Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Intervento del preside sulla valutazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
AutoreMessaggio
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:26 pm

Buongiorno a tutti.

Ho un quesito da porvi riguardo ad una cosa che mi è capitata a scuola trattando un argomento scottante come l'aborto.

In una classe di 2° superiore, indirizzo chimico-biologico, durante le lezioni di biologia e, in particolare, trattando l'argomento del ciclo cellulare, sono cominciate a sorgere spontanee, dagli studenti, alcuni pensieri riguardo a situazioni in cui poteva essere presente l'aborto. Nella fattispecie, trattando un approfondimento presente sl libro riguardo ai gemelli, sono stati citati i gemelli siamesi mentre, parlando di malattie cromosomiche, sono stati citati test come villocentesi o amniocentesi. Da qui sono scaturiti pensieri riguardo all'aborto.
Prendendo la palla al balzo e ritenendo l'argomento di elevata importanza e estremamente formativo per gli studenti, ho deciso di assegnare loro un tema argomentativo su questa questione. la traccia da me fornita era la seguente:
"eseguire un testo di tipo argomentativo svolgendo la seguente traccia: "prtendo dagli spunti di discussione avvenuti in classe riguardo a gemelli siamesi e particolari patologie genetiche/anomalie cromosomiche, svolgi un tema argomentativo riguardoad aborto e, nel caso ipotetico di gemelli siamesi, riguardo all'ipotesi di sacrificarne uno qualora si decida di dividerli"."

come specificato agli studenti, i temi e i loro contenuti sarebbero serviti come spunto per una discussione fatta in aula, durante la quale io avrei valutato la loro partecipazione e capacità argomenttiva (caratteristiche che, a io parere, risultano fondamentali come competenze nel campo scientifico) INDIPENDENTEMENTE dalle varie prese di posizione

A seguito della discussione, tra l'altro piaciuta moltissimo agli studenti e fatta in presenza di una docente di sostegno, in cui ho chiarito alcune problematiche che ho riscontrato nei temi (legate a leggi oppure errori come considerare la pillola del giorno dopo come pillola abortiva), sono dell'idea di valutare tutti gli studenti positivamente.

Tuttavia, un sabato mattina, ricevo una chiamata dal preside il quale mi chiede in base a quali ragioni io mi sia permesso di assegnare e valutare un compito del genere, argomentando che il tema dell'aborto abbia pochissimo a che fare con la biologia rispetto a quanto ne compete a ploitica, filosofia e religione (tra l'altro, senza prima sentire la mia versione dei fatti). Il motivo di ciò sta nel fatto che un genitore, probabilmente irritato dall'argomento del tema, è andato a lamentarsi dal preside dell'assegnazione del compito.
Recandomi a colloquio col preside, egli ribadisce la mia "impossibilità" di valutare una discussione fatta su questo tipo di argomento perchè non esclusivamente scientifica, perchè troppo politica e perchè avrebbe potuto offendere il genitore dell'alunno. Mi chiede così (più che richiesta, obbligo) di non valutare assolutamente la prova e, nel caso avessi già messo voti, di eliminarli dal registro.

E' possibile e legale che ciò avvenga? Il comportamento del preside è corretto?
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:36 pm

Il sacrificio di un gemello per salvare.l altro,acconsentire o meno ad un esame invasivo che potrebbe uccidere il feto sono argomenti terribilmente seri e difficili,soprattutto dal punto di vista della coscienza di un.padre o di una madre,con probabili strascichi psicologici per tutta la vita. Direi davvero troppo e inopportuno per ragazzini di 15anni..
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:37 pm

Butto lì un ipotesi: che ne sai che uno dei genitori non abbia vissuto esperienze terribili come queste
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:40 pm

Ti sei colpevolmente e inutilmente andato a cacciare in un pasticcio.

Non mi sembra che una tematica etica su cui si accapigliano scienziati, medici, filosofi, esperti di etica e morale, psicologi e quant'altro possa essere proposta come tema per dei 15-16enni.

Ci sono genitori capaci di lamentarsi anche se a scienze si affronta il tema, del tutto asettico, dell'apparato riproduttore. Vuoi essere proprio tu la pietra dello scandalo? Ti sembra un tema possibile di buon gusto o adeguato all'età?

Per me il dirigente ha fatto bene a richiamarti.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:41 pm

Va bene che non dobbiamo ragionare a compartimenti stagni (tipo: "ma prof, mi segna pure gli errori di grammatica nel compito di matematica?" "Certo, mica diventa giusto perché è un'altra materia"), ma tra parlare di un argomento non curricolare e assegnare un compito da valutare ce ne passa.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6113
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:51 pm

In ogni caso, per quale quale motivo a un insegnante di lettere dovrebbe essere consentito di assegnare un compito di riflessione e di argomentazione su temi di attualità (anche molto legati all'etica o alla politica), mentre a uno di scienze no?

Gli insegnanti di materie scientifiche sono considerati di serie B, in materia civica e sociale?

Oppure, gli insegnanti di materie umanistiche sono da considerare dei tuttologi che possono tranquillamente esulare dal loro campo professionale, mentre gli altri no?

Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:55 pm

In realtà trovo del tutto indifferente la materia insegnata dal Pascal. E' l'argomento ad essere inadeguato. A quando allora un bel tema sulla necrofilia?
Tornare in alto Andare in basso
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:56 pm

Premetto che se non fossero stati gli alunni stessi a mostrare interesse per il tema e chiedere loro di discuterne apertamente, il tema sarebbe rimasto nel cassetto.

Gli studenti stessi, una volta posto loro il problema della discussione, si sono dichiarati "Sufficientemente maturi" per affrontare il tema. Per altro, ci sono stati dei genitori, la maggior parte, che mi son venuti a chiedere "Come mai ha deciso di non valutare più il tema?".

Le osservazioni mosse da vi sono tutte valide. Tuttavia, mi permetto di dire, che il compito della scuola non è esclusivamente quello di farcire gli studenti di nozioni, ma anche quello di farli crescere sia dal punto di vista didattico che personale e far loro acquisire delle specifiche competenze.
Quello che faccio fatica a capire è perchè non posso dare un "premio", sotto forma di valutazione positiva, ad una classe che si è dimostrata particolarmente matura nel discutere di un tema, soprattutto dal punto di vista scientifico, nato dalla loro curiosità.

ribadisco, inoltre, che il tema non veniva valutato, ma mi era necessario per sondare alcune delle conoscenze che gli studenti avevano riguardo a queste tematiche.
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 397
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 7:05 pm

"Tutto ciò che aiuta a pensare è buono, a qualunque età" (Oscar Wilde)

Ciò premesso, se gli alunni non si sono posti il problema (hanno accettato la discussione, hanno espresso delle idee ed il collega si dichiara sostanzialmente soddisfatto dell'esito di questa "unità didattica" un po' sperimentale), perché se lo pongono moralisticamente i genitori ed il DS? Li lasciamo crescere questi figli o pretendiamo un futuro di ebeti incapaci di pensare con la propria testa?

A me l'approccio del collega sembra corretto: non ha espresso la propria opinione; non ha detto "questo è giusto", "questo è sbagliato". Ha valutato le capacità argomentative degli alunni (che non dovrebbero essere appannaggio esclusivo dell'insegnante di Lettere) e ha fatto anche lezione di educazione civica, insegnando ai ragazzi che tutte le opinioni sono legittime e vanno ascoltate.

Se fossi il DS sarei fiera di un professore così e lo difenderei a spada tratta!

Aggiungo che si trattava di lezioni di scienze, non di una chiacchierata al bar: il collega ha le giuste competenze per guidare la discussione fra i ragazzi.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 9:04 pm

La nostra professione richiede anche tatto e cautela da parte di tutti, il tema richiede anche riflessioni filosofiche che gli studenti a 15 anni non sono in grado di fare... anche il DS peraltro avrebbe dovuto porsi in maniera dialettica, e non solamente tribunizia...
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6113
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 9:23 pm

precario.acciaio ha scritto:
La nostra professione richiede anche tatto e cautela da parte di tutti, il tema richiede anche riflessioni filosofiche che gli studenti a 15 anni non sono in grado di fare...

Ripeto la domanda: perchè invece agli insegnanti di lettere è largamente consentito di proporre temi in cui viene esplicitamente richiesto agli studenti di esprimere il loro punto di vista personale su questioni di attualità molto complesse, che richiederebbero non solo "riflessioni filosofiche", ma anche CONOSCENZE SPECIFICHE che uno studente di 15 anni non può avere?

Perché se un insegnante di lettere assegna un tema su cosa si pensa del fondamentalismo islamico o della guerra in Siria (argomenti di cui, nella maggior parte dei casi non capisce niente nemmeno l'insegnante stesso, mica solo gli alunni), quello è accettabile... mentre se un insegnante di scienze assegna un tema su cosa si pensa delle questioni di bioetica strettamente legate ai concetti che si stanno studiando nel programma di biologia, allora quello è scorretto?
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 397
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 9:25 pm

precario.acciaio ha scritto:
Il tema richiede anche riflessioni filosofiche che gli studenti a 15 anni non sono in grado di fare...

Chi lo ha detto? A volte i ragazzi sono stupefacenti e, da quello che ha scritto, credo che Pascal abbia di fronte un'ottima classe.

La discussione poi era ben organizzata e guidata da un adulto competente che se ne è assunto la responsabilità. Probabilmente questi argomenti è meglio discuterli con il prof di Scienze che con gli stessi genitori, i quali hanno una conoscenza scientifica superficiale, perché - legittimamente - nella vita fanno altro.
Tornare in alto Andare in basso
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 9:27 pm

Concordo con te, nessun insegnante può assegnare temi non legati alla propria disciplina; peraltro un docente di lettere A51 insegna anche storia quindi padroneggia la materia; indubbiamente da evitare invece un tema di bioetica... per la stessa ragione io sto molto attento nelle rare occasioni in cui parlo di filosofia della scienza: la baggianata è dietro l'angolo ed è una cosa da evitare.
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 10:45 pm

Come sarebbe il mio tema da 37enne?:"non so, dovrei trovarmi nella situazione per sapere quale scelta farei.punto". Davvero troppo più grande di loro,con implicazioni etiche e filosofiche,affettive,psicologiche enormi. Davvero inopportuno. Proporre a quindicenni il tema sulla guerra in Siria è ugualmente ridicolo
Possono riportare luoghi comuni da telegiornale ma non comprenderne la dimensione reale. Con la differenza che nessun genitore ha mai combattuto in Siria ma qualche genitore può aver subito un aborto o interruzione gravidanza per altri motivi..
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6113
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 10:59 pm

Felipeto ha scritto:
Con la differenza che nessun genitore ha mai combattuto in Siria ma qualche genitore può aver subito un aborto o interruzione gravidanza per altri motivi..

Ma chiunque può dire fesserie in libertà sulle motivazioni per cui arrivano i profughi, e sul fatto che sia giusto accoglierli o meno, nonostante questo tema sia strettissimamente legato a quello delle guerre in Siria.

Francamente, non vedo una grossa differenza tra una discussione sulla liceità morale o no dell'aborto, e una discussione sulla liceità morale o no di respingere un barcone di disperati.

Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 397
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 11:08 pm

Felipeto ha scritto:
Proporre a quindicenni il tema sulla guerra in Siria è ugualmente ridicolo
Possono riportare luoghi comuni da telegiornale ma non comprenderne la dimensione reale.

Il mio alunno diciottenne che è scappato dall'Egitto perché alla sua famiglia hanno bruciato la casa, che ha subito persecuzioni in quanto cristiano copto e che è arrivato in Italia su un barcone ha sicuramente le idee più chiare di me, in proposito. Magari non sa esprimerle in un italiano corretto, ma direi che la cosa è comprensibile. Lo scopo, a scuola, è quello di aprire una discussione e di approfondire un argomento.

Se i ragazzi sono curiosi riguardo ad un argomento, hanno a disposizione tutto il web per approfondirlo in autonomia, a dispetto dei genitori e dei presidi; con la differenza che lì non c'è una persona resa autorevole dall'aver condotto studi specifici (il prof) in grado di distinguere le bufale dagli articoli seri.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4689
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 11:14 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Felipeto ha scritto:
Con la differenza che nessun genitore ha mai combattuto in Siria ma qualche genitore può aver subito un aborto o interruzione gravidanza per altri motivi..

Ma chiunque può dire fesserie in libertà sulle motivazioni per cui arrivano i profughi, e sul fatto che sia giusto accoglierli o meno, nonostante questo tema sia strettissimamente legato a quello delle guerre in Siria.

Francamente, non vedo una grossa differenza tra una discussione sulla liceità morale o no dell'aborto, e una discussione sulla liceità morale o no di respingere un barcone di disperati.


A mio avviso, il docente di italiano, nel valutare questi componimenti, esamina l'ortografia, la sintassi, la costruzione dei periodi, il modo di argomentare e di organizzare l'esposizione. Cose per le quali, converrai con me, è più competente di un collega che non insegna italiano.
Tornare in alto Andare in basso
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 11:51 pm

Faccio notare che, in ogni caso, voi state andando verso il "Scelta sì, scelta no", cosa che io non ho assolutamente chiesto.

Io non sono andato certo a chiedere agli alunni se fossero favorevoli o contrari all'aborto.
Il tema argomentativo prevede che, dell'argomento in questione, vengano presentate tesi e controtesi in modo oggettivo.
Le tesi e controtesi dimostrabili possono essere di carattere scientifico, ad esempio analizzando, dal punto di vista scientifico, la differenza tra un intervento chirurgico abortivo e un aborto di tipo medico.
Per la parte riguardante i gemelli siamesi, pure il punto di vista scientifico è importante. Difatti, la discussione è stata portata sul "quando è possibile dividerli", strettamente legata ad anatomia e sviluppo (cosa che, credo, competa all'insegnante di biologia).
Il tema, tra l'altro, non è stato eseguito in classe, bensì a casa, dove gli studenti avevano modo di documentarsi (e l'hanno fatto) tramite mezzi propri.

mac67 ha scritto:
A mio avviso, il docente di italiano, nel valutare questi componimenti, esamina l'ortografia, la sintassi, la costruzione dei periodi, il modo di argomentare e di organizzare l'esposizione. Cose per le quali, converrai con me, è più competente di un collega che non insegna italiano.

Non sono pienamente d'accordo. è vero che l'insegnante di italiano ha il compito di valutare i componimenti da questi punti di vista, tuttavia rientra nell'ambito delle scienze lo sviluppo di competenze di carattere scientifico le quali comprendono anche la capacità di argomentare tesi proposte. Il tutto detto, ripetendo ciò che ho già scritto, che il tema non sarebbe stato valutato ma sarebbe stato usato SOLO come punto di partenza per la discussione
Tornare in alto Andare in basso
Scuola70



Messaggi : 573
Data d'iscrizione : 28.02.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 9:47 am

Comunque secondo me si sottovalutano troppo le capacità di riflessione degli adolescenti, che a volte possono essere perfino superiori ad un adulto che, per scelta o per pigrizia, decide di fatto di non riflettere e di seguire i luoghi comuni.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3516
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 1:26 pm

Io penso che un tema argomentativo, qualunque tematica riguardi, debba essere assegnato da un docente di italiano. Non è un problema di essere in grado di correggerlo oppure no. Penso che tutti noi siamo in grado di correggere gli sfondoni e gli orrori dei nostri studenti (visto che siamo in tema, un mio alunno qualche giorno fa ha scritto asintoto "obblicuo"", ma io almeno non ritengo di avere delle competenze per valutare la capacità di argomentazione di uno studente. Ad ognuno il proprio lavoro: Chi insegna italiano assegna temi di italiano, chi insegna scienze, magari, può assegnare una ricerca del tipo: storia della pratica abortiva in Italia e nel mondo, e niente più. E l'errore più grande, a mio parere, commesso da Pascal, sta nell'ultima parte della traccia, in cui si chiede di argomentare "riguardo all'ipotesi di sacrificarne uno qualora si decida di dividerli", ad alunni di II superiore poi.
Fossi stato il DS, con cui concordo su ogni "argomentazione" riportata, mi sarei comportata allo stesso modo. Fossi stata Pascal, avrei ammesso che in effetti avevo toppato alla grande.
Tornare in alto Andare in basso
tellina



Messaggi : 7488
Data d'iscrizione : 08.11.10

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 1:51 pm

Concordo con romado.
Se a 15 anni mi avessero chiesto: ti ritieni abbastanza matura ed informata per trattare questo argomento?
Ovviamente avrei risposto: sì, certo. Non che poi lo fossi realmente eh...
Tornare in alto Andare in basso
Felipeto



Messaggi : 2798
Data d'iscrizione : 04.07.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 5:14 pm

Un ragazxino egiziano copto comprende la dimensione di ciò che succede in medio oriente? Secondo voi un ragazzino vietnamita di un villaggio contadino 45anni fa comprendeva la politica americana contro ho chi min? I pro caritas sanno che moltissimi "pseudodisperati" dei barconi arrivano da paese africani che non sono per nulla in guerra?
Tornare in alto Andare in basso
ludmilla72



Messaggi : 397
Data d'iscrizione : 21.08.10
Età : 44
Località : Roma

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 7:11 pm

Felipeto ha scritto:
Un ragazxino egiziano copto comprende la dimensione di ciò che succede in medio oriente?

Non riesco a vederlo come un ragazzino; è un adulto (ha diciotto anni) ancora bisognoso di istruzione. Secondo me, comprende molto meglio di tanti italiani adulti e disinformati, perché lui legge tutto quello che gli capita di trovare in proposito ed è molto attento allo scenario internazionale. Per lui non sono nozioni; è esperienza vissuta. Ti dirò che una conversazione con lui arricchisce anche me.
Tornare in alto Andare in basso
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 7:32 pm

Rimane comnque il fatto che nessuno ha risposto alla mia domanda.

Ovvero, è legale che il preside intervenga dicendo ad un docente di non valutare una prova fatta? Ha la facoltà di farlo?
Tornare in alto Andare in basso
ushikawa



Messaggi : 1845
Data d'iscrizione : 15.07.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 9:48 pm

ci sono cose (forse) legali del tutto inopportune e cose del tutto opportune non rientranti in un protocollo standard. In circostanze standard, dove ognuno rispetta lettera e spirito del proprio ruolo, il preside non può e non deve eccepire su una verifica e la relativa valutazione.

In circostanze eccezionali come questa, in cui un docente ha affrontato un argomento quanto meno collaterale ed eccessivamente sensibile dal punto di vista etico, il dirigente ha tutto il diritto di farsi sentire.
Se avessi proposto una riflessione sugli esperimenti scientifici di Mengele credi che avresti ricevuto un trattamento diverso?

Poi non capisco certe prese di posizione: un insegnante di una disciplina diversa da italiano ha tutto il diritto di chiedere e valutare un testo in italiano riguardante la propria materia, così come un insegnante di italiano ha tutto il diritto di chiedere e valutare un testo riguardante un argomento scientifico; non credo che in quest'ultimo caso le argomentazioni saranno di natura tecnica e scientifica tali da non poter essere valutate da un insegnante di italiano, come nel primo caso non credo che la forma espressiva possa essere così prevalente rispetto al contenuto scientifico da non poter essere valutata da un insegnante di scienze.
Tornare in alto Andare in basso
 
Intervento del preside sulla valutazione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 1 di 2Andare alla pagina : 1, 2  Seguente
 Argomenti simili
-
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» Giudizio sulla scuola...
» Considerazioni sulla Bibbia
» un ateo può rifiutare di giurare sulla bibbia??

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: