Scuola, insegnanti, docenti, dirigenti scolastici, personale ATA
 
IndiceIndice  CercaCerca  FAQFAQ  RegistrarsiRegistrarsi  AccediAccedi  

Ultimi argomenti
Link sponsorizzati
Condividere | 
 

 Intervento del preside sulla valutazione

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso 
Andare alla pagina : Precedente  1, 2
AutoreMessaggio
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Intervento del preside sulla valutazione   Ven Mar 18, 2016 6:26 pm

Promemoria primo messaggio :

Buongiorno a tutti.

Ho un quesito da porvi riguardo ad una cosa che mi è capitata a scuola trattando un argomento scottante come l'aborto.

In una classe di 2° superiore, indirizzo chimico-biologico, durante le lezioni di biologia e, in particolare, trattando l'argomento del ciclo cellulare, sono cominciate a sorgere spontanee, dagli studenti, alcuni pensieri riguardo a situazioni in cui poteva essere presente l'aborto. Nella fattispecie, trattando un approfondimento presente sl libro riguardo ai gemelli, sono stati citati i gemelli siamesi mentre, parlando di malattie cromosomiche, sono stati citati test come villocentesi o amniocentesi. Da qui sono scaturiti pensieri riguardo all'aborto.
Prendendo la palla al balzo e ritenendo l'argomento di elevata importanza e estremamente formativo per gli studenti, ho deciso di assegnare loro un tema argomentativo su questa questione. la traccia da me fornita era la seguente:
"eseguire un testo di tipo argomentativo svolgendo la seguente traccia: "prtendo dagli spunti di discussione avvenuti in classe riguardo a gemelli siamesi e particolari patologie genetiche/anomalie cromosomiche, svolgi un tema argomentativo riguardoad aborto e, nel caso ipotetico di gemelli siamesi, riguardo all'ipotesi di sacrificarne uno qualora si decida di dividerli"."

come specificato agli studenti, i temi e i loro contenuti sarebbero serviti come spunto per una discussione fatta in aula, durante la quale io avrei valutato la loro partecipazione e capacità argomenttiva (caratteristiche che, a io parere, risultano fondamentali come competenze nel campo scientifico) INDIPENDENTEMENTE dalle varie prese di posizione

A seguito della discussione, tra l'altro piaciuta moltissimo agli studenti e fatta in presenza di una docente di sostegno, in cui ho chiarito alcune problematiche che ho riscontrato nei temi (legate a leggi oppure errori come considerare la pillola del giorno dopo come pillola abortiva), sono dell'idea di valutare tutti gli studenti positivamente.

Tuttavia, un sabato mattina, ricevo una chiamata dal preside il quale mi chiede in base a quali ragioni io mi sia permesso di assegnare e valutare un compito del genere, argomentando che il tema dell'aborto abbia pochissimo a che fare con la biologia rispetto a quanto ne compete a ploitica, filosofia e religione (tra l'altro, senza prima sentire la mia versione dei fatti). Il motivo di ciò sta nel fatto che un genitore, probabilmente irritato dall'argomento del tema, è andato a lamentarsi dal preside dell'assegnazione del compito.
Recandomi a colloquio col preside, egli ribadisce la mia "impossibilità" di valutare una discussione fatta su questo tipo di argomento perchè non esclusivamente scientifica, perchè troppo politica e perchè avrebbe potuto offendere il genitore dell'alunno. Mi chiede così (più che richiesta, obbligo) di non valutare assolutamente la prova e, nel caso avessi già messo voti, di eliminarli dal registro.

E' possibile e legale che ciò avvenga? Il comportamento del preside è corretto?
Tornare in alto Andare in basso

AutoreMessaggio
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Sab Mar 19, 2016 10:01 pm

Pascal ha scritto:
Rimane comnque il fatto che nessuno ha risposto alla mia domanda.

Ovvero, è legale che il preside intervenga dicendo ad un docente di non valutare una prova fatta? Ha la facoltà di farlo?

La domanda è un'altra: hai proposto una prova sui contenuti disciplinari della tua materia? No.
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1792
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 10:29 am

Al di là del fatto che si possa ritenere opportuno o inopportuno questo tema... quello che mi colpisce qui (come al solito) è una ingerenza nella dignità professionale del docente.
Forse avrai sbagliato a prendere questa direzione, ma non sta al preside decidere come devi insegnare. C'è libertà di insegnamento. Ascolta quindi le sue obiezioni e i suoi suggerimenti, ma non prenderli come un diktat vincolante.
L'insegnante sei tu. Se ritieni che questo percorso sia utile ai tuoi allievi e che magari gli faccia sviluppare spirito critico e sensibilità su temi etici legati alla scienza, perchè non seguirlo? La scuola non è solo dogmi imposti dall'alto, è anche stimolo al dialogo.
Se in coscienza ritieni di aver agito bene, rispondi pure al preside che hai fatto quello che credevi giusto, esercitando la tua libertà professionale.
Se invece , sempre in coscienza , ti accorgi di aver esagerato, aggiusta il tiro.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 10:55 am

mac67 ha scritto:
Pascal ha scritto:
Rimane comnque il fatto che nessuno ha risposto alla mia domanda.

Ovvero, è legale che il preside intervenga dicendo ad un docente di non valutare una prova fatta? Ha la facoltà di farlo?

La domanda è un'altra: hai proposto una prova sui contenuti disciplinari della tua materia? No.


Gli insegnanti di lettere di ogni ordine e grado non fanno altro che proporre prove scritte che non hanno niente a che fare con i contenuti disciplinari della propria materia, ad esempio quando chiedono ai ragazzi di scrivere resoconti di diario personale su quello che hanno fatto durante le vacanze, di raccontare quali sono i propri hobby e i propri interessi privati nel tempo libero, o di esprimere opinioni personali su un fatto di cronaca, su un argomento di attualità, sulle mode giovanili, sulle nuove tecnologie, sui diritti degli animali, sul cambiamento climatico, sul terrorismo, sulla pena di morte, sugli OGM o sul velo islamico. In particolare, di temi di italiano legati ad argomenti di bioetica o di vita sociale delle famiglie (accanimento terapeutico, eutanasia, donazione degli organi, procreazione assistita, adozione, unioni civili, eccetera) ne sono sempre stati dati in abbondanza soprattutto a seguito di fatti di cronaca eclatanti, come il caso di Eluana, o quelli dei bambini tolti alle famiglie che li avevano adottati in maniera illegale. Poi, può sempre capitare il caso singolo in cui qualcuno si lamenta, ma questo non ha certo impedito che tale abitudine continuasse e che questi temi siano ancora proposti diffusamente.

Non capisco perché mai lo scandalo scoppi solo adesso perché la stessa cosa si è permesso di farla un insegnante di scienze.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 11:10 am

paniscus_2.0 ha scritto:
mac67 ha scritto:
Pascal ha scritto:
Rimane comnque il fatto che nessuno ha risposto alla mia domanda.

Ovvero, è legale che il preside intervenga dicendo ad un docente di non valutare una prova fatta? Ha la facoltà di farlo?

La domanda è un'altra: hai proposto una prova sui contenuti disciplinari della tua materia? No.


Gli insegnanti di lettere di ogni ordine e grado non fanno altro che proporre prove scritte che non hanno niente a che fare con i contenuti disciplinari della propria materia, ad esempio quando chiedono ai ragazzi di scrivere resoconti di diario personale su quello che hanno fatto durante le vacanze, di raccontare quali sono i propri hobby e i propri interessi privati nel tempo libero, o di esprimere opinioni personali su un fatto di cronaca, su un argomento di attualità, sulle mode giovanili, sulle nuove tecnologie, sui diritti degli animali, sul cambiamento climatico, sul terrorismo, sulla pena di morte, sugli OGM o sul velo islamico. In particolare, di temi di italiano legati ad argomenti di bioetica o di vita sociale delle famiglie (accanimento terapeutico, eutanasia, donazione degli organi, procreazione assistita, adozione, unioni civili, eccetera) ne sono sempre stati dati in abbondanza soprattutto a seguito di fatti di cronaca eclatanti, come il caso di Eluana, o quelli dei bambini tolti alle famiglie che li avevano adottati in maniera illegale. Poi, può sempre capitare il caso singolo in cui qualcuno si lamenta, ma questo non ha certo impedito che tale abitudine continuasse e che questi temi siano ancora proposti diffusamente.

Non capisco perché mai lo scandalo scoppi solo adesso perché la stessa cosa si è permesso di farla un insegnante di scienze.

Una delle cose che l'insegnante di italiano deve fare (e secondo me, andrebbe al primo posto, davanti alla letteratura) è insegnare la lingua italiana e, soprattutto alle scuole superiori, a usarla correttamente, con un linguaggio ricco, con una sintassi articolata. In un tema "di attualità" non si valuta il contenuto, ma la sua strutturazione, organizzazione e messa in pratica.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 11:27 am

Concordo con Mac, e per quanto riguarda il contenuto, aggiungo che si valuta la coerenza rispetto alla traccia, non certo il valore morale, o se si concorda oppure non con quanto scritto.
La bravura del docente di italiano, sotto questo aspetto, sta proprio nel fare una valutazione obiettiva, avulsa dalla propria opinione sugli argomenti in gioco.
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 11:34 am

Veramente il contenuto viene valutato eccome.

E non parlo di casi scorretti di insegnanti ideologizzati che approvano o penalizzano i contenuti a seconda che li condividano personalmente o no; e nemmeno dell'insegnante (altrettanto scorretto) che si compiace di assegnare temi dai contenuti più intimisti e personali possibile, apposta per venire a sapere i fatti privati degli studenti e delle loro famiglie, per poi improvvisarsi psicologo, antropologo e assistente sociale.

Parlo proprio della valutazione della "profondità" e "originalità" del contenuto stesso, che viene effettuata eccome.

Il fatto che un tema sia penalizzato perché considerato "dai contenuti BANALI" è comunissimo, ad esempio.
Tornare in alto Andare in basso
Online
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 12:03 pm

paniscus_2.0 ha scritto:
Veramente il contenuto viene valutato eccome.

E non parlo di casi scorretti di insegnanti ideologizzati che approvano o penalizzano i contenuti a seconda che li condividano personalmente o no; e nemmeno dell'insegnante (altrettanto scorretto) che si compiace di assegnare temi dai contenuti più intimisti e personali possibile, apposta per venire a sapere i fatti privati degli studenti e delle loro famiglie, per poi improvvisarsi psicologo, antropologo e assistente sociale.

Parlo proprio della valutazione della "profondità" e "originalità" del contenuto stesso, che viene effettuata eccome.

Il fatto che un tema sia penalizzato perché considerato "dai contenuti BANALI" è comunissimo, ad esempio.

Tema: la fame nel mondo.

Svolgimento banale: "Vorrei che venisse eliminata. Saremmo tutti più felici". Ecc con una sfilza di luoghi comuni.

Svolgimento "profondo": si esaminano le cause, dove si concentra il fenomeno, si dà uno sguardo storico (è sempre stato così? Nessuno ha migliorato?).

Alla fine, il tutto si riduce a "come" lo dici, non a "che cosa" dici.

Ed è così anche nella letteratura e nella arti in generale. Che differenza c'è tra un ritratto dipinto da Leonardo e uno dipinto da me, se entrambi dipingiamo lo stesso soggetto? Quante poesie d'amore sono state scritte? Sono tutte uguali?
Tornare in alto Andare in basso
paniscus_2.0



Messaggi : 6202
Data d'iscrizione : 21.02.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 12:20 pm

mac67 ha scritto:
paniscus_2.0 ha scritto:

Il fatto che un tema sia penalizzato perché considerato "dai contenuti BANALI" è comunissimo, ad esempio.

Tema: la fame nel mondo.

Svolgimento banale: "Vorrei che venisse eliminata. Saremmo tutti più felici". Ecc con una sfilza di luoghi comuni.

Svolgimento "profondo": si esaminano le cause, dove si concentra il fenomeno, si dà uno sguardo storico (è sempre stato così? Nessuno ha migliorato?).

Ma in tal caso, se intendi dire che si debbano valutare le conoscenze sull'argomento, la capacità di indagare su cause ed effetti, di usare correttamente le fonti e le citazioni, di selezionare le fonti affidabili da quelle che non lo sono, e di trarre delle conclusioni razionali, allora non vedo perché la stessa cosa non potrebbe valutarla anche un insegnante di scienze.

Che magari di storia sociale e politica, di sviluppo industriale, di guerre e di colonialismo ne sa di meno dell'insegnante di lettere... però di clima, di agricoltura e di alimentazione ne sa di più, e quindi può valutare molto più seriamente i riferimenti a quegli aspetti, e rendersi conto se lo studente scrive fesserie o no su quelli.

Il più bel libro che io conosca (divulgativo ma serissimo) sull'analisi delle disparità di ricchezza tra le varie parti del mondo l'ha scritto un biologo, mica un economista o uno storico. E penso che la percentuale di insegnanti di scienze che l'hanno letto sia abbastanza più alta rispetto a quelli di lettere...
Tornare in alto Andare in basso
Online
precario.acciaio



Messaggi : 1631
Data d'iscrizione : 29.08.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 12:26 pm

Quale sarebbe questo libro?
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 12:26 pm

paniscus_2.0 ha scritto:

Ma in tal caso, se intendi dire che si debbano valutare le conoscenze sull'argomento, la capacità di indagare su cause ed effetti, di usare correttamente le fonti e le citazioni, di selezionare le fonti affidabili da quelle che non lo sono, e di trarre delle conclusioni razionali, allora non vedo perché la stessa cosa non potrebbe valutarla anche un insegnante di scienze.

Che magari di storia sociale e politica, di sviluppo industriale, di guerre e di colonialismo ne sa di meno dell'insegnante di lettere... però di clima, di agricoltura e di alimentazione ne sa di più, e quindi può valutare molto più seriamente i riferimenti a quegli aspetti, e rendersi conto se lo studente scrive fesserie o no su quelli.

Il più bel libro che io conosca (divulgativo ma serissimo) sull'analisi delle disparità di ricchezza tra le varie parti del mondo l'ha scritto un biologo, mica un economista o uno storico. E penso che la percentuale di insegnanti di scienze che l'hanno letto sia abbastanza più alta rispetto a quelli di lettere...

La verifica di cui stiamo discutendo (quella che ha aperto il thread) è di contenuto etico/morale, non vedo che cosa c'entri con biologia.

L'insegnante di scienze può fare quel che dici tu sui contenuti di scienze, mica dico di no.

Io valuto le relazioni degli esperimenti di fisica dei miei alunni, e valuto sia il contenuto scientifico che la lingua e l'organizzazione. Ma non lascio un tema "sei favorevole o contrario alle centrali nucleari?". Casomai, gli lascio una verifica sulla fisica dei processi di funzionamento delle centrali nucleari.

P.S.: qual è il libro di cui parli?
Tornare in alto Andare in basso
geo&geo



Messaggi : 678
Data d'iscrizione : 04.07.14

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 2:48 pm

Ipotizzo:
Armi, acciaio e malattie. Breve storia degli ultimi tredicimila anni
di Jared Diamond (biologo inglese)
Tornare in alto Andare in basso
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 6:31 pm

Io non capisco come mai tutte le volte che si parla di aborto (tema, per altro, legato all'argomento delle lezioni basate sul ciclo cellulare) sia necessario buttarla sulla questione morale/filosofica. Mi sembra una sorta di chiusura mentale messa in atto da chi ha paura di vedere la realtà delle cose in ogni contesto.

Il tema dell'aborto ha, a mio parere, molto a che fare con la biologia, specialmente quando si mettono gli alunni di fronte a fatti scientifici.
Non sono mai andato a chiedere agli studenti "sei favorevole o contrario all'aborto", ho semplicemente approfondito con loro delle qustioni di tipo tecnico, che, a mio parere, hanno sì a che fare con la biologia.
Ripeto, perchè mi pare che qui qualcuno faccia fatica a capire le cose (oppure non legge proprio) il tema non è stato soggetto a valutazione. l'unica cosa valutata è la discussione in classe.

mac67 ha scritto:
Io valuto le relazioni degli esperimenti di fisica dei miei alunni, e valuto sia il contenuto scientifico che la lingua e l'organizzazione. Ma non lascio un tema "sei favorevole o contrario alle centrali nucleari?". Casomai, gli lascio una verifica sulla fisica dei processi di funzionamento delle centrali nucleari.

Magari ci fosse un insegnante di fisica che chiarisse l'argomento agli studenti dal punto di vista della sua materia. I pro e i contro su questo argomento devono essere esclusivamente di stampo politico? Come si fa a farsi un'idea su di un argomento senza una discussione apposita? E' vero che tu puoi insegnare loro la fisica dei processi di funzionamento delle centrali nucleari, ma non tratteresti, che ne so, il problema della sicurezza degli impianti nucleari e la questione della gestione delle scorie da un punto di vista prettamente tecnico-scientifico? Oppure preferiresti che questo tema venisse trattato da un insegnante di italiano? Il rischio è che, successivamente, si formi una generazione di persone ignoranti riguardo a certi temi, con il rischio che a pagarne le conseguenze siano tutti.

Questa discussione mi fa però notare una cosa che trovo abbastanza indigesta. Sembra che la scuola debba esclusivamente dare nozioni disciplinari senza ne coltivare gli interessi degli studenti, senza infondere in loro spirito critico. Cose che, leggendo i commenti, dovrebbero essere trattati esclusivamente da insegnanti di materiedi lettere/filosofia, rilegando le competenze degli insegnanti di materie scientifiche in un angolo.
Tornare in alto Andare in basso
mac67



Messaggi : 4699
Data d'iscrizione : 09.04.12
Località : Pianeta Terra

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 6:52 pm

Pascal ha scritto:

Magari ci fosse un insegnante di fisica che chiarisse l'argomento agli studenti dal punto di vista della sua materia. I pro e i contro su questo argomento devono essere esclusivamente di stampo politico? Come si fa a farsi un'idea su di un argomento senza una discussione apposita? E' vero che tu puoi insegnare loro la fisica dei processi di funzionamento delle centrali nucleari, ma non tratteresti, che ne so, il problema della sicurezza degli impianti nucleari e la questione della gestione delle scorie da un punto di vista prettamente tecnico-scientifico? Oppure preferiresti che questo tema venisse trattato da un insegnante di italiano? Il rischio è che, successivamente, si formi una generazione di persone ignoranti riguardo a certi temi, con il rischio che a pagarne le conseguenze siano tutti.

Quando arriv(av)o alla fisica nucleare, il tema dell'energia nucleare lo affrontavo, ma non lasciavo un tema sull'argomento.

Il problema, caso mai, è proprio l'opposto, ed è quello che fanno tutti gli scienziati chiamati a dare il loro parere sull'uso civile dell'energia nucleare: guardarla solo dal punto di vista scientifico. Da quel punto di vista, tutte le centrali sono sicure, lo sono anche le auto, i treni, i pullman e gli aerei, e tutti gli impianti industriali e le navi e le petroliere che solcano i mari.

Peccato che poi c'è Chernobyl, poi Fukushima, le auto si schiantano, gli aerei pure, le Concordie prendono gli scogli e affondano, le petroliere vanno giù e devastano migliaia di km quadrati di mare e di costa.

Non mischiare il discutere l'argomento (cosa sulla quale non ho nulla da obiettare) dal punto di vista disciplinare e lasciare un tema come quello che hai lasciato tu (cosa che mi trova in disaccordo). Hai lanciato il thread e ti ho detto la mia. Fanne ciò che vuoi.
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 7:00 pm

Scusa Pascal, che c'è di tecnico-scientifico nella questione della scelta di dividere oppure no due gemelli siamesi?
I tuoi alunni hanno "argomentato" la questione dal punto di vista scientifico?
Continuo a pensare quello che ho detto prima, e cioè che l'ultima richiesta di argomentazione che hai fatto ai tuoi alunni non era opportuna.
Tornare in alto Andare in basso
Pascal



Messaggi : 30
Data d'iscrizione : 19.12.15

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 9:13 pm

Romado72 ha scritto:
Scusa Pascal, che c'è di tecnico-scientifico nella questione della scelta di dividere oppure no due gemelli siamesi?
I tuoi alunni hanno "argomentato" la questione dal punto di vista scientifico?
Continuo a pensare quello che ho detto prima, e cioè che l'ultima richiesta di argomentazione che hai fatto ai tuoi alunni non era opportuna.

Tipologia di gemelli siamesi che dipende dal punto del corpo in cui sono attaccati, presenza di organi fondamentali condivisi, possibilità di vivere con alcuni organi in meno (un solo rene o un solo polmone), conseguenze tangibili del rimanere attaccati dal punto di vista biologico (esempio difficoltà motorie).
Gli alunni si sono documentati anche su questo.

mac67 ha scritto:
Il problema, caso mai, è proprio l'opposto, ed è quello che fanno tutti gli scienziati chiamati a dare il loro parere sull'uso civile dell'energia nucleare: guardarla solo dal punto di vista scientifico. Da quel punto di vista, tutte le centrali sono sicure, lo sono anche le auto, i treni, i pullman e gli aerei, e tutti gli impianti industriali e le navi e le petroliere che solcano i mari.

Peccato che poi c'è Chernobyl, poi Fukushima, le auto si schiantano, gli aerei pure, le Concordie prendono gli scogli e affondano, le petroliere vanno giù e devastano migliaia di km quadrati di mare e di costa.

Non varrebbe allora la pena discutere sulle questioni tecnico-scientifiche che hanno portato questi diasastri, magari spiegando cosa è andato storto, in modo da comparare sicurezza scientifica e disastri? A me piacerebbe molto.
Tornare in alto Andare in basso
TittiTitti76



Messaggi : 560
Data d'iscrizione : 02.12.12

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 9:55 pm

Mah! Io sinceramente resto basita, perchè un tema scientifico che chiede di argomentare scientificamente (come espressamente dichiarato nella traccia) non credo leda nessuna corrente di pensiero. In ogni caso la cosa che mi ha fatto spalancare la bocca, non è il tema e non è il richiamo del dirigente(ormai sbadiglio quando questo avviene), è la questione del genitore che si prende lo spago incerato di andare a scuola a lamentarsi di un tema...ma da quando i genitori vanno a guardare i compiti assegnati ai figli? i miei manco sapevano cosa studiassi...ma come sono attenti questi genitori! i miei sono stati dei degenerati e mi hanno trascurata tantissimo, in pratica sono un'emarginata! e mettiamo pure che ci possa essere questo parere discordante. Ma la cosa migliore e più civile, educata, non sarebbe stata di parlarne prima col docente? Subito si armano e montano polveroni...che mondo!
Tornare in alto Andare in basso
seasparrow



Messaggi : 1142
Data d'iscrizione : 16.01.16
Età : 57
Località : Venezia

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 10:05 pm

mac67 ha scritto:
Pascal ha scritto:
rimane comunque il fatto che nessuno ha risposto alla mia domanda: e' legale che il preside intervenga dicendo ad un docente di non valutare una prova fatta?
la domanda e' un'altra: hai proposto una prova sui contenuti disciplinari della tua materia? no
sono d'accordo con questa impostazione: va bene la liberta' di insegnamento anche io la utilizzo per parlare di argomenti vari come preparare un buon CV pero' la valutazione e' opportuna solamente sulle conoscenze abilita' competenze specifiche della disciplina ... per quanto riguarda la legalita' ha il potere di avviare un procedimento disciplinare ed e' meglio evitare problemi inutili ... e poi mi sembra di capire che se e' arrivato a saperlo vuol dire che qualcuno ha contestato magari un genitore con una lettera
Tornare in alto Andare in basso
Paolo Santaniello



Messaggi : 1792
Data d'iscrizione : 15.09.13

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Dom Mar 20, 2016 10:59 pm

E poi chi l'ha detto che il tema non abbia niente a che vedere con i contenuti scientifici?
Temi spesso dati "in pasto all'etica" come aborto, eutanasia, contraccezione etc... hanno anche e sopratutto risvolti scientifici. La capacità di affrontare uno di questi argomenti senza per forza doversi schierare politicamente, o dover a tutti i costi dire la propria o prendere posizione sulla morale, è anzi un approccio secondo me da rivalutare.
Fare un aborto, un figlio, o porre fine alla propria vita NON è solo una SCELTA da fare in base alle proprie convinzioni morali, religiose o politiche, o da far scegliere alla società. E' anche una questione di essere informati, dal punto di vista scientifico, su cosa significhi. In Italia forse siamo cresciuti troppo "inquinati" dalla religione e dalle chiacchiere e vogliamo a tutti i costi buttarci subito sul distinguere il bene dal male, prima ancora di conoscere cosa sia il bene e il male di cui stiamo parlando!
Tornare in alto Andare in basso
Romado72



Messaggi : 3520
Data d'iscrizione : 29.07.13

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Lun Mar 21, 2016 12:07 am

@PAscal
Se i tuoi alunni si sono documentati secondo quanto hai detto te (tipologia di siamesi, organi condivisi, possibilità di sopravvivenza senza un determinato organo etcetc) e hanno parlato di questo nel loro tema direi che sono andati fuori traccia, avendogli chiesto di argomentare considerando " L'ipotesi di sacrificarne uno qualora si decida di dividerli". Se gli avessi proposto una semplice ricerca su questi argomenti, lasciando da parte quell' "ipotesi", sarebbe stata tutta un'altra storia.
Ritengo che gli unici che possano argomentare in merito (mi riferisco sempre alla questione "sacrificio") e in maniera squisitamente tecnico-scientifica, sono i medici specializzati nella cura dei gemelli siamesi. I tuoi alunni (e penso anche noi) pur documentandosi, nell'esporre sono giocoforza guidati da quello che ritengono sarebbe giusto fare, avendo parlato di sacrificio della vita di uno, e questo non ha proprio nulla di scientifico. Si sfora in delicate questioni etiche e morali, c'è poco da fare, che anche se supportate da info tecnico-scientifiche,si traducono in opinioni più che in argomentazioni. E tra opinioni e argomentazioni ci passa l'oceano.
Tornare in alto Andare in basso
TittiTitti76



Messaggi : 560
Data d'iscrizione : 02.12.12

MessaggioOggetto: Re: Intervento del preside sulla valutazione   Lun Mar 21, 2016 7:25 am

Cioè ma alla fine lo hanno svolto il tema? E nel tema hanno parlato di questioni etiche e/o morali?
Tornare in alto Andare in basso
 
Intervento del preside sulla valutazione
Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto 
Pagina 2 di 2Andare alla pagina : Precedente  1, 2
 Argomenti simili
-
» Vi segnalo questo interessante articolo sulla salute delle donne (aborto, legge 40 e chi più ne ha più ne metta)
» Ragazze ricordate lo speciale sulla fecondazione che era in onda su Sky?
» Giudizio sulla scuola...
» Considerazioni sulla Bibbia
» un ateo può rifiutare di giurare sulla bibbia??

Permesso di questo forum:Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum
OrizzonteScuola :: Didattica-
Andare verso: