostro in diverse lingue".

Povera Itaglia,
Saluti,
ilpirata79
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
ludmilla72



Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Gio Mar 17, 2016 11:31 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
ludmilla72 ha scritto:
All'Università avevo una docente di Storia della Chiesa antica che affermava - giustamente - che la maggior parte dei cattolici ha le idee piuttosto confuse sulla propria fede.

Perché in realtà non sono cattolici.

Magari credono sinceramente nell'esistenza di Dio, magari hanno un genuino sentimento di fede (che va rispettato), ma non hanno la più pallida idea di cosa voglia dire specificamente "essere cattolici", rispetto ad essere credenti di un'altra fede, o ad essere credenti in una forma di realtà superiore che però non rispecchia nessuna religione organizzata.

Si dichiarano cattolici solo perché nel loro ambiente sociale la forma religiosa esteriore più diffusa è quella... ma dei fondamenti ideali del cattolicesimo non ci hanno capito niente.

L.

Esattamente!
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Gio Mar 17, 2016 11:33 pm

ludmilla72 ha scritto:
Qualche volta mi sono sentita chiedere: "Prof, lei è comunista o fascista?"

Io avrei replicato lapidariamente che "la risposta è quarantadue". Finito lì.

L.
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Ven Mar 18, 2016 12:12 am

paniscus_2.0 ha scritto:
ludmilla72 ha scritto:
Qualche volta mi sono sentita chiedere: "Prof, lei è comunista o fascista?"

Io avrei replicato lapidariamente che "la risposta è quarantadue". Finito lì.

L.

Quando mi è capitato, ho risposto che sono innanzi tutto democratica, cioè rispetto le opinioni di tutti e sono contraria a qualsiasi forma di dittatura (e qui parte un bel dibattito sull'importanza della libertà di pensiero, di opinione e di parola...). Non sono una mente matematica; cerco di sfruttare tutte le occasioni per educare gli studenti, partendo anche dalle loro curiosità e dalle cose che li interessano.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Ven Mar 18, 2016 8:19 am

Guarda che l'allusione al 42 NON E' matematica, è fantascienza demenziale. ^_^
Tornare in alto Andare in basso
avidodinformazioni



Messaggi : 15790
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Ven Mar 18, 2016 10:52 am

ludmilla72 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
ludmilla72 ha scritto:
All'Università avevo una docente di Storia della Chiesa antica che affermava - giustamente - che la maggior parte dei cattolici ha le idee piuttosto confuse sulla propria fede.

Eccecredo!
A me sta storia della trinità, quella società segreta composta da un occhio incastrato in un triangolo, un fricchettone barbuto con gli occhi azzurri e un piccione mi ha sempre fatto andare in tilt il cervello...

Un caso tipico sono i cosiddetti "cattolici non praticanti", che affermano: "Io credo nel messaggio del Vangelo, ma non ho fiducia nella Chiesa". Beh, caro mio, ti informo che il cattolicesimo si fonda sulla Scrittura (la Bibbia) e sulla tradizione, cioè anche su quello che la gerarchia ha affermato in secoli di Storia. Se ti discosti da quelle idee, se non credi che il papa sia il successore di Pietro e che, quando parla ex cathedra, espone concetti ispirati da Dio, semplicemente non sei cattolico, il che non è un dramma, ma bisognerebbe ammetterlo.

Confondono cattolico con cristiano, fanno anche di peggio.
Tornare in alto Andare in basso
Online
avidodinformazioni



Messaggi : 15790
Data d'iscrizione : 10.06.13
Località : Torino, la città più grande della Calabria

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Ven Mar 18, 2016 10:54 am

ludmilla72 ha scritto:
Non mi sto giustificando e non penso di essere in minoranza. Certo, i ragazzi, essendo giovani, tendono ad estremizzare: o bianco o nero. Qualche volta mi sono sentita chiedere: "Prof, lei è comunista o fascista?" Ma una via di mezzo, no???  
Ottima occasione per chiarire le cose, io risponderei: "dimmi cosa significa essere comunisti, cosa essere fascisti e poi ti dico come mi colloco"
Tornare in alto Andare in basso
Online
ludmilla72



Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Ven Mar 18, 2016 5:13 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Guarda che l'allusione al 42 NON E' matematica, è fantascienza demenziale. ^_^

Volevo dire che non è un discorso da lasciar cadere con una battuta; mi sembra importante affrontarlo. La risposta di Avido per esempio è molto intrigante e penso che in classe funzionerebbe.
Tornare in alto Andare in basso
Ospite
Ospite



MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Ven Mar 18, 2016 10:54 pm

ludmilla72 ha scritto:
Giancarlo Dessì ha scritto:
ludmilla72 ha scritto:
All'Università avevo una docente di Storia della Chiesa antica che affermava - giustamente - che la maggior parte dei cattolici ha le idee piuttosto confuse sulla propria fede.

Eccecredo!
A me sta storia della trinità, quella società segreta composta da un occhio incastrato in un triangolo, un fricchettone barbuto con gli occhi azzurri e un piccione mi ha sempre fatto andare in tilt il cervello...

Un caso tipico sono i cosiddetti "cattolici non praticanti", che affermano: "Io credo nel messaggio del Vangelo, ma non ho fiducia nella Chiesa". Beh, caro mio, ti informo che il cattolicesimo si fonda sulla Scrittura (la Bibbia) e sulla tradizione, cioè anche su quello che la gerarchia ha affermato in secoli di Storia. Se ti discosti da quelle idee, se non credi che il papa sia il successore di Pietro e che, quando parla ex cathedra, espone concetti ispirati da Dio, semplicemente non sei cattolico, il che non è un dramma, ma bisognerebbe ammetterlo.


Perché dovrei ammetterlo? Non mi pongo il problema io, figuriamoci se a qualcuno gliene frega una mazza se sono o non sono cattolico. Sinceramente non capisco questa esigenza di ostentare categorizzazioni ideologiche.

L'unico mio dubbio: se ammetto di essere cattolico vinco pikkolo kammellino di peluche? e se ammetto di non essere cattolico, mi verrà mozzata la testa? Fammelo sapere, così mi regolo di conseguenza...

Comunque, ai miei studenti spiego che l'uomo è un sistema termodinamico aperto in grado di convertire l'energia che consuma in un abbassamento dell'entropia interna, causando un incasinamento più che proporzionale del resto dell'universo. Poi passo il testimone ai colleghi di religione per rispondere al resto delle domande che potrebbero incredibilmente scaturire dalle menti ottenebrate dai cellucosi :-)
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 401
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Ven Mar 18, 2016 11:24 pm

Caro Giancarlo, tu sei una persona adulta che ha tutti gli strumenti critici per autodefinirsi come le pare. Io parlavo dei ragazzi, che dovrebbero chiarire a se stessi (non certo a me) la propria posizione riguardo a problematiche etiche e (perché no?) trascendenti, esercitando appunto un pensiero critico.

Lo dice una che da studentessa ha frequentato una scuola salesiana e che riguardo a ciò che succederà dopo la morte è arrivata alla seguente conclusione: "Non ho tempo di arrovellarmi il cervello su quesiti assolutamente inutili, che non cambiano la realtà e che non possono avere una risposta certa; quando sarò dall'altra parte, se potrò, vi farò avere notizie".
Tornare in alto Andare in basso
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Sab Mar 19, 2016 12:00 am

Io, da ateo, ammetto di aver sempre seguito l'insegnamento della religione cattolica alle superiori per interesse personale.
Ricordo che il docente (laico) trattava l'argomento da punto di vista dell'interpretazione.
Grazie a ciò, in quinta, si eseguì un lavoro bellissimo sull'interpretazione del libro dell'apocalisse.

Vedo che l'insegamento di questa materia varia tantissimo da docente a docente, quasi ci fosse la libertà assoluta di programmazione. Alcuni trattano, tuttavia, gli argomenti in modo magistrale, altri sono disponibili ad eseguire ore di compresenza con l'insegnate di scienze e altre amterie, altri invece si siedono e fanno giocare gli studenti a carte.
Mi chiedo se esistano linee guida per l'insegnamento di questa materia.

Quello che invece mi lascia un po' l'amaro in bocca è la mancanza di una uniformità nell'alternativa dell'ora di IRC. Dovrebbe essere obbligatorio, a mio parere, scegliere tra IRC o un insegnamento alternativo, sia esso attualità o scienze degli appendini rosa. Vedo spesso nelle scuole studenti lasciati a vagare nei corridoi o a oziare al bar.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6138
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Religione nelle superiori   Sab Mar 19, 2016 8:31 am

Pascal ha scritto:
Dovrebbe essere obbligatorio, a mio parere, scegliere tra IRC o un insegnamento alternativo, sia esso attualità o scienze degli appendini rosa. Vedo spesso nelle scuole studenti lasciati a vagare nei corridoi o a oziare al bar.

Ma non sarebbe molto ma molto più ragionevole abolirla del tutto?

Non è che l'insegnamento alternativo (quando c'è) sia una materia autonoma che ha un qualche valore specifico in sé: è solo una pezza che ci si mette per compensare il fatto (anacronistico e insensato) che ci sia ancora l'insegnamento di religione confessionale. Se non ci fosse IRC, non ci sarebbe nemmeno bisogno dell'insegnamento alternativo: tutti farebbero un'ora in meno, o tutti farebbero un'ora in più di un'altra materia.

E diciamocela chiara, anche se se fosse fatto "bene", che senso ha l'esistenza nella scuola di stato di un insegnamento ufficialmente confessionale, gestito dalla chiesa, controllato dalla chiesa e tenuto da persone scelte dalla chiesa?

(...che oltretutto deve necessariamente essere lasciato facoltativo, perchè sarebbe veramente inaccettabile imporre l'obbligo di un insegnamento confessionale a chi non lo condivide, e quindi si riduce PER FORZA ad essere percepito come una materia di serie B da non prendere sul serio)?

Se proprio si pensa che sia importantissimo studiare qualcosa di argomento religioso, per cultura generale, l'unica possibilità sensata sarebbe quella di sostituirlo con un insegnamento di "storia e cultura delle religioni", tolto dalle mani delle curie, impostato in maniera laica... e tenuto da normali insegnanti statali, con una formazione in storia o in filosofia, e selezionati dallo stato come tutti gli altri, senza alcun vincolo di fedeltà alla chiesa cattolica o di obbedienza al vescovo!

Scusate se mi ripeto, se n'è già parlato un sacco di volte, ma ci tengo a un punto importantissimo: io sono contrarissima all'IRC, ma NON "perché ho paura dell'indottrinamento", la cui potenzialità è prossima allo zero, bensì per un altro motivo, che con l'ideologia o con la religione in sé non c'entra niente.

Sono contraria semplicemente perchè trovo inaccettabile che la scuola pubblica debba prestarsi a fare da ufficio di collocamento (a spese dello stato) per persone raccomandate da un'istituzione esterna, e selezionate con regole diverse dai dipendenti ordinari, e senza la minima trasparenza. Tutto lì. Questo non dovrebbe essere un principio semplicissimo, e condivisibile anche da chi è cattolico osservante?

L.
Tornare in alto Andare in basso
 
Religione nelle superiori
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» la religione nelle scuole italiane
» Siti satira religione e chiesa
» La religione, strumento politico ed economico
» I Cattolici conoscono la religione peggio degli atei
» religione ed elezioni americane

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: